Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

I festeggiamenti per la nazionale del Marocco: simbolo perfetto del fallimento dell’integrazione

Pubblicato

il

Il Marocco ha vinto 3-0 contro la Spagna, passando ai quarti di finale dell’osceno mondiale qatariota.

 

L’avere vinto con la Spagna deve dare ai vicini marocchini, con cui non sono poche le frizioni (Ceuta, Melilla) un certo gusto.

 

Così, per festeggiare, i marocchini immigrati in Ispagna hanno pensato bene di mettere in piedi rivolte e devastazioni in varie città del Paese.

 

 

 

 

 

Non è una novità: il tollerante Belgio, dove ha sede l’ineffabile paradiso di bontà umanitaria che è l’Unione Europea, era stato messo a ferro e fuoco per i festeggiamenti del passaggio agli ottavi. Ricordiamo che Bruxelles è nota per le sue no-go zones, come il quartiere di Molenbek, da cui sarebbero partiti anche membri del commando ISIS che sterminò i ragazzini al Bataclan nel 2015.

 

 

 

Non è noto se per il trauma, anche stavolta, i poliziotti belgi hanno organizzato un’orgia in caserma, così per farsela passare.

 

Qualche fuocherello lo si è visto anche in Francia. Celerini in tenuta antisommossa bersagliati da razzi e petardi. Incendi. Urla d’inferno. Così festeggiano, se perdono non abbiamo idea.

 

 

Gustose anche le rivolte per la vittoria calcistica all’Aia ed Amsterdam – dove, come sa il lettore di Renovatio 21, i marocchini, con la loro mafia detta «Mocro», controllano il traffico di droga e sono la criminalità organizzata più efferata e spudorata, che fanno dei Paesi Bassi «un narco-Stato 2.0».

 

 

Ma veniamo a noi. Ecco l’Italia marocchina in festa perché hanno vinto contro la Spagna. Tanti ragazzotti felici. I marocchini in Italia sono tantissimi, al punto tale che, impropriamente e in modo politicamente scorrettissimo, alcuni chiamano qualsiasi immigrato nordafricano «marocchino».

 

Il censimento 2011 segnalava che vi sarebbero nel nostro Paese 452.424 marocchini, cioè 0,74% del totale degli abitanti dello Stivale. Ovviamente, questi sono quelli registrati. Non abbiamo idea di quanto dobbiamo moltiplicare questo numero se vogliamo provare a pensare quanti sono con gli irregolari: il doppio, il triplo, dieci volte? Non sappiamo. Ma sono tantissimi. E, ad occhio, non sono molto diversi da quelli che stanno in Belgio o in Spagna.

 

Ecco Milano l’altra sera, con una folla immensa di marocchini che festeggia i quarti di finale andando giù per Corso Buenos Aires.

 

 

 

 

 

 

Questa parrebbe essere la famosa piazza Gae Aulenti a Milano, dove è stato allestito un megaschermo. Singolare modo di festeggiare, tirando oggetti.

 

 

Bologna, fumogeno con inedito coretto «Allahu Akbar» in versione stadio. Eccezio.

 

 

Questa è la città di Vicenza. Il traffico di viale Milano, la zona degli immigrati, con le sue laterali piene di negozietti per stranieri, bloccato da auto con il clacson continuo.

 

 

Insomma è festa grande.

 

Dobbiamo dire che sono immagini che ci ricordano altro: la finale del mondiale 2006, quando migliaia di milanesi si riversavano verso piazza San Babila e piazza Duomo.

 

Chi scrive viveva a Milano all’epoca e ricorda perfettamente quel momento: c’era. In viale Venezia, dove la fiumana partita da Buenos Aires transitava per buttarsi nella fontana della divinità padana voluta da Formentini protoleghista, nessuna macchina veniva strattonata. Nessun fumogeno, nessun petardo, razzetto: e avevamo vinto la coppa del Mondo contro la Francia, squadra nemesi della nostra nazionale, in una partita pazzesca (testate, rigori, Materazzi…)

 

La cosa più strana che si potè vedere, testimoniamo, fu che ad una certa da un balcone di un palazzo di viale Venezia spuntò fuori Dino Meneghin. Altissimo, altissimissimo, tirò fuori una bandiera dell’Italia, con il sorrisone che gli riconosciamo. Sotto, un gruppetto di tifosi lo acclamavano. Bum: la vittoria ai mondiali aveva unificato perfino chi al calcio preferisce (giustamente) il basket.

 

Diciamo pure, l’atmosfera era tanto, tanto diversa da quella che si vedono in queste immagini, che, di fatto, non è che fanno molto per farci evitare di pensare ad una vera «grande sostituzione» in corso. Laddove c’erano i tifosi italiani, che festeggiavano civilmente, ora ci sono i marocchini, che tirano roba.

 

Non che la cosa stupisca. Renovatio 21 ha parlato del caso bizzarro della Bocconi, che ha un servizio per riaccompagnare a casa gli studenti attraverso il parco antistante, pubblicizzando la cosa senza mai dire perché ve ne sia bisogno.

 

E abbiamo presente cosa è diventata, a capodanno, viale Milano. Negli anni duemila abbiamo visto il bombardamento di petardi dei gruppetti di giovani (ma anche uomini maturi, a dire il vero), dall’aspetto maghrebino, rendere inavvicinabile la piazza della Madonnina a San Silvestro.

 

Non che all’estero sia diverso: ricordo, nel 2001, un capodanno ad Amsterdam: fuggimmo da Piazza Dam, divenuta un inferno di nordafricani che tiravano petardi addosso alla gente – lo posso testimoniare, perché lo vidi con i miei occhi: quei fuochi di artificio che in Italia si mettono in un angolo per allontanarsi con le dita nelle orecchie, quelli li scagliavano apposta contro gruppi di persone inconsapevoli. Poi ridevano.

 

Ricordo bene quella sera: scappando da quella situazione, finimmo in una piazzetta interna, dove assistemmo ad un alterco tra due levantini circondati da un gruppo; quando uno dei due che urlava fece vedere che aveva una pistola infilata nei pantaloni sotto la maglietta, presi con forza la mano della fidanzata, e ce ne andammo anche da lì con rapidità.

 

Il pomeriggio del 1° gennaio, quando tutto sembrava più calmo perché gli stronzi che hanno fatto le ore piccole magari sono a letto, facemmo una passeggiata. Ad un angolo della strada un ragazzo seduto a terra suonava un didgeridoo, lo strumento a fiato australiano, come una grande pipa di legno che, appoggiata al suolo, fa quei suoni tipo bordone – drone. Feci in tempo a vedere tutta la scena: un tizio, anche quello levantino, con il gruppetto di amici levantini, gli buttò un raudo di quelli belli potenti dentro il didgeridoo, senza che il ragazzo si accorgesse o avesse il tempo di reagire. Gli scoppiò praticamente a pochi centimetri dalla bocca, facendogli prendere un colpo. Reagì solo urlando «Happy New Year» in modo sarcastico, mentre i tizi stranieri lo deridevano.

 

Il problema è che si è andati molto oltre, poi. È l’escalation «Eros e Thanatos» che possiamo aspettarci: Dopo i petardi, le violenze sessuali.

 

Prima vi fu Colonia, dove durante il capodanno furono molestate qualcosa come 650 donne. Dapprima, silenzio. Poi emerse che erano in maggioranza provenienti dal Nordafrica, e che avevano usato violenza contro una quantità crescente di donne che, superate le reticenze, cominciarono a parlare: in tutta la Germania, saltò fuori che erano 1200 le donne che avevano sporto denuncia, con 400 nella sola Amburgo – la punta dell’iceberg, ovviamente,

 

Dal Duomo di Colonia al Duomo di Milano: ecco le violenze sessuali in serie sotto il Duomo di Milano, dove agli stranieri con evidenza il petardo molesto non basta più. Almeno dieci ragazze vengono circondate ed aggredite dal branco. I nomi dei fermati paiono tutti nordafricani.

 

Ma tranquilli, va tutto bene. Il fenomeno avrebbe pure un nome in arabo: taharrush gamea, la «molestia collettiva», che abbiamo visto al Cairo violare la giornalista Lara Logan, salvatasi per miracolo da una violenza sessuale di massa di crudeltà incomprensibile.

 

Non ci vuole davvero molto a comprendere, quindi, che queste immagini di incontenibile «gioia» delle masse immigrate marocchine che mettono a soqquadro tutte le città d’Europa siano la prova definitiva del fallimento dell’integrazione, e del fatto che l’immigrazione è solo un programma di distruzione e sostituzione della società preesistente.

 

Perché mai un marocchino, che vive in Italia, mangia in Italia, magari pure vota in Italia – ius soli! Ius scholae subito! – dovrebbe gioire devastando la città che lo ospita? Ubi panem ibi patria, dicevano gli antichi, ma ciò non sembra essere vero per i nostri immigrati. Sono andati via del Marocco, per venire da noi. Epperò tifano il Marocco, e vandalizzano la nostra terra se questo vince.

 

Che cosa ci stiamo perdendo del ragionamento?

 

La verità è che, con buona pace delle balle propalate dall’oligarcato con contorno di PD, cooperative-mangiatoia, giornali e chiesa cattolica, l’immigrato in nessun modo vuole integrarsi.

 

Non lo dice Renovatio 21, ma un rilievo dell’ISTAT dell’ottobre 2016: due immigrati di seconda generazione su 3 non si identificano nella Nazione o nel popolo italiani: si sente italiano il 38% e il 43% dichiara di «non sentirsi di appartenere all’Italia per quanto riguarda i doveri che avere la cittadinanza comporta».

 

Avete letto bene: il 66,6% dei figli degli immigrati non si sente italiano – e sono quelli cresciuti con la nostra lingua, la nostra scuola, la nostra TV, etc. Non sente di dover sottostare, quindi, alla legge italiana.

 

Ricordate l’origine del concetto di cittadinanza: nell’antichità, lo status di cittadino romano apparteneva ai membri della comunità politica romana, in quanto cittadini della città di Roma (civis romanus); non era legato all’essere un abitante di uno dei domini romani, almeno fino alla Constitutio Antoniniana, emanata dall’imperatore Caracalla nel 212, che concedeva la cittadinanza a tutte le popolazioni abitanti entro i confini dell’Impero.

 

Dire «civis romanus sum», «sono un cittadino romano», era motivo di orgoglio, perché era qualcosa che si era guadagnati duramente, e che dava prestigio e diritti.

 

Oggi invece, secondo la statistica, i figli degli immigrati ci dicono in faccia «civis romanus non sum», e godono.

 

Ora, vi è più chiaro da dove vengono le immagini che stiamo vedendo.

 

Uno chiede: ma allora, se non si sentono italiani, cosa si sentono? In queste sere, magari, si identificano come marocchini. Ma abbiamo visto altre forme acute di dis-identificazione con il Paese che li ospita: Peschiera del Garda. Ricordate? L’estate scorsa, il Garda invaso da migliaia e migliaia di ragazzini richiamati da uno strano messaggio «panafricano» diffuso sul social cinese TikTok, con volontà dichiarata di invadere la località lacustre per liberarla, provvisoriamente, dal controllo «italiano». Ricorderete anche cosa successe alle ragazze in treno: molestate nemmeno più per questioni sessuali, ma perché «italiane» che non potevano stare nel vagone occupato dallo sciame di teenager africani e nordafricani.

 

Come avevamo scritto all’epoca, questa identità «africana», che esiste solo come artificio per opporsi al nemico italiano, sparirà dalle vite dei bimbi nordafricani in pochi anni; a sostituirla, sarò magari un’identificazione con la ummah, la comunità islamica, secondo qualche predicazione salafita o wahabita dell’imam locale, e di lì il senso di appartenenza ancora più grande – più grande del calcio, della musica trap, della spavalderia giovanile – sarà fornito loro dalla jihad.

 

Quindi, vedere i marocchini che spaccano le città europee perché la loro squadra vince non è solo la plastica immagine del fallimento definitivo dell’integrazione e di ogni sua aspettativa: no, è il prodromo di una violenza molto più grande, e organizzata, che potrà essere portata sulle nostre città – e magari con qualche arma «scappata» all’Ucraina.

 

Qualcuno ci ha fatto finire qui. C’è un disegno, lo sapete.

 

Sarebbe anche arrivato il momento di cominciare a combatterlo davvero – perché la destra al governo, se non l’avete capito, sta facendo finta anche qui.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Immigrazione

500 bancomat distrutti dalle bande di immigrati: record in Germania

Pubblicato

il

Da

Bande criminali organizzate attive nei Paesi Bassi e in Francia, composte principalmente da migranti marocchini, stanno facendo saltare in aria bancomat in Germania a un ritmo record in operazioni di rapina altamente professionali. Lo riporta RMX news.

 

Nel 2022, le statistiche del governo indicano che hanno fatto saltare in aria 500 sportelli automatici, con statisticamente più di una macchina fatta esplodere ogni giorno.

 

Il contante rimane popolare tra i tedeschi e, per soddisfare questa domanda, le banche gestiscono quasi 100.000 sportelli bancomat dislocati in tutto il paese, con le macchine che normalmente contengono tra 50.000 e 100.000 euro. Le bande criminali ne stanno approfittando e sono disposte a utilizzare metodi estremi per ottenere l’accesso a questo denaro.

 

Infatti, queste bande di migranti stanno facendo saltare in aria banche con esplosivi così potenti da distruggere interi edifici. In alcuni casi, hanno fatto saltare le porte del caveau di una banca fino a 30 metri di distanza, sottolineando quanto possano essere potenti queste esplosioni.

 

«La polizia afferma che il pericolo che devono affrontare i tedeschi non ha precedenti, poiché molte di queste banche si trovano in edifici residenziali» scrive RMX News.

 

 

Sebbene il numero definitivo di tali rapine in banca non sia ancora stato rilasciato per il 2022, secondo fonti della polizia della testata tedesca Welt Am Sonntag, ci sono stati 500 attacchi di questo tipo, raggiungendo un livello record.

 

Il ministero dell’Interno tedesco sta ora tenendo riunioni ad alto livello sulla questione, ma sembra che le squadre di rapina non mostrino segni di rallentamento. Nel 2021, la Polizia criminale federale ha riferito che ci sono stati 414 casi di demolizioni tentate o riuscite, mentre il 2020 ha visto numeri simili.

 

Le autorità descrivono come le bande siano più attive nell’ovest della Germania, con lo stato più popoloso, la Renania settentrionale-Vestfalia, insieme alla Bassa Sassonia, gli obiettivi più popolari. Per prima cosa, queste regioni sono gli stati più vicini ai Paesi Bassi, dove le bande sono più attive, sebbene alcune bande operino anche fuori dalla Francia, anch’essa vicina.

 

 

Il criminologo olandese Cyrille Fijnaut, professore emerito, osserva queste squadre di rapinatori di bancomat da 20 anni e fornisce consulenza attiva al governo olandese. Ha detto che la rete di criminali è composta da circa 200-400 giovani e che “molti di loro hanno radici marocchine”. Ha detto che spesso seguono le orme dei ragazzi più grandi nei loro quartieri, che sfoggiano orologi costosi e auto sportive.

 

Alcuni anni fa, uno dei capi di una banda di spicco ha creato il proprio centro di formazione per le squadre di demolizione di bancomat. Ha semplicemente affittato un edificio industriale, ordinato online bancomat scartati e ha iniziato ad addestrare i membri in quella che fungeva da scuola per membri di gang.

 

Tuttavia, queste reti criminali sono attive anche in città come Amsterdam e Alkmaar.

 

 

Un famoso avvocato difensore olandese, Vito Shukrula, ha anche affermato che questi tipi di rapine sono effettivamente usati come «seme» per entrare nel commercio di cocaina olandese. Lo ha descritto come “soldi facili” per queste ghenghe.

 

Alcuni autori sono stati arrestati, spesso a causa di errori piccoli ma legalmente devastanti. Ad esempio, alcuni hanno lasciato impronte sulla scena, altri sono stati catturati da autovelox mentre cercavano di allontanarsi di corsa dalla scena, e talvolta vengono fermati con i loro smartphone, che forniscono dati di movimento. Tuttavia, un arresto sulla scena del crimine è molto raro, poiché le squadre si muovono così velocemente e, nonostante alcuni arresti, ci sono abbastanza squadre attive che le demolizioni continuano ad aumentare.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Olanda vive sotto il terrore di una spietata, spudorata mafia marocchina che chiamano «Mocro Mafia» e che si occupa, tra una violenza e l’altra, precipuamente di traffico di droga, con bande che agiscono con un’impunità da rendere l’Olanda, come dice il presidente del sindacato di polizia nazionale Jan Struijs, un «narco-Stato 2.0».

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Sospetto capo ISIS viveva come rifugiato in Olanda

Pubblicato

il

Da

Un uomo siriano che si ritiene abbia prestato servizio come «funzionario» di alto rango in gruppi terroristici islamici è stato arrestato questa settimana dopo aver vissuto per anni come «rifugiato» nei Paesi Bassi. Lo riportano vari media locali.

 

Il sospetto, un uomo di 37 anni, è stato arrestato martedì in una residenza nel villaggio di Arkel, dove è stato sistemato dal governo olandese nel 2020.

 

Secondo quanto riferito, le autorità hanno avviato un’indagine dopo aver ricevuto informazioni preoccupanti sul passato dell’uomo, che apparentemente non erano state scoperte quando ha presentato domanda di asilo nel 2019.

 

«Si dice che abbia ricoperto una posizione dirigenziale presso IS [lo Stato Islamico, ndr] tra il 2015 e il 2018. Prima di allora, avrebbe ricoperto la stessa posizione presso Jabhat al-Nusra per due anni», riferisce il quotidiano neerlandese De Telegraaf. «Era capo della sicurezza nel campo profughi di Yarmouk, vicino alla capitale siriana Damasco».

 

Alcuni articoli della stampa indicano che anche la famiglia del presunto terrorista è stata portata nei Paesi Bassi dopo che gli è stato concesso lo status di rifugiato.

 

L’arresto ha fatto seguito a una soffiata sul precedente presunto coinvolgimento del sospettato con i gruppi terroristici alla squadra speciale della polizia olandese per i crimini di guerra. A seguito di un’indagine, le autorità avrebbero scoperto prove che suggerivano che avesse guidato il servizio di sicurezza dello Stato islamico dal 2015 al 2018, quando ha lasciato l’organizzazione ed è fuggito in Europa in cerca di rifugio.

 

«I Paesi Bassi sono stati spesso un obiettivo per numerosi ex estremisti islamici in fuga dalla Siria dopo la fine dello Stato islamico» scrive Remix NewsDe Telegraaf ha evidenziato altri «due esempi di leader jihadisti che si sono infiltrati nel Paese tra le molte migliaia di rifugiati siriani, evidenziando i processi di screening incredibilmente lassisti dell’Europa sopraffatti dai numeri che sono arrivati ​​e stanno ancora arrivando dal Medio Oriente».

 

Un esempio citato dal giornale è quello di A. al-H., noto come «Balie jihadi» che è entrato in Olanda nel settembre 2017 con documenti falsi e ha vissuto ad Amsterdam per oltre un anno. I compagni siriani lo hanno riconosciuto come un capobanda terrorista una volta che ha iniziato a presentarsi in un centro di dibattito ad Amsterdam, dove è stato successivamente arrestato dalle autorità. Il migrante jihadista è stato condannato a 16 anni di carcere.

 

Un altro esempio riguardava un cittadino siriano arrestato a Kapelle, in Zelanda, nel 2019, il quale conduceva una vita poco appariscente come autista di autobus. Sono state presentate prove alle autorità a dimostrazione che dimostravano il suo coinvolgimento personale nell’esecuzione di un colonnello siriano sulle rive del fiume Eufrate. Quest’altro migrante della jihad è stato condannato a 20 anni di reclusione.

 

Tali casi mettono in luce la pazzesca mancanza di controlli condotti dalle autorità responsabili dello screening di milioni di «rifugiati» arrivati ​​in Europa negli ultimi anni.

 

I gruppi terroristici islamici hanno apertamente promesso di inviare agenti che si atteggiano a rifugiati in Europa. «Abbiamo inviato molti agenti in Europa con i rifugiati”, si era vantato in precedenza sempre secondo De Telegraaf un comandante dell’ISIS.  «Alcuni dei nostri fratelli hanno completato la loro missione, ma altri attendono ancora di essere attivati».

 

 

 

 

 

 

Immagine di Jan dijkstra via Wikimedia pubblicata su licenza Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Quasi 8 milioni di ucraini sono rifugiati o emigranti. Potrebbero diventare molti di più

Pubblicato

il

Da

Un totale di 7.915.287 rifugiati ucraini sono arrivati ​​nei paesi europei dall’inizio della guerra, secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) in una dichiarazione del 4 gennaio.

 

Il numero è aumentato di 18.462 nell’ultima settimana.

 

Il maggior numero, 2.852.395, è fuggito in Russia, mentre 1.553.707 sono fuggiti in Polonia; seguita dalla Germania, 1.021.667; e Repubblica Ceca, 476.025, tra gli altri Paesi.

 

Tali numeri sono da considerarsi come l’effetto di una guerra che non ha ancora cominciato a fare stragi di civili sistematiche massive, come, ad esempio, l’invasione dell’Iraq da parte degli angloamericani.

 

L’ultima fase dell’operazione di Mosca prevede infatti la distruzione di sistemi di distribuzione dell’energia. Gli oltre 80 missili lanciati su tutta l’Ucraina nel primo giorno della fase 2 ad ottobre, all’indomani del bombardamento del ponte di Crimea, hanno prodotto una decina di morti. Numeri assai lontani dalle stragi ai matrimoni afghani, dove un drone Raptor poteva sparare un singolo missiletto Hellfire per uccidere magari qualche centinaio di persone (donne, vecchi, bambini), sperando che l’obbiettivo avesse accettato l’invito alle nozze del cugino di terzo grado.

 

È chiaro tuttavia che il flusso in uscita dall’Ucraina aumenterà grandemente una volta che la guerra si incrudelirà.

 

Come noto, ai maschi ucraina tra i 18 anni e l’età pensionabile è proibito ora l’espatrio – alla faccia dell’obiezione di coscienza militare, tanto cara alle sinistre dei «diritti» e della «pace» che ora però, chissà perché tifano ed armano i nazisti del battaglione Azov.

 

Come scritto da Renovatio 21, l’afflusso in Europa dei veterani alla fine del conflitto potrebbe aprire a situazioni di violenza persistente. Secondo l’Europol, le armi mandate al fronte dall’Occidente (che ha pericolosamente svuotato i suoi magazzini) stanno già filtrando nella criminalità organizzata europea.

 

Armi «ucraine» sarebbero state già trovate anche in Siria a Idlib (zona dove ancora operano sigle del fondamentalismo terrorista) e persino in Africa, secondo quanto lamentato dal presidente della Nigeria Muhammadu Buhari.

 

È stato calcolato che solo il 30% della armi inviate a Kiev raggiunge i combattimenti, il resto sparisce nel mercato nero e sul dark web.

 

 

 

 

 

Immagine di Silar via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine modificata

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari