Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

PERCHÉ NON VOGLIONO MARCELLO FOA?

Pubblicato

il

 

 

La reazione alla nomina di Marcello Foa a Presidente RAI è stata rivelatrice di tante, tantissime cose.

 

Non sappiamo nemmeno da dove iniziare, ma ci proviamo lo stesso, perché quest’isteria, questo infojamento totalmente imprevisto, ci racconta di tante trame diverse: partitiche, geopolitiche, financo industrial-sanitarie.

 

Colpisce il linciaggio a cui è stato costretto il Foa. Dalle connazionali corpulente che su Twitter schizzano felicemente bile perché si leva dall’Isvizzera, alle accuse di essere un «ebreo fascista», più le vignette di ogni sorta, come quella, anche divertente, in cui la sigla del TG1 invece che mostrare il globo terrestre mostra una terra piatta. Se non l’avete vista, non vi preoccupate: gira solo sulle «bubble» di quelli di sinistra, cioè il continuum social distinto, per algoritmo, da quello di destra: proprio così, oramai la società non ha più nessun comune denominatore mediatico, e questo è parte del problema di vera guerra ideologica civile che stiamo vivendo.

Questo infojamento totalmente imprevisto, ci racconta di tante trame diverse: partitiche, geopolitiche, financo industrial-sanitarie

 

In molti hanno dettagliato l’arrivo di una tempesta che travolgerà Salvini permettendo infine la nascita di un ircocervo renzusconiano – quello che in pratica PD e Forza Italia erano convinti di trovarsi pronto a marzo e per il quale apparecchiarono la presente legge elettorale. Forza Italia lavora già per questa prospettiva, basta vedere la copertina di Panorama di questa settimana, il giornale da cui deriva uno dei principali frondisti forzisti (l’altro è l’indicibile Gasparri) anti-Foa, Mulè: L’Italia è indemoniata. E non si capisce se Salvini sia l’esorcista o il demone stesso.

La copertina di Panorama

 

Renzi e Berlusconi, sussurravano tutti qualche mese fa, avrebbero pronto un partito, baciato in fronte da Verdini e dalla Massoneria. Tale agglutinazione del vecchio sistema dovrebbe tornare a prendersi il potere dopo lo sfascio programmato del governo pentaleghista.

 

La tempesta, dicono, arriverà anche per tramite dei giudici: uno strumento che sia il PD che Berlusconi, per opposti motivi, conoscono benissimo. Il riciclo coatto dello scandalo dei fondi alla Lega di Bossi sarebbe solo l’antipasto.

 

Giudici e scandali: io credo vi sia per la questione un algoritmo statistico. Se andate con la memoria indietro di una diecina di anni, rammenterete la primavera 2009. Berlusconi era atteso da Putin a Mosca per quella che era la più grande missione mai organizzata dall’Istituto del Commercio Estero (ICE). Io ero colà, ma Berlusconi non lo vedemmo: in quella ore vi fu il terremoto dell’Aquila, e Silvio vi si precipitò senza indugi. Tra foto che lo ritraevano triste a guardare il finestrino dell’elicottero e momenti di commozione con le vecchiette (oltre che a qualche barzelletta bestemmiosa su Rosi Bindi) la sua popolarità scattò alle stelle. Ad un anno dalla elezione a premier, Berlusconi aumentava di popolarità invece che calare.

 

Scattò il piano che tutti ricordiamo: apparve Noemi Letizia, la minorenne al cui compleanno presenziò Berlusconi, poi la escort pugliese (beccata poi con milioni di euro a Dubai), poi la moglie che si separa con una lettera su Repubblica, poi il bunga bunga, Fini che gli punta il dito contro e scinde il PDL, Ruby Rubacuori, il processo eterno per i diritti TV, e poi ancora lo spread, le risatine tra Sarkozy e la Merkel…

 

La popolarità di Berlusconi, raggiunta una certa soglia di allarme, fu abbattuta; la sua carriera politica pure.

 

Ora è la stessa fazione berlusconiana che vuole servire la stessa minestra a Matteo Salvini, reo di quello che – dati alla mano – è il più grande capolavoro di crescita partitica post-elettorale. Dal 17% delle elezioni ora Salvini avrebbe oltrepassato il 30%, praticamente un raddoppio, andandosela a giocare con il M5S come primo partito.

 

Dinanzi a questo disegno, vi state chiedendo ancora se fosse possibile mettere in testa alla RAI un uomo onesto come Foa?

 

Quando si fa un golpe, anche chi non  ha letto il manuale per il Colpo di Stato di Luttwak lo sa, bisogna sempre prendere i mezzi di informazione.

 

Alla campagna per la distruzione della candidatura Foa, quindi, hanno concorso varie ragioni – che qui analizzeremo in dettaglio – con tutti gli strumenti di cui si può disporre.

 

 

Assenza delle Wikipedia wars

 

Qualcuno ha notato che è stata «manomessa» la pagina di Wikipedia relativa al Foa, tuttavia qui voglio spiegare un paio di cose in base all’esperienza diretta. Personalmente, io non mi scandalizzo, se mai rifletto sull’immaturità mediatica del governo. Il sottoscritto negli anni ha partecipato mercenariamente a diverse campagne elettorali, producendo spot televisivi e pure qualche altra operazione.

 

In un caso di oramai qualche lustro fa, intuii il potere che stava assumendo Wikipedia, che stava divenendo silenziosamente quello che è oggi: la carta moschicida del giornalista, la fonte da cui puoi copiare impunemente, riducendoti il lavoro di ore, senza nessuna conseguenza. Feci aggiungere alla relativa pagina di Wikipedia una semplice riga che indicava una particolarità del candidato avversario che era stata ampiamente riportata dai giornali, ma che nessuno voleva tenere a mente…

 

Patatrac, quando l’avversario sciolse i dubbi e si candidò, i giornalisti si fiondarono su Wikipedia, e trovarono anche quel piccolo dato controverso (molto controverso, e documentato) che davano il giusto spin alla nostra contro-campagna.

 

Come si ottiene una cosa del genere? Beh, bisogna conoscere dei wikipediani. Ossia, i volonterosi estensori delle voci di Wikipedia, un club dove si è registrati e dove vale l’anzianità, etc. I wikipediani, un tempo creature di nerditudine inarrivabile, sono aumentati a dismisura, ed è facile comprendere come molte forze della società ne abbiano infiltrato le fila. Il Vaticano, si diceva, avrebbe i suoi agenti wikipediani. Così come una reale europea, beccata a far cambiare la voce che la riguardava.

 

Infatti, passati due anni, ritentai con un altro candidato di cui stavo seguendo i contenuti, in una elezione molto più importante: trovai un fuoco sbarramento mai visto prima, con wikipediani che accusavano i miei wikipediani di «propaganda politica», anche negli argomenti in cui questa proprio non vi era.

 

Sono le cosiddette wikipedia wars: ricordo ancora quella che io e un amico dovemmo subire quando immettemmo la voce «Bar Basso», storico locale di Milano dove venne inventato il Negroni Sbagliato.

 

Ora, è chiaro quindi che né la Lega né i 5 stelle (il partito di internet e della tecnologia, come no) hanno una forza wikipediana a loro favore, mentre il PD di pasdaran nell’enciclopedia mondiale ne ha frotte.

 

Come insegnano i veri giornalisti d’inchiesta negli USA – quelli che i giornaloni non vogliono più, come Wayne Madsen o il celebratissimo quanto emarginato Seymour Hersh – mai credere a quello che scrive Wikipedia. Mai: perché è già precotto da altri, da «uffici stampa» (una volta li chiamavano così) di potenze che hanno intelligenza e danaro per far trovare a chi si vuole informare una pappa pronta apparentemente incontrovertibile.

 

Wikipedia, essendo il primo risultato che dà Google ad ogni ricerca, è la spina dorsale della conoscenza mondiale. È vitale esservi dentro, è vitale dirigerla, tanto più che essa ha l’aria di essere «libera», «spontanea», pura come l’acqua minerale della pubblicità, che sgorga meravigliosamente dalla montagna della vita.

L’informazione mondiale è manipolata, e dall’elezione di Donald Trump l’ha capito il mondo intero.

 

Non è così. L’informazione mondiale è manipolata, e dall’elezione di Donald Trump l’ha capito il mondo intero.

 

Di questo si è pure occupato lo stesso Foa, che ha scritto per Guerrini e Associati (un editore «tecnico», specializzato in comunicazione) il libro Gli Stregoni della Notizia. Da qualche anno, egli portava avanti lo studio degli spin doctor, concetto conosciuto negli USA ma ancora un po’ oscuro in Italia…

 

Questo ci porta ad un altro motivo della violenta ripulsa per Foa.

 

 

Il controllo delle fake news di Stato

 

Non serve un genio per capire che una figura come Foa, il giornalista italiano più visibilmente smaliziato nei confronti dei sistemi di informazione moderni, avrebbe potuto cominciare a nuocere alle narrative che ogni giorno raggiungono le case degli italiani nell’unico mezzo che si salva dalla bubble dei social media (che tramite gli algoritmi  ci imprigionano nelle nostre stesse opinioni, perché sono quelle dei nostri amici…).

Vi sono delle narrative che devono essere portate avanti dalla TV di questo Stato europeo, stato a sovranità limitata.

 

Vi sono delle narrative che devono essere portate avanti dalla TV di questo Stato europeo, stato a sovranità limitata.

 

In particolare, le narrative a cui la TV di Stato deve fare da cassa di risonanza sono:

 

La Russia è cattiva. Prendete la notizia recente degli «estremisti di destra simpatizzanti della Lega» che combattono per Putin in Donbass, con la magistratura italiana ad indagare su una cosa talmente pacificamente risaputa che Le Iene ci fecero pure un servizio tre anni fa, con nomi e cognomi degli stessi che collaboravano volentieri. Si noti invece come chi va a fare il foreign fighter per lo Stato Curdo (molto celebrato dal residuale mondo dei centri sociali e dal gruppo Espresso) si becca invece interviste elogiative. Di Putin, comunque, parliamo più sotto.

 

Gli immigrati scappano dalla guerra e dobbiamo accoglierli. L’immigrazione è inarrestabile, immodificabile, è un dogma, è una legge della termodinamica: va accettata e basta. In questo, non è possibile non vedere come la RAI sia la cassa di risonanza dell’immane, ed antico, piano di invasione meticciante espressosi prima con l’assassinio di Gheddafi e poi con l’elezione di bergoglio, il vero principe dei contenuti immigrazionisti da rilanciare varie volte al giorno.

 

I vaccini fanno bene e chi li critica è un mostro. Anche su questo diremo due parole più sotto.

 

Si tratta quindi di assicurare l’incolumità sulla narrativa principale, cioè sulle fake news – perché queste sono bufale, come si diceva una volta, o meglio ancora manipolazioni politiche di alto livello – di Stato, trasmesse non solo in Italia.

 

Non è possibile accettare qualcuno che metta in pericolo la versione ufficiale; non è possibile perché, avrete visto, il potere mediatico è capace di cose incredibili come produrre bufale per coprire bufale: avete visto il caso di Josefa, la signorina africana ripescata in mare a favore di telecamera, che casualmente giaceva distrutta sul ponte della nave ONG con le unghie colorate. Quando questa stranezza è emersa, ci hanno detto che il colore alle unghie era in pratica parte del protocollo del salvataggio, e si aspettano pure che ci caschiamo.

 

Il Foa, a giudicare dai suoi interventi sul Giornale così come sul suo blog e i suoi account nei social network, può rappresentare una prima linea programmatica contro questa oscena, continua manipolazione.

 

Chi ha l’ordine di mantenere intatta la narrativa mondialista ha giocoforza i suoi agenti in tutti i partiti. Compreso il partito un tempo principe del centrodestra, Forza Italia.

Non escludiamo che il disegno fosse proprio questo: il decoupling definitivo tra la Lega e il partito oramai minoritario e nano Forza Italia.

 

 

Forza Italia in mano agli eurogangster

 

Il centrodestra, scrivono i giornali, è in frantumi. Non escludiamo che il disegno fosse proprio questo: il decoupling definitivo tra la Lega e il partito oramai minoritario e nano Forza Italia.

 

Varie indiscrezioni uscite sui giornali hanno parlato di una divisione interna: Ghedini era contrario alla barricata contro Foa, e parrebbe anche Berlusconi, che pure ha il dente avvelenato perché Salvini ha accettato di piazzare la delega alle Telecomunicazioni (tanto importante per l’impresa di famiglia) ad un grillino invece che ad un leghista («una sola cosa gli avevo chiesto!»).

 

Neppure Berlusconi, nel cui Giornale lavora da decenni il Foa oggi caporedattore degli Esteri, pareva insomma volere opporsi. E invece, colpo di scena: Forza Italia si allinea al PD, incurante del fatto che il gesto la apparenta definitivamente non con la parte politica vitale ma con il partito-zombie per antonomasia, quello rifiutato con disprezzo dal Paese e votato oramai solo da feudi nostalgico-cooperativi chiusi in un paio di regioni catatoniche.

 

Parrebbe quindi che ad organizzare il raid siano stati, scrive il Corriere, i «Tajani Boys», cioè a la cricca partitica che ruota intorno all’attuale Presidente del Parlamento Europeo, già Commissario Europeo ai Trasporti e all’Industria, in pratica da una decade nella stanza dei bottoni di Borsella (che è l’italiano di Bruxelles, consentiteci di usare questo nome, che rende bene una certa idea).

 

Tajani è un figuro particolare: trombatissimo nell’elezione a sindaco di Roma, viene immediatamente ripescato e premiato con questi mega-ruoli nel comando centrale dell’Europa Unita.

 

È possibile pensare che quando Berlusconi prima delle elezioni incontrò l’ebbro-sciatalgico Juncker (l’uomo che dal suo Lussembrugo ha permesso ad Amazon e alle altre multinazionali mondialiste di evadere tasse europee per miliardi di euro), ad organizzare l’incontro fosse stato Tajani. La meccanica della cosa era semplice, e sempre più comune nei momenti pre-elettorali italiani: i capi coalizione volano oltralpe (Bersani e Renzi dalla Merkel, li ricordate?) e si fanno benedire dai poteri extranazionali che ammorbano il nostro Paese.

 

Il significato era: nonostante tutto, visto il rischio di un governo populista, ti riprendiamo tra noi Silvio; mettiti con Renzi, va benissimo, ma non mandare al potere Salvini che è in sostanza quello che è la Le Pen in Francia, cioè la minaccia assoluta per l’Eurocrazia a trazione tedesca. In ballo c’era anche la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che può rendere Berlusconi di nuovo candidabile; cosa avvenuta comunque.

Tajani tra Berlusconi e Junker

 

 

 

Tajani è con evidenza il garante dell’euroganga in Forza Italia, e quindi non può che agire in modo totalmente contrario a quello che oramai nel gergo politico mondiale è chiamato «sovranismo».

 

Il lavoro di Foa rappresenta proprio questo: una minaccia sovranista, in quanto possibile megafono rispettabile (poco attaccabile, perfino ebreo!) delle idee nazionali ed internazionali di Salvini.

 

Il «sovranismo», nella politica estera mondiale, si traduce con un nome solo: Vladimir Vladimirovič Putin.

 

 

Putin Connection

 

Qualcuno può pensare che sia il filoputinismo il motivo di questa inconsulta reazione profonda contro Foa, inviato per anni a Mosca.

 

Foa non ha mai nascosto le sue simpatie per l’assetto geopolitico internazionale agito da Putin – ultimo garante di Westphalia, ha detto qualcuno, cioè garante della sovranità degli Stati e dei loro popoli – e in questo non è solo, né in Italia né nel mondo. Difficile per un analista di politica estera non rimanere ammirato, e infine convinto, dal disegno perseguito lucidamente e vittoriosamente dalla Russia: una geopolitica del rispetto, che tratta le altre nazioni non come colonie (vecchio vizio angloide duro a morire, per l’Occidente) e che è in grado di rovesciare lo scacchiere con giocate geniali, e piuttosto pulite, come l’annessione della Crimea o l’intervento in Siria.

 

Possibile che Forza Italia avesse in mente il filoputinismo di Foa? Io dico di no. Perché è vero che c’è il Tajani euroide e quindi di suo nemico della Russia, ma è altrettanto vero che il capo del partito che ha bocciato Foa è il miglior amico che Putin abbia fuori dalla Russia.

 

Silvio Berlusconi e Vladimir Putin, lo credo davvero, hanno un rapporto di amicizia vero e persistente. Qualcuno ricorda le elezioni del 2008? Prima ancora che il vincitore Berlusconi si insediasse, Putin si materializzò a Villa Certosa, tenuta sarda di Silvio, dove elogiò in conferenza stampa congiunta il futuro premier. Qualcuno ricorda forse anche che poco dopo, quando nel colpo di coda neocon dell’era Bush la Georgia attaccò i russi di Ossezia e Abcasia, Berlusconi si schierò apertamente con Putin. Quando in altre conferenze stampa congiunte chiesero a Putin della repressione in Cecenia (che la stampa mondiale, come il Partito Radicale, in mancanza di meglio crede ancora una spina nel fianco eterna di Mosca) rispose lo stesso Berlusconi, buttandosi interamente a difesa dell’amico Vladimir.

 

Putin e Berlusconi in Crimea

 

Qualcuno ricorda quando pochi anni fa Berlusconi volò nella Crimea ridivenuta russa a passeggiare con Vladimir? Io me lo ricordo perché ero a Kiev. La stizza del governo d’Ucraina (dove Berlusconi, come ovunque nel mondo russofono, dal Turkmenistan alla Siberia, è un mito) fu tale che vollero procedere legalmente per il fatto che Vladimir e Silvio si erano scolati una bottiglia di vecchio cherry. Anche qui, Berlusconi si mise in posizioni estreme – cioè, collidenti con quelle occidentaliste e americane – per amicizia con Vladimir, il quale, annunciò Silvio tanti anni fa, sarebbe stato docente alla sua «Università della Libertà» da aprirsi in una delle sue ville (una promessa mai materializzatasi: Silvio ne ha fatte tante, dalla volontà di non voler nemmeno più prendere un caffè con Bossi,  al film su Mandrake quando fondò la Penta Film, a Nesta al Milan che giurò di non voler acquistare davanti ai ciellini del Meeting di Rimini).

 

No, Foa non è stato punito per il suo putinismo, anche se chi segue la politica interna americana sa che a Washington è in corso un nuovo truce maccartismo in cui Vladimir è accusato di ogni nefandezza possibile.

No, Foa non è stato punito per il suo putinismo

 

La nomina di Gennaro Sangiuliano al TG1 ne è la prova: Sangiuliano, amico di Salvini, è autore di una celebrata agiografia letteraria del presidente Putin.

 

Rimane, di fatto, un ingrediente preciso che può fornire una spiegazione alla poderosa reazione avversa contro Foa.

 

 

Vaccini e simia dei

 

Da uomo in grado di discernere il sistema di fake news in cui viviamo immersi, il Foa non poteva non vedere come attorno alla storia dei vaccini vi sia uno strano spin.

C’è quindi una narrativa globale inviolabile, che comprende ovviamente anche la neochiesa, riguardo ai vaccini. Una narrativa granitica quanto sfacciata, impudica, creata schiacciando chiunque osi opporvisi.

 

Così, si lasciò andare, anche pubblicamente, a qualche pur timida rimostranza nei confronti della legge Lorenzin: 12 vaccini, disse, sono troppi, e poi l’obbligo in Svizzera non c’è, e pure tutto va bene. Notate che la Svizzera, che obbliga alla leva militare i suoi maschi una volta l’anno, è un paese che degli obblighi non ha paura.

 

Quindi, alla RAI (dove peraltro lavora come direttore delle relazioni istituzionali e internazionali l’Alessandro Picardi, marito della regina dei vaccini Beatrice Lorenzin) ci può andare un vaccino-scettico? Dico: stiamo parlando della RAI, che dai telegiornali ai programmi di inchiesta (ho in mente certe cose raccapriccianti viste su RAI3) mai ha mancato di far avere alla vaccinazione universale (vecchio pallino massonico dell’Ottocento) la sua dose di propaganda spintissima…

 

Il lettore deve capire che la questione dei vaccini è forse più grande di quello che sembra. Non è una questione nazionale, e nemmeno è una questione sanitaria.

 

Chi tocca i vaccini, anche con il minimo scetticismo, resta fulminato.

Chi tocca i vaccini, anche con il minimo scetticismo, resta fulminato.

 

È eclatante il caso di Andrew Wakefield, il primo medico che, inconsapevolmente, toccò questo cavo dell’alta tensione. Nel 1998 pubblicò con altri 12 un articolo scientifico in cui ipotizzava una correlazione tra l’autismo (misteriosa malattia che è in crescita esponenziale, senza che del fenomeno vi sia spiegazione alcuna) e il vaccino MPR, ossia quello del morbillo parotite rosolia.

 

Come noto, Wakefield negli anni fu radiato, combattuto, sputtanato in ogni modo possibile, sino a che dovette cambiare Paese. A differenza di altri colleghi, che dopo anni di angherie si defilarono, lui mantenne la sua idea.

 

È molto difficile trovare su Repubblica o sul Corriere il suo nome non accompagnato da parole come «discreditato» «truffatore» «fabbricatore di ricerche fasulle» et similia.

 

Ebbene, anche a livello della politica nostrana, accadde pochi mesi fa qualcosa di stranissimo. Wakefield era in Italia per presentare il suo documentario sull’autismo e i vaccini, come sempre ostracizzato dai grandi circuiti e sostenuto solo da famiglie di volonterosi. I giornali certo non facevano a gara per metterlo in prima pagina.

Incredibilmente, praticamente in simultanea con la presenza di Wakefield a Roma, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si sentì di attaccare pubblicamente chi osa dubitare dei vaccini

 

Incredibilmente, praticamente in simultanea con la presenza di Wakefield a Roma, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si sentì di attaccare pubblicamente chi osa dubitare dei vaccini: «Le affermazioni di chi li critica sono sconsiderate e prive di fondamento»).

 

Mattarella non fece nomi, eppure il riferimento alla giornata italiana di Wakefield (che non è un Presidente della Repubblica, è un medico radiato che vive in Texas lontano da tutto, un insetto) era incontrovertibile.

 

Mi sono chiesto: ma come è possibile che il Presidente si muova per una inezia del genere? Per una quessione di una nicchia insignificante di lunatici?

La risposta che mi sono dato è semplice: i vaccini sono per il sistema mondialista un argomento misteriosamente fondamentale, ed ogni critica – costi pure far muovere un presidente – deve essere ridotta a tabù.

 

La risposta che mi sono dato è semplice: i vaccini sono per il sistema mondialista un argomento misteriosamente fondamentale, ed ogni critica – costi pure far muovere un presidente – deve essere ridotta a tabù.

 

Non è accettabile per nessuna figura di potere dimostrare il minimo cedimento nei confronti dell’imperativo vaccinista. Potete, se volete prendere il caso del M5S e del loro ministro della Salute Giulia Grillo: votata in massa dai no-vax, la Grillo sta ribadendo, anche con insistenza, che di fatto la legge Lorenzin non la cambierà, perché i vaccini fanno bene, e le coperture vaccinali sono necessarie alla Nazione e al progresso.

 

Come noto, l’Italia divenne capofila di un programma mondiale di ultra-vaccinazione obbligatoria dopo che Beatrice Lorenzin, uomo del partito dei vescovi NCD e ministro della Salute, firmò l’impegno dell’Italia in tal senso a Washington, esattamente nove mesi prima (settembre 2014) di dare alla luce una coppia di gemelli eterozigoti (può sembrarvi gossip, non lo è; certo, può sembrarvi un’altra storia, ma solo fino ad un certo punto).

 

Né seguì la legge di obbligo vaccinale più draconiana del pianeta, con programmatica esclusione dei bambini non vaccinati dagli asili. La neochiesa diede una mano, rassicurando con un comunicato congiunto della CEI, della SIR e della Pontificia Accademia per la Vita (cioè, Mons. Paglia) che i vaccini, pure contenendo cellule derivate da aborti, erano da farsi, perché quei sacrifici di bambini necessari per produrre i vaccini erano episodi lontani del tempo…

 

Lo stesso Bergoglio, durante un suo viaggio in Messico si è prestato al lancio di una campagna per la vaccinazione della polio.

 

 

C’è quindi una narrativa globale inviolabile, che comprende ovviamente anche la neochiesa, riguardo ai vaccini. Una narrativa granitica quanto sfacciata, impudica, creata schiacciando chiunque osi opporvisi.

 

Foa, fors’anche inconsapevole, ha avuto la bella idea di farlo, e la modifica di Wikipedia riguardava anche questo.

 

Per chi non crede ancora nella centralità del dogma vaccinale per il potere mondialista, possiamo solo indicare superficialmente  i miliardi versati per i programmi di immunizzazione mondiale dal Bill Gates o dalla Rockefeller Foundation – sì, la dinastia ultra-antinatalista Rockefeller, quella osannata pubblicamente sempre dal nostro caro presidente Mattarella…

 

 

Per chi ha la Fede, indichiamo invece, un po’ più in profondità, la natura di un piano che vuole inoculare a tutta la popolazione planetaria pezzi di aborto; o, in altri casi, pezzi di scimmia (in particolare la scimmia verde giapponese) con i quali si fanno, per esempio, il vaccino esavalente Glaxo oggi obbligatorio in Italia.

 

Secondo alcuni l’SV40, un virus contenuto in tali cellule di scimmia usate nei vaccini, scoperto solo anni dopo le inoculazioni, potrebbe essere alla base della comparsa AIDS. Altri ricercatori lo ritengono come una possibile causa degli aumenti di cancro: si tratta di un virus silente nelle scimmie, ma attivo una volta trasferitosi dalle scimmie all’uomo.

 

Ma teorie a parte, iniettare in un essere umano un pezzo di scimmia è, oltre che un calembour biologico darwiniano, un lucido scherzo della simia dei.

… un piano che vuole inoculare a tutta la popolazione planetaria pezzi di aborto; o, in altri casi, pezzi di scimmia (in particolare la scimmia verde giapponese) con i quali si fanno, per esempio, il vaccino esavalente Glaxo oggi obbligatorio in Italia.

 

Il lettore che mi ha seguito fin qui ha capito che ci troviamo dinanzi ad un sistema, politico, geopolitico, economico, metafisico, preternaturale che non può tollerare alcun disturbo, nemmeno da una mosca come Foa.

 

Ha ragione Panorama. L’Italia è indemoniata.

 

Tuttavia, pensiamo a quello che fece il Signore, quando incontrò l’«uomo della città posseduto dai demòni» (Luca 8, 30-32)

«“Qual è il tuo nome?”. Rispose: “Legione”, perché molti demòni erano entrati in lui. E lo supplicavano che non ordinasse loro di andarsene nell’abisso. Vi era là un numeroso branco di porci che pascolavano sul monte. Lo pregarono che concedesse loro di entrare nei porci; ed egli lo permise. I demòni uscirono dall’uomo ed entrarono nei porci e quel branco corse a gettarsi a precipizio dalla rupe nel lago e annegò».

 

I demòni, e i loro porci, annegheranno.

 

 

Roberto Dal Bosco

Continua a leggere

Geopolitica

Iran e Arabia Saudita pronte a riaprire i consolati

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

I due Paesi sono vicini a un accordo per la ripresa delle relazioni ufficiali. Un segno di progressiva distensione dopo anni di tensioni, ma restano ostacoli e divisioni soprattutto sullo Yemen. Anche re Salman chiede «risultati tangibili» per ricostruire un clima di «fiducia» fra le due nazioni. 

 

 

Iran e Arabia Saudita sono vicini all’accordo per la ripresa delle relazioni diplomatiche ufficiali fra i due Paesi e la riapertura dei rispettivi consolati, in un segno di progressiva distensione dopo anni di ostilità e conflitti per procura. È quanto riferisce, dietro anonimato, una fonte istituzionale che vive nel regno wahhabita secondo cui sarebbe «imminente» un accordo per mettere fine alle tensioni del recente passato.

 

«Entrambi, in linea di principio – sottolinea la fonte all’AFP –- hanno raggiunto un accordo per la riapertura dei consolati… e penso che l’annuncio di una normalizzazioni dei rapporti potrebbe arrivare entro le prossime settimane».

 

Nei giorni scorsi le stesse autorità ufficiali a Teheran avevano mostrato un cauto ottimismo, sottolineando che i colloqui – che comprendono anche lo Yemen, uno dei principali elementi di divisione –  dell’ultimo periodo hanno preso «la giusta direzione».

 

Teheran e Riyadh hanno interrotto le relazioni nel 2016, in seguito all’assalto al consolato saudita in Iran, in risposta all’esecuzione del leader sciita Nimr al-Nimr. Una controversia che ha innescato ripercussioni a livello regionale, fra cui l’isolamento economico, diplomatico e commerciale del Qatar – interrotto di recente – considerato troppo vicino a Teheran.

 

Le due potenze si trovano su fronti opposti in molti dossier, dallo Yemen alla Siria. Tuttavia, ad aprile il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman (MbS) ha detto di volere buone relazioni con Teheran. Una svolta determinata anche dal cambio di amministrazione a Washington, col passaggio dalla «massima pressione» di Donald Trump, al tentativo di Joe Biden di rilanciare l’accordo nucleare.

 

L’ultimo round di colloqui fra i due Paesi si è svolto il 21 settembre e altri sono in programma «a breve»

 

Teheran vorrebbe riaprire i rispettivi consolati nella città iraniana di Mashhad e in quella saudita di Jeddah, come gesto di buona volontà.

 

Gli incontri si svolgono in un clima disteso, sebbene rimangano elementi di frizione quando si scende nei dettagli. Il ministro iraniano degli Esteri Hossein Amirabdollahian ha detto che l’8 ottobre sono stati raggiunti «diversi accordi»; l’omologo saudita Faisal Bin Farhan al-Saud ha parlato di incontri in «fase esplorativa», ma la speranza è di «risolvere» gli elementi di contrasto, in primis lo Yemen.

 

Il mese scorso, il re saudita Salman ha espresso la speranza che i colloqui con l’Iran «portino a risultati tangibili per costruire la fiducia» e rilanciare la cooperazione bilaterale. Egli ha poi chiesto a Teheran di cessare «ogni forma di sostegno» ai gruppi armati della regione, con un riferimento particolare ai ribelli Houthi nello Yemen, che hanno intensificato gli attacchi missilistici e a colpi di droni contro il regno wahhabita.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Scontri tra miliziani a Beirut: un’ombra di guerra cala sul Libano

Pubblicato

il

Da

 

 

 

 

Ci eravamo lasciati con i problemi di elettricità e di approvvigionamento in carburante menzionando come tutti gli ingredienti per un conflitto fossero sul piatto. Ecco che ora sul Libano soffiano venti di guerra.

 

Stamane, in data 14 ottobre 2021, ignoti cecchini hanno aperto il fuoco da alcuni palazzi su una folla di militanti dei partiti musulmani sciiti di Amal ed Hezbollah (che, ricordiamo, sono anche milizie) radunati in piazza Tayyouneh nei pressi del palazzo di giustizia.

 

I sopravvenuti manifestavano contro il giudice Tarek Bitar, incaricato dell’inchiesta sull’esplosione avvenuta al porto di Beirut il 4 agosto 2020 e accusato da Hezbollah di voler politicizzare l’inchiesta inquisendo diversi membri del partito sciita.

 

Sul Libano soffiano venti di guerra

Diversi miliziani sciiti, accorrevano e rispondevano al fuoco con armi automatiche e lanciarazzi mentre il terrore si diffondeva tra gli abitanti dei quartieri circostanti che si chiudevano in casa o abbandonavano i loro appartamenti per mettersi in salvo. 

 

I quartieri interessati da scontri – che potrebbero estendersi anche ad altre aree – sono al momento Tayyouneh, Badaro e Ayn el Remmaneh (a maggioranza cristiana) e le aree miste cristiane-sciite di Chiyah e Haret Hreik.

 

Facciamo notare come Badaro, da prima della crisi sociale ed economica iniziata nell’ottobre 2019, sia uno dei quartieri «in» di Beirut, sede di numerosi e costosi locali alla moda, oltre che residenza di numerosi stranieri impiegati da ONG e agenzie delle Nazioni Unite. 

 

Al contrario Ayn el Remmaneh («la sorgente del melograno» in arabo libanese) è un quartiere popolare cristiano confinante con la grande periferia sciita di Beirut sud e conosciuto come il luogo in cui nel 1975 ebbe inizio la cosiddetta guerra civile libanese. In quell’occasione l’uccisione di quattro cristiani maroniti di fronte alla chiesa Notre Dame du Salut, seguita dall’attacco di miliziani cristiani appartenenti alla Falange Libanese contro un bus palestinese transitante nei paraggi (27 vittime), diede fuoco alle polveri.

 

Gli scontri di oggi, il cui bilancio ufficiale è al momento di 6 morti e 30 feriti, fanno seguito alla già accennata polemica circa la gestione dell’inchiesta da parte del giudice Bitar, che negli ultimi giorni ha visto prese di posizione opposte da parte di Amal ed Hezbollah ma anche dello storico partito cristiano maronita Marada loro alleato, nonché di un variegato schieramento di attivisti «rivoluzionari» e di partiti di storica obbedienza anti siriana tra cui le Forze Libanesi.  

 

Secondo alcune fonti, al momento non confermate, sarebbero proprio le Forze Libanesi, partito cristiano maronita, da sempre acerrimo nemico di Hezbollah e della Siria, i registi dell’attacco di piazza Tayouneh

Secondo alcune fonti, al momento non confermate, sarebbero proprio le Forze Libanesi, partito cristiano maronita, da sempre acerrimo nemico di Hezbollah e della Siria, i registi dell’attacco di piazza Tayouneh. Questo è ciò che riportano canali Telegram simpatizzanti con Hezbollah che hanno pubblicato nomi e foto di alcuni dei presunti responsabili mentre sembrerebbe che l’esercito libanese, dislocato nell’area degli scontri per contenere ulteriori tensioni, conosca già l’identità di alcuni dei responsabili della sparatoria.

 

La pista che conduce alle Forze Libanesi sarebbe resa verosimile anche dalla dichiarazione del deputato greco-ortodosso delle Forze Libanesi Imad Wakim che ha dichiarato che i cecchini all’origine degli scontri sono dei «libanesi liberi» di tutte le confessioni religiose che contrastano il dominio Hezbollah.

 

 

I cristiani libanesi siano molto più divisi che ai tempi della guerra civile

Ricordiamo come in questo contesto conflittuale, i cristiani libanesi siano molto più divisi che ai tempi della guerra civile.

 

A fronte di uno «zoccolo duro» di gruppi e partiti anti-Hezbollah e anti-Siria, vicini alle istanze delle amministrazioni americana e francese, esistono partiti cristiani più concilianti con Hezbollah come il Movimento Patriottico Libero del presidente della repubblica Michel Aoun un tempo alleato stretto del partito sciita oltre al già citato Marada.

 

Quest’ultimo, movimento storicamente guidato dalla famiglia cristiana maronita Frangieh (di antica origine crociata come attesta il nome derivante da Faranji = Franco) è animato da una storica inimicizia con la Falange Libanese e le Forze Libanesi (autori di un sanguinoso massacro contro la famiglia Frangieh ed altre 28 persone tra cui donne e bambini, il 13 giugno 1978) ed ha costruito nel tempo un forte legame amicale con la famiglia Al Assad alla guida della Siria.

 

Renovatio 21 seguirà il dipanarsi di questa vicenda che sembra condurre il Libano vicino ad un conflitto ancora più teso di quello combattuto dal 1975 al 1990, considerando che di quella che negli anni ’70 era «la Svizzera del Medio Oriente» resta ora solo un pallido ricordo. 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Geopolitica

Torna l’elettricità in Libano..ma per quanto?

Pubblicato

il

Da

 

 

 

 

Come hanno riportato le televisioni e i media del mondo intero, il Libano, già fiaccato da una crisi economica, finanziaria e umanitaria senza precedenti è in completa crisi energetica. Manca il carburante necessario a far funzionare le centrali elettriche del paese che già negli ultimi tempi erogavano non più di due ore di elettricità al giorno.

 

Nemmeno i proprietari dei generatori che, nei momenti di crisi di Electricité du Liban – la compagnia pubblica per l’energia elettrica – forniscono a caro prezzo l’elettricità a cittadini e residenti stranieri possono farci nulla. Il carburante sta finendo anche per loro.

 

Da ieri sera l’elettricità pubblica è tornata in Libano, grazie ad una donazione dell’esercito che ha fornito allo stato 6.000 kilolitri di gasolio che permetterà ai libanesi di tornare alle due ore di elettricità dei giorni scorsi.

 

Nel frattempo, un’esplosione ha avuto luogo poche ore fa presso la centrale di Zahrani a 8 chilometri da Sidone, nel sud del Libano. Zahrani e Deir Ammar nel nord del paese sono le due centrali elettriche che si sono fermate sabato per penuria di carburante.

 

Privo di contatti con il mondo esterno, affamato, al buio e pieno di armi da fuoco – sono davvero dappertutto per la presenza di partiti/milizie e come conseguenza della recente guerra civile – il Libano potrebbe esplodere

Cresce anche la pressione diplomatica dell’Iran affinché il governo libanese faccia una richiesta ufficiale di carburante all’Iran come dichiarato da Hossein Amir-Abdollahian, ministro degli esteri iraniano in questi giorni a Beirut, sfidando dunque le sanzioni americane che vieterebbero all’Iran di esportare petrolio. 

 

Già a metà settembre Hezbollah aveva letteralmente importato petrolio dall’Iran poi redistribuito a diverse zone del paese tramite la compagnia Al-Amana, legata al partito sciita. Parte del carburante era stato offerto in dono ad ospedali, orfanatrofi e a diverse strutture sanitarie.

 

La mossa aveva suscitato polemiche e accuse di populismo e di oltraggio alla sovranità del Libano da parte di molti oppositori di Hezbollah mentre alcuni osservatori giudicavano inefficace l’operazione, considerando che la maggior parte del petrolio importato dall’Iran non era mai finito ai libanesi ma era stato contrabbandato in Siria.

 

In tale situazione di sfacelo che si acuisce sempre più sorgono alcune domande: fino a quanto può durare tutto ciò?

 

Per quanto tempo una popolazione, come quella libanese, con sacche di grande povertà ma abituata ad uno standard generale di vita piuttosto alto – in alcuni casi superiore a quello di molti europei se consideriamo che i liberi professionisti vengono sottoposti ad una tassazione del 10% – può vivere in queste condizioni?

 

Per quanto tempo una popolazione già divisa lungo inevitabili fratture comunitarie e religiose acuite dalla guerra civile può resistere nel 2021 senza internet?

Per quanto tempo una popolazione già divisa lungo inevitabili fratture comunitarie e religiose acuite dalla guerra civile (1975-1990) – secondo alcuni non è mai davvero terminata – può resistere nel 2021 senza internet?

 

L’acuirsi crisi energetica potrebbe infatti avere pesanti ripercussioni sulla tenuta del sistema telefonico e sulle telecomunicazioni del Libano.

 

Privo di contatti con il mondo esterno, affamato, al buio e pieno di armi da fuoco – sono davvero dappertutto per la presenza di partiti/milizie e come conseguenza della recente guerra civile – il Libano potrebbe esplodere. C’è infatti da stupirsi come nonostante l’attuale situazione, aggravata dall’arrivo del coronavirus, nel 2020 ci sia stato «solo» un aumento dei crimini senza scontri e tensioni su larga scala. 

 

Se lo Stato libanese ormai in cancrena e incapace di gestire un territorio, da sempre terreno di scontro di diverse potenze regionali e mondiali, dovesse davvero crollare, le ripercussioni sulla stabilità del Libano e dell’intera regione mediorientale sarebbe davvero pesanti.

 

Attualmente, basta davvero un nonnulla, una spallata, per dare fuoco alle polveri.

 

 

Nicolò Volpe

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari