Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Bambini come cavie: l’eredità di Fauci nei crudeli esperimenti sui bimbi

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Le recenti rivelazioni sul dottor Anthony Fauci hanno gettato nuova luce su un documentario della BBC del 2004, «Guinea Pig Kids». Il film ha esposto i crudeli esperimenti – approvati da Fauci e finanziati dai contribuenti statunitensi – sui bambini poveri delle minoranze come parte della ricerca di Fauci su una cura per l’AIDS.

 

 

 

Il recente scandalo #BeagleGate ha realizzato ciò che la pandemia globale di COVID, lo scandalo sulla ricerca sul «guadagno di funzione», gli obblighi vaccinali globali e una carriera fondata sullo sperpero di dollari dei contribuenti americani non hanno potuto: ha fatto sì che il mondo si fermasse e mettesse in discussione l’integrità del Dott. Anthony Fauci.

 

Nelle ultime settimane, i media mainstream e i social media sono stati riempiti con resoconti dei crudeli esperimenti sugli animali finanziati dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) utilizzando i dollari dei contribuenti americani.

 

Il NIAID, una divisione del National Institute of Health, opera sotto la direzione di Fauci.

 

Sulla base delle scoperte del giornalista investigativo Liam Scheff, lo sconvolgente documentario ha esposto gli strazianti esperimenti medici clandestini di Fauci sui bambini con infezione da HIV

Post virali sui social media hanno descritto come, dopo essere stati ridotti alla fame e aver rimosso le loro corde vocali in modo che non potessero ululare o abbaiare, la testa dei beagle veniva intrappolata in gabbie con mosche della sabbia affamate che mangiavano vivi i loro ospiti.

 

Ad altri cuccioli sono state iniettate varianti «mutanti» prodotte in laboratorio di batteri trasmessi dalle zecche prima di essere esposti a centinaia di zecche che hanno poi succhiato il loro sangue per circa una settimana. Il loro sangue è stato prelevato due volte a settimana per otto settimane e sono poi stati sacrificati.

 

In un altro esperimento, ai beagle sono state iniettate larve di filaria e successivamente soppressi in modo che le larve potessero essere utilizzate in altri esperimenti. 

 

L’indagine del White Coat Waste Project (WCW) che ha divulgato queste storie ha innescato una protesta pubblica e uno sforzo bipartisan per ritenere Fauci responsabile degli esperimenti inutili e violenti che ha autorizzato usando milioni di dollari dei contribuenti.

 

I successivi articoli dei media mainstream su WCW sono la prova dell’impatto che il #BeagleGate ha avuto sulla percezione pubblica.

 

Il dipartimento per il benessere dei bambini di New York, l’Amministrazione per i servizi per l’infanzia, aveva il compito di offrire i bambini vulnerabili e svantaggiati sotto la sua cura come topi da laboratorio per testare farmaci tossici per l’AIDS come AZT, Nevirapina e vari inibitori della proteasi, nonché vaccini sperimentali contro l’AIDS

«L’ironia è che sono questi piccoli cuccioli a provocare l’indignazione», ha affermato Vera Sharav, attivista per i diritti umani e fondatrice dell’ Alliance for Human Research Protection (AHRP).

 

Non che a Sharav non importi dei cuccioli. È frustrata, tuttavia, dal fatto di non essere in grado di generare la stessa protesta pubblica quando si tratta della sua missione di vita, porre fine alla crudele sperimentazione medica sui bambini.

 

«Gli animali hanno potenti sostenitori, come People for the Ethical Treatment of Animals, che combattono per proteggerli da questo tipo di abuso», ha detto Sharav. «Ma questi bambini sono usa e getta. È assurdo».

 

Come bambina sopravvissuto all’Olocausto, Sharav ha assistito in prima persona a come un sistema corrotto può cancellare sistematicamente le norme morali e l’empatia umana in nome della salute pubblica.

 

Ha lavorato per decenni per porre fine a pratiche mediche non etiche e abusive, comprese quelle sovvenzionate e agevolate da agenzie governative e Big Pharma.

 

La maggior parte di questi farmaci, approvati per gli adulti affetti da AIDS, contenevano avvertenze speciali e causavano effetti collaterali potenzialmente letali, tra cui morte del midollo osseo, insufficienza degli organi, deformità e danni cerebrali.

La sua battaglia per rompere il silenzio cospiratorio e ottenere l’attenzione dei media e delle autorità di regolamentazione è stata una battaglia in salita, durata decenni.

 

Ma nel 2004 c’era un barlume di speranza. La BBC contattò Sharav nell’ambito di una ricerca per un film documentario, «Guinea Pig Kids».

 

Sulla base delle scoperte del giornalista investigativo Liam Scheff, lo sconvolgente documentario ha esposto gli strazianti esperimenti medici clandestini di Fauci sui bambini con infezione da HIV in cura presso l’Incarnation Children’s Center (ICC).

 

Sharav ha collaborato con Scheff, la giornalista investigativa Celia Farber e il regista del film, Jamie Doran. Per un breve periodo, i tre avevano creduto che la verità potesse finalmente venire alla luce.

 

Ma, come hanno scoperto tutti, fare luce non è per i deboli di cuore.

 

 

Chi erano i «bambini-cavia»? 

L’ICC, che si è pubblicizzato come «l’unica struttura infermieristica qualificata di New York City per fornire assistenza specializzata a bambini e adolescenti affetti da HIV/AIDS», è stato lo scenario di questi crimini contro l’umanità.

 

Nel 1992, il NIAID ha fornito finanziamenti per riproporre l’ICC come «un ambulatorio per bambini sieropositivi» e la clinica è diventata parte della Pediatric AIDS Clinical Trials Unit della Columbia University.

 

La maggior parte dei bambini erano neri, ispanici e poveri, spesso nati da madri tossicodipendenti.

Il dipartimento per il benessere dei bambini di New York, l’Amministrazione per i servizi per l’infanzia, aveva il compito di offrire i bambini vulnerabili e svantaggiati sotto la sua cura come topi da laboratorio per testare farmaci tossici per l’AIDS come AZT, Nevirapina e vari inibitori della proteasi, nonché vaccini sperimentali contro l’AIDS.

 

La maggior parte di questi farmaci, approvati per gli adulti affetti da AIDS, contenevano avvertenze speciali e causavano effetti collaterali potenzialmente letali, tra cui morte del midollo osseo, insufficienza degli organi, deformità e danni cerebrali.

 

La maggior parte dei bambini erano neri, ispanici e poveri, spesso nati da madri tossicodipendenti.

 

Il NIAID, sfruttando l’ortodossia prevalente dell’AIDS, ha giustificato gli esperimenti non etici eseguiti su questi ragazzi come l’unica possibilità che avevano per sopravvivere.

 

Jacklyn Hoerger, il cui compito era somministrare i farmaci ai bambini, ha dichiarato:

 

«Ci è stato detto che se vomitavano, se perdevano la capacità di camminare, se avevano la diarrea, se stavano morendo, tutto questo era dovuto alla loro infezione da HIV. L’ho preso fedelmente come mi era stato detto dai medici»

«Ci è stato detto che se vomitavano, se perdevano la capacità di camminare, se avevano la diarrea, se stavano morendo, tutto questo era dovuto alla loro infezione da HIV. L’ho preso fedelmente come mi era stato detto dai medici».

 

La condiscendenza, come principio unidirezionale, è stato un tema ricorrente nella carriera di Fauci. Secondo il direttore medico dell’ICC, la dott.ssa Katherine Painter, il «problema più grande che devono affrontare le famiglie con bambini sieropositivi è l’osservanza delle regole».

 

Hoerger ha imparato questa lezione nel modo più duro, quando ha iniziato il processo di adozione di due sorellastre dal programma. Applicando un metodo scientifico molto più compassionevole a casa, Hoerger ha dedotto che erano i farmaci a causare i disturbi dei bambini. Quindi li ha tolti dai regimi farmacologici.

 

Ha descritto i miglioramenti come «quasi istantanei» e ha notato che le ragazze hanno iniziato a mangiare correttamente per la prima volta nella loro vita. Ma la sua inadempienza l’ha fatta apparire come un genitore negligente e ha perso la custodia delle ragazze. Non le fu mai più permesso di vederle.

 

All’ICC, la cooperazione dei soggetti sperimentali ha sempre avuto la precedenza sul loro benessere. Ai bambini era richiesto di assumere questi farmaci indipendentemente dai loro effetti negativi e gli effetti avversi sono stati attribuiti alla loro presunta malattia (AHRP ha scoperto che il NIAID ha permesso ai suoi partner farmaceutici di sperimentare su bambini senza infezioni da HIV confermate in laboratorio).

Quando alcuni genitori rifiutavano di acconsentire ai test, i funzionari dei servizi per l’infanzia li sottraevano prontamente e li collocavano presso famiglie affidatarie, o in case per bambini dove sarebbe stata autorizzata la loro partecipazione

 

Quando alcuni genitori rifiutavano di acconsentire ai test, i funzionari dei servizi per l’infanzia li sottraevano prontamente e li collocavano presso famiglie affidatarie, o in case per bambini dove sarebbe stata autorizzata la loro partecipazione.

 

Quando i bambini hanno resistito o rifiutato i farmaci sono stati trasportati al Columbia Presbyterian Hospital, dove sono stati inseriti chirurgicamente tubi di plastica nei loro stomaci per la somministrazione dei farmaci.

 

Secondo Sharav, almeno 80 bambini sono morti nel corso di questi studi clinici.

 

«Fauci ha solo nascosto tutti quei bambini morti sotto il tappeto», ha detto Sharav. «Erano danni collaterali alle sue ambizioni di carriera. Erano bambini usa e getta».

Secondo Sharav, almeno 80 bambini sono morti nel corso di questi studi clinici

 

Una visita alla fossa comune dell’ICC al cimitero di Gate of Heaven a Hawthorne, New York, ha chiarito la faccenda una volta per tutte per Celia Farber, giornalista investigativa che ha condotto ricerche per il film.

 

«Non potevo credere ai miei occhi», ha detto Farber.

 

«Era una fossa molto grande con erba sintetica gettata sopra, che si poteva sollevare. Sotto di essa, si potevano vedere dozzine di semplici bare di legno, impilate alla rinfusa. Potrebbero essere stati 100. Ho scoperto che in ognuno c’era più di un corpo di bambino».

 

La condiscendenza è stata un problema anche quando si è trattato di aderire al Codice di Norimberga o di seguire i regolamenti federali relativi alla partecipazione alla sperimentazione clinica.

«Fauci ha solo nascosto tutti quei bambini morti sotto il tappeto. Erano danni collaterali alle sue ambizioni di carriera. Erano bambini usa e getta».

 

Invece di aderire ai requisiti messi in atto per proteggere i bambini in affido, New York ha creato un comitato di revisione istituzionale, un comitato etico composto da rappresentanti degli stessi ospedali che stavano conducendo la ricerca per concedere le approvazioni.

 

In altre parole, l’approvazione è stata messa nelle mani degli azionisti.

 

Nel marzo 2004, l’organizzazione di Sharav ha presentato una denuncia sia alla Food and Drug Administration statunitense sia all’ufficio federale per la protezione della ricerca umana.

 

La denuncia si è concentrata sull’iscrizione illegale di bambini in affido in questi processi e sull’incapacità istituzionale a livello di sistema di proteggerli in conformità con i regolamenti federali che impongono un avvocato indipendente per ogni bambino.

 

«Era una fossa molto grande con erba sintetica gettata sopra, che si poteva sollevare. Sotto di essa, si potevano vedere dozzine di semplici bare di legno, impilate alla rinfusa. Potrebbero essere stati 100. Ho scoperto che in ognuno c’era più di un corpo di bambino»

Questi bambini, alcuni di appena 3 mesi, non avevano una voce indipendente. L’ACS, la stessa organizzazione che essenzialmente li ha messi su un nastro trasportatore per le sperimentazioni cliniche, era anche il loro tutore legale.

 

«È una completa abdicazione del primum non nocere e della dignità degli esseri umani», ha detto Sharav.

 

«Dal punto di vista della ricerca medica, gli animali da laboratorio sono costosi e questi bambini sono economici. Il governo li ha consegnati come una mandria di animali».

 

 

La campagna contro i «negazionisti dell’AIDS»

Guinea Pig Kids ha debuttato sulla BBC il 30 novembre 2004, ma è stato improvvisamente tolto dal palinsesto.

 

Una denuncia presentata da potenti attivisti dell’AIDS ha portato la BBC a ritirare il documentario e cancellare le indagini. E dietro le quinte è stato molto peggio.

 

Celia Farber ha raccontato che lei e altri sono stati «implacabilmente maltrattati a tutti i livelli» per essere i cosiddetti «negazionisti dell’AIDS».

 

«Dal punto di vista della ricerca medica, gli animali da laboratorio sono costosi e questi bambini sono economici. Il governo li ha consegnati come una mandria di animali»

«Ci hanno attaccati professionalmente, economicamente, spiritualmente, socialmente», ha ricordato Farber. «Nessuno voleva essere un negazionista dell’AIDS. Ha suscitato un odio così immediato. Quel termine ha lanciato un incantesimo davvero profondo e la gente non riusciva a sentire oltre. Ha immediatamente bloccato le persone».

 

Una riunione del sottocomitato del 2005 ospitata dal Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti ha concluso che i diritti fondamentali dei bambini adottivi erano stati violati in alcuni dei test sui farmaci per l’AIDS, ma nulla è cambiato all’ICC e i bambini hanno continuato a morire.

 

Al VERA Institute of Justice, che aveva il compito di indagare sulla morte dei bambini coinvolti in questi esperimenti, è stato proibito esaminare le cartelle cliniche e ha rifiutato di accettare i dati dell’indagine di Scheff.

 

Gli sforzi di Scheff, Sharav e Farber ripiombarono nell’oscurità. Finora.

 

«Fauci è a capo di questa agenzia (NIAID) dal 1984 e non ha mai inventato un farmaco o un vaccino. Non ci sono state guarigioni. È riuscito solo a terrorizzare le persone».

«Fauci è a capo di questa agenzia (NIAID) dal 1984 e non ha mai inventato un farmaco o un vaccino», ha detto Sharav. «Non ci sono state guarigioni. È riuscito solo a terrorizzare le persone».

 

Sharav è pronta per la fine del regno del terrore di Fauci.

 

Ma forse possiamo imparare di più su Fauci e sui suoi compari, non guardando i suoi fallimenti, ma rivolgendo la nostra attenzione al suo successo. Lui e i suoi colleghi del NIH e dei Centers for Disease Control and Prevention hanno perfezionato un paradigma pandemico utilizzando paradigmi diagnostici mutevoli e definizioni cliniche che incorporano metodi di test imperfetti.

 

Lui e i suoi colleghi del NIH e dei Centers for Disease Control and Prevention hanno perfezionato un paradigma pandemico utilizzando paradigmi diagnostici mutevoli e definizioni cliniche che incorporano metodi di test imperfetti. Questo metodo è stato utilizzato per lanciare alcune delle campagne di terrore di maggior successo nella storia globale

Questo metodo è stato utilizzato per lanciare alcune delle campagne di terrore di maggior successo nella storia globale. Quella paura è stata usata per generare un modello di guerra sanitaria che è stato usato per giustificare migliaia di esperimenti crudeli, inutili e costosi.

 

E mentre quegli esperimenti non hanno prodotto trattamenti o cure efficaci, hanno desensibilizzato con successo ricercatori e operatori sanitari e li hanno addestrati a «seguire semplicemente gli ordini» indipendentemente dai risultati sulla salute.

 

Tutto questo è stato realizzato con enormi spese per i contribuenti americani – e l’ortodossia risultante ha danneggiato la salute di milioni di persone.

 

I trattamenti vanno e vengono, ma la conformità medica e la creazione di una cultura del «come osi» per far vergognare e mettere a tacere le voci del dissenso è probabilmente rimasto l’esperimento scientifico di maggior successo e più redditizio nella storia globale.

 

Mentre quegli esperimenti non hanno prodotto trattamenti o cure efficaci, hanno desensibilizzato con successo ricercatori e operatori sanitari e li hanno addestrati a «seguire semplicemente gli ordini» indipendentemente dai risultati sulla salute

Ma ci sono due variabili di cui Fauci non ha tenuto conto con precisione: la resilienza dello spirito umano e la forza dell’amore di un genitore.

 

Assistere al dipanarsi della narrazione è surreale per Farber.

 

«Provo ancora rabbia e disgusto per il fatto che questa matrice terroristica degli attivisti dell’AIDS sia riuscita a convincere il pubblico a distogliere lo sguardo, che non dovrebbero preoccuparsi di questi bambini», ha dichiarato Farber.

 

Ma, nonostante tutto quello che ha passato, c’è una scintilla di ottimismo.

 

«La scintilla di luce è che così tante persone stanno comprendendo, che ci sono menti preparate per questo ora», ha detto Farber.

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 15 novembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Epidemie

La polio è tornata?

Pubblicato

il

Da

La poliomelite è tornata, a partire dalla capitale (im)morale del mondo, Nuova York

 

Facendo riferimento al caso di un adulto nell’area metropolitana neoeboracena che è stato infettato dal virus della poliomielite e ha subito una paralisi a giugno, il commissario per la salute dello Stato di New York Mary Bassett ha avvertito in un comunicato del 4 agosto che «sulla base di precedenti focolai di poliomielite, i newyorkesi dovrebbe sapere che per ogni caso di poliomielite paralitica osservato, potrebbero esserci centinaia di altre persone infette».

 

Oltre al COVID e al vaiuolo delle scimmie, ecco quindi che torna l’antico nemico dell’uomo: la polio

 

«Insieme alle ultime scoperte sulle acque reflue, il Dipartimento sta trattando il singolo caso di poliomielite solo come la punta dell’iceberg con una diffusione potenziale molto maggiore. Man mano che impariamo di più, quello che sappiamo è chiaro: il pericolo della poliomielite è presente a New York oggi. Dobbiamo affrontare questo momento assicurandoci che gli adulti, comprese le persone in gravidanza, e i bambini piccoli di 2 mesi di età siano in regola con la loro immunizzazione, la protezione sicura contro questo virus debilitante di cui ogni newyorkese ha bisogno».

 

In pratica: è tornata la polio, vaccinatevi. E vaccinate soprattutto i neonati e le «persone in gravidanze», che vorrebbe dire donne, ma per le legge orwelliane del mondo genderizzato non si possono più chiamare così. Nel mondo in cui vive chi ci comanda, gli uomini possono rimanere incinti, e la polio è tornata.

 

Il problema quindi sembra essere il basso tasso di vaccinazione nelle contee colpite.

 

Al 1 agosto 2022, la contea di Rockland aveva un tasso di vaccinazione antipolio del 60,34% e la contea di Orange del 58,68%, rispetto alla media statale del 78,96% dei bambini che hanno ricevuto 3 vaccinazioni antipolio prima del secondo compleanno.

 

«Questa circolazione senza precedenti della poliomielite nella nostra comunità da una malattia devastante che è stata sradicata dagli Stati Uniti nel 1979 deve essere fermata. Tutti i bambini e gli adulti non vaccinati dovrebbero ricevere immediatamente una prima immunizzazione contro la poliomielite. Il Dipartimento della salute della contea di Rockland è qui per aiutare i residenti a ricevere le vaccinazioni» ha detto il commissario del Dipartimento della salute della contea di Rockland, la dott.ssa Patricia Schnabel Ruppert.

 

Le autorità, insomma, sono ripartite con una campagna di vaccinazione universale per un morbo che, ci avevano detto, grazie ai vaccini era stato eradicato…

 

La polio, ricordiamo, è la chiave di volta di tutta la politica vaccinale del XX secolo. È grazie ai vaccini Salk e Sabin che la sierizzazione universale è stata imposta al mondo intero, blocco comunista compreso, creando la narrativa del vaccino farmaco benigno e miracoloso.

 

Come noto, la vaccinazione antipolio, a causa di cellule di reni di scimmia macaco rhesus contenuti nel preparato, trasmise il virus delle scimmie SV40 possibilmente a miliardi di persone. SV40 è un virus acquiescente nei primati, ma che nell’uomo invece si attiva. Alcuni scienziati ritengono che l’SV40 sia cancerogeno possa essere correlato con l’aumento del cancro nella seconda metà del Novecento.

 

 La storia dell’ascesa del vaccino polio (e quindi, dell’intero edificio della politica vaccinale mondiale) è controversa e, secondo alcuni, criminale.

 

Come riportato 4 anni fa da Renovatio 21, è emerso come il vaccino antipolio potrebbe aver provocato in India 490 mila casi di paralisi.

 

Le autorità mediche, compresa la stessa OMS, hanno ammesso che negli ultimi anni i focolai di polio scoppiati in Africa abbiano origine non dal virus «selvaggio», ma da quello dei vaccini: in pratica, sono state le campagne di vaccinazione – finanziate da Bill Gates – a far tornare la poliomelite in Africa.

 

Un mese fa il governo britannico ha messo che un nuovo focolaio di poliomelite è stato «probabilmenente» causato dal vaccino.


 

Continua a leggere

Epidemie

Il vaiolo delle scimmie è ora un’emergenza nazionale in USA

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’amministrazione Biden ha dichiarato l’epidemia di vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria nazionale, a seguito di New York e delle Nazioni Unite . Ci sono stati quasi 7.000 casi negli Stati Uniti.

 

«Questo è un forte tentativo di cercare di elevare il messaggio più in alto di quanto non sia stato», ha detto a STAT Tom Inglesby, della Johns Hopkins University. Ha detto che molti medici non avevano familiarità con il vaiolo delle scimmie e non sapevano come testarlo.

 

«Le persone devono cercarlo, conoscerlo e fare test».

 

Circa il 98% dei casi riguarda uomini omosessuali e bisessuali. C’è un numero crescente di casi di donne e bambini, ma la maggior parte di questi sono contatti familiari o partner sessuali di casi confermati.

 

Secondo un rapporto su The Hill:

 

«L’annuncio arriva in mezzo a intense critiche secondo cui l’amministrazione Biden non ha riconosciuto la gravità dell’epidemia, portando a carenze di dosi di vaccino e test diagnostici anche se la domanda è aumentata vertiginosamente».

 

«La Nazione ha già acquistato gran parte della fornitura globale di Jynneos, l’unico vaccino contro il vaiolo delle scimmie autorizzato negli Stati Uniti, ma gran parte di esso è conservato congelato in una sostanza sfusa. Deve essere sottoposto a un processo chiamato “riempimento e finitura” per mettere il vaccino in fiale utilizzabili da spedire e quindi somministrare».

«Alcuni esperti di salute pubblica temono che gli Stati Uniti abbiano perso l’opportunità di contenere e persino eliminare il virus».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Epidemie

Torna la mascherina per i bambini a scuola: basterà un raffreddore

Pubblicato

il

Da

Il 5 agosto l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato le «Indicazioni strategiche ad interim per preparedness e readiness ai fini di mitigazione delle infezioni da SARS-CoV-2 in ambito scolastico (anno scolastico 2022 -2023)».

 

Si tratta di un documento «messo a punto da Iss, con i ministeri della Salute e dell’Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome» a cui guardare se vogliamo avere una risposta alla domanda fondamentale che via via pressa sempre di più: i nostri figli dovranno portare la mascherina a scuola?

 

La risposta è: dipende.

 

Si tratta infatti di «misure standard di prevenzione per l’inizio dell’anno scolastico che tengono conto del quadro attuale, dall’altro, ulteriori interventi da modulare progressivamente in base alla valutazione del rischio e al possibile cambiamento del quadro epidemiologico».

 

In pratica, di un «doppio livello», dove con l’aggravarsi dell’epidemia percepita nel Paese si implementeranno varie restrizioni, tra cui le «mascherine chirurgiche, o FFP2, in posizione statica e/o dinamica».

 

Insomma, la porta al mascheramento dei bambini è ancora aperta, così come quella al «distanziamento di almeno 1 m», «somministrazione dei pasti nelle mense con turnazione», «consumo delle merende al banco» etc.

 

Questo, dicevamo, come «misure ulteriori, da implementare singolarmente o in combinazione».

 

Nelle «Misure di prevenzione di base attive al momento della ripresa scolastica», invece, abbiamo l’«utilizzo di dispositivi di protezione respiratoria (FFP2) per personale scolastico e alunni che sono a rischio di sviluppare forme severe di COVID-19». Ammettiamo di non capire bene cosa significhi: stanno forse parlando dei bambini non vaccinati?

 

Nelle misure base spicca anche il ruolo di una non meglio precisata «etichetta respiratoria». Si tratta di un’espressione nuovissima, inedita, ancorché grottesca (il «galateo del respirare»?), la cui piena significazione, pure qui, ci sfugge.

 

Il bambino, viene scritto, non può stare a scuola con «sintomatologia compatibile con COVID-19, quale, a titolo esemplificativo: sintomi respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria, vomito (episodi ripetuti accompagnati da malessere), diarrea (tre o più scariche con feci semiliquide o liquide), perdita del gusto, perdita dell’olfatto, cefalea intensa».

 

Tuttavia, forse sempre nello spirito dell’avveniristica «etichetta respiratoria», veniamo informati che se i sintomi sono deboli, si potrà andare in classe, purché mascherati con la chirurgica o la FFP2.

 

«Gli studenti con sintomi respiratori di lieve entità ed in buone condizioni generali che non presentano febbre, frequentano in presenza, prevedendo l’utilizzo di mascherine chirurgiche/FFP2 fino a risoluzione dei sintomi, igiene delle mani, etichetta respiratoria» scrive il testo.

 

Quindi: basterà il banale raffreddore, e vostro figlio dovrà vedersi ridotto l’ossigeno dalla nuova «etichetta respiratoria».

 

Basterà un naso che cola, ed ecco che il diritto allo studio sarà subordinato alla museruola di Stato, benché dimostrata essere inutile e nociva per il bambino.

 

«La scuola rappresenta uno dei setting in cui la circolazione di un virus a caratteristiche pandemiche richiede particolare attenzione» dice l’introduzione del documento, che non tiene conto della valanga di studi che attestano il contrario, ad esempio quelle fatte avere al ministero dalla Salute da associazioni come la Rete Nazionale Scuola in Presenza, che ha raccolto tutta la letteratura con le evidenze scientifiche internazionali sull’argomento.

 

A vincere nelle direttive di Stato è l’idea, costante e strisciante, del bambino come untore. È quello che scriveva, in quel 2019 pre-pandemico, il campione del vaccinismo social Roberto Burioni: «I figli sono gioie, felicità, etc, ma anche maligni amplificatori biologici che si infettano con virus per loro quasi innocui, li replicano potenziandoli logaritmicamente e infine li trasmettono con atroci conseguenze per l’organismo di un adulto».

 

Soprattutto, il ministero pare non aver nemmeno lontanamente contezza della quantità di materiale riguardo alla dannosità delle mascherine per i bambini.

 

Lo ha dimostrato, ad esempio, una ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista medica JAMA.

 

Ne ha parlato, ad esempio, l’Agenzia Tedesca per la difesa dei consumatori, dopo test su una quindicina di modelli.

 

Ha preso in considerazione la questione almeno un governo, quello irlandese, che l’anno scorso si è espresso contro le mascherine per i piccoli studenti.

 

Racconti più o meno aneddotici di malattie infantili causate dalle mascherine erano partiti già due anni fa.

 

Studi sulle microplastiche inalate indossando le mascherine, da adulti e bambini, stanno uscendo in questi mesi.

 

Inoltre, non possiamo dimenticare la quantità di danni allo sviluppo mentale dei bambini che il mascheramento globale e le altre restrizioni sembrano aver cagionato: bambini con problemi nel linguaggio e nelle relazioni, bambini che non riconoscono i volti, logopedisti intasati, e miriadi di casi di quello che oramai chiamano «ritardo da COVID»

 

Quella delle mascherine sui bambini, ha scritto il dottor Robert Malone, è «una follia di massa che deve cessare».

 

Liberiamo i bambini dalle mascherine.

 

Intanto, Renovatio 21 ha sottotitolato un video che può aiutarvi a capire quanto la protezione delle mascherine sia efficace e necessaria.

 

 

Continua a leggere

Più popolari