Coronavirus, in Cina città bloccate. E ronde in stile maoista

 

Mentre l’Italia, nel nome dell’antirazzismo, fa entrare 2.500 cinesi senza sottoporli a quarantena, la Cina sottopone i suoi stessi cittadini al blocco degli spostamenti perfino all’interno della loro città.

 

La Cina ha inondato città e villaggi con battaglioni di quartiere, volontari in uniforme e rappresentanti del Partito Comunista per realizzare una delle più grandi campagne di controllo sociale della storia. L’obiettivo: mantenere centinaia di milioni di persone lontane da tutti tranne che dai loro parenti più stretti. La storia è raccontata dal New York Times.

 

Battaglioni di quartiere, volontari in uniforme e rappresentanti del Partito Comunista per realizzare una delle più grandi campagne di controllo sociale della storia

La nazione sta combattendo l’epidemia di coronavirus con una mobilitazione di base che ricorda le crociate di massa in stile Mao non viste in Cina da decenni, affidando essenzialmente la prevenzione dell’epidemia di prima linea a una versione sotto steroidi di una ronda di quartiere.

 

I complessi abitativi di alcune città hanno emesso gli equivalenti dei pass per le sale di carta per regolare la frequenza con cui i residenti lasciano le loro case. I condomini hanno allontanato i propri inquilini se venivano da fuori città. Le stazioni ferroviarie impediscono alle persone di entrare in città se non riescono a provare di vivere o lavorare lì. In campagna, i villaggi sono stati recintati con veicoli, tende e altre barriere improvvisate.

 

Nonostante l’arsenale cinese di strumenti di sorveglianza ad alta tecnologia, i controlli sono applicati principalmente da centinaia di migliaia di lavoratori e volontari, che controllano la temperatura dei residenti, registrano i loro movimenti, sovrintendono alle quarantene e – soprattutto – tengono lontani gli estranei che potrebbero trasportare il virus.

 

I blocchi residenziali di varia rigidità – dai posti di blocco all’ingresso degli edifici ai limiti severi di andare all’aperto – ora coprono almeno 760 milioni di persone in Cina, o più della metà della popolazione del paese

I blocchi residenziali di varia rigidità – dai posti di blocco all’ingresso degli edifici ai limiti severi di andare all’aperto – ora coprono almeno 760 milioni di persone in Cina, o più della metà della popolazione del paese, secondo un’analisi del New York Times sugli annunci del governo nelle province e nelle maggiori città. Molte di queste persone vivono lontano dalla città di Wuhan, dove il virus è stato segnalato per la prima volta e che il governo ha sigillato il mese scorso.

 

In tutta la Cina, i quartieri e le località hanno emesso le proprie regole sugli andirivieni dei residenti, il che significa che il numero totale di persone colpite potrebbe essere ancora più elevato. Le politiche variano ampiamente, lasciando alcuni posti in un congelamento virtuale e altri con poche restrizioni.

 

Il presidente Xi Jinping, ha chiesto una «guerra popolare» per domare l’epidemia. Ma le restrizioni hanno impedito ai lavoratori di tornare alle fabbriche e alle imprese, mettendo a dura prova la gigantesca economia cinese. E con i funzionari locali che esercitano un’autorità così diretta sui movimenti delle persone, non sorprende che alcuni abbiano portato il controllo estremo.

 

Un’app sviluppata da un produttore statale di elettronica militare consente ai cittadini cinesi di  essere informati se possono essere entrati in contatto con un vettore del virus

Gli sforzi di prevenzione della Cina sono guidati dai suoi innumerevoli comitati di quartiere, che in genere servono da intermediario per i residenti e le autorità locali. A sostenerli è il sistema di «gestione di rete» attuato dal governo, che divide il paese in minuscole sezioni e assegna le persone a sorvegliare ciascuna, garantendo una stretta presa su una vasta popolazione.

 

La provincia di Zhejiang, sulla costa sud-orientale della Cina, ha una popolazione di quasi 60 milioni e ha arruolato 330.000 «lavoratori di rete». La provincia di Hubei, la cui capitale è Wuhan, ha dispiegato 170.000 persone. La provincia meridionale del Guangdong ha invocato 177.000, il Sichuan senza sbocco sul mare ha 308.000 e la megalopoli di Chongqing ne ha 118.000.

Le autorità stanno anche combinando un’enorme forza lavoro con la tecnologia mobile per tracciare le persone che potrebbero essere state esposte al virus

 

Le autorità stanno anche combinando un’enorme forza lavoro con la tecnologia mobile per tracciare le persone che potrebbero essere state esposte al virus.

 

I fornitori di telefonia mobile statali cinesi consentono agli abbonati di inviare messaggi di testo a una hotline che genera un elenco di province che hanno visitato di recente. La scorsa settimana presso una stazione ferroviaria ad alta velocità nella città orientale di Yiwu, i lavoratori in tuta antibiologica hanno chiesto ai passeggeri di inviare messaggi di testo che mostrano i loro dati di posizione prima di poter partire.

 

Nelle epidemie, misure prepotenti possono ritorcersi contro, spaventando le persone infette a nascondersi e rendendo più difficile il controllo dell’epidemia

Un’app sviluppata da un produttore statale di elettronica militare consente ai cittadini cinesi di inserire il loro nome e numero di identificazione nazionale e di essere informati se possono essere entrati in contatto, su un aereo, treno o autobus, con un vettore del virus.

 

È troppo presto per dire se la strategia cinese ha contenuto l’epidemia. Con un gran numero di nuove infezioni segnalate ogni giorno, il governo ha chiare ragioni per ridurre al minimo il contatto umano e i viaggi domestici. Ma gli esperti affermano che nelle epidemie, misure prepotenti possono ritorcersi contro, spaventando le persone infette a nascondersi e rendendo più difficile il controllo dell’epidemia.

 

Nello Zhejiang, una delle province più sviluppate della Cina e sede di Alibaba e di altre società tecnologiche, la gente ha scritto sui social media di non poter accedere ai propri appartamenti

Nello Zhejiang, una delle province più sviluppate della Cina e sede di Alibaba e di altre società tecnologiche, la gente ha scritto sui social media di non poter accedere ai propri appartamenti a Hangzhou, la capitale della provincia. Venendo a casa da fuori città, dicono, è stato chiesto loro di produrre documenti da proprietari e datori di lavoro o di sarebbero stati lasciati per strada.

 

Alcune parti della Cina hanno imposto altre politiche, spesso severe, per respingere l’epidemia. Hangzhou ha vietato alle farmacie di vendere analgesici per costringere le persone con sintomi a cercare cure negli ospedali.

 

Hangzhou ha vietato alle farmacie di vendere analgesici per costringere le persone con sintomi a cercare cure negli ospedali

La città di Nanchino richiede che chiunque prenda un taxi per mostrare un documento d’identità e lasciare le informazioni di contatto. La provincia dello Yunnan vuole che tutti i luoghi pubblici visualizzino i codici QR che le persone devono scansionare con i loro telefoni ogni volta che entrano o escono. Molti luoghi hanno vietato grandi raduni. La polizia nella provincia di Hunan questo mese ha distrutto un salotto di mahjong dove hanno trovato più di 20 persone che giocavano al noto gioco delle tessere. Con i governi locali che decidono tali politiche in gran parte da sole, la Cina è diventata un vasto mosaico di feudi.

Con i governi locali che decidono tali politiche in gran parte da sole, la Cina è diventata un vasto mosaico di feudi

I funzionari sembrano riconoscere che alcuni enti locali sono andati troppo oltre. Questo mese, Chen Guangsheng, il vice segretario generale del governo provinciale dello Zhejiang, ha definito «inappropriato» che alcuni luoghi avevano impiegato «pratiche semplici e grezze», come bloccare le persone nelle loro case per imporre le quarantene. I funzionari nazionali sabato hanno esortato città e villaggi a rimuovere blocchi stradali non necessari e garantire il trasporto regolare di cibo e forniture.