Azienda israeliana proibisce ai dipendenti di tornare al lavoro senza la vaccinazione

 

 

 

Mobileye, uno sviluppatore israeliano di auto a guida autonoma e sussidiaria di Intel, vieterà ai dipendenti che rifiutano una vaccinazione contro il coronavirus di lavorare in loco, ha detto il CEO Amnon Shashua.

 

In una lettera interna trapelata alla stampa israeliana, Shashua ha rivelato che Mobileye si aspetta che circa il 10% dei lavoratori rifiuti il ​​vaccino COVID-19, ha riferito mercoledì il Jerusalem Post .

 

Mobileye, uno sviluppatore israeliano di auto a guida autonoma e sussidiaria di Intel, vieterà ai dipendenti che rifiutano una vaccinazione contro il coronavirus di lavorare in loco

La società impedirà a tali dipendenti di lavorare di persona, anche se alcuni ritenuti necessari potrebbero essere autorizzati a tornare se presentano risultati del test COVID-19 negativi, è scritto sulla lettera. Il requisito del test si applicherebbe ai lavoratori che hanno già avuto  il virus.

 

«Orgoglioso che il 90% dei dipendenti di @Mobileye sia già completamente o parzialmente vaccinato. “Diventeremo verdi” la prima settimana di aprile con solo i dipendenti vaccinati che entreranno in ufficio e altri che continueranno (lavoro da casa)», ha twittato Shashua la scorsa settimana. In questo caso, verdi non significa «ecologici» ma si riferisce al «passaporto verde», un documento per consentire ai cittadini spostamenti interni allo Stato di Israele e che in pratica permette ai vaccinati di ritornare ad uscire, andare al ristorante, etc.

 

Mobileye, che impiega circa 1.500 lavoratori a Gerusalemme, è la prima grande azienda israeliana ad annunciare un obbligo vaccinale per i dipendenti, secondo il Jerusalem Post. Sebbene non vi sia alcuna legge in Israele che consenta ai datori di lavoro di richiedere la vaccinazione COVID-19, secondo quanto riferito, gli alti funzionari hanno esaminato una nuova legislazione per cambiarla.

 

Lo Stato ebraico, nel pubblico e nel privato, è il Paese capofila del Nuovo Ordine Sanitario Mondiale e il suo biootalitarismo onnipervadente

«Stiamo verificando la legislazione che impedirà alle persone che non sono state vaccinate o che non sono state testate nelle 48 ore precedenti di lavorare con il pubblico – ad esempio, di stare davanti a una classe piena di studenti», ha detto il ministro della Salute israeliano Yuli Edelstein in Febbraio.

 

Lo Stato ebraico, nel pubblico e nel privato, è il Paese capofila del Nuovo Ordine Sanitario Mondiale e il suo biootalitarismo onnipervadente.