Connettiti con Renovato 21

Alimentazione

Giornale russo: «un quinto della popolazione mondiale sta per affrontare la crisi alimentare»

Pubblicato

il

Il quotidiano russo Nezavisimaya Gazeta ha avvertito questa settimana che un recente rapporto delle Nazioni Unite stima che «il conflitto ucraino sta mettendo a rischio la fame 1,7 miliardi di persone in tutto il mondo», osservando che «l’indice globale dei prezzi alimentari ha raggiunto massimi storici poiché i prezzi del grano sono aumentati di 20 % a marzo».

 

La pubblicazione russa ha completato il quadro con un paio di interviste. Il professore associato presso l’Università di economia russa Plekhanov Oleg Kalenov ha riferito:

 

«Le previsioni dicono che le esportazioni di grano dell’Ucraina si dimezzeranno, quindi il mercato dovrà affrontare una carenza di 9,5 milioni di tonnellate di grano. Inoltre, i paesi potrebbero non riuscire a ricevere il grano dalla Russia a causa di problemi di consegna e pagamento derivanti da ragioni politiche».

 

Il direttore esecutivo del dipartimento del mercato dei capitali presso l’Univer Capital Artem Tuzov ha sottolineato che «alcuni Paesi rischiano di morire di fame a meno che le sanzioni che impediscono le esportazioni di grano russo non vengano revocate».

 

Come riportato da Renovatio 21, code ai panifici sono giù visibili in Libano, uno dei Paesi che dipende quasi totalmente dlal’ucraina per l’importazione di granaglie.

 

L’economista cinese Li Zhiqun ha predetto che le sanzioni alla Russia porteranno alla fame 1 miliardo di persone in quella che è definibile «la più grande violazione di diritti umani della storia».

 

L’ambasciatore brasiliano all’ONU ha pure parlato di un ritorno massivo della fame nel mondo, e il rappresentante permanente di Mosca presso le Nazioni Unite Vassilij Nebenzia gli ha fatto eco.

 

Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha dichiarato che non solo vi sarà il problema dei morti di fame nei Paesi più deboli, ma anche di nuove ondate migratorie generate della fame.

 

Renovatio 21 invita i lettori a prepararsi per contraccolpi della filiera alimentare che potrebbero verificarsi anche da noi.

Continua a leggere

Alimentazione

Ragazzino muore dopo aver mangiato una patatina piccante per una sfida su TikTok

Pubblicato

il

Da

Un ragazzo di 14 anni è morto tragicamente dopo aver mangiato una patatina super-piccante per una sfida sul social cinese TikTok. La denuncia della famiglia è stata riportata da varie testate internazionali.

 

Harris Wolobah del Massachusetts è morto lo scorso venerdì, poche ore dopo aver preso parte alla «One Chip Challenge», che incoraggia gli spettatori a mangiare una delle tortilla chips più piccanti del mondo filmando la consumazione per documentare quanto tempo riescono a resistere a masticare e deglutire senza bere o mangiare alcunché per ottenere sollievo.

 

Le autorità locali hanno aperto un’indagine, e la causa della morte di Harris deve ancora essere determinata in attesa del rapporto dell’autopsia. Tuttavia la famiglia dell’adolescente ha attribuito la colpa della sua morte alla sfida sul social della Repubblica Popolare Cinese.

 

Dopo la sua morte, il produttore dello snack piccante, Paqui, ha ora chiesto ai rivenditori negli Stati Uniti di smettere di vendere le patatine confezionate singolarmente, un passo che la catena di supermercati 7-Eleven avrebbe già compiuto.

 

Secondo la NBC Boston, Wolobah è morto lo stesso giorno in cui ha partecipato alla «One Chip Challenge». Il ragazzo riferito di aver avuto mal di pancia a scuola dopo aver mangiato la patatina, e più tardi è collassato ed è stato trovato privo di sensi a casa sua.

 

Il giovane adolescente si è sentito meglio dopo essere tornato a casa, ma è svenuto alle 16:30 mentre stava per partire per le prove di basket.

 

Parlando con la testata locale Worcester Telegram, il tenente della polizia Sean Murtha ha detto che il ragazzo non rispondeva e non respirava. È stato portato in ospedale e dichiarato morto.

Sostieni Renovatio 21

La «One Chip Challenge» è una campagna di marketing che promuove una singola tortilla chip come «la più piccante del mondo». La sfida ha attirato un seguito sui social media, con il tag “#onechipchallenge” che vanta oltre due miliardi di visualizzazioni su TikTok.

 

Ogni anno viene rilasciato un nuovo sapore di patatina piccante e l’edizione 2023 è diventata disponibile su Amazon a partire dal 9 agosto. Sebbene siano elencati meno di dieci ingredienti, due che risaltano di più sono il Carolina Reaper Pepper e il Naga Viper Pepper.

 

Il peperoncino Carolina Reaper è stato ufficialmente nominato il peperoncino più piccante del mondo, misurando fino a 2,2 milioni di unità di calore Scoville (SHU) sulla scala Scoville: si tratta del record di piccantezza registrato nel Guinness dei primati nel dicembre del 2013.  Il Naga Viper Pepper si è piazzato appena sotto con 1.382.118 SHU.

 

La scala Scoville è un metodo di misurazione scientifica della piccantezza delle sostanze, dove in genere si misurano i peperoncini, frutti del genere capsicum e ogni oggetto contenga la capsaicina e i capsaicinoidi, composti chimici che stimolano nell’essere umano i recettori per i vanilloidi 1 (VR1), ossia i recettori del caldo.

 

Il farmacista Wilbur Scoville ideò la scala nel 1912. Ancora oggi in Nordamerica e in Sudamerica le etichette di salse piccanti in genere scrivono in unità Scoville il livello di piccantezza del prodotto.

 

Per dare un’idea, nella scala Scoville il Peperone dolce e la Paprica dolce stanno tra gli 0 e i 100 SHU; il jalapeno tra i 5.000 e i 15.000; il tabasco e il peperoncino calabrese tra i 30.000 e i 50.000; lo habanero tra i 100.000  e i 350.000; lo spray antiaggressione al peperoncino tra 1.067.286 e 2.000.231, così come appunto il Naga Viper. In cima alla scala Scoville troviamo la temibile resiniferatossina (RTX), composto contenuto nella Euphorbia resinifera, una sorta di cactus diffuso in Marocco, e nella Euphorbia poissonii, che cresce nel Nord della Nigeria.

 

I danni delle sfide su TikTok sono ancora tutti da calcolare, tuttavia i segni della devastazione che l’app sta generando nei giovani (e non solo) è oramai incontrovertibile.

 

Come riportato da Renovatio 21, la settimana scorsa una nota TikToker e sua madre sono state condannate all’ergastolo per l’omicidio di due uomini.

Aiuta Renovatio 21

L’idea che TikTok stia alterando la psiche di una generazione, rendendola immorale e dipendente, si sta facendo larga anche nella politica, soprattutto negli Stati Uniti.

 

Un gruppo di eletti di ambo i partiti guidati dal senatore repubblicano della Florida Marco Rubio stanno introducendo in America una legislazione che vieterebbe completamente a TikTok di operare negli Stati Uniti.

 

«TikTok è il fentanil digitale che crea dipendenza negli americani, raccogliendo i loro dati e censurando le loro notizie», ha affermato il rappresentante repubblicano del Wisconsin Mark Gallagher, citando la droga di produzione cinese che sta uccidendo in questi anni centinaia di migliaia di americani – il fentanil appunto, cioè la sostanza 50 volte più potente dell’eroina che arriva dal Dragone attraverso le tratte degli immigrati dal Messico.

 

Come riportato da Renovatio 21, due anni fa l’India aveva messo al bando 59 app cinesi, tra cui TikTok. Gli scontri tra Dehli e Pechino sono continuati successivamente con le truppe che si picchiano come fabbri presso il confine a 5000 metri di altitudine.

 

La settimana scorsa TikTok è stato vietato dalla Somalia per motivi legati alla sicurezza del Paese: il ministro delle comunicazioni Jama Hassan Khalif ha dichiarato domenica in una dichiarazione che «terroristi e gruppi immorali» stanno utilizzando le applicazioni dei social media per «diffondere costantemente immagini orribili e disinformazione al pubblico».

 

USA e UE si sono  più volte scagliati contro TikTok app cinese rea di «rubare» i dati degli utenti a favore della Repubblica Popolare Cinese oltre che ad essere utilizzata per fini impropri inquietanti.

 

La Commissione Europea ha fatto disinstallare TikTok a tutti i suoi dipendenti; il controllo sui contenuti del social, tuttavia, è in teoria già ottenuto con l’entrata in vigore del Digital Service Act (DSA) entrato in vigore lo scorso 25 agosto.

 

Gli USA, invece, preparano una legge anti-TikTok che in realtà colpirà con una censura micidiale l’intera rete.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Bill Gates prenota intero ristorante stellato Michelin per due giorni solo per sorseggiare una Diet Coke

Pubblicato

il

Da

Bill Gates avrebbe prenotato un intero ristorante stellato Michelin per più giorni ma non avrebbe assaggiato nulla del menu, limitandosi a sorseggiare una Diet Coke, definibile come una versione americana della Coca Light. Lo riporta Yahoo! News.   Il famoso chef spagnolo stellato Michelin Jordi Cruz ha recentemente ricordato un incontro insolito con Gates. Il miliardario co-fondatore di Microsoft ha fatto una visita inaspettata all’ABaC, il pluripremiato ristorante di Cruz a Barcellona, ​​lasciando tutti perplessi per la sua scelta.   Durante un’intervista dell’8 febbraio su Planeta Calleja, una trasmissione online condotta dall’alpinista e personaggio mediatico spagnuolo Jesús Calleja, Cruz ha raccontato lo strano incidente.   «Qualche tempo fa, Bill Gates è venuto al ristorante. Tutti sono venuti con lui… le sue 25 guardie del corpo, il suo entourage. Bill ha prenotato l’intero ristorante, solo per lui. Avevamo preparato il meglio per lui e quelli della sua squadra. E sai cosa ha fatto Bill? Ha ordinato una Diet Coke ed è tornato al suo aereo».   Secondo il rinomato chef, Gates aveva bloccato le prenotazioni del ristorante per due giorni e il suo entourage ha mangiato all’ABaC.   Il menu degustazione del ristorante stellato Michelin da 295 euro comprende burro di nocciole montato con crosta di pane e caviale, faraona arrostita alla fiamma con mais, foie gras, sesamo e salsa di talpa nera e un globo di lecca-lecca con kakigōri alla fragola (una forma di gelato/granita giapponese, fatto col ghiaccio), cioccolato al latte e fave di Tonka.

Sostieni Renovatio 21

Il cuoco barcellonese aveva già condiviso questa storia sette anni fa. Ora vi è tornato ribadendo lo stupore per la scelta dell’ultramiliardario di Seattle. A domanda precisa di Calleja se Gates avesse assaggiato qualcuno dei piatti, Cruz ha risposto con un secco «zero». «Ci sono persone che hanno soldi, sono un po’ stanche di tutto», ha detto Cruz. «Danno meno valore alle cose».   È nota la passione per i cheeseburger, che consuma a pranzo. Al pari di Donaldo Trump, anche l’oligarca bio-informatico avrebbe una predilezione per la Diet Coke. Anni fa ha calcolato che il suo consumo annuale di Diet Coke si traduce in 35 libbre di rifiuti di alluminio. «Una volta che sono in ufficio, di solito apro una lattina di Diet Coke. Durante il giorno, potrei consumarne tre o quattro», ha scritto in un post sul blog del 2014 su GatesNotes.   È rilevante osservare che un grande amico e sodale di Gates, l’ultramiliardario Warren Buffet (l’uomo considerato il migliore investitore sulla piazza), detiene molte azioni della multinazionale Coca-Cola. Buffett, che aveva promesso di donare i suoi miliardi alla Fondazione Gates, sembra essersi recentemente staccato, tuttavia mantenendo alcuni vizietti dell’amico, come quello di preannunziare una nuova pandemia «peggiore del COVID».   Lo stesso Gates, tuttavia, ha familiarità con l’industria alimentare. Nel corso degli anni, ha sostenuto marchi alternativi alla carne tra cui Beyond Meat, Impossible Foods e Upside Foods. Tra i suoi ultimi investimenti, vi è quello per la il pollo coltivato in laboratorio su base cellulare. È noto il suo sostegno al processo per ottenere acqua potabile dagli escrementi, che prima o poi vi farà bere.   Sarebbe ingiusto dimenticare la sua ammissione riguardo agli investimenti nella bioingegneria CRISPR da utilizzare in campo agronomico, così come l’incredibile video di promozione della pannocchia, che forse arriva in vetta al cringe oligarchico visibile in rete ma pure al cringe tout court.     La Fondazione Gates è accusata di aver sconvolto l’intera economia alimentare dell’Africa. Gates pare quindi aver ereditato l’agenda alimentare globale dei Rockefeller.

Aiuta Renovatio 21

Come scritto da Renovatio 21, di fatto Bill Gates sta preparando il Grande Reset alimentare.   Si tratta della diligente conseguenza di chi vuole il controllo – cifra principale della cibernetica – sull’umanità: si persegue il controllo dell’uomo per via biochimica tramite i canali di assunzione di sostanze dell’organismo, i medicinali (come i vaccini…) e financo gli alimenti.   Dopo aver ottenuto l’accesso al sistema sanitario mondiale – cioè a sostanze immesse nel corpo dell’umanità per via sottocutanea – Gates sta ottenendo il controllo sul sistema alimentare, cioè sulle sostanze immesse per via digerente.   C’è un salto di qualità: i farmaci si possono rifiutare, dei vaccini si può fare a meno. Del cibo no.   È il dominio biochimico sulla vita che si sta realizzando, giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi. SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine generata sinteticamente
Continua a leggere

Alimentazione

La più grande banca alimentare francese sta per morire di fame

Pubblicato

il

Da

Les Resto du cœur, creata dal comico Coluche nel 1985, è una delle principali organizzazioni di beneficenza che offre aiuti alimentari ai più poveri della Francia. L’ente avrebbe ora seri problemi che minaccerebbero la sua stessa esistenza.

 

«Les Resto du cœur potrebbe cessare l’attività entro i prossimi tre anni», ha dichiarato Patrice Drouet, presidente dell’associazione, a TF1 il 3 settembre. «Dovremo adottare misure molto difficili e dire no alle persone che hanno bisogno di aiuti alimentari».

 

Il Douret stima che oltre 150.000 persone potrebbero essere allontanate nei prossimi mesi. L’associazione, infatti, rivedrà l’ammontare delle risorse necessarie per qualificarsi.

 

«Con la crisi e l’inflazione, il Resto du cœur si trova ad affrontare un grande afflusso di persone che vivono in povertà. Tra questi ci sono giovani, studenti, pensionati e famiglie monoparentali, ma anche un numero crescente di francesi della classe media che non riescono più ad arrivare a fine mese» scrive la testata francese La Tribune.

 

«L’inflazione è una cosa inaudita», osserva Patrice Drouet.

 

La banca alimentare fornisce oltre un terzo degli aiuti alimentari di emergenza in Francia e ha già accolto 1,3 milioni di persone solo nel 2023, rispetto a 1,1 milioni dell’anno scorso, anche se l’inverno non è ancora iniziato. L’afflusso di richieste sta aumentando i costi operativi dell’associazione. Il suo budget per gli acquisti alimentari, che vengono poi ridistribuiti gratuitamente ai beneficiari, è già raddoppiato.

 

In questo contesto, l’associazione stima di aver bisogno di ulteriori 35 milioni di euro. Altrimenti non si riuscirà ad arrivare nemmeno alla fine dell’anno fiscale.

 

L’associazione dispone di un budget operativo annuale di 200 milioni di euro, proveniente principalmente da donazioni di privati, aziende, nonché sovvenzioni governative e dell’UE.

 

Il 3 settembre, il presidente Drouet ha lanciato «un appello alle forze politiche ed economiche del nostro Paese», chiedendo «un piano alimentare di emergenza».

 

«Non siamo sufficientemente ascoltati, né presi sul serio… ma gli argini si stanno rompendo» ha dichiarato.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche nella vicina Gran Bretagna vi è stato un aumento dei cittadini che si rivolgono al banco alimentare, con statistiche apocalittiche per cui milioni di persone sarebbero alla fame.

 

Il dato più inquietante è forse il fatto che stanno chiedendo aiuto al banco alimentare anche membri dell’esercito britannico.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

Continua a leggere

Più popolari