Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Coronavirus, in Cina città bloccate. E ronde in stile maoista

Pubblicato

il

 

Mentre l’Italia, nel nome dell’antirazzismo, fa entrare 2.500 cinesi senza sottoporli a quarantena, la Cina sottopone i suoi stessi cittadini al blocco degli spostamenti perfino all’interno della loro città.

 

La Cina ha inondato città e villaggi con battaglioni di quartiere, volontari in uniforme e rappresentanti del Partito Comunista per realizzare una delle più grandi campagne di controllo sociale della storia. L’obiettivo: mantenere centinaia di milioni di persone lontane da tutti tranne che dai loro parenti più stretti. La storia è raccontata dal New York Times.

 

Battaglioni di quartiere, volontari in uniforme e rappresentanti del Partito Comunista per realizzare una delle più grandi campagne di controllo sociale della storia

La nazione sta combattendo l’epidemia di coronavirus con una mobilitazione di base che ricorda le crociate di massa in stile Mao non viste in Cina da decenni, affidando essenzialmente la prevenzione dell’epidemia di prima linea a una versione sotto steroidi di una ronda di quartiere.

 

I complessi abitativi di alcune città hanno emesso gli equivalenti dei pass per le sale di carta per regolare la frequenza con cui i residenti lasciano le loro case. I condomini hanno allontanato i propri inquilini se venivano da fuori città. Le stazioni ferroviarie impediscono alle persone di entrare in città se non riescono a provare di vivere o lavorare lì. In campagna, i villaggi sono stati recintati con veicoli, tende e altre barriere improvvisate.

 

Nonostante l’arsenale cinese di strumenti di sorveglianza ad alta tecnologia, i controlli sono applicati principalmente da centinaia di migliaia di lavoratori e volontari, che controllano la temperatura dei residenti, registrano i loro movimenti, sovrintendono alle quarantene e – soprattutto – tengono lontani gli estranei che potrebbero trasportare il virus.

 

I blocchi residenziali di varia rigidità – dai posti di blocco all’ingresso degli edifici ai limiti severi di andare all’aperto – ora coprono almeno 760 milioni di persone in Cina, o più della metà della popolazione del paese

I blocchi residenziali di varia rigidità – dai posti di blocco all’ingresso degli edifici ai limiti severi di andare all’aperto – ora coprono almeno 760 milioni di persone in Cina, o più della metà della popolazione del paese, secondo un’analisi del New York Times sugli annunci del governo nelle province e nelle maggiori città. Molte di queste persone vivono lontano dalla città di Wuhan, dove il virus è stato segnalato per la prima volta e che il governo ha sigillato il mese scorso.

 

In tutta la Cina, i quartieri e le località hanno emesso le proprie regole sugli andirivieni dei residenti, il che significa che il numero totale di persone colpite potrebbe essere ancora più elevato. Le politiche variano ampiamente, lasciando alcuni posti in un congelamento virtuale e altri con poche restrizioni.

 

Il presidente Xi Jinping, ha chiesto una «guerra popolare» per domare l’epidemia. Ma le restrizioni hanno impedito ai lavoratori di tornare alle fabbriche e alle imprese, mettendo a dura prova la gigantesca economia cinese. E con i funzionari locali che esercitano un’autorità così diretta sui movimenti delle persone, non sorprende che alcuni abbiano portato il controllo estremo.

 

Un’app sviluppata da un produttore statale di elettronica militare consente ai cittadini cinesi di  essere informati se possono essere entrati in contatto con un vettore del virus

Gli sforzi di prevenzione della Cina sono guidati dai suoi innumerevoli comitati di quartiere, che in genere servono da intermediario per i residenti e le autorità locali. A sostenerli è il sistema di «gestione di rete» attuato dal governo, che divide il paese in minuscole sezioni e assegna le persone a sorvegliare ciascuna, garantendo una stretta presa su una vasta popolazione.

 

La provincia di Zhejiang, sulla costa sud-orientale della Cina, ha una popolazione di quasi 60 milioni e ha arruolato 330.000 «lavoratori di rete». La provincia di Hubei, la cui capitale è Wuhan, ha dispiegato 170.000 persone. La provincia meridionale del Guangdong ha invocato 177.000, il Sichuan senza sbocco sul mare ha 308.000 e la megalopoli di Chongqing ne ha 118.000.

Le autorità stanno anche combinando un’enorme forza lavoro con la tecnologia mobile per tracciare le persone che potrebbero essere state esposte al virus

 

Le autorità stanno anche combinando un’enorme forza lavoro con la tecnologia mobile per tracciare le persone che potrebbero essere state esposte al virus.

 

I fornitori di telefonia mobile statali cinesi consentono agli abbonati di inviare messaggi di testo a una hotline che genera un elenco di province che hanno visitato di recente. La scorsa settimana presso una stazione ferroviaria ad alta velocità nella città orientale di Yiwu, i lavoratori in tuta antibiologica hanno chiesto ai passeggeri di inviare messaggi di testo che mostrano i loro dati di posizione prima di poter partire.

 

Nelle epidemie, misure prepotenti possono ritorcersi contro, spaventando le persone infette a nascondersi e rendendo più difficile il controllo dell’epidemia

Un’app sviluppata da un produttore statale di elettronica militare consente ai cittadini cinesi di inserire il loro nome e numero di identificazione nazionale e di essere informati se possono essere entrati in contatto, su un aereo, treno o autobus, con un vettore del virus.

 

È troppo presto per dire se la strategia cinese ha contenuto l’epidemia. Con un gran numero di nuove infezioni segnalate ogni giorno, il governo ha chiare ragioni per ridurre al minimo il contatto umano e i viaggi domestici. Ma gli esperti affermano che nelle epidemie, misure prepotenti possono ritorcersi contro, spaventando le persone infette a nascondersi e rendendo più difficile il controllo dell’epidemia.

 

Nello Zhejiang, una delle province più sviluppate della Cina e sede di Alibaba e di altre società tecnologiche, la gente ha scritto sui social media di non poter accedere ai propri appartamenti

Nello Zhejiang, una delle province più sviluppate della Cina e sede di Alibaba e di altre società tecnologiche, la gente ha scritto sui social media di non poter accedere ai propri appartamenti a Hangzhou, la capitale della provincia. Venendo a casa da fuori città, dicono, è stato chiesto loro di produrre documenti da proprietari e datori di lavoro o di sarebbero stati lasciati per strada.

 

Alcune parti della Cina hanno imposto altre politiche, spesso severe, per respingere l’epidemia. Hangzhou ha vietato alle farmacie di vendere analgesici per costringere le persone con sintomi a cercare cure negli ospedali.

 

Hangzhou ha vietato alle farmacie di vendere analgesici per costringere le persone con sintomi a cercare cure negli ospedali

La città di Nanchino richiede che chiunque prenda un taxi per mostrare un documento d’identità e lasciare le informazioni di contatto. La provincia dello Yunnan vuole che tutti i luoghi pubblici visualizzino i codici QR che le persone devono scansionare con i loro telefoni ogni volta che entrano o escono. Molti luoghi hanno vietato grandi raduni. La polizia nella provincia di Hunan questo mese ha distrutto un salotto di mahjong dove hanno trovato più di 20 persone che giocavano al noto gioco delle tessere. Con i governi locali che decidono tali politiche in gran parte da sole, la Cina è diventata un vasto mosaico di feudi.

Con i governi locali che decidono tali politiche in gran parte da sole, la Cina è diventata un vasto mosaico di feudi

I funzionari sembrano riconoscere che alcuni enti locali sono andati troppo oltre. Questo mese, Chen Guangsheng, il vice segretario generale del governo provinciale dello Zhejiang, ha definito «inappropriato» che alcuni luoghi avevano impiegato «pratiche semplici e grezze», come bloccare le persone nelle loro case per imporre le quarantene. I funzionari nazionali sabato hanno esortato città e villaggi a rimuovere blocchi stradali non necessari e garantire il trasporto regolare di cibo e forniture.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Teoria delle origini del COVID, Twitter sospende l’account del ministero degli Esteri russo

Pubblicato

il

Da

Twitter ha temporaneamente congelato l’account ufficiale in lingua inglese del ministero degli Esteri russo per un periodo di sette giorni, secondo quanto riferito per un tweet del 4 agosto che incolpa gli Stati Uniti per la pandemia di coronavirus.

 

Il tweet incriminato affermava che «gli Stati Uniti e i loro alleati in Ucraina e altrove» potrebbero essere «coinvolti» nell’«emergere del COVID-19».

 

In una dichiarazione di martedì il Cremlino ha condannato la repressione di Twitter come un altro tentativo di censurare la prospettiva del governo russo.

 

Su Telegram la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha criticato la mossa come «un altro goffo tentativo di zittirci» dicendo che l’affermazione della Russia è stata fatta sulla base di «documenti e dati freschi» – ma che la società di social media statunitense non ha la competenza per rivedere e giudicare esso.


 

L’accusa iniziale si concentrava in particolare sulle presunte azioni dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale USAID, sotto la direzione di Samantha Power.

 

 

Mentre il tweet era ancora visibile online, Twitter aveva aggiunto un’etichetta di avvertimento in cui afferma di aver violato le sue regole sulla «condivisione di informazioni false o fuorvianti che potrebbero danneggiare le popolazioni colpite dalla crisi».

 

Nell’account verificato  MFA Russia – l’account del ministero Esteri di Mosca – vi è uno iato tra il 4 agosto e i post di oggi 12 agosto, quindi si suppone che l’account sia stato probabilmente bloccato.

 

Come riportato da Renovatio 21, gli Stati Uniti e l’Unione Europea che vietano le reti televisive di stato russe, con azioni intraprese anche da YouTube.

 

Le comunicazioni tra Mosca e i governi occidentali si sono interrotte e in molti casi ha comportato l’espulsione colpo per segno di diplomatici.

 

In generale, l’atmosfera è diventata tale che è più difficile per i giornalisti e cittadini occidentali valutare con precisione la prospettiva o le dichiarazioni del Cremlino su una determinata questione.

 

Renovatio 21 aveva notato che il sito ufficiale del Cremlino Kremlin.ru, dove vengono riportate le dichiarazioni di Putin con video e foto, a lungo è stato irraggiungibile.

 

I siti di RT e Sputnik, testate in lingue straniere legate direttamente dal governo russo,  sono invece costantemente bloccati in Europa.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Il capo dell’indagine sull’origine del COVID è «convinto» che sia uscito dal laboratorio

Pubblicato

il

Da

Il capo della commissione sulle origini del COVID della preminente rivista scientifica si è detto «convinto» che il virus sia uscito da un laboratorio e afferma che una vera indagine sulla questione è stata di fatto bloccata.

 

Si tratta di Jeffrey Sachs, nome noto a chi legge Renovatio 21. Economista teorico della shock economy (con cui negli anni Novanta ha fatto danni inenarrabili  in Sud America e in Est Europa), programmatore di piani ONU, uomo legato a Soros, consigliere per il clima di papa Francesco. Un bel curriculum, insomma.

 

Per qualche motivo, il Sachs sembra, stavolta,  andare controcorrente rispetto all’establishment.

 

Sachs ha detto a Current Affairs di essere «abbastanza convinto» che  il COVID-19 «sia uscito dalla biotecnologia di laboratorio statunitense» e ha avvertito che la ricerca in corso potrebbe portare ad un’altra pandemia.

 

Sachs osserva che gli scienziati che hanno respinto la teoria della fuga dal laboratorio lo hanno fatto «prima di aver fatto qualsiasi ricerca», aggiungendo che costoro «stanno creando una narrativa. E stanno negando l’ipotesi alternativa senza guardarla da vicino».

 

Sachs indica la ricerca sul Gain of Function  (guadagno di funzione) e i marcatori genetici trovati nel coronavirus SARS-Cov-2 che mostrano come sia stato manipolato per essere più mortale.

 

«La cosa interessante, e se così posso dire, è che la ricerca, che era in corso molto attivamente e che veniva promossa, consisteva nell’inserire siti di scissione della furina in virus simili alla SARS per vedere cosa sarebbe successo. Ops!» dice Sachs.

 

«Non stanno guardando», dice Sachs degli scienziati che respingono l’ipotesi della fuga dal laboratorio. «Continuano semplicemente a dirci: “Guardate il mercato, guardate il mercato, guardate il mercato!» dice, riferendosi al mercato del pesce di Wuhano, ora distrutto. «Ma non affrontano questa alternativa. Non guardano nemmeno i dati. Non fanno nemmeno domande. E la verità è che fin dall’inizio non hanno posto le vere domande».

 

«Ci sono molte ragioni per credere che quella ricerca fosse in corso. Perché ci sono articoli pubblicati su questo. Ci sono interviste su questo. Ci sono proposte di ricerca».

 

«Tuttavia il NIH [la sanità nazionale USA, ndr] non sta parlando. Non sta facendo domande. E questi scienziati non stanno mai facendo domande», dice il Sachs.

 

«Fin dal primo giorno, hanno tenuto nascosta l’alternativa. E quando discutono dell’alternativa, non discutono del programma di ricerca. Discutono di uomini di paglia totali riguardo al laboratorio, non sul tipo reale di ricerca in corso, che consisteva nel piazzare siti di scissione della furina in virus simili alla SARS in un modo che avrebbe potuto creare SARS-CoV-2».

 

«Quello che sto chiedendo non è la conclusione. Chiedo l’ indagine», esorta Sachs, aggiungendo «Finalmente, dopo due anni e mezzo di tutto questo, è tempo di confessare che potrebbe essere uscito da un laboratorio ed ecco i dati che dobbiamo sapere per trovare sapere se è stato così».

 

Sachs si rivolge anche a EcoHealth Alliance e Peter Daszak, sottolineando di aver inizialmente nominato personalmente Daszak a presiedere la task force della commissione pandemica di Lancet.

 

Sachs dice «mi sono reso conto che [Daszak] non mi stava dicendo la verità. E mi ci sono voluti alcuni mesi, ma più lo vedevo, più mi risentivo. E così gli ho detto: “Senti, devi andartene”»,

 

Sachs aggiunge che una volta che ha licenziato Daszak, altri scienziati hanno iniziato ad attaccarlo.

 

«Ho chiesto loro: “Quali sono i vostri collegamenti con tutto questo?” Non me l’hanno detto. Poi, quando il Freedom of Information Act ha rilasciato alcuni di questi documenti che il NIH aveva nascosto al pubblico, ho visto che anche le persone che mi stavano attaccando facevano parte di questa cosa. Quindi ho sciolto l’intera task force», osserva Sachs.

 

«Quindi la mia esperienza è stata quella di vedere da vicino come non parlano. E stanno cercando di tenere gli occhi puntati su qualcos’altro. E lontano anche dal porre le domande di cui stiamo parlando».

 

Sachs conclude dicendo che «non si fida» dei governi e degli scienziati che stanno respingendo la teoria delle fughe di laboratorio.

 

«Voglio sapere. Perché anche quello che sappiamo della ricerca pericolosa è sufficiente per sollevare molti interrogativi di responsabilità per il futuro. E per porre la domanda: “Ehi, su quali altri virus state lavorando? Cosa dovremmo sapere?”».

 

«Voglio sapere cosa si sta facendo. Voglio sapere cosa stanno facendo anche gli altri governi, non solo il nostro. Voglio un po’ di controllo globale su questa roba», insiste ulteriormente Sachs.

 

Sachs infine chiede «un’indagine di supervisione del Congresso bipartisan che abbia potere di citazione», esortando “Dateci i vostri registri di laboratorio, i vostri quaderni, i vostri file sui ceppi di virus e così via”».

 

Come ricorda Summit News, questo è ciò che il senatore repubblicano del Kentucky Rand Paul sta perseguendo senza sosta.

 

Dopo un’audizione iniziale la scorsa settimana davanti alla sottocommissione per la sicurezza interna e gli affari governativi del Senato, Paul ha rivelato che esiste una commissione che dovrebbe supervisionare la sperimentazione di virus potenzialmente letali, ma che è al di sopra della supervisione del Congresso.

 

«Non conosciamo i nomi. Non sappiamo se si siano mai incontrati e non abbiamo alcuna registrazione dei loro incontri», ha osservato il senatore, aggiungendo «È top secret. Il Congresso non è autorizzato a saperlo. Quindi non siamo sicuri che il comitato esista davvero».

 

Per quale motivo Sachs si stia comportando in questo modo contrario all’establishment globalista che lo ha cresciuto e sostenuto, non è chiaro. Bisogna ammettere che anche in altre occasioni, come la guerra in Siria, l’uomo usciva dal coro. Anche per le sanzioni e per l’Ucraina, pare che il personaggio legato all’ONU e alle balle sulla sostenibilità ambientale sia andato per la sua strada non sposando la narrazione mainstream.

 

Tuttavia va anche considerato come un suo antico partner, George Soros, sta combattendo l’ultima, titanica battaglia intrapresa nella sua vita, quella contro Xi Jinping. Per farlo, non ha esitato, pur vecchio e tremante, ad attaccare Xi nelle sue politiche COVID.

 

Se il rafforzamento dell’ipotesi (oramai certa, per molti) della fuga di laboratorio vada in questo senso, non lo sappiamo.

 

Tuttavia bisogna considerare che oltre alla Cina qui ad essere attaccato è un pezzo di Stato profondo americano.

 

Se faccia parte di un piano che al momento non vediamo bene, non sappiamo dirlo.

 

Renovatio 21 aveva riportato, due anni fa, come Sachs stesse spingendo la Cina verso Biden invece che Trump…

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

La polio è tornata?

Pubblicato

il

Da

La poliomelite è tornata, a partire dalla capitale (im)morale del mondo, Nuova York

 

Facendo riferimento al caso di un adulto nell’area metropolitana neoeboracena che è stato infettato dal virus della poliomielite e ha subito una paralisi a giugno, il commissario per la salute dello Stato di New York Mary Bassett ha avvertito in un comunicato del 4 agosto che «sulla base di precedenti focolai di poliomielite, i newyorkesi dovrebbe sapere che per ogni caso di poliomielite paralitica osservato, potrebbero esserci centinaia di altre persone infette».

 

Oltre al COVID e al vaiuolo delle scimmie, ecco quindi che torna l’antico nemico dell’uomo: la polio

 

«Insieme alle ultime scoperte sulle acque reflue, il Dipartimento sta trattando il singolo caso di poliomielite solo come la punta dell’iceberg con una diffusione potenziale molto maggiore. Man mano che impariamo di più, quello che sappiamo è chiaro: il pericolo della poliomielite è presente a New York oggi. Dobbiamo affrontare questo momento assicurandoci che gli adulti, comprese le persone in gravidanza, e i bambini piccoli di 2 mesi di età siano in regola con la loro immunizzazione, la protezione sicura contro questo virus debilitante di cui ogni newyorkese ha bisogno».

 

In pratica: è tornata la polio, vaccinatevi. E vaccinate soprattutto i neonati e le «persone in gravidanze», che vorrebbe dire donne, ma per le legge orwelliane del mondo genderizzato non si possono più chiamare così. Nel mondo in cui vive chi ci comanda, gli uomini possono rimanere incinti, e la polio è tornata.

 

Il problema quindi sembra essere il basso tasso di vaccinazione nelle contee colpite.

 

Al 1 agosto 2022, la contea di Rockland aveva un tasso di vaccinazione antipolio del 60,34% e la contea di Orange del 58,68%, rispetto alla media statale del 78,96% dei bambini che hanno ricevuto 3 vaccinazioni antipolio prima del secondo compleanno.

 

«Questa circolazione senza precedenti della poliomielite nella nostra comunità da una malattia devastante che è stata sradicata dagli Stati Uniti nel 1979 deve essere fermata. Tutti i bambini e gli adulti non vaccinati dovrebbero ricevere immediatamente una prima immunizzazione contro la poliomielite. Il Dipartimento della salute della contea di Rockland è qui per aiutare i residenti a ricevere le vaccinazioni» ha detto il commissario del Dipartimento della salute della contea di Rockland, la dott.ssa Patricia Schnabel Ruppert.

 

Le autorità, insomma, sono ripartite con una campagna di vaccinazione universale per un morbo che, ci avevano detto, grazie ai vaccini era stato eradicato…

 

La polio, ricordiamo, è la chiave di volta di tutta la politica vaccinale del XX secolo. È grazie ai vaccini Salk e Sabin che la sierizzazione universale è stata imposta al mondo intero, blocco comunista compreso, creando la narrativa del vaccino farmaco benigno e miracoloso.

 

Come noto, la vaccinazione antipolio, a causa di cellule di reni di scimmia macaco rhesus contenuti nel preparato, trasmise il virus delle scimmie SV40 possibilmente a miliardi di persone. SV40 è un virus acquiescente nei primati, ma che nell’uomo invece si attiva. Alcuni scienziati ritengono che l’SV40 sia cancerogeno possa essere correlato con l’aumento del cancro nella seconda metà del Novecento.

 

 La storia dell’ascesa del vaccino polio (e quindi, dell’intero edificio della politica vaccinale mondiale) è controversa e, secondo alcuni, criminale.

 

Come riportato 4 anni fa da Renovatio 21, è emerso come il vaccino antipolio potrebbe aver provocato in India 490 mila casi di paralisi.

 

Le autorità mediche, compresa la stessa OMS, hanno ammesso che negli ultimi anni i focolai di polio scoppiati in Africa abbiano origine non dal virus «selvaggio», ma da quello dei vaccini: in pratica, sono state le campagne di vaccinazione – finanziate da Bill Gates – a far tornare la poliomelite in Africa.

 

Un mese fa il governo britannico ha messo che un nuovo focolaio di poliomelite è stato «probabilmenente» causato dal vaccino.

Continua a leggere

Più popolari