Il governo britannico dice che oltre 240 persone sono morte poco dopo aver fatto il vaccino

 

 

 

Una revisione sulla sicurezza dei vaccini del governo britannico ha rivelato che 244 persone, tra cui 8 bambini non ancora nati, sono morte in Gran Bretagna poco dopo aver ricevuto uno dei due vaccini contro il coronavirus. Il governo ha detto che non crede che le vaccinazioni siano responsabili di questa strage.

 

Un ampio rapporto prodotto oggi dal governo del Regno Unito ha dettagliato tutti gli effetti collaterali sospetti, inclusa la morte, segnalati dal personale medico o dalle persone che hanno ricevuto almeno un vaccino COVID-19 tra l’inizio di dicembre 2020 e il 31 gennaio 2021. I due vaccini attualmente in uso nel Regno Unito sono il Pfizer / BioNTech e quello uscito dall’ Università di Oxford / AstraZeneca. Sono stati autorizzati dall’agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) del Paese.

244 persone, tra cui 8 bambini non ancora nati, sono morte in Gran Bretagna poco dopo aver ricevuto uno dei due vaccini contro il coronavirus

 

Secondo il rapporto governativo britannico «l’MHRA ha ricevuto 143 segnalazioni nel Regno Unito di sospette reazioni avverse al vaccino Pfizer / BioNTech in cui il paziente è morto poco dopo la vaccinazione, 90 segnalazioni per il vaccino dell’Università di Oxford / AstraZeneca e 3 in cui la marca del vaccino non era specificata. La maggior parte di queste segnalazioni riguardava persone anziane o persone con malattie di base. La revisione delle segnalazioni individuali e dei modelli di segnalazione non suggerisce che il vaccino abbia svolto un ruolo nella morte».

 

Il rapporto includeva nel suo materiale accessorio l’informazione che 5 aborti sono stati segnalati dopo l’uso del vaccino Pfizer e 3 dopo il vaccino di Oxford.

 

L’MHRA monitora la sicurezza dei vaccini man mano che vengono utilizzati sul pubblico e a tal fine ha introdotto un “Yellow Card Scheme” per raccogliere segnalazioni di eventuali effetti collaterali sospetti. 20.319 segnalazioni di cartellino giallo, incluso un totale di 59.614 sospette reazioni avverse, sono state effettuate riguardo al vaccino Pfizer. 11.748 sono stati effettuati riguardo al vaccino AstraZeneca, che è stato lanciato solo il 4 gennaio 2021. 72 segnalazioni di cartellino giallo non hanno specificato quale vaccino è stato utilizzato.

 

5 aborti sono stati segnalati dopo l’uso del vaccino Pfizer e 3 dopo il vaccino di Oxford

 

Il rapporto del governo afferma che c’erano 3-4 segnalazioni di cartellino giallo per 1.000 dosi e ha sottolineato che la stragrande maggioranza delle vaccinazioni non sono state segnalate come aventi effetti collaterali. Entro il 31 gennaio, si dice, erano state somministrate circa 6,6 milioni di prime dosi del vaccino Pfizer e circa 3 milioni di prime dosi del vaccino di Oxford. Inoltre, erano state usate mezzo milione di dosi secondarie, principalmente del vaccino Pfizer.

 

Il rapporto spiega anche che il numero di cartellini gialli presentati non era insolito per un nuovo vaccino che il pubblico e i professionisti medici sono stati incoraggiati a rivedere. Dice anche che non ci sono stati tanti cartellini gialli per l’uso pubblico del vaccino quanti sono stati i rapporti di reazioni avverse durante gli studi clinici. Sia per i vaccini Pfizer che per quelli Oxford, ce n’erano più di 1 su 10. È interessante notare che gli effetti collaterali di entrambi i vaccini sarebbero «più lievi» e «meno frequenti» nelle persone di età superiore ai 75 anni.

 

L’introduzione nel Regno Unito ha finora interessato soprattutto gli anziani britannici sopra i 75 anni, professionisti medici e colleghi. Il rapporto del cartellino giallo afferma che la “stragrande maggioranza” degli effetti collaterali si verifica subito dopo la vaccinazione e non porta a complicazioni:

 

In Gran Bretagna sono state segnalate 130 «reazioni avverse spontanee associate ad anafilassi o reazioni anafilattoidi» per il vaccino Pfizer e 30 per il vaccino di Oxford

«Per entrambi i vaccini, la stragrande maggioranza delle segnalazioni si riferisce a reazioni al sito di iniezione (dolore al braccio per esempio) e sintomi generalizzati come malattia “simil-influenzale”, mal di testa, brividi, affaticamento (stanchezza), nausea (sensazione di malessere), febbre, vertigini, debolezza, dolori muscolari e battito cardiaco accelerato. Generalmente questi avvengono subito dopo la vaccinazione e non sono associati a malattie più gravi o durature».

 

Tuttavia, ci sono state segnalazioni di danni più gravi associati al vaccino, in particolare anafilassi e paralisi di Bell. Ora in Gran Bretagna sono state segnalate 130 «reazioni avverse spontanee associate ad anafilassi o reazioni anafilattoidi» per il vaccino Pfizer e 30 per il vaccino di Oxford.

 

La paralisi di Bell, che comporta la paralisi facciale o l’indebolimento dei muscoli facciali, è stata segnalata 99 volte per il vaccino Pfizer e 15 volte per il vaccino di Oxford. L’MHRA afferma che, poiché questo disturbo «può anche verificarsi naturalmente, un’associazione con il vaccino non è ancora confermata». Ovvio.

La paralisi di Bell, che comporta la paralisi facciale o l’indebolimento dei muscoli facciali, è stata segnalata 99 volte per il vaccino Pfizer e 15 volte per il vaccino di Oxford

 

Il rapporto afferma che è stata segnalata una «gamma» di «segnalazioni isolate o serie» di altre reazioni avverse sospette gravi. Ha anche affermato, tuttavia, che «al momento non c’erano indicazioni di modelli o tassi specifici di segnalazione» che suggerissero che i vaccini ne fossero responsabili.

 

I suoi collegamenti a rapporti specifici allegati a ciascun vaccino mostrano, tuttavia un quadro chiaro di centinaia, o addirittura migliaia, di reazioni particolari.