Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Il governo giapponese dice ai suoi cittadini di non discriminare i non vaccinati

Pubblicato

il

 

Improvvisamente, la Civiltà nipponica.

 

Tutti i Paesi cosiddetti «sviluppati» stanno muovendo verso l’obbligo vaccinale totale.

 

Il governo giapponese, invece, ha chiesto ai suoi cittadini di «non discriminare coloro che non sono stati vaccinati».

 

Il Giappone sta adottando un approccio molto diverso da quello di Europa e USA, affermando che i vaccini dovrebbero essere somministrati solo con il pieno consenso e che non dovrebbero essere usati come strumenti di coercizione o intimidazione.

 

«Nessuna vaccinazione sarà somministrata senza consenso. Per favore, non costringete  nessuno nel vostro posto di lavoro o chi vi sta intorno a farsi vaccinare e non discriminate coloro che non sono stati vaccinati»

Lo si apprende dall’avviso è pubblicato sul sito del Ministero della Salute, del Lavoro e del Welfare;

 

«Anche se incoraggiamo tutti i cittadini a ricevere la vaccinazione COVID-19, non è obbligatoria o obbligatoria. La vaccinazione sarà data solo con il consenso della persona da vaccinare dopo le informazioni fornite. Si prega di vaccinarsi di propria decisione, comprendendo sia l’efficacia nella prevenzione delle malattie infettive sia il rischio di effetti collaterali. Nessuna vaccinazione sarà somministrata senza consenso. Per favore, non costringete  nessuno nel vostro posto di lavoro o chi vi sta intorno a farsi vaccinare e non discriminate coloro che non sono stati vaccinati».

 

Anche il sito web del Primo Ministro contiene una dichiarazione di simile rettitudine.

 

«I vaccini non saranno mai somministrati senza il consenso del destinatario. Esortiamo il pubblico a non forzare mai le vaccinazioni sul posto di lavoro o a coloro che li circondano e a non trattare mai coloro che non hanno ricevuto il vaccino in modo discriminatorio».

 

Questo mentre in Austria, nuovo epicentro della lotta per la sovranità biologica, stanno assumendo ispettori-spia per andare a caccia di non vaccinati e fargli pagare la multa che devono allo Stato per la loro scelta di autodeterminazione di corpo e coscienza.

«I vaccini non saranno mai somministrati senza il consenso del destinatario. Esortiamo il pubblico a non forzare mai le vaccinazioni sul posto di lavoro o a coloro che li circondano e a non trattare mai coloro che non hanno ricevuto il vaccino in modo discriminatorio»: dal sito del Primo Ministro giapponese

 

Come riportato da Renovatio 21, due settimane fa il governo giapponese aveva espresso perplessità sul vaccino ai più giovani, adducendo come causa «possibili effetti collaterali» come le infiammazioni del muscolo cardiaco.

 

Quattro mesi fa il Paese sospese 2,6 milioni di dosi del vaccino Moderna dopo due morti sospette. Le autorità sanitarie parlarono in «un metallo che reagisce ad un magnete».

 

Anche Pfizer incorse in qualche problema con i vaccini nel Sol Levante: era stata riscontrata una sconosciuta materia bianca galleggiante in cinque fiale inutilizzate del vaccino COVID-19 di Pfizer. Il gigante farmeceutico assicurò che era tutto in regola.

 

Il rapporto del Giappone con i vaccini è piuttosto complicato. Il Giappone ha vietato il vaccino MMR nel 1993 e utilizza invece un vaccino combinato morbillo-rosolia.

 

Qualcuno può avere l’impressione che il Paese, con grande discrezione, negli anni abbia tentato di arginare, senza strepiti, lo strapotere del potere vaccinale.

 

Rimane il fatto, eclatante, che un Paese dove l’individuo non sempre viene prima della collettività (famiglia, clan, impresa, Nazione) rispetta la libertà individuale più dei Paesi occidentali, oramai divenuti dittature asiatiche dove l’individuo, la sua libertà, i suoi diritti sono schiacciati senza pietà alcuna.

 

Il fine del Grande Reset, del resto, è far sì che il mondo, più che al Giappone, assomigli alla Cina.

 

 

 

Gravidanza

L’mRNA vaccinale può «diffondersi sistematicamente» alla placenta e ai neonati nelle donne vaccinate durante la gravidanza

Pubblicato

il

Da

Un nuovo rapporto suggerisce che l’mRNA del vaccino non rimane nel sito di iniezione dopo la vaccinazione ma può «diffondersi a livello sistemico» nella placenta e nel sangue del cordone ombelicale dei bambini le cui madri sono state vaccinate durante la gravidanza. Lo riporta la testata statunitense Epoch Times.

 

In uno studio pre-prova sottoposto a revisione paritaria accettata per la pubblicazione sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology, i ricercatori hanno presentato due casi che dimostrano, per la prima volta, la capacità dei vaccini COVID-19 di penetrare la barriera feto-placentare e raggiungere l’interno dell’utero.

 

Inoltre, i ricercatori hanno rilevato la proteina spike nel tessuto placentare, indicando la bioattività dell’mRNA nel raggiungere la placenta. Gli studiosi hanno vaccinato due donne incinte con vaccini mRNA poco prima del parto per determinare se l’mRNA nei vaccini COVID-19 raggiungeva la placenta o il feto dopo la vaccinazione materna.

 

Il primo soggetto, «Paziente 1», era una donna di 34 anni a 38 settimane e quattro giorni di gestazione che ha ricevuto due dosi di vaccino Pfizer e due dosi di richiamo: una Pfizer e una Moderna. La dose di richiamo di Moderna è stata somministrata due giorni prima del parto di un bambino sano mediante taglio cesareo.

Sostieni Renovatio 21

Il secondo soggetto, «Paziente 2», era una donna di 33 anni alla 40a settimana di gestazione. Ha ricevuto due dosi di vaccino Pfizer. L’ultima dose è stata somministrata 10 giorni prima del parto vaginale di un bambino sano.

 

Secondo lo studio, i ricercatori hanno trovato mRNA del vaccino rilevabile in entrambe le placente testate. La localizzazione dell’mRNA del vaccino era principalmente nello stroma dei villi, lo strato di tessuto connettivo che supporta i capillari fetali e il trofoblasto dei villi. Il trofoblasto villoso, la barriera primaria tra i tessuti materni e fetali, supporta lo scambio di nutrienti tra una madre e il suo feto.

 

I ricercatori hanno anche rilevato un «segnale particolarmente elevato» dell’mRNA del vaccino nel tessuto deciduo placentare del paziente 1, che ha ricevuto quattro dosi di vaccino. La decidua è lo strato specializzato dell’endometrio che costituisce la base del letto placentare.

 

È stata rilevata anche l’espressione della proteina spike, ma solo nella placenta della Paziente 2. Tuttavia, l’mRNA del vaccino è stato rilevato nel cordone ombelicale e nei campioni di sangue materno del paziente 1, che non erano disponibili per il secondo paziente.

 

Gli autori hanno affermato che l’espressione della proteina spike nella placenta del secondo paziente ma non nel primo paziente suggerisce che sono necessari più di due giorni dopo la vaccinazione affinché l’mRNA raggiunga la placenta e venga tradotto nella proteina spike, che viene poi espressa nella proteina spike nel tessuto placentare.

 

Infine, i ricercatori hanno scoperto che l’integrità dell’mRNA del vaccino variava nei diversi campioni: la capacità del vaccino di attivare una risposta immunitaria si basa su un mRNA completamente intatto. Secondo i risultati, l’mRNA del vaccino era in gran parte frammentato nel sangue cordonale e meno frammentato nella placenta. Nelle placente, nei pazienti 1 e 2, rispettivamente, è stata mantenuta il 23% e il 42% dell’integrità iniziale. Nel sangue materno del paziente 1, l’mRNA del vaccino aveva un alto livello di integrità pari all’85%. L’integrità è scesa al 13% nel sangue cordonale, suggerendo una bioattività limitata.

 

I vaccini mRNA contro il COVID-19 utilizzano nanoparticelle lipidiche (LNP) per fornire mRNA. «I risultati suggeriscono che le nanoparticelle lipidiche (LNP) sono in grado di raggiungere la placenta e rilasciare mRNA all’interno delle cellule placentari, dove viene poi tradotto nella proteina spike (S). Tuttavia, nel momento in cui l’mRNA raggiunge il feto, non è più incapsulato dagli LNP, il che porta alla sua degradazione (solo il 13% dell’mRNA è intatto nella circolazione fetale)», ha dichiarato a Epoch Times la dottoressa Nazeeh Hanna, neonatologa autrice dello studio assieme ad altri.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

La dottoressa Hanna ha osservato che gli autori dell’articolo recentemente pubblicato non hanno valutato le implicazioni dell’espressione transitoria della proteina spike nella placenta o gli effetti dell’mRNA degradato sul feto.

 

Gli studi clinici iniziali per i vaccini mRNA contro il COVID-19 escludevano le donne in gravidanza, quindi non c’erano dati sulla biodistribuzione dell’mRNA nei vaccini contro il COVID-19 e sulla sua capacità di raggiungere la placenta o il feto dopo la vaccinazione materna. Tuttavia, i rapporti di valutazione forniti all’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) da Pfizer e Moderna mostrano che l’mRNA è distribuito in vari tessuti, tra cui fegato, ghiandole surrenali, milza e ovaie negli studi sugli animali.

 

Uno studio sugli animali citato dagli autori dell’articolo mostra che nanoparticelle lipidiche di composizione simile in altre iniezioni di mRNA hanno fornito mRNA funzionale alla placenta e ad altri organi fetali.

 

Due precedenti studi sull’uomo condotti dagli stessi ricercatori hanno valutato se l’mRNA nei vaccini COVID-19 è presente nella placenta dopo la vaccinazione materna utilizzando metodi diversi. Il primo studio non è riuscito a rilevare l’mRNA nel sangue materno e cordonale o nel tessuto placentare.

 

I ricercatori hanno attribuito questo al lungo intervallo tra la vaccinazione e il parto e alla metodologia utilizzata nello studio. Anche il secondo studio che utilizzava una sensibilità migliorata per rilevare l’mRNA non ha rivelato l’mRNA del vaccino. Tuttavia, gli autori hanno attribuito questo alla sonda che ha preso di mira il gene SARS-CoV-2 piuttosto che la sequenza dell’mRNA del vaccino.

 

Nel presente studio, gli autori hanno utilizzato un approccio più sensibile e robusto che ha permesso loro di avere una quantificazione più precisa dell’mRNA del vaccino per un’accuratezza superiore, e una sonda su misura esplicitamente per l’mRNA del vaccino, garantendo un rilevamento più affidabile.

 

«Il lavoro sugli animali mostra chiaramente la distribuzione delle nanoparticelle lipidiche in diversi organi, tra cui fegato, ghiandole surrenali, milza e ovaie. Quindi, raggiungere la placenta non è stato sorprendente. Negli esseri umani, abbiamo precedentemente pubblicato che l’mRNA del vaccino può essere distribuito nel latte materno» ha detto ancora la dottoressa Hanna a Epoch Times.

 

La dottoressa Hanna ritiene che l’introduzione dell’mRNA nel feto possa comportare rischi potenzialmente plausibili, ma potrebbe anche produrre benefici biologicamente plausibili. «Il potenziale degli interventi basati sull’mRNA nell’affrontare i problemi di salute materna e fetale è profondo. Tali intuizioni potrebbero far avanzare sostanzialmente la creazione di terapie basate sull’mRNA più sicure ed efficaci durante la gravidanza», ha affermato.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, all’inizio della campagna vaccinale a inizio 2021 vi era molta cautela riguardo alle vaccinazioni delle donne incinte. Tale cautela è andata via via misteriosamente sparendo.

 

Ad esempio, le linee guida inziali della Sanità britannica avvertivano del rischio di vaccinare donne gravide. Poi, i britannici cambiarono idea.

 

A fine 2021 fa la lo STIKO (Comitato permanente per le vaccinazioni dello Stato tedesco) sconsigliava il vaccino Moderna per le donne incinte.

 

Alcuni test del vaccino COVID Moderna su donne gravide erano partiti solo a metà 2021. Johnson&Johnson aveva iniziato ad eseguire esperimenti su donne incinte e neonati a inizio primavera 2021.

 

Alcuni casi annotati dal VAERS, il database pubblico delle reazioni avverse al vaccino negli USA, possono essere agghiaccianti. A dicembre 2021, una donna che si era sottoposta al vaccino al 3° trimestre di gravidanza ha partorito un bambino che è morto subito dopo aver sanguinato da naso e bocca. Ci sono stati casi aneddotici come quello dell’aborto spontaneo di una dottoressa vaccinata alla 14a settimana.

 

A fine gennaio 2021 l’OMS aveva detto alle donne incinte di non fare il vaccino Moderna.

 

Poi, d’un tratto, vi è stato un cambiamento. Le linee ufficiali USA cominciarono a sostenere che le donne in dolce attesa dovevano sottoporsi al vaccino COVID. La mutazione non si avvertì solo in America: come disse una dottoressa intervistata da Renovatio 21, «vaccinano tutti», immunodepressi e donne incinte inclusi – cioè due categorie che fino a non troppi anni fa erano categoricamente escluse da tutte le campagne di vaccinazioni

 

Come già scritto da Renovatio 21, in Italia, vi sono stati esempi di politiche – per esempio la ex-sindaco grillina di Torino Chiara Appendino – che hanno pubblicizzato la loro vaccinazione in gravidanza.

Sostieni Renovatio 21

Diversi medici, come il dottor James Thorp, hanno lanciato l’allarme perché hanno visto enormi effetti collaterali per le donne in gravidanza a causa dei vaccini COVID, inclusi aumenti di aborti spontanei, malformazioni fetali e anomalie cardiache fetali, etc.

 

Oltre alla questione della gravidanza, pare esserci una situazione di pericolo riguardo la fertilità, sia femminile che maschile.

 

La cosa è particolarmente evidente – persino agli stessi dirigenti Pfizer – nel caso delle donne, dove le alterazioni del ciclo mestruale ad un numero vaccinate sono oramai un fatto scientifico assodato.

 

Qualcuno comincia – anche a livello istituzionale – a mettere in relazione con il vaccino il calo delle nascite di bambini vivi registrato nei Paesi oggetto della campagna vaccinale in questi mesi.

 

Ribadiamo quanto scritto da Renovatio 21 subito: il vaccino COVID potrebbe essere la più grande minaccia mai affrontata dall’umanità.

 

E sospendiamo il giudizio su un esperimento che vaccina le donne in gravidanza, periodo nel quale, in passato, esse non venivano inoculate per niente.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio via Wikimedia

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

I vaccinati COVID hanno un rischio maggiore di malattie neurologiche: studio

Pubblicato

il

Da

Uno studio di big data condotto su 99 milioni di persone in otto paesi ha mostrato un’incidenza degli effetti collaterali di vari vaccini Covid-19 maggiore del previsto, ha affermato lunedì il Global Vaccine Data Network (GVDN).   Lo studio, originariamente pubblicato sulla rivista medica Vaccine il 12 febbraio, ha esaminato 13 condizioni neurologiche, ematiche e cardiache, chiamate «eventi avversi di particolare interesse». I ricercatori hanno esaminato 99.068.901 individui vaccinati provenienti da dieci siti in otto Paesi.   «La dimensione della popolazione in questo studio ha aumentato la possibilità di identificare rari potenziali segnali di sicurezza del vaccino», ha affermato Kristyna Faksova, l’autrice principale dello studio dello Statens Serum Institut di Copenhagen, Danimarca.   Secondo il GVDN, lo studio ha osservato una maggiore incidenza di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione della sacca cardiaca) del previsto tra coloro che hanno assunto le iniezioni Pfizer/BioNTech (BNT162b2) e Moderna (mRNA-1273).

Sostieni Renovatio 21

Il vaccino di Moderna ha avuto anche un tasso più elevato di encefalomielite acuta disseminata (ADEM, infiammazione e gonfiore del cervello e del midollo spinale), con sette eventi osservati rispetto ai due attesi entro 42 giorni dalla prima vaccinazione.   I segnali di sicurezza per la miocardite sono stati «coerentemente identificati» dopo le prime tre dosi di entrambi i vaccini di mRNA, con il rapporto più alto dopo la seconda dose. Segnali di pericardite sono comparsi anche dopo la prima e la quarta dose di mRNA-1273 e sono stati osservati anche dopo una terza dose del vaccino vettoriale virale Oxford/Astra Zeneca (ChAdOx1).   Tra i destinatari di ChAdOx1 sono stati osservati 190 eventi di sindrome di Guillain-Barré (GBS) rispetto ai 76 attesi e 69 casi osservati di trombosi del seno venoso cerebrale (CVST, un tipo di coagulo di sangue nel cervello) rispetto ai 21 attesi, secondo lo studio. ha mostrato.   Il GVDN ha reso i risultati disponibili al pubblico sui suoi dashboard interattivi di dati, insieme all’avvertimento di non leggere troppo nelle correlazioni e che i vaccini sono sicuri ed efficaci.   «Rendendo i dashboard dei dati disponibili al pubblico, siamo in grado di supportare una maggiore trasparenza e comunicazioni più forti al settore sanitario e al pubblico», ha affermato la co-direttrice di GVDN, la dottoressa Helen Petousis-Harris.   Lo studio faceva parte del Global COVID Vaccine Safety Project del GVDN ed è stato finanziato interamente da una sovvenzione di 10 milioni di dollari da parte dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine su licenza Envato
Continua a leggere

Spirito

Il papa nomina l’inventrice del vaccino mRNA alla Pontificia Accademia per la Vita. Mons. Viganò: scandalo, i sieri utilizzano feti abortivi

Pubblicato

il

Da

Il 10 febbraio papa Francesco ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia per la Vita la professoressa Katalin Kariko, docente presso l’Università di Szeged in Ungheria. Lo riporta Agensir.

La Kariko, come noto, è considerata l’inventrice del siero COVID mRNA. Per il suo lavoro con il farmaco genico sperimentale imposto a miliardi di persone la Kariko ha vinto l’anno passato il premio Nobel.

 

Su Twitter sono scattati subito i complimenti dell’istituzione vaticana, compresi quelli del capo della Pontificia Accademia per la Vita monsignor Paglia, il quale va ricordato per la sua passione vaccinale, prima con i sieri pediatrici (legge Lorenzin, 1997), poi per l’accorata richiesta della quinta dose.

 

Sostieni Renovatio 21

La Kariko a sua volta ha ringraziato commossa: «Sono profondamente onorata che papa Francesco mi abbia nominato membro della Pontificia Accademia per la Vita. L’anno scorso ho tenuto una conferenza in Vaticano sulle biotecnologie emergenti. È stato emozionante incontrare papa Francesco in udienza privata con la mia famiglia, ha benedetto i miei nipoti».

 

 

La nomina ha suscitato lo scandalo di monsignor Carlo Maria Viganò:

 

 

«È assolutamente scandalosa la nomina di Katalin Karikó alla Pontificia Accademia per la Vita, considerando il suo coinvolgimento nello sviluppo della terapia genica mRNA, che come ormai sappiamo prevede l’utilizzo di feti abortivi per la produzione dei sieri sperimentali».

 

«Non sfuggirà la coerenza con la nomina di un’altra atea abortista proveniente dal WEF, Mariana Mazzuccato, sempre ad opera di Bergoglio».

 

«L’azione devastatrice di questo Gesuita va oltre la dottrina e costituisce un vergognoso asservimento della Chiesa alle politiche criminali dell’élite globalista e conferma il ruolo eversivo dell’Argentino».

 

«Sconcerta che alcuni sedicenti conservatori si limitino a dichiarare che gli atti di Bergoglio non impegnano l’infallibilità pontificia, e che questo sia per loro sufficiente».

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, il Vaticano è stato lo Stato dove il vertice ha istituito il più draconiano obbligo vaccinale, al punto che chi ha rifiutato ha dovuto lasciare la città-Stato. Il papato ha imposto il vaccino ai giornalisti dell’aereo dei viaggi apostolici e in generale a chiunque volesse accompagnare il papa. Sono diventati noti negli anni gli incontri segreti tra il papa e l’amministratore delegato Pfizer Albert Bourla.

 

Il tema dell’uso di feti abortiti per la produzione dei farmaci, già dismesso nell’era Lorenzin da Bergoglio e Paglia, sembra ora neanche lontanamente considerato da parte cattolica.

 

Si tratta, per inciso, del tema su cui Renovatio 21 aveva, ancora più di un lustro fa, investito per creare i presupposti di un’obiezione di coscienza ai vaccini, che poco più tardi, allo scoppio della catastrofe pandemica, avrebbe potuto salvare milioni di persone dal macello della siringa mRNA.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di OrionNimrod via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International

Continua a leggere

Più popolari