Connettiti con Renovato 21

IVF

Donatore di sperma con sindrome dell’X fragile denunciato: si faceva pubblicità online omettendolo

Pubblicato

il

Un donatore di sperma che non spiegava la sua condizione genetica alle donne che ha aiutato a rimanere incinta è stato portato in tribunale. Lo riporta BioNews.

 

J.M.D., che ha la sindrome dell’X Fragile, si è pubblicizzato online come donatore di sperma privato e afferma di aver generato 15 figli per madri lesbiche negli ultimi quattro anni.

 

La signora J.L.  ha fatto il passo insolito di denunciare il M.D., perché costui si è pubblicizzato come donatore di sperma pur sapendo che non era idoneo a donare attraverso le cliniche per la fertilità, vista la malattia poteva essere trasmessa a tutti i bambini che avrebbe potuto generare.

 

«Non ho fiducia che non agirà come donatore di sperma in futuro. Allo stesso modo, non ho fiducia nel fatto che spieghi completamente a qualsiasi donna le vere implicazioni della sua sindrome dell’X fragile», ha affermato la donna. «C’è quindi un vantaggio molto specifico nel fatto che venga nominato nella speranza che le donne lo cerchino su Internet e lo vedano».

 

La sindrome dell’X fragile è una condizione genetica incurabile che può causare difficoltà di apprendimento ed è associata a un’ampia varietà di altre caratteristiche, inclusi problemi comportamentali e comunicativi, autismo, epilessia e problemi con il tessuto connettivo.

 

Il donatore X fragile non ha spiegato alle donne che ha aiutato a rimanere incinta di avere la sindrome, l’unica menzione era sull’ultima pagina di un documento di tre pagine densamente stampato scritto «in un linguaggio altamente legalistico» che ha chiesto ad alcune delle donne firmare.

 

Secondo BioNews, il documento non spiegava cos’è la sindrome dell’X fragile o la possibilità che tutti i bambini che ha aiutato a creare potrebbero essere colpiti.

 

Uno di questi bambini ora ha tre anni e «ci sono preoccupazioni significative per il suo sviluppo poiché non è ancora verbale ed è comportamentalmente sfidante».

 

La corte non aveva il potere di impedire che l’uomo si offrisse di agire come donatore di sperma, e sebbene ci siano regole su chi può donare attraverso cliniche per la fertilità registrate e quante famiglie ogni donatore può aiutare, niente di tutto ciò si applica agli accordi privati.

 

Il caso è arrivato in tribunale perché il donatore stava cercando ordini di responsabilità genitoriale e ordini di disposizione dei figli per avere contatti con quattro dei bambini nati dalle sue donazioni.

 

Tre dei bambini sono nati da due donne che in precedenza erano una coppia. Sebbene il documento firmato prima della prima gravidanza concordasse sul fatto che l’uomo non avrebbe avuto i diritti dei genitori o il diritto di contatto, ha avuto contatti con quel bambino fino a giugno 2020. Non c’è storia di contatti con i bambini più piccoli.

 

La signora L. ha respinto le domande del M.D., osservando che non aveva cercato lo stesso con la maggior parte degli altri bambini che ha contribuito a creare. «Secondo me, gran parte della sua motivazione per presentare queste domande è controllare [le due madri]» aggiunge la donna, la quale gli avrebbe anche vietato di presentare ulteriori domande per tre anni perché «è chiaro che non comprende, né accetta, i confini».

 

Le donazioni di sperma non sono regolamentate e aprono a casi come questi, o a episodi ancora più oscuri: ginecologi con decine se non centinaia o perfino migliaia di figli, ottenuti inseminando le pazienti all’insaputa del fatto che il seme fosse il suo e non quello del donatore, la fanno franca, in mancanza totale di legislazione in materia.

 

È possibile ottenere lo sperma di un donatore entusiasta cercandolo anche su Facebook, con casi speciosi anche lì (per esempio: il donatore mente sul numero di donazioni in una determinata zona, e due amiche si ritrovano, senza saperlo, ad aver generato dei fratellastri: è accaduto in Olanda)

 

Cosa spinga gli uomini a divenire donatori di sperma – con figuri che hanno oramai più di cento figli – non è chiaro, anche se si comincia a parlare della volontà, forse dettata da questioni di narcisismo, di divenire un super-spreader, un super-spargitore dei propri spermatozoi.

 

La donazione di spermatozoi è un mercato in forte crescita. Secondo un’importante società di ricerche di mercato, entro il 2027, il mercato dello sperma commerciale varrà 4,86 ​​miliardi di dollari.

 

 

Continua a leggere

IVF

Donatore di sperma olandese potrebbe aver generato 400 figli

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Un donatore di sperma olandese che ha pubblicizzato i suoi servizi online ha generato almeno 80 figli e forse anche 400. Quest’anno è morto di cancro all’esofago e le madri dei suoi figli stanno scoprendo che aveva mentito sul suo passato, sulla sua storia riproduttiva, e la sua identità.

 

Due madri single hanno descritto le loro esperienze in De Stentor, una rivista olandese.

 

Suzanne ha detto che «Leon» le ha detto che aveva due figlie sue e cinque figli attraverso la donazione di sperma; la sua sarebbe stata l’ultima. Ha raccontato a Nina una storia simile.

 

«Con il senno di poi, ho ignorato molte bandiere rosse. Volevo un figlio più di ogni altra cosa, e lui è stato in grado di realizzarlo. Avevo gli occhiali rosati ed ero semplicemente ingenua», ha detto Suzanne a De Stentor. «Ho una storia psichiatrica e non volevo essere giudicata da una clinica. Ecco perché ho deciso di cercare un donatore di sperma online. Ci siamo messi in contatto tramite una chiamata e abbiamo parlato via e-mail per due mesi. Si è rivelato molto coinvolto e ha sempre risposto rapidamente e in modo molto completo».

 

Prima che Leon morisse, ha dato a suo fratello un elenco di donne che aveva inseminato. Da un gruppo Facebook per le madri dei suoi figli, risulta che siano 80. Ma Suzanne ora crede che potrebbero essercene fino a 400.

 

«Spero anche che questa storia serva da monito per le donne che ora stanno per diventare madri single», ha detto Suzanne a De Stentor. «Ecco come funziona questo mondo».

 

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

IVF

Le cliniche indiane per fecondazione in vitro e maternità surrogata si affrettano a registrarsi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

L’India sta tentando di regolamentare il suo caotico settore della fecondazione in vitro.

 

a pietra miliare Assisted Reproductive Technology (Regulation) Act, 2021 ha stabilito che i servizi riproduttivi come la fecondazione in vitro, la maternità surrogata, le banche dei gameti e l’inseminazione artificiale devono essere forniti da cliniche approvate.

 

Lo stato del Tamil Nadu ha avviato il compito di registrare le cliniche. Attualmente ci sono 200 cliniche autorizzate per una popolazione di 75 milioni.

 

Tuttavia, finora 600 cliniche di fecondazione in vitro e agenzie di maternità surrogata hanno richiesto l’approvazione ufficiale, il che dà un’idea di quanto sia diffuso il settore.

 

«La registrazione di queste strutture è importante in modo che ci sia la standardizzazione del trattamento», ha detto a The Hindu un funzionario del governo.

 

«Verificheremo se la struttura dispone di infrastrutture e manodopera adeguate. Possiamo avere il controllo sui centri e intervenire se violano una qualsiasi delle disposizioni degli Atti».

 

Questo potrebbe anche aprire la strada a opzioni terapeutiche più economiche.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Crioconservazione

Nuovo record mondiale per l’embrione congelato più a lungo: 30 anni

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Lydia e Timothy Ridgeway sono nati nell’aprile 1992 e sono nati nell’ottobre 2022 a Portland, Oregon. Detengono il record di embrioni congelati più lunghi del mondo.

 

Quando sono stati creati in una clinica di fecondazione in vitro per una coppia di sposi anonimi, il loro padre «adottivo», Philip Ridgeway, aveva solo 5 anni.

 

Cinque degli embrioni di quella coppia erano «in eccedenza┌ e sono stati tenuti congelati. Nel 2007 li hanno donati a un gruppo cristiano che sponsorizza «l’adozione di embrioni», il National Embryo Donation Center di Knoxville, Tennessee.

 

I Ridgeways avevano già 4 figli ma erano aperti a più. «Non abbiamo mai avuto in mente un determinato numero di bambini che vorremmo avere», ha detto Philip. «Abbiamo sempre pensato che ne avremo tanti quanti Dio vuole darci, e… quando abbiamo sentito parlare dell’adozione di embrioni, abbiamo pensato che fosse qualcosa che ci sarebbe piaciuto fare».

 

«Non stavamo cercando di ottenere gli embrioni che sono stati congelati più a lungo nel mondo», ha detto. «Volevamo solo quelli che stavano aspettando da più tempo».

 

Gli specialisti della fecondazione in vitro rabbrividiscono alla frase «adozione di embrioni». Preferiscono la «donazione di embrioni».

 

«L’adozione si riferisce ai bambini vivi», afferma il dott. Sigal Klipstein, esperto di etica presso l’American Society of Reproductive Medicine. «È un processo legale mediante il quale viene creata una relazione genitore-figlio quando prima non esisteva».

 

La donazione di embrioni, ha detto, è una procedura medica. «È un modo in cui prendiamo embrioni da una coppia o individuo e poi li trasferiamo in un altro individuo per costruire famiglie».

 

Il programma del NEDC per l’adozione di embrioni è una risposta all’esistenza di un milione di embrioni congelati nelle cliniche americane di fecondazione in vitro. Il centro afferma di aver organizzato la nascita di 1.260 di loro.

 

L’accumulo di embrioni congelati negli Stati Uniti, in Stati con leggi diverse che li regolano, è quasi un dilemma etico insolubile. Molte coppie non sono disposte a usarli, ma non riescono a donare i loro embrioni alla ricerca oa scartarli. Quindi il numero continua a crescere.

 

Come ha osservato l’Istituto Lozier sul suo sito web: «mercificando gli embrioni, la comunità medica e il nostro sistema legale hanno aperto un vaso di Pandora di soluzioni problematiche che non offre protezioni adeguate. Mentre la fecondazione in vitro è stata lodata da molti come la risposta all’infertilità, le migliaia di altre vite che ha creato continuano a essere in bilico».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari