L’efficacia dei vaccini e la corruzione dei laboratori farmaceutici: parla il professor Raoult

 

 

In un recente video, il professor Raoult, direttore dell’IHU Méditerranée Infection di Marsiglia e  voce discordante nel circo scientifico pandemico, ha trattato il tema dell’efficacia dei vaccini anti-COVID e la corruzione dei laboratori farmaceutici.

 

Per quanto riguarda l’efficacia dei vaccini, il professor Raoult, già noto per essere stato censurato riguardo al valore terapeutico dell’idrossiclorochina, mette le cose in chiaro:

 

«L’incidenza nei vaccinati, prima o seconda dose, indipendentemente dal vaccino, è la metà di coloro che non sono vaccinati. Non abbiamo più una protezione del 50% circa. Ciò non è in contrasto con quello che abbiamo in letteratura se non vogliamo leggere i comunicati stampa o semplicemente i riassunti degli studi. Bisogna guardare i numeri reali. Quando ti diciamo che abbiamo un tasso di protezione del 95%, non è la vita reale»

«L’incidenza nei vaccinati, prima o seconda dose, indipendentemente dal vaccino, è la metà di coloro che non sono vaccinati. Non abbiamo più una protezione del 50% circa. Ciò non è in contrasto con quello che abbiamo in letteratura se non vogliamo leggere i comunicati stampa o semplicemente i riassunti degli studi. Bisogna guardare i numeri reali. Quando ti diciamo che abbiamo un tasso di protezione del 95%, non è la vita reale. Abbiamo circa 350 vaccinati positivi. Non è chiaro cosa accadrà a questa protezione date queste varianti che stanno circolando. Inoltre, ora abbiamo questa variante di cui 501 che abbiamo appena pubblicato».

 

Poi il dottor Raoult, tra i massimi scienziati al mondo per pubblicazioni (citato 177230 volte, indice H 189), avverte:

 

«Con i dati attuali, non possiamo dire che i vaccini proteggano in modo significativo la circolazione dei virus perché la percentuale di portatori asintomatici rimane estremamente alta. L’idea del vaccino realizzato per proteggere il resto della popolazione non è realistica in questa situazione. E viste le mutazioni che stanno circolando, dovremo stare attenti».

 

«Abbiamo 46 pazienti che hanno avuto il COVID nella settimana successiva all’iniezione, è significativo. Si tratta di persone portatrici, asintomatiche e nelle quali la vaccinazione ha innescato una reazione che le ha fatte diventare sintomatiche? Si tratta di un fenomeno nuovo e importante di cui tenere conto».

 

«Con i dati attuali, non possiamo dire che i vaccini proteggano in modo significativo la circolazione dei virus perché la percentuale di portatori asintomatici rimane estremamente alta. L’idea del vaccino realizzato per proteggere il resto della popolazione non è realistica in questa situazione. E viste le mutazioni che stanno circolando, dovremo stare attenti»

A proposito della corruzione, la cui denuncia equivarrebbe a essere uno sfortunato cospiratore senza cervello, si fa beffe.

 

«Non si dovrebbe pensare che sto inventando la corruzione legata all’industria farmaceutica», protesta il professore francese.

 

«Mi diverte molto sentire parlare di cospirazione. Grandi laboratori come Gilead, AstraZeneca, Pfizer o GSK sono stati tutti condannati per corruzione. Forse non lo fanno più, è possibile, ma… Gilead è stata condannata per  97 milioni di dollari, Pfizer è stata citata in giudizio per un importo di  60 milioni di dollari per decenni di corruzione e AstraZeneca è stata citata in giudizio per  5,52 milioni di dollari per corruzione all’estero. Per quanto riguarda GSK, è stata

condannata per corruzione in Cina».

 

Poi professor Raoult passa a sottolineare i legami tra laboratori farmaceutici e pubblicazioni scientifiche:

 

 

 

«Grandi laboratori come Gilead, AstraZeneca, Pfizer o GSK sono stati tutti condannati per corruzione. Forse non lo fanno più, è possibile, ma… Gilead è stata condannata per  97 milioni di dollari, Pfizer è stata citata in giudizio per un importo di  60 milioni di dollari per decenni di corruzione e AstraZeneca è stata citata in giudizio per  5,52 milioni di dollari per corruzione all’estero. Per quanto riguarda GSK, è stata condannata per corruzione in Cina»

 

«Le pubblicazioni scientifiche sono un settore molto redditizio. Una parte estremamente significativa delle entrate delle riviste scientifiche proviene direttamente dall’industria farmaceutica. La corruzione è meccanica dei fluidi: non dai soldi a qualcuno se non ti aspetti un servizio da esso. Quindi questo esiste ed è parte della natura umana. È la legge che deve regolarla e quindi dovremo arrivare alla fine della legge. Questa nozione viene gradualmente messa in atto».

 

«La legge richiede ogni volta che interveniamo su un media di dichiarare conflitti di interesse, anche per tutti questi personaggi che appaiono sui televisori. Ogni volta dovrebbero dire: “Guarda, ho un legame di interesse con questo o quel laboratorio. “ Ciò eviterebbe un misto di generi e sospetti giustificati. Questo è un punto trascurato in Francia, penso che dobbiamo smetterla di dire che è cospirazione perché ci sono persone che sono state condannate a somme assolutamente colossali per corruzione. Non dovremmo quindi scoprire all’improvviso che i laboratori possono corrompere i prescrittori».

 

«Personalmente, non trovo che la partecipazione a studi terapeutici condotti in laboratorio contribuisca alla conoscenza specifica. Se nessun team francese avesse valutato né Remdisivir, né farmaci contro l’AIDS, né farmaci contro l’epatite, non credo che questo cambierebbe nulla nelle raccomandazioni».

«Le pubblicazioni scientifiche sono un settore molto redditizio. Una parte estremamente significativa delle entrate delle riviste scientifiche proviene direttamente dall’industria farmaceutica. La corruzione è meccanica dei fluidi: non dai soldi a qualcuno se non ti aspetti un servizio da esso»

 

«Quindi una parte di questi test viene eseguita perché qualcuno deve farli, sia in Francia, Inghilterra o Spagna, e poi deve essere confermata sul campo indipendentemente dall’industria farmaceutica, in modo che possiamo avere una valutazione reale. Piuttosto che esaminare la metodologia, il comitato etico dovrebbe porsi domande sulla moralità delle sperimentazioni terapeutiche».