Connettiti con Renovato 21

Gender

L’ambasciata USA in Vaticano espone la bandiera LGBT

Pubblicato

il

L’ambasciata degli Stati Uniti d’America presso la Santa Sede ha esposto la bandiera arcobalenata LGBT fuori dalle proprie finestre in onore del «Pride Month», il mese – giugno – in cui il mondo moderno celebra l’orgoglio dell’omosessualità.

 

Lo rivela la stessa ambasciata statunitense con un post su Twitter.

 

Nel tweet, è possibile vedere la grande bandiera omosessualista pendere fuori dall’antico palazzo.

 


L’ambasciata USA si trova in territorio italiano, in via Sallustiana, non lontano dall’imponente Ambasciata USA presso l’Italia di Via Veneto.

 

Ci chiediamo se la diplomazia dell’amministrazione Biden abbia fatto lo stesso presso l’ambasciata di Riyadh, dei Paesi Africani o anche solo di Pechino – o in una qualsiasi nazione islamica: come lì la diplomazia sta celebrando il mese di orgoglio omosessualista?

 

Come riportato da Renovatio 21, il fenomeno si era ripetuto due anni fa a Mosca, e fu causa di derisione da parte di Vladimir Putin. Quando al presidente russo fu comunicato durante una videoconferenza televisiva che l’ambasciata degli Stati Uniti aveva una bandiera dell’orgoglio appesa davanti al suo edificio per celebrare il mese del Gay Pride di giugno, egli  ha domandato: «Chi lavora in questo edificio?».

 

«Americani», gli fu risposto.  «Lasciateli festeggiare» replicò infine il presidente. «Hanno mostrato qualcosa sulle persone che lavorano lì».

 

La festa del Pride Month ha origine violente: l’intero mese (si sono allargati) celebra la rivolta avvenuta la notte tra il 27 e il 28 giugno 1969 quando gli omosessuali di un locale gay – lo Stonewall Inn – reagì ad un’ispezione della Polizia scatenando una vera e propria rivolta violenta. Una squadra della Tactical Police Force della Polizia di Nuova York fu mandata a salvare gli agenti intrappolati nel locale. Una falange di agenti antisommossa brigò fino alle 4 del mattino per sedare il moto LGBT (all’epoca, ovviamente, tale acronimo non esisteva). A commemorazione della violenza omosessuale, il presidente Obama dichiarò il locale monumento nazionale nel 2016.

 

Riguardo all’opportunità di un simile gesto diplomatico in faccia alla Santa Sede – centrale mondiale della religione che vede nell’Orgoglio un peccato grave: è il peccato di Satana – bisogna abbracciare una visione realista: quanto del personale ecclesiastico in Vaticano è (sempre meno segretamente) omosessuale?

 

Quanti sacerdoti, vescovi, parteciperanno al gay pride che si sta per tenere a Roma? Intendiamoci: molti non faranno magari la marcia, ma quanti consacrati invece si getteranno nelle attività corollarie che ogni parata gaia può offrire?

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Bergoglio rinnova l’appello contro le leggi africane anti-sodomia

Pubblicato

il

Da

In una inedita conferenza stampa in volo con il capo della Chiesa d’Inghilterra e il capo della Chiesa di Scozia, Bergoglio ha ripetuto le sue osservazioni fatte per la prima volta il 25 gennaio sulla necessità di porre fine a leggi contro la sodomia.

 

Notando che circa 50 paesi hanno leggi anti-sodomia, papa Francesco ha detto mentre tornava da un viaggio di sei giorni in Africa che «la criminalizzazione dell’omosessualità è un problema da non lasciar passare».

 

Mentre le leggi criminalizzano i comportamenti e non le inclinazioni, Papa Francesco ha fuso i due concetti nelle sue osservazioni, dicendo delle leggi anti-sodomia: «le persone di tendenze omosessuali sono figli di Dio, Dio gli vuole bene, Dio li accompagna. È vero che alcuni sono in questo stato per diverse situazioni non volute, ma condannare una persona così è peccato, criminalizzare le persone di tendenza omosessuale è una ingiustizia».

 

Il gesuita argentino si è quindi scagliato contro quei Paesi, soprattutto in Africa, che contemplano nel loro codice penale la proibizione degli atti sodomiti. «Il calcolo è che, più o meno, cinquanta Paesi, in un modo o in un altro, portano a questa criminalizzazione – mi dicono di più, ma diciamo almeno cinquanta – e anche alcuni di questi – credo siano dieci, hanno la pena di morte (per gli omosessuali ndr) – questo non è giusto».

 

Il Rev. Iain Greenshields, il Moderatore dell’Assemblea generale della Chiesa di Scozia, che permette il «matrimonio» omosessuale nelle loro chiese, ha elogiato Francesco per le sue osservazioni, così come l’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby, il vescovo capo della Chiesa d’Inghilterra, che permette omosessuali benedizioni nelle loro chiese.

 

Lo scismatico anglicano Welby è totalmente d’accordo con il papa romano: «vorrei aver parlato con l’eleganza e la chiarezza che ha usato il Papa. Concordo interamente con ogni parola che ha detto e per quanto riguarda la criminalizzazione, la Chiesa d’Inghilterra, la Comunione anglicana ha approvato due risoluzioni contro la criminalizzazione ma ciò non ha davvero cambiato la mentalità di molte persone».

 

«Nei prossimi quattro giorni al sinodo generale sarà il tema principale della discussione e sicuramente citerò quel che ha detto meravigliosamente e accuratamente il Santo Padre», ha detto il Welby, lodando il sudamericano.

 

Nelle sue osservazioni del 25 gennaio, Papa Francesco aveva affermato che la Chiesa cattolica deve essere coinvolta nello smantellamento delle leggi che criminalizzano l’omosessualità e che i vescovi cattolici dell’Africa e di altri luoghi che hanno tali leggi hanno bisogno di una «conversione».

 

La crescente pressione del Papa sull’Africa in particolare arriva contemporaneamente a una forte spinta da parte dell’Occidente affinché l’Africa abbracci l’omosessualità. La pressione è arrivata sotto forma di prestiti e sovvenzioni subordinati a tali azioni politiche.

 

I vescovi cattolici africani, tuttavia, rimangono fermamente a sostegno delle leggi anti-sodomia che proteggono i bambini in età scolare dall’indottrinamento LGBT nelle aule.

 

Come riportato da Renovatio 21, le parole del papa avevano trovato la ferma opposizione del ministro Michael Makuei Lueth del governo Sud Sudan, che prima della visita aveva lanciato un avvertimento al Bergoglio.

 

«Se Papa Francesco viene da noi e ci dice che non c’è differenza tra il matrimonio tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso, noi diremo “no” (…) Dio non può sbagliare. Ha creato l’uomo e la donna, ha detto loro di sposarsi e andare a popolare il mondo. Le coppie dello stesso sesso possono partorire da sole? (…) la nostra costituzione è molto chiara, dice che il matrimonio avviene tra persone di sesso diverso, e che qualsiasi matrimonio tra persone dello stesso sesso è un reato, è un reato costituzionale» aveva detto il ministro Lueth.

 

L’anno passato i vescovi dello Zambia avevano denunciato la spinta omosessualista difendendo la legge anti-sodomia.

 

Anche l’Uganda lo scorso novembre aveva rifiutato l’agenda LGBT e l’aborto inclusi nella proposta di accordo commerciale con l’UE.

 

Lo scorso settembre, il Kenya aveva imposto leggi che vietano la commercializzazione e la trasmissione di film con contenuti LGBT. Inoltre, il Paese aveva anche comunicato alle cittadine kenyote di evitare la circolazione della pillola anticoncezionale cinese, ritenuta illegale oltre che pericolosa.

 

Tuttavia, la vetta vera del ricatto LGBT contro i Paesi africani fu raggiunta nel 2015 dall’amministrazione Obama, che ritirò aiuti finanziari e militari alla Nigeria quando questa si rifiutò di legalizzare contraccezione e omosessualità.

 

Il governo nigeriano, all’epoca, si trovava a combattere i terroristi di Boko Haram, che avevano ucciso e rapito decine di migliaia di persone. Si disse che gli USA obamiani disponessero di immagini satellitari con gli accampamenti di Boko Haram, ma non le condivisero con i nigeriani restii a implementare la deregulation sessuale nella società africana.

 

Tanto per capire da che parte sta il papa con tutta la sua retorica terzomondiale e i suoi viaggi di cartapesta (a cui possono partecipare esclusivamente persone vaccinate): no, non dalla parte dell’Africa. Mai.

 

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Omosessualità: il Sud Sudan risponde al Papa

Pubblicato

il

Da

In occasione della visita del Pontefice in Sud Sudan, Juba ha ribadito la sua fermezza contro le unioni omosessuali. Una settimana prima, Papa Francesco si era espresso contro la criminalizzazione delle relazioni omosessuali, riconoscendo, tuttavia, che si tratta di un «peccato» secondo l’insegnamento della Chiesa.

 

 

Per il suo quarantesimo viaggio all’estero, il pontefice argentino si recherà a Juba, capitale del Sud Sudan, dal 3 al 5 febbraio 2023. Inizialmente prevista per luglio 2022, questa visita era stata rinviata a causa di un dolore al ginocchio del Papa, ormai ottantaseienne e che si sposta in sedia a rotelle.

 

Ufficialmente si tratta di una visita di «riconciliazione» per favorire la fine della violenza in un Paese minato da una sanguinosa guerra civile, ma che non deve far dimenticare alcune profonde divergenze tra l’attuale Romano Pontefice e i popoli africani sul delicato tema dell’omosessualità.

 

Le divergenze sono emerse ancora una volta in occasione di un’intervista esclusiva concessa il 25 gennaio da Papa Francesco all’ Associated Press, in cui ha definito «ingiuste» le leggi che criminalizzano i rapporti tra persone dello stesso sesso, pur ricordando che è comunque una «peccato».

 

Pochi giorni dopo, in una risposta indirizzata a padre James Martin, gesuita legato alla lobby LGBT, il pontefice argentino ha insistito: «a chi vuole criminalizzare l’omosessualità vorrei dire che si sbaglia».

 

Il governo sud-sudanese non ha tardato a replicare, per voce del suo ministro dell’Informazione: «se Papa Francesco viene da noi e ci dice che non c’è differenza tra il matrimonio tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso, noi diremo “no”», ha avvertito Michael Makuei Lueth.

 

Per il Ministro non si tratta di scendere a compromessi: «Dio non può sbagliare. Ha creato l’uomo e la donna, ha detto loro di sposarsi e andare a popolare il mondo. Le coppie dello stesso sesso possono partorire da sole?».

 

E chiarisce: «la nostra costituzione è molto chiara, dice che il matrimonio avviene tra persone di sesso diverso, e che qualsiasi matrimonio tra persone dello stesso sesso è un reato, è un reato costituzionale». Parole che immaginiamo fuori luogo nel Vecchio Continente.

 

Se invece si limita alla sua missione di pacificatore, il Papa è il benvenuto, spiega tra le righe Michael Makuei: «viene a benedirci perché cambiamo il nostro comportamento, perché a volte ci comportiamo in modo irragionevole. Quindi viene qui a pregare per noi affinché prevalga la pace in Sud Sudan. La sua visita è storica».

 

Non c’è dubbio che la Segreteria di Stato abbia recepito forte e chiaro il messaggio delle autorità sud sudanesi, e debba mettere in campo tutte le sue doti diplomatiche per evitare – o riparare se necessario – uno scivolone della parola papale, come è avvenuto qualche mese fa sul dossier russo-ucraino, dove la Santa Sede ha dovuto presentare – cosa rarissima – delle scuse a Mosca.

 

 

Distinzione necessaria

Occorre distinguere tra la criminalizzazione di un atto e il divieto di uno stato di vita. Se papa Francesco vuol dire che uno Stato non deve criminalizzare gli atti omosessuali, cioè imporre una sanzione a chi li compie, questo è un conto. Ciò potrebbe essere compreso, da un lato, per la natura più o meno celata di questi atti, e tenendo conto della situazione attuale.

 

Ma la costituzione di uno stato di vita da parte di un’unione omosessuale pubblica è un’altra cosa. Quando autorizzata dalla legge, dà diritto ai vantaggi normalmente riservati al matrimonio. Tuttavia, uno Stato può vietare tale unione. In Sud Sudan come in Giappone, la costituzione definisce il matrimonio esclusivamente come l’unione di un uomo e una donna.

 

Esiste anche uno specifico documento romano su questo argomento, pubblicato sotto Giovanni Paolo II. Il 3 giugno 2003 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato le Considerazioni sui progetti per il riconoscimento giuridico delle unioni tra persone omosessuali, a firma del cardinale Joseph Ratzinger. La conclusione (#11) dice questo:

 

«La Chiesa insegna che il rispetto verso le persone omosessuali non può portare in nessun modo all’approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali. Il bene comune esige che le leggi riconoscano, favoriscano e proteggano l’unione matrimoniale come base della famiglia, cellula primaria della società».

 

«Riconoscere legalmente le unioni omosessuali oppure equipararle al matrimonio, significherebbe non soltanto approvare un comportamento deviante, con la conseguenza di renderlo un modello nella società attuale, ma anche offuscare valori fondamentali che appartengono al patrimonio comune dell’umanità. La Chiesa non può non difendere tali valori, per il bene degli uomini e di tutta la società».

 

Purtroppo il Papa sembra, come è facile intuire, volere che i Paesi riconoscano queste unioni, opponendosi nettamente così alla dottrina della Chiesa e del suo predecessore.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Cittadino americano dice di essere sia padre che madre dei suoi figli

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Questo deve essere uno dei casi di custodia più bizzarri mai decisi da un tribunale americano.

 

La Corte Superiore della Pennsylvania ha rifiutato di concedere a S.U. l’affidamento di tre dei quattro bambini. I bambini sono attualmente affidati alla madre, C.J.

 

I fatti sono un po’ confusi perché S.U. si è rappresentato in tribunale, creando raffiche di linguaggio legale.

 

Tuttavia, la caratteristica interessante è che S.U. sembra essere intersessuale (sebbene non abbia usato il termine) e possedesse organi riproduttivi sia maschili che femminili.

 

La coppia ha convissuto per 12 anni, senza essere sposata, e sono stati concepiti 4 figli, tutti «non tradizionali», per usare le parole della corte. Il primo figlio è stato concepito con l’inseminazione intrauterina e non rientrava nel procedimento di affidamento. Gli altri – o almeno così credeva la madre – erano stati concepiti con i suoi ovuli e lo sperma di S.U. Sul certificato di nascita, lui era indicato come padre e C.J. come madre.

 

Tuttavia, dopo che la coppia si era sciolta ed era iniziata la battaglia per la custodia, S.U. aveva dichiarato che erano stati concepiti con i suoi ovuli e lo sperma del donatore. Era il padre di diritto e la madre di fatto. «La madre credeva che lo sperma del padre fosse usato per concepire i bambini, fino a quando non ha appreso durante il contenzioso per l’affidamento nel West Virginia che non era così», ha riferito il tribunale della Pennsylvania. Senza dubbio questa è stata una sorpresa e mezza per C.J.

 

Dove ha lasciato questo la madre, allora? S.U. ha affermato di essere una semplice «surrogata gestazionale» priva dei diritti genitoriali garantiti dal quattordicesimo emendamento. Era, sosteneva, un «genitore psicologico creato dal tribunale».

 

Alla fine il tribunale della Pennsylvania ha preso la sua decisione per motivi giurisdizionali ei bambini sono rimasti con la madre, C.J.

 

Ma il caso ha degli elementi «incredibilmente inquietanti», secondo Ellen Trachman, del blog Above the Law. È un caso di frode sulla fertilità. «Le persone hanno il diritto di non essere ingannate o disinformate quando si tratta del concepimento del loro bambino. E la legge dovrebbe sostenere una causa di azione contro tali violazioni».

 

Questa corte ha lasciato la madre con i bambini. Tuttavia, non vi è alcuna chiusura. Come commenta la signora Trachman: «La madre ha testimoniato che vive nella costante paura che il padre trovi un tribunale che metta fine ai suoi diritti genitoriali. Dopotutto, non è geneticamente imparentata con i bambini. E il padre ha indicato di avere almeno sei ricorsi pendenti nel West Virginia, oltre a depositi in altri stati. Speriamo che si dia una tregua. Per il bene della mamma, e soprattutto per il bene dei bambini».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Più popolari