Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Coronavirus, in Cina città bloccate. E ronde in stile maoista

Pubblicato

il

 

Mentre l’Italia, nel nome dell’antirazzismo, fa entrare 2.500 cinesi senza sottoporli a quarantena, la Cina sottopone i suoi stessi cittadini al blocco degli spostamenti perfino all’interno della loro città.

 

La Cina ha inondato città e villaggi con battaglioni di quartiere, volontari in uniforme e rappresentanti del Partito Comunista per realizzare una delle più grandi campagne di controllo sociale della storia. L’obiettivo: mantenere centinaia di milioni di persone lontane da tutti tranne che dai loro parenti più stretti. La storia è raccontata dal New York Times.

 

Battaglioni di quartiere, volontari in uniforme e rappresentanti del Partito Comunista per realizzare una delle più grandi campagne di controllo sociale della storia

La nazione sta combattendo l’epidemia di coronavirus con una mobilitazione di base che ricorda le crociate di massa in stile Mao non viste in Cina da decenni, affidando essenzialmente la prevenzione dell’epidemia di prima linea a una versione sotto steroidi di una ronda di quartiere.

 

I complessi abitativi di alcune città hanno emesso gli equivalenti dei pass per le sale di carta per regolare la frequenza con cui i residenti lasciano le loro case. I condomini hanno allontanato i propri inquilini se venivano da fuori città. Le stazioni ferroviarie impediscono alle persone di entrare in città se non riescono a provare di vivere o lavorare lì. In campagna, i villaggi sono stati recintati con veicoli, tende e altre barriere improvvisate.

 

Nonostante l’arsenale cinese di strumenti di sorveglianza ad alta tecnologia, i controlli sono applicati principalmente da centinaia di migliaia di lavoratori e volontari, che controllano la temperatura dei residenti, registrano i loro movimenti, sovrintendono alle quarantene e – soprattutto – tengono lontani gli estranei che potrebbero trasportare il virus.

 

I blocchi residenziali di varia rigidità – dai posti di blocco all’ingresso degli edifici ai limiti severi di andare all’aperto – ora coprono almeno 760 milioni di persone in Cina, o più della metà della popolazione del paese

I blocchi residenziali di varia rigidità – dai posti di blocco all’ingresso degli edifici ai limiti severi di andare all’aperto – ora coprono almeno 760 milioni di persone in Cina, o più della metà della popolazione del paese, secondo un’analisi del New York Times sugli annunci del governo nelle province e nelle maggiori città. Molte di queste persone vivono lontano dalla città di Wuhan, dove il virus è stato segnalato per la prima volta e che il governo ha sigillato il mese scorso.

 

In tutta la Cina, i quartieri e le località hanno emesso le proprie regole sugli andirivieni dei residenti, il che significa che il numero totale di persone colpite potrebbe essere ancora più elevato. Le politiche variano ampiamente, lasciando alcuni posti in un congelamento virtuale e altri con poche restrizioni.

 

Il presidente Xi Jinping, ha chiesto una «guerra popolare» per domare l’epidemia. Ma le restrizioni hanno impedito ai lavoratori di tornare alle fabbriche e alle imprese, mettendo a dura prova la gigantesca economia cinese. E con i funzionari locali che esercitano un’autorità così diretta sui movimenti delle persone, non sorprende che alcuni abbiano portato il controllo estremo.

 

Un’app sviluppata da un produttore statale di elettronica militare consente ai cittadini cinesi di  essere informati se possono essere entrati in contatto con un vettore del virus

Gli sforzi di prevenzione della Cina sono guidati dai suoi innumerevoli comitati di quartiere, che in genere servono da intermediario per i residenti e le autorità locali. A sostenerli è il sistema di «gestione di rete» attuato dal governo, che divide il paese in minuscole sezioni e assegna le persone a sorvegliare ciascuna, garantendo una stretta presa su una vasta popolazione.

 

La provincia di Zhejiang, sulla costa sud-orientale della Cina, ha una popolazione di quasi 60 milioni e ha arruolato 330.000 «lavoratori di rete». La provincia di Hubei, la cui capitale è Wuhan, ha dispiegato 170.000 persone. La provincia meridionale del Guangdong ha invocato 177.000, il Sichuan senza sbocco sul mare ha 308.000 e la megalopoli di Chongqing ne ha 118.000.

Le autorità stanno anche combinando un’enorme forza lavoro con la tecnologia mobile per tracciare le persone che potrebbero essere state esposte al virus

 

Le autorità stanno anche combinando un’enorme forza lavoro con la tecnologia mobile per tracciare le persone che potrebbero essere state esposte al virus.

 

I fornitori di telefonia mobile statali cinesi consentono agli abbonati di inviare messaggi di testo a una hotline che genera un elenco di province che hanno visitato di recente. La scorsa settimana presso una stazione ferroviaria ad alta velocità nella città orientale di Yiwu, i lavoratori in tuta antibiologica hanno chiesto ai passeggeri di inviare messaggi di testo che mostrano i loro dati di posizione prima di poter partire.

 

Nelle epidemie, misure prepotenti possono ritorcersi contro, spaventando le persone infette a nascondersi e rendendo più difficile il controllo dell’epidemia

Un’app sviluppata da un produttore statale di elettronica militare consente ai cittadini cinesi di inserire il loro nome e numero di identificazione nazionale e di essere informati se possono essere entrati in contatto, su un aereo, treno o autobus, con un vettore del virus.

 

È troppo presto per dire se la strategia cinese ha contenuto l’epidemia. Con un gran numero di nuove infezioni segnalate ogni giorno, il governo ha chiare ragioni per ridurre al minimo il contatto umano e i viaggi domestici. Ma gli esperti affermano che nelle epidemie, misure prepotenti possono ritorcersi contro, spaventando le persone infette a nascondersi e rendendo più difficile il controllo dell’epidemia.

 

Nello Zhejiang, una delle province più sviluppate della Cina e sede di Alibaba e di altre società tecnologiche, la gente ha scritto sui social media di non poter accedere ai propri appartamenti

Nello Zhejiang, una delle province più sviluppate della Cina e sede di Alibaba e di altre società tecnologiche, la gente ha scritto sui social media di non poter accedere ai propri appartamenti a Hangzhou, la capitale della provincia. Venendo a casa da fuori città, dicono, è stato chiesto loro di produrre documenti da proprietari e datori di lavoro o di sarebbero stati lasciati per strada.

 

Alcune parti della Cina hanno imposto altre politiche, spesso severe, per respingere l’epidemia. Hangzhou ha vietato alle farmacie di vendere analgesici per costringere le persone con sintomi a cercare cure negli ospedali.

 

Hangzhou ha vietato alle farmacie di vendere analgesici per costringere le persone con sintomi a cercare cure negli ospedali

La città di Nanchino richiede che chiunque prenda un taxi per mostrare un documento d’identità e lasciare le informazioni di contatto. La provincia dello Yunnan vuole che tutti i luoghi pubblici visualizzino i codici QR che le persone devono scansionare con i loro telefoni ogni volta che entrano o escono. Molti luoghi hanno vietato grandi raduni. La polizia nella provincia di Hunan questo mese ha distrutto un salotto di mahjong dove hanno trovato più di 20 persone che giocavano al noto gioco delle tessere. Con i governi locali che decidono tali politiche in gran parte da sole, la Cina è diventata un vasto mosaico di feudi.

Con i governi locali che decidono tali politiche in gran parte da sole, la Cina è diventata un vasto mosaico di feudi

I funzionari sembrano riconoscere che alcuni enti locali sono andati troppo oltre. Questo mese, Chen Guangsheng, il vice segretario generale del governo provinciale dello Zhejiang, ha definito «inappropriato» che alcuni luoghi avevano impiegato «pratiche semplici e grezze», come bloccare le persone nelle loro case per imporre le quarantene. I funzionari nazionali sabato hanno esortato città e villaggi a rimuovere blocchi stradali non necessari e garantire il trasporto regolare di cibo e forniture.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Il dottor Fauci ha mentito. Il COVID-19 sarebbe stato prodotto dall’uomo

Pubblicato

il

Da

Due rappresentanti jacksoniani, James Comer (Kentucky, capo della minoranza della Commissione sorveglianza dell’esecutivo), e Jim Jordan (Ohio, capo della minoranza della Commissione giustizia), hanno rivelato alcune mail che dimostrano come gli scienziati istituzionali USA abbiano deliberatamente mentito sull’origine del COVID-19.

 

In una riunione segreta del 1° febbraio 2020, esperti quali Robert Garry e Mike Farzan (il più grande specialista delle malattie da coronavirus) spiegarono che la configurazione del Covid-19 non corrispondeva a quella degli altri coronavirus perché specificamente concepita per infettare l’uomo.

 

Un fatto che, secondo loro, è impossibile si produca in natura. Il COVID-19 è stato perciò fabbricato in laboratorio.

 

La riunione era presieduta dal dottor Anthony Fauci – direttore del NIAD (National Institute of Allergy and Infectious Diseases), nonché consigliere speciale per il Covid-19 dei presidenti Trump e Biden – che però ha deciso d’insabbiare le affermazioni degli scienziati.

 

Il 3 febbraio 2020, su richiesta della Casa Bianca, il dottor Fauci si pronunciò davanti alle Accademie Nazionali delle Scienze, dell’Ingegneria e della Medicina, difendendo con veemenza e piena cognizione di causa l’origine naturale del COVID-19.

 

Tutti i partecipanti alla riunione del 1° febbraio 2020 hanno mantenuto il segreto.

 

Il dottor Fauci ha stornato denaro pubblico del servizio che dirige per finanziare ricerche, illegali negli USA, nel laboratorio di livello 2 di Wuhan.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «Il dottor Fauci ha mentito. Il Covid-19 sarebbe stato prodotto dall’uomo», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 14 gennaio 2022.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

«È tempo di ammettere il fallimento». Immunologo israeliano attacca la risposta globale al COVID guidato dalla «falsa propaganda»

Pubblicato

il

Da

 

Il professor Ehud Qimron, capo del Dipartimento di Microbiologia e Immunologia dell’Università di Tel Aviv e uno dei principali immunologi israeliani, ha scritto una lettera aperta criticando aspramente la gestione israeliana – e quindi per certi versi globale – della pandemia di coronavirus.

 

Il professor Qimron nell’agosto 2020 aveva rilasciato un’intervista al quotidiano israeliano Yediot Ahronot dicendo che «la storia giudicherà l’isteria».

 

 

Ministero della Salute, è tempo di ammettere il fallimento

 

Alla fine, la verità sarà sempre rivelata e la verità sulla politica del coronavirus sta cominciando a essere rivelata. Quando i concetti distruttivi crollano uno ad uno, non resta che dire agli esperti che hanno guidato la gestione della pandemia «ve lo avevamo detto».

 

Con due anni di ritardo, ti rendi finalmente conto che un virus respiratorio non può essere sconfitto e che qualsiasi tentativo del genere è destinato a fallire.

 

Non lo ammetti, perché negli ultimi due anni non hai ammesso quasi nessun errore, ma in retrospettiva è chiaro che hai fallito miseramente in quasi tutte le tue azioni, e anche i media stanno già facendo fatica a coprire la tua vergogna.

Con due anni di ritardo, ti rendi finalmente conto che un virus respiratorio non può essere sconfitto e che qualsiasi tentativo del genere è destinato a fallire

 

Hai rifiutato di ammettere che l’infezione arriva a ondate che svaniscono da sole, nonostante anni di osservazioni e conoscenze scientifiche. Hai insistito per attribuire ogni declino di un’onda esclusivamente alle tue azioni, e così attraverso la falsa propaganda «hai vinto la peste». E ancora una volta l’hai sconfitto, e ancora e ancora e ancora.

 

Hai rifiutato di ammettere che i test di massa sono inefficaci, nonostante i tuoi piani di emergenza lo affermino esplicitamente («Piano di preparazione del sistema sanitario per l’influenza pandemica, 2007», p. 26).

 

Hai rifiutato di ammettere che la guarigione è più protettiva di un vaccino, nonostante le precedenti conoscenze e osservazioni dimostrino che le persone vaccinate non guarite hanno maggiori probabilità di essere infettate rispetto alle persone guarite. Hai rifiutato di ammettere che i vaccinati sono contagiosi nonostante le osservazioni. Sulla base di ciò, speravi di ottenere l’immunità di gregge mediante la vaccinazione e anche in questo hai fallito.

Negli ultimi due anni non hai ammesso quasi nessun errore, ma in retrospettiva è chiaro che hai fallito miseramente in quasi tutte le tue azioni, e anche i media stanno già facendo fatica a coprire la tua vergogna

 

Hai insistito ad ignorare il fatto che la malattia è decine di volte più pericolosa per i gruppi a rischio e per gli anziani, che per i giovani che non fanno parte dei gruppi a rischio, nonostante queste conoscenze arrivassero dalla Cina già nel 2020.

 

Hai rifiutato di adottare la «Dichiarazione di Barrington», firmata da più di 60.000 scienziati e professionisti medici, o altri programmi di buon senso. Hai scelto di ridicolizzarli, calunniarli, distorcerli e screditarli. Invece dei programmi e delle persone giusti, hai scelto professionisti che non hanno una formazione adeguata per la gestione della pandemia (fisici come consiglieri principali del governo, veterinari, agenti di sicurezza, personale dei media e così via).

 

Non hai impostato un sistema efficace per segnalare gli effetti collaterali dei vaccini e le segnalazioni sugli effetti collaterali sono state addirittura cancellate dalla tua pagina Facebook.

 

I medici evitano di collegare gli effetti collaterali al vaccino, per non essere perseguitati come hai fatto con alcuni dei loro colleghi.

Hai rifiutato di ammettere che la guarigione è più protettiva di un vaccino, nonostante le precedenti conoscenze e osservazioni dimostrino che le persone vaccinate non guarite hanno maggiori probabilità di essere infettate rispetto alle persone guarite

 

Hai ignorato molte segnalazioni di cambiamenti nell’intensità mestruale e nei tempi del ciclo mestruale.

 

Hai nascosto i dati che consentono una ricerca obiettiva e corretta (ad esempio, hai rimosso i dati sui passeggeri all’aeroporto Ben Gurion).

 

Invece, hai scelto di pubblicare articoli non obiettivi insieme ai dirigenti senior di Pfizer sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini.

 

 

Danno irreversibile alla fiducia

Tuttavia, dall’alto della tua arroganza, hai anche ignorato il fatto che alla fine la verità verrà rivelata. E comincia a rivelarsi.

 

La verità è che hai portato la fiducia del pubblico in te a un livello senza precedenti e hai eroso il tuo status di fonte di autorità. La verità è che hai bruciato centinaia di miliardi di shekel inutilmente, per aver pubblicato intimidazioni, per test inefficaci, per lockdown distruttivi e per aver interrotto la routine della vita negli ultimi due anni.

I medici evitano di collegare gli effetti collaterali al vaccino, per non essere perseguitati come hai fatto con alcuni dei loro colleghi.

 

Hai distrutto l’educazione dei nostri figli e il loro futuro. Hai fatto sentire i bambini in colpa, li hai spaventati, li hai fatti fumare, bere, diventare dipendenti, lasciare la scuola e litigare, come attestano i presidi scolastici di tutto il Paese.

 

Hai danneggiato i mezzi di sussistenza, l’economia, i diritti umani, la salute mentale e fisica.

 

Hai calunniato i colleghi che non si sono arresi a te, hai messo le persone l’una contro l’altra, diviso la società e polarizzato il discorso.

 

La verità è che hai portato la fiducia del pubblico in te a un livello senza precedenti e hai eroso il tuo status di fonte di autorità

Hai bollato, senza alcuna base scientifica, le persone che hanno scelto di non vaccinarsi come nemici del pubblico e come propagatori di malattie.

 

Promuovi, in un modo senza precedenti, una politica draconiana di discriminazione, negazione dei diritti e selezione delle persone, compresi i bambini, per la loro scelta medica. Una selezione priva di qualsiasi giustificazione epidemiologica.

 

Quando confronti le politiche distruttive che stai perseguendo con le politiche sane di alcuni altri Paesi, puoi vedere chiaramente che la distruzione che hai causato ha solo aggiunto vittime oltre a quelle vulnerabili al virus. L’economia che hai rovinato, i disoccupati che hai causato e i bambini di cui hai distrutto l’istruzione – sono le vittime in eccesso solo come risultato delle tue stesse azioni.

Hai distrutto l’educazione dei nostri figli e il loro futuro

Al momento non ci sono emergenze mediche, ma da due anni coltivi una tale condizione a causa della brama di potere, budget e controllo.

 

L’unica emergenza ora è che tu continui a definire le politiche e a tenere ingenti budget per la propaganda e l’ingegneria psicologica invece di indirizzarli a rafforzare il sistema sanitario.

 

Questa emergenza deve finire!

 

 

Professor Udi Qimron

Facoltà di Medicina, Università di Tel Aviv

Continua a leggere

Epidemie

Dottor Robert Malone parla di un possibile super virus cinese da «febbre emorragica simile all’ebola» derivante dalla vaccinazione di massa

Pubblicato

il

Da

 

L’inventore dei moderni vaccini mRNA, il dottor Robert Malone, è stato ospite della trasmissione War Room di Steve Bannon dove ha avvertito di una nuova malattia che si sta diffondendo nella Cina che sembra essere un super virus della «febbre emorragica simile all’Ebola». Lo riporta il sito National File.

 

Il dottor Malone ha spiegato che «vaccinare in una pandemia può guidare lo sviluppo di mutanti in fuga che sono resistenti alla vaccinazione», aggiungendo che la campagna di vaccinazione di massa del Partito Comunista Cinese «ha rispecchiato quella del mondo occidentale e ha portato a un tempesta ambientale perfetta per lo sviluppo di un super virus».

 

«Stanno usando un linguaggio per cui questo sarebbe un virus della febbre emorragica. In tal caso, sarebbe molto strano che questo sia qualcosa causato da un coronavirus. Quella terminologia viene solitamente utilizzata per i virus della famiglia di Marburg ed Ebola», ha affermato il medico ricercatore.

«Stanno usando un linguaggio per cui questo sarebbe un virus della febbre emorragica. In tal caso, sarebbe molto strano che questo sia qualcosa causato da un coronavirus. Quella terminologia viene solitamente utilizzata per i virus della famiglia di Marburg ed Ebola»

 

Il dottor Malone ha sottolineato che inviare atleti in Cina per le Olimpiadi del 2022 sarebbe «una follia», aggiungendo che «non c’è dubbio nella mia mente che non hanno abbassato il sipario sui viaggi internazionali quando hanno saputo che SARS-Cov-2 stava facendo breccia a Wuhan».


«Hanno lasciato il posto aperto fino alla fine del capodanno cinese, quando tutti in Cina viaggiano, e hanno lasciato che la popolazione si recasse negli Stati Uniti e nell’Ovest», ha detto il dottor Malone.

 

«Abbiamo a che fare con un regime canaglia che depreda la sua popolazione, non ha etica, eppure abbiamo persone come quelli di Blackrock che si impegnano attivamente con loro e stanno usando i tuoi soldi per farlo. Stanno usando i tuoi soldi attraverso i fondi di investimento per corrompere il mondo in questo momento e impegnarsi attivamente con il PCC. Questo deve finire», ha continuato lo scienziato.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari