Connettiti con Renovato 21

Spazio

Astronauta italiana si lamenta del cattivo odore nella Stazione Spaziale Internazionale

Pubblicato

il

In un recente video di TikTok l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti ha ricordato l’odore particolare che ha sentito una volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

 

«Quando sono arrivata qui un paio di mesi fa per il mio secondo volo, ho sentito immediatamente un odore molto particolare che mi ha riportato immediatamente ai ricordi e alle sensazioni degli odori del mio primo volo», ha detto la Cristoforetti nel video.

 

Dopo essere stata sull’ISS tra il 2014 e il 2015, l’ingegnere trentino è stata inviata ancora una volta sulla stazione orbitale ad aprile tramite  una navicella spaziale SpaceX Crew Dragon per un secondo periodo.

 

L’astronauta ha utilizzato il social cinese TikTok per condividere una serie di video durante il suo ultimo volo, accumulando milioni di visualizzazioni.

 

«Nel giro di pochi giorni mi sono abituata e ora non riesco più a sentirne l’odore», ha puntualizzato , aggiungendo che i filtri della stazione riescono a filtrare la maggior parte degli odori, ma ciò non significa che l’avamposto orbitante vecchio di decenni sia privo di eventuali tanfi.

 

«Ci sono, ovviamente, un paio di posti sulla stazione spaziale che possono diventare un po’ puzzolenti» come d esempio «se sei vicino a un sacco di spazzatura», ha ammesso l’astronauta nel suo video.

 

Poi ci sono «grandi borse blu» che contengono i rifiuti solidi del bagno dell’equipaggio, che possono «ovviamente essere anche un po’ puzzolenti», ribatte l’astronauta.

 

Anche la «salamoia» che rimane dopo che l’acqua è stata rimossa dall’urina riciclata può causare un po’ di puzzo a bordo della stazione.

 

Tuttavia, come riportato da Renovatio 21, gli astronauti sembrano piuttosto resistenti al disgusto e alle sensazioni organolettiche, se è vero che tra astronauti russi e americani vi sarebbero «scambi di urina», tanto che sulla ISS devono letteralmente riciclare l’urina per l’idratazione, a simboleggiare una ricca interdipendenza orbitale tra le superpotenze spaziali.

 

La Cristoforetti il 21 luglio 2022 è diventata la prima donna europea a condurre attività extraveicolari (EVA) grazie alla tuta spaziale russa Orlan.

 

L’ astronauta italiana detiene il record per il volo spaziale ininterrotto più lungo di un astronauta europeo, avendo trascorso 199 giorni  (tra novembre 2014 e giugno 2015) lontana dal pianeta, dove ha due figli.

 

 

 

Continua a leggere

Spazio

Navicella spaziale americana atterra sulla Luna

Pubblicato

il

Da

Il 22 febbraio, la navicella spaziale Odysseus è atterrata sulla Luna, diventando la prima navicella spaziale costruita negli Stati Uniti a farlo dopo l’Apollo 17 nel 1972.

 

Tre tentativi recenti, di Peregrine (Stati Uniti), SLIM (Giappone) e Beresjeet (Israele), avevano fallito.

 

Odysseus è stato lanciato dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center della NASA in Florida, a bordo di un razzo Falcon-9 fornito da SpaceX.

 

L’Odysseus è stato costruito dall’appaltatore della NASA Intuitive Machines (IM) a Houston. Secondo il suo sito web, «IM fornisce infrastrutture lunari critiche per la consegna dell’orbita lunare, l’accesso alla superficie e le comunicazioni».

 


Sostieni Renovatio 21

Quest’anno, la NASA ha assegnato contratti IM per missioni scientifiche ed esplorative al Polo Sud della Luna. La consegna commerciale fa parte dell’iniziativa Commercial Lunar Payload Services (CLPS) della NASA e del programma Artemis. IM sta inoltre collaborando con Northrop Grumman per progettare un Lunar Terrain Vehicle per trasportare gli astronauti Artemis della NASA sulla superficie lunare.

 

La sua partnership con Lunar Outpost «consente una mobilità lunare affidabile» con le offerte di servizi del rover lunare di LO. Il rover MAPP di Lunar Outpost volerà nella missione IM-2 di IM al Polo Sud della Luna.

 

In una conferenza stampa il 23 febbraio, il CEO di IM Steve Altemus ha rivelato che nel tentativo di atterrare verticalmente, Odysseus ha utilizzato la guida fornita da un Navigation Doppler LIDAR di bordo fornito dalla NASA, invece del radar.

 

Il LIDAR – sistema a rilevamento e portata della luce – offre numerosi vantaggi rispetto al radar, in particolare il fatto che un laser trasmette un raggio di luce visibile che può fornire una misurazione più precisa e accurata. Ma poiché anche Odysseus si muoveva orizzontalmente – e un po’ troppo velocemente, a quanto pare – è probabile che una delle sue gambe si sia impigliata in qualcosa o si sia rotta, facendolo inclinare e quindi ora giace su un fianco.

 

La buona notizia è che la maggior parte dei suoi carichi utili non si trovano sul pannello rivolto verso il basso, l’unico che non necessita di funzionare sulla superficie lunare. IM ha successivamente confermato che i principali sottosistemi, compresi i pannelli solari che forniscono energia al veicolo spaziale e ai carichi utili, sono operativi. La NASA, che impiega circa 18.000 dipendenti, rispetto ai circa 40.000 del periodo di massimo splendore delle missioni Apollo, metà delle quali sono impiegate in false sciocchezze sul cambiamento climatico, ora stipula contratti con partner commerciali per fornire servizi e hardware/software.

 

Gli obiettivi scientifici della missione IM-1 includono studi sulle interazioni pennacchio-superficie, radioastronomia e interazioni meteorologiche spaziali con la superficie lunare. Ha già dimostrato tecnologie di atterraggio di precisione e capacità di comunicazione e navigazione.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Odysseus, un cilindro esagonale, alto 4,0 metri e largo 1,57 metri, appollaiato su 6 gambe di atterraggio con una massa di lancio di 1908 kg, è in grado di trasportare in superficie circa 100 kg di carico utile.

 

I suoi pannelli solari generano 200 W di potenza, utilizzando una batteria da 25 A/ora e un sistema da 28 V CC. La propulsione e l’atterraggio vengono effettuati utilizzando metano liquido come combustibile e ossigeno liquido come ossidante che alimenta un motore principale da 3.100 N montato sul fondo del lander.

 

Le comunicazioni avvengono tramite banda S. Il carico utile scientifico: laser Retro-Reflector Array (LRA); LIDAR Doppler di navigazione per un rilevamento preciso di velocità e portata (NDL); dimostratore di navigazione del nodo lunare 1 (LN-1); telecamere stereo per studi sulla superficie lunare (SCALPSS); e osservazione delle onde radio sulla superficie lunare della guaina fotoelettronica (ROLSES).

 

A bordo ci sono anche 4 carichi utili commerciali.

 

Nel secondo giorno di permanenza sulla luna, la mattina del 23 febbraio, IM ha fornito un «aggiornamento del primo giorno della superficie lunare». L’aggiornamento riportava che il lander IM-1 Odysseus era ancora «vivo e vegeto» e che IM continuava ad apprendere di più sulle informazioni specifiche del veicolo.

 

Alle 18:00 Steve Altemus, CEO di EST Intuitive Machines, ha tenuto una conferenza stampa in cui ha rivelato che Odysseus si era ribaltato durante l’atterraggio a causa dell’impatto di una delle sue gambe su una roccia, provocando un’inclinazione critica. Inizialmente si credeva che il lander fosse atterrato in posizione verticale, ma in seguito si è scoperto che ciò era dovuto a dati errati.

 

Tuttavia l’Altemus ha affermato che l’unico carico utile bloccato è la scultura Moon Phases art cube, l’installazione artistica portata sulla luna dalla galleria d’arte contemporanea di Boston Pace Verso.

 

L’Altemus ha concluso che Intuitive Machines sta lavorando con la NASA per vedere se tutti i carichi utili scientifici possono ancora essere distribuiti.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, il ritorno sulla luna si presenta come una grande sfida che coinvolge anche ulteriori e nuove potenze spaziali. La Cina ha in programma di inviare astronauti sulla Luna entro il 2030.

 

La Cina sta sviluppando i sistemi necessari per soddisfare le sue ambizioni, compreso un razzo di nuova generazione che dovrebbe effettuare il suo primo volo nel 2027. All’inizio di quest’anno, l’amministratore della NASA Bill Nelson ha descritto Washington e Pechino come entrate in una «corsa allo spazio» dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di riportare gli astronauti americani sulla Luna nel 2025.

 

Nelson ha riconosciuto che il programma spaziale di Pechino ha ottenuto «un enorme successo» negli ultimi anni, ma ha avvertito che la Cina potrebbe rivendicare parti della Luna. In un’intervista dell’anno scorso al tabloid tedesco Bild, l’amministratore della NASA aveva accusato la Cina di voler addirittura conquistare la Luna. L’intervista è stata ampiamente ripresa dalla stampa internazionale.

 

Il ministero degli Esteri cinese ha respinto tali accuse, affermando di essere impegnato in «normali e ragionevoli sforzi nello spazio». Pechino ha accusato gli Stati Uniti di condurre una «campagna diffamatoria» contro le aspirazioni spaziali della Cina.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Cina sta costruendo una luna artificiale che simula magneticamente la gravità.

 

La corsa internazionale verso la Luna si sta intensificando in grande stile e la Cina si pone tra i paesi più avvantaggiati nella sfida cosmonautica che poche potenze al mondo sono in grado di portare avanti. Essa non ha dubbi riguardo l’idea di sfruttare le risorse minerarie della Luna.

Sostieni Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21la Cina sta investendo in armi progettate per bloccare o distruggere i satelliti statunitensi, cioè armi antisatellite (ASAT): «dal laser abbagliante al jamming, all’abbattimento cinetico da terra o dallo spazio – in tutte queste cose, sono in marcia», avrebbe rivelato una fonte del Pentagono a Natural News 11 mesi fa.

 

Di fatto, la Cina ha già schierato missili terrestri per distruggere i satelliti in orbita terrestre bassa (LEO).

 

Nel maggio 2021 un veicolo robotico cinese chiamato Zhurong, è atterrato con successo su Marte, sancendo di fatto l’ingresso della Cina fra le nazioni protagoniste nella corsa verso il Pianeta Rosso.

 

Come riportato da Renovatio 21, vi sarebbe un piano di Pechino per colonizzare pianeti oltre il sistema solare.

 

La Cina ha inoltre espresso dubbi riguardo all’allunaggio eseguito dalla navicella indiana Chandrayann-3 lo scorso autunno.

 

Il Chandrayaan-3 è atterrato più a sud di qualsiasi precedente missione lunare. La NASA ha fatto atterrare una sonda a 41 gradi sud nel 1968, mentre la Cina ha raggiunto i 54 gradi sud sul lato nascosto della Luna nel 2019.

 

Un tentativo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos di far atterrare una sonda a 69 gradi sud è fallito il mese scorso quando la sonda Luna-25 il lander si è schiantato sulla superficie della Luna.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Spazio

Gli astronomi confermano per la prima volta la presenza di acqua sulla superficie degli asteroidi

Pubblicato

il

Da

Per la prima volta, i ricercatori hanno scoperto che le superfici degli asteroidi possono contenere molecole d’acqua, secondo un recente studio pubblicato sul Planetary Science Journal.   Gli astronomi hanno osservato due asteroidi, Iris e Massalia, a circa 223,1 milioni di miglia dal sole, rilevando molecole d’acqua. La scoperta dà credito all’idea che gli asteroidi potrebbero aver portato l’acqua sulla Terra in un lontano passato, quando il giovane pianeta era bombardato dallo spazio.   Il team di studio ha raccolto dati utilizzando un telescopio in volo sull’Osservatorio Stratosferico per l’Astronomia a Infrarossi (SOFIA), ora dismesso, dotato di una fotocamera a infrarossi per oggetti deboli.   La decisione di esplorare gli asteroidi utilizzando SOFIA è stata ispirata dalla precedente rilevazione di acqua sulla luna da parte del telescopio, ha detto ai notiziari la dottoressa Anicia Arredondo, ricercatrice capo del Southwest Research Institute di San Antonio.   Mentre uno dei coautori della ricerca, la dottoressa Maggie McAdam dell’Ames Research Center della NASA, aveva precedentemente trovato tracce di liquido congelato sugli asteroidi utilizzando un diverso telescopio. Ma non era chiaro se la sostanza fosse acqua o un altro composto.   Secondo Arredondo, la quantità di acqua scoperta equivale a una piccola bottiglia in ogni metro cubo di terreno, simile a quella trovata da SOFIA in uno dei più grandi crateri lunari nel 2020.   «Quando il sistema solare si stava formando, materiali diversi si formarono in base alla loro distanza dal Sole perché il materiale (più lontano) dal Sole si raffreddava più velocemente (rispetto al) materiale più vicino al Sole… Ecco perché i pianeti interni come la Terra e Marte sono fatti di la roccia e i pianeti esterni come Nettuno e Urano sono fatti di ghiaccio e gas», ha detto ai media la Arrendondo.   «Lo studio degli asteroidi, resti della formazione planetaria, fa luce sulla loro evoluzione e composizione, offrendo approfondimenti sulla distribuzione dei materiali nello spazio e sul potenziale trasporto di acqua verso altri pianeti che potrebbero sostenere la vita» scrive Sputnik.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Intelligence

La storia delle armi atomiche russe nello spazio è propaganda per aumentare i fondi USA a Kiev?

Pubblicato

il

Da

La comunità dell’Intelligence statunitense ritiene che la Russia stia sviluppando un’arma anti-satellite spaziale, ma non esiste alcuna minaccia immediata, ha detto giovedì ai giornalisti un alto funzionario della Casa Bianca.

 

La possibile esistenza di tale tecnologia è stata sollevata mercoledì da Mike Turner, presidente della House Intelligence Committee, che ha chiesto una rapida desecretazione per consentire ai legislatori statunitensi, all’amministrazione Biden e agli alleati americani di «discutere apertamente le azioni per rispondere a questa minaccia».

 

Il Turner, va notato, non menzionava la Russia, tuttavia fonti hanno riferito ai giornali statunitensi che si stava riferendo a una sorta di ordigno nucleare russo destinato a colpire i satelliti spaziali. Il portavoce del Cremlino Demetrio Peskov ha detto che la Casa Bianca sta «cercando, con le buone o con le cattive, di spingere il Congresso a votare un disegno di legge per approvare i finanziamenti» per l’Ucraina, che è stata bloccata alla Camera.

Sostieni Renovatio 21

«È chiaro che la Casa Bianca sta cercando (…) di spingere il Congresso a votare un disegno di legge per approvare i finanziamenti» per l’Ucraina ha dichiarato il portavoce russo. «Vedremo quali trucchi utilizzerà la Casa Bianca».

 

Il consigliere per le comunicazioni per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha definito il suggerimento di Peskov «una sciocchezza», insistendo sul fatto che la preoccupazione di Washington era genuina. Biden «ha diretto una serie di azioni iniziali», inclusi briefing per i leader del Congresso, impegno diplomatico diretto con la Russia e contatti con altre nazioni. Kirby ha espresso rammarico per il fatto che Turner non abbia seguito il protocollo per declassare la classificazione delle informazioni.

 

La Russia ha sviluppato capacità anti-satellite per anni, ha affermato. Le nuove informazioni raccolte in queste settimane avrebbero quindi consentito alla comunità dell’intelligence statunitense di «valutare con un maggiore senso di fiducia esattamente come la Russia continua a perseguirla», ha aggiunto. ABC News ha affermato che, sebbene il sistema non sarebbe utilizzato per attaccare obiettivi sulla Terra, i funzionari statunitensi lo considerano ancora «molto preoccupante e molto sensibile».

 

Secondo Kirby non è previsto un effettivo dispiegamento a breve. Se la Russia facesse ciò che gli Stati Uniti credono di voler fare, violerebbe il Trattato sullo Spazio Extra-atmosferico (Outer Space Treaty, o OST), ha affermato l’ammiraglio. Il trattato vieta lo spiegamento di armi di distruzione di massa nello spazio e ne richiede l’esplorazione pacifica in quanto «provincia dell’intera umanità».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Sia la Russia che gli Stati Uniti sono firmatari dell’OST. Mosca sostiene da anni che il maggiore utilizzo dello spazio da parte del Pentagono per scopi militari viola lo spirito dell’accordo del 1967, quando si tentava di allentare le tensioni della Guerra Fredda e della concomitante corsa allo spazio. Da allora hanno aderito al trattato più di 100 paesi.

 

Kirby ha rifiutato di dichiarare se il presunto ordigno russo debba essere «un’arma nucleare, un’arma a propulsione nucleare o un’arma con capacità nucleare», come descritto in uno dei rapporti.

 

Alcuni commentatori negli Stati Uniti hanno suggerito che la mossa di Turner fosse intesa a rafforzare la sua spinta a riautorizzare la Sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (FISA). Consente al governo degli Stati Uniti di raccogliere le comunicazioni digitali degli stranieri e funge da tempo da scappatoia per spiare i cittadini americani. La controversa autorità scadrà ad aprile in assenza di un’azione da parte del Congresso.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo scorso anno il generale B. Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali per la US Space Force ha dichiarato che la Russia starebbe usando armi spaziali nel conflitto in Ucraina.

 

Come riportato da Renovatio 21, i russi starebbero costruendo armi anti-satellite (ASAT) basate sul laser per distruggere i satelliti spia statunitensi, mentre , la Cina ha studiato modi per disabilitare o distruggere i satelliti di Musk, considerati a questo punto un fattore geopolitico determinante.

 

A inizio 2022, a poche settimane dallo scoppio della guerra ucraina, la NATO aveva pubblicato un documento ufficiale – NATO’s overarching Space Policy («Politica spaziale globale NATO») che introduce la dottrina spaziale del Patto Atlantico: le minacce spaziali devono essere incluse nell’articolo 5, la celeberrima clausola di mutua difesa della NATO che impegna a dare una risposta collettiva nel caso un singolo Paese venga attaccato. In precedenza, la NATO aveva già avviato un centro spaziale, parte del comando aereo di Ramstein, in Germania.

Aiuta Renovatio 21

La Russia aveva risposto duramente definendo il documento «unilaterale ed incendiario». «Possiamo vedere dove si sta effettivamente dirigendo il mondo spaziale occidentale. Si sta dirigendo verso la guerra», aveva detto al canale televisivo Rossiya 24 in un’intervista l’allora direttore dell’agenzia russa spaziale Roskosmos Dmitrij Rogozin la scorsa estate.

 

Una guerra spaziale, va ricordato, potrebbe impedire all’umanità l’accesso allo spazio per secoli o millenni, a causa dei detriti e della conseguente sindrome di Kessler. Tuttavia, pare che gli eserciti si stiano davvero preparando alla guerra orbitale.

 

Come riportato da Renovatio 21Russia e Cina negli ultimi mesi hanno intensificato gli sforzi di integrazione dei loro sistemi di navigazione satellitare alternativi al GPS. Anche l’India cerca di uscire dal cono dei satelliti occidentali, arrivando a esplicitare la volontà di piazzare il suo sistema di navigazione, il NavIC, negli iPhone.

 

Ad ogni modo, un incidente nucleare spaziale già ha coinvolto la Russia e il Nord America in passato.

 

Nel 1978, l’incidente del satellite sovietico Kosmos 954 sul suolo canadese ha generato l’unica richiesta presentata in conformità con la a Convenzione sulla responsabilità internazionale per i danni causati da oggetti spaziali (chiamato generalmente Space Liability Convention), un trattato del 1972 che amplia le norme sulla responsabilità create nel Trattato sullo spazio extraatmosferico.

 

Il satellite russo di osservazione era equipaggiato con un reattore nucleare e, durante il suo rientro nell’atmosfera, disperse detriti radioattivi sulla parte settentrionale del Canada; alcuni di questi detriti radioattivi sono precipitati nel Great Slave Lake, vicino a Fort Resolution, nei Territori del Nord-Ovest. Il governo di Ottawa ha avviato un’operazione di bonifica a lungo termine denominata Operazione Morning Light, il cui costo è stato valutato in 6 milioni di dollari canadesi.

 

Si dice che l’Unione Sovietica alla fine rimborsò solo 3 milioni a titolo di compensazione.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari