Connettiti con Renovato 21

Economia

Il CEO di Volkswagen spinge per la fine della guerra, i negoziati di pace in Ucraina

Pubblicato

il

Il capo del grande gruppo automobilistico tedesco Volkswagen ha chiesto all’UE di perseguire una soluzione negoziata della guerra in Ucraina per il bene dell’economia del continente, un intervento che sfida la posizione assunta dai leader europei.

 

«Penso che dovremmo fare il possibile per fermare davvero questa guerra e tornare ai negoziati e tornare a provare ad aprire di nuovo il mondo», ha detto Herbert Diess al vertice Future of the Car del Financial Times.

 

«Penso che non dovremmo rinunciare ai mercati aperti e al libero scambio, e penso che non dovremmo rinunciare a negoziare e cercare di accontentarci».

 

Diess ha precedentemente avvertito che una guerra prolungata farebbe più danni alla Germania e all’Europa rispetto alla pandemia di COVID-19.

 

Il Diess non è il solo industriale tedesco a scagliarsi contro la follia dell’escalation ucraina, che danneggia  l’Europa e la sua locomotiva, la Germania.

 

Poche settimane fa l’amministratore delegato di Bosch Stephan Hartung in un’intervista dell’8 aprile al quotidiano economico Handelsblatt ha asserito che la Germania non dovrebbe interrompere prematuramente l’acquisto di forniture di gas dalla Russia.

 

«Abbiamo bisogno di gas per la produzione… La stessa Bosch copre il 20% del proprio fabbisogno energetico con il gas. Quindi non abbiamo bisogno di grandi quantità, ma alcuni dei nostri fornitori sì».

 

Il mese scorso il ministro dell’economia della Baviera Hubert Aiwanger ha annunciato che senza il gas russo si prepara il licenziamento di almeno 220 mila lavoratori.

 

La carenza di energia ha fatto sì che fosse paralizzata parte del traffico ferroviario del Paese, bloccando i treni merci per privilegiare gli spostamenti dei pendolari.

 

La transizione ecologica fatta di energie rinnovabili è, al momento attuale, un fallimento: come riportato da Renovatio 21, in Germania non vi è nemmeno vento a sufficienza per far girare le pale eoliche.

 

Nel frattempo, la stampa tedesca impartisce ai cittadini istruzioni per lavarsi meno.

 

Lo stesso ministro delle finanze tedesco Robert Habeck ha parlato di un rischio rivolte nel caso l’importazione di gas russo dovesse interrompersi repentinamente.

 

 

 

 

 

Immagine di Andreas Praefcke via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

Continua a leggere

Economia

«Un’inverno di spaventosa povertà»: la previsione dell’ex premier britannico Gordon Brown

Pubblicato

il

Da

L’ex primo ministro britannico Gordon Brown ha avvertito sul quotidiano Guardian del 6 agosto che il Regno Unito sta per affrontare un inverno di «spaventosa  povertà», con costi energetici alle stelle.

 

Sebbene sia stato un ex primo ministro del Partito Laburista, Brown ha esortato il primo ministro conservatore uscente Boris Johnson e i principali candidati conservatori del ministro degli Esteri Liz Truss e l’ex Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak a riunirsi per stabilire un bilancio di emergenza per affrontare la situazione

 

Johnson ha rifiutato.

 

Brown prevede che il continuo aumento dei prezzi del carburante metterà 35 milioni di persone in 13 milioni di famiglie, che costituiscono il 49,6% della popolazione del Regno Unito, a rischio di povertà in ottobre.

 

Questa, ha detto, è una «bomba a orologeria finanziaria… Non c’è nulla di morale nel fatto che i leader indifferenti condannino milioni di bambini e pensionati vulnerabili e irreprensibili a un inverno di estrema povertà».

 

Brown dichiara che se il trio di summenzionati Tory non agisce, il Parlamento dovrebbe essere richiamato per costringerli a farlo.

 

L’ex primo ministro britannico ha quindi raccontato al Guardian scene della sua contea di Fife in Scozia, che, secondo lui, gli ricordano scene di cui ha letto negli anni ’30: bambini denutriti, «pensionati che scelgono se alimentare i loro contatori dell’elettricità o se stessi» e infermiere che devono «fare la fila alla Banca del cibo».

 

Anche gli enti di beneficenza hanno difficoltà a soddisfare i bisogni delle persone, ha dichiarato.

 

«La Gran Bretagna sta creando una generazione emarginata di ragazzi e ragazze» la cui infanzia «comincia a somigliare a scene vergognose di un romanzo di Dickens».

 

Il previsto aumento del prezzo del carburante a gennaio lascerà il 54% della popolazione in povertà di carburante, ha avvertito.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Gran Bretagna sta considerando il razionamento dell’energia, mentre i piani per rallentare la chiusura della centrale nucleare di Hinkley Point B hanno trovato l’opposizione dei proprietari dell’impianto, il colosso francese EDF, a breve ricompletamente rinazionalizzato da Macron.

 

Già due mesi fa durante il finale del governo Johnson si era parlato di un inverno di blackout.

 

La stabilità sociale pare già muoversi verso il collasso, con scioperi generali programmati come non si vedeva da un secolo.

Due anni fa lo stesso Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak, ora in lizza per il premierato, aveva dichiarato che l’economia britannica stava vedendo una «crisi più grande degli ultimi 300 anni».

 

Nel frattempo, dopo due anni di lockdown e repressioni pesantissime, il Paese continua il suo supporto forsennato alla guerra contro la Russia, l’estensione della NATO a Kiev e in Scandinavia, l’arresto di cittadini rei di aver condiviso suinternet un meme, l’uccisione di bambini comatosi.

 

Il solito tran tran della mortifera Albione – che ora, forte della plurisecolare filosofia eugenetica di cui sono imbevute le sue élite, farà morire di fame e di freddo il suo stesso popolo.

 

Il tutto mentre le fondazioni ambientaliste (cioè, appunto, antiumane) del principe Carlo prendono milioni di dollari cash dalla famiglia Bin Laden.

 

Continua a leggere

Economia

75 mila britannici non pagheranno la bolletta per protesta contro i rincari energetici

Pubblicato

il

Da

Più di 75.000 persone nel Regno Unito si sono impegnate a non pagare la bolletta dell’elettricità questo autunno quando i prezzi saliranno nuovamente.

 

«75.000 persone si sono impegnate a scioperare il 1° ottobre! Se il governo e le compagnie energetiche si rifiutano di agire, lo farà la gente comune! Insieme possiamo imporre un prezzo equo e un’energia accessibile per tutti», ha twittato Don’t Pay UK, un gruppo anonimo che guida lo sforzo per far sì che più di un milione di britannici boicottino la bolletta dell’elettricità entro il 1 ottobre.

 

 

Lo sciopero arriva quando lo tsunami inflattivo globale ha colpito anche le famiglie britanniche, i cui redditi sono devastati dai prezzi dell’energia: l’inflazione in Albione dovrebbe raggiungere il 13%, i timori per una recessione sono sempre più concreti nonostante il governatore della Bank of England (BoE) Andrew Bailey ha aumentato i tassi di interesse a livelli mai visti negli ultimi 27 anni.

 

Il 1° ottobre, la famiglia britannica media pagherà quasi 300 sterline al mese per l’elettricità, ha dichiarato la Bank of England.

 

La situazione, reputano alcuni osservatori, è oramai insostenibile. L’instabilità sociale è dietro l’angolo.

 

Il notiziario britannico Glasgow Live ha affermato che questo sciopero della bollette è simile all’ «azione alla fine degli anni ’80 e ’90 per combattere la tassa elettorale introdotta dal primo ministro Margaret Thatcher. Per protesta, 17 milioni di persone si erano  rifiutate di pagare» quel balzello.

 

 

La scorsa settimana, il governo del Regno Unito ha criticato il movimento, definendolo «altamente irresponsabile».

 

«Questo è un messaggio altamente irresponsabile, che alla fine farà solo aumentare i prezzi per tutti gli altri e influenzerà i rating del credito personali», ha citato un portavoce del governo da The Independent.

 

Don’t Pay UK crede che 6,3 milioni di famiglie britanniche saranno spinte nella povertà delle bollette elettriche questo inverno, con altri milioni che sentiranno lo stress di un’inflazione fuori controllo.

 

La gente su Twitter ha risposto al momento dicendo: «la rivoluzione è iniziata».

 


 

 

 

 

Immagine da Twitter

Continua a leggere

Economia

Manovre militari cinesi intorno Taiwan minacciano il commercio mondiale

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Decine di navi costrette a evitare lo Stretto di Taiwan, dove passa quasi il 50% del traffico container mondiale e l’88% delle imbarcazioni di maggiore stazza. Problemi anche per il trasporto aereo. Secondo Tokyo, quattro missili sparati ieri dai cinesi hanno sorvolato la capitale taiwanese.

 

 

Le esercitazioni militari cinesi intorno a Taiwan stanno creando problemi al traffico commerciale globale, come preventivato da molti esperti.

 

Lanciate ieri in riposta alla recente visita nella capitale taiwanese della speaker della Camera USA dei rappresentanti, Nancy Pelosi, le manovre di Pechino hanno di fatto chiuso lo Stretto di Taiwan.

 

Per evitare di incrociare le zone di operazione indicate dal governo cinese, decine di navi di diverso tipo hanno cambiato rotta e sono passate a est di Taiwan, compiendo un percorso più lungo.

 

L’aumento della distanza da coprire insieme a quello dei costi di assicurazione in una situazione di crisi fanno lievitare i prezzi di trasporto, alimentando ancor di più l’inflazione a livello globale. Lo stesso discorso vale per il traffico aereo.

 

Come calcolato da Bloomberg, nei primi sette mesi dell’anno quasi la metà del commercio container mondiale è passato attraverso lo Stretto di Taiwan; il dato per le navi di maggiore stazza è dell’88%.

 

L’interruzione della via di comunicazione marittima minaccia gli stessi interessi cinesi, considerato che gli esportatori in Cina usano in larga parte questo braccio di mare per far arrivare le proprie merci negli Usa e in Europa.

 

Osservatori fanno notare che quanto sta accadendo in questi giorni è solo un assaggio dei problemi che le catene globali di approvvigionamento avranno in caso di una invasione cinese di Taiwan: uno scenario potenzialmente peggiore di quello che si ha con gli effetti della guerra in Ucraina e dei ripetuti lockdown in Cina per il COVID-19.

 

Oggi le operazioni militari cinesi vicino a Taiwan rimangono intense. Decine di navi e aerei da guerra di Pechino hanno oltrepassato la «linea mediana» che informalmente divide lo stretto tra il territorio taiwanese e la Cina.

 

Con ogni probabilità il regime cinese vuole modificare lo status quo degli ultimi decenni: un modo per affermare che lo Stretto di Taiwan è territorio sovrano della Cina e non uno spazio internazionale.

 

Intanto Tokyo sostiene che quattro dei cinque missili balistici sparati ieri dalle Forze armate di Pechino sulla zona economica esclusiva giapponese hanno sorvolato prima Taipei.

 

Sarebbe la prima volta che accade, anche se il ministero cinese degli Esteri non conferma quanto dichiarato dalle autorità nipponiche.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari