Connettiti con Renovato 21

Sanità

Vaccino, grave reazione allergica di un medico di Boston a pochi minuti dall’iniezione

Pubblicato

il

 

 

 

Un medico di Boston ha affermato di aver sviluppato una grave reazione allergica pochi minuti dopo aver ricevuto il vaccino contro coronavirus di Moderna lo scorsa giovedì, nella prima settimana del lancio a livello nazionale per il farmaco dell’azienda. Lo riporta il New York Times.

 

Il caso è stato il primo del suo genere segnalato per essere collegato al vaccino di Moderna. Le agenzie federali stanno indagando su almeno sei casi che coinvolgono persone che hanno sofferto di anafilassi (la reazione allergica che nelle forme gravi è chiamata «shock anafilattico») dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech, che contiene ingredienti simili, durante le prime settimane della sua distribuzione negli Stati Uniti.

 

Il caso è stato il primo del suo genere segnalato per essere collegato al vaccino di Moderna

I funzionari della Food and Drug Administration (FDA) e dei Centers for Disease Control (CDC) avevano discusso le reazioni che coinvolgono alcuni dei casi Pfizer, ma non hanno determinato se un ingrediente del vaccino abbia causato le risposte allergiche.

 

Alcuni operatori sanitari in Gran Bretagna avevano anche sperimentato anafilassi dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer all’inizio di questo mese.

 

L’incidente di giovedì ha coinvolto il dottor Hossein Sadrzadeh, un oncologo geriatrico del Boston Medical Center, che ha una grave allergia ai crostacei e aveva un appuntamento per farsi iniettare il vaccino  Moderna nel pomeriggio. In un’intervista, il dottor Sadrzadeh ha detto di aver sperimentato una reazione grave quasi immediatamente dopo essere stato inoculato, sentendosi stordito e con il cuore che batteva all’impazzata.

 

Il dottor Sadrzadeh ha detto di aver sperimentato una reazione grave quasi immediatamente dopo essere stato inoculato, sentendosi stordito e con il cuore che batteva all’impazzata

In una dichiarazione, David Kibbe, portavoce del Boston Medical Center, ha confermato che il dottor Sadrzadeh aveva ricevuto giovedì il vaccino di Moderna.

 

La dichiarazione diceva che il dottor Sadrzadeh «sentiva che stava sviluppando una reazione allergica e gli era stato permesso di auto-somministrarsi il suo EpiPen personale. È stato portato al pronto soccorso, valutato, curato, osservato e dimesso. Sta andando bene oggi».

Dopo i casi iniziali che accompagnano gli iniezioni Pfizer, il CDC ha emesso un avviso che i vaccini Pfizer e Moderna potrebbero non essere appropriati per le persone con una storia di allergieagli ingredienti in entrambe le iniezioni. L’anafilassi, che in genere si verifica entro pochi minuti dall’esposizione a una sostanza scatenante, può compromettere la respirazione e causare brusche cadute della pressione sanguigna, w potenzialmente portare alla morte.

 

L’anafilassi, che in genere si verifica entro pochi minuti dall’esposizione a una sostanza scatenante, può compromettere la respirazione e causare brusche cadute della pressione sanguigna, w potenzialmente portare alla morte

L’agenzia ha raccomandato che le persone con altre allergie dovrebbero comunque ricevere l’iniezione e attendere i 15 minuti standard  prima di lasciare il sito di vaccinazione. Chiunque abbia avuto in precedenza una reazione anafilattica a una sostanza, incluso un altro vaccino o un farmaco iniettabile, deve essere monitorato per altri 15 minuti.

 

Nel caso giovedì, il dottor Sadrzadeh ha detto di aver portato il suo EpiPen (un autoiniettore di epinefrina in grado di contrastare alla bisogna lo shock anafilattico) all’appuntamento per il vaccino a causa delle sue gravi allergie.

 

Ha detto che entro pochi minuti dall’iniezione del vaccino alle 15:30, la sua frequenza cardiaca era aumentata a 150 battiti al minuto, circa il doppio della sua cadenza normale; la sua lingua formicolò e divenne insensibile. In poco tempo, si è sentito fradicio di sudore freddo e si è ritrovato stordito e con la sensazione di star per svenire. Anche la sua pressione sanguigna è precipitata, ha detto.

 

Entro pochi minuti dall’iniezione del vaccino alle 15:30, la sua frequenza cardiaca era aumentata a 150 battiti al minuto, circa il doppio della sua cadenza normale; la sua lingua formicolò e divenne insensibile. In poco tempo, si è sentito fradicio di sudore freddo e si è ritrovato stordito e con la sensazione di star per svenire. Anche la sua pressione sanguigna è precipitata

Il suo sistema immunitario, si è reso conto, era in rivolta.

 

«E ‘stata la stessa reazione anafilattica che provo con i crostacei», ha detto il dottor Sadrzadeh.

 

Il dottor Sadrzadeh ha usato il suo EpiPen ed è stato portato su una barella al pronto soccorso, dove gli sono stati somministrati diversi farmaci, inclusi steroidi e Benadryl, per calmare le reazioni immunitarie che avevano sopraffatto il suo corpo.

 

Una registrazione della sua visita dichiara che è stato «visitato al pronto soccorso per mancanza di respiro, vertigini, palpitazioni e intorpidimento dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19».

 

Nessuno degli ingredienti dei vaccini mRNA di Moderna e Pfizer-BioNTech è stato identificato come contenente allergeni comuni. Tuttavia diversi esperti hanno cautamente indicato il polietilenglicole, o PEG, che appare in entrambe le ricette, anche se in formulazioni leggermente diverse, come possibile colpevole.

È stato portato su una barella al pronto soccorso, dove gli sono stati somministrati diversi farmaci, inclusi steroidi e Benadryl, per calmare le reazioni immunitarie che avevano sopraffatto il suo corpo: «visitato al pronto soccorso per mancanza di respiro, vertigini, palpitazioni e intorpidimento dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19»

 

Il PEG si trova in uno stuolo di prodotti farmaceutici, inclusi gel per ultrasuoni, lassativi e steroidi iniettabili e le allergie ad esso sono estremamente rare.

 

Del pericolo del PEG nei candidati vaccini COVID Renovatio 21 aveva pubblicato un articolo assai completo ancora quattro mesi mesi fa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Pensiero

Mons. Viganò: dichiarazione a proposito della cessione di sovranità all’OMS per la gestione delle emergenze sanitarie

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questa dichiarazione  di Mons. Carlo Maria Viganò.

 

 

DICHIARAZIONE

a proposito della cessione di sovranità all’OMS

per la gestione delle emergenze sanitarie

 

 

 

 

Nei prossimi giorni gli Stati aderenti all’Organizzazione Mondiale della Sanità voteranno le risoluzioni relative alla gestione delle pandemie da parte dell’OMS, con le quali la sovranità relativa alla salute dei cittadini viene ceduta ad un organismo sovranazionale, finanziato in gran parte dall’industria farmaceutica e dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

 

Se queste risoluzioni verranno approvate a maggioranza, l’OMS avrà l’autorità di imporre in maniera esclusiva tutte le regole in caso di pandemia, ivi comprese quarantene, lockdown, vaccinazioni obbligatorie e passaporti vaccinali.

 

Si tenga anche presente che questa organizzazione gode dell’immunità e i suoi membri non possono essere processati né condannati in caso di crimini. Tecnocrati non eletti avranno paradossalmente più potere di quello che i cittadini conferiscono ai propri rappresentanti con il voto democratico. 

Tecnocrati non eletti avranno paradossalmente più potere di quello che i cittadini conferiscono ai propri rappresentanti con il voto democratico

 

Premesso che la cessione di sovranità configura in tutte le legislazioni nazionali il crimine di alto tradimento, e che i Parlamenti non possono legiferare contro gli interessi della Nazione né tantomeno conculcare le libertà naturali e i diritti fondamentali dei propri cittadini, credo che non sfugga a nessuno che questo tentativo dell’OMS di appropriarsi di un potere che appartiene ai singoli Stati serva per impedire qualsiasi forma di opposizione all’Agenda 2030, che in ambito sanitario punta sostanzialmente anche alla drastica riduzione dei servizi medici e ospedalieri, alla privatizzazione dei sistemi sanitari e alla prevenzione delle malattie tramite vaccini. 

 

La psicopandemia ha dimostrato l’asservimento dei governanti, della politica, dei media, dei magistrati, dell’intera classe medica e della stessa Santa Sede ai diktat di un gruppo di funzionari di un ente sovranazionale in palese conflitto di interessi. Si stanno solo ora riconoscendo i disastrosi effetti avversi del siero sperimentale mRNA, mentre da più parti vi è chi giustamente pretende che i responsabili di queste decisioni siano chiamati a risponderne dinanzi a un tribunale indipendente. 

 

Suona quindi a dir poco assurdo che si vogliano proprio ora attribuire all’OMS poteri decisionali vincolanti, quando nella gestione della recente emergenza pandemica e della campagna vaccinale di massa si sono avuti i maggiori effetti avversi in termini di danni permanenti ai pazienti e di decessi.

 

All’impunità dei crimini commessi nel silenzio dei media mainstream si aggiunge la totale discrezionalità sulle prossime emergenze, ampiamente programmate dalla lobby farmaceutica. L’emarginazione del personale sanitario che si appella al Giuramento di Ippocrate rischia di diventare la norma per eliminare ogni voce di dissenso. 

 

A tale proposito, è significativo che le Nazioni che si oppongono al Nuovo Ordine Mondiale – come la Russia e il Brasile – siano consapevoli delle gravissime conseguenze che l’eventuale ratifica delle risoluzioni comporterà, e che per questo siano contrari alla loro approvazione.

 

Anche il Presidente Trump, durante il suo mandato, volle lanciare un segnale inequivocabile tagliando i fondi dell’erario americano ai burocrati dell’OMS: anche per questo il deep state ha impedito la sua rielezione alle ultime Presidenziali, sostenendo un personaggio compromesso e corrotto, il cui figlio Hunter è coinvolto nel finanziamento dei biolaboratori americani in Ucraina. 

 

Esprimo quindi tutto il mio appoggio ai cittadini, e specialmente agli scienziati, ai medici e agli esperti di diritto che denunciano questa minaccia alla sovranità nazionale dei Paesi aderenti, e che chiedono sia fatta luce sugli eventi pregressi e sulle conseguenze che le decisioni dell’OMS hanno provocato alla salute della popolazione mondiale.

 

Esorto i capi di Stato e di governo, che saranno chiamati ad esprimersi sulla ratifica di queste risoluzioni, a bocciarle e respingerle, in quanto contrarie al bene comune e finalizzate al compimento di quel colpo di stato globale che l’ONU e il WEF hanno pianificato da anni sotto il nome di Agenda 2030 o di Great Reset.

La governance sanitaria globale, come evidenziato da autorevolissimi esperti non compromessi con il sistema, rappresenta uno dei tasselli fondamentali del NWO, e come tale va respinta e combattuta

 

La governance sanitaria globale, come evidenziato da autorevolissimi esperti non compromessi con il sistema, rappresenta uno dei tasselli fondamentali del NWO, e come tale va respinta e combattuta. Alla logica del controllo, del profitto e della patologizzazione di massa, occorre sostituire una sanità pubblica che abbia come primo scopo la salute dei cittadini e la tutela dei loro inalienabili diritti. 

 

La Santa Sede – che è Osservatore Permanente presso le Nazioni Unite e da un anno anche presso l’OMS – ha il dovere di ribadire il diritto dei singoli alla libertà di accettare o rifiutare trattamenti sanitari, specialmente dinanzi al pericolo concreto di effetti avversi, in parte ancora sconosciuti, di questa terapia genetica sperimentale.

 

E se finora Bergoglio e la sua cabala hanno assecondato i deliri di Gates, Schwab e Soros, è giunto il momento che la Chiesa Cattolica prenda le difese dei più deboli, degli indifesi nascituri, dei bambini e degli anziani, oltre che di quanti sono stati ricattati dal cinismo di affaristi e cospiratori, per costringerli a inocularsi un siero contaminato da linee cellulari fetali abortive.

 

I silenzi omertosi del Vaticano, dopo frettolosi pronunciamenti a inizio pandemia e vergognosi endorsement a BigPharma, saranno imputati a condanna del Sinedrio romano, resosi complice di un crimine contro Dio e contro l’uomo.

 

Mai, nel corso della Storia, la Gerarchia era giunta a prostituirsi al potere temporale in modo così servile e abbietto.

 

Preghiamo perché qualche Vescovo trovi il coraggio di prendere le distanze dalla linea collaborazionista di Bergoglio e sappia trovare le parole per aprire gli occhi ai buoni sinora tratti in inganno dalla propaganda globalista.

 

+ Carlo Maria Viganò

Arcivescovo

 

 

21 Maggio 2022

 

 

 

 

Immagine di Yann Forget via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0); immagine modificata

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Sanità

Un numero crescente di svedesi diagnosticati come ritardati mentali

Pubblicato

il

Da

 

Il numero di adulti svedesi con diagnosi di forme lievi di disabilità intellettiva è aumentato notevolmente.

 

Una revisione delle statistiche sanitarie svedesi della pubblicazione di settore Psykologtidningen ha indicato che tra il 2008 e il 2020 il numero di pazienti adulti con forme lievi di ritardo è più che raddoppiato, aumentando del 143%.

 

In concreto cifre, il numero di adulti diagnosticati in questo periodo è aumentato da 1.133 a 3.114 persone.

 

In alcuni casi estremi, come la città di Örebro, l’aumento è stato misurato a un incredibile 617%.

 

Il Socialstyrelsen, l’ente nazionale per la salute e il benessere, non sembra spiegazioni per il picco.

 

Secondo alcuni osservatori, una possibile spiegazione dell’aumento potrebbe essere il fatto che il manuale di diagnosi è stato aggiornato nel 2013. Prima di allora, le persone con un QI inferiore a 70 venivano automaticamente classificate come lievemente ritardate. Tuttavia, da allora, viene data maggiore importanza al modo in cui funzionano nella vita di tutti i giorni e tra il 2013 e il 2020 il numero di diagnosi è aumentato «solo» del 37%.

 

Inoltre, è stato fatto notare le indagini per l’ADHD (la controversa sindrome per il deficit di attenzione diagnosticata a molti bambini) e l’autismo sono aumentate negli ultimi anni e tali indagini includono un test attitudinale, che potrebbe aver aumentato il numero di diagnosi.

 

Non si tratta del solo problema che ha la Svezia in questo momento, tuttavia.

 

Il Paese è sfidato mortalmente dal multiculturalismo fallito – ammissione della stessa premier socialista Andersson.

 

Ritenuto unica Nazione che non si è sottomessa agli imperativi pandemici del COVID, la Svezia nel 2020 avrebbe tuttavia praticato una politica di triage tale da provocare una strage di anziani.

 

All’inizio della pandemia il Socialstyrelsen ha suggerito che i medici passassero i pazienti in un triage basato sulla loro cosiddetta età biologica, valutando la salute generale e le prospettive di recupero, prima di prendere decisioni terapeutiche.

 

«Queste linee guida hanno portato troppo spesso a negare il trattamento ai pazienti più anziani, anche quando gli ospedali operavano al di sotto delle capacità», secondo il Wall Street Journal.

 

«Alle persone anziane viene regolarmente somministrata morfina e midazolam, che inibiscono le vie respiratorie», ha detto al  quotidiano Svenska Dagbladet Yngve Gustafsson, uno specialista di geriatria all’Università di Umea, «eutanasia attiva, per non dire altro».

 

Quali linee guida potrebbe ora sortire la Svezia nei confronti della sua popolazione ritardata in aumento, non sappiamo dirlo.

 

Conosciamo tutti però la cifra eugenetica presente da decenni e decenni nel paradiso socialdemocratico svedese, dove si fa con estremo entusiasmo pionierismo rispetto al microchip sottocutaneo.

 

È ovvio che la NATO, ora, apra la porta alla Svezia – e le stenda un tappeto rosso sangue.

 

 

 

 

Continua a leggere

Sanità

Il ruolo paternalistico attribuito dagli Ordini delle professionali sanitari al Ministro della Salute: comunicato CIEB

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica il comunicato del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB).

 

 

Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina

Parere sul ruolo paternalistico attribuito dagli Ordini delle professioni sanitarie e socio-sanitarie al Ministro della Salute

 

 

Pur nel silenzio dei media sta trapelando la notizia relativa alla lettera che i presidenti degli Ordini delle professioni sanitarie e socio-sanitarie hanno inviato al Ministro della Salute, in data 2 maggio 2022, per denunciare gli episodi in cui le Assemblee degli Ordini medesimi, convocate per la presentazione e l’approvazione dei bilanci consuntivi, sono diventate «teatro di scontro, con incresciose azioni di protesta messe in atto da alcuni iscritti contrari all’obbligo vaccinale».

 

Secondo i presidenti degli Ordini in questione, la problematica deriva «in buona parte» dalla disciplina introdotta dal Decreto-Legge n. 172/2021, con cui il legislatore ha posto a carico degli Ordini medesimi «la verifica dell’adempimento dell’obbligo vaccinale da parte degli iscritti»: compito coerente «con lo status di Enti sussidiari dello Stato» e che gli Ordini «hanno assolto con senso di responsabilità, sopportando un carico di lavoro improvviso, delicato e sovradimensionato rispetto alle dotazioni disponibili».

 

La mancata approvazione dei bilanci – che quindi non sarebbe riconducibile a «gestioni economico-finanziarie meritevoli di verifica o censura» e dunque a «motivazioni tecniche» – ha determinato «un imbarazzo istituzionale … che i singoli Ordini saranno costretti a gestire».

 

Questo cahier de doléances giustifica la richiesta, rivolta al «Legislatore e al Governo», di «sostenere l’azione degli Ordini, prevedendo idonei interventi per contrastare le tensioni in essere» e auspicando in particolare che tali interventi siano «concertati ed elaborati in modo organico» anche previa «convocazione urgente della Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie».

 

Scopo del presente Parere non è investigare le cause della mancata approvazione dei bilanci in questione, problematica rispetto alla quale il CIEB si limita a rilevare due aspetti diversi ma correlati:

 

1) se, per esplicita ammissione degli stessi Ordini, dette cause sono riconducibili «in buona parte» a problemi collegati e conseguenti alla verifica dell’adempimento dell’obbligo vaccinale, non può escludersi a priori che esse non debbano essere ricondotte anche a problemi di natura gestionale, amministrativa e contabile: ragion per cui sarebbe opportuno fornire ai bilanci in questione la massima trasparenza, allo scopo di fugare qualsiasi dubbio di irregolarità;

2) se, ai sensi della legge 31 gennaio 2018, n. 3, gli Ordini professionali in questione, pur agendo quali «organi sussidiari dello Stato», sono «finanziati esclusivamente con i contributi degli iscritti, senza oneri per la finanza pubblica», ne consegue che: a) ogni iscritto, indipendentemente dalle convinzioni personali e dall’adempimento di eventuali obblighi di legge, può legittimamente contestare l’approvazione del bilancio mediante la partecipazione all’organo assembleare; b) l’asserito «carico di lavoro … sovradimensionato rispetto alle dotazioni disponibili» rende quanto mai necessaria proprio la verifica – e l’eventuale censura – del bilancio consuntivo.

 

Scopo del presente Parere è, invece, richiamare l’attenzione e promuovere la riflessione critica in merito alla questione cruciale sollevata dalla lettera richiamata in apertura, che probabilmente non avrebbe visto la luce in un momento storico diverso dall’attuale: ossia la formale richiesta di intervento del legislatore e del governo – in una fase in cui le due istituzioni tendono peraltro a identificarsi – per «contrastare le tensioni in essere» all’interno di organi che, pur rappresentando un retaggio corporativo del passato, costituiscono in ogni caso la sede istituzionale del dibattito e del confronto tra gli appartenenti alla medesima professione; dibattito e confronto da cui può logicamente derivare quella diversità di posizioni che è garanzia di pluralismo di ogni istituzione rappresentativa democraticamente eletta.

 

In questa prospettiva, la richiesta dell’intervento del legislatore e del governo assume una dimensione che va oltre quella meramente gestionale e una portata assai controversa nel contesto sempre più dibattuto della sicurezza, dell’efficacia e della utilità dei cosiddetti vaccini anti-COVID.

 

In altri termini, là dove la richiesta in questione provocasse l’effetto di tacitare per via legislativa le opinioni dissenzienti all’interno degli Ordini professionali, sarebbe inevitabile prendere atto dell’esistenza, in Italia, di una deriva totalitaria: ragion per cui appare doveroso che la lettera in questione sia pubblicamente censurata, senza indugi, dallo stesso Ministro della Salute e dal governo nella sua interezza.

 

Sulla base di queste considerazioni, il CIEB:

 

  • auspica che i media forniscano alla lettera dei presidenti degli Ordini delle professioni sanitarie e socio-sanitarie la necessaria diffusione allo scopo di favorirne la conoscenza e di stimolare l’analisi critica da parte dell’opinione pubblica;

 

  • invita gli Ordini in questione a fornire attuazione alle disposizioni della citata legge n. 3/2018, secondo cui gli stessi «assicurano l’indipendenza, l’autonomia e la responsabilità delle professioni … la salvaguardia dei diritti umani e del principi etici dell’esercizio professionale … al fine di garantire la tutela della salute individuale e collettiva»;

 

  • raccomanda agli Ordini medesimi di favorire – e non di ostacolare o stigmatizzare – un dibattito realmente informato e consapevole in merito agli effetti dei cosiddetti vaccini anti-Covid, non solo e ovviamente per favorire l’avanzamento delle conoscenze medico-scientifiche, ma anche per tenere conto della mutata sensibilità del corpo sociale e delle responsabilità che potrebbero configurarsi a seguito dell’accertamento di eventuali illeciti collegati e conseguenti alla campagna vaccinale;

 

  • sollecita il legislatore e il governo a individuare il potenziamento della medicina territoriale e di base quale obiettivo prioritario nell’ambito degli stanziamenti del PNRR, tenuto anche conto delle evidenze che lasciano presagire un incremento della domanda di prestazioni sanitarie correlate agli effetti avversi delle vaccinazioni in un contesto di crescente e diffuso disagio economico;

 

  • richiama il legislatore e il governo alla funzione di custodi della pari dignità sociale dei cittadini «senza distinzione di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali» (art. 3 della Costituzione) anche nella prospettiva di assicurare la salute «come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività» e non viceversa (art. 32 della Costituzione).

 

 

CIEB

 

17 maggio 2022

 

Il testo originale del Parere è pubblicato sul sito www.ecsel.org/cieb

Continua a leggere

Più popolari