Connettiti con Renovato 21

Terrorismo

L’Europol ammette: le armi spedite in Ucraina potrebbero essere usate da «gruppi criminali» per anni

Pubblicato

il

Ulteriori ammissioni sul disastro convintale che si prepara con l’invio indiscriminato di armi all’Ucraina.

 

In un’intervista al quotidiano tedesco Welt am Sonntag, il capo dell’agenzia di polizia europea Europol Catherine De Bolle ha lanciato un terribile avvertimento sull’enorme quantità di armi pompate dall’Occidente in Ucraina.

 

La De Bolle ha dichiarato  che l’inondazione di armi sul campo di battaglia Ucraina-Russia potrebbe finire nelle mani di gruppi criminali negli anni a venire.

 

«Ad un certo punto la guerra sarà finita. Vogliamo evitare una situazione come quella che seguì la guerra nei Balcani 30 anni fa», ha detto il capo Europol riferendosi alla catastrofe seguita alle guerre yugoslave: una conseguenza che gli italiani ricordano bene, gli «assalti in villa» di fine anni Novanta.

 

«Le armi di questa guerra sono ancora utilizzate dai gruppi criminali oggi», ha sottolineato De Bolle parlando dei conflitti balcanici e di quella che sembra essere una situazione simile che sta emergendo in Ucraina.

 

«La situazione è molto dinamica e frammentata e stiamo ricevendo cifre diverse dai nostri partner europei”, ha affermato De Bolle, che sostiene di voler «trovare un modo per affrontare la situazione dopo una possibile fine della guerra», magari attraverso l’«organizzazione di una task force internazionale che affronterà questo problema».

 

Il tipo di scenario di cui parla con allarma il vertice Europol è già accaduto in Siria: i programmi della CIA e del Pentagono per armare i cosiddetti «ribelli moderati» hanno portato a che tali armi, tra cui TOW missili anticarro, venissero poi dirette verso l’al-Qaeda siriana, l’ISIS e tutte le sigle terroristiche del caso.

 

Come riportato da Renovatio 21, perfino gli stessi funzionari USA ora stanno ammettendo che le armi inviate a Kiev stanno finendo al mercato nero. La portavoce degli Esteri della Federazione Russa Maria Zakharova ha affermato pubblicamente che le armi occidentali finiranno nelle mani di terroristi che minacceranno l’Europa. È emerso peraltro che gli USA stanno inviando agli ucraini armi che questi ultimi non possono utilizzare in maniera corretta.

 

La questione del dopoguerra dei battaglioni neonazisti armati è stata trattata in diversi articoli di Renovatio 21, che già vedevano la similitudine con il disastro balcanico di due decenni fa.

 

 

 

 

Immagine di 7th Army Training Command via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Droga

USA, 69 membri della Fratellanza Ariana Universale condannati

Pubblicato

il

Da

Un’indagine pluriennale su una violenta organizzazione criminale suprematista bianca, la Universal Aryan Brotherhood («Fratellanza ariana universale», conosciuta con l’acronimo UAB), che è gestita principalmente all’interno delle carceri dell’Oklahoma, ha portato alla condanna di 69 imputati in più casi statali e federali. Lo riporta Clarion Project.

 

Attraverso queste condanne, le forze dell’ordine hanno sequestrato 62 armi da fuoco, più di 135 chili di metanfetamine e più di 400.000 dollari in proventi della droga.

 

Collettivamente, le persone accusate a livello federale sono state condannate a 418 anni di custodia del Federal Bureau of Prisons e 216 anni di libertà vigilata.

 

Il mese scorso, l’indagine è culminata nella condanna di Chance Alan Wilson, alias Wolfhead, che sarebbe il leader della Universal Aryan Brotherhood (UAB). Wilson, che stava scontando una condanna statale di 15 anni nel penitenziario statale dell’Oklahoma per omicidio, è stato condannato a scontare altri 360 mesi in una prigione federale a dicembre dopo essere stato ritenuto il principale responsabile della distribuzione di centinaia di chilogrammi di metanfetamine e altre droghe nel corso di molti anni.

 

Wilson e altri membri dell’UAB facevano affidamento su una rete di individui che operavano fuori dal carcere per gestire la distribuzione della droga sintetica. Nel corso di questa indagine, le forze dell’ordine federali, statali e locali hanno identificato e preso di mira queste persone e i magazzini delle sostanze che gestivano per conto di Wilson.

 

Wilson ha condotto l’operazione dall’interno della prigione utilizzando telefoni cellulari di contrabbando. Alla fine, 69 persone associate alle operazioni dell’UAB sono state accusate e condannate, sia dal tribunale statale che da quello federale. I reati per i quali gli imputati sono stati condannati includono traffico di droga, associazione a delinquere, riciclaggio di denaro, mantenimento di locali per droga e possesso illegale di armi da fuoco.

 

La Universal Aryan Brotherhood (UAB), nota anche come Universal Family, è un’attiva banda carceraria di suprematisti bianchi neonazisti negli Stati Uniti. Con sede principalmente in Oklahoma, la banda ha anche membri in custodia federale, così come in diversi stati in tutto il paese.

 

La Universal Aryan Brotherhood è una delle tante bande carcerarie della supremazia bianca negli Stati Uniti. Proprio come la Aryan Brotherhood of Texa («Fratellanza Ariana del Texas» e i Soldiers of Aryan Culture («Soldati della Cultura Ariana»), l’UAB opera sia all’interno che all’esterno delle mura della prigione.

 

L’UAB si è modellata sui principi e le ideologie dell’originale banda carceraria della Fratellanza Ariana, ma nonostante il nome simile, la Fratellanza Ariana Universale non ha alcun legame con detta banda. È inoltre estraneo alla United Aryan Brotherhood (anch’essa con sede in Oklahoma).

 

I membri dell’UAB si identificano attraverso distintivi tatuaggi criminali, così come abiti rossi e neri. I simboli della banda consistono nella doppia runa Sig adottata dalle SS, che è utilizzato anche da molti altri gruppi di potere bianco non collegati e organizzazioni neonaziste. Un’ulteriore espressione usata dalla Fratellanza Ariana Universale è il codice numerico «2112» (scritto anche come «21-12»), che fa riferimento alla 21ª lettera dell’alfabeto, «u» per «universale», in combinazione con la prima e la seconda lettere dell’alfabeto (1, 2) che corrispondono ciascuna a «a» e «b» per «ariano» e «brotherhood» («fratellanza»). Allo stesso modo, alcuni membri dell’UAB sfoggiano tatuaggi con le lettere «T.T.B.B.E», un acronimo per la frase «Till The Bitter Bloody End», cioè «fino all’amara fine sanguinaria». Un altro slogan acronimo utilizzato dalla banda è «U.F.F.U.», che significa «Universal Forever, Forever Universal».

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Immigrazione

Sospetto capo ISIS viveva come rifugiato in Olanda

Pubblicato

il

Da

Un uomo siriano che si ritiene abbia prestato servizio come «funzionario» di alto rango in gruppi terroristici islamici è stato arrestato questa settimana dopo aver vissuto per anni come «rifugiato» nei Paesi Bassi. Lo riportano vari media locali.

 

Il sospetto, un uomo di 37 anni, è stato arrestato martedì in una residenza nel villaggio di Arkel, dove è stato sistemato dal governo olandese nel 2020.

 

Secondo quanto riferito, le autorità hanno avviato un’indagine dopo aver ricevuto informazioni preoccupanti sul passato dell’uomo, che apparentemente non erano state scoperte quando ha presentato domanda di asilo nel 2019.

 

«Si dice che abbia ricoperto una posizione dirigenziale presso IS [lo Stato Islamico, ndr] tra il 2015 e il 2018. Prima di allora, avrebbe ricoperto la stessa posizione presso Jabhat al-Nusra per due anni», riferisce il quotidiano neerlandese De Telegraaf. «Era capo della sicurezza nel campo profughi di Yarmouk, vicino alla capitale siriana Damasco».

 

Alcuni articoli della stampa indicano che anche la famiglia del presunto terrorista è stata portata nei Paesi Bassi dopo che gli è stato concesso lo status di rifugiato.

 

L’arresto ha fatto seguito a una soffiata sul precedente presunto coinvolgimento del sospettato con i gruppi terroristici alla squadra speciale della polizia olandese per i crimini di guerra. A seguito di un’indagine, le autorità avrebbero scoperto prove che suggerivano che avesse guidato il servizio di sicurezza dello Stato islamico dal 2015 al 2018, quando ha lasciato l’organizzazione ed è fuggito in Europa in cerca di rifugio.

 

«I Paesi Bassi sono stati spesso un obiettivo per numerosi ex estremisti islamici in fuga dalla Siria dopo la fine dello Stato islamico» scrive Remix NewsDe Telegraaf ha evidenziato altri «due esempi di leader jihadisti che si sono infiltrati nel Paese tra le molte migliaia di rifugiati siriani, evidenziando i processi di screening incredibilmente lassisti dell’Europa sopraffatti dai numeri che sono arrivati ​​e stanno ancora arrivando dal Medio Oriente».

 

Un esempio citato dal giornale è quello di A. al-H., noto come «Balie jihadi» che è entrato in Olanda nel settembre 2017 con documenti falsi e ha vissuto ad Amsterdam per oltre un anno. I compagni siriani lo hanno riconosciuto come un capobanda terrorista una volta che ha iniziato a presentarsi in un centro di dibattito ad Amsterdam, dove è stato successivamente arrestato dalle autorità. Il migrante jihadista è stato condannato a 16 anni di carcere.

 

Un altro esempio riguardava un cittadino siriano arrestato a Kapelle, in Zelanda, nel 2019, il quale conduceva una vita poco appariscente come autista di autobus. Sono state presentate prove alle autorità a dimostrazione che dimostravano il suo coinvolgimento personale nell’esecuzione di un colonnello siriano sulle rive del fiume Eufrate. Quest’altro migrante della jihad è stato condannato a 20 anni di reclusione.

 

Tali casi mettono in luce la pazzesca mancanza di controlli condotti dalle autorità responsabili dello screening di milioni di «rifugiati» arrivati ​​in Europa negli ultimi anni.

 

I gruppi terroristici islamici hanno apertamente promesso di inviare agenti che si atteggiano a rifugiati in Europa. «Abbiamo inviato molti agenti in Europa con i rifugiati”, si era vantato in precedenza sempre secondo De Telegraaf un comandante dell’ISIS.  «Alcuni dei nostri fratelli hanno completato la loro missione, ma altri attendono ancora di essere attivati».

 

 

 

 

 

 

Immagine di Jan dijkstra via Wikimedia pubblicata su licenza Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Terrorismo

Stragi di Pasqua, la Corte Suprema dello Sri Lanka condanna l’ex presidente Sirisena

Pubblicato

il

Da

La Corte Suprema dello Sri Lanka ha stabilito che l’ex presidente dello Sri Lanka, Maithripala Sirisena, e altri quattro alti funzionari sono stati negligenti nel non aver adottato le misure preventive necessarie per contrastare gli attacchi terroristici della domenica di Pasqua che hanno ucciso 279 persone, nonostante gli avvertimenti fondati dei servizi di intelligence del 21 aprile 2019.

 

 

In una sentenza storica del 13 gennaio, il tribunale ha stabilito che l’ex presidente Sirisena è stato specificamente responsabile per non aver tentato di prevenire gli attentati, che hanno visto attacchi suicidi coordinati contro hotel e chiese cattoliche e che hanno provocato oltre 500 feriti.

 

Sirisena, 71 anni, è stato condannato a pagare un risarcimento di 100 milioni di rupie (250mila euro) alle famiglie delle vittime che hanno intentato la causa. Al suo fianco, ex capi della polizia, dell’intelligence e della difesa dello Sri Lanka sono stati ritenuti responsabili e condannati a risarcire i parenti delle vittime.

 

Questa è la prima volta che un capo di stato dello Sri Lanka è stato ritenuto responsabile per non aver impedito un attacco terroristico. Il verdetto ha suscitato grande soddisfazione tra la popolazione srilankese. La comunità cattolica aveva criticato sin dall’inizio l’inadeguata indagine del Governo sugli attentati di Pasqua e aveva chiesto alle Nazioni Unite un’indagine internazionale.

 

Il cardinale Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha esortato il governo e le istituzioni pubbliche a onorare il loro impegno per rendere giustizia alle vittime e per «ripulire il Paese da ogni elemento di terrore».

 

A quasi quattro anni dagli attentati, che hanno causato morti e danni soprattutto all’interno della comunità cristiana, le indagini si sono rivelate insufficienti e le raccomandazioni della commissione presidenziale d’inchiesta appositamente istituita non sono state attuate.

 

Vescovi, sacerdoti e laici cattolici hanno chiesto trasparenza e sostenuto il ricorso legale necessario per stabilire l’eventuale responsabilità del Governo o di persone in posizioni di potere.

 

Nelle scorse settimane, il cardinale aveva dolorosamente dichiarato che «fino ad oggi non è stata fatta giustizia per loro, il che dimostra che ci sono uomini che non sono stati processati per il male che hanno fatto».

 

«Come Chiesa cattolica, abbiamo sempre chiesto e continueremo a chiedere verità e giustizia, responsabilità. Bisogna capire i mandanti e gli obiettivi non dichiarati di questi attacchi» dice a Fides padre Basil Rohan Fernando, sacerdote dell’arcidiocesi di Colombo e direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Sri Lanka.

 

«È un passo necessario, continua, mentre anche la nostra gente sta soffrendo per una delle peggiori crisi economiche della sua storia. In questi anni siamo stati vicini alle famiglie delle vittime degli attentati e cerchiamo sempre di sostenerle in questo difficile cammino di guarigione».

 

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine di AntanO via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari