Connettiti con Renovato 21

Terrorismo

La Zakharova avverte che le armi occidentali che affluiscono in Ucraina finiranno nelle mani dei terroristi in Europa

Pubblicato

il

I governi occidentali stanno inondando l’Ucraina di armi per prolungare il conflitto con la Russia e impedire una soluzione pacifica, ha accusato ieri la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova nella sua conferenza stampa.

 

Anche le ambasciate ucraine in altri Paesi continuano a reclutare mercenari di ogni tipo per viaggiare nelle zone di combattimento ucraine, ha aggiunto, sottolineando che ci sono circa 6.800 mercenari stranieri provenienti da 63 paesi che sono arrivati ​​in Ucraina dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia.

 

Per quanto riguarda la questione delle armi, Zakharova ha avvertito che i governi europei farebbero bene a ricordare cosa è successo dopo aver fornito armi a militanti «moderati» in Medio Oriente e Nord Africa – Siria e Iraq per esempio –per poi diventare vittime di attacchi da parte di terroristi che usano proprio quelle armi.

 

Sia gli Stati Uniti che la NATO hanno ammesso apertamente di non poter davvero tracciare le armi una volta consegnate in Ucraina.

 

Ricordando all’UE che ha già vissuto una situazione simile in precedenza, la portavoce degli Esteri russi ha chiesto esplicitamente: «può l’UE garantire che manterrà i suoi cittadini al sicuro dagli “istruttori” che hanno acquisito ancora più “esperienza” avendo trascorso un po’ di tempo in un luogo con centinaia di migliaia di armi leggere incontrollate che tornano a casa e le rivolgono contro i propri cittadini?».

 

Sia chiaro, ha affermato il portavoce. Sarà una situazione simile a quella avvenuta in Siria, dove le armi vendute all’opposizione «moderat»” sono state poi vendute in grandi quantità sul mercato nero e sono cadute nelle mani dei terroristi dell’ISIS; e sono stati gli Stati Uniti, la Francia, il Regno Unito, la Germania e l’Italia che hanno finito per combattere l’ISIS.

 

Ora, questo «circolo vizioso» inizierà di nuovo. Non c’è dubbio che le armi occidentali in Ucraina seguiranno lo stesso percorso: tutti i confini sono aperti, nessuno controlla l’affiliazione di quei rifugiati che attraversano i confini per vedere se qualcuno è affiliato a organizzazioni estremiste o un battaglione nazionalista, o addirittura controlla i tatuaggi identificativi.

 

Il risultato? Un gran numero di persone «che professano ideologia neonazista, nazista e nazionalista si stanno già infiltrando in Europa».

 

Si tratta di uno scenario più volte anticipato da Renovatio 21: la creazione di una area di «gestione della barbarie» in Ucraina, che giocoforza si spanderà in Europa, dove, grazie ai forti legami della diaspora ucraina (dalle badanti agli ucraini di II generazione) si sposteranno poi orde di veterani creando il caos, come è avvenuto in Italia negli anni Novanta per i reduci della Bosnia e in Algeria per i reduci dell’Afghanistan sovietico: in quest’ultimo caso, l’iniezione di violenza portò ad una guerra civile da centinaia di migliaia di morti.

 

Il destino che sta preparando l’Europa (l’Italia, soprattutto), regalando vagonate di armi alle bande neonaziste potrebbe essere una tragedia da fiumi di sangue: il nostro, e quello dei nostri figli.

 

 

 

 

Continua a leggere

Terrorismo

Gli USA designano gli Houthi come un’organizzazione terroristica (un’altra volta)

Pubblicato

il

Da

Il Dipartimento di Stato ha formalmente designato Ansar Allah, ossia il movimento degli Houthi yemeniti, come organizzazione terroristica, conferendo a Washington nuovi poteri per contrastare l’accesso del gruppo al sistema finanziario globale.

 

La nuova etichetta di gruppo terroristico globale appositamente designato contro la milizia ribelle sciita yemenita sostenuta dall’Iran è stata implementata venerdì, settimane dopo l’avvertimento di metà gennaio emesso dal Dipartimento di Stato.

 

Lo sviluppo arriva anche dopo mesi di attacchi missilistici e di droni Houthi contro navi commerciali e navi da guerra occidentali che pattugliavano il Mar Rosso.

 

Giovedì, nella sua ultima reazione, l’esercito americano ha colpito tre sistemi missilistici da crociera antinave Houthi che, secondo il Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), si stavano preparando a lanciare.

Sostieni Renovatio 21

La nuova designazione è controversa tra alcuni gruppi di aiuto umanitario che lavorano nello Yemen, secondo un articolo del New York Times:

 

«Il mese scorso, Blinken ha annunciato l’intenzione del Dipartimento di Stato di riportare gli Houthi nella sua lista dei terroristi, ma ha ritardato l’azione di 30 giorni» scrive il quotidiano neoeboraceno. «La pausa aveva lo scopo in parte di dare tempo ai gruppi di aiuto umanitario che lavorano nelle aree dello Yemen controllate dagli Houthi per garantire che il loro lavoro non entri in conflitto con le nuove sanzioni degli Stati Uniti che puniranno chiunque fornisca sostegno al gruppo militante. Alcuni gruppi umanitari hanno avvertito che il loro lavoro sarà inevitabilmente limitato in un paese con disperati bisogni umanitari».

 

Gli Houthi sono stati rimossi dalla lista nel 2021 dopo essere stati designati per la prima volta sotto l’amministrazione Trump perché a lungo armati e sostenuti finanziariamente dalla Repubblica islamica dell’Iran.

 

Una mossa del Segretario di Stato Antony Blinken nel febbraio 2021 aveva cancellato gli Houthi dalla lista. «A partire dal 16 febbraio, revocherò la designazione di Ansar Allah, a volte indicato come Houthi , come organizzazione terroristica straniera(FTO)», disse all’epoca il controverso massimo diplomatico americano.

 

Il Blinken aveva affermato che la rimozione era «un riconoscimento della terribile situazione umanitaria nello Yemen. Abbiamo ascoltato gli avvertimenti delle Nazioni Unite, dei gruppi umanitari e dei membri bipartisan del Congresso, tra gli altri, che le designazioni potrebbero avere un impatto devastante sulla vita degli yemeniti nell’accesso a beni di prima necessità come cibo e carburante».

 

«Questa nuova inversione di tendenza significa presumibilmente che la già terribile situazione umanitaria nel paese sta per peggiorare ancora una volta, sebbene a lungo ignorata dai titoli dei media occidentali» scrive Zerohedge.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, dopo gli attacchi delle scorse settimane da parte delle forze angloamericane, gli Houthi hanno promesso che i Paesi responsabili avrebbero pagato «un caro prezzo».

 

Nonostante gli Stati Uniti e i loro alleati abbiano dispiegato una task force navale nell’area per salvaguardare la navigazione, molte compagnie di trasporto merci hanno interrotto il viaggio attraverso il corso d’acqua e hanno invece intrapreso il viaggio molto più lungo e costoso attorno al Capo di Buona Speranza in Africa.

 

Il mese scorso gli yemeniti sciiti hanno attaccato navi da guerra americane e francesi che incrociavano nell’area.

 

Come riportato da Renovatio 21, gli Houthi nelle scorse settimane hanno attaccato anche una petroliera russa.

 

Secondo Goldman Sachs i costi del petrolio potrebbero raddoppiare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Persecuzioni

Turchia, la vittima dell’attacco alla chiesa era musulmana

Pubblicato

il

Da

Domenica 28 gennaio un attentato è costato la vita a una persona presente alla messa domenicale nella chiesa situata nel quartiere Sariyer di Istanbul. Si è scoperto che l’uomo ucciso dai terroristi era un musulmano alevita.   Da domenica i contorni dell’attacco islamico sono diventati più chiari. Da un lato l’attacco è stato rivendicato dallo Stato Islamico (IS). La polizia ha invece arrestato due sospetti: uno di loro è del Tagikistan e l’altro è di nazionalità russa. Una retata ha portato all’arresto anche di altre 51 persone: tagiki, russi e turchi.   La polizia ha potuto accertare che il veicolo utilizzato dagli aggressori era arrivato dalla Polonia due anni fa e da allora non è più stato utilizzato. Un dettaglio forse importante: al momento dell’attentato era presente alla messa, con la famiglia, il console generale della Polonia a Istanbul.  

Una strage pianificata ma evitata

Nonostante la presenza di 40 persone nella chiesa, c’è stata una sola vittima, perché le armi dei terroristi si sono inceppate dopo il primo colpo, ma secondo le autorità l’obiettivo era uccidere quante più persone possibile.

Sostieni Renovatio 21

L’unica vittima è stato un turco musulmano alevita che frequentava regolarmente la messa domenicale da almeno due mesi. Gli aleviti costituiscono un ramo dell’Islam considerato eterodosso da sciiti e sunniti, legato alla tradizione sufi. Le loro tradizioni sono particolari: considerano sacri, ad esempio, i libri dell’Antico e del Nuovo Testamento.   Il Vicario Apostolico di Istanbul, mons. Massimiliano Palinuro, ha ringraziato le autorità turche per il sostegno e la rapidità della reazione che ha consentito l’arresto dei sospettati. Inoltre «ha chiesto con fermezza che la verità venga rivelata e che sia garantita maggiore sicurezza alle nostre comunità e alle nostre chiese».   Infine ha annunciato una messa di riparazione nella chiesa profanata dalla morte violenta della vittima. In questa occasione verrà consacrato un nuovo altare nella chiesa e si pregherà per l’anima del defunto ucciso nell’attentato.   Il vescovo ha assicurato che le chiese rimarranno aperte nonostante questo tentativo di terrorizzare i cristiani.   Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Immigrazione

Attacco con coltello alla stazione di Parigi: il sospettato godeva di «protezione sussidiaria» in Italia

Pubblicato

il

Da

Tre persone sono rimaste ferite in un attacco con accoltellamento presumibilmente commesso da un cittadino maliano allo snodo ferroviario parigino della Gare de Lyon sabato.

 

La Procura di Parigi sta indagando sull’aggressione, che ha provocato ferite gravi all’addome di una persona e ferite leggere in altre due persone.

 

«Il sospettato non ha gridato (nessun slogan religioso) durante il suo attacco», ha detto una fonte della polizia all’AFP, e il capo della polizia di Parigi Laurent Nunez ha confermato che non c’erano sospetti che l’attacco fosse motivato dal terrorismo.

 

Tuttavia, nelle ultime ore è emerso in rete un video in cui quello che si dice essere il sospettato dichiara il suo odio per la Francia ed i Francesi, colpevoli di averlo «privato del diritto di vivere», di aver «piegato» il suo Paese e il suo continente e di aver reso in schiavitù i suoi nonni per «i loro conti, la loro economia».

 

Sostieni Renovatio 21

L’uomo, armato di coltello e martello, sembrava essere un senzatetto con «problemi psichiatrici», ha detto Nunez ai media. Secondo quanto riferito, è stato fermato da alcuni passanti che lo hanno trattenuto fino all’arrivo sul posto della polizia ferroviaria.

 

Quando gli è stato chiesto l’identificazione, ha presentato alla polizia una patente di guida italiana indicante che aveva 32 anni. Secondo le autorità, al momento del fermo aveva con sé anche documenti di residenza e medicinali .

 

Secondo il Corriere della Sera, l’uomo sarebbe stato identificato come K.S.G., cittadino del Mali residente a Montalto Doro, in provincia di Torino. Qui nel 2016 ha ricevuto un permesso di protezione sussidiaria.

 

La protezione sussidiaria costituisce uno status equiparabile a quello del rifugiato e viene assegnato dalla Commissione territoriale competente dopo la presentazione di una richiesta di protezione internazionale. Qualora il richiedente non sia in grado di evidenziare una persecuzione personale conforme alla definizione di rifugiato stabilita dalla Convenzione di Ginevra, ma si ritenga che possa essere esposto a gravi rischi come la condanna a morte, la tortura o la minaccia alla vita in caso di guerra interna o internazionale nel suo paese d’origine, gli può essere concessa la protezione sussidiaria.

 

Ci chiediamo quale protezione, invece, avevano le persone ferite dall’immigrato «protetto» istituzionalmente. Tuttavia l’equazione è già chiara in partenza: per «proteggere» le masse africane riversatesi in Europa, si sacrifica la protezione dei cittadini europei, che si possono ritrovare in casa l’aumento di crimine e violenza, nonché il degrado di intere aree urbane, che sono realtà incontrovertibili.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, la stessa Francia aveva subito una tragedia simile ad Annecy, quando un immigrato siriano attaccò con il coltello donne e bambini in un parco sulla riva del lago.

 

L’incidente ha causato un breve ritardo nei servizi ferroviari per Parigi, con l’operatore ferroviario SNCF che ha parlato solo di «un atto di intento criminale» presso lo snodo di transito della capitale francese, che vede più di 100 milioni di passeggeri all’anno.

 

Parigi ospiterà le Olimpiadi del 2024 entro la fine dell’anno e si aspetta che 15 milioni di visitatori arrivino in città, mettendo a dura prova i suoi servizi di sicurezza. Nunez è anche responsabile della sicurezza dei giochi.

 

Ci si chiede, specie dopo la catastrofe delle banlieue date alle fiamme da immigrati nell’estate 2023, cosa potrà succedere durante i Giochi Olimpici.

 

C’è da considerare, infatti, il problema di sicurezza che investe oramai ogni Paese d’Europa: masse di immigrati che sono indefinitamente disponibili alla radicalizzazione e alla violenza, vuoi per tendenza religiosa, vuoi per squilibrio mentale.

 

Si tratta, di certo, di uno dei fattori fondamentali per l’anarco-tirannide in via di installazione in Occidente: una massa di spostati sanguinari che tiene il cittadino medio impegnato a difendere la propria esistenza lasciando libero il potere di fare quel che vuole – e continuare a tassarlo, tracciarlo, sottometterlo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di DiscoA340 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International

Continua a leggere

Più popolari