Il Grande Reset, parte V: l’ideologia «woke»

 

 

 

 

Negli articoli precedenti, ho discusso del Great Reset e introdotto diversi modi per comprenderne l’economia. Il Great Reset può essere pensato come neofeudalismo, come «socialismo delle multinazionali», come «capitalismo con caratteristiche cinesi» e in termini di «capitalismo degli stakeholder» contro «neoliberismo».

 

In puntate future, intendo trattare gli aspetti tecnologici (transumanisti) e monetari (banche centralizzate e valuta digitale) che Klaus Schwab e altri anticipano e prescrivono.

 

Ma in questo saggio desidero considerare l’aspetto ideologico del Great Reset. Come intendono i pianificatori stabilire ideologicamente il Reset? Cioè, come avverrebbe un Reset della mente di massa che consentirebbe di mettere in atto i molti elementi del Grande Reset, senza ribellione di massa?

 

Se il Grande Reset deve prendere piede, sarà necessario un certo grado di conformità da parte della popolazione, nonostante il controllo potenziato, esteso e più preciso sulla popolazione che la tecnologia transumanista e una valuta digitale centralizzata offriranno

Dopotutto, se il Grande Reset deve prendere piede, sarà necessario un certo grado di conformità da parte della popolazione, nonostante il controllo potenziato, esteso e più preciso sulla popolazione che la tecnologia transumanista e una valuta digitale centralizzata offriranno.

 

Questa è la funzione dell’ideologia. L’ideologia, come ha sostenuto lo storico marxista della scienza Richard Lewontin, funziona «convincendo le persone che la società in cui vivono è giusta ed equa, o se non giusta ed equa allora inevitabile, e che è del tutto inutile ricorrere alla violenza».  (1)

 

L’ ideologia stabilisce la «legittimazione sociale» che Lewontin considera necessaria per ottenere il consenso dei governati.

 

«Il campo di battaglia è nelle teste delle persone, e se la battaglia viene vinta su quel terreno, la pace e la tranquillità della società sono garantite». (2)

 

«Il campo di battaglia è nelle teste delle persone, e se la battaglia viene vinta su quel terreno, la pace e la tranquillità della società sono garantite»

L’ideologia su questo punto di vista non è la stessa della visione del mondo. È piuttosto la programmazione mentale necessaria per il dominio e il controllo, a parte l’uso della forza. L’indottrinamento ideologico è più facile, meno disordinato e meno costoso della violenza statale e sostenuta dallo Stato.

 

Alcuni potrebbero obiettare che l’ideologia del Great Reset è semplicemente un’ideologia socialista-comunista. Dopo tutto, per molti aspetti, l’ideologia socialista-comunista sostiene ciò che il Grande Reset promette di offrire. E questo potrebbe funzionare per alcuni. Ci sono quelli che accolgono favorevolmente, su basi socialiste, l’«equità», l’«uguaglianza»  promesse dal Grande Reset.

 

I socialisti potrebbero trascurare o giustificare il controllo oligarchico della società sulla base della presunta equità, uguaglianza o equità tra la massa della popolazione e sulla presunzione che l’oligarchia verrà rovesciata in un futuro non così lontano.

 

I socialisti potrebbero trascurare o giustificare il controllo oligarchico della società sulla base della presunta equità, uguaglianza o equità tra la massa della popolazione e sulla presunzione che l’oligarchia verrà rovesciata in un futuro non così lontano

Il socialismo incorpora una predisposizione di livellamento che privilegia l’«uguaglianza» tra la maggioranza visibile, anche quando tale uguaglianza rappresenta una grande perdita per molti soggetti altrimenti «della classe media».

 

Infatti, il Partito Comunista Rivoluzionario USA , compreso il suo leader, Bob Avakian, mi hanno ammesso che il socialismo mondiale significherebbe una riduzione degli standard di vita per gran parte del mondo, specialmente negli Stati Uniti. Non hanno avuto problemi con questo; in effetti, sembravano apprezzare la prospettiva.

 

Non c’è dubbio che, come suggerito Friedrich Nietzsche, il socialismo è alimentato, almeno in parte, dal ressentiment – dal risentimento e dall’invidia per il proprietario.

 

Si potrebbe dire molto sull’apparente approvazione dei socialisti, o almeno sull’accettazione condizionata e temporanea, dei grandi corporatisti oligarchici monopolistici e della loro preferenza per le grandi imprese rispetto alle piccole. (3) I socialisti vedono la monopolizzazione sotto il capitalismo come inevitabile, come necessaria per produrre un obiettivo più consolidato da abbattere e come un segno dell’imminente collasso del capitalismo e dell’imminente apocalisse socialista-comunista.

 

I socialisti vedono la monopolizzazione sotto il capitalismo come inevitabile, come necessaria per produrre un obiettivo più consolidato da abbattere e come un segno dell’imminente collasso del capitalismo e dell’imminente apocalisse socialista-comunista

Allo stesso modo, molti socialisti saranno suscettibili per principio al Great Reset, specialmente quelli che accettano la sua retorica al valore nominale. Ma nonostante tutta la sua ritrovata popolarità, il socialismo-comunismo non rappresenta ancora la maggioranza.

 

Sebbene popolare tra i millennial e altri millennialisti, il socialismo-comunismo rimane sgradevole per molti. È considerato alieno, oscuro e connota vagamente qualcosa di negativo. Ma ancora più importante, per le ragioni che fornirò di seguito, l’ideologia socialista-comunista non è l’ideologia che meglio si adatta agli obiettivi del Grande Reset. È qui che entra in gioco la wokeness.

 

Cos’è esattamente il lavoro? Come scrivo in Beyond Woke ,

 

«Secondo il credo della giustizia sociale, essere “svegliati” [woke] è il risveglio politico che deriva dall’emergere della coscienza e della coscienziosità riguardo all’ingiustizia sociale e politica. La veglia [wokeness] è l’iscrizione indelebile della consapevolezza dell’ingiustizia sociale nella mente cosciente, che suscita il pungiglione della coscienza, che costringe i nuovi risvegliati a cambiare le proprie convinzioni e comportamenti». (4)

 

Questa è quanto di più vicino a una definizione di wokeness posso gestire, raccogliendola  dalle affermazioni che ho di coloro che la abbracciano.

 

Il socialismo-comunismo rimane sgradevole per molti. È considerato alieno, oscuro e connota vagamente qualcosa di negativo. Ma ancora più importante, per le ragioni che fornirò di seguito, l’ideologia socialista-comunista non è l’ideologia che meglio si adatta agli obiettivi del Grande Reset. È qui che entra in gioco la wokeness

Naturalmente, l’etimologia della parola «woke» e come è diventata un aggettivo che descrive coloro che sono così risvegliati alla coscienza dell’ingiustizia sociale e politica, è un’altra questione.

 

Discuto l’etimologia in Google Archipelago :

 

«”Woke” è iniziato in inglese come passato e participio passato di “wake“. Suggeriva il significato di “essersi svegliati”. Ma, negli anni ’60, woke iniziò a funzionare anche come aggettivo, acquisendo il significato figurativo nella comunità afroamericana di “ben informato” o “aggiornato”. Nel 1972, l’un tempo modesto passato verbale cominciò a descrivere un’elevata coscienza politica. Nel 2017, l’ Oxford English Dictionary ( OED ) ha riconosciuto la consapevolezza socialmente consapevole del woke e ha aggiunto la definizione: “attenzione alla discriminazione razziale o sociale e all’ingiustizia”». (5)

 

Eppure ci sono tante definizioni di wokeness quante sono le persone che ne hanno sentito parlare, come nel caso della maggior parte delle cose meno controverse. Sono sicuro che altri possono e aggiungeranno alla definizione o suggeriranno che il lavoro dovrebbe essere definito in modo completamente diverso. Ma la definizione di cui sopra e le interpretazioni storico-semantiche sono sufficienti per i nostri scopi.

 

Secondo gli aderenti, quindi, la wokeness è una maggiore consapevolezza dell’ingiustizia sociale e politica e la determinazione a sradicarla.

 

La wokeness lavora sulla maggioranza, i presunti beneficiari dell’ingiustizia. Lo fa facendo capire alla maggioranza che ha beneficiato del «privilegio» e della preferenza basata sul colore della pelle (l’essere bianchi), genere (il patriarcato), propensione sessuale (l’eteronormatività), luogo di nascita (colonialismo, imperialismo e primo mondo), genere identità (privilegio di cisgender) e dominio della natura (specismo), per citare alcuni dei principali colpevoli

Ma cosa potrebbe avere a che fare la wokeness con il Grande Reset? Come correttivo, la wokeness non è rivolto ai malati le cui lamentele, o lamentele immaginate, significa riparare.

 

La wokeness lavora sulla maggioranza, i presunti beneficiari dell’ingiustizia. Lo fa facendo capire alla maggioranza che ha beneficiato del «privilegio» e della preferenza basata sul colore della pelle (l’essere bianchi), genere (il patriarcato), propensione sessuale (l’eteronormatività), luogo di nascita (colonialismo, imperialismo e primo mondo), genere identità (privilegio di cisgender) e dominio della natura (specismo), per citare alcuni dei principali colpevoli. L’elenco potrebbe continuare e viene modificato, apparentemente di giorno in giorno.

 

Questa maggioranza deve essere riabilitata, per così dire. Le masse devono capire che hanno ottenuto tutti i vantaggi di cui hanno goduto finora sulla base del trattamento ingiusto degli altri, direttamente o indirettamente, e questo trattamento ingiusto si basa sulle circostanze della nascita. Il «privilegio» della maggioranza è venuto a scapito di quelle minoranze designate come beneficiarie della wokeness, e la wokeness è il mezzo per rettificare queste molte ingiustizie.

 

E quali sono gli effetti di essere ripetutamente rimproverati in quanto tali, di sentirsi dire che si è stato il beneficiario di un «privilegio» immeritato, che la propria relativa ricchezza e benessere sono venuti a scapito di altri oppressi, emarginati e abusati? Vergogna, senso di colpa, rimorso, indegnità. E quali sono gli aggiustamenti attitudinali e comportamentali attesi dalla maggioranza? Devono aspettarsi di meno.

 

Sotto l’ideologia woke, ci si aspetta che uno perda i propri diritti, perché anche questi diritti, anzi, specialmente questi diritti, sono venuti a scapito degli altri.

 

Così, la wokeness funziona abituando la maggioranza alle ridotte aspettative che ho introdotto nella mia prima puntata sul Great Reset. Lo fa instillando la convinzione nell’indegnità della maggioranza di prosperare, prosperare e godersi la propria vita.

 

Sotto l’ideologia woke, ci si aspetta che uno perda i propri diritti, perché anche questi diritti, anzi, specialmente questi diritti, sono venuti a scapito degli altri

La wokeness indottrina la maggioranza nel futuro senza proprietà (per loro, almeno) del Great Reset, gratificando la sinistra, i suoi principali propagatori ideologici, con un senso di superiorità morale, anche se anche loro sono programmati per diventare privi di prospettive.

 

Rimane una domanda. Perché la wokeness è più adatto agli obiettivi del Grande Reset dell’ideologia socialista-comunista?

 

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo ricordare i punti di forza del socialismo-comunismo. Nonostante il livellamento verso il basso di cui ho parlato sopra, il socialismo-comunismo è promettente. Promette benefici, non deficit. Non opera promettendo la maggioranza che perderà al momento della sua istituzione.

 

La wokeness indottrina la maggioranza nel futuro senza proprietà (per loro, almeno) del Great Reset, gratificando la sinistra, i suoi principali propagatori ideologici, con un senso di superiorità morale, anche se anche loro sono programmati per diventare privi di prospettive.

Al contrario, il socialismo-comunismo promette condizioni notevolmente migliorate: sì, equità, uguaglianza ma anche prosperità per la massa dell’umanità, prosperità che le è stata negata sotto il capitalismo.

 

I lavoratori del mondo sono chiamati a unirsi, non nella prospettiva di ridotte aspettative, ma sulla base di grandi aspettative – non, secondo Marx, per stabilire l’utopia, ma almeno per distruggere e sostituire l’attuale distopia con una cornucopia condivisa. Sappiamo, ovviamente, come viene mantenuta questa promessa. Ma è comunque ancora offerto e creduto da troppi in mezzo a noi.

 

Abbiamo visto, d’altra parte, il carattere sottrattivo dell’ideologia woke. La wokeness richiede la decadenza dei vantaggi per motivi morali. A differenza del socialismo-comunismo, non offre miglioramento né sostiene l’acquisizione dei mezzi di produzione e dello stato con mezzi politici. La wokeness è una forma di recriminazione che obbliga all’abdicazione, non all’acquisizione di beni.

 

L’ideologia woke, sostengo, ha dissodato il terreno e piantato i semi per il raccolto che il Great Reset rappresenta per l’élite al potere.

 

… Il carattere sottrattivo dell’ideologia woke. La wokeness richiede la decadenza dei vantaggi per motivi morali. La wokeness è una forma di recriminazione che obbliga all’abdicazione, non all’acquisizione di beni

La wokeness è stato intenzionalmente creato per questo scopo? Non credo, ma ciò nonostante può e viene adottato per questi fini, così come altre formazioni ideologiche sono state utilizzate per altri fini.

 

L’élite al potere si appropria dei mezzi disponibili a sua disposizione per attuare i suoi piani, comprese le ideologie disponibili.

 

L’ideologia woke era disponibile e pronta per l’appropriazione e l’applicazione. La wokeness serve al meglio il Great Reset, e quindi vediamo il linguaggio del wokeness nei libri e in altra letteratura dedicata alla sua istituzione: equità, inclusione, etc.

 

Naturalmente, la wokeness non funzionerà su tutti. Ma la richiesta è stata resa così universale che i dissenzienti impenitenti e non conformi sono considerati regressivi, reazionari, razzisti, suprematisti bianchi e altro ancora, e sono respinti, se non puniti, per questi motivi.

 

L’ideologia woke, sostengo, ha dissodato il terreno e piantato i semi per il raccolto che il Great Reset rappresenta per l’élite al potere

La Wokeness ha così raggiunto il dominio. Contrastarlo sarà un requisito importante per sfidare il grande ripristino.

 

 

Michael Rectenwald

 

 

 

 

NOTE

1) RC Lewontin,  Biology as Ideology: The Doctrine of DNA  (New York: HarperPerennial, nd), p. 6.

2) Lewontin,  Biology as Ideology , p. 7.

3) Matt Bruenig, «Small Businesses Are Overrated»  , Jacobin , 16 gennaio 2018.

4) Michael Rectenwald,  Beyond Woke  (Nashville, TN: New English Review Press, 2020), pagg. 7–8.

5) Michael Rectenwald,  Google Archipelago: The Digital Gulag and the Simulation of Freedom  (Nashville, TN: New English Review Press, 2019), p. 42.

La wokeness serve al meglio il Great Reset

 

 

 

Articolo apparso su Mises Institute, tradotto e pubblicato su gentile concessione del professor Rectenwald.

 

 

 

Altri articoli della serie

 

Cos’è il Grande Reset? Parte I: aspettative ridotte e bio-tecnofeudalesimo

Il Grande Reset, parte II: il socialismo delle multinazionali

 

Il Grande Reset Parte III: Capitalismo con caratteristiche cinesi

 

Il Grande Reset parte IV: «Capitalismo degli stakeholder» contro «Neoliberismo»