Una nuova causa sostiene che il vaccino contro l’HPV ha causato infertilità e convulsioni

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo editoriale di Robert Kennedy jr per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Kayla Carrillo aveva 12 anni quando ha ricevuto il vaccino Gardasil HPV il 17 agosto 2012. Una ragazza felice, talentuosa e fisicamente attiva, Kayla amava suonare strumenti musicali e aveva le prime ambizioni di studiare arte.

 

Marlena Carrillo ha permesso a sua figlia Kayla di ricevere il vaccino Gardasil perché aveva visto numerose pubblicità di Merck che garantivano la sicurezza e l’efficacia del vaccino nella prevenzione del cancro cervicale.

 

Un giorno dopo la prima iniezione, Kayla ha avuto un episodio simile a un attacco che includeva sguardo fisso, gonfiore del viso, linguaggio confuso e un forte mal di testa

Un giorno dopo la prima iniezione, Kayla ha avuto un episodio simile a un attacco che includeva sguardo fisso, gonfiore del viso, linguaggio confuso e un forte mal di testa. In seguito ha sviluppato forti emicranie, dolore addominale e una serie di altri problemi di salute debilitanti.

 

Cinque mesi dopo la sua prima iniezione, Kayla ha avuto un attacco epilettico ed è stata portata al pronto soccorso. In questo periodo, stava anche affrontando problemi di irregolarità mestruali, incluso un forte sanguinamento all’inizio di ogni ciclo.

 

La sua salute ha continuato a peggiorare dopo aver ricevuto un’altra dose del vaccino Gardasil. Solo due giorni dopo la seconda somministrazione, Kayla è svenuta durante la lezione di educazione fisica ed è stata portata d’urgenza al pronto soccorso del Children’s Hospital di Orange County.

 

In seguito ha sviluppato forti emicranie, dolore addominale e una serie di altri problemi di salute debilitanti.

Kayla ha subito almeno un intervento chirurgico all’anno sui suoi organi riproduttivi dall’età di 15 anni. I medici dicono che non sarà in grado di rimanere incinta e non sarà in grado di perseguire la fecondazione in vitro (IVF).

 

«Una delle cose più difficili da sentire per una madre è che tua figlia non potrà avere figli», dice Marlena Carrillo. “Dover essere l’unico a dire a tua figlia che non sarà in grado di rimanere incinta è un dolore che va oltre le parole. Le persone devono sapere che questi rischi sono molto reali. Hanno bisogno di sapere esattamente in cosa stanno entrando con Gardasil. ”

Cinque mesi dopo la sua prima iniezione, Kayla ha avuto un attacco epilettico ed è stata portata al pronto soccorso. In questo periodo, stava anche affrontando problemi mestruali irregolari, incluso un forte sanguinamento all’inizio di ogni ciclo.

 

Le diagnosi cliniche di Kayla includono disautonomia, sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS), intolleranza ortostatica (OI), neuropatia delle piccole fibre (SNF), neuropatia, sindrome di Ehlers-Danlos ipermobile (hEDS), sindrome da attivazione dei mastociti (MCAS), disturbo convulsivo ed endometriosi , tra molti altri. 

 

A causa di questi e altri infortuni, Kayla non è in grado di mantenere un lavoro per un periodo di tempo significativo. Inoltre, non può guidare a causa dei rischi di svenimento o convulsioni durante la guida.

 

Se Marlena avesse saputo che Gardasil era in grado di causare così tanti danni, non avrebbe mai permesso a sua figlia di ricevere il vaccino HPV.

 

Solo due giorni dopo la seconda somministrazione, Kayla è svenuta durante la lezione di educazione fisica ed è stata portata d’urgenza al pronto soccorso del Children’s Hospital di Orange County

Kayla ha subito almeno un intervento chirurgico all’anno sui suoi organi riproduttivi dall’età di 15 anni. I medici dicono che non sarà in grado di rimanere incinta

 

Questa è la settima causa contro Gardasil che Baum Hedlund e io abbiamo intentato contro Merck per contestare il pericoloso e difettoso vaccino HPV dell’azienda per aver causato lesioni gravi che cambiano la vita.

 

Oltre al caso di Kayla depositato questa settimana, abbiamo archiviato casi per conto di Michael Colbath della California, Sahara Walker del Wisconsin, Zach Otto del Colorado e Julia Balasco del Rhode Island.

 

Sebbene ogni caso sia unico, condividono fili comuni: tutti i nostri clienti erano bambini felici, sani, brillanti e attivi con un potenziale illimitato fino a quando non hanno ricevuto il vaccino Gardasil HPV.

Le diagnosi cliniche di Kayla includono disautonomia, sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS), intolleranza ortostatica (OI), neuropatia delle piccole fibre (SNF), neuropatia, sindrome di Ehlers-Danlos ipermobile (hEDS), sindrome da attivazione dei mastociti (MCAS), disturbo convulsivo ed endometriosi , tra molti altri

 

Non vediamo l’ora di sottoporre questi casi a una giuria il prima possibile.

 

 

 

 

 

 

© 4 febbraio  2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.