Connettiti con Renovato 21

Nucleare

La Russia annuncia la sospensione delle ispezioni nucleari con il nuovo trattato START

Pubblicato

il

Il ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione in cui ha annunciato che la Russia sospenderà temporaneamente le ispezioni delle strutture pertinenti ai sensi del nuovo trattato di riduzione delle armi nucleari START.

 

Il ministero ha sottolineato che Mosca è stata costretta a farlo per «la tenace volontà di Washington di rilanciare le attività ispettive senza previo accordo a condizioni che ignorino la realtà attuale, diano agli Stati Uniti vantaggi unilaterali e privino la Russia del diritto di effettuare ispezioni nel Stati Uniti», ha riferito l’agenzia governativa russa TASS.

 

In altre parole, il trattato è un’altra vittima delle sanzioni statunitensi alla Russia, perché le condizioni che ne sono derivate per gli ispettori russi rendono loro impossibile svolgere i loro compiti negli Stati Uniti.

 

La Russia è stata costretta a prendere questa decisione dalle sanzioni statunitensi. La sua posizione, coerente nel tempo, è che il nuovo trattato START deve essere mantenuto ed esteso.

 

La dichiarazione del Ministero russo ha nuovamente definito il trattato «lo strumento più importante per mantenere la sicurezza e la stabilità internazionali».

 

«Apprezziamo il suo ruolo unico nel fornire la necessaria trasparenza e prevedibilità nelle relazioni tra Russia e Stati Uniti nella sfera critica del nucleare e dei missili».

 

La dichiarazione russa ha chiarito che, una volta revocate le restrizioni delle sanzioni, le esenzioni dalle attività di ispezione annunciate dal ministero degli Esteri saranno «immediatamente» annullate.

 

Le sanzioni unilaterali degli Stati Uniti e dei loro alleati hanno reso impossibile agli ispettori russi di venire negli Stati Uniti, bloccando lo spazio aereo agli aerei passeggeri russi su cui viaggerebbero gli ispettori, sottolineano. “

 

«uttavia, non ci sono tali ostacoli per gli ispettori americani in Russia. Il ministero degli Esteri russo ha sollevato la questione davanti ai Paesi corrispondenti, ma non ha ricevuto risposta».

 

I problemi delle sanzioni, «e altri problemi su cui le parti stanno continuando gli scambi attraverso i canali corrispondenti, richiedono una soluzione e sarebbe troppo presto per riprendere le attività di ispezione ai sensi del trattato, su cui la parte statunitense insiste».

 

Come riportato da Renovatio 21, la Russia dispone ora di nuovi «strumenti» che, come ha dichiarato lo stesso Putin, «nessuno ha». «E li useremo se necessario», aveva detto pubblicamente tre mesi fa il presidente russo.

 

Per esempio, i missili ipersonici, che non sono intercettabili dalle difese occidentali e possono portare testate nucleari. I missili ipersonici russi, già usati almeno due volte in Ucraina con testate convenzionali, hanno dimostrato di poter essere lanciati anche dai sottomarini. Nella Giornata della Marina a San Pietroburgo celebratasi una settimana fa, il presidente della Federazione ha dichiarato che la nuova dottrina navale russa comprenda anche i razzi ipersonici.

 

Ulteriormente, ha fatto parlare di sé, anche tramite uno spaventoso video apparso sulla TV russa, il drone subacqueo Poseidon, che sarebbe in grado di produrre, in seguito alla detonazione atomica, uno tsunami alto 500 metri.

 

Anche nel campo del nucleare civile, la Russia domina il mercato.

 

Come riportato da Renovatio 21 ieri, un diplomatico russo presso l’ONU ha attaccato la dottrina nucleare NATO, accusando il Patto Atlantico di voler spostare le testate verso Est.

 

In queste settimane sono stati vari gli ufficiali della Federazione Russa che hanno fatto dichiarazioni sul rischio dello scoppio di una guerra termonucleare.

 

La dottrina nucleare russa era stata ribadita pochi mesi fa dal viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko. Del tema si sono occupati, con dichiarazioni a volte sconcertanti a volte concilianti, anche dei pesi massimi come il ministro degli Esteri Lavrov e l’ex premier Medvedevtalvolta poi ridimensionando le proprie parole.

 

In primavera il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov aveva spiegato invece fa che l’operazione militare russa in Ucraina serve a fermare una futura guerra nucleare.

 

 

 

 

 

Immagine di ISC Kosmotras via Wikimedia pubblica su licenza Creative Commons Attribution 2.5 Generic (CC BY 2.5); immagine modificata

 

 

Continua a leggere

Nucleare

L’ambasciatore russo negli USA: un conflitto nucleare «limitato» significa guerra globale

Pubblicato

il

Da

Anatolij Antonov, ambasciatore della Russia negli Stati Uniti, ha chiesto la fine delle minacce di guerra nucleare contro la Russia.

 

«Vorrei mettere in guardia i pianificatori militari americani sulla fallacia delle loro ipotesi che un conflitto nucleare limitato sia possibile. Apparentemente sperano che gli Stati Uniti sarebbero in grado di mettersi al riparo dietro l’oceano se un tale conflitto dovesse accadere in Europa con armi nucleari britanniche e francesi» ha scritto ANtonov in un articolo pubblicato sul National Interest il 28 settembre.

 

«Vorrei sottolineare che questo è un “esperimento” estremamente pericoloso. È lecito ritenere che qualsiasi uso di armi nucleari potrebbe portare rapidamente a un’escalation di un conflitto locale o regionale in uno globale».

 

«Voglio credere che, nonostante tutte le difficoltà, noi e gli americani non ci siamo ancora avvicinati a una pericolosa soglia di caduta nel baratro del conflitto nucleare. È importante smettere di minacciarci. Oggi è difficile prevedere fino a che punto Washington sia pronta a spingersi nell’inasprimento delle relazioni con la Russia».

 

Antonov quindi esamina il crollo delle relazioni tra Mosca e Washington, sostenendo che è il risultato delle decisioni politiche statunitensi prese negli ultimi tre decenni.

 

«Washington si è ritirata dai trattati [INF, ABM e Open Skies] per ottenere vantaggi in termini di sicurezza, soprattutto nell’affrontare la Russia. È alla costante ricerca di opportunità per ottenere il dominio militare globale», scrive Antonov.

 

«Nei decenni precedenti, la macchina militare della NATO si è avvicinata ai confini della Russia in diverse “ondate”, dove un potente pugno è stato alzato sulla mia Patria. Come avremmo dovuto reagire? Abbiamo avvertito i nostri colleghi che tali misure erano controproducenti, aumentavano il rischio di una corsa agli armamenti e non potevamo ignorare le minacce aggravanti lungo il perimetro dei confini russi, in particolare i nostri confini occidentali. Ricordo le lunghe riunioni al quartier generale della NATO in cui ho dovuto partecipare ripetutamente a discussioni sulla nocività della difesa missilistica globale, l’importanza di rispettare gli impegni internazionali sulla stabilità strategica e il pericolo di schierare missili a corto e medio raggio in Europa».

 

Le esortazioni russe, dice Antonov, si sarebbero rivelate vane.

 

«L’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il tentativo della NATO di lanciare lo sfruttamento tecnico-militare dell’Ucraina e coltivare a Kiev un regime desideroso di condurre una sanguinosa guerra contro la Russia».

 

Antonov ha osservato che oggi la Russia è accusata di tutti i peccati.

 

«In effetti, Washington sta spingendo la situazione verso un confronto diretto tra le maggiori potenze nucleari irto di conseguenze imprevedibili»

 

«I funzionari USA continuano ad aggravare la situazione, intimidendo l’opinione pubblica americana e internazionale con false “minacce nucleari” russe. Tale retorica distorce le dichiarazioni della leadership russa».

 

«Non stiamo minacciando nessuno – ha continuato il diplomatico – Ma confermiamo che, come ha affermato il presidente Vladimir Putin il 21 settembre, la Russia è pronta a difendere la sua sovranità, integrità territoriale e il nostro popolo con tutti i sistemi d’arma che abbiamo. Cosa c’è di così aggressivo in questa affermazione? Cosa è inaccettabile? Gli Stati Uniti non farebbero lo stesso di fronte a una minaccia esistenziale?»

 

Parola che ci sembrano piuttosto sensate.

 

 

 

 

Immagine da Mil.ru via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0); immagine modificata

 

Continua a leggere

Nucleare

Medvedev parla ancora di armi atomiche

Pubblicato

il

Da

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitrij Medvedev ha affrontato ancora una volta la questione delle armi nucleari e dell’Ucraina in un messaggio sul suo canale Telegram.

 

«Faremo tutto il possibile per impedire la comparsa di armi nucleari nei Paesi vicini che ci sono ostili. Ad esempio, l’Ucraina nazista, che in questi giorni è direttamente controllata dai paesi della NATO», ha scritto Medvedev, come riferisce l’agenzia di stampa governativa russa TASS.

 

L’ex presidente della Federazione ha sottolineato che «non ha senso contare sulla ragione e sulla volontà politica del regime di Kiev».

 

«Ma c’è ancora una fragile speranza per il buon senso e il senso di autoconservazione dei Paesi nemici che li assecondano. Capiscano: se la minaccia per la Russia supera il limite di pericolo stabilito, dovremo rispondere. Senza chiedere il permesso a nessuno, senza molte consultazioni. E questo non è sicuramente un bluff», ha concluso Medvedev, riprendendo l’espressione usata recentemente da Putin.

 

Medvedev ha affermato che la NATO non interferirà se la Russia utilizzerà armi nucleari in risposta all’aggressione ucraina, e Kiev deve rendersene conto in una certa misura.

 

«Immaginiamo che la Russia sia costretta a usare le sue armi più formidabili contro il regime ucraino, che ha commesso un atto di aggressione su larga scala che sta mettendo in pericolo l’esistenza stessa del nostro Stato. Credo che la NATO non interferirà direttamente nel conflitto anche in questo scenario»

 

La sicurezza di Washington, Londra e Bruxelles è «molto più importante per la NATO del destino di un’Ucraina morente, anche se è abbondantemente fornita di tutti i tipi di armi», scrive l’ex presidente russo.

 

La fornitura di armi a Kiev, continua, non è altro che un affare per i Paesi occidentali, anche se è «densamente mescolata all’odio» nei confronti della Russia.

 

«I demagoghi d’oltremare ed europei non moriranno in un’apocalisse nucleare. Ecco perché ingoieranno l’uso di qualsiasi arma nell’attuale conflitto», ha detto. «Sarebbe positivo se le autorità di Kiev si rendessero conto almeno un po’ di questa triste conclusione. Ahimè, questo è quasi irrealistico».

 

Medvedev ha anche sottolineato, tuttavia, che la Russia utilizzerà armi nucleari solo in base ai suoi Principi di base della politica statale sulla deterrenza nucleare, che consentono l’uso nucleare solo a determinate condizioni.

 

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo ha quindi affermato, citando la dottrina nucleare russa, che Mosca potrebbe usare armi nucleari in risposta all’aggressione contro la Russia e i suoi alleati che coinvolgono tali armi, o un attacco che coinvolge armi convenzionali che minacciano l’esistenza stessa della Russia.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’ex presidente Medvedev in questi mesi ha spesso parlato apertis verbis di guerra nucleare, arrivando a usare persino l’espressione «giorno del giudizio». Talvolta poi aveva ridimensionato i suoi discorsi, ad esempio riguardo a Svezia e Finlandia.

 

Due mesi fa aveva inoltre cominciato a lanciare allarmi non solo sulla centrale atomica di Zaporiggia, ma riguardo a misteriosi incidenti che potevano aversi nei siti nucleari UE.

 

Un qualcosa di non csì distante, se ci pensiamo, a quanto appena accaduto nel Baltico con la distruzione dei due gasdotti Nord Stream.

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) ; immagine modificata

 

Continua a leggere

Nucleare

Rischio della guerra nucleare in Ucraina: il senatore Black invia una lettera aperta al Congresso USA

Pubblicato

il

Da

Il colonnello dell’esercito degli Stati Uniti in pensione ed ex senatore dello stato della Virginia Richard Black ha scritto una Lettera aperta ai membri del Congresso degli Stati Uniti lo scorso 28 settembre. La missiva sta ora sta circolando in tutto il mondo.  Renovatio 21 la riporta integralmente.

 

 

Cari Rappresentanti e Senatori,

 

Sono turbato dalle voci riguardo il lancio di un attacco nucleare alla Russia.

 

Di tanto in tanto, Repubblicani e Democratici di alto livello hanno suggerito di impiegare tali armi. Questo sembra essere uno sforzo deliberato per abituare gli americani all’idea della guerra nucleare.

 

Ora abbiamo anche l’ufficio di Zelen’skyj che ci salta su. Il 21 settembre 2022, Newsweek ha pubblicato questo titolo: Gli Stati Uniti devono minacciare la Russia con un attacco nuclearen dice l’Ucraina. L’articolo cita Mykhailo Podolyak, assistente senior di Zelensky, che afferma: «gli altri stati nucleari devono dire con fermezza che non appena la Russia penserà anche solo di effettuare attacchi nucleari in territorio straniero, in questo caso il territorio dell’Ucraina, ci saranno rapidi attacchi nucleari di rappresaglia per distruggere i siti di lancio nucleare in Russia».

 

Naturalmente, è impossibile limitare gli attacchi nucleari di rappresaglia alla distruzione dei soli siti di lancio nucleare. Non solo i danni sarebbero diffusi, ma la Russia sarebbe costretta a rispondere in natura alle minacce che prendono di mira la sua capacità di deterrenza nucleare.

 

La Russia lancerebbe una risposta nucleare immediata e massiccia, inclusi missili ipersonici aerei e terrestri e missili balistici lanciati da sottomarini. Ogni sottomarino russo scaglierebbe 100 testate nucleari, sufficienti per incenerire l’intera regione della capitale nazionale o il cuore industriale dell’Europa occidentale.

 

Mentre la guerra in Ucraina si trascina, i globalisti ci stanno marciando senza sosta verso questo Armageddon nucleare.

 

Come mai?

 

Non ci sarebbe stata guerra se non avessimo rovesciato il governo democraticamente eletto dell’Ucraina espellendo violentemente il presidente Yanukovich nel 2014.

 

Abbiamo promosso la guerra inondando l’Ucraina con massicce spedizioni di armi in seguito. Gli Stati Uniti avrebbero potuto raggiungere la pace semplicemente spingendo l’Ucraina ad attuare gli accordi di pace di Minsk del 2014 che avevano firmato, stabilendo un quadro chiaro per risolvere pacificamente le questioni in sospeso.

 

L’Ucraina ha promesso di attuare gli accordi di Minsk, ma ha invece scelto di fare guerra al Donbass per i successivi sette anni. Gli attacchi dell’Ucraina hanno ucciso 14.000 persone prima che la Russia entrasse in guerra.

 

Entro due mesi dall’ingresso della Russia in Ucraina, Russia e Ucraina stavano finalizzando un progetto di accordo di pace. Tuttavia, il primo ministro Boris Johnson è improvvisamente volato a Kiev per bloccarne l’attuazione, coordinandosi indubbiamente in anticipo con il Dipartimento di Stato americano. La guerra sarebbe continuata, indipendentemente dal desiderio di pace delle parti.

 

La NATO ha avuto ampie opportunità di pace, ma ha deliberatamente scelto la guerra. Gli Stati Uniti si sono resi conto che, con la Russia con le spalle al muro, non avrebbero avuto altra scelta che attaccare.

 

Nel 2007, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Russia William Burns ha avvertito chiaramente che il movimento verso l’assorbimento dell’Ucraina nella NATO potrebbe innescare una guerra tra Ucraina e Russia. Tuttavia, l’amministrazione Obama ha rovesciato il presidente ucraino e ha inondato di armi, sapendo che ciò avrebbe innescato la guerra.

 

Oggi, i ricchi globalisti hanno in gioco miliardi e intendono avere i loro profitti di guerra anche se ciò significa giocare d’azzardo sulla vita di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Pochi americani sapevano qualcosa dell’Ucraina prima del 24 febbraio.

 

L’Ucraina era in Sud America, Asia, Africa o Europa? Molti americani non avrebbero potuto rispondere a questa domanda. Ma ora, per affrontare una disputa di confine locale dall’altra parte del globo, i falchi della guerra richiedono passi concreti verso una guerra nucleare che potrebbe sterminare il 60% dell’umanità, facendo precipitare l’umanità in uno stato primitivo.

 

I presidenti Eisenhower, Kennedy, Johnson, Nixon, Ford, Carter, Reagan e Clinton si sono tutti avvicinati allo scontro nucleare con la massima cautela.

 

Tuttavia l’amministrazione Obama ha cambiato rotta quando ha incautamente rovesciato il governo ucraino nel 2014 e ha invaso l’Ucraina con armi puntate contro la Russia. Lo ha fatto sapendo che stava minacciando l’interesse nazionale più vitale della Russia: la difesa del suo territorio contro l’aggressione nucleare.

 

Ora, l’amministrazione Biden minaccia di gettare al vento la cautela. Molti dei suoi alleati suggeriscono una gara al rialzo in cui gli Stati Uniti e la NATO lanciano missili nucleari in risposta all’uso da parte della Russia di tali armi per difendere il proprio territorio.

 

In altre parole, distruggeremmo il mondo intero per dire: «Oh sì? Bene, prendi questo!»

 

La semplice vendetta giustificherebbe l’uccisione di centinaia di milioni di persone inconsapevoli?

 

Dovremmo annientare la popolazione mondiale per intervenire in una guerra di confine in cui gli Stati Uniti non hanno alcun interesse nazionale vitale?

 

Gli Stati Uniti possono prontamente porre fine a questa guerra rendendo l’Ucraina uno stato neutrale e non allineato, proprio come abbiamo fatto durante la Guerra Fredda con l’Austria nel 1955.

 

Sì, ci sarebbero alcuni aggiustamenti territoriali derivanti dalla guerra. Ma la pace porrebbe fine allo spargimento di sangue in corso, scongiurerebbe una conflagrazione nucleare e garantirebbe la sicurezza e l’indipendenza a lungo termine dell’Ucraina.

 

La guerra nucleare è impensabile; la pace è la migliore linea d’azione.

 

Per favore, consideratelo.

 

Cordiali saluti,

 

 

Sen. Richard Black

Colonnello in pensione

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari