Connettiti con Renovato 21

Gender

L’ambasciata degli Stati Uniti in Vaticano ha celebrato il «giorno del ricordo Transgender»

Pubblicato

il

L’Ambasciata degli Stati Uniti presso la Santa Sede ha celebrato la scorsa domenica il «Transgender Day of Remembrance», il «giorno del ricordo transgender che offre un omaggio «a quelli della comunità transgender che sono stati assassinati a causa dell’odio».

 

Ad annunciarlo la stessa ambasciata USA presso la Santa Sede su Twitter.

 

I commenti lasciati dagli utenti non sono lusinghieri. Si sprecano gli inviti alla diplomazia americana a fare lo stesso in Paesi di fede islamica.

 

 

Secondo la Gay & Lesbian Alliance Against Defamation (GLAAD), il Transgender Day of Remembrance (TDOR) è un’osservanza annuale del 20 novembre che onora la memoria di transessuali le cui vite sono state perse in atti di violenza anti-transgender.

 

L’attivista transgender Gwendolyn Ann Smith ha fondato TDOR nel 1999 come veglia per onorare la memoria di Rita Hester, un transessuale nera che è stata uccisa ad Allston nel Massachusetts nel 1998.

 

Non si tratta della prima volta che l’ambasciata di Washington presso la Santa Sede celebra attività in aperto contrasto con la dottrina cattolica, e la stessa dovrebbe informare l’intero Stato che la ospita.

 

Come riportato da Renovatio 21, a giugno l’ambasciata degli Stati Uniti d’America presso la Santa Sede ha esposto la bandiera arcobalenata LGBT fuori dalle proprie finestre in onore del «Pride Month», il mese – giugno – in cui il mondo moderno celebra l’orgoglio dell’omosessualità.

 

 

A parte i Paesi islamici, dove certo la bandierona omofila non è stata esposta dai diplomatici statunitensi, vi è stato un caso gustoso invece in Russia.

 

Come riportato da Renovatio 21il fenomeno del drappo arcobaleno fuori dall’ambasciatasi era ripetuto due anni fa a Mosca, e fu causa di derisione da parte di Vladimir Putin.

 

Quando al presidente russo fu comunicato durante una videoconferenza televisiva che l’ambasciata degli Stati Uniti aveva una bandiera dell’orgoglio appesa davanti al suo edificio per celebrare il mese del Gay Pride di giugno, egli domandò: «Chi lavora in questo edificio?».

 

«Americani», gli fu risposto.  «Lasciateli festeggiare» replicò infine Putin. «Hanno mostrato qualcosa sulle persone che lavorano lì».

 

Seguendo il suggerimento di Vladimir Vladimirovic, ci chiediamo quanti transessuali la diplomazia USA abbia mandato a lavorare nella rappresentazione in Vaticano. Omosessuali, certo, immaginiamo che potrebbero essercene: del resto sono inviati nel centro della chiesa del concilio, dove la sodomia è piaga epidemica, e quindi una conoscenza della questione può aiutare.

 

Per i transessuali il discorso è più difficile. Anche se il Bergoglio non si è fatto mancare nemmeno quello: due settimane fa il pontefice ha incontrato dei trans in pellegrinaggio (!?!) in Vaticano. «Gli ho baciato la mano, lui ha baciato la mia» avrebbe detto il trans paraguagio Laura.

 

Nel 2020 invece aveva devoluto un obolo una tantum a dei trans sudamericani del litorale romano che a causa del lockdown si erano dovuto rivolgere in parrocchia. Arrivò l’elemosiniere, il polacco cardinale Krajewski, già noto per aver ridato la corrente ad un centro sociale, per saldare bollette e affitti e procurare generi di prima necessità.

 

Nel 2015 papa Francesco aveva invece ricevuto in Vaticano un transessuale spagnuolo.

 

Insomma: non è che i diplomatici americani abbiano fatto una cosa così fuori luogo per la chiesa moderna e i suoi attuali occupanti.

 

 

 

Continua a leggere

Gender

La Chiesa d’Inghilterra inizia a parlare di Dio come «gender-neutral»

Pubblicato

il

Da

La Chiesa d’Inghilterra sta discutendo l’abolizione di riferimenti di genere riguardo a Dio dalle scritture e dalla liturgia. Descrivere Dio come un uomo, sostengono, è un «errore di lettura teologico».

 

L’argomento è stato sollevato durante una seduta del Sinodo Generale – l’organo legislativo della Chiesa – questa settimana. Secondo il quotidiano britannico Telegraph, la «reverenda» Joanna Stobart di Bath and Wells ha chiesto alla Commissione liturgica quali misure si stavano prendendo «per sviluppare un linguaggio più inclusivo nella nostra liturgia autorizzata».

 

La Stobart ha detto che voleva più opzioni per «parlare di Dio in modo privo di genere» e più preghiere che non si riferissero a Dio «utilizzando pronomi maschili».

 

La Commissione liturgica è responsabile di stabilire come vengono condotte le funzioni religiose, incluso il tipo di lingua utilizzata durante queste funzioni. Il suo vicepresidente, il vescovo di Litchfield, ha detto a Stobart che la commissione «ha esplorato l’uso del linguaggio di genere in relazione a Dio per diversi anni» e discuterà la questione con la commissione Fede e ordine questa primavera.

 

Tuttavia, qualsiasi modifica alla liturgia della Chiesa richiederebbe l’approvazione unanime del Sinodo, dove c’è una forte opposizione.

 

«Il fatto che Dio sia chiamato “Padre” non può essere sostituito da “Madre” senza cambiare significato, né può essere neutralizzato dal genere in “Genitore” senza perdita di significato», ha affermato il Rev. Ian Paul, membro della Chiesa Consiglio arcivescovile, ha detto in risposta alla proposta di Stobart.

 

«Padri e madri non sono intercambiabili, ma si relazionano con la loro prole in modi diversi», ha continuato. «Se la Commissione liturgica cerca di cambiare questo, allora in modo importante allontanerà la dottrina della Chiesa dall’essere radicata nelle Scritture».

 

Come riportato da Renovatio 21, la Chiesa nata dallo scisma  per asservirsi al crudele sovrano divorziato e sessuomane Enrico VIII, sta oramai affrontando una seria minaccia di smantellamento.

 

Gli anglicani stanno affrontando il grattacapo del matrimonio omosessuale: nel recente viaggio congiunto con Bergoglio in Africa, vi è stata una bizzarra conferenza congiunta dell’arcivescovo di Canterbury Welby assieme al romano pontefice e al Moderatore della Chiesa di Scozia per soprammercato. L’argentino ha fortemente condannato le leggi anti-sodomia dei Paesi africani, e Welby lo ha ringraziato della chiarezza dicendo che era completamente d’accordo e che avrebbe diffuso le parola del gesuita-papa.

 

Nel più disgustoso episodio di genderismo inflitto ai cristiani d’Albione (o a quel che ne rimane), il rettore dell’Università di Cambridge è andato in difesa di un giovane ricercatore che aveva dichiarato in una presentazione che Gesù Cristo potrebbe aver avuto un «corpo trans», lasciando i fedeli indignati «in lacrime». un ricercatore della prestigiosa università inglese ha mostrato dipinti rinascimentali e medievali della crocifissione di Gesù, affermando che una delle ferite sul suo corpo «assume un aspetto decisamente vaginale».

 

 

 

Immagine di ukhouseoflords via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Bergoglio rinnova l’appello contro le leggi africane anti-sodomia

Pubblicato

il

Da

In una inedita conferenza stampa in volo con il capo della Chiesa d’Inghilterra e il capo della Chiesa di Scozia, Bergoglio ha ripetuto le sue osservazioni fatte per la prima volta il 25 gennaio sulla necessità di porre fine a leggi contro la sodomia.

 

Notando che circa 50 paesi hanno leggi anti-sodomia, papa Francesco ha detto mentre tornava da un viaggio di sei giorni in Africa che «la criminalizzazione dell’omosessualità è un problema da non lasciar passare».

 

Mentre le leggi criminalizzano i comportamenti e non le inclinazioni, Papa Francesco ha fuso i due concetti nelle sue osservazioni, dicendo delle leggi anti-sodomia: «le persone di tendenze omosessuali sono figli di Dio, Dio gli vuole bene, Dio li accompagna. È vero che alcuni sono in questo stato per diverse situazioni non volute, ma condannare una persona così è peccato, criminalizzare le persone di tendenza omosessuale è una ingiustizia».

 

Il gesuita argentino si è quindi scagliato contro quei Paesi, soprattutto in Africa, che contemplano nel loro codice penale la proibizione degli atti sodomiti. «Il calcolo è che, più o meno, cinquanta Paesi, in un modo o in un altro, portano a questa criminalizzazione – mi dicono di più, ma diciamo almeno cinquanta – e anche alcuni di questi – credo siano dieci, hanno la pena di morte (per gli omosessuali ndr) – questo non è giusto».

 

Il Rev. Iain Greenshields, il Moderatore dell’Assemblea generale della Chiesa di Scozia, che permette il «matrimonio» omosessuale nelle loro chiese, ha elogiato Francesco per le sue osservazioni, così come l’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby, il vescovo capo della Chiesa d’Inghilterra, che permette omosessuali benedizioni nelle loro chiese.

 

Lo scismatico anglicano Welby è totalmente d’accordo con il papa romano: «vorrei aver parlato con l’eleganza e la chiarezza che ha usato il Papa. Concordo interamente con ogni parola che ha detto e per quanto riguarda la criminalizzazione, la Chiesa d’Inghilterra, la Comunione anglicana ha approvato due risoluzioni contro la criminalizzazione ma ciò non ha davvero cambiato la mentalità di molte persone».

 

«Nei prossimi quattro giorni al sinodo generale sarà il tema principale della discussione e sicuramente citerò quel che ha detto meravigliosamente e accuratamente il Santo Padre», ha detto il Welby, lodando il sudamericano.

 

Nelle sue osservazioni del 25 gennaio, Papa Francesco aveva affermato che la Chiesa cattolica deve essere coinvolta nello smantellamento delle leggi che criminalizzano l’omosessualità e che i vescovi cattolici dell’Africa e di altri luoghi che hanno tali leggi hanno bisogno di una «conversione».

 

La crescente pressione del Papa sull’Africa in particolare arriva contemporaneamente a una forte spinta da parte dell’Occidente affinché l’Africa abbracci l’omosessualità. La pressione è arrivata sotto forma di prestiti e sovvenzioni subordinati a tali azioni politiche.

 

I vescovi cattolici africani, tuttavia, rimangono fermamente a sostegno delle leggi anti-sodomia che proteggono i bambini in età scolare dall’indottrinamento LGBT nelle aule.

 

Come riportato da Renovatio 21, le parole del papa avevano trovato la ferma opposizione del ministro Michael Makuei Lueth del governo Sud Sudan, che prima della visita aveva lanciato un avvertimento al Bergoglio.

 

«Se Papa Francesco viene da noi e ci dice che non c’è differenza tra il matrimonio tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso, noi diremo “no” (…) Dio non può sbagliare. Ha creato l’uomo e la donna, ha detto loro di sposarsi e andare a popolare il mondo. Le coppie dello stesso sesso possono partorire da sole? (…) la nostra costituzione è molto chiara, dice che il matrimonio avviene tra persone di sesso diverso, e che qualsiasi matrimonio tra persone dello stesso sesso è un reato, è un reato costituzionale» aveva detto il ministro Lueth.

 

L’anno passato i vescovi dello Zambia avevano denunciato la spinta omosessualista difendendo la legge anti-sodomia.

 

Anche l’Uganda lo scorso novembre aveva rifiutato l’agenda LGBT e l’aborto inclusi nella proposta di accordo commerciale con l’UE.

 

Lo scorso settembre, il Kenya aveva imposto leggi che vietano la commercializzazione e la trasmissione di film con contenuti LGBT. Inoltre, il Paese aveva anche comunicato alle cittadine kenyote di evitare la circolazione della pillola anticoncezionale cinese, ritenuta illegale oltre che pericolosa.

 

Tuttavia, la vetta vera del ricatto LGBT contro i Paesi africani fu raggiunta nel 2015 dall’amministrazione Obama, che ritirò aiuti finanziari e militari alla Nigeria quando questa si rifiutò di legalizzare contraccezione e omosessualità.

 

Il governo nigeriano, all’epoca, si trovava a combattere i terroristi di Boko Haram, che avevano ucciso e rapito decine di migliaia di persone. Si disse che gli USA obamiani disponessero di immagini satellitari con gli accampamenti di Boko Haram, ma non le condivisero con i nigeriani restii a implementare la deregulation sessuale nella società africana.

 

Tanto per capire da che parte sta il papa con tutta la sua retorica terzomondiale e i suoi viaggi di cartapesta (a cui possono partecipare esclusivamente persone vaccinate): no, non dalla parte dell’Africa. Mai.

 

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Omosessualità: il Sud Sudan risponde al Papa

Pubblicato

il

Da

In occasione della visita del Pontefice in Sud Sudan, Juba ha ribadito la sua fermezza contro le unioni omosessuali. Una settimana prima, Papa Francesco si era espresso contro la criminalizzazione delle relazioni omosessuali, riconoscendo, tuttavia, che si tratta di un «peccato» secondo l’insegnamento della Chiesa.

 

 

Per il suo quarantesimo viaggio all’estero, il pontefice argentino si recherà a Juba, capitale del Sud Sudan, dal 3 al 5 febbraio 2023. Inizialmente prevista per luglio 2022, questa visita era stata rinviata a causa di un dolore al ginocchio del Papa, ormai ottantaseienne e che si sposta in sedia a rotelle.

 

Ufficialmente si tratta di una visita di «riconciliazione» per favorire la fine della violenza in un Paese minato da una sanguinosa guerra civile, ma che non deve far dimenticare alcune profonde divergenze tra l’attuale Romano Pontefice e i popoli africani sul delicato tema dell’omosessualità.

 

Le divergenze sono emerse ancora una volta in occasione di un’intervista esclusiva concessa il 25 gennaio da Papa Francesco all’ Associated Press, in cui ha definito «ingiuste» le leggi che criminalizzano i rapporti tra persone dello stesso sesso, pur ricordando che è comunque una «peccato».

 

Pochi giorni dopo, in una risposta indirizzata a padre James Martin, gesuita legato alla lobby LGBT, il pontefice argentino ha insistito: «a chi vuole criminalizzare l’omosessualità vorrei dire che si sbaglia».

 

Il governo sud-sudanese non ha tardato a replicare, per voce del suo ministro dell’Informazione: «se Papa Francesco viene da noi e ci dice che non c’è differenza tra il matrimonio tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso, noi diremo “no”», ha avvertito Michael Makuei Lueth.

 

Per il Ministro non si tratta di scendere a compromessi: «Dio non può sbagliare. Ha creato l’uomo e la donna, ha detto loro di sposarsi e andare a popolare il mondo. Le coppie dello stesso sesso possono partorire da sole?».

 

E chiarisce: «la nostra costituzione è molto chiara, dice che il matrimonio avviene tra persone di sesso diverso, e che qualsiasi matrimonio tra persone dello stesso sesso è un reato, è un reato costituzionale». Parole che immaginiamo fuori luogo nel Vecchio Continente.

 

Se invece si limita alla sua missione di pacificatore, il Papa è il benvenuto, spiega tra le righe Michael Makuei: «viene a benedirci perché cambiamo il nostro comportamento, perché a volte ci comportiamo in modo irragionevole. Quindi viene qui a pregare per noi affinché prevalga la pace in Sud Sudan. La sua visita è storica».

 

Non c’è dubbio che la Segreteria di Stato abbia recepito forte e chiaro il messaggio delle autorità sud sudanesi, e debba mettere in campo tutte le sue doti diplomatiche per evitare – o riparare se necessario – uno scivolone della parola papale, come è avvenuto qualche mese fa sul dossier russo-ucraino, dove la Santa Sede ha dovuto presentare – cosa rarissima – delle scuse a Mosca.

 

 

Distinzione necessaria

Occorre distinguere tra la criminalizzazione di un atto e il divieto di uno stato di vita. Se papa Francesco vuol dire che uno Stato non deve criminalizzare gli atti omosessuali, cioè imporre una sanzione a chi li compie, questo è un conto. Ciò potrebbe essere compreso, da un lato, per la natura più o meno celata di questi atti, e tenendo conto della situazione attuale.

 

Ma la costituzione di uno stato di vita da parte di un’unione omosessuale pubblica è un’altra cosa. Quando autorizzata dalla legge, dà diritto ai vantaggi normalmente riservati al matrimonio. Tuttavia, uno Stato può vietare tale unione. In Sud Sudan come in Giappone, la costituzione definisce il matrimonio esclusivamente come l’unione di un uomo e una donna.

 

Esiste anche uno specifico documento romano su questo argomento, pubblicato sotto Giovanni Paolo II. Il 3 giugno 2003 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato le Considerazioni sui progetti per il riconoscimento giuridico delle unioni tra persone omosessuali, a firma del cardinale Joseph Ratzinger. La conclusione (#11) dice questo:

 

«La Chiesa insegna che il rispetto verso le persone omosessuali non può portare in nessun modo all’approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali. Il bene comune esige che le leggi riconoscano, favoriscano e proteggano l’unione matrimoniale come base della famiglia, cellula primaria della società».

 

«Riconoscere legalmente le unioni omosessuali oppure equipararle al matrimonio, significherebbe non soltanto approvare un comportamento deviante, con la conseguenza di renderlo un modello nella società attuale, ma anche offuscare valori fondamentali che appartengono al patrimonio comune dell’umanità. La Chiesa non può non difendere tali valori, per il bene degli uomini e di tutta la società».

 

Purtroppo il Papa sembra, come è facile intuire, volere che i Paesi riconoscano queste unioni, opponendosi nettamente così alla dottrina della Chiesa e del suo predecessore.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari