Connettiti con Renovato 21

Persecuzioni

India, sacerdote cattolico arrestato con l’accusa di conversioni

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Padre Dominic Pinto, responsabile di un centro pastorale diocesano, preso di mira dai nazionalisti per aver ospitato un incontro di protestanti e Khrist Bhakta, indù che guardano con simpatia agli insegnamenti di Gesù. Il vescovo Mathias: «Un grave abuso contro i cristiani. Preghiamo perché prevalgano la giustizia e il buon senso».

 

Un sacerdote cattolico della diocesi di Lucknow, padre Dominic Pinto, è stato fermato il 5 febbraio dalla polizia dell’Uttar Pradesh insieme ad altre persone con l’accusa di aver cercato di «convertire indù poveri» nel distretto di Barabanki.

 

Padre Pinto è il direttore di «Navintha», un centro pastorale diocesano, che saltuariamente ospita nel centro pastorale incontri promossi da un gruppo protestante insieme ai Khrist Bhakta («seguaci di Cristo»), un movimento di persone che pur non essendosi convertite al cristianesimo come religione, seguono gli insegnamenti di Gesù.

 

Nella denuncia presentata alla stazione di polizia di Deva sono state citate 15 persone, tra cui cinque donne. Sono state accusate di aver violato la draconiana legge anti-conversione dell’Uttar Pradesh.

 

Il denunciante Brijesh Kumar Vaishya li accusa di attirare al cristianesimo indù poveri, tra cui donne e bambini, appartenenti a comunità dalit. Un gruppo di indù ha anche cercato di aggredire le donne presenti al raduno di preghiera e ha protestato davanti alla stazione di polizia chiedendo di includere il nome del sacerdote cattolico nella denuncia.

Sostieni Renovatio 21

Mons. Gerald Mathias, vescovo della diocesi di Lucknow, ha commentato ad AsiaNews:

 

«P. Dominic Pinto ha concesso alcuni locali del centro pastorale diocesano a un gruppo protestante per svolgere una giornata di formazione o di preghiera. Erano oltre 200 persone. Stavano parlando, predicando e pregando. Un gruppo di nazionalisti indù si è lamentato con la polizia sostenendo che lì si stessero svolgendo conversioni, cosa del tutto falsa. Non c’è stata alcuna conversione. La polizia è arrivata e ha fermato la preghiera e la predicazione. Nel frattempo la folla istigata dai nazionalisti indù ha rotto le telecamere di sicurezza e saccheggiato i locali. La polizia ha portato p. Dominic e alcuni leader del gruppo alla stazione di polizia per interrogarli».

 

«Si tratta di un grave abuso della legge anti-conversione dello Stato» continua mons. Mathias. «La polizia ha registrato le accuse senza alcuna prova. Subiscono le pressioni della folla o cedono ai dettami delle autorità superiori: è un tipico caso di molestie e atrocità contro i cristiani. Stiamo pregando intensamente e lavorando per ottenere la libertà provvisoria al più presto. Spero e prego che la giustizia e il buon senso prevalgano».

 

L’agenzia cattolica Matters India commenta l’episodio riportando i dati dello United Christian Forum, un gruppo ecumenico con sede a New Delhi, secondo cui l’Uttar Pradesh ha registrato 287 dei 687 episodi di persecuzione contro i cristiani segnalati in tutta l’India nel periodo gennaio-novembre 2023.

 

I cristiani rappresentano solo lo 0,18% degli oltre 200 milioni di abitanti dell’Uttar Pradesh, il 79,73% dei quali sono indù.

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine di Ravi Dwivedi via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International

Continua a leggere

Persecuzioni

La cattedrale gotica di Rouen in fiamme: ennesimo caso di chiesa francese arsa dal fuoco

Pubblicato

il

Da

La famosa cattedrale francese di Rouen ha preso fuoco, ha riferito il sindaco della città, Nicolas Mayer-Rossignol, sul suo account ufficiale X.   Il primo cittadino del capoluogo della Normandia ha detto che le fiamme hanno avvolto la guglia dell’edificio, costruito nell’undicesimo secolo. Il monumento è noto per essere stato amato e dipinto più volte dal famoso pittore impressionista francese Claude Monet e soprattutto per la presenza al suo interno della tomba di Riccardo Cuor di Leone (1157-1199), re d’Inghilterra, duca di Normandia, conte del Maine, d’Angiò e di Turenna, duca d’Aquitania e Guascogna e conte di Poitiers e discendente di Giuglielmo I di Inghilterra detto Guglielmo il conquistatore. Sotto l’effigie contenuta nella cattedrale è conservato solo il cuore del sovrano, che partecipò alla Terza Crociata. Il soprannome «Cuor di Leone» («Coeur de Lion» o «Lionheart») fu dato al re crociato perché uso a combattere con i suoi soldati in prima fila.   Il sindaco ha detto che l’origine dell’incendio è ancora sconosciuta e che i pompieri sono stati mobilitati. Le immagini pubblicate sui social media hanno mostrato fiamme che fuoriuscivano da qualche parte vicino alla cima dell’edificio. I lavori di restauro sono in corso nella cattedrale dal 2015, secondo i media francesi.

Iscriviti al canale Telegram

Gli utenti dei social media affermano che i vigili del fuoco sono arrivati ​​sul posto e stanno attualmente lavorando per domare l’incendio.   La chiesa gotica di Notre-Dame de Rouen vanta la guglia più alta di Francia, che svetta a oltre 150 metri dal suolo.     Le autorità locali hanno dichiarato che la cattedrale è stata evacuata e che è stato posto un cordone di sicurezza attorno all’edificio.   La prefettura locale ha poi dichiarato su X che l’incendio è stato contenuto. L’entità dei danni alla struttura non è chiara per ora.  

Aiuta Renovatio 21

Le immagini della scena non possono che ricordare un altro incendio devastante scoppiato nella cattedrale di Notre-Dame a Parigi nel 2019. Anche quell’incendio era scoppiato durante i lavori di ristrutturazione e aveva finito per distruggere l’iconica guglia di Notre Dame. Si è ipotizzato che la causa fosse un incendio doloso, ma gli investigatori hanno poi affermato che non c’era alcun episodio criminale coinvolto.   Come riportato da Renovatio 21, l’estate scorsa al mistero dell’incendio di Notre Dame si è aggiunta la storia del capo della ristrutturazione, Jean-Louis Georgelin, trovato morto vicino a un passo di montagna nel Sud-Est della Francia. Il decesso dell’uomo è stato definito come «incidente».   La ristrutturazione della cattedrale è in corso. Philippe Jost, responsabile del progetto di ricostruzione, aveva precedentemente promesso che la guglia sarebbe stata di nuovo al suo posto entro le Olimpiadi di Parigi di quest’estate, che inizieranno più avanti questo mese.   Tuttavia, i lavori continueranno e la cattedrale non riaprirà prima di dicembre, hanno affermato le autorità di Parigi.   La questione delle chiese che bruciano è più di un saldo pattern nella Francia contemporanea: è un’emergenza.   A inizio 2023, piromani hanno tentato di bruciare fino a tre chiese nella capitale francese di Parigi, ha riferito la radio polacca TVP, aggiungendo che uno degli incendiari era un marocchino di 25 anni.   Secondo i dati dell’unità centrale di Intelligence criminale francese, solo nel 2018 sono stati registrati 877 attacchi a luoghi di culto cattolici in tutto il Paese. Si tratta di un incremento quasi di un ordine di grandezza: 129 chiese erano state vandalizzate nel 2008.   Il calcolo fatto è che la Francia stia perdendo un edificio religioso ogni due settimane.   Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato la chiesa di Saint-Martin-des-Champs a Parigi fu attaccata con una bomba molotov.   Il problema, ad ogni modo, si ripete in tutto il globo.   Fuori di Francia, è il Canada a guidare la classifica delle chiese bruciate, con oltre 100 casi dalla primavera 2022.   In India, un altro luogo in cui i roghi delle chiese sono meno misteriosi di quelli francesi, solo negli scorsi mesi sono stati bruciati più di 15 luoghi di culto cristiano. Chiese bruciate sono state registrate anche in Pakistan negli ultimi giorni. In Birmania l’esercito brucia regolarmente le chiese dei villaggi ritenuti ribelli. L’esercito della giunta si è distinto per far divorare dalle fiamme i luoghi del culto cattolico, cosa lamentata anche dagli arcivescovi locali.   In Oregon è stata dato fuoco ad una chiesa, San Giuseppe nella città di Salem, dove si teneva la Santa Messa in rito antico.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Persecuzioni

Ancora arresti tra i cristiani Montagnard nonostante i passi avanti del governo del Vietnam col Vaticano

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Avvolta nel mistero la sorte di 11 cristiani, fra cui sei protestanti (Degar) e cinque cattolici della comunità di Ha Mon. In passato erano stati condannati, alla scadenza della pena «non si hanno più notizie» e «sembrano scomparsi». Alla base della sentenza «attività o appartenenza religiosa». Preoccupazione per queste repressioni che permangono a dispetto delle aperture verso la Chiesa locale e la Santa Sede.

 

In Vietnam tornano i casi di persecuzione a sfondo etnico-confessionale contro la minoranza religiosa Montagnard, perseguitata da Hanoi sin dai tempi della guerra negli anni ‘70 del secolo scorso.

 

Secondo quanto denuncia un gruppo attivista internazionale, da qualche tempo vi è grande preoccupazione in merito alla sorte di 11 cristiani imprigionati a causa della loro fede, di cui «non si hanno più notizie» e sembrano «scomparsi nel nulla».

 

International Christian Concern (ICC), con sede a Washington, riferisce che il gruppo – composto da sei protestanti e cinque cattolici – ha ricevuto condanne fra il 2011 e il 2016 a un totale di 90 anni e otto mesi di carcere. Tra loro vi sono i protestanti Degar Ro Mah Pla, Siu Hlom, Rmah Bloanh e Rmah Khil, accusati di «minare la politica di unità nazionale» e i cattolici Runh, A Kuin, A Tik, Run e Dinh Kuh della comunità Ha Mon, entrambe non approvate dal governo.

 

«Undici cristiani Montagnard vietnamiti che sono stati imprigionati per attività o appartenenza religiosa nella nazione del sud-est asiatico sono scomparsi, suscitando preoccupazioni per il trattamento dei seguaci di Cristo incarcerati in Vietnam» spiega la nota di ICC.

Secondo la Campagna per abolire la tortura in Vietnam, ci sono quasi 90 Montagnards attualmente imprigionati o rilasciati dietro condizioni che limitano gravemente i loro diritti civili. «I prigionieri cristiani scomparsi sono lo specchio di un problema più grande interno al quadro giuridico vietnamita per le minoranze della nazione» conclude la dichiarazione ICC. Il ministero degli Affari esteri, interpellato da Radio Free Asia (RFA), non ha voluto commentare la notizia che solleva più di una preoccupazione nei movimenti attivisti internazionali per la loro sorte.

Iscriviti al canale Telegram

Nel gennaio scorso 100 fedeli della provincia di Dak Lak – area popolata da circa 30 tribù minoritarie – sono stati processati per un attacco a due quartieri generali della Comune popolare e che ha causato nove morti sul terreno. Di questi, almeno 10 sono stati condannati all’ergastolo con l’accusa di terrorismo. I rimanenti hanno ricevuto pene variabili da tre anni e mezzo sino a 20 anni di prigione, per lo più con accuse legate al terrorismo.

 

Per anni le «tribù dei monti» hanno subito una persecuzione religiosa da parte del governo, retaggio dei tempi della guerra in Vietnam quando i Montagnard si sono schierati a fianco degli Stati Uniti nel tentativo di dar vita a una nazione autonoma.

 

Nel tempo le autorità di Hanoi hanno continuato a reprimerle, accusandole di «secessione» ed espropriando con questo pretesto i loro terreni. In molti hanno cercato rifugio in Cambogia, ma il governo di Phnom Penh ha più volte rispedito al mittente i fuggiaschi, in violazione alle norme ONU sui rifugiati politici. La loro appartenenza alla comunità cristiana rappresenta inoltre un ulteriore elemento di sospetto, che agli attacchi di natura etnico-politica unisce anche una persecuzione di matrice confessionale.

 

Persecuzioni e arresti che proseguono ancora oggi, in una fase storica in cui Hanoi ha avviato un cammino di riavvicinamento alla Chiesa, rafforzando le relazioni con la Santa Sede e accogliendo di recente mons. Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati. Un ulteriore passo verso un futuro (prossimo) ristabilimento di piene relazioni diplomatiche e con la speranza, nemmeno troppo remota, di accogliere papa Francesco per un viaggio apostolico impensabile fino a poco tempo fa.

 

Circa il 7% dei circa 97 milioni di persone nel Paese asiatico sono cattolici. Parlando della realtà vietnamita durante la messa celebrata nella cattedrale di San Giuseppe nella capitale, il «ministro degli Esteri» del Vaticano ha parlato di «pietre vive» la cui testimonianza «mi sta colpendo profondamente». Sono grandi le attese e le aspettative attorno alla possibile visita del pontefice, che segue i passi avanti importanti compiuti negli ultimi anni nelle relazioni e per il quale le autorità locali hanno già formulato un invito.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Bùi Thụy Đào Nguyên via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
 

Continua a leggere

Persecuzioni

In Israele aumentano gli atti anticristiani

Pubblicato

il

Da

In un rapporto pubblicato il 4 giugno 2024, il Rossing Center for Education and Dialogue, un’organizzazione con sede a Gerusalemme, sottolinea l’aumento degli attacchi contro i cristiani nello Stato Ebraico, in particolare nella parte orientale della Città Santa, durante l’anno 2023.   I massacri perpetrati dall’organizzazione terroristica Hamas contro lo Stato d’Israele il 7 ottobre 2023, provocando la morte di 1.160 persone e la presa di 240 civili in ostaggio, hanno teso a eclissare un’altra notizia più discreta, ma anche drammatica: quella dell’allarmante aumento degli atti anticristiani sul territorio israeliano nel 2023.   Secondo il gruppo, ci sono stati 11 casi di molestie verbali, 7 attacchi violenti, 32 attacchi contro proprietà della chiesa, 1 profanazione di cimiteri e 30 casi ufficialmente segnalati di sputi su o verso clero e pellegrini. Il rapporto rileva che tutto il clero con cui ha parlato il Rossing Center ha affermato di essere stato sputato addosso più volte alla settimana.   Per gli investigatori questi dati sono parziali e costituiscono solo la «punta dell’iceberg», perché molte vittime restano riluttanti a testimoniare per paura di ritorsioni o per l’ignoranza dei propri diritti.   Il rapporto attribuisce l’aumento degli attacchi al «clima socio-politico generale»: «Il continuo spostamento verso l’estrema destra, il crescente nazionalismo e l’enfasi su Israele come Stato soprattutto per il popolo, le comunità ebraiche hanno minato collettivamente il diritto legale e percepito significato di uguaglianza per qualsiasi minoranza all’interno del Paese».

Iscriviti al canale Telegram

Il Times of Israel, che commenta la notizia in un articolo, segnala che «gli attacchi più violenti sono commessi da giovani adulti della “parte emarginata della società ultraortodossa” secondo Hana Bendcowsky, direttrice del Centro di Gerusalemme per gli ebrei-cristiani. Rapporti dal Centro Rossing».   Contattati dal giornale, il Ministero degli Esteri e la polizia israeliana non hanno risposto alle richieste di commento su questo rapporto. Ma Hana Bendcowsky, indica che «le molestie provengono da una vasta gamma di uomini israeliani, dai bambini agli adulti, dai coloni di destra agli ultraortodossi, ma tutti religiosi», secondo il Times of Israel.   Il rapporto propone una serie di raccomandazioni alle autorità israeliane per contrastare questo fenomeno: rafforzare la presenza e l’intervento della polizia nei siti sensibili; formare la polizia e le autorità locali sulle comunità cristiane; migliorare i programmi sul cristianesimo nelle scuole; condanna più forte di questi atti da parte delle autorità.   Infine, il Rossing Center incoraggia i cristiani a denunciare gli attacchi contro di loro e sollecita i leader religiosi ebrei a condannare fermamente questi atti di violenza e a uscire dai «doppi standard» in cui sembrano essere intrappolati.   Nello Stato Ebraico vive attualmente il 22% degli arabi israeliani, compresa una minoranza di cristiani. Questi ultimi sono spesso presi tra i musulmani che li considerano apostati e gli ebrei che li vedono come cittadini di seconda classe.  

Uno sforzo del presidente Isaac Herzog

Il Times of Israel riporta gli sforzi compiuti dal presidente israeliano nell’ultimo anno. Così «si è recato al Monastero Stella Maris di Haifa per incontrare i leader cristiani e ha riconosciuto la gravità della situazione».   «Negli ultimi mesi abbiamo assistito a fenomeni estremamente gravi nel trattamento dei membri delle comunità cristiane in Terra Santa, nostri fratelli e sorelle, cittadini cristiani, che si sentono aggrediti nei loro luoghi di preghiera e nei loro cimiteri, per le strade», ha dichiarato di fronte al monastero carmelitano risalente al XIX secolo.   Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Alex Brey via Flickr pubblicata su licenza CC BY-NC-ND 2.0
Continua a leggere

Più popolari