Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Il gasdotto dietro gli insulti di Biden a Putin

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo editoriale apparso su Strategic Culture Foundation

 

 

 

La Russia farebbe bene a mantenere la calma e lasciare che gli americani si prendano gioco di se stessi.

 

 

Le relazioni tra Stati Uniti e Russia hanno raggiunto un pericoloso spartiacque a seguito di un insulto personale senza precedenti da parte del presidente americano Joe Biden all’omologo russo Vladimir Putin.

Gli insulti di Biden sono stati poi seguiti dalle minacce statunitensi di sanzioni draconiane per uccidere il progetto del gas Nord Stream 2 tra Russia ed Europa

 

Ma notate la sequenza. Gli insulti di Biden sono stati poi seguiti dalle minacce statunitensi di sanzioni draconiane per uccidere il progetto del gas Nord Stream 2 tra Russia ed Europa. Chi è l’assassino quindi?

 

Il mondo potrebbe essere grato che la Russia sia stata così magnanima nella sua risposta al cecchinaggio puerile e calunnioso di Biden. La crisi nelle relazioni bilaterali provocata dal presidente degli Stati Uniti ha il potenziale per intensificarsi, ma è solo grazie alla moderazione di Mosca che si sta controllando un ulteriore deterioramento delle relazioni – per ora.

 

È solo grazie alla moderazione di Mosca che si sta controllando un ulteriore deterioramento delle relazioni – per ora

In un’intervista con ABC News, in onda mercoledì, a Biden è stato chiesto se era d’accordo sul fatto che il leader russo fosse un «assassino». A cui il presidente americano ha risposto affermativamente: «Lo penso». Ha anche avvertito che la Russia «pagherà un prezzo» per le accuse di interferenze nelle elezioni statunitensi e altre presunte pratiche scorrette.

 

Si può tranquillamente presumere che l’amministrazione Biden sia determinata a peggiorare le relazioni con la Russia mentre le sue agenzie di intelligence «rivedono» nelle prossime settimane le supposizioni già fatte sulla presunta colpevolezza della Russia.

 

Da parte sua, il presidente russo ha risposto con calma e generosità, dicendo che augurava buona salute a Biden. Putin si è persino offerto di tenere una conversazione dal vivo con la sua controparte americana su una serie di questioni. Si potrebbe dedurre che si tratta di riferimenti obliqui a sospetti sulla salute mentale di Biden e sulla sua apparente perdita di poteri cognitivi quando parla in pubblico.

 

Si può tranquillamente presumere che l’amministrazione Biden sia determinata a peggiorare le relazioni con la Russia mentre le sue agenzie di intelligence «rivedono» nelle prossime settimane le supposizioni già fatte sulla presunta colpevolezza della Russia

Un altro commento di Putin è stato significativo. Ha detto dell’osservazione «killer» di Biden, «ci vuole uno per conoscerne uno».

 

La carriera di Joseph Biden come politico abbraccia quasi mezzo secolo, prima come senatore di lunga data, poi come vicepresidente in due amministrazioni e ora come 46° presidente degli Stati Uniti. Durante quel periodo, Biden è stato un attore chiave nel facilitare innumerevoli guerre e operazioni militari statunitensi all’estero che hanno provocato milioni di morti e la distruzione di intere nazioni.

 

In qualità di senatore anziano della commissione per gli affari esteri, è stato Biden che è stato determinante nel sostenere il Congresso per la guerra americana in Iraq a partire dal 2003. Quella sola guerra – basata su bugie e invenzioni riguardanti armi di distruzione di massa – ha portato un milione di morti e scatenato il terrorismo in tutto il Medio Oriente e oltre.

 

Più recentemente, appena quattro settimane dopo la sua inaugurazione, Biden ha ordinato attacchi aerei sulla Siria il 26 febbraio, provocando molteplici morti. È stato un atto omicida di aggressione illegale.

Biden è stato un attore chiave nel facilitare innumerevoli guerre e operazioni militari statunitensi all’estero che hanno provocato milioni di morti e la distruzione di intere nazioni

 

Quindi il presidente americano sa davvero cosa significa essere un assassino. Lo vede ogni volta che si guarda allo specchio.

 

L’arroganza casuale e l’ignoranza della classe politica americana è sbalorditiva. Fanno accuse contro Putin sulla base di voci inconsistenti, come il presunto avvelenamento del truffatore Alexei Navalny. E poi non hanno decenza o decoro biasimando etichette volgari.

 

Nel frattempo, le pile di cadaveri che giacciono sotto i piedi dei politici americani sono montuose. Non hanno vergogna.

 

Il presidente americano sa davvero cosa significa essere un assassino. Lo vede ogni volta che si guarda allo specchio.

A seguito dell’ultimo sfogo del presidente americano e della sua agenzia di intelligence che accusavano senza fondamento la Russia di interferire nelle elezioni del 2020, Mosca ha richiamato temporaneamente il suo ambasciatore per rivalutare le relazioni bilaterali. È la prima volta che accade in oltre 20 anni.

 

Non ci sono precedenti fattuali o diplomatici per l’evidente tentativo americano di provocare una crisi. Nemmeno durante i decenni di ghiaccio della Guerra Fredda i leader statunitensi si sono abbassati a una retorica così grossolana e offensiva.

 

Sembra esserci una degenerazione più generale nella condotta diplomatica di Washington nel corso delle recenti amministrazioni. L’America non ha più statisti. I suoi ranghi politici sono pieni di dilettanti e contadini e cospirazionisti dal gergo incomprensibile.

Non ci sono precedenti fattuali o diplomatici per l’evidente tentativo americano di provocare una crisi. Nemmeno durante i decenni di ghiaccio della Guerra Fredda i leader statunitensi si sono abbassati a una retorica così grossolana e offensiva.

 

Quando Biden ha vinto le elezioni, ha promesso di rinnovare la diplomazia americana con un’intelligente capacità di governo e abili negoziatori. Un primo segnale positivo è stato il suo pronto contatto con la Russia per estendere il nuovo trattato START che disciplina le armi nucleari. Ma a parte questa mossa, l’amministrazione Biden ha cercato di minare le relazioni bilaterali con la Russia. Le prospettive di una nuova distensione o di un ripristino sono state eliminate. (Lo stesso è evidente anche per quanto riguarda le relazioni degli Stati Uniti con Cina e Iran.)

 

Sembra probabile che Biden e il suo team stiano deliberatamente provocando una crisi con la Russia per giustificare una politica geopolitica di inasprimento dell’ostilità nei confronti di Mosca.

 

Il principale in questo contesto è il gasdotto Nord Stream 2 e l’obiettivo americano di terminare tale progetto. Il giorno dopo che Biden ha mandato le relazioni con la Russia in una spirale discendente, il suo Segretario di Stato Antony Blinken ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero imposto nuove e dure sanzioni a «qualsiasi entità coinvolta nel gasdotto Nord Stream 2».

Sembra probabile che Biden e il suo team stiano deliberatamente provocando una crisi con la Russia per giustificare una politica geopolitica di inasprimento dell’ostilità nei confronti di Mosca

 

Blinken ha affermato che ci sarebbe stato «un intero impegno del governo negli Stati Uniti per fermare» il progetto di fornitura di gas tra Russia ed Europa.

 

Non si può sopravvalutare il fatto che il gasdotto da 11 miliardi di dollari sia un enorme problema geopolitico. È in primo piano e al centro delle ambizioni globali di Washington. Gli americani vogliono ucciderlo per vendere il loro gas più costoso all’Europa per i decenni a venire. Washington vede anche la partnership energetica tra Russia ed Europa come un ostacolo alla sua posizione egemonica.

 

Il giorno dopo che Biden ha mandato le relazioni con la Russia in una spirale discendente, il suo Segretario di Stato Antony Blinken ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero imposto nuove e dure sanzioni a «qualsiasi entità coinvolta nel gasdotto Nord Stream 2»

La Germania e altri stati europei sono rimasti fermi nel loro sostegno al completamento della costruzione del Nord Stream 2, che è terminato per circa il 95%, quasi 1.200 chilometri di gasdotto sotto il Mar Baltico dalla Russia alla costa tedesca.

 

Quando diventerà operativo, il flusso di gas in Germania dalla Russia raddoppierà di volume. Quindi è vitale per la crescita a lungo termine della Germania e dell’Europa.

 

Nel disperato tentativo di contrastare il partenariato strategico tra Russia ed Europa, Washington sta ricorrendo a minacce sempre più frenetiche di sanzioni e altre misure dirompenti.

 

Biden sta giocando la carta dell’insulto personale in una mossa per far saltare le relazioni bilaterali con la Russia come un modo per sabotare Nord Stream 2.

Gli americani vogliono ucciderlo per vendere il loro gas più costoso all’Europa per i decenni a venire. Washington vede anche la partnership energetica tra Russia ed Europa come un ostacolo alla sua posizione egemonica

 

È una mossa patetica, che in realtà parla più dello indebolimento storico dell’America piuttosto che delle pretese di potere.

 

La Russia farebbe bene a mantenere la calma e lasciare che gli americani si prendano gioco di se stessi.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Mar Cinese meridionale: scontro verbale tra Taipei e Manila sull’atollo di Itu Aba

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Posizionato nelle isole Spratly, è rivendicato da entrambi i Paesi. La scintilla è stata un’esercitazione militare di Taipei al largo dell’affioramento, che è controllato dalla Guardia costiera taiwanese. Tra gli Stati della regione, non è solo la Cina ad aver occupato territori contesi.

 

 

Taiwan e Manila si scontrano verbalmente riguardo alla sovranità sull’atollo di Itu Aba, parte dell’arcipelago delle Spratly, nel Mar Cinese meridionale, teatro di dispute territoriali tra diversi Stati della regione e che la Cina rivendica per quasi il 90%.

 

Oggi il ministero taiwanese degli Esteri ha dichiarato che le forze navali nazionali hanno il diritto di compiere esercitazioni al largo dell’isola, che il governo di Taipei chiama Taiping e considera come propria. Ieri Manila aveva espresso «forti obiezioni» a quelle che ha definito manovre militari «illegali» nel territorio filippino di Ligaw Island.

 

L’isolotto è conteso dalle due parti, ma è sotto controllo di Taipei, che vi ha stanziato una guarnigione della Guardia costiera.

 

Taiwan amministra anche l’isola di Pratas (o Dongsha), nella parte settentrionale del Mar Cinese meridionale. Diversi esperti ipotizzano che l’invasione cinese di Taiwan potrebbe essere preceduta da un’operazione militare per conquistare Pratas.

 

Di solito le Filippine si scontrano con la Cina sui diritti sovrani nel Mar Cinese meridionale. Manila, insieme a Vietnam, Brunei, Malaysia, Taiwan e in parte l’Indonesia, si oppone alle pretese territoriali di Pechino.

 

Ciò non ha impedito al gigante asiatico di militarizzare alcune isole e banchi coralliferi del Mar Cinese meridionale. Per contenere l’espansione della Cina, le navi da guerra degli Stati Uniti compiono regolari pattugliamenti nei pressi di questi avamposti militari.

 

Secondo i dati dell’Asia Maritime Transparency Initiative, i cinesi hanno 27 avamposti nella regione: 20 nelle isole Paracel e 7 nelle Spratly. Pechino controlla anche la secca di Scarborough, motivo di continue tensioni con le Filippine.

 

Non è solo la Cina a occupare però aree contese nel Mar Cinese meridionale.

 

Oltre ai due territori sotto controllo di Taiwan, la Malaysia si è impossessata di cinque affioramenti nelle Spratly.

 

Nello stesso arcipelago le Filippine occupano nove atolli. Il Vietnam vanta invece tra 49 e 51 avamposti sparsi in 27 isolette.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Economia

Putin firma una nuova legge che vieta l’uso delle risorse minerarie russe da parte degli stranieri

Pubblicato

il

Da

Il presidente russo Vladimir Putin ha appena firmato una nuova legge che vieta a tutti gli stranieri di utilizzare minerali e altre risorse trovate nel sottosuolo russo.

 

Questo è un decreto forte che garantisce efficacemente che le formidabili risorse naturali della Russia saranno interamente nelle mani pubbliche e private russe.

 

L’agenzia russa TASS ha riferito che «per continuare a lavorare in Russia, le società straniere dovranno creare entità legali nella Federazione Russa e trasferire loro i diritti di utilizzo dei lotti del sottosuolo. Le licenze valide per il diritto di utilizzo del sottosuolo detenute da stranieri saranno trasferite a entità russe o restituite al fondo del sottosuolo».

 

Agli stranieri è stata data una scadenza di 30 giorni.

 

La legge afferma inoltre che la compagnia delle ferrovie russe ha il diritto di «utilizzare i lotti del sottosuolo locale per estrarre minerali per la costruzione delle ferrovie Baikal-Amur e Transiberiana senza aste», secondo TASS.

 

Come riportato da Renovatio 21, al recente incontro BRICS (Brasile Russia Cina Sudafrica) Putin ha intavolato la discussione su valute per il commercio mondiale alternative al dollaro.

 

Il mese scorso, parlando delle sanzioni comminate dall’Europa alla Russia, il presidente della Federazione Russa parlò di un «autodafé economico» dei Paesi UE.

 

La Russia forse può fare a meno dell’economia europea. Ma l’Europa può fare a meno delle risorse russe?

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

Continua a leggere

Geopolitica

La NATO considera la Russia e la Cina minacce alla sua sicurezza e ai suoi valori

Pubblicato

il

Da

In una conferenza stampa ieri a Madrid, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha anticipato ciò che l’alleanza si aspetta dal vertice iniziato oggi a Madrid.

 

«Il nostro nuovo concetto [strategico] ci guiderà in un’era di competizione strategica», ha affermato. «Mi aspetto che chiarirà che gli alleati considerano la Russia la minaccia più significativa e diretta alla nostra sicurezza. Per la prima volta affronterà la Cina e le sfide che Pechino pone alla nostra sicurezza, ai nostri interessi e ai nostri valori».

 

Stoltenberg ha annunciato che gli alleati hanno concordato una massiccia espansione della Forza di risposta della NATO.

 

«Trasformeremo la Forza di risposta della NATO e aumenteremo il numero delle nostre forze ad alta prontezza a ben oltre 300.000».

 

La «trasformazione» accompagnerà un «aumento» della capacità della NATO, anche con «equipaggiamento più preposizionato e scorte di rifornimenti militari, capacità più avanzate, come difesa aerea, comando e controllo rafforzati e piani di difesa aggiornati , con forze preassegnate a difendere specifici Alleati».

 

Per quanto riguarda il conflitto in corso, la NATO «accetterà un pacchetto di assistenza globale rafforzato per l’Ucraina», ha affermato Stoltenberg.

 

«Ciò includerà consegne sostanziali di supporto in aree come comunicazioni sicure, sistemi anti-droni e carburante. A lungo termine, aiuteremo l’Ucraina a passare dall’equipaggiamento militare dell’era sovietica al moderno equipaggiamento della NATO e rafforzeremo ulteriormente le sue istituzioni di difesa e sicurezza».

 

Come riportato da Renovatio 21, l’alto papavero danese della NATO dieci giorni fa aveva dichiarato di non sapere se la guerra in Ucraina potesse durare anni.

 

«Nessuno lo sa. Dobbiamo prepararci al fatto che potrebbero volerci anni. Non dobbiamo smettere di sostenere l’Ucraina. Anche se i costi sono elevati, non solo per il supporto militare, ma anche per l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari»

 

Lo Stoltenbergo aveva altresì già incluso nei suoi discorsi anche la Cina.

 

«Anche la Cina apparirà per la prima volta sulla carta. Perché l’ascesa della Cina è una sfida ai nostri interessi, ai nostri valori e alla nostra sicurezza».

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari