Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Il piano distruttivo dietro l’agenda di Biden per la Russia

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

La nuova amministrazione Biden ha chiarito fin dal primo giorno che adotterà una politica ostile e aggressiva contro la Federazione Russa di Vladimir Putin. La politica alla base di questa posizione non ha nulla a che fare con le azioni oscene che la Russia di Putin può o non può aver commesso contro l’Occidente. Non ha nulla a che fare con le assurde accuse secondo cui Putin avrebbe avvelenato il dissidente filo-statunitense Alexei Navalny con il micidiale agente nervino Novichok. Ha a che fare con un’agenda molto più profonda dei poteri globalisti costituiti. Quell’agenda è ciò che viene avanzato ora.

 

 

 

Le scelte di gabinetto di Joe Biden rivelano molto. Le sue scelte chiave in politica estera: Tony Blinken come Segretario di Stato e Victoria Nuland come Sottosegretario di Stato per gli affari politici; Bill Burns come capo della CIA; Jake Sullivan come consigliere per la sicurezza nazionale; Avril Haines come direttore dell’intelligence nazionale — tutti provengono dall’amministrazione Obama-Biden e tutti hanno lavorato a stretto contatto.

 

Inoltre, tutti vedono la Russia, non la Cina, come la principale minaccia alla sicurezza per l’egemonia globale degli Stati Uniti.

 

L’attenzione con l’amministrazione Biden, indipendentemente da quanto sia in forma lo stesso Biden, si sposterà dalle minacce della Cina a quella della Russia di Putin

Come candidato, Joe Biden lo ha affermato spesso. Le sue principali scelte di politica estera sottolineano che l’attenzione con l’amministrazione Biden, indipendentemente da quanto sia in forma lo stesso Biden, si sposterà dalle minacce della Cina a quella della Russia di Putin.

 

Il capo della CIA di Biden, Bill Burns, è un ex ambasciatore a Mosca ed è stato vice segretario di Stato durante il colpo di stato della CIA di Obama in Ucraina nel 2014. In particolare, quando Burns ha lasciato il Dipartimento di Stato nel novembre 2014 è stato sostituito da Tony Blinken, ora Segretario di Stato.

 

Secondo quanto riferito, Blinken ha formulato la risposta del Dipartimento di Stato americano all’annessione della Crimea da parte della Russia.

Tutte le scelte di Biden sono uniformemente chiare nell’accusare la Russia di Putin per qualsiasi cosa

 

 

La Nuland è la chiave

Tutte le scelte di Biden sono uniformemente chiare nell’accusare la Russia di Putin per qualsiasi cosa, dall’interferenza elettorale degli Stati Uniti nel 2016 al recente attacco informatico del governo degli Stati Uniti di SolarWinds, a ogni altra affermazione contro la Russia negli ultimi anni, provata o meno.

 

Nel tentativo di determinare ciò che la nuova amministrazione Biden e le agenzie di intelligence statunitensi hanno in serbo nei confronti di Putin e della Russia, tuttavia, l’indicazione migliore è il ruolo di primo piano dato a Victoria Nuland, la persona, insieme all’allora vicepresidente Joe Biden, che ha diretto il lato politico del colpo di stato statunitense in Ucraina nel 2013-14.

 

La Nuland è stata intercettata in una telefonata all’ambasciatore degli Stati Uniti a Kiev durante le proteste di Piazza Maidan 2013-14, mentre diceva all’ambasciatore Geoffrey Pyatt, riguardo alle scelte dell’UE per un nuovo regime ucraino, «Fanc*lo la UE»

Come noto, la Nuland è stata intercettata in una telefonata all’ambasciatore degli Stati Uniti a Kiev durante le proteste di Piazza Maidan 2013-14, mentre diceva all’ambasciatore Geoffrey Pyatt, riguardo alle scelte dell’UE per un nuovo regime ucraino, «Fanc*lo la UE». Suo marito, Robert Kagan è un famoso neocon di Washington.

 

Dopo aver lasciato il governo per l’elezione di Trump nel 2016, la Nuland è diventata un consigliere senior presso il gruppo Albright Stonebridge, guidato dall’ex segretario di stato di Clinton Madeline Albright, che è anche presidente della filiale del National Endowment for Democracy (NED) National Democratic Institute.

 

La Nuland è anche entrata a far parte del consiglio di amministrazione del NED, dopo il 2016, mantenendosi in stretto contatto con le operazioni di cambio di regime della NED. È un’esperta di Russia, parla fluentemente il russo ed è specialista nel rovesciamento dei regimi.

 

Come vice segretario di Stato Obama per gli affari euroasiatici ed europei nel 2013, Nuland ha lavorato a stretto contatto con il vicepresidente Joe Biden per mettere al potere con un colpo di stato ucraino Arseniy Yatsenyuk , amico degli Stati Uniti e ostile alla Russia. Ha incoraggiato mesi di protesta contro il regime del presidente eletto dell’Ucraina, Victor Yanukovich, per forzarne la cacciata dopo la sua decisione di aderire all’Unione Economica Eurasiatica russa. Il fondatore del gruppo di intelligence privata Stratfor, George Friedman, in un’intervista subito dopo il colpo di stato del febbraio 2014 a Kiev, lo ha definito «il colpo di stato più sfacciato nella storia (degli Stati Uniti)».

Il fondatore del gruppo di intelligence privata Stratfor, George Friedman, in un’intervista subito dopo il colpo di stato del febbraio 2014 a Kiev, lo ha definito «il colpo di stato più sfacciato nella storia (degli Stati Uniti)»

 

 

Nuove iniziative

In un importante articolo nell’agosto 2020 su Foreing Affairs, rivista del New York Council on Foreign Relations (CFR), la Nuland delinea quella che molto probabilmente sarà la strategia degli Stati Uniti per minare la Russia nei prossimi mesi.

 

Si lamenta del fatto che «la rassegnazione ha preso piede riguardo lo stato delle relazioni USA-Russia e gli americani hanno perso fiducia nella propria capacità di cambiare il gioco». In altre parole, si tratta di «cambiare il gioco» con Putin. Accusa che negli ultimi 12 anni «la Russia ha violato i trattati sul controllo degli armamenti; ha messo in campo nuove armi destabilizzanti; minacciato la sovranità della Georgia; sequestrato Crimea e gran parte del Donbass; e ha sostenuto i despoti in Libia, Siria e Venezuela. Ha usato armi cibernetiche contro banche straniere, reti elettriche e sistemi governativi; ha interferito nelle elezioni democratiche straniere; e ha assassinato i suoi nemici sul suolo europeo».

 

Continua dicendo che le ripetute sanzioni economiche degli Stati Uniti contro banche e società russe selezionate, nonché i sostenitori di Putin, hanno fatto poco per cambiare la politica russa, sostenendo che «le sanzioni statunitensi e alleate, sebbene inizialmente dolorose, sono diventate deboli o impotenti con un uso eccessivo e non impressionano più il Cremlino.».

La Nuland accusa che negli ultimi 12 anni «la Russia ha violato i trattati sul controllo degli armamenti; ha messo in campo nuove armi destabilizzanti; minacciato la sovranità della Georgia; sequestrato Crimea e gran parte del Donbass; e ha sostenuto i despoti in Libia, Siria e Venezuela. Ha usato armi cibernetiche contro banche straniere, reti elettriche e sistemi governativi; ha interferito nelle elezioni democratiche straniere; e ha assassinato i suoi nemici sul suolo europeo»

 

Ma Nuland suggerisce che la Russia di Putin oggi è vulnerabile come mai negli ultimi 20 anni: «l’unica cosa che dovrebbe preoccupare il presidente russo: l’umore all’interno della Russia. Nonostante il potere di Putin si trasferisca all’estero, 20 anni di mancato investimento nella modernizzazione della Russia potrebbero averlo raggiunto. Nel 2019, la crescita del PIL della Russia è stata di un anemico 1,3%. Quest’anno, la pandemia di coronavirus e la caduta libera dei prezzi del petrolio potrebbero provocare una significativa contrazione economic … Le strade, i binari, le scuole e gli ospedali russi si stanno sgretolando. I suoi cittadini sono diventati irrequieti poiché la spesa per le infrastrutture promessa non appare mai e le loro tasse e l’età pensionabile stanno aumentando. La corruzione rimane dilagante e il potere d’acquisto dei russi continua a diminuire».

 

Nel suo articolo sul CFR, Nuland sostiene l’uso di «Facebook, YouTube e altre piattaforme digitali… non c’è motivo per cui Washington e i suoi alleati non dovrebbero essere più disposti a dare a Putin una dose della sua stessa medicina all’interno della Russia, pur mantenendo la stessa negabilità».

 

Aggiunge che, poiché i russi utilizzano ampiamente Internet ed è ampiamente aperto, «Nonostante i migliori sforzi di Putin, la Russia di oggi è più permeabile. È molto più probabile che i giovani russi consumino informazioni e notizie tramite Internet che attraverso la TV sponsorizzata dallo stato o la carta stampata. Washington dovrebbe cercare di raggiungerne di più dove si trovano: sui social network Odnoklassniki e VKontakte; su Facebook, Telegram e YouTube; e sulle numerose nuove piattaforme digitali in lingua russa che stanno nascendo».

 

 

Navalny

Nel periodo in cui Nuland ha presentato il suo articolo sugli affari esteri di luglio-agosto, il perenne oppositore di Putin, Alexey Navalny era a Berlino, apparentemente riprendendosi da quello che sostiene fosse un tentativo dell’intelligence di Putin di ucciderlo con un agente nervino altamente tossico, Novichok.

 

Nel suo articolo sul CFR, Nuland sostiene l’uso di «Facebook, YouTube e altre piattaforme digitali»

Navalny, una figura dell’opposizione istruita negli Stati Uniti che era un borsista dell’Università di Yale nel 2010, ha cercato di ottenere un forte seguito per ben oltre un decennio; è stato documentato che riceve denaro dal National Endowment for Democracy della Nuland, il cui fondatore negli anni ’90 descriveva quel che faceva come «quello che faceva la CIA, ma in privato».

 

Nel 2018 secondo NPR negli Stati Uniti, Navalny aveva più di sei milioni di abbonati YouTube e più di due milioni di follower su Twitter. Non si sa quanti bot siano pagati dall’intelligence americana. Ora, cinque mesi dopo l’esilio a Berlino, Navalny fa un coraggioso ritorno dove sapeva di dover affrontare una probabile prigione per accuse passate. Era ovviamente un chiaro calcolo da parte dei suoi sponsor occidentali.

 

L’ONG del governo degli Stati Uniti per il cambio di regime della Rivoluzione colorata, il NED, in un pezzo pubblicato il 25 gennaio fa eco all’appello di Nuland per una destabilizzazione di Putin guidata dai social media.

 

Scrivendo dell’arresto di Navalny da parte di Mosca appena tre giorni prima dell’inaugurazione di Biden, il NED afferma che «Creando un modello di guerriglia politica per l’era digitale, Navalny ha messo in luce la totale mancanza di immaginazione e incapacità del regime».

Navalny, una figura dell’opposizione istruita negli Stati Uniti che era un borsista dell’Università di Yale nel 2010, ha cercato di ottenere un forte seguito per ben oltre un decennio; è stato documentato che riceve denaro dal National Endowment for Democracy della Nuland

 

Essi aggiungono, «Putin è in un Comma 22: Se Putin uccide Navalny, potrebbe attirare più attenzione al problema e disordini esacerbare. Se Putin lascia vivere Navalny, allora Navalny rimane al centro della resistenza, che sia in prigione o no … Navalny ha sconfitto Putin in ogni turno dall’avvelenamento. Sta diventando un po ‘umiliante per lui».

 

Dal momento che il suo presunto avvelenamento fallito ad agosto nell’Estremo Oriente russo, Navalny è stato autorizzato dal governo russo a volare a Berlino per cure, un atto strano se davvero Putin e l’intelligence russa lo avessero davvero voluto morto. Ciò che è chiaramente accaduto nei cinque mesi trascorsi in esilio suggerisce che il ritorno di Navalny è stato preparato professionalmente da anonimi specialisti del cambio di regime dei servizi segreti occidentali. Il Cremlino ha rivendicato l’Intelligence che mostra che Navalny veniva istruito direttamente mentre era in esilio da specialisti della CIA.

 

All’arresto di Navalny a Mosca il 17 gennaio, la sua ONG anti-corruzione ha pubblicato un sofisticato documentario su YouTube sul canale di Navalny, che pretendeva di mostrare un vasto palazzo che si presume appartenga a Putin sul Mar Nero, filmato con l’uso di un drone, cosa non da poco. Nel video Navalny invita i russi a marciare contro il presunto «Palazzo Putin» da un miliardo di dollari per protestare contro la corruzione.

 

Dal momento che il suo presunto avvelenamento fallito ad agosto nell’Estremo Oriente russo, Navalny è stato autorizzato dal governo russo a volare a Berlino per cure, un atto strano se davvero Putin e l’intelligence russa lo avessero davvero voluto morto

A Navalny, che chiaramente è sostenuto da sofisticati specialisti della guerra informatica degli Stati Uniti e da gruppi come il NED, verrà probabilmente detto di costruire un movimento per sfidare i candidati del partito Russia Unita alle elezioni della Duma di settembre in cui Putin non è un candidato. Gli è stata persino data una nuova tattica, che chiama una strategia di «voto intelligente», una tattica tipica del NED.

 

Stephen Sestanovich, esperto del Consiglio per le relazioni estere in Russia di New York ed ex membro del consiglio della NED, ha suggerito il probabile piano di gioco del nuovo team Biden.

 

Il 25 gennaio Sestanovich ha scritto nel blog del CFR: «Il regime di Putin rimane forte, ma le proteste a sostegno di Alexei Navalny sono la sfida più seria da anni. Il leader dell’opposizione Alexei Navalny sta mostrando una creatività politica e abilità tattiche che Putin non ha mai affrontato in precedenza. Se le proteste continuano, potrebbero rivelare vulnerabilità nella sua decennale tenuta al potere». Questo è stato due giorni dopo le proteste in tutta la Russia che chiedevano il rilascio di Navalny dalla prigione.

 

«Con la sua coraggiosa decisione di tornare a Mosca e il rilascio di un video ampiamente visto che pretende di denunciare la corruzione del regime, Navalny ha dimostrato di essere una figura politica capace e fantasiosa, anche dal carcere, forse l’avversario più formidabile che Putin abbia affrontato » ha scritto.

 

«La raffinatezza strategica del team di Navalny è sottolineata sia dal video uscita e, prima ancora, dalla sua denuncia del personale dei servizi di sicurezza federale (FSB) che lo ha avvelenato per scorsa estate».

 

Il Cremlino ha rivendicato l’Intelligence che mostra che Navalny veniva istruito direttamente mentre era in esilio da specialisti della CIA

La chiara decisione del team di Biden di nominare un ex ambasciatore di Mosca a capo della CIA e Victoria Nuland alla posizione n. 3 presso il Dipartimento di Stato, insieme alle sue altre scelte di intelligence, indicano che la destabilizzazione della Russia sarà un obiettivo principale di Washington in futuro.

 

Come ha detto allegramente il NED, «L’arresto di Navalny, tre giorni prima dell’insediamento di Biden, afferma l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia Michael McFaul, ha tutte le carte in regola per la prima crisi di politica estera di Biden. Qualunque cosa ci fosse nei loro documenti di transizione , questo è ora in primo piano e al centro per loro».

 

Il motivo, tuttavia, non è dovuto alla corruzione interna della cerchia ristretta di Putin, vero o no. A Biden potrebbe importare di meno. Piuttosto è l’esistenza stessa della Russia sotto Putin come nazione sovrana indipendente che cerca di difendere quell’identità nazionale, sia in difesa militare che in difesa di una cultura russa tradizionalmente conservatrice.

Il motivo, tuttavia, non è dovuto alla corruzione interna della cerchia ristretta di Putin, vero o no. A Biden potrebbe importare di meno. Piuttosto è l’esistenza stessa della Russia sotto Putin come nazione sovrana indipendente che cerca di difendere quell’identità nazionale, sia in difesa militare che in difesa di una cultura russa tradizionalmente conservatrice

 

Sin dalla destabilizzazione dell’Unione Sovietica sostenuta dagli Stati Uniti nel 1990 durante l’amministrazione Bush, è stata la politica della NATO e quella degli influenti interessi finanziari dietro la NATO dividere la Russia in molte parti, smantellare lo stato e saccheggiare ciò che ne resta enormi risorse di materie prime.

 

Il Grande Reset globalista Great Reset non ha spazio per stati nazionali indipendenti come la Russia: ecco il messaggio che il nuovo team di Biden trasmetterà chiaramente ora.
 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

La Francia accusa l’Azerbaigian dei disordini in Nuova Caledonia

Pubblicato

il

Da

L’Azerbaigian ha avuto un ruolo nelle proteste contro la riforma costituzionale nel territorio francese d’oltremare della Nuova Caledonia, ha affermato il ministro degli Interni Gerald Darmanin.

 

La violenza è scoppiata all’inizio di questa settimana nel territorio francese del Pacifico, una delle poche aree ancora sotto il controllo di Parigi nell’era postcoloniale, provocando la morte di almeno cinque persone, tra cui due agenti di polizia.

 

A scatenare le proteste è stata la proposta dei parlamentari parigini di concedere il diritto di voto nella provincia ai residenti francesi che vivono in Nuova Caledonia da dieci anni.

 

L’iniziativa ha fatto temere che i voti degli indigeni Kanak, che costituiscono il 40% della popolazione dell’arcipelago, possano essere diluiti.

 

Giovedì, alla domanda se crede che l’Azerbaigian, la Cina o la Russia si stiano intromettendo negli affari della Nuova Caledonia, Darmanin ha puntato il dito contro la repubblica post-sovietica si trova a circa 14.000 km dalla Nuova Caledonia.

 

«Non è una fantasia, è una realtà», ha detto il ministro, aggiungendo che «alcuni separatisti caledoniani hanno stretto un accordo con l’Azerbaigian».

 

Il mese scorso, tuttavia, il Parlamento dell’Azerbaigian e il congresso della Nuova Caledonia hanno firmato un memorandum di cooperazione in cui Baku riconosceva il diritto all’autodeterminazione della popolazione locale.

Sostieni Renovatio 21

In seguito agli eventi, il Darmanin ha accusato l’Azerbaigian di sostenere il separatismo sul suo territorio e ha suggerito che Baku stesse sfruttando le tensioni nella regione per rispondere alla “difesa francese degli armeni” che, secondo lui, sono stati «massacrati» dagli azeri.

 

Baku ha negato con veemenza le accuse di incoraggiamento al separatismo in Nuova Caledonia, sostenendo che tutte le insinuazioni sull’interferenza dell’Azerbaigian sono infondate.

 

Ad aprile, il portavoce del ministero degli Esteri azerbaigiano Aykhan Hajizada ha respinto le accuse di pulizia etnica tra gli armeni, dicendo a Darmanin che «non dovrebbe dimenticare che come parte della politica coloniale… [la Francia] ha commesso crimini contro l’umanità nei confronti delle popolazioni locali e ha brutalmente ha ucciso milioni di persone innocenti».

 

Le relazioni tra Francia e Azerbaigian sono in crisi del Nagorno-Karabakh dello scorso 2023, quando l’occupazione azera fu condannata da Parigi. Baku occupò la regione a maggioranza armena, staccatasi dall’Azerbaigian durante il tramonto dell’Unione Sovietica, innescando un esodo di massa di rifugiati dalla zona: nella totale indifferenza del mondo, i cristiani armeni sfollati sarebbero almeno 120 mila, con testimonianze di indicibili atrocità.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Azerbaigian negli scorsi mesi è arrivato a dichiarare che la Francia è responsabile di ogni nuovo conflitto con l’Armenia.

 

Tra scontri con morti, le tensioni tra Erevan e Baku stanno continuando anche ora, tracimando anche nella politica interna armena. L’Armenia, sostanzialmente, avrebbe pagato il fatto di aver lasciato il blocco guidato da Mosca – della cui alleanza militare è parte – per avvicinarsi agli USA, che tuttavia non hanno fatto nulla per contenere Baku, appoggiata apertamente da un alleato importante di Washington, la Turchia.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Geopolitica

Zelens’kyj incolpa «il mondo intero» per l’avanzata russa a Kharkov

Pubblicato

il

Da

Il mondo intero è responsabile del fallimento dell’Ucraina nel fermare i recenti progressi della Russia nella regione di Kharkov e ora deve aiutare Kiev a cambiare la situazione, ha detto giovedì il presidente Volodymyr Zelens’kyj ad ABC News in un’intervista.   I commenti dell’ex attore televisivo arrivano dopo che le forze russe sono riuscite a catturare diversi insediamenti vicino alla seconda città più grande dell’Ucraina la scorsa settimana.   Gli alti funzionari militari a Kiev hanno ammesso che la situazione è ora «estremamente difficile» e che le truppe ucraine stanno lottando per mantenere il terreno a causa della loro inferiorità numerica e di armi.   Alla domanda se crede che i fallimenti dell’Ucraina sul campo di battaglia siano colpa degli Stati Uniti, lo Zelens’kyj ha detto ai giornalisti della ABC che «è colpa del mondo» e ha accusato la comunità internazionale di dare «l’opportunità a Putin di occupare».

Sostieni Renovatio 21

Il leader ucraino ha detto che il Paese «non può permettersi di perdere Kharkov» e che «il mondo può aiutare» Kiev a mantenere la vitale città nel Nord-Est del Paese. «Tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono due sistemi Patriot», ha detto Zelenskyj, suggerendo che «la Russia non sarà in grado di occupare Kharkov se li avremo».   Il presidente si è anche lamentato del fatto che i finanziamenti approvati dagli Stati Uniti per Kiev non stanno effettivamente raggiungendo il Paese e vengono invece spesi «nelle fabbriche americane, creando posti di lavoro americani».   Nel frattempo, il segretario di Stato americano Antony Blinken, che ha visitato Kiev questa settimana, ha assicurato alla leadership ucraina che Washington stava «attivamente e urgentemente» cercando di procurarsi sistemi di difesa aerea Patriot da miliardi di dollari per l’Ucraina. Il mese scorso, Zelens’kyj ha insistito sul fatto che l’Ucraina avesse bisogno di 25 batterie di questo tipo, ma in seguito ha rivisto quel numero portandolo ad «almeno sette».   Ogni batteria Patriot comprende una centrale elettrica, stazioni radar e di controllo, lanciamissili montati su camion e veicoli di supporto, e costa circa 1 miliardo di dollari. Si ritiene attualmente che l’Ucraina possieda almeno tre Patriot, uno dei quali è di stanza vicino alla capitale, scrive RT.   Mosca, nel frattempo, ha ripetutamente affermato che nessuna quantità di sistemi d’arma occidentali può cambiare l’inevitabile esito del conflitto, e ha avvertito che continuare ad armare l’Ucraina non farà altro che prolungare lo spargimento di sangue e aumentare il rischio di uno scontro diretto tra Russia e NATO.   Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato, una di queste batterie sarebbe stata danneggiata o distrutta da un attacco missilistico ipersonico russo. L’attacco russo avvenne dopo che le forze ucraine avevano dichiarato di aver intercettato un ipersonico, cosa smentita con forza dai russi.   Due anni fa gli USA mandarono Patriot in Slovacchia, con Bratislava a cedere in cambio i suoi missili terra-aria sovietici S-300 a Kiev.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr  
Continua a leggere

Geopolitica

Macron dichiara lo stato di emergenza e invia truppe per sedare le rivolte mortali scoppiate in Nuova Caledonia

Pubblicato

il

Da

Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato lo stato di emergenza per i 12 giorni a partire da ieri a seguito delle rivolte mortali che hanno colpito il territorio indo-pacifico francese della Nuova Caledonia.

 

Quattro persone sono morte e molte altre sono rimaste ferite negli scontri con la polizia martedì notte, con notizie di saccheggi ed edifici rasi al suolo.

 

Il caos è stato scatenato da un voto del parlamento francese, l’Assemblea nazionale, che autorizza i residenti che risiedono in Nuova Caledonia da 10 anni a votare nelle elezioni provinciali. Gli indigeni Kanak dell’arcipelago si sono quindi irritati – proseguendo una polemica che dura da decenni – per quella che vedono come una presa di potere a favore dei discendenti dei colonizzatori che vogliono rimanere parte della Francia.

 


Sostieni Renovatio 21

Tali tensioni etniche sono rimaste latenti per molti anni e sono riemerse questa settimana.

 

Il territorio francese si trova a est dell’Australia, è dieci fusi orari avanti rispetto a Parigi e conta circa 270.000 abitanti. Il nuovo stato di emergenza mira a «ristabilire l’ordine nel più breve tempo possibile» si legge in una dichiarazione del Parlamento.

 

Ci sono notizie diffuse secondo cui truppe militari francesi sarebbero state schierate per reprimere le rivolte indipendentiste e, secondo quanto riferito, sarebbe stato anche emesso un divieto su TikTok, ma i funzionari di Parigi hanno cercato di minimizzare tali misure draconiane.

 

 

Secondo l’Associated Press, «alla domanda se la Francia potrebbe schierare l’esercito francese sull’isola, [la portavoce del governo della Nuova Caledonia Prisca] Thevenot ha detto che non è compito dell’esercito mantenere l’ordine ma che sta aiutando con il trasporto dei rinforzi della polizia».

 

L’agenzia di stampa AFP ha riportato che la Francia ha schierato personale dell’esercito nei porti della Nuova Caledonia e nel principale aeroporto.

 

 

Il presidente della Nuova Caledonia Louis Mapou ha affermato che tra le vittime delle ultime 24 ore di disordini figurano tre giovani indigeni Kanak e un agente di polizia della gendarmeria francese che aveva riportato ferite in precedenza. Centinaia di manifestanti e poliziotti sono rimasti feriti.

 

«Il gendarme mobile gravemente ferito da un proiettile in Nuova Caledonia è appena morto», ha annunciato il Ministro dell’Interno e dell’Oltremare della Repubblica francese Gérald Darmanin. «I nostri pensieri vanno alla sua famiglia, alle persone a lui vicine e ai suoi amici. Niente, assolutamente niente, giustifica la violenza. L’ordine sarà ristabilito».

 

Parigi ha confermato che altri 500 agenti di polizia francesi sono stati inviati sul territorio per aiutare a ripristinare l’ordine.

 

 

Aiuta Renovatio 21

 

Tutte le scuole e gli edifici pubblici del capoluogo amministrativo Nouméa sono rimasti chiusi. Centinaia di edifici sono stati danneggiati o sono stati dati alle fiamme. Il presidente Macron avrebbe annullato un viaggio all’estero.

 

La Nuova Caledonia è una cosiddetta Collectivité d’outre-mer o COM, suddivisione territoriale per le aree ex coloniali francesi subentrata nel 2003 ai TOM (Territorires d’outre mer) e ad altri territori con statuto speciale.

 

Come riportato da Renovatio 21, durante il coronavirus vi furono rivolte contro l’obbligo vaccinale nel territorio d’oltremare francese della Guadalupa, dove furono inviate le forze speciali e, incredibilmente, assicurato ai rivoltosi un vaccino COVID non-mRNA solo per loro. Proteste contro il vaccino obbligatorio si registrarono anche in Nuova Caledonia.

 

Continua il periodo sfortunato di Parigi con le sue ex colonie, che in Africa si rivoltano l’una dopo l’altra con l’influenza francese – preferendogli apertis verbis quella russa. Il risentimento per la Francia e la sua storia coloniale era leggibile nella rabbia della rivolta etnica delle banlieue dello scorso anno e pure nei discorsi dell’allucinato accoltellatore della Gare de Lyon, il quale – passato come profugo per l’Italia – aveva pubblicato video in cui malediceva la Francia per aver oppresso lui ed i suoi antenati.

 

L’«impero francese» si sgretola proprio mentre Macron minaccia di continuo interventi in Ucraina – e mette in Costituzione il genocidio dei francesi tramite l’aborto di Stato.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari