Connettiti con Renovato 21

Immigrazione

Chi sta aggredendo gli studenti della Bocconi al parco?

Pubblicato

il

 

 

Una notizia davvero disturbante è stata diffusa dai giornali negli ultimi giorni.

 

L’Università Bocconi, ateneo privato tra i più prestigiosi d’Europa, ha deciso di istituire un servizio di accompagnamento per gli studenti dalle aule alle residenze universitarie.

 

L’inedita decisione è stata presa a seguito di un crescente numero di aggressioni verificatesi al vicino parco Ravizza.

 

«Nonostante le segnalazioni e le denunce di questi episodi, anche di recente, non sono arrivate risposte efficaci dal Comune di Milano, per cui abbiamo chiesto all’ateneo di intervenire e per fortuna ci è venuto incontro» ha dichiarato il capogruppo di B.Lab-Unilab Network, realtà studentesca interna alla Bocconi.

 

Il servizio di scorta è già attivo da questi giorni, da lunedì al sabato dalle 18 alle 00:30, con partenza ogni 30 minuti dalla panchina rossa di via Gobbi 5. Vi è impegnato personale dell’Università, che scorterà studenti e studentesse ai loro alloggi nelle residenze Spadolini, Dubini e Isonzo.

 

L’idea, il linguaggio in cui è espressa (scorte, coordinate pedonali espresse in panchina) è piuttosto allarmante. Che razza di situazione si è creata?

 

Si tratta certamente di un fenomeno in completa controtendenza con la narrazione della Milano del sindaco Sala, appena rieletto: una città sicura, accogliente, avanzatissima, di cui i sinceri democratici (ma anche i residui dei centri sociali finiti a fare i pubblicitari, a meno che non avessero già dietro i soldi del papi) sono fieri fino a scoppiare – e questo nonostante la tragedia delle ragazze violentate dal branco di capodanno in piazza Duomo.

 

Tuttavia, riteniamo che la notizia, data un po’ ovunque, sia, come dire, monca. Sia manchevole di qualcosa.

 

Leggiamo i titoli.

 

«Milano, Bocconi: troppe aggressioni (di sera) al parco Ravizza, studenti accompagnati a casa» (Il Corriere della Sera)

 

«Milano, gli studenti della Bocconi denunciano aggressioni al parco Ravizza» (Il Fatto Quotidiano)

 

«Troppe aggressioni al Parco Ravizza: 6 denunce in due mesi. Servizio di accompagnamento per gli studenti Bocconi» (La Repubblica)

 

«Milano, il parco Ravizza è pericoloso: universitarie sotto scorta dalle 18» (Il Giorno)

 

Manca qualcosa, ribadiamo: manca il chi. Da chi sono aggrediti gli studenti e (magari soprattutto) le studentesse?

 

Manca qualcosa, ribadiamo: manca il chi. Da chi sono aggrediti gli studenti e (magari soprattutto) le studentesse?

Invano potete leggere tutti questi articoli e trovare questa fondamentale informazione. Insomma: se questo è un fenomeno reiterato nei mesi, gli aggressori dovrebbero essere, per lo meno tipologicamente, identificabili. Chi si nasconde nel vicino parco Ravizza – un tempo tranquillo paradiso della socializzazione via cane o via jogging – al punto dal renderlo invivibile, minaccioso, violento?

 

Leggendo i giornali nazionali questa informazione non salta fuori. Così come non è chiaro un altro punto che per il giornalismo dovrebbe essere fondamentale: perché. Perché le continue aggressioni agli studenti della Bocconi? Qual è il movente? Si tratta di un gruppo di bocciati di Economia? Studenti rivali di un altro grande ateneo privato meneghino? Ex elettori del partito Scelta Civica delusi dal presidente dell’Università Mario Monti? Uno non sa davvero cosa pensare.

 

Non ti dicono il soggetto del presunto crimine, figurati se giornaloni e giornalini ti raccontano il motivo delle sue azioni.

 

Così come non è chiaro un altro punto che per il giornalismo dovrebbe essere fondamentale: perché. Perché le continue aggressioni agli studenti della Bocconi? Qual è il movente?

Del resto, ci possono dire, la notizia mica è sulle aggressioni, ma sul servizio di scorta «pedibus» (sic) per gli studenti, descritto da tutti i giornali nello stesso orario, come sopra: orari, luoghi, etc. In pratica, vi stanno dicendo: guardate il dito, mica la luna. Come all’idiota nel proverbio cinese.

 

Così, tocca di vedere che Il Giornale osa invece titolare in altro modo: «La Bocconi costretta a “scortare” i suoi studenti: troppe aggressioni nel parco degli extracomunitari».

 

Qui il soggetto c’è. Il chi è bello evidente.

 

In pratica, vi stanno dicendo: guardate il dito, mica la luna. Come all’idiota nel proverbio cinese

Il quotidiano della famiglia Berlusconi riporta quindi il commento di Silvia Sardone, consigliere comunale della Lega:

 

«I fallimenti della sinistra buonista e accogliente solo a parole sono più evidenti che mai. Parco Ravizza è diventato negli ultimi anni l’ennesimo fortino d’illegalità, un’area verde requisita da extracomunitari e balordi così come tante altre in città. Gli studenti avevano più volte segnalato aggressioni e criticità ma da Palazzo Marino nessuna risposta».

 

Nell’articolo sul sito de Il Giornale la parola «extracomunitari» è messa in neretto.

 

Non siamo sicuri che il titolo del quotidiano che fu di Indro Montanelli sia a prova di Carta di Roma – cioè sia lecito giornalisticamente.

 

Per chi non lo sapesse, la Carta di Roma, è il «Protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti» oggi parte integrante del «Testo unico dei doveri del giornalista», e implementata sulla popolazione dei gazzettieri con corsi deontologici obbligatori.

 

In tali corsi è spiegato, ad esempio che, come scrivono le linee guida della Carta di Roma bisogna «evitare l’utilizzo di parole stigmatizzanti. La parola “clandestino” è tornata sui titoli di prima pagina. Opportunamente Carta di Roma ha osservato che “Il termine clandestino è una delle colonne portanti dei discorsi di odio, dell’hate speech; è uno strumento della cattiva politica, un termine usato dalla propaganda della paura per dare un nome al “nemico”, e quindi per questo va cancellato dal linguaggio giornalistico, perché produce una percezione distorta del fenomeno migratorio”».

 

Ancora un’esempio tratto dalle linee guida consultabili sul sito della Carta di Roma: «titolare un articolo “Boom di reati degli stranieri”, omettendo di dire che i dati riportati si riferiscono ai reati denunciati (e non a quelli commessi che sono molti di più), di cui si conoscono gli autori (che costituiscono una percentuale minima dei reati denunciati e commessi), non è corretto. L’utilizzo di un lessico enfatico (boom) e una narrazione non corretta dei dati disponibili hanno l’effetto di produrre e alimentare stigmatizzazioni».

 

Quindi, «è necessario ribadire che la provenienza o l’appartenenza culturale di una persona vanno specificate solo quando è strettamente necessario al fine della comprensione della notizia». Titolare scrivendo la provenienza etnica di un aggressore, in quest’ottica, è sbagliato.

 

L’associazione Carta di Roma è un ente nato nel 2011 per attuale tale «protocollo deontologico per una informazione corretta sull’immigrazioni». La pagina internet «Chi siamo» nel 2018 riportava il supporto del UNHCR (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), dell’Otto per Mille Chiesa Valdese e di Open Society Foundation, il sistema di fondazioni di George Soros. La stessa pagina oggi non vede più inserito il logo dell’ente di Soros, sostituito da quello dell’UNAR.

 

«Evitare di “etnicizzare” le notizie non significa censurare certe informazioni?» si domandano le linee guida della Carta. «Non si chiede di censurare informazioni, ma di selezionare, tra le varie caratteristiche proprie di una persona, solo quelle veramente pertinenti a capire cosa è successo».

 

Ecco, nel caso del parco possiamo dire con certezza che, al di là dei censurabili virgolettati del consigliere leghista riportati dal Giornale berlusconiano, non abbiamo compressione di cosa sia successo. Davvero, non abbiamo capito niente.

 

Chi attacca gli studenti (e le studentesse) della Bocconi nel parco Ravizza?

 

Perché?

 

Mistero insondabile della Milano odierna. La Milano di Beppe Sala, del COVID che ha svuotato negozi e ristoranti, delle violenze di gruppo in Piazza Duomo, dei funerali in chiesa ai suicidi assistiti, del quartiere ipermoderno di Porta Nuova comprato dal Qatar, di Chiara Ferragni, delle proteste pandemiche cancellate da una repressione massiva.

 

Come sempre, Renovatio 21 chiede umilmente a chi ne sa di più di scriverci due righe per spiegarci. Ricordando che per i messaggi privati le linee guida deontologiche non valgono.

 

Per il momento.

 

 

 

 

Immagine di Marcuscalabresus via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Continua a leggere

Immigrazione

Lara Logan: l’invasione di immigrati è parte del piano per il governo mondiale

Pubblicato

il

Da

La reporter di guerra Lara Logan è apparsa nel podcast di Steve Bannon War Room sostenendo che l’invasione massiva di milioni di immigrati sia parte di un «piano a lungo termine e di un’ideologia politica per cancellare la sovranità di questa nazione e cambiare l’aspetto del mondo, per sempre».

 

«Non è solo la sovranità americana ad essere sul ceppo, è la sovranità sul mondo», ha detto Logan a Bannon. «È solo che questo è il luogo che è la luce e la guida per il mondo intero. E quindi questo è il Paese che deve cadere per primo affinché gli altri Paesi cadano».

 

Il tema discusso nel podcast era quello del confine meridionale degli USA, dove il fiume di immigrati è libero di entrare nel Paese senza problemi, talvolta portando con sé su mandato dei narcocartelli la pericolosa droga chiamata fentanil, che causa migliaia e migliaia di morti nell’America devastata dalla crisi degli oppioidi generata in America da Big Pharma.

 

La Logan ha quindi raccontato che una fonte di alto livello all’interno delle Nazioni Unite le ha detto che il piano prevede l’ingresso di 100 milioni di persone negli Stati Uniti per poi giustificare l’unione di Canada, Messico e Stati Uniti in un’unica entità governativa .


«E quello che ho appreso da una fonte, che è una fonte davvero unica, essendosi infiltrata nella “setta” globalista a livello delle Nazioni Unite è che partecipava a riunioni di alto livello che richiedevano una serie di autorizzazioni di sicurezza durante le quali discutevano effettivamente il piano per portare 100 milioni di persone negli Stati Uniti, al fine di aprire la strada a un governo regionale di Stati Uniti, Canada e Messico».

 

Si tratta dell’implementazione di un piano che «dovrebbe portare 100 milioni di persone dai paesi dell’America Latina, insieme a una strategia per creare questi cartelli, rendendo la vita insopportabile. Si chiama “Strategia Push-Pull“, in cui spingono le persone fuori da questi Paesi, dove in questo modo è insopportabile vivere, e le trascinano negli Stati Uniti».

 

«Poi, una volta raggiunto quel numero critico di oltre cento milioni in questa invasione, allora proporranno: “Bene, per la tua famiglia e i tuoi amici a casa, che hanno bisogno di viaggiare facilmente, hanno bisogno di una migliore la vita e così via e così via – possiamo fare tutto questo meglio con un governo regionale che con un governo statunitense”. E avranno abbastanza massa critica all’interno del Paese per attuare quella politica».

 

«Questo è il piano globalista a cui stiamo lavorando. Ma quello che stiamo già facendo è vivere sotto la loro politica, dove hanno fatto del diritto alla migrazione un “diritto umano”, riconosciuto dall’ONU nel 2018 e che ora sostituisce i nostri diritti sovrani, grazie all’amministrazione Biden e agli ideologi della frontiera aperta che sono in questo governo, a cui non è mai stato chiesto, ad essere onesti, della loro strategia durante la campagna elettorale» dice la Logan.

 

«Stanno attuando una strategia e una politica che, non solo nessun americano ha votato per questo, perché non è stata data loro l’opportunità ma la maggior parte degli americani non supporta.

 

La Logan si riferisce un documento strategico delle Nazioni Unite del 2001, ora cancellato, intitolato «Migrazione sostitutiva: è una soluzione per il declino e l’invecchiamento delle popolazioni?», di cui Renovatio 21 vi ha già parlato quando Draghi si mise a fare certi discorsi sugli immigrati.

 

Il documento ONU, conosciuto anche come il rapporto ONU, ST/ESA/SER.A/206 «Replacement migration», è sempre più difficile da reperire online. Si tratta di una era e propria road map delle politiche migratorie attualmente in atto a livello globale.

 

Difficile pensare come questo non sia scaturigine ufficiale di quello che è chiamato Piano Kalergi.

 

Il piano di sostituzione, etnica e religiosa, della popolazione europea è stato discusso dal fondatore di Renovatio 21 in una conferenza di qualche tempo fa, ancora visibile online.

 

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Svezia, quattro rifugiati su cinque sono andati in vacanza nel Paese da cui sono fuggiti

Pubblicato

il

Da

Un nuovo sondaggio ha rilevato che quasi quattro rifugiati su cinque che vivono in Svezia sono andati in vacanza nei paesi da cui erano originariamente fuggiti.

 

Il sondaggio è stato condotto dalla società di sondaggi Novus per conto del quotidiano online svedese Bulletin.

 

È emerso che il 79% delle persone che sono arrivate in Svezia come rifugiati, presumibilmente in fuga da guerre o persecuzioni, sono tornate nel loro Paese d’origine da quando sono arrivate in Svezia.

 

«Secondo il sondaggio, non desiderano, tuttavia, tornare a casa definitivamente», riporta Remix News.

 

«Quando gli è stato chiesto se hanno intenzione di tornare permanentemente nel loro Paese di nascita in futuro, solo il 2% dice di sì, mentre il 16% dice forse: l’81% di coloro che sono arrivati ​​in Svezia da Paesi non europei afferma di no, principalmente perché credono che la Svezia sia un Paese migliore per crescere i propri figli».

 

I migranti possono entrare e uscire dalla Svezia perché non c’è alcuna barriera che glielo impedisca, a differenza di Paesi come la Svizzera e la Germania, dove i rifugiati che tornano nei loro paesi d’origine senza permesso rischiano di perdere lo status di asilo.

 

«Se qualcuno, un rifugiato siriano, va regolarmente in vacanza in Siria, non può onestamente affermare di essere perseguitato in Siria», aveva affermato l’allora ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer nel 2019.

 

«I risultati dell’indagine evidenziano ancora una volta come la stragrande maggioranza dei cosiddetti “rifugiati” non siano affatto rifugiati, sono migranti economici che sfruttano il nascondiglio emotivo del termine “rifugiato” per abusare del sistema, e così facendo danneggiando gli interessi dei veri rifugiati» spiega Summit News.

 

Negli ultimi 20 anni, la Svezia ha accolto più rifugiati pro capite di qualsiasi altro paese occidentale, un processo che ha visto la Svezia passare dall’essere uno dei Paesi più sicuri d’Europa al secondo più pericoloso del continente, dove Stoccolma si trova dietro solo alla Croazia. Descrivendo il triste fenomeno, il quotidiano tedesco Bild ha titolato: «La Svezia è il paese più pericoloso d’Europa».

 

In momenti davvero grotteschi, le autorità svedesi hanno detto alle profughe ucraine di vestirsi in modo da non provocare i migranti.

 

Come riportato da Renovatio 21, vi sono state storie di profughe ucraine che, dopo notti in cui il loro ostello è stato assediato da immigrati afroasiatici, hanno dichiarato di sentirsi più al sicuro nel proprio Paese in guerra.

 

Il tasso di disoccupazione per i migranti è quattro volte superiore a quello dei nativi svedesi, con alcune aree a forte immigrazione che registrano livelli di disoccupazione fino al 78%.

 

Il fallimento del multiculturalismo in Svezia è stato ammesso dalla stessa premier Anderson.

 

Si tratta di una sorta di guerra civile permanente tra la vecchia tollerante Svezia e le continue violenze di bande di immigrati.

 

La Svezia ha subito anche una «Grande Sostituzione» di tipo elettorale: oltre un milione di immigrati, su un Paese da 10 milioni, avevano diritto di voto alle ultime elezioni della settimana scorsa.

 

Ciononostante, le elezioni sono state vinte dal blocco elettorale che comprende il Sverigedemokraterna, il nazionalista Partito Democratico Svedese di Kimmie Akeson, che porta avanti una chiara piattaforma contraria alla migrazione di massa.

 

 

Immagine di PAnd0rA via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Francia, decapita il padre gridando «Allahu Akbar» in un parcheggio

Pubblicato

il

Da

La polizia ha arrestato un sospetto marocchino che avrebbe decapitato suo padre e portato la testa in giro per un parco in Francia mentre gridava «Allahu akbar» durante il fine settimana. Lo riporta la testata transalpina Actu17.

 

La scena di orrore si è consumata attorno alle 2 di notte a Saint-Priest, un comune vicino a Lione.

 

Arrivati sul luogo del crimine, gli agenti della brigata anticriminalità (BAC) hanno scoperto il corpo di una vittima senza testa che giaceva in un parcheggio. Hanno quindi perquisito la zona alla ricerca di un sospetto.

 

In un parco vicino, i poliziotti avrebbero trovato un uomo che portava una testa amputata in una mano e una lama insanguinata nell’altra. Il sospetto avrebbe  quindi urlato «Allahu akbar» e cercato di accoltellare gli agenti durante il suo arresto, sostiene la Police.

 

Il sospetto è un marocchino 25enne con alle spalle una storia di «fatti di diritto comune, controversie familiari sullo sfondo di alcol e narcotici» ha detto una fonte a Actu17. Risiede legalmente in Francia.

 

Secondo quanto riportato, la vittima è  il padre 60enne. Entrambi gli uomini vivevano in una casa non distante dalla scena del brutale omicidio.

 

La vittima sarebbe stata inseguita per strada da suo figlio armato del coltello da cucina. Dei testimoni avrebbero dato l’allarme.

 

«Sia davanti agli inquirenti che davanti al giudice per le indagini, l’imputato ha ammesso i fatti di cui è accusato fornendo spiegazioni confuse che sollevano il potenziale di disturbi psichiatrici», ha spiegato il magistrato a seguito di un’udienza.

 

Sono in corso le indagini e il procedimento penale.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari