Connettiti con Renovato 21

Economia

Il crollo finanziario globale sarà «certezza matematica» entro 2 anni: parla un ex manager di BlackRock

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health DefenseLe opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Edward Dowd, un ex gestore di portafoglio azionario per BlackRock, spiega al dottor Joseph Mercola perché crede che il sistema finanziario globale crollerà entro i prossimi due anni.

 

 

Edward Dowd è un «guru» degli hedge fund ed ex gestore di portafogli azionari per il più grande asset manager del mondo, BlackRock. Negli ultimi due anni, Dowd si è fatto avanti con coraggio per sensibilizzare le persone ai danni collaterali della pandemia di COVID-19.

 

Ad esempio, all’inizio di marzo 2022, Dowd ha condiviso le statistiche sulla mortalità nella War Room di Steve Bannon, mostrando che i millennial di età compresa tra 25 e 44 anni hanno avuto un aumento dell’84% della mortalità in eccesso durante l’autunno del 2021.

 

 

Lezioni di boom and bust

Edward Dowd si interessò alla finanza subito dopo il college. Ha ottenuto un lavoro con HSBC Holdings, la più grande banca d’Europa, come venditore istituzionale a reddito fisso, vendendo obbligazioni.

 

«Quella è stata una formazione quinquennale su ciò che accade realmente nei mercati dei capitali», dice, «e tutto ciò che impari nei libri di testo è spazzatura … ho imparato a conoscere Wall Street, come funzionava e come è stato incentivato».

 

Dowd continua:

 

«Quando ero un venditore di obbligazioni dal 1990 al 1995, ci sono stati un sacco di scandali. Wall Street è fondamentalmente un’operazione di boom and bust [espansione e contrazione, ndt]. Di solito c’è un boom creato dalla Federal Reserve che mette soldi nel sistema.

 

«Non controllano dove vanno a finire i loro soldi e Wall Street ne approfitta. E di solito finisce con una frode».

 

«Lo scandalo dei primi anni ’90 fu la frode con i titoli garantiti da ipoteca. C’era una grande azienda di Wall Street che è fallita perché aveva delle operazioni nascoste nel cassetto. I sistemi informatici non erano così robusti, quindi alcuni trader nascondevano le perdite e quell’azienda è andata a gambe all’aria».

 

«È interessante notare che BlackRock all’epoca ha contribuito a risolvere questo problema. Avevano sistemi informatici [il sistema Aladdin] che aiutavano ad analizzare i titoli garantiti da ipoteca… in pratica è solo un software di gestione del rischio».

 

Quindi, ho imparato i motori di Wall Street, ma volevo entrare nel business delle azioni. Sono tornato alla business school dell’Università dell’Indiana, mi sono laureato nel ’97 e sono andato a Wall Street da Donaldson, Lufkin & Jenrette, dove ero un analista di servizi elettronici in fondo al corridoio della gente di internet che stava facendo tutte le IPO [offerte pubbliche iniziali, ndt]».

 

«Fondamentalmente, la frode sulle IPO era presente in ogni casa di investimento e non era una frode pesante, era una frode leggera». 

 

«Semplicemente non stavano facendo la due diligence, ovvero l’analisi di tutti i potenziali fattori di rischio e opportunità legati ad un investimento, che facevano le istituzioni. Prima di mettere in vendita una società in IPO, si sarebbero assicurati che la società avesse cose come entrate e alla fine degli anni ’90 ciò è andato nel dimenticatoio».

 

«Quindi, molte aziende senza entrate e solo idee sono state IPO … Alla fine la FED [Federal Reserve, ndt] ha fatto quello che fa. Hanno inasprito i tassi di interesse, la bolla è scoppiata ed è stata smascherata tutta una serie di frodi aziendali: WorldCom, Enron, Lucent Technologies, Nortel Networks».

 

Dopo quel fallimento, la Federal Reserve è tornata a stampare moneta e, nel 2008, la bolla immobiliare è scoppiata, provocando una massiccia recessione.

 

Descrivo le forze all’opera – allora e ora – nell’articolo «Chi c’è dietro il collasso economico?»

 

Al momento di quel crollo economico, Dowd lavorava per State Street Investment Research, che è stata acquistata da BlackRock.

 

 

Gestori patrimoniali e cabala globale

Per molti, BlackRock sembra svolgere un ruolo importante nello sforzo della cabala globalista di inaugurare il Grande Reset. Dowd, dopo aver firmato un accordo di non denigrazione, non è libero di discutere le sue opinioni su BlackRock, ma può parlare di giocatori simili, come Blackstone e Vanguard, quest’ultimo un’istituzione di dimensioni simili.

 

Dowd dice:

 

«Non credo che controllino queste società [le società di cui sono titolari], ma hanno un’influenza indebita, di cui ha scritto Charlie Munger di Berkshire Hathaway».

 

«Fondamentalmente, a causa della crescita degli ETF passivi [fondi negoziati in borsa], il voto di tali azioni va ai dirigenti senior dell’azienda. E così, in Vanguard c’è una certa influenza su alcuni voti del consiglio».

 

«All’epoca… la maggior parte delle disuguaglianze monetarie erano gestite da gestori di portafoglio fondamentali. Una volta votavo per il consiglio, ma poiché eravamo così impegnati, avevamo circa 80 società nel nostro portafoglio, c’era una società chiamata Institutional Shareholder Services, ISS, che ci avrebbe aiutato a capire i voti».

 

«Era un sistema software che analizzava tutte le proposte e poi ci diceva come votare di conseguenza. E, se volessimo trattenere un voto o cambiare un voto, lo faremmo. Quindi, sembra esserci una concentrazione di potere nei voti. Il voto era più diffuso tra molte, molte persone diverse».

 

«Quindi, non controllano [le aziende che possiedono]. Vanguard e BlackRock sono agenti. Gestiscono i soldi degli altri. Ma votano su alcune delle proposte del consiglio degli azionisti. Quindi, non prendono il telefono e chiamano Bourla alla Pfizer e dicono: “Fai quello che diciamo”. È un’influenza più morbida».

 

«Tuttavia credo che, come concentrazione della quota di mercato, Vanguard e BlackRock siano le più grandi società di gestione patrimoniale di investimento passivo. Charlie Munger aveva ragione sul fatto che ci sono troppe decisioni in troppo poche mani».

 

«Ancora una volta, non penso che gestiscano le aziende. Ma dove c’è una concentrazione di potere, ci sono sicuramente cose che possono andare storte e non sono esattamente al di sopra del limite, ma non ho prove di ciò. È proprio quando il potere è concentrato, di solito accadono cose brutte».

 

 

La procrastinazione dell’apocalisse finanziaria

Ultimamente, ho scritto molti articoli che discutono del prossimo crollo finanziario. I segni puntano tutti in quella direzione e, secondo Dowd, è una certezza matematica.

 

Il sistema della Federal Reserve, che è un sistema monetario basato sul debito, è stato creato nel 1913, lo stesso anno in cui sono stati creati l’IRS e il sistema fiscale. Il sistema di creazione di denaro attraverso il debito è intrinsecamente fraudolento.

 

All’inizio, le banche avrebbero prestato il debito e il debito avrebbe trovato la sua strada in diverse aree di crescita, che si sarebbero poi surriscaldate. La frode si è verificata perché il denaro era troppo facile, ma si trattava principalmente di frode del libero mercato.

 

Alla fine degli anni ’90, la frode aziendale ha preso il sopravvento e abbiamo avuto una correzione del mercato azionario del 50%. La Federal Reserve ha risposto aprendo il rubinetto del denaro: hanno abbassato i tassi di interesse e il denaro si è fatto strada nel mercato immobiliare, che si è trasformato in una bolla insostenibile.

 

Il settore immobiliare veniva ipotecato attraverso obbligazioni di debito collaterali e titoli garantiti da ipoteca. Wall Street ha fatto leva 20-a-1, 30-a-1 sui loro bilanci per fare soldi e pensava che la festa sarebbe andata avanti per sempre. Ma inevitabilmente, la FED ha iniziato ad alzare i tassi di interesse e l’intera faccenda è crollata.

 

Secondo Dowd, il problema di questa frode bancaria era che era di natura sistemica. Le banche centrali hanno dovuto intervenire e acquistare questo debito fraudolento.

 

Quindi, questa frode rimane ancora oggi, nel bilancio della Federal Reserve e nei bilanci di innumerevoli altre banche. In altre parole, la frode non è andata via. Era appena nascosto.

 

 

Il collasso finanziario è una certezza matematica

«Poi, i governi, poiché l’economia è crollata a livello globale, hanno iniziato a spendere come marinai ubriachi», afferma Dowd. «Gli ultimi 12 anni sono stati un’ondata di quella che chiamo la bolla banca centrale-governo, la bolla dei titoli di debito sovrano».

 

Chi salverà quella bolla? Chi sarà l’acquirente di tutto quel debito quando questa bolla finalmente esploderà? Risposta: Nessuno. Molti di coloro che sono consapevoli della situazione sono semplicemente sorpresi che il sistema sia durato così a lungo.

 

Sembrava fosse pronto per esplodere nel 2019, e poi, convenientemente, si è presentato il COVID-19, che ha concesso poteri di emergenza a tutte le banche centrali. I governi hanno fatto un’altra spesa frenetica, stampando denaro, e questo ha permesso loro di calciare la proverbiale lattina lungo la strada per altri due anni.

 

Dowd dice:

 

«Eccoci nel 2022 e si sta disfacendo di nuovo. E il motivo per cui il COVID era importante è perché la Federal Reserve è stata in grado di tappare il buco in quella che stava iniziando a diventare una crisi del debito di liquidità».

 

«Hanno stampato il 65% in più di denaro. Lo stock di denaro è aumentato del 65% anno su anno nel 2020 e questo è stato in grado di coprirlo. Poi, quando l’economia è stata chiusa, è stato uno shock esterno, non interno, quindi quando hanno riaperto con tutti i soldi del sistema, abbiamo avuto una ripresa per un anno e mezzo. I mercati azionari sono impazziti, i mercati del credito sono impazziti e siamo risaliti di nuovo».

 

«Ma eccoci qui due anni dopo, [con] l’inflazione causata dalle cattive politiche dell’amministrazione Biden, dell’UE, dalla crescita del denaro … inoltre, il COVID ha rotto molte catene di approvvigionamento». 

 

«Fondamentalmente, non avevamo avuto inflazione nei beni e servizi degli ultimi 12 anni. Abbiamo avuto inflazione in asset, azioni e obbligazioni».

 

«Quello che sta succedendo ora è che l’economia reale sta risentendo degli effetti dell’inflazione, delle cattive politiche. Stiamo iniziando a vedere il dollaro USA salire e il dollaro è una valuta di riserva mondiale. Negli ultimi 22 anni, c’è stata un’enorme crescita in quello che viene chiamato debito denominato in dollari … Abbiamo circa 15 trilioni di dollari di debito denominato in dollari».

 

«Quindi, quando vedi il dollaro salire, è indicativo di una crisi del debito perché il denaro sta diventando poco. Ci sono meno dollari là fuori. Le persone cercano dollari. E il motivo per cui penso che stiamo per crollare a breve è che non abbiamo mai visto un ciclo di inflazione delle materie prime con il dollaro che sale allo stesso tempo».

 

«Puoi sostenere che è intenzionale perché le politiche sono così cattive che stanno interrompendo la produzione di energia. Prima della guerra in Ucraina, il primo ordine esecutivo di Biden nel primo giorno della sua amministrazione era di chiudere l’oleodotto Keystone. Allora eccoci qua. Penso che siamo alla fine».

 

«Il COVID ha fornito copertura per le banche centrali e i governi, ma ha anche consentito un sistema di controllo. Se tutto sta per crollare, non sarebbe bello avere un sistema di controllo in cui i viaggi sono limitati, puoi dare la colpa a un virus, creare passaporti per i vaccini, che poi vengono collegati agli ID digitali e quindi alla valuta digitale della banca centrale. Quindi, penso che il COVID fosse una scusa conveniente».

 

«Mentre avanziamo nel tempo, comincio a pensare che questo fosse un piano.  Non ho prove, ma il fatto che non stiamo fermando quello che sta succedendo mi suggerisce che si tratta di una cospirazione di interessi e non vogliono fermare il lancio di questi vaccini».

 

«E più a lungo va avanti, più divento convinto che il COVID potrebbe essere stato un piano. Dicevo che era una scusa conveniente, ma più a lungo va avanti, più diventa ridicolo. Quindi, penso che ci fosse una cattiva intenzione».

 

 

Una domanda su quando

Dowd crede che il collasso finanziario iniziale si verificherà entro i prossimi 6-18 mesi, o al massimo 24 mesi. Se i mercati azionari diventano seriamente sconvolti e iniziamo a registrare ribassi di oltre il 40% negli indici, la Federal Reserve potrebbe iniziare ad acquistare azioni a titolo definitivo, il che si tradurrà in un sistema neofeudalesimo che amplificherà solo le discrepanze già esistenti tra gli abbienti e i non abbienti.

 

Il motivo, spiega Dowd, è perché:

 

«Non esiste un meccanismo di mercato per punire qualcuno per aver preso decisioni sbagliate. Le loro decisioni sbagliate vengono salvate dalle banche centrali. L’azzardo morale è così alto che se sei solo un dirigente di livello C [il massimo livello, come CEO, CFO, COO, etc., ndt] in una grande azienda Fortune 500, diventerai straordinariamente ricco e non dovrai essere davvero bravo. Sarai uno dei lord e dei lavoratori e tutti gli altri lotteranno per sbarcare il lunario».

 

«Questo è quello che è successo negli ultimi 12 anni. L’economia per la maggior parte è stata un’economia dei grandi e di quelli vicini alla macchina da stampa… Se stai cercando di creare effettivamente una piccola impresa, se sei un lavoratore in una di queste società e non ottieni molte stock option, non stai andando avanti».

 

 

Perché Dowd ha iniziato a parlare del vaccino COVID

Dowd, che vive a Maui, è stato coinvolto per la prima volta nella lotta anti-vaccino quando sono stati lanciati gli obblighi. A Maui bisognava avere un passaporto vaccinale solo per entrare in un ristorante o in una palestra.

 

«Ero sospettoso del vaccino fin dall’inizio perché sapevo due cose: qualsiasi operazione Warp [cioè, di grande velocità, ndt]  suona come un disastro. Sul serio. E, numero 2, [il siero] era sperimentale e sapevo che la maggior parte dei vaccini richiedeva dai sette ai 10 anni di dati sulla sicurezza per essere verificati prima di essere messi nelle braccia delle persone».

 

«Quindi, ho pensato che tutti sarebbero stati come me – razionali – e non l’avrebbero accettato. Poi, quando ho visto la macchina della propaganda, la pressione sociale, ho capito che c’era qualcos’altro in corso, che stava succedendo qualcosa, ed è allora che sono stato super coinvolto». 

 

«Ho iniziato ad andare ai raduni di Maui. Ho iniziato a incontrare persone che la pensano allo stesso modo ed è così che sono entrato in contatto con il dottor [Robert] Malone qui a Maui».

 

«Ora faccio parte dell’equipaggio che sta cercando di smascherare questo crimine. Quando ho incontrato [Malone] nell’ottobre del 2021, gli ho detto che avevo il sospetto che stavano succedendo un sacco di cose brutte con i vaccini… Ho detto che avrei monitorato le compagnie di assicurazione e le compagnie di pompe funebri, e se la mia tesi fosse stata corretto, si sarebbero mostrati in quei risultati e, in effetti, lo hanno fatto».

 

La scelta di concentrarsi su database non governativi è stata premonitrice, poiché il CDC negli ultimi mesi ha iniziato a compromettere le statistiche sulla mortalità. Presumibilmente stanno aggiornando i server e ricaricando i dati sulla mortalità per tutte le cause, e ora mancano decine di migliaia di rapporti di morte.

 

 

La mortalità per tutte le cause è un endpoint cruciale per qualsiasi farmaco

«Stavo usando la parola frode abbastanza liberamente nell’autunno del 2021 riguardo a Pfizer», dice Dowd, e non appena ha visto che la FDA voleva nascondere i dati di Pfizer per 75 anni, è stato assolutamente convinto.

 

«Questa è una prova primaria di insabbiamento», dice.

 

Ora, mentre quei documenti stanno iniziando a riversarsi, a un ritmo di 55.000 pagine al mese, ci stiamo rendendo conto di ciò che la FDA e la Pfizer erano così ansiose di nascondere.

 

Dowd continua:

 

«L’endpoint di mortalità per tutte le cause, questo è qualcosa di cui dobbiamo parlare. Normalmente, se sei un’azienda biotecnologica di un singolo prodotto e fai una sperimentazione clinica che non supera l’endpoint di mortalità per tutte le cause, il farmaco non viene approvato» [dalla FDA].

 

«Alla fine della giornata, se il rischio è superiore al beneficio, questa cosa non viene approvata. L’endpoint di mortalità per tutte le cause per il vaccino Pfizer, quando ne pubblicizzavano l’efficacia, nascondevano convenientemente quel dato a tutti. È uscito nella richiesta FOIA in autunno e, ancora una volta, il processo è durato solo 28 giorni».

 

«Anche questo è senza precedenti. Quindi, in 28 giorni, ci sono stati qualcosa come 23 decessi nel gruppo del vaccino e 17 nel gruppo del placebo, il che dà un eccesso di mortalità per tutte le cause del 23%. Non avrebbe dovuto essere approvato solo su questo. Questa è una frode a mio modesto parere».

 

Come notato da Dowd, una delle controargomentazioni più notevoli emerse da un caso di contenzioso per frode contro Pfizer negli ultimi mesi è che gli avvocati di Pfizer affermano che anche se c’è una frode, Pfizer non può essere perseguita perché il governo ne era a conoscenza.

 

«Perché questo non è il titolo più importante nei media mainstream?» chiede Dowd. «Solo quelli di noi nella camera dell’eco che sono in cima a questo problema sembrano saperlo».

 

Nel mondo reale, l’eccesso di mortalità per tutte le cause dimostrato nel processo a Pfizer si sta rivelando un gioco da ragazzi. Il Regno Unito, ad esempio, ha visto un aumento della mortalità in eccesso tra il 10% e il 20% da quando sono stati lanciati i vaccini.

 

In altre aree, e/o in determinate categorie di età, l’eccesso di mortalità è di gran lunga maggiore, ma la FDA e il CDC stanno semplicemente seguendo questo approccio, senza fare assolutamente nulla per avvertire nessuno dei rischi.

 

 

Aumenti scioccanti della mortalità in eccesso

Come notato da Dowd, le compagnie assicurative registravano un aumento del 40% della mortalità in eccesso tra gli adulti in età lavorativa durante l’autunno del 2021. Un aumento del 10% della mortalità per tutte le cause è una catastrofe che capita una volta in 200 anni, quindi il 40% è solo fuori classifica.

 

Prima che il CDC iniziasse a manipolare le sue statistiche sulla morte, anche questo mostrava che la mortalità per tutte le cause era aumentata di circa il 40%, afferma Dowd. 

 

La pistola fumante nei dati del CDC è stata trovata quando la mortalità in eccesso è stata suddivisa per fascia di età.

 

I millennial, quelli di età compresa tra 25 e 44 anni, hanno avuto un enorme aumento dell’84% della mortalità in eccesso durante l’autunno del 2021.

 

Dowd dice:

 

«Cercano di spiegarlo dicendo che, beh, i blocchi causano morti per disperazione, suicidi, droghe e alcol e persone che mancano ai loro screening per il cancro».

 

«Ebbene, in un arco di tempo di tre mesi, siamo passati dal 40% al 50% in eccesso di mortalità in estate, all’84% in eccesso di mortalità in autunno per la fascia di età millennial, che ha rappresentato circa 61.000 persone tra marzo del ’21 e febbraio 20222».

 

«Sessantuno mila morti eccessive rappresentano una guerra del Vietnam in un anno per quella fascia di età. Questo è ciò che è successo. E guarda, questi hanno un’età compresa tra 25 e 44 anni. Non dovresti morire a quell’età a meno che non sia accidentale o autoindotto tramite suicidio o abuso di droghe».

 

«E non puoi dirmi che tutti hanno deciso, in un lasso di tempo di tre mesi, di suicidarsi e di overdose. Non ha senso».

 

C’è stato anche un enorme spostamento delle morti nel 2021 dagli anziani ai giovani, con i giovani che ora muoiono a un ritmo allarmante.

 

«A questo punto, abbiamo le prove del crimine», dice Dowd. «Quello di cui sono scioccato è il fatto che i media mainstream lo stiano ancora oscurando. La buona notizia è che sembra esserci il passaparola e sempre più persone, perché il vaccino non funziona, non ricevono booster».

 

 

Massiccio aumento delle disabilità

Secondo Dowd, anche le compagnie di assicurazione stanno segnalando aumenti delle indennità di invalidità per il primo trimestre del 2022 e anche le compagnie di assicurazione e le pompe funebri stanno assistendo a un continuo aumento della mortalità in eccesso.

 

«Nel secondo trimestre, le compagnie assicurative stanno giocando in questo momento in cui stanno rilasciando riserve, stanno aumentando i prezzi, quindi non sembra così male, ma non è ancora buono».

 

«Le compagnie di pompe funebri stanno ancora vedendo una crescita superiore a quella che pensavano di vedere. Pensavano che sarebbero tornati sulla linea di tendenza e stanno ancora ottenendo una crescita anno dopo anno». 

 

«Devi ricordare che la loro crescita anno su anno è rispetto al 2021».

 

«Quindi, non dovrebbero crescere. E queste sono vendite nello stesso negozio, non tramite acquisizioni. Quindi, questi sono dati comparabili di vendita nello stesso negozio anno dopo anno. Ed entrambe le società di pompe funebri che ho esaminato per il secondo trimestre sono aumentate le vendite nello stesso negozio tra il 2% e il 3%, che è paragonabile al secondo trimestre del 2021». 

 

Dovrebbe crollare del 20%, 30% e non lo è.

 

«Parliamo dei dati sulla disabilità. Questo è molto importante. Penso che scopriremo, per quanto tragico sia il peggior evento avverso, la morte, ci sono cose peggiori della morte; disabilità che alterano la vita che rendono la tua vita invivibile e coloro che vivono con te devono prendersi cura di te».

 

«E l’impatto sulla società è molto peggiore di una morte improvvisa… Il mio partner, che era un ex analista assicurativo di Wall Street, ha scoperto un database federale, il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, e la buona notizia è che non hanno qualsiasi interessi in questo gioco».

 

«Fanno un’indagine familiare ogni mese. Ogni mese riceviamo i numeri di occupazione che derivano da loro e fanno un sacco di domande diverse, alcune delle quali riguardano la disabilità, che essenzialmente si riducono a “Sei disabile e/o qualcuno nella tua famiglia è disabile di lavorare età?”»

 

«Per i cinque anni precedenti al 2021, quel numero era compreso tra 29 milioni e 30 milioni. Ora sono 33 milioni e stanno crescendo in modo significativo dal 2021.  E ha iniziato davvero a decollare a maggio, giugno del 2021».

 

«Ho fatto fare ad alcuni dottorati in fisica analisi statistiche e stanno dicendo che è quasi una deviazione standard di quattro standard sopra la norma, e la sua pendenza, il tasso di cambiamento, è allarmante».

 

«Abbiamo aumentato i disabili del 10%. Ora, questo non ha nulla a che fare con le richieste di invalidità. Questa è l’autoidentificazione. Questo non è legato a una nota del medico o all’invalidità. Questo è solo qualcuno che dice, volontariamente, di essere disabile».

 

«Quindi, il numero di disabili potrebbe essere molto, molto di più. Stiamo solo grattando la superficie qui. Ma il segnale è il cambiamento, il tasso di cambiamento, la deviazione standard sopra la norma, che è quattro. Tre deviazioni standard sono pazzesche».

 

«Quattro è sbalorditivo. Quindi, questo è quello che sta succedendo. Se ti chiedi, perché c’è carenza di manodopera? Penso che questo spieghi molto».

 

«E lo moltiplichi a livello globale e parlano di catene di approvvigionamento e incapacità di assumere persone: questo sta sicuramente accadendo. Penso anche che gran parte dell’inflazione che stiamo vedendo sia dovuta alle persone che non sono in grado di lavorare».

 

 

Lati positivi

Se c’è un lato positivo in questo pasticcio, è che i genitori si stanno rendendo conto dei pericoli non solo del vaccino COVID-19, ma anche del programma di vaccinazione infantile nel suo insieme. All’inizio di agosto 2022, solo il 3% dei bambini di età inferiore ai 5 anni aveva ricevuto il vaccino COVID-19. Molti stanno anche dando una seconda occhiata ad altri vaccini, compresi i vaccini per adulti.

 

Questo è atteso da tempo, poiché nessuno dei vaccini nel programma di vaccinazione infantile è mai stato confrontato con un vero placebo per confermare la sicurezza e l’efficacia, e nessuno studio è stato condotto per confermare che somministrare più vaccini contemporaneamente sia effettivamente sicuro.

 

«Penso che mentre questo scandalo crolla e si sviluppa, rifarà molte delle nostre istituzioni», dice Dowd, «e penso che sia una buona cosa. Penso che le persone come te e gli altri che sono state lasciate fuori saranno vendicate. Non prenderò mai più un altro vaccino o un vaccino antinfluenzale. Ho finito».

 

 

Sei preparato?

Riguardo a cosa puoi fare per prepararti all’inevitabile crollo finanziario, Dowd dice:

 

«Le persone mi chiedono consigli sugli investimenti. Detesto darlo, ma dirò questo: se le attività finanziarie stanno per crollare, non preoccuparti dell’inflazione. Probabilmente è una buona idea avere parte del tuo portafoglio… in contanti, per sfruttare lo scenario sanguinoso che sta arrivando».

 

«In modo che, quando tutti vendono, stai facendo quello che faceva JP Morgan in passato: stai comprando. Non è una cattiva idea».

 

Oltre a proteggere le tue risorse finanziarie, faresti bene a prepararti anche ad altri scenari correlati, come la carenza di cibo, acqua ed energiaRaccogli le scorte e scopri come vivere in uno scenario «off-grid» [tagliato fuori dalle reti, ndt], nel caso in cui le comodità quotidiane svaniscano improvvisamente.

 

Preparati anche mentalmente, emotivamente e spiritualmente per quelli che potrebbero essere tempi stressanti e difficili mentre la cabala globalista continua a portare avanti il Grande Reset, che richiederà più «emergenze».

 

Dowd dice:

 

«Abbiamo le scadenze intermedie in arrivo. Le persone al potere hanno una paura mortale perché sono stati commessi crimini, quindi sospetto imbrogli». 

 

«Stanno cercando di far andare il vaiolo delle scimmie. Questo non sembra catturare l’immaginazione delle persone».

 

«Potrebbero tentare, sospetto, la buona guerra vecchio stile. La guerra di solito si occupa di molti problemi».

 

«La cosa di cui dobbiamo preoccuparci è la Cina. La Cina ha un problema demografico. Sono in un declino demografico iniziato nel 2020… Negli anni ’80 e ’90, tutti dicevano che il Giappone avrebbe superato gli Stati Uniti». 

 

«Ebbene, il Giappone ha avuto un crollo demografico. Sono crollati e hanno perso due decenni. La Cina lo sta subendo solo ora». 

 

«Larry Fink è un buon uomo d’affari, ma sta andando in Cina esattamente nel momento sbagliato. La Cina è finita, a mio modesto parere. È un punto di vista contrarian, ma è supportato da dati… Sono troppo indebitati e stanno letteralmente implodendo mentre parliamo». 

 

«Molti di questi lockdown COVID che vedi negli ultimi due mesi non sono altro che coprire le corse agli sportelli. Una delle loro più grandi paure… è la loro stessa popolazione».

 

«Finché davano da mangiare alle persone e trovavano lavoro, non dovevano preoccuparsi. Se c’è un collasso economico, ciò che tradizionalmente fanno la maggior parte dei Paesi è creare un demone esterno che unisce tutti».

 

«Se fossi la Cina, e gestissi lo spettacolo e fossi una persona malvagia, inizierei qualcosa con Taiwan solo per concentrare tutti al di fuori delle questioni interne in Cina».

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Economia

La Russia si avvicina all’uso dei Bitcoin per il commercio internazionale

Pubblicato

il

Da

Il Ministero delle Finanze della Federazione Russa e la Banca Centrale russa hanno concordato una bozza di legge che consente pagamenti in bitcoin e criptovalute per accordi commerciali internazionali, secondo un rapporto dell’agenzia governativa TASS.

 

Il disegno di legge «nel suo insieme scrive come è possibile acquistare la criptovaluta, cosa si può fare con essa e come si possono o non possono essere effettuati accordi transfrontalieri», ha dichiarato il viceministro delle finanze Alexeij Moiseev.

 

L’accordo fa seguito a precedenti dichiarazioni in cui il viceministro  Moiseev affermava che era impossibile per la Russia condurre il commercio internazionale senza l’uso di bitcoin e criptovalute a causa delle attuali circostanze relative alle sanzioni.

 

Tuttavia, come scrive Bitcoin Magazine, la Banca di Russia si oppone ancora alla legalizzazione degli scambi di criptovalute e all’interno della Federazione Russa.

 

«Il sentimento della Banca Centrale continua a illustrare la divergenza di opinioni tra autorità di regolamentazione e funzionari di governo in Russia».

 

Il disegno di legge iniziale che proponeva un framework per le risorse digitali è stato presentato all’inizio di quest’anno dal governo russo che ha incoraggiato il divieto di mining di Bitcoin.

 

Tuttavia, il ministero delle Finanze ha respinto questo disegno di legge con uno proprio che chiedeva solo una regolamentazione più rigorosa . Il presidente Vladimir Putin ha quindi annunciato il suo sostegno al disegno di legge del ministero citando il vantaggio competitivo della Russia rispetto alle risorse naturali.

 

Da allora, il Ministro dell’Energia e il Servizio fiscale federale hanno cominciato a spiegare come il Bitcoin possa aiutare le piccole imprese o alluso a conversazioni interdipartimentali in materia di commercio internazionale.

 

Ivan Chebeskov, direttore del mercato della stabilità finanziaria per il Ministero delle finanze russo ha spiegato in precedenza che ci sono molte più «persone che la pensano allo stesso modo» sulla questione.

 

«Inoltre, so che ci sono deputati alla Duma di Stato che sono attivamente impegnati in questo argomento, forse sarà una loro iniziativa», ha spiegato Chebeskov.

 

Come riportato da Renovatio 21, da settimane la ri-legalizzazione dei Bitcoin è nell’aria, dopo un periodo di aperta ostilità verso la criptovaluta da parte delle autorità finanziarie russe, e non solo.

 

Infatti la inizio anno la Russia aveva «imbrigliato» i Bitcoin con manovre della Banca Centrale di Mosca; il discorso che si sentiva a quel tempo era che le criptovalute erano uno strumento di riciclaggio.

 

Secondo alcuni osservatori, il Bitcoin potrebbe aver giocato un ruolo nella posizione di Mosca verso il Kazakistan colpito da  rivolte per il prezzo del gas già a gennaio, prima del disastro euro-ucraino. Il Paese centrasiatico era infatti uno dei più crypto-friendly del pianeta.

 

Anche India e Cina si erano espresse ufficialmente contro le criptovalute, definendole uno «schema Ponzi».

 

Come riportato da Renovatio 21, il crollo delle criptovalute a fine primavera 2022 permise di calcolare che la «bolla» crypto era più grande di quella dei mutui subprime che portò alla catastrofe finanziaria del 2008.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Deutsche Bank: contrazione economica del 3% in Europa

Pubblicato

il

Da

Secondo Deutsche Bank, in Europa c’è ora una previsione di profonda recessione con una contrazione economica del 3% da qui a metà del 2023 in tutto il continente. Lo segnala da Fortune il 23 settembre.

 

«La richiesta di riferimento che abbiamo fatto a luglio per una lieve recessione quest’inverno è ora troppo favorevole», ha affermato in una nota di ricerca il capo economista della banca di investimento per l’Europa Mark Wall.

 

«Ora prevediamo una recessione più lunga e più profonda». Wall e il suo team prevedono che il prodotto interno lordo reale nell’area dell’euro diminuirà di circa il 3% anno su anno tra la metà del 2022 e la metà del 2023.

 

Tuttavia ammettono anche che «non si può escludere una recessione invernale ancora più marcata».

 

A fine aprile la Germania aveva preso in prestito altri 40 miliardi di euro per per attutire il contraccolpo della sua economia causato dalla guerra in Ucraina. Ora un pacchetto di aiuti finanziari da 65 miliardi di euro è stato adottato da Berlino come ultimo tentativo di allentare la pressione inflazionistica

 

Tuttavia, alcuni osservatori ritengono la recessione «inevitabile».

 

La Germania, come l’Italia, è Paese dipendente per oltre il 40% dal gas russo. In settimana il principale gasdotto dalla Russia, il Nord Stream 1, è stato chiuso da Mosca.

 

L’industria tedesca ha già annunciato più volte invece che senza il gas russo vi saranno chiusure. L’economia teutonica ha già dato pesanti segni di contrazione, con una perdita calcolata per almeno 200 miliardi di euro e crollo del PIL di almeno il 12,7%.

 

Come riportato da Renovatio 21, Deutsche Bank – sulla scorta di Paesi come la Polonia e la Moldavia – ha dichiarato di considerare il legno come combustibile per il prossimo inverno.

 

 

 

Immagine di Alexander Johmann via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Beirut, ragazza assalta la banca per prelevare dal conto di famiglia. Diviene eroina nazionale

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Sally Hafiz ha fatto irruzione in una filiale della Blom Bank con una pistola giocattolo e prelevato dal conto della famiglia 13 mila dei 20 mila euro depositati. Fingendosi incinta è riuscita a sfuggire alla polizia. Il denaro necessario per pagare le cure mediche alla sorella malata di tumore. Dal suo rifugio accusa: «Siamo il Paese delle mafie».

 

 

Mozzafiato! Non vi sono altre parole per descrivere l’avventura della 28enne Sally Hafiz, intraprendente attivista diventata musa ispiratrice di molti libanesi, dopo aver tenuto in ostaggio il 14 settembre scorso una filiale della Blom Bank (Banca del Libano e d’Oltremare).

 

Un assalto grazie al quale ha ritirato con la forza circa 13 mila dollari depositati sul conto della sorella, congelato – come quello di molti altri concittadini – da una misura arbitraria di controllo del capitale, imposta da un giorno all’altro, dagli istituti di credito libanesi nell’ottobre 2019. E ancora oggi in vigore seppur priva di appiglio legale.

 

«Siamo il Paese delle mafie. Se non si è lupi, altri lupi vi mangeranno» ha sottolineato alla Reuters, in una intervista rilasciata in una località accidentata della Békaa, dove si è nascosta dalla polizia. Lei, architetto e designer di interni, diventata suo malgrado eroina nazionale dopo il suo teatrale passaggio all’azione.

 

In alcune drammatiche immagini e rilanciate da tutte le televisioni locali, si vede Sally Hafiz in piedi su una delle scrivanie dell’istituto di credito che brandisce la pistola di plastica del nipote e dà istruzioni ai dipendenti della banca, affinché le consegnino mazzette di dollari.

 

Il raid di Sally Hafiz ha ricevuto il sostegno di una folla di persone che si è radunata all’esterno della Blom Bank, nel quartiere residenziale di Sodeco.

 

«Forse mi hanno considerato un’eroina – ha detto – perché sono stata la prima donna a compiere questo gesto, in una società profondamente patriarcale in cui la voce di una donna assai di rado viene ascoltata». La giovane ha quindi aggiunto che non ha mai avuto l’intenzione di nuocere o di far male ad alcuno ma, al tempo stesso, afferma di essere «esasperata dall’inerzia del governo».

 

 

«Tutti in combutta»

«Sono tutti in combutta fra loro, per derubarci e per lasciarci morire di fame, una morte lenta» ha poi aggiunto. In seguito ha voluto anche precisare che non ha agito se non dopo aver cercato, invano, di poter ricorrere al direttore e ai responsabili dell’istituto di credito per informazioni.

 

In risposta, la Blom Bank ha dichiarato in una nota che la succursale avrebbe collaborato e cercato di rispondere alla sua richiesta di fondi, ma di aver richiesto documenti giustificativi come è solita fare con tutti i clienti che avanzano esenzioni di natura umanitaria ai controlli informali. E illegali.

 

Due giorni dopo aver ricevuto risposte negative sui fondi, Sally Hafiz è tornata con una pistola giocattolo, ma in tutto simile a una vera, di proprietà del nipote, e con una piccola quantità di carburante mescolata con acqua. Si è cosparsa di questa sostanza e ha minacciato di darsi fuoco.

 

La donna, nota per il suo attivismo, insiste sul fatto che ha agito solo per ottenere i fondi necessari per il ricovero in ospedale di sua sorella maggiore, con un tumore al cervello che le ha causato perdita di mobilità e della parola.

 

Esasperata come migliaia di libanesi da una crisi finanziaria che dura ormai da tre anni, Sally Hafiz è stata una delle cinque persone che hanno preso d’assalto una banca in quel giorno. Una serie nera che ha spinto gli istituti di credito a chiudere i battenti per tutta la settimana in corso, con totale disprezzo dei fabbisogni e delle necessità dei correntisti e dei piccoli risparmiatori.

 

 

Per ovvie ragioni, il presidente della Federazione dei dipendenti delle banche, Georges Hage, ha condannato l’assalto. A suo dire, la rabbia popolare dovrebbe essere diretta non contro gli istituti di credito, ma contro lo Stato.

 

Ma chi è il maggiore responsabile di questa crisi? Una crisi che, come ha sottolineato la Banca mondiale, è stata «orchestrata dall’élite del Paese» e ha portato sinora al licenziamento di circa 6 mila dipendenti.

 

Sally Hafiz è riuscita a recuperare poco più di 13mila euro dei 20.500 euro che la famiglia aveva depositato. E ha avuto l’accortezza di farsi rilasciare una ricevuta, per non essere accusata di rapina.

 

Poi, sgattaiolando attraverso una finestra sul retro della filiale, ha raggiunto il suo appartamento per scoprire qualche ora più tardi che il suo edificio era stato circondato dalle forze di polizia. La donna ha quindi postato su Facebook di essere già in aeroporto, in viaggio per Istanbul. Quindi, avvolgendo il capo con un chador e imbottendo la pancia di vestiti, per simulare una gravidanza, è riuscita a fuggire facendosi beffe della sorveglianza della polizia.

 

«Sono scesa passando davanti a tutti loro. Mi hanno augurato buona fortuna per il parto. Era… come in un film!» ha poi aggiunto, precisando che si arrenderà non appena i giudici del Libano avranno messo fine allo sciopero, che ha rallentato i procedimenti giudiziari e lasciato i detenuti a languire in prigione.

 

Un complice, che l’ha aiutata nella fuga e che è stato poi arrestato, è stato quindi rilasciato dietro pagamento di una cauzione il 21 settembre scorso e accolto trionfalmente all’uscita da una caserma della polizia di Beirut dove era in custodia.

 

Egli ha affermato di essere pronto a correre di nuovo lo stesso rischio, per aiutare chiunque cerchi di recuperare «per motivi umanitari» i propri soldi bloccati. E diverse associazioni di correntisti hanno sostenuto l’azione della giovane attivista.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagini da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari