Connettiti con Renovato 21

Misteri

Misterioso uomo con jetpacco vola nel cielo sopra l’aeroporto di Los Angeles

Pubblicato

il

 

 

 

 

 

L’estate 2020 è stata teatro di due misteriosi avvistamenti di un uomo che vola nel cielo con un cosiddetto jetpack (jetpacco) vicino all’aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX).

 

Plurimi piloti di aereo hanno affermato di aver individuato qualcuno che indossava un jetpacco e volava a circa 900 metri di altitudine nei dipressi di LAX, l’aeroporto della città di Los Angeles.

Plurimi piloti di aereo hanno affermato di aver individuato qualcuno che indossava un jetpacco e volava a circa 900 metri di altitudine nei dipressi di LAX

 

Nessuno  ha ancora idea di chi ci sia dietro l’incredibile avvistamente. Tantomeno,  riflettono taluni, nemmeno sappiamo se il jetpacco sia pilotato da un essere umano: potrebbe trattarsi di un drone robot, di un alieno, di un vaccinato mutatosi in caimano jacaré o di un delfino tursiope definitavamente stufo della vita negli oceani, ora tappati di 1,56 miliardi di mascherine antivirus.

 

Riguardo a questo episodio, l’umanità brancola nel buio e tutto quello che avevamo sino a poco fa erano alcune esilaranti trascrizioni  delle conversazioni tra i piloti e il controllo del traffico aereo.

 

Nessuno  ha ancora idea di chi ci sia dietro e nemmeno sappiamo se il jetpacco sia pilotato da un essere umano, un drone robot, un alieno o un delfino tursiope

Pilota: «Torre, American 1997, abbiamo appena superato un tizio in jetpack».

 

Torre: «American 1997, ok, grazie. Era alla tua destra o sinistra?»

 

Pilota: «Sul lato sinistro, forse 300 iarde circa, circa la nostra altitudine».

 

Insomma, niente da vedere, circolare, anzi, volare via.

Esilaranti trascrizioni  delle conversazioni tra i piloti e il controllo del traffico aereo: «Torre, American 1997, abbiamo appena superato un tizio in jetpack»

 

Queste scene di surrealismo marconista non davano prova dell’effettiva esistenza del misterioso losangeleno col jetpacco.

 

Le cose sono cambiate: ora, un video caricato su YouTube mostra quella che sembra essere una persona che vola su un jetpack all’incirca alla stessa altitudine, a circa 10 miglia a sud di LAX.

 

 

Il video è stato ripreso da un istruttore della Sling Pilot Academy, una scuola di pilotaggio di linee aeree, durante un volo didattico. I piloti che hanno ripreso il video hanno prontamente segnalato l’incidente alla Federal Aviation Administration, rapporti di Interesting Engineering .

 

«Il video sembra mostrare un jetpack, ma potrebbe anche essere un drone o qualche altro oggetto – si legge nella descrizione del video – Se si tratta di un “tizio col jetpack”, resta da vedere se si tratta di un volo di prova legale (i jetpack esistono – c’è un produttore vicino a Los Angeles) o se è correlato agli avvistamenti di jet pack vicino a LAX di recente che ha causato interruzioni al traffico aereo».

 

Sebbene i jetpack siano in circolazione almeno dagli anni ’60, come sottolinea il sito tecnologico Gizmodo , richiedono immense quantità di energia e possono volare solo per periodi di tempo molto brevi.

 

Non possiamo non ricordare il leggendario caso di Larry Walters (1949-1993), l’uomo che effettuò un volo di 45 minuti con una sedia sdraio collegata a 45 palloncini meteorologici pieni di elio

Visto l’episodio e il luogo in cui è avvenuto, non possiamo non ricordare il leggendario caso di Larry Walters (1949-1993), l’uomo che effettuò un volo di 45 minuti con una sedia da giardino collegata a 45 palloncini meteorologici pieni di elio. Walters nella sua seggiola di plastica volante salì ad un’altitudine di oltre 15.000 piedi (4.600 metri) e fluttuò dal punto di decollo a San Pedro, in California,violando o lo spazio aereo controllato vicino all’aeroporto internazionale di Los Angeles.

 

Durante l’atterraggio, la sedia volante rimase impigliata nelle linee elettriche, ma Walters, decisamente uomo dalle tante risorse, fu in grado di scendere in sicurezza.

 

Quanndo gli chiesero perché avesse messo in pratica un tale pazzesco progetto, Walters rispose: «A man can’t just sit around». Un uomo non può starsene seduto a fare nulla.

 

 

Continua a leggere

Misteri

Casa Pelosi, la polizia non pubblicherà le immagini delle telecamere montate sugli agenti

Pubblicato

il

Da

Il procuratore di San Francisco ha confermato lo scorso mercoledì che il suo ufficio non rilascerà filmati della telecamera del corpo della polizia o chiamate ai servizi di emergenza sanitaria dal presunto attacco di Paul Pelosi alla fine della scorsa settimana. Lo riporta Epoch Times.

 

Le autorità hanno affermato che David DePape, 42 anni, avrebbe fatto irruzione nella casa di San Francisco della presidente della Camera Nancy Pelosi e di suo marito Paul durante le prime ore del mattino del 28 ottobre, secondo i documenti del tribunale, prima di colpire Pelosi. con un martello. Non sono stati rilasciati filmati delle telecamere di sicurezza, filmati delle telecamere del corpo di polizia o chiamate ai servizi di emergenza.

 

Quando è stata pressata sul rilascio di ulteriori prove nel caso, il procuratore distrettuale di San Francisco Brooke Jenkins ha detto a NBC News che il suo ufficio non lo farà.

 

«Avete intenzione di pubblicare la chiamata al 911 o qualsiasi video della telecamera del corpo [dall’attacco di Paul Pelosi]?» ha chiesto mercoledì Kristen Welker della NBC.

 

«Non in questo momento» ha risposto il Jenkins. «Scopriremo oggi la velocità con cui questo caso procederà una volta che sarà chiamato in giudizio. Prenderemo decisioni su quali prove verranno riprodotte in tribunale, durante le udienze o durante il processo».

 

Secondo i documenti del tribunale, i pubblici ministeri hanno affermato che DePape avrebbe detto agli investigatori che era in una «missione suicida» e ha cercato di rompere le rotule di NancyPelosi, sebbene lei non fosse lì al momento dell’attacco. Tuttavia ìmartedì il DePape si è dichiarato non colpevole in un tribunale statale.

 

Secondo i documenti, il DePape avrebbe detto ai funzionari di polizia: «sono stufo del folle… livello di bugie che vengono da Washington, DC, sono venuto qui per fare una piccola chiacchierata con sua moglie (…) Non volevo davvero ferirlo, ma sai che questa era una missione suicida. Non starò qui a non fare nulla anche se mi costasse la vita».

 

I l 2 novembre anche la polizia del Campidoglio degli Stati Uniti (USCP) ha scritto di avere telecamere a casa dei Pelosi, ma ha affermato che queste non erano monitorate quando DePape è entrato nella residenza. L’agenzia di protezione dei parlamentari USA ha poi precisato che le telecamere non sono «monitorate attivamente» a meno che Nancy Pelosi non sia a casa.

 

Mentre i funzionari democratici hanno affermato che DePape era un radicale di destra, i suoi vicini e la madre dei suoi figli hanno dipinto un quadro diverso. Mercoledì sera, il presidente Joe Biden, in un discorso a metà mandato, ha collegato direttamente le presunte minacce alle istituzioni statunitensi all’attacco contro il marito di lunga data di Pelosi, arrivando a dire che la domanda «dov’è Nancy?» che avrebbe proferito il DePape intrufolatosi nella magione pelosiana è la stessa che avrebbero usato i manifestanti che il 6 gennaio 2021 hanno fatto irruzione al Campidoglio USA.

 

Tuttavia, da ore era noto che DePape è invece tutt’altro personaggio «DePape viveva con una famigerata nudista locale in una casa di Berkeley, con tanto di cartello Black Lives Matter alla finestra e una bandiera arcobaleno LGBT, decorata con il simbolo della marijuana appesa a un albero» ha scritto il reporter Michael Shellenberger. «Uno sguardo più attento rivela le caratteristiche di un accampamento per senzatetto».

 

È emerso in seguito che la compagna di DePape, madre di due dei suoi figli e nudista attivista, è in carcere per reati inerenti all’abuso di minori e tentato rapimento di un bambino di 14 anni.

 

Una buona fetta della popolazione americana crede invece alla versione avanzata dal giornale californiano Santa Monica Observer, rilanciata brevemente da Elon Musk prima di cancellare il suo tweet: tutta la faccenda sarebbe solo la copertura di una serata gay tra un ricco anziano e un giovane povero e prestante andata a finire con una lite violenta – non qualcosa di inaudito, in ispecie nella capitale dell’omofilia globale, San Francisco.

 

Il fatto che manchino all’appello sia le registrazioni delle telecamere domestiche (ben visibili all’esterno della casa) e pure di quelle indossate dai poliziotti (le cosiddette bodycam) aggiunge ancora più nebbia al caso.

 

È la famosa nebbia di San Francisco, distretto di Nancy Pelosi e ombelico del mondo per i gay. Anzi, forse non proprio ombelico.

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Misteri

Storia commerciale della tavoletta per evocare gli spiriti

Pubblicato

il

Da

Tutti abbiamo una qualche immagine delle tavolette usate per evocare gli spiriti: su supporto cartonato o ligneo, sono stampate l’alfabeto, i numero dallo zero al nove, le parole «sì» e «no», talvolta, in una variazione possibile, la parola «addio».

 

Si tratta dello strumento per eccellenza per le sedute spiritiche. Non sappiamo se sia quello utilizzato anche da Prodi e dagli amici nel 1978 per conoscere l’ubicazione del presidente DC Aldo Moro, in quei giorni rapito, ma immaginiamo fosse qualcosa di simile. (Gli spiriti peraltro ci avevano azzeccato: avevano detto Gradoli, e di fatto Moro stava in via Gradoli, nel palazzo in odore di servizi segreti dove anni dopo fu trovato il governatore del Lazio Marrazzo con alcuni trans sudamericani)

 

Da numerosi film, telefilm e altri prodotti della cultura popolare dell’ultimo secolo abbiamo imparato che il suo uso consiste nel «chiedere» allo spirito una determinata domanda, e vedere come risponde attraverso un indicatore, che è un tappo, o un pezzo di vetro, o qualcosa di simile sul quale i partecipanti pongono il dito. L’indicatore si muove attraverso la tavoletta andando a formare lettera per lettera la risposta.

 

Secondo alcuni questo rito era già in uso nell’età antica, durante la dinastia Song in Cina (960–1279) e forsanche da Pitagora. Tuttavia al fenomeno fu data una struttura e trovato un nome da due businessmen statunitensi di fine Ottocento, Elijah Jefferson Bond e Charles Kennard, che la misero in commercio nel 1890. Dieci anni dopo un impiegato del Kennard di nome William Fuld acquistò i diritti dell’«invenzione» dei due imprenditori, e ricominciò a confenzionarla dandole il nome con cui è ancora oggi conosciuta nel mondo anglofono, Ouija Board, «Tavoletta Ouija».

 

Si prega di notare, quindi, che si tratta di un vero marchio commerciale, che nel 1991 passò al produttore di giocattoli Hasbro.

 

Ouija, quindi è un brand, esattamente Kleenex, Mars o Coca Cola. Al momento Ouija non ha competitor: nessuna Pepsi osa introdursi in questo mercato. Perché, come spiega un recente articolo della newsletter di economia e marketing The Hustle, è un mercato a tutti gli effetti.

 

Le origini della tavoletta spiritica vanno ricercate nella storia del cosiddetto «burned-over district» (il «quartiere bruciato»), una serie di regioni centrali ed occidentali dello Stato di New York che nella prima parte dell’Ottocento furono segnate da inusuali fervori religiosi e spirituali. Lì ha avuto le sue visioni Joseph Smith, profetico fondatore del mormonismo. Lì avrebbero preso piede alcune sette apocalitiche come quella dei milleriti, che credevano che la Seconda Venuta di Gesù Cristo si sarebbe realizzata il 22 ottobre 1844. Lì avvenne l’esperimento utopico-distopico dell’Oneida Society, che prevedeva matrimoni di gruppo con coppie decise dalle commissioni e i bambini cresciuti dalla collettività invece che da padre e madre. L’elenco va avanti per molto.

 

Sempre nel burned-over district fecero la propria comparsa le sorelle Fox, che conducevano le prime sedute spiritiche intorno al 1848, portando alla formazione del Movimento Americano di Spiritualismo, che insegnava la comunione con i morti.

 

Le sorelle Fox sono solitamente considerate l’origine dell’interesse americano per lo spiritismo. Le Fox sostenevano di essere in grado di interpretare colpi su mobili e pareti come messaggi mandati dagli spiriti.

 

Tuttavia, già all’epoca alcuni cominciavano a sostenere che era possibile comunicare con il mondo dei morti tramite le «tavolette parlanti». Un articolo del 28 marzo 1886 del New York Daily Tribune descriveva quanto fosse facile costruire il «nuovo schema per la comunicazione misteriosa»: c’era solo bisogno di una tavola contrassegnata da lettere e numeri e una planchette (francese per “piccola tavola”) per indicarli.

 

Tra questi primi appassionati delle tavolette parlanti c’era il Charles Kennard, un imprenditore di fertilizzanti a Chestertown, nel Maryland, il quale, si dice, avesse in realtà pochi interessi oltre che al business. Il Kennard collaborò quindi con un becchino e falegname di nome E.C. Reiche per produrre e vendere una dozzina di tavolette spiritiche. Quando suggerì di avviare un’attività insieme, il Reiche non riuscì a vedere un profitto in qualcosa che le persone, pensava, potevano tranquillamente realizzare da sole.

 

Il Kennard tuttavia non demorse. Dopo che la sua attività di fertilizzanti si esaurì a causa della concorrenza e della siccità nel 1889, si trasferì a Baltimora per ricominciare. Lì, incontrò l’avvocato specializzato in brevetti Elijah Bond, il quale invece mostrò interesse per l’idea, anche perché la cognata Helen Peters sosteneva di essere una medium.

 

In alcune lettere scoperte dal presidente della Talking Board Historical Society (un’associazione che si occupa di storia della tavoletta) Robert Murch, il Kennard scrisse di una seduta spiritica tenuta dalla Peters nell’aprile 1890, durante la quale affermò di aver chiesto alla tavoletta come voleva essere chiamata. «O-U-I-J-A», scandì la tavola, aggiungendo al gruppo spiritista che l’espressione significava «buona fortuna».

 

Ouija non è una parola in alcuna lingua conosciuta. Alcuni hanno pensato che possa essere la crasi della parole francese oui («sì») e quella tedesca ja (sempre «sì»), tuttavia non vi è conferma. Lo storico della tavoletta Murch ha ipotizzato che potrebbe essere stato un errore di ortografia: forse volevano scrivere «Ouida», il soprannome di Maria Louise Ramé, una scrittrice che la medium Peters ammirava. Non c’è verso di capire se questa teoria dica il vero.

 

La fede nel prodotto crebbe nel Kennardo, che fondò la Kennard Novelty Company il 30 ottobre 1890, con altri investitori investitori: il colonnello Washington Bowie, John F. Green, Harry Welles Rusk e William H.A. Maupin. La missione dell’azienda era vendere tavolette Ouija come non ci fosse un domani.

 

L’avvocato Bond quindi depositò Ouija come marchio registrato; fu inoltre depositato anche un brevetto (ebbene sì) della tavoletta spiritica. Secondo le ricerche di Murch, l’ufficio brevetti aveva rifiutato dispositivi simili perché i loro creatori non potevano provare che evocassero gli spiriti. Bond risolse il problema portandosi appresso la cognata medium, incontrando impiegato dopo impiegato dell’ufficio brevetti fino ad arrivare al capo ufficio. Il quale disse che se quell’«aggeggio» avesse saputo scandire il suo nome, avrebbe rilasciato il brevetto. Il Bond e la Peters si misero all’opera e diedero la dimostrazione richiesta. Il brevetto fu ottenuto, e non solo quello: grazie all’episodio, era possibili pubblicizzare la tavoletta con la frase «proven at the patent office», «testato all’ufficio brevetti».

 

 

Immagine da Google Patent

 

 

Nel 1892, le tavolette Ouija erano così popolari che la Kennard Novelty Company costruì ulteriori fabbriche a New York, Londra e Chicago e una seconda filiale a Baltimora. Le tavolette erano vendute per 1 dollaro, prezzo che corrisponde a circa 33 dollari di oggi. Non tutto andò liscio. Il becchino Reiche tornò a farsi vedere per chiedere una fetta dei ricavi. Il Kennard e il Mapin uscirono dall’azienda nel 1892, mentre l’avvocato Bond uscì dopo aver fallito la supervisione di una filiale nel Regno Unito.

 

Rimase il colonnello Bowie, che ribattezzò l’azienda come Ouija Novelty Company e vi arruolò tale William Fuld, suo amico e già verniciatore dell’azienda, per produrre le tavolette assieme al fratello Isaac. Per ragioni non conosciute, nel 1901 l’azienda siglò un accordo esclusivo con William Fuld, l’uomo che fece da vero propulsore al business degli strumenti medianici.

 

Nel 1918, il Fuld costruì una fabbrica a tre piani a Baltimora, spendendo 100 mila dollari dell’epoca (oggi sarebbero, 1,9 milioni). Lo fece per un motivo preciso: la tavoletta Ouija gli aveva detto di «prepararsi per il grande business».

 

Di fatto, la tavoletta divenne un fenomeno sociale che interessava gran parte della società. Hustle scrive che divenne un gioco popolare per gli appuntamenti romantici, cosa dipinta da Norman Rockwell in una copertina del 1920 della rivista Saturday Evening Post.

 

Illustrazione di Norma Rockwell per il Saturday Evening Standard

 

Analogo uso spiritico-romantico era fatto, si racconta, nelle festicciole di ragazze nubili, che chiedevano all’ al di là previsioni sul proprio destino sentimentale. Fiorirono canzoni come «Weegee Weegee Tell Me Do» (dove «weegee» è una pronuncia di «ouija»), «Ouija Mine» e «Ouija Board» che decantavano le meraviglie di questo utensile per la comunicazione spiritica. Saltava fuori, tuttavia, anche qualche caso bizzarro, come quello, invero molto particolare, di una modella di origine nativo-americana che nel 1930 riuscì a convincere un’amica ad uccidere una rivale in amore dicendole che ciò era stato ordinato da uno spirito attraverso la tavoletta…

 

Il successo spinse l’arrivo della concorrenza e la riemersione di vecchie figure, come i fratelli dei vari Kennard, Bond e dello stesso Fuld. Tuttavia William Fuld li sconfisse con un mix di querele e tattiche sul prezzo. La sua fabbrica non aveva veri nemici.

 

Il Fuld fu tuttavia ucciso proprio da essa. Nel 1927 cadde dal tetto e una costola rotta gli trafisse il cuore. Sul suo letto di morte, chiede ai figli di non vendere mai più le tavolette Ouija. Gli eredi assecondarono il desiderio paterno, fino a che più nessuno in famiglia voleva portare avanti il business. Nel 1966, la famiglia Fuld vendette la Ouija ad un noto produttore di giuochi da tavolo, Parker Brothers.

 

Secondo un’intervista del 1986 all’allora presidente dell’azienda, la Parker Brothers sborsò per la tavoletta Ouija qualcosa come 975 mila dollari, 8,9 milioni al cambio di oggi. Si trattava dell’acquisizione più costosa mai intrapresa dall’azienda, che nel 1935 per il Monopoli (un altro loro gioco da tavolo) aveva sborsato circa 500 dollari (cioè 10.800 dollari odierni). Tuttavia, l’investimento pagò, e l’azienda andò a breakeven due anni dopo, ripagandosi completamente della folle spesa.

 

La Parker arrivò a produrre qualcosa come 400 mila tavolette spiritiche all’anno, senza contare gli ordini dall’anno precedente: una quantità che non era affrontabile per l’azienda. Nel 1967 Parker Brothers vendette 2 milioni di Ouija, divenendo di gran lunga il prodotto più venduto del suo catalogo di 134 giochi da tavolo – incluso, incredibilmente, il Monopoli.

 

Nonostante il successo del suo prodotto medianico, la Parker, incapace di tenere il passo con il mercato dei giochi in pieno boom, fu ceduta alla corporation General Mills, dove Parker fu fusa con il marchio di forni Kenner. Una società chiamata Tonka acquisì Kenner Parker nel 1987 con un accordo del valore di 627 milioni di dollari (1,6 miliardi odierni).

 

Infine fu rivenduta al colosso dei giocattoli USA Hasbro per 516 milioni (1,1 miliardi attuali) nel 1991. Al momento, quindi, Hasbro dispone il brevetto e il marchio registrato Ouija, che occasionalmente dà in licenza ad altre aziende. Una versione ancora disponibile è fatta dalla Winning Moves, mentre scopriamo che esiste anche una versione lenzuolo del fantasmagorico strumento. Aziende che vogliono mettere sul mercato prodotti per Halloween basate sulla Ouija, devono pagare i diritti: candele, tazze, calzetti, portachiavi, vassoi…

 

La Hasbro non si è limitata allo sfruttamento della proprietà intellettuale dell’Ouija solamente con licenze date all’esterno. Nel 2014 ha prodotto il film horro Ouija, che ha avuto un tale successo da poter mandare in sala due anni dopo anche il sequel, Ouija: Origin of Evil, pure un discreto successo. Il primo Ouija, costato tra i 5 e gli 9 milioni di dollari, ha ottenuto incassi per 103,6 milioni, nonostante pessime recensioni.

 

Nel 1960 vi era già stato un film sul tema, chiamato 13 Ghosts, dove la planchette levitava indicando la disgrazia in arrivo.

 

Tuttavia il film che veramente è stato fondamentale per la Ouija in era moderna è stato, senza dubbio, L’esorcista (1973). La pellicola, considerata una delle vette del cinema horror e non solo, ancora oggi incute in molti spavento estremo se non riverenza. Nella trama, la 12enne Regan dice a sua madre che usa una tavoletta Ouija per parlare con uno spirito chiamato Capitan Howdy. Poco dopo viene posseduta da un demone che compirà cose atroci e preternaturali.

 

Con L’esorcista si ebbe la prima volta che la Ouija veniva descritta pubblicamente come possibile porta alle forze maligne, sentimento che prima era solo diffuso tra i gruppi religiosi ma non condiviso dalla società civile. L’idea del film di Friedkin, tuttavia, attechì.

 

Quindi, nel 2008, quando Hasbro ha rilasciato una Ouija rosa commercializzata per le ragazze e venduta esclusivamente presso la catena Toys R Us, alcuni chiesero il boicottaggio del colosso della distribuzione dei giocattoli, che peraltro ha dichiarato bancarotta nel 2017 (dopo anni, notarono i gruppi pro-life, in cui aveva contribuito a sostenere l’abortismo, che è ciò che uccide i loro clienti finali, i bambini).

 

I tempi sono decisamente cambiati: per una volta, in meglio.

 

Quanto al reale funzionamento della tavola, gli scientisti danno come spiegazione l’effetto ideomotorio, ciò la possibilità di condurre alcuni movimenti senza che ne siamo davvero consapevoli.

 

Altri osservatori, meno scientisti ma attenti a negare il soprannaturale, dicono che i movimenti sono veri, ma non indotti da spiriti, quanto piuttosto dall’inconscio dei partecipanti, come in una sorta di lettura junghiana per cui ad ogni realtà spirituale corrisponde sempre l’energia dell’inconscio personale e collettivo.

 

Altri ancora, sostengono che si tratti proprio degli spiriti: cioè, che la tavoletta si uno strumento davvero a buon mercato per mettersi in contatto con la dimensione ulteriore.

 

Qui si può innestare quello che era il pensiero cattolico fino a pochi decenni fa: i morti non possono in alcun modo comunicare con i vivi, insegnava la teologia.

 

E quindi, se qualcuno risponde articolatamente, e non può essere lo spirito di un morto (per esempio: gli spiriti di Don Sturzo e La Pira evocati da Prodi nel 1978), di chi si tratta?

 

La risposta, semplice semplice, la potete intuire: si tratta dei demòni.

 

Con la Ouija, in pratica, hanno brevettato e venduto a milioni di persone la negromanzia, un tempo praticata solo da stregoni e satanisti, oggi, nella catastrofe spirituale del mondo moderno, diffusa alle masse inconsapevoli. Intere popolazioni necromantizzate, stregonizzate. Pensate la distanza dai tempi della caccia alle streghe…

 

Qualcuno può vedere l’ironia di questo disegno che si dipana sulla storia, che è solo la risultanza della battaglia del bene contro i piani del Signore del Male.

 

Il quale non ha disdegnato, nel processo, di far pure qualche soldo. Del resto lo chiamano sterco del demonio, e agli uomini privi di fede piace tantissimo.

 

Il commercio tout court può essere commercio con i demoni. È una lezione da tenere a mente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Militaria

Misteriose manovre di caccia militari sconvolgono il cielo sopra il Trentino e il Veneto

Pubblicato

il

Da

Caccia militari sono stati visti e ripresi da cittadini sui cieli del Trentino e del Veneto nella giornata di sabato 15 ottobre. I testimoni parlano di «un rumore assordante».

 

I due velivoli di attacco sarebbero stati sentiti sulle Dolomiti, nel Vicentino e nella zona dell’Altopiano di Asiago. Un utente avrebbe realizzato anche delle foto, e comunicato che uno dei due caccia avrebbe eseguito un loop, cioè un giro della morte, sopra cima Bocche, riporta Il Dolomiti.

 

Una gruppo chiamato «Giù le mani dal Lagorai», fatto di appassionati della montagna, ha segnalato il fenomeno, peraltro non inedito in quell’area.: nel 2021, aerei da guerra avevano sorvolato a bassa quota la Val di Fiemme e la Val di Fassa, allarmando i cittadini ancora memori dell’orrenda e impunita tragedia del Cermis. All’epoca il presidente della provincia autonoma Fugatti chiese spiegazioni al ministero della Difesa.

 

Il quale ministero della Difesa stavolta ha parlato poche ore dopo: l’ufficio stampa dell’Aeronautica militare ha confermato che si trattava di due velivoli militari appartenenti al 51° stormo di Istrana. E, dettaglio inquietante assai, il loro decollo rapido  – scramble in gergo – era motivato da « task per la “tutela e difesa dei cieli nazionali”», che tuttavia fa parte di «un’attività e segnalazioni di routine», scrive il comunicato.

 

In pratica, lo scramble era stato effettuato per intercettare un eventuale pericolo, cioè un velivolo di piccole dimensione non identificato dai radar. «Si trattava di un aereo di piccole dimensioni che stava volando molto basso nella zona di Vicenza intorno alle 14:30, direzione da sud a nord verso le Alpi», dichiara il comunicato dell’Aeronautica militare.

 

Vi sarebbe conferma che, come ipotizzato dai primi osservatori, si trattava di una coppia di Eurofighter.

 

Tre settimane fa la stessa Aeronautica aveva fatto sapere che due Eurofighter italiani erano decollati dalla base di Malbork in Polonia per intercettare due caccia della Federazione Russa che parevano dirigersi verso lo spazio aereo NATO, probabilmente in una delle provocazioni à la Top Gun di cui Renovatio 21 ha scritto in passato, e che si vedono sul Baltico e nel Mare del Nord come pure nel Mar Cinese fuori Taiwan.

 

Quello delle manovre degli Eurofighter sopra il Triveneto non è il primo mistero aereo visto in Europa in queste settimane.

 

Un velivolo non identificato aveva allarmato le aeronautiche del continente a inizio settembre, un caso chiamato «mistero del jet fantasma».

 

Un Cessna 551, decollato dall’aeroporto spagnuolo di Jerez de la Frontera, aveva volato attraverso lo spazio Europeo per poi perdere ogni contatto con le torri di controllo, facendo scattare l’allerta in 4 Paesi europei. L’aereo, secondo i piani di volo avrebbe dovuto raggiungere Colonia, in Germania, con registrati a bordo quattro passegeri.

 

Piloti di caccia si erano quindi avvicinati al Cessna per stabilire un contatto visivo, ma avevano riportato che nella cabina di pilotaggio non vi era nessuno…

 

Dopo aver provocato lo scramble di Rafale francesi, di Eurofighter tedeschi, di F-16 danesi, il piccolo velivolo era arrivato nello spazio aereo svedese nel totale silenzio radio. Qui ha cominciato una spirale discendente che lo ha fatto schiantare sulle acque del Baltico.

 

I giornali che hanno tentato di ricostruire il caso parlano di una «tragica fatalità»: l’aereo avrebbe perso la presurizzazione della cabina, e quindi i passeggeri, che dovrebbero essere tutti famigli del pilota Karl-Peter Griesemann, imprenditore del settore che possedeva una compagnia di Charter di Colonia, la Quick Air.

 

Ogni altra ipotesi, compresa quella che potesse trattarsi di un trucco per mettere in subbuglio le aviazioni UE e studiarne le reazioni, sono quindi messe da parte.

 

Nessun mistero, insomma. Tuttavia, poche settimane dopo, proprio sul Baltico, non lontanissimo da dove si è schiantato il piccolo Cessna, si è materializzato un mistero più grande: l’epocale sabotaggio del gasdotto Nord Stream 2.

 

Ora, sopra i nostri cieli ecco un altro scramble per velivolo misterioso, nel momento di massimo pericolo di nuova guerra mondale, magari termonucleare.

 

Ma non c’è niente da vedere. Circolare…

 

 

 

 

Immagine di pyntofmyld via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari