Connettiti con Renovato 21

Famiglia

Australia, governo locale rifiuta di creare un registro per i donatori di sperma

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Il governo del Victoria ha respinto le richieste di istituire un registro degli uomini che donano attraverso canali informali come Facebook.

 

Più lesbiche e donne single stanno cercando di avere figli, ma meno uomini donano il loro sperma a cliniche ufficiali

Più lesbiche e donne single stanno cercando di avere figli, ma meno uomini donano il loro sperma a cliniche ufficiali, probabilmente perché la recente legislazione impone donazioni «aperte» che consentono ai potenziali bambini di accedere ai loro registri di nascita quando compiono 18 anni.

 

Di conseguenza, le donazioni provenienti da gruppi di Facebook e altre app sono diventate un’alternativa sempre più popolare ed economica.

 

I canali informali non sono regolamentati, rendendo più difficile per i bambini stabilire la loro paternità. Inoltre, rende difficile per le autorità far rispettare leggi come un limite di 10 al numero di famiglie a cui ciascun donatore può fornire lo sperma.

 

Le donazioni provenienti da gruppi di Facebook e altre app sono diventate un’alternativa sempre più popolare ed economica

Alcuni sostenitori di un sistema informale hanno suggerito di creare un registro condiviso per le donazioni private di sperma che registrerebbe i dettagli identificativi dei donatori per la loro prole. Secondo The Age ,

 

«Adam Hooper, che gestisce Sperm Donation Australia, un gruppo Facebook che vanta più di 11.000 membri e abbina donatori a persone che sperano di iniziare o espandere le loro famiglie, ha affermato di aver fatto una proposta del genere all’Autorità per il trattamento della riproduzione assistita del Victoria alcuni anni fa, ma non ha mai più sentito nulla».

 

Il governo statale afferma di avere grandi piani per il settore della fecondazione in vitro: un impegno di 70 milioni di dollari australiani nel bilancio statale di quest’anno per istituire servizi pubblici di fecondazione in vitro e la prima banca pubblica di sperma e ovuli del Victoria.

 

I canali informali non sono regolamentati, rendendo più difficile per i bambini stabilire la loro paternità. Inoltre, rende difficile per le autorità far rispettare leggi come un limite di 10 al numero di famiglie a cui ciascun donatore può fornire lo sperma

«I servizi pubblici di fecondazione in vitro e una banca pubblica di sperma e ovuli aiuteranno ad affrontare i rischi posti dalle pratiche informali di donazione di sperma e forniranno ai vittoriani un’alternativa accessibile», ha affermato un portavoce del governo.

 

Il governo ha anche sottolineato che un registro per i donatori informali non è stato raccomandato durante la sua importante inchiesta sul trattamento di riproduzione assistita nel Victoria nel 2018.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Bambini come cavie: l’eredità di Fauci nei crudeli esperimenti sui bimbi

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Le recenti rivelazioni sul dottor Anthony Fauci hanno gettato nuova luce su un documentario della BBC del 2004, «Guinea Pig Kids». Il film ha esposto i crudeli esperimenti – approvati da Fauci e finanziati dai contribuenti statunitensi – sui bambini poveri delle minoranze come parte della ricerca di Fauci su una cura per l’AIDS.

 

 

 

Il recente scandalo #BeagleGate ha realizzato ciò che la pandemia globale di COVID, lo scandalo sulla ricerca sul «guadagno di funzione», gli obblighi vaccinali globali e una carriera fondata sullo sperpero di dollari dei contribuenti americani non hanno potuto: ha fatto sì che il mondo si fermasse e mettesse in discussione l’integrità del Dott. Anthony Fauci.

 

Nelle ultime settimane, i media mainstream e i social media sono stati riempiti con resoconti dei crudeli esperimenti sugli animali finanziati dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) utilizzando i dollari dei contribuenti americani.

 

Il NIAID, una divisione del National Institute of Health, opera sotto la direzione di Fauci.

 

Sulla base delle scoperte del giornalista investigativo Liam Scheff, lo sconvolgente documentario ha esposto gli strazianti esperimenti medici clandestini di Fauci sui bambini con infezione da HIV

Post virali sui social media hanno descritto come, dopo essere stati ridotti alla fame e aver rimosso le loro corde vocali in modo che non potessero ululare o abbaiare, la testa dei beagle veniva intrappolata in gabbie con mosche della sabbia affamate che mangiavano vivi i loro ospiti.

 

Ad altri cuccioli sono state iniettate varianti «mutanti» prodotte in laboratorio di batteri trasmessi dalle zecche prima di essere esposti a centinaia di zecche che hanno poi succhiato il loro sangue per circa una settimana. Il loro sangue è stato prelevato due volte a settimana per otto settimane e sono poi stati sacrificati.

 

In un altro esperimento, ai beagle sono state iniettate larve di filaria e successivamente soppressi in modo che le larve potessero essere utilizzate in altri esperimenti. 

 

L’indagine del White Coat Waste Project (WCW) che ha divulgato queste storie ha innescato una protesta pubblica e uno sforzo bipartisan per ritenere Fauci responsabile degli esperimenti inutili e violenti che ha autorizzato usando milioni di dollari dei contribuenti.

 

I successivi articoli dei media mainstream su WCW sono la prova dell’impatto che il #BeagleGate ha avuto sulla percezione pubblica.

 

Il dipartimento per il benessere dei bambini di New York, l’Amministrazione per i servizi per l’infanzia, aveva il compito di offrire i bambini vulnerabili e svantaggiati sotto la sua cura come topi da laboratorio per testare farmaci tossici per l’AIDS come AZT, Nevirapina e vari inibitori della proteasi, nonché vaccini sperimentali contro l’AIDS

«L’ironia è che sono questi piccoli cuccioli a provocare l’indignazione», ha affermato Vera Sharav, attivista per i diritti umani e fondatrice dell’ Alliance for Human Research Protection (AHRP).

 

Non che a Sharav non importi dei cuccioli. È frustrata, tuttavia, dal fatto di non essere in grado di generare la stessa protesta pubblica quando si tratta della sua missione di vita, porre fine alla crudele sperimentazione medica sui bambini.

 

«Gli animali hanno potenti sostenitori, come People for the Ethical Treatment of Animals, che combattono per proteggerli da questo tipo di abuso», ha detto Sharav. «Ma questi bambini sono usa e getta. È assurdo».

 

Come bambina sopravvissuto all’Olocausto, Sharav ha assistito in prima persona a come un sistema corrotto può cancellare sistematicamente le norme morali e l’empatia umana in nome della salute pubblica.

 

Ha lavorato per decenni per porre fine a pratiche mediche non etiche e abusive, comprese quelle sovvenzionate e agevolate da agenzie governative e Big Pharma.

 

La maggior parte di questi farmaci, approvati per gli adulti affetti da AIDS, contenevano avvertenze speciali e causavano effetti collaterali potenzialmente letali, tra cui morte del midollo osseo, insufficienza degli organi, deformità e danni cerebrali.

La sua battaglia per rompere il silenzio cospiratorio e ottenere l’attenzione dei media e delle autorità di regolamentazione è stata una battaglia in salita, durata decenni.

 

Ma nel 2004 c’era un barlume di speranza. La BBC contattò Sharav nell’ambito di una ricerca per un film documentario, «Guinea Pig Kids».

 

Sulla base delle scoperte del giornalista investigativo Liam Scheff, lo sconvolgente documentario ha esposto gli strazianti esperimenti medici clandestini di Fauci sui bambini con infezione da HIV in cura presso l’Incarnation Children’s Center (ICC).

 

Sharav ha collaborato con Scheff, la giornalista investigativa Celia Farber e il regista del film, Jamie Doran. Per un breve periodo, i tre avevano creduto che la verità potesse finalmente venire alla luce.

 

Ma, come hanno scoperto tutti, fare luce non è per i deboli di cuore.

 

 

Chi erano i «bambini-cavia»? 

L’ICC, che si è pubblicizzato come «l’unica struttura infermieristica qualificata di New York City per fornire assistenza specializzata a bambini e adolescenti affetti da HIV/AIDS», è stato lo scenario di questi crimini contro l’umanità.

 

Nel 1992, il NIAID ha fornito finanziamenti per riproporre l’ICC come «un ambulatorio per bambini sieropositivi» e la clinica è diventata parte della Pediatric AIDS Clinical Trials Unit della Columbia University.

 

La maggior parte dei bambini erano neri, ispanici e poveri, spesso nati da madri tossicodipendenti.

Il dipartimento per il benessere dei bambini di New York, l’Amministrazione per i servizi per l’infanzia, aveva il compito di offrire i bambini vulnerabili e svantaggiati sotto la sua cura come topi da laboratorio per testare farmaci tossici per l’AIDS come AZT, Nevirapina e vari inibitori della proteasi, nonché vaccini sperimentali contro l’AIDS.

 

La maggior parte di questi farmaci, approvati per gli adulti affetti da AIDS, contenevano avvertenze speciali e causavano effetti collaterali potenzialmente letali, tra cui morte del midollo osseo, insufficienza degli organi, deformità e danni cerebrali.

 

La maggior parte dei bambini erano neri, ispanici e poveri, spesso nati da madri tossicodipendenti.

 

Il NIAID, sfruttando l’ortodossia prevalente dell’AIDS, ha giustificato gli esperimenti non etici eseguiti su questi ragazzi come l’unica possibilità che avevano per sopravvivere.

 

Jacklyn Hoerger, il cui compito era somministrare i farmaci ai bambini, ha dichiarato:

 

«Ci è stato detto che se vomitavano, se perdevano la capacità di camminare, se avevano la diarrea, se stavano morendo, tutto questo era dovuto alla loro infezione da HIV. L’ho preso fedelmente come mi era stato detto dai medici»

«Ci è stato detto che se vomitavano, se perdevano la capacità di camminare, se avevano la diarrea, se stavano morendo, tutto questo era dovuto alla loro infezione da HIV. L’ho preso fedelmente come mi era stato detto dai medici».

 

La condiscendenza, come principio unidirezionale, è stato un tema ricorrente nella carriera di Fauci. Secondo il direttore medico dell’ICC, la dott.ssa Katherine Painter, il «problema più grande che devono affrontare le famiglie con bambini sieropositivi è l’osservanza delle regole».

 

Hoerger ha imparato questa lezione nel modo più duro, quando ha iniziato il processo di adozione di due sorellastre dal programma. Applicando un metodo scientifico molto più compassionevole a casa, Hoerger ha dedotto che erano i farmaci a causare i disturbi dei bambini. Quindi li ha tolti dai regimi farmacologici.

 

Ha descritto i miglioramenti come «quasi istantanei» e ha notato che le ragazze hanno iniziato a mangiare correttamente per la prima volta nella loro vita. Ma la sua inadempienza l’ha fatta apparire come un genitore negligente e ha perso la custodia delle ragazze. Non le fu mai più permesso di vederle.

 

All’ICC, la cooperazione dei soggetti sperimentali ha sempre avuto la precedenza sul loro benessere. Ai bambini era richiesto di assumere questi farmaci indipendentemente dai loro effetti negativi e gli effetti avversi sono stati attribuiti alla loro presunta malattia (AHRP ha scoperto che il NIAID ha permesso ai suoi partner farmaceutici di sperimentare su bambini senza infezioni da HIV confermate in laboratorio).

Quando alcuni genitori rifiutavano di acconsentire ai test, i funzionari dei servizi per l’infanzia li sottraevano prontamente e li collocavano presso famiglie affidatarie, o in case per bambini dove sarebbe stata autorizzata la loro partecipazione

 

Quando alcuni genitori rifiutavano di acconsentire ai test, i funzionari dei servizi per l’infanzia li sottraevano prontamente e li collocavano presso famiglie affidatarie, o in case per bambini dove sarebbe stata autorizzata la loro partecipazione.

 

Quando i bambini hanno resistito o rifiutato i farmaci sono stati trasportati al Columbia Presbyterian Hospital, dove sono stati inseriti chirurgicamente tubi di plastica nei loro stomaci per la somministrazione dei farmaci.

 

Secondo Sharav, almeno 80 bambini sono morti nel corso di questi studi clinici.

 

«Fauci ha solo nascosto tutti quei bambini morti sotto il tappeto», ha detto Sharav. «Erano danni collaterali alle sue ambizioni di carriera. Erano bambini usa e getta».

Secondo Sharav, almeno 80 bambini sono morti nel corso di questi studi clinici

 

Una visita alla fossa comune dell’ICC al cimitero di Gate of Heaven a Hawthorne, New York, ha chiarito la faccenda una volta per tutte per Celia Farber, giornalista investigativa che ha condotto ricerche per il film.

 

«Non potevo credere ai miei occhi», ha detto Farber.

 

«Era una fossa molto grande con erba sintetica gettata sopra, che si poteva sollevare. Sotto di essa, si potevano vedere dozzine di semplici bare di legno, impilate alla rinfusa. Potrebbero essere stati 100. Ho scoperto che in ognuno c’era più di un corpo di bambino».

 

La condiscendenza è stata un problema anche quando si è trattato di aderire al Codice di Norimberga o di seguire i regolamenti federali relativi alla partecipazione alla sperimentazione clinica.

«Fauci ha solo nascosto tutti quei bambini morti sotto il tappeto. Erano danni collaterali alle sue ambizioni di carriera. Erano bambini usa e getta».

 

Invece di aderire ai requisiti messi in atto per proteggere i bambini in affido, New York ha creato un comitato di revisione istituzionale, un comitato etico composto da rappresentanti degli stessi ospedali che stavano conducendo la ricerca per concedere le approvazioni.

 

In altre parole, l’approvazione è stata messa nelle mani degli azionisti.

 

Nel marzo 2004, l’organizzazione di Sharav ha presentato una denuncia sia alla Food and Drug Administration statunitense sia all’ufficio federale per la protezione della ricerca umana.

 

La denuncia si è concentrata sull’iscrizione illegale di bambini in affido in questi processi e sull’incapacità istituzionale a livello di sistema di proteggerli in conformità con i regolamenti federali che impongono un avvocato indipendente per ogni bambino.

 

«Era una fossa molto grande con erba sintetica gettata sopra, che si poteva sollevare. Sotto di essa, si potevano vedere dozzine di semplici bare di legno, impilate alla rinfusa. Potrebbero essere stati 100. Ho scoperto che in ognuno c’era più di un corpo di bambino»

Questi bambini, alcuni di appena 3 mesi, non avevano una voce indipendente. L’ACS, la stessa organizzazione che essenzialmente li ha messi su un nastro trasportatore per le sperimentazioni cliniche, era anche il loro tutore legale.

 

«È una completa abdicazione del primum non nocere e della dignità degli esseri umani», ha detto Sharav.

 

«Dal punto di vista della ricerca medica, gli animali da laboratorio sono costosi e questi bambini sono economici. Il governo li ha consegnati come una mandria di animali».

 

 

La campagna contro i «negazionisti dell’AIDS»

Guinea Pig Kids ha debuttato sulla BBC il 30 novembre 2004, ma è stato improvvisamente tolto dal palinsesto.

 

Una denuncia presentata da potenti attivisti dell’AIDS ha portato la BBC a ritirare il documentario e cancellare le indagini. E dietro le quinte è stato molto peggio.

 

Celia Farber ha raccontato che lei e altri sono stati «implacabilmente maltrattati a tutti i livelli» per essere i cosiddetti «negazionisti dell’AIDS».

 

«Dal punto di vista della ricerca medica, gli animali da laboratorio sono costosi e questi bambini sono economici. Il governo li ha consegnati come una mandria di animali»

«Ci hanno attaccati professionalmente, economicamente, spiritualmente, socialmente», ha ricordato Farber. «Nessuno voleva essere un negazionista dell’AIDS. Ha suscitato un odio così immediato. Quel termine ha lanciato un incantesimo davvero profondo e la gente non riusciva a sentire oltre. Ha immediatamente bloccato le persone».

 

Una riunione del sottocomitato del 2005 ospitata dal Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti ha concluso che i diritti fondamentali dei bambini adottivi erano stati violati in alcuni dei test sui farmaci per l’AIDS, ma nulla è cambiato all’ICC e i bambini hanno continuato a morire.

 

Al VERA Institute of Justice, che aveva il compito di indagare sulla morte dei bambini coinvolti in questi esperimenti, è stato proibito esaminare le cartelle cliniche e ha rifiutato di accettare i dati dell’indagine di Scheff.

 

Gli sforzi di Scheff, Sharav e Farber ripiombarono nell’oscurità. Finora.

 

«Fauci è a capo di questa agenzia (NIAID) dal 1984 e non ha mai inventato un farmaco o un vaccino. Non ci sono state guarigioni. È riuscito solo a terrorizzare le persone».

«Fauci è a capo di questa agenzia (NIAID) dal 1984 e non ha mai inventato un farmaco o un vaccino», ha detto Sharav. «Non ci sono state guarigioni. È riuscito solo a terrorizzare le persone».

 

Sharav è pronta per la fine del regno del terrore di Fauci.

 

Ma forse possiamo imparare di più su Fauci e sui suoi compari, non guardando i suoi fallimenti, ma rivolgendo la nostra attenzione al suo successo. Lui e i suoi colleghi del NIH e dei Centers for Disease Control and Prevention hanno perfezionato un paradigma pandemico utilizzando paradigmi diagnostici mutevoli e definizioni cliniche che incorporano metodi di test imperfetti.

 

Lui e i suoi colleghi del NIH e dei Centers for Disease Control and Prevention hanno perfezionato un paradigma pandemico utilizzando paradigmi diagnostici mutevoli e definizioni cliniche che incorporano metodi di test imperfetti. Questo metodo è stato utilizzato per lanciare alcune delle campagne di terrore di maggior successo nella storia globale

Questo metodo è stato utilizzato per lanciare alcune delle campagne di terrore di maggior successo nella storia globale. Quella paura è stata usata per generare un modello di guerra sanitaria che è stato usato per giustificare migliaia di esperimenti crudeli, inutili e costosi.

 

E mentre quegli esperimenti non hanno prodotto trattamenti o cure efficaci, hanno desensibilizzato con successo ricercatori e operatori sanitari e li hanno addestrati a «seguire semplicemente gli ordini» indipendentemente dai risultati sulla salute.

 

Tutto questo è stato realizzato con enormi spese per i contribuenti americani – e l’ortodossia risultante ha danneggiato la salute di milioni di persone.

 

I trattamenti vanno e vengono, ma la conformità medica e la creazione di una cultura del «come osi» per far vergognare e mettere a tacere le voci del dissenso è probabilmente rimasto l’esperimento scientifico di maggior successo e più redditizio nella storia globale.

 

Mentre quegli esperimenti non hanno prodotto trattamenti o cure efficaci, hanno desensibilizzato con successo ricercatori e operatori sanitari e li hanno addestrati a «seguire semplicemente gli ordini» indipendentemente dai risultati sulla salute

Ma ci sono due variabili di cui Fauci non ha tenuto conto con precisione: la resilienza dello spirito umano e la forza dell’amore di un genitore.

 

Assistere al dipanarsi della narrazione è surreale per Farber.

 

«Provo ancora rabbia e disgusto per il fatto che questa matrice terroristica degli attivisti dell’AIDS sia riuscita a convincere il pubblico a distogliere lo sguardo, che non dovrebbero preoccuparsi di questi bambini», ha dichiarato Farber.

 

Ma, nonostante tutto quello che ha passato, c’è una scintilla di ottimismo.

 

«La scintilla di luce è che così tante persone stanno comprendendo, che ci sono menti preparate per questo ora», ha detto Farber.

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 15 novembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Contraccezione

l’Iran spinge per favorire le nascite con leggi pro-famiglia

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La nuova «Legge sul sostegno alla famiglia e ai giovani» dell’Iran è un chiaro esempio di come le diverse prospettive possono variare la copertura delle notizie.

 

Il regime teocratico dell’Iran ha pochi amici a livello internazionale. Quindi i titoli globali riflettono una visione debole della nuova legislazione, che limita fortemente l’accesso all’aborto, alla contraccezione e alla sterilizzazione volontaria.

 

«Il governo iraniano sta adottando ulteriori misure per utilizzare il diritto penale per limitare i diritti delle donne, al fine di aumentare il numero di nascite, il che costringerà effettivamente molte donne e ragazze a portare a termine gravidanze indesiderate che sarebbero intrinsecamente discriminatorie», hanno dichiarato gli esperti delle Nazioni Unite.

 

Un titolo sul sito web curdo RUDAW diceva che si trattava di una «chiara violazione del diritto internazionale»; sul Times of Israel, scrivono che«esperti delle Nazioni Unite avvertono che limiterà i diritti delle donne»; in Radio Free Europe (un sito web del governo americano) «”È la mia scelta: la nuova legge sulla popolazione dell’Iran è stata fatta saltare per limitare l’accesso a contraccettivi e aborti».

 

I media ufficiali iraniani hanno esposto il motivo alla base della decisione del loro governo: un allarmante calo del tasso di natalità

Tuttavia, i media ufficiali iraniani hanno esposto il motivo alla base della decisione del loro governo: un allarmante calo del tasso di natalità.

 

In effetti, il Teheran Times non ha nemmeno menzionato l’aborto. Ecco alcuni degli incentivi previsti dalla normativa per avere più figli:

 

  • Assicurazione sanitaria per coppie infertili

 

  • Servizi per le donne che lavorano

 

  • Pacchetti di supporto per la salute e la nutrizione

 

  • Opportunità educative per le studentesse madri

 

  • Sostegno al sostentamento delle famiglie

 

  • Servizi medici per le donne incinte

 

  • Sconti per famiglie con tre o più bambini

 

  • Promozioni per dipendenti da tre a cinque figli

 

  • Congedo di maternità di 9 mesi a piena retribuzione

 

  • Trattamento gratuito dell’infertilità

 

  • Prestiti speciali per la casa per le giovani coppie per incoraggiare i giovani a sposarsi

 

Il governo iraniano è chiaramente spaventato da un calo di 550.000 nel numero di nascite annuali tra il 2016 e il 2021.

  • Uno sconto del 20% per il tutoraggio per le scolaresche

 

  • Parto naturale gratuito di qualità negli ospedali statali

 

  • Ci si aspetta che tutte le agenzie governative promuovano gli «aspetti positivi e preziosi del matrimonio»

 

  • Le pubblicità devono presentare famiglie con 3 o più bambini

 

  • Un «Premio Nazionale Giovani per la Popolazione» per le istituzioni che aiutano ad aumentare la natalità

 

  • I media governativi devono promuovere la gravidanza e denunciare il celibato, la contraccezione e l’aborto. Il dieci per cento della programmazione deve essere dedicato alla promozione dell’aumento della popolazione.

 

Il governo iraniano è chiaramente spaventato da un calo di 550.000 nel numero di nascite annuali tra il 2016 e il 2021.

 

Altri Paesi hanno tentato di aumentare la natalità con incentivi finanziari e sociali. Ma probabilmente nessuno di essi è arrivato ai livelli dell’Iran.

L’implosione demografica è iniziata dopo la guerra Iran-Iraq, negli anni ’90. Il governo ha incoraggiato le piccole famiglie perché gli esperti avevano avvertito di un’esplosione demografica. È riuscito fin troppo bene. Oggi il tasso di fertilità dell’Iran è di 1,6 figli per donna; nel 1986 era 6.5. Ha uno dei tassi di invecchiamento più rapidi al mondo.

 

Mohammad Esmaeil Akbari, consigliere anziano del ministro della salute, ha dichiarato al The Teheran Times che ttualmente, gli anziani costituiscono meno del 10% della popolazione e siamo considerati un paese giovane, ma invecchiamo ogni anno così che in nei prossimi 20 anni saremo uno dei paesi più antichi del mondo e il più antico entro i prossimi 30 anni».

 

Altri Paesi hanno tentato di aumentare la natalità con incentivi finanziari e sociali. Ma probabilmente nessuno di essi è arrivato ai livelli dell’Iran.

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Essere genitori

Caso Bibbiano, Foti condannato a quattro anni

Pubblicato

il

Da

 

 

Lo psicoterapeuta Claudio Foti è stato condannato in rito abbreviato a quattro anni dal tribunale di Reggio Emilia.

 

Per Foti, 70 anni, la procura aveva domandato una condanna di sei anni « per le accuse di abuso d’ufficio, frode processuale e lesioni gravissime (il giudice ha quindi ritenuto fondate le accuse mosse nei suoi confronti, in particolare quella di lesioni ai danni di una ragazzina che ebbe in cura tra il 2016 e il 2017, sottoposta a sedute “con modalità suggestive”)» riporta il Corriere della Sera.

 

Tuttavia, «il giudice ha invece deciso di condannarlo a 4 anni e lo ha assolto con la formula “perché il fatto non costituisce reato” dall’ipotesi di frode processuale» riporta Sky TG24.

 

«Foti è stato interdetto dai pubblici uffici per la durata di 5 anni. Il giudice Dario De Luca ha inoltre disposto la sospensione dall’esercizio della professione di psicologo e psicoterapeuta per 2 anni. Il fondatore del centro Hansel e Gretel dovrà inoltre risarcire i danni in favore delle parti civili Gens Nova Onlus, Unione Val d’Enza, Unione dei Comuni Modenesi Area Nord, Ausl di Reggio Emilia, Regione Emilia Romagna, Ministero della Giustizia, Comune di Montecchio Emilia» continua il Corriere della Sera

 

«Ho fiducia che in Appello possa essere rivista questa condanna che ritengo ingiusta. Penso di essermi comportato correttamente in scienza e coscienza. Rifarei tutto ciò che ho fatto» avrebbe commentato Foti fuori dal tribunale secondo Il Resto del Carlino. I suoi avvocati avrebbero quindi affiancato il suo caso a quello di Enzo Tortora

 

Oltre alla condanna a Foti, il GUP ha inoltre disposto 17 rinvii a giudizio, 5 proscioglimenti e un’assoluzione, quella di un assistente sociale unica altra imputata ad aver chiesto il rito abbreviato – nel suo caso «il fatto non sussiste».

 

«Il GUP di Reggio Emilia ha anche rinviato a giudizio il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti per abuso d’ufficio; ma lo ha prosciolto dalle accuse di falso» scrive sempre il Corsera.

 

Secondo Foti si è avuto «uno scontro in quest’aula, che non doveva avvenire in ambito giudiziario ma in accademia, fra posizioni teoriche diverse. Io credo che sia stata criminalizzata la psicoterapia del trauma: una posizione che non c’entra nulla col metodo Foti distorto e criminalizzato» scrive La Repubblica riprendendo dichiarazioni in uscita dal tribunale.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Più popolari