Connettiti con Renovato 21

Militaria

La Germania modifica la costituzione per dare soldi ai militari

Pubblicato

il

La costituzione tedesca sarà modificata per introdurre nel testo  un nuovo fondo speciale per l’esercito basato sul credito da 100 miliardi di euro. Lo ha confermato il ministro delle finanze del paese Christian Lindner.

 

Domenica, la coalizione di governo detta «semaforo» – composta da Partito socialdemocratico, Verdi e Liberi Democratici – ha avviato colloqui con il principale partito di opposizione, il partito democristiano CDU/CSU, per assicurarsi una maggioranza di due terzi in parlamento necessaria per esentare il fondo per la difesa dal  freno all’indebitamento costituzionale.

 

Secondo quanto riportato dai media tedeschi, i gruppi hanno impiegato più di tre ore per raggiungere un consenso.

 

«Completato. Accordo sul fondo Bundeswehr [l’esercito tedesco, ndr]. Stiamo assicurando insieme che la Bundeswehr sarà rafforzata con 100 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi nei prossimi anni. Allo stesso tempo, il freno all’indebitamento per tutti gli altri regimi rimane in vigore» ha twittato il Lindner.

 

La Costituzione tedesca quindi viene alterata per assicurare più danaro alle forze armate. La Germania si sta riarmando: quello che un tempo era un incubo internazionale da prevenire con ogni mezzo, oggi è una realtà con copertura costituzionale.

 

Il ministro Lindner  ha poi sottolineato che con l’aiuto di questo fondo speciale, la Germania raggiungerebbe il «cosiddetto obiettivo del 2% della NATO nella media pluriennale». Vi è infatti per i Paesi aderenti al Patto Atlantico il requisito di spendere almeno il due per cento del rispettivo PIL per la difesa.

 

Il nuovo fondo, che richiederà a Berlino di contrarre prestiti massicci, superando il normale tetto del debito applicato nel Paese, sarà ora sancito dalla costituzione tedesca (localmente nota come Grundgesetz, «Legge di base») per evidenziarne il «carattere eccezionale».

 

Il denaro andrà a rafforzare il budget regolare della difesa della Germania di circa 50 miliardi di euro per diversi anni.

 

Un certo numero di media tedeschi ha riferito che la principale  contesa tra la coalizione di governo e l’opposizione era la questione se il suddetto fondo potesse essere utilizzato solo per rafforzare le capacità della Bundeswehr o anche per altri scopi correlati.

 

Secondo quanto riferito, i Verdi avrebbero voluto che parte del denaro fosse dirottato nella sicurezza informatica e nel sostegno agli alleati.

 

La CDU/CSU, a sua volta, ha insistito sul fatto che il fondo dovrebbe essere utilizzato esclusivamente per rafforzare l’esercito del Paese. Secondo i media, i Verdi alla fine hanno acconsentito alle richieste dei conservatori.

 

La creazione del fondo è stata proposta dal cancelliere Olaf Scholz alla fine di febbraio, giorni dopo che la Russia aveva attaccato l’Ucraina. Rivolgendosi al parlamento tedesco dell’epoca, Scholz disse che Berlino avrebbe «dovrebbe investire di più nella sicurezza del nostro Paese per proteggere la nostra libertà e democrazia»

 

Il riarmo di una Germania unita è stato per decenni una prospettiva che faceva tremare la diplomazia mondiale: basti pensare alla famosa battuta di Giulio Andreotti, «amo così tanto la Germania da volerne due».

 

Lo stesso fine della NATO, è stato detto sin da subito in maniera non troppo scherzosa dal suo primo segretario Lord Ismay, era «keep the Soviet Union out, the Americans in, and the Germans down» – cioè tenere fuori l’URSS, dentro gli USA, e sottomessa la Germania.

 

Colpisce la facilità con cui si va a toccare la Costituzione di un Paese. Del resto sappiamo come il biennio pandemico abbia insegnato, a tutte le latitudini, la perdita di valore delle carte costituzionali, da quella americana (dove è sparito per esempio il primo emendamento, quello sulla libera espressione) a quella italiana (con la patente disintegrazione degli articoli 1, 16, 32, etc.) a quella tedesca, dove il primo articolo parla di dignità della persona umana, infinitamente negata in questi due anni di follia COVID tra obblighi vaccinali e botte dei poliziotti ai manifestanti ai limiti della tortura internazionalmente sanzionabile.

 

Ma niente paura: la Costituzione è ritoccata per combattere la Russia. A farlo, assegnando miliardi ai militari, sono i partiti di sinistra, quelli dell’arcobaleno della Pace e della protezione dell’ambiente.

 

Stiamo pensando: possono meritare di meglio i cittadini che li votano ancora?

 

 

 

Immagine di German Federal Archive via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Germany (CC BY-SA 3.0 DE)

 

 

 

Continua a leggere

Militaria

Gola profonda accusa: militari USA vaccinati con un siero prodotto in una struttura non approvata dalla FDA

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

In un’intervista esclusiva con The Defender, un membro del servizio della Guardia Costiera degli Stati Uniti (USCG) ha affermato che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD) sta somministrando vaccini COVID-19 da fiale di vaccini Pfizer con etichetta Comirnaty che non sono prodotti in una struttura approvata dal FDA.

 

Il tenente Chad R. Coppin, in una dichiarazione del 30 luglio presentata al senatore Ron Johnson (R-Wis.) sotto pena di falsa testimonianza, ha dettagliato la sua indagine personale sulla disponibilità e l’origine delle fiale di vaccino COVID-19 etichettate Comirnaty presso le forze armate statunitensi strutture.

 

Coppin ha espresso le sue preoccupazioni in un’intervista con The Defender, così come Holly Freincle, la moglie di un membro del servizio militare statunitense di stanza a Fort Detrick, nel Maryland, che ha corroborato le affermazioni di Coppin secondo cui le fiale di vaccino etichettate Comirnaty stanno comparendo nelle strutture del servizio militare.

 

Fino ad ora, il DOD ha affermato che il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, somministrato con autorizzazione all’uso di emergenza, è «intercambiabile» con il vaccino Pfizer Comirnaty con licenza completa, che fino a poco tempo si diceva non fosse disponibile presso le strutture militari.

 

Nella sua dichiarazione del 30 luglio , Coppin, che presta servizio con l’USCG dal marzo 2002, ha riferito che dopo un lungo periodo di indisponibilità, il vaccino «Comirnaty» ha iniziato ad apparire nelle strutture militari statunitensi a giugno.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 12 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di US Army via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Militaria

L’operazione militare russa in Ucraina è una «guerra rivoluzionaria»: analisi dei Marines USA

Pubblicato

il

Da

Un articolo apparso nel numero di agosto 2022 della Marine Corps Gazette, il giornale ufficiale del famoso corpo militare americano, ha definito l’operazione militare speciale russa come una «guerra rivoluzionaria».

 

L’analisi presentata dall’autore dell’articolo, che si firma con lo pseudonimo «Marinus» e si descrive come «un alto ufficiale di marina che scrive regolarmente di guerra», differisce molto, per profondità e significato, dalla narrativa ufficiale promanata dal Pentagono e ripetuta a memoria da politica e stampa di tutto il blocco occidentale.

 

L’articolo smentisce le affermazioni di Kiev, Bruxelles e Washington secondo cui Vladimir Putin sta cercando di conquistare tutta l’Ucraina e che i russi stanno perdendo nel Donbass.

 

«Marinus» considera l’operazione di Mosca come composta da tre fronti, ciascuno dei quali seguiva un modello che faceva parte del repertorio operativo russo da molto tempo.

 

Il primo fronte è stato l’incursione nel nord all’inizio del conflitto che i russi avevano descritto come un «raid»: un tipo di raid che non combacia con il concetto di raid del Corpo dei Marines, il quale consisteva nell’entrare rapidamente, svolgere compiti specifici di breve durata e poi esci velocemente. La concezione russa di raid – reyd in russo – è invece quella di «creare effetti operativi significativi».

 

Secondo Marinus, «un reyd è un’impresa più aperta che può essere adattata per sfruttare nuove opportunità, evitare nuovi pericoli o servire nuovi scopi».

 

La famosa colonna che si avvicinò a Kiev, ma non vi entrò mai, «convinse gli ucraini a indebolire il loro principale esercito sul campo che combatteva nella regione del Donbass, per rafforzare le difese delle città lontane».

 

Il secondo fronte è nel Sud dove le forze russe, a differenza del Nord, hanno preso possesso di città simili, tra cui Kherson e Melitopol’.

 

«Mentre alcune formazioni russe nel sud consolidavano il controllo sul territorio conquistato, altre hanno condotto incursioni nelle vicinanze di Mykolaiv» che hanno incoraggiato la leadership ucraina a sottrarre forze al Donbass e dedicarle alla difesa delle città. In entrambi i casi, i russi hanno evitato l’uso dell’artiglieria da campo, nel Nord per evitare di inimicarsi persone che si identificavano principalmente come ucraine e nel Sud per preservare la vita e le proprietà di persone che si considerano russe.

 

Poi c’è il terzo fronte. «Ad oriente invece i russi hanno condotto bombardamenti che, sia in termini di durata che di intensità, rivaleggiavano con quelli delle grandi gare di artiglieria delle guerre mondiali del 20° secolo», continua Marinus.

 

«Resi possibili da linee di rifornimento brevi, sicure e straordinariamente ridondanti, questi bombardamenti servivano a tre scopi».

 

Il primo è stato quello di confinare le truppe ucraine nelle loro fortificazioni, rendendo loro impossibile fare qualsiasi altra cosa.

 

In secondo luogo, hanno inflitto un gran numero di vittime.

 

In terzo luogo, «se condotto per un periodo di tempo sufficiente (…) il bombardamento di una data fortificazione portava invariabilmente al ritiro dei suoi difensori o alla loro resa».

 

«Nelle campagne di Russia in Ucraina (…) una serie di operazioni fatte principalmente di movimento completava una composta principalmente da cannoni», scrive il misterioso Marine. «Un modo per risolvere questo apparente paradosso è caratterizzare le prime cinque settimane di guerra come un grande inganno che, pur lavorando poco in termini di distruzione diretta, ha reso possibile il successivo logoramento delle forze armate ucraine. In particolare, la minaccia rappresentata dalle incursioni ha ritardato il movimento delle forze ucraine nel teatro principale della guerra [il Donbass, ndr] fino a quando i russi non avessero schierato le unità di artiglieria, messo in sicurezza la rete di trasporto e accumulato scorte di munizioni per condurre un lunga serie di grandi bombardamenti».

 

«Il netto contrasto tra i tipi di guerra condotta dalle forze russe in diverse parti dell’Ucraina ha rafforzato il messaggio al centro delle operazioni di informazione russe». Cioè, che l’operazione speciale ha tre scopi, la protezione delle Repubbliche filorusse del Donbass (DPR e LPR), la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina.  «Tutti e tre questi obiettivi hanno richiesto pesanti perdite alle formazioni ucraine che combattevano nel Donbass».

 

«Le tre campagne di terra condotte dai russi in Ucraina nel 2022 devono molto ai modelli tradizionali», scrive l’analista militare.

 

«Allo stesso tempo il programma di attacchi missilistici sfruttava una capacità a dir poco rivoluzionaria. Che fossero vecchi o nuovi, tuttavia, questi sforzi componenti sono stati condotti in un modo che ha dimostrato un profondo apprezzamento per tutti e tre i regni in cui vengono condotte le guerre. Cioè, i russi raramente dimenticavano che oltre ad essere una lotta fisica, la guerra è sia una gara mentale che un argomento morale».

 

Il Marinus conclude scrivendo che l’operazione russa in Ucraina potrebbe annunciare una «lunga lotta crepuscolare» (definizione che Renovatio 21 ritiene poeticamente bellissima) che potrebbe essere paragonabile alla Guerra Fredda che si è conclusa con il crollo dell’Unione Sovietica.

 

«Se è così, allora ci troveremo di fronte a un avversario che, pur traendo molto valore dalla tradizione militare sovietica, è stato liberato sia dalla brutalità insita nell’eredità di Lenin sia dai paraocchi imposti dal marxismo. Ciò che sarebbe anche peggio, potremmo trovarci a combattere i discepoli di John R. Boyd».

 

Come nota EIRN, quest’ultimo riferimento è particolarmente degno di nota. Boyd, un pilota di caccia dell’aeronautica americana negli anni Cinquanta e Settanta, ha inventato il ciclo OODA – osservare, orientare, decidere, agire –per descrivere i processi mentali che un pilota attraversa durante il combattimento aereo.

 

In altre parole, Marinus sta dicendo che i russi ora, grazie alla guerra ucraina, hanno maturato esperienza sul campo e capacità che l’Occidente non ha.

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

168° giorno di guerra, notizie e immagini dal fronte

Pubblicato

il

Da

– La Lettonia ha dichiarato la Russia Stato sponsor del terrorismo. Il Parlamento del Paese Baltico ha altresì chiesto ai Paesi UE di non fornire più visti a cittadini russi e bielorussi.

 

– Spettacolari esplosioni causate dall’azione dei lanciarazzi russi TOS-1A.

 

– Dmitry Medvedev era a Lugansk per incontrare i vertici della Repubblica Popolare.

 

– Il capo dell’amministrazione regionale di Zaporiggia dice che gli ucraini vogliono colpire gli impianti di stoccaggio della centrale nucleare.

 

– Missili sulla regione di Kharkov.

 

– Gli hacker russi noti come gruppo KILLNET hanno pubblicato i dati dei lavoratori della Lockheed Martin.

 

– Granata lanciata da drone commerciale russo

 

– Turchia e Kazakistan, Paesi limitrofi al conflitto russo-ucraino, si scambieranno informazioni di Intelligence, in teoria riguardo la minaccia terrorista.

 

– Camion ucraino colpito dall’artiglieria russa.

 

– Nonostante le sanzioni, la filiale emiratina dell’aerolinea ungherese Wizz Air riprenderà i voli sulla Russia.

 

– Bombardamento di un birrificio a Donetsk, fuoriscita l’ammonica. Situazione domata dai soccorsi.

 

– Tank russo attacca guidato da drone consumer.

 

– Calcoli di the Washington Post, nei territori controllati dalla Russia vi sono risorse minerarie per oltre 12 trilioni di dollari: il 60% sono giacimenti di carbone, il 20% giacimenti di gas, oltre il 40% di giacimenti di metalli.

 

– Sebastopoli, elicottero Mi8MTSh diverte i bagnanti sulle spiagge del Mar Nero.

Continua a leggere

Più popolari