Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Robert Kennedy, la guerra psicologica del COVID e il suo impatto sulla democrazia

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Joseph Mercola pubblicato da LifesitenewsLe opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Robert F. Kennedy Jr. dice la verità sulla risposta autoritaria alla pandemia che continua a minacciare la democrazia e la libertà così come le conosciamo. Gli è costato amicizie e 40 anni di contatti politici, per non parlare della perdita di guadagni e rapporti d’affari.

 

Ma le minacce alla sua reputazione e credibilità, poiché i media hanno attaccato lui e il suo messaggio, non sembrano un sacrificio, dice Kennedy, poiché si sente chiamato a difendere questo problema.

 

In un’intervista con la giornalista Kim Iversen, Kennedy spiega: «lo considero un regalo. Sono cresciuto in un ambiente, in una famiglia, in cui presumiamo che le nostre vite sarebbero consumate in qualche controversia e che sarebbe un privilegio se potessimo assumere un ruolo significativo in questo».

 

Vivere in un esperimento di Milgram nel mondo reale

Kennedy fa parte del 30% stimato della popolazione che è rimasta scettica nei confronti della narrativa mainstream durante la pandemia. La maggior parte, tuttavia, non stava accettando pienamente la paura e la propaganda che veniva loro venduta.

 

Fa riferimento all’ormai famigerato esperimento condotto dallo psicologo della Yale University Stanley Milgram nel 1962, durante il quale ha testato i limiti dell’obbedienza umana all’autorità. L’esperimento di Milgram è stato condotto dopo il processo al nazista Adolf Eichmann, che ha utilizzato la difesa di Norimberga, o «befehl ist befehl», che si traduce in «un ordine è un ordine».

 

L’esperimento di Milgram ha mostrato chiaramente che le persone agirebbero contro il proprio giudizio e danneggerebbero un’altra persona a lunghezze estreme semplicemente perché gli veniva detto di farlo. Era associato al progetto top secret MKULTRA della CIA, che si occupava di esperimenti di controllo mentale, torture umane e altri studi medici, inclusa la quantità di LSD necessaria per «frantumare la mente e spazzare via la coscienza».

 

MKULTRA era solo uno dei numerosi esperimenti di controllo mentale condotti dalla CIA negli anni ’60 e ’70. Secondo Kennedy:

 

«La CIA ha fatto molti esperimenti con le università, quasi 200 università in tutto il Paese con scienziati sociali per studiare gli esseri umani, il comportamento umano, e stavano sperimentando ogni genere di cose come droghe psichiatriche, droghe psichedeliche, LSD, etc., con la tortura, con privazione sensoriale, e tutti i tipi di mezzi per controllare non solo gli individui, ma intere popolazioni con la propaganda, la paura, tutte queste cose».

 

«Quindi tutte queste università ricevevano centinaia di migliaia e milioni di dollari dalla CIA o da gruppi di facciata della CIA per programmi chiamati MKULTRA. Il motivo per cui si chiama MK è che è il codice per il controllo mentale. Quindi MK Dietrich, MKULTRA, MK Naomi, Operazione Artichoke, Operazione Bluebird, molti, molti altri, riguardavano l’inoltro di denaro alle università per studiare il controllo del comportamento umano».

 

Eppure, anche durante l’esperimento di Milgram, il 33% delle persone si è alzato e se n’è andato, rifiutandosi di violare la propria etica.

 

«Possono provenire da un’intera gamma di background e partiti politici, che semplicemente… mantengono quella capacità di pensiero critico e non sono soggetti a… che prevalgono sull’autorità», ha detto Kennedy. «E mi sembra… che ora siamo tutti nelle grinfie di questo enorme esperimento di Milgram, dove abbiamo un dottor Anthony Fauci, che è questa autorità fidata, che ci dice di fare cose che sappiamo essere sbagliate, come censurare discorso».

 

 

La paura è il nemico

La paura è il nemico, poiché consente ai sistemi totalitari di prendere il controllo delle persone, distruggendo la democrazia nel processo, afferma Kennedy. È comunemente usato dalle persone autorevoli per esercitare un ulteriore controllo, come obblighi vaccinali e lockdown. Children’s Health Defense, fondata da Kennedy, ha intentato più di 50 cause legali, molte delle quali riguardanti mandati COVID.

 

All’inizio, anche i giudici erano troppo spaventati per pronunciarsi contro i dettami dello stato, portando a «decisioni davvero folli che … non avevano senso», afferma Kennedy. Da allora hanno fatto dei progressi, anche a New York, dove un giudice ha detto che poiché lo sparo non impedisce la trasmissione, non puoi avere un mandato per farlo.

 

Ma sottolinea che un governo non solo non rinuncerà al potere, ma abuserà anche di qualsiasi potere che ha nella massima misura possibile. Solo perché la pandemia è finita, la voglia di controllare non se ne va. 

 

«Le persone dovrebbero tenere presente che nessuno ha mai rispettato le regole del regime totalitario. Quindi, se pensi di sapere, abbandonando queste regole, che in qualche modo le cose miglioreranno o che si sazierà il bisogno di controllarti, non è così. Li incoraggerà solo a fare qualcosa di peggio».

 

 

Tempi senza precedenti, la tecnologia minaccia la democrazia

Kennedy afferma anche che stiamo affrontando una situazione in cui non ci siamo mai trovati prima. Non è che la democrazia non sia stata minacciata e persa in passato, ma ora sono disponibili gli strumenti tecnologici per una sorveglianza diffusa:

 

«Ci sono state molte volte in cui abbiamo perso la democrazia. C’è stata una polarizzazione che era così brutta prima, in particolare durante la Guerra Civile. Ma altre volte nella nostra storia, c’è stata una polarizzazione molto, molto tossica».

 

«Ci sono stati momenti in cui abbiamo perso la democrazia e le grandi società, in particolare durante l’età dell’oro negli anni 1880 e 1890… – sai, le grandi compagnie petrolifere come la Standard Oil – gestivano il nostro paese, e noi non avevamo davvero una democrazia funzionante».

 

La differenza era che, allora, «abbiamo iniziato a tagliare questo monolite di potere corporativo e governativo, la fusione del potere corporativo che aveva abolito la democrazia» e siamo stati in grado di ripristinarlo. Ciò che è diverso oggi è che ora abbiamo la tecnologia disponibile per controllare il comportamento umano su larga scala:

 

«Il problema è che ora abbiamo questi strumenti, queste tecnologie, per il controllo del comportamento umano che non avevamo mai avuto prima. L’ambizione, l’intenzione di ogni regime totalitario nella storia è di controllare ogni aspetto del comportamento umano – le nostre parole, i nostri pensieri, le nostre transazioni, i nostri movimenti, tutto ciò che facciamo – ma non sono mai stati in grado di farlo, perché nessuno, nessun governo, ha mai avuto quella portata».

 

«Ma oggi abbiamo sistemi di riconoscimento facciale ovunque. Abbiamo sistemi satellitari. Bill Gates afferma che il suo sistema satellitare, che è di 61.000 satelliti… sarà in grado di guardare ogni centimetro quadrato della Terra 24 ore al giorno. Ora stiamo iniziando la strada verso l’adozione delle valute digitali, che è schiavitù economica. Non appena ciò accade, perdiamo tutti i diritti perché potranno farti morire di fame».

 

«E ne abbiamo già un esempio con uno sciopero dei camionisti, e nella nostra manifestazione a Toronto, Trudeau ha mandato la gente a guardare le targhe di questi camionisti e poi ha congelato i loro conti bancari. Quindi non potevano pagare il mutuo, non potevano mandare i figli a scuola, non potevano comprare cibo per la loro famiglia. Nessuno di loro è stato accusato di un crimine».

 

 

Non c’è alcuna «esenzione pandemica» nella Costituzione

Kennedy sottolinea anche che gli autori della Costituzione non hanno aggiunto alcuna esenzione dovuta alle pandemie. Ne erano ben consapevoli, avendo sperimentato molteplici epidemie durante la guerra rivoluzionaria. Ma la Costituzione è stata protetta e ha permesso di funzionare come previsto. L’aggiunta di eccezioni è qualcosa di nuovo.

 

Kennedy osserva:

 

«Ci sono state epidemie in ogni città che hanno ucciso decine di migliaia di persone: febbre gialla, colera, vaiolo e molti altri. Quindi, i corniciai sapevano tutto. Ma non hanno inserito un’eccezione epidemica o pandemica nella Costituzione degli Stati Uniti. È una cosa nuova… abbiamo avuto una guerra civile e Lincoln – in un momento in cui il nostro Paese era davvero “non così lontano” dall’essere distrutto, 669.000 americani sono morti. Oggi sono morte 20 milioni di persone».

 

«Eppure, quando ha cercato di sbarazzarsi dell’Habeas Corpus, la Corte Suprema ha detto: “Non puoi farlo”. Non c’è eccezione per la guerra… non c’è eccezione per le pandemie. Abbiamo avuto una pandemia di influenza spagnola nel 1918 che ha ucciso 50 milioni di persone. Eppure, non abbiamo impedito alla Costituzione di funzionare».

 

 

La censura distrugge la democrazia

Kennedy dice che il rimedio per fermare il controllo totalitario è la democrazia. Tuttavia, «mio padre diceva sempre che la democrazia dipendeva completamente dal libero flusso di informazioni». Il dibattito aperto, consentito dalla libertà di parola, porta alle migliori idee e soluzioni che consentono a un paese e alla sua popolazione di prosperare.

 

«Se interrompi il libero flusso di informazioni e inizi a censurare le cose», dice Kennedy, «perdiamo l’unico vantaggio che abbiamo. E, naturalmente, una volta che inizi a fare la censura, sei sulla china scivolosa del totalitarismo». In questo momento, stiamo affrontando la corruzione istituzionale, con il complesso industriale militare al timone.

 

«Penso che se rimuovi Anthony Fauci… sarà sostituito da un altro Anthony Fauci», spiega Kennedy. Nel frattempo, dice, è dal complesso industriale militare, che possiede anche la stampa, che dobbiamo riprenderci la democrazia:

 

«Viviamo nell’era contro la quale Dwight Eisenhower ci ha messo in guardia il 17 gennaio 1960… nel suo discorso di addio, Eisenhower ha tenuto probabilmente il discorso più importante… nella storia americana, dove ha messo in guardia gli americani contro l’emergere del complesso industriale militare – le agenzie di intelligence, il Pentagono e le industrie associate, e ha incluso la burocrazia scientifica».

 

«Nello specifico, in quel discorso ha trascorso molto tempo a discutere sulla burocrazia scientifica federale, intendendo il NIH [l’istituto sanitario federale USA, ndt], che sarebbero stati gli autori della distruzione della democrazia americana se avessimo permesso loro di farlo… E poi l’11 settembre… ha trasformato l’America davvero nell’inizio di uno stato di sorveglianza. E il COVID ha completato il compito… e il compito della CIA è sviluppare una pipeline di nuove guerre che l’America potrebbe combattere per alimentare questa macchina, gli appaltatori militari, e guarda cosa è successo in COVID: 138 aziende sono state coinvolte nella produzione e distribuzione del vaccino».

 

«Sono tutti appaltatori militari. Il Pentagono e la National Security Agency hanno gestito l’intera risposta alla pandemia. Pfizer e Moderna non possiedono realmente quei vaccini. Hanno messo le loro etichette su di loro, ma era un progetto del Pentagono. E quindi, sai, abbiamo a che fare con un complesso industriale militare».

 

 

La democrazia può resistere al totalitarismo chiavi in ​​mano?

Con le forze totalitarie che puntano a controllare ogni aspetto del comportamento umano, il momento del dissenso è adesso. Il primo passo è svegliarsi alla verità. Il prossimo è difendere ciò in cui credi. Il risultato finale, tuttavia, resta da vedere. Secondo Kennedy:

 

«I livelli di controllo che hanno ora sul comportamento umano sono maggiori di quanto abbiamo mai visto. È quello che io chiamo totalitarismo chiavi in ​​mano… stiamo cercando di educare il pubblico e costruire il nostro esercito per ripristinare la democrazia».

 

«E allo stesso tempo si stanno alzando per mettere in atto questa infrastruttura che darà loro il controllo totale, distruggerà il dissenso e disabiliterà qualsiasi tipo di insurrezione o sovversione o qualsiasi differenza con la narrativa ufficiale del governo e le ortodossie … quando inseriranno questo sistema, è davvero difficile prevedere se la democrazia avrà la resilienza per ripristinare quelle istituzioni».

 

 

Joseph Mercola

 

 

 

Pubblicato originariamente da Mercola .

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Un uomo muore in Messico per il primo caso umano conosciuto di influenza aviaria H5N2

Pubblicato

il

Da

Un uomo di 59 anni in Messico è morto a seguito di un’infezione da un sottotipo di influenza aviaria: è il primo caso noto di ceppo H5N2 che infetta un essere umano. Dal 1996 si sono verificati circa 900 casi umani di un altro ceppo, l’H5N1, e circa la metà delle persone infette sono morte.

 

Gli esperti affermano che non vi è alcuna minaccia per il grande pubblico e che nessuno vicino al 59enne ha contratto il virus, secondo i rapporti.

 

Il paziente, morto ad aprile, era stato ricoverato in ospedale a Città del Messico dopo aver sviluppato febbre, mancanza di respiro, diarrea, nausea e malessere generale, ha detto mercoledì l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

 

«Sebbene la fonte di esposizione al virus in questo caso sia attualmente sconosciuta, il virus A (H5N2) è stato segnalato nel pollame in Messico», ha affermato l’OMS in una nota.

 

Sebbene sia l’H5N1 che l’H5N2 colpiscano sia gli uccelli d’allevamento che quelli selvatici, il paziente in Messico non aveva avuto alcuna esposizione nota al pollame o ad altri animali prima che gli fosse stata formalmente diagnosticata l’influenza. Ma era stato costretto a letto per settimane per altri motivi di salute prima del contagio.

Sostieni Renovatio 21

«A causa della natura in continua evoluzione dei virus influenzali, l’OMS continua a sottolineare l’importanza della sorveglianza globale», ha affermato l’OMS in una nota, aggiungendo che l’attuale rischio per la popolazione generale è «basso». «Questo caso non modifica le attuali raccomandazioni dell’OMS sulle misure di sanità pubblica e sulla sorveglianza dell’influenza».

 

I ricercatori chiariscono che il caso non è correlato a un’epidemia di H5N1 – un ceppo diverso da quello avvenuto in Messico – negli Stati Uniti che ha infettato mandrie di mucche da latte; quattro casi umani di influenza aviaria sono stati segnalati negli Stati Uniti dal 1 aprile.

 

L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato in USA dai vertici dell’ente di controllo del farmaco FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID»OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.

 

Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.

 

Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.

 

Secondo uno studio preprint recentemente pubblicato, anche H5N1 potrebbe essere un virus fuggito al laboratorio.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

L’epidemia di influenza aviaria potrebbe aver avuto origine in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Anche l’influenza aviaria, di cui molti stanno parlando di recente, potrebbe avere un’origine interamente artificiale, esattamente come supposto per il virus SARS-nCoV-2 alla base della pandemia COVID-19.   Il medico texano Peter McCullough ha scritto in un post sul suo Substack che l’attuale epidemia di influenza aviaria H5N1 (nome del virus influenza aviaria) potrebbe essere uscita da un laboratorio.   La rivelazione è basata su uno studio preprint di cui è coautore, pubblicato lo scorso lunedì.   «Le circostanze di cui sopra ci hanno spinto a porre una domanda: è possibile che il clade 2.3.4.4b dell’HPAI H5N1 si sia evoluto non in natura, ma come risultato di passaggi seriali o di altre ricerche sul guadagno di funzione (GoF) in un laboratorio? Le prove che abbiamo scoperto finora sollevano fortemente il sospetto che sia davvero così», ha scritto McCullough sul suo Substack.

Iscriviti al canale Telegram

Infatti, quando l’ex direttore del CDC, il dottor Robert Redfield, è stato recentemente intervistato dal canale TV Newsnation, si è vantato di essere riuscito a trasformare l’influenza aviaria in un’arma in pochi mesi.   «In laboratorio, potrei rendere [l’influenza aviaria] più contagiosa per gli esseri umani in pochi mesi (…) sono stati pubblicati i quattro amminoacidi che devo modificare (…) Questa è la vera minaccia alla biosicurezza, che questi laboratori universitari stiano facendo questi esperimenti biologici (…) Penso che l’influenza aviaria sarà la causa della grande pandemia, in cui stanno insegnando a questi virus come essere più contagiosi per gli esseri umani», aveva detto Redfield nell’intervista .  
Mentre originariamente si sosteneva che il COVID avesse avuto origine dal fatto che i cinesi mangiavano pipistrelli, una pratica presente nella nazione asiatica, è stato rapidamente rivelato che l’epidemia poteva provenire da un laboratorio di armi biologiche a Wuhan.   Sono state sollevate preoccupazioni circa la giustificazione alla base della pericolosa ricerca sul guadagno di funzione sull’influenza.   Come riportato da Renovatio 21, è emerso che gli USA stanno finanziando la creazione di questi ceppi di influenza aviaria privilegiando quelli più letali e contagiosi.

Sostieni Renovatio 21

In modo simile al COVID, che viene creato in un laboratorio e diventa una pandemia, anche la nuova influenza aviaria potrebbe quindi essere arrivata da un laboratorio. Tra il 2020 e il 2024 entrambe le epidemie hanno in comune il fatto di essere scoppiate in un anno di elezioni presidenziali USA.   Non è improbabile probabile che se l’influenza aviaria finirà sotto i riflettori in modo simile al COVID, anche le nuove vaccinazioni contro l’influenza aviaria per gli esseri umani saranno ampiamente raccomandate.   Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.   L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato dagli stessi vertici dell’ente di controllo del farmaco USA FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID». OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.   Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.   Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato è stata data notizia della creazione di polli OGM parzialmente immuni all’aviaria prodotti tramite la bioingegneria CRISPR, facendo sollevare l’interrogativo: quando vi sarà l’obbligo del CRISPR per i nostri figli?  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Epidemie

Il senatore Paul contro Fauci: la Sanità USA «più segreta della CIA»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

In un’apparizione al programma «Rising» di The Hill, il senatore Rand Paul ha preso di mira la testimonianza del dottor Anthony Fauci davanti alla sottocommissione selezionata della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sulla pandemia di coronavirus lunedì, suggerendo che Fauci contraddicesse fatti noti su come l’NIH ha risposto alla pandemia.

 

Martedì, in un’apparizione al programma «Rising» di The Hill, il senatore Rand Paul (R-Ky.) ha preso di mira la testimonianza del dottor Anthony Fauci davanti alla sottocommissione selezionata della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sulla pandemia di coronavirus.

 

Paul ha affrontato le risposte di Fauci, suggerendo che contraddicessero fatti noti su come il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) – l’agenzia guidata da Fauci per 38 anni – e la sua agenzia madre, il National Institutes of Health (NIH), hanno risposto al COVID -19 pandemia.

 

«L’NIH è in realtà più riservato della CIA, e questo è allarmante e inquietante e davvero non dovrebbe essere tollerato», ha detto Paul ai co-conduttori Robby Soave e Briahna Joy Gray.

Sostieni Renovatio 21

Paul ha affrontato gli sforzi di Fauci per prendere le distanze dal suo aiutante di lunga data David Morens, che nelle e-mail si vantava di poter eludere le richieste del Freedom of Information Act eliminando qualsiasi potenziale «pistola fumante».

 

Paul ha criticato la ricerca sul guadagno di funzione, che secondo lui è avvenuta sotto la guida di Fauci del NIAID, e ha chiesto che fosse vietata. Ha anche suggerito che il COVID-19 sia emerso da una fuga di notizie dal laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan in Cina alla fine del 2019.

 

L’intervista di Paul è arrivata sulla scia delle rivelazioni secondo cui il NIAID ha ricevuto 690 milioni di dollari dei 710 milioni di dollari in entrate da royalty NIH tra il 2022 e il 2023.

 

È arrivato anche pochi giorni dopo la pubblicazione delle trascrizioni dell’intervista di due giorni di Fauci a porte chiuse alla Camera di gennaio e di un memorandum della Camera con i punti chiave di quell’intervista.

 

Paul è stato a lungo un critico di Fauci. Nell’ottobre 2021, affermò che Fauci stava «diffondendo falsità». Nell’agosto 2023, ha affermato che Fauci ha commesso falsa testimonianza e ha invitato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ad avviare un’indagine. Nell’ottobre 2023 ha accusato Fauci di aver guidato il «grande insabbiamento del COVID».

 

 

Paul chiede «ulteriori controlli o procedimenti giudiziari»

Paul ha detto a Soave e Gray che «una delle cose più sorprendenti» della testimonianza di Fauci di lunedì «è stata la rapidità con cui ha gettato il suo aiutante sotto l’autobus», riferendosi a Morens.

 

«Morens ha lavorato per 20 anni per Anthony Fauci e nella sua dichiarazione di apertura, [Fauci] dice che [lui] conosceva a malapena il ragazzo», ha detto Paul. «In sostanza, ora hanno gettato David Morens in pasto ai lupi».

 

Paul ha affermato che la testimonianza di Morens, in cui «ha ammesso di aver distrutto le prove, di aver cancellato le e-mail» e di «essere stato un corriere personale e che poteva portare messaggi personali a casa di Anthony Fauci», ha contraddetto le dichiarazioni di Fauci ed è motivo di un’indagine.

 

«La sua testimonianza è direttamente in conflitto con ciò che ha detto ieri Anthony Fauci, il quale ha affermato di non aver mai utilizzato la posta elettronica privata, né di aver mai utilizzato un telefono privato», ha detto Paul. «E quindi, davvero penso che siano necessarie ulteriori indagini per scoprire chi sta dicendo la verità qui. Se ciò non giustifica ulteriori controlli o procedimenti penali, non so cosa lo possa fare».

 

Paul ha suggerito che la sottocommissione richiamasse Morens per ulteriori domande, «perché Anthony Fauci essenzialmente… ha definito David Morens un bugiardo».

 

«… Morens desidera correggere il registro? Vuole discutere in modo più completo di quello che stava succedendo con Anthony Fauci? Perché Anthony Fauci praticamente lo ha rinnegato ieri», ha detto Paul.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Paul chiede il divieto della ricerca sul guadagno di funzione

La nota di 17 pagine della Camera suggeriva che «Fauci ha giocato sulla semantica con la definizione di ricerca Gain-of-Function [GoF]» durante la sua intervista di gennaio, scoprendo che «Fauci ha intenzionalmente evitato di affermare che il NIAID ha finanziato la ricerca GoF sui coronavirus a Wuhan, in Cina, affermando che GoF è un termine sfumato».

 

Paul era d’accordo con questa valutazione. Rivolgendosi alla testimonianza di Fauci di lunedì, Paul ha affermato che Fauci sostiene che «non si è trattato di un guadagno di funzione» perché «non ha mai soddisfatto la definizione normativa del comitato per la sicurezza», noto anche come comitato P3CO.

 

Secondo Paul, «il problema con questa linea di argomentazione… è che Anthony Fauci non ha mai presentato la ricerca su Wuhan al Comitato per la Sicurezza. Quindi può dire che stiamo usando quella definizione, ma il comitato non l’ha mai presa in considerazione. Non c’è mai stata alcuna considerazione da parte del comitato per la sicurezza sul fatto che questo fosse un guadagno di funzione».

 

Paul ha detto che negli ultimi tre anni ha chiesto all’NIH di fornirgli la prova che la ricerca condotta a Wuhan non era un guadagno di funzione, ma «l’NIH non me lo rivelerà».

 

Citando i pericoli della ricerca sul guadagno di funzione, Paul ne ha chiesto il divieto:

 

«C’è un intero gruppo di scienziati che ne discute da oltre un decennio, ben prima del COVID, e molti di loro affermano che questo tipo di ricerca non ha prodotto un vaccino, non ha prodotto informazioni utili, ma che il rischio supera di gran lunga la conoscenza che ne deriva».

 

«Dobbiamo trattarlo come qualcosa di equivalente alle armi nucleari, nel senso che sono necessari negoziati tra i Paesi. È necessario che i Paesi civili si uniscano e firmino il divieto su questo tipo di ricerca».

 

Paul ha anche suggerito che la ricerca sul guadagno di funzione a Wuhan non soddisfaceva gli standard di sicurezza internazionali e che Fauci sapeva da tempo che tale ricerca rappresentava un rischio.

 

«Nel 2012 ha detto che sì, una pandemia potrebbe verificarsi a causa di una fuga di dati dal laboratorio. Se così fosse, però, la conoscenza acquisita varrebbe il rischio», ha detto Paul.

 

«Una delle e-mail che abbiamo ricevuto tramite un’ordinanza del tribunale federale dice che se scoprono che stanno facendo questo in Cina in un BSL-2 [livello di biosicurezza 2], che è una categoria di sicurezza inferiore a quella richiesta, le persone andranno fuori di testa. Queste sono le parole di alcuni ricercatori che vanno avanti e indietro tra la Carolina del Nord, la Cina e Peter Daszak, che è il corriere che raccoglie tutti i soldi dei contribuenti per questo», ha aggiunto Paul.

Aiuta Renovatio 21

La nota della Camera rileva che Fauci ha riconosciuto, durante la testimonianza di gennaio, che la fuga di notizie dal laboratorio «non è una teoria del complotto» – un riconoscimento che ha ripetuto durante l’udienza di lunedì.

 

Nonostante le prove della conoscenza di Fauci della ricerca sul guadagno di funzione e di una fuga di notizie dal laboratorio, riconosciute dai membri del Congresso di entrambi i partiti, dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Unitidal New York Times e dall’amministrazione Biden nella sua recente azione contro l’EcoHealth Alliance di Daszak , lunedì sentire «si è sentito di nuovo partigiano», ha osservato Soave.

 

«Posso solo supporre che ci sia un tale amore per l’autorità centrale e un tale amore per il governo responsabile dell’assistenza sanitaria, che vedono Anthony Fauci come rappresentante dell’autorità centrale, l’autorità in materia sanitaria da vederla come un attacco al governo, mentre io lo vedo come un attacco al suo giudizio», ha detto Paul.

 

Fauci «ha rifiutato di ammettere» di aver «sovvalutato il potere dei vaccini COVID-19»

Secondo la nota della Camera, «alcune politiche consequenziali dell’era COVID mancavano di prove scientifiche a supporto», come le politiche di distanziamento sociale di 6 piedi e l’obbligo di mascherine. Il rapporto rileva che «Fauci ha testimoniato di non ricordare alcuna prova a sostegno del mascheramento dei bambini».

 

Fauci lo ha riconosciuto durante l’udienza di lunedì.

 

Secondo il memorandum, Fauci ha anche «rifiutato di ammettere che il governo – compreso lui stesso – ha sopravvalutato il potere dei vaccini contro il COVID-19», «ha difeso le dichiarazioni fuorvianti del presidente Biden sui vaccini» e «ha rifiutato di tornare indietro rispetto alla sua dichiarazione del 2021 secondo cui i vaccini contro il COVID-19 renderti “un vicolo cieco per il virus”».

 

Fauci ha continuato a difendere i vaccini contro il COVID -19 durante l’udienza di lunedì, sostenendo che hanno salvato «molte, molte, molte vite» e incolpando i non vaccinati per aver causato la morte di 200.000-300.000 americani.

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 5 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine generata artificialmente

Continua a leggere

Più popolari