Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Bambina di 7 anni muore 11 giorni dopo il vaccino, secondo il rapporto VAERS

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention includevano un totale di 1.017.001 segnalazioni di eventi avversi di tutti i gruppi di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 21.382 decessi e 166.606 feriti gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021.

 

 

I Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato oggi nuovi dati che mostrano un totale di 1.017.001 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID che sono state inviate tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021 al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

Il VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti

 

I dati includevano un totale di 21.382 segnalazioni di decessi – con un aumento di 380 rispetto alla settimana precedente – e 166.606 segnalazioni di lesioni gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo di tempo – 4.100 in più rispetto alla settimana precedente.

 

Escludendo i «rapporti estere» al VAERS, negli Stati Uniti tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021 sono stati segnalati 715.857 eventi avversi, inclusi 9.778 decessi e 63.089 feriti gravi.

 

I rapporti esteri sono rapporti che le sussidiarie estere inviano ai produttori di vaccini statunitensi. In base alle normative della Food and Drug Administration (FDA) statunitense, se a un produttore viene notificata una segnalazione di un caso estero che descrive un evento grave e non compare sull’etichetta del prodotto, il produttore è tenuto a presentare la segnalazione a VAERS.

 

Dei 9.778 decessi negli Stati Uniti segnalati al 31 dicembre, il 20% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 24% entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

 

Negli Stati Uniti, al 30 dicembre erano state somministrate 507I 0,1 milioni di dosi di vaccino COVID, inclusi 296 milioni di dosi di Pfizer, 194 milioni di dosi di Moderna e 18 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J&J).

 

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sui danni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata. Le segnalazioni presentate a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che possa essere confermata una relazione causale.

 

Storicamente, è stato dimostrato che VAERS riporta solo l’ 1% degli effettivi eventi avversi del vaccino.

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni mostrano:

 

 

La morte più recente riguarda una bambina di 7 anni (VAERS ID 1975356 ) del Minnesota che è morta 11 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino COVID della Pfizer quando è stata trovata non responsiva dalla madre. Si attende l’autopsia.

 

 

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

 

 

La morte più recente riguarda una ragazza di 15 anni del Minnesota (VAERS ID 1974744 ), morta 177 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di Pfizer da un embolo polmonare. Si attende l’autopsia.

 

  • 62 segnalazioni di anafilassi tra i giovani di età compresa tra 12 e 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte, con il 96% dei casi attribuiti al vaccino Pfizer.

 

 

  • 146 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021, per tutti i gruppi di età combinati, mostrano:

  • Il 19% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.

 

  • Il 54% di coloro che sono morti erano maschi, il 41% erano femmine e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del defunto.

 

 

 

 

 

  • 2.252 segnalazioni di anafilassi in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte.

 

 

 

 

Il CDC non sta indagando sulla morte di 13 anni in seguito al vaccino COVID

Il CDC non sta indagando sulla morte di un ragazzo di 13 anni del Michigan morto il 16 giugno 2021 di miocardite tre giorni dopo la sua seconda dose di vaccino COVID della Pfizer.

 

Judicial Watch mercoledì ha ottenuto 314 pagine di documenti dal CDC, comprese le comunicazioni del direttore Dr. Rochelle Walensky che mostravano una richiesta di informazioni sulla morte di Jacob Clynick.

 

 


Nelle comunicazioni, i funzionari del CDC hanno affermato che l’agenzia non è stata attivamente coinvolta nelle indagini sulla morte di Clynick, sebbene sia entrata in contatto con il dipartimento sanitario statale e il patologo che ha confermato che i risultati preliminari hanno mostrato «allargamento ventricolare bilaterale e istologia coerenti con la miocardite».

 

Il funzionario ha affermato che l’agenzia è stata in contatto per «mantenere la consapevolezza della situazione», ma ha affermato che spetta agli stati condurre indagini sui decessi segnalati a seguito dei vaccini COVID.

 

La morte dell’adolescente non è stata riconosciuta dai funzionari del CDC nelle presentazioni sulla miocardite o sulla sicurezza dei vaccini durante le riunioni tenute dal comitato consultivo sulla sicurezza dei vaccini dell’agenzia, che formula raccomandazioni cliniche per l’uso dei vaccini COVID nei bambini.

 

 

Più bambini muoiono per vaccini che per COVID 

Come riportato da The Defender giovedì, un’infermiera della Louisiana il mese scorso ha detto ai legislatori statali che il suo ospedale sta assistendo a reazioni «terrificanti» ai vaccini COVID, inclusi coaguli di sangue , infarti, ictus, encefalopatia e aritmia cardiaca, e il personale non li segnala al VAERS.

 

Collette Martin, RN, un’infermiera praticante per 17 anni, durante la testimonianza a un’audizione della Louisiana House Health and Welfare Committee, ha detto al rappresentante statale Lawrence Bagley che la maggior parte dei professionisti medici nel suo ospedale non è nemmeno a conoscenza dell’esistenza del VAERS.

 

Martin ha affermato di aver sollevato preoccupazioni sulle reazioni avverse ai vaccini COVID e sulla mancata segnalazione agli amministratori ospedalieri, ma è stata «ripetutamente respinta».

 

È convinzione di Martin che solo una frazione dei decessi venga segnalata al VAERS poiché il suo ospedale e altri «non stanno segnalando nulla».

 

 

La variante di Omicron ha meno probabilità di causare danni ai polmoni o morte

Come riportato da The Defender mercoledì, numerosi studi sulle infezioni da Omicron hanno mostrato una diminuzione del danno polmonare e una diminuzione dei tassi di mortalità sia nei tessuti animali che umani, ma una maggiore trasmissibilità della variante di Omicron.

 

Un gruppo di scienziati giapponesi e americani il 29 dicembre ha pubblicato uno studio su criceti e topi infettati da Omicron o da una delle numerose varianti precedenti. I risultati hanno mostrato che le persone infette da Omicron avevano meno danni ai polmoni, perso meno peso e avevano meno probabilità di morire.

 

Secondo lo studio preliminare, scritto da oltre 50 scienziati internazionali, gli esperimenti «hanno osservato una minore infezione delle cellule bronchiali di criceto in vivo con Omicron rispetto al virus Delta».

 

I ricercatori hanno anche riscontrato un carico virale inferiore nelle cavità nasali dei topi infettati da Omicron rispetto a quelli infettati con altri ceppi SARS-CoV-2.

 

Questo studio sui roditori è coerente con i risultati annunciati all’inizio di dicembre dai ricercatori dell’Università di Hong Kong e con i dati epidemiologici provenienti dal Sud Africa negli ultimi due mesi. Mentre i casi sono saliti alle stelle, i ricoveri e i decessi sono diminuiti rispetto a Delta.

 

 

Lo studio mostra che il vaccino contro il COVID altera i cicli mestruali delle donne

L’ analisi di migliaia di record mestruali ha mostrato cicli delle donne cambiati dopo i vaccini COVID, convalidando segnalazioni aneddotiche da migliaia di donne che hanno detto loro cicli mestruali erano fuori dopo la vaccinazione.

 

Secondo uno studio pubblicato dal Journal of Obstetrics & Gynecology, le donne vaccinate avevano cicli mestruali leggermente più lunghi dopo il vaccino COVID rispetto a quelle che non erano state vaccinate.

 

La durata del ciclo è tornata alla normalità entro uno o due mesi, con un ritardo più pronunciato nelle donne che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino durante lo stesso ciclo mestruale. Queste donne hanno avuto il ciclo due giorni dopo il solito, hanno scoperto i ricercatori.

 

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Oregon Health & Science University e della Warren Alpert Medical School della Brown University, in collaborazione con Natural Cycles, la cui app è utilizzata da milioni di donne in tutto il mondo per monitorare i propri cicli.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 7 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Reazioni avverse

I vaccinati COVID hanno un rischio maggiore di malattie neurologiche: studio

Pubblicato

il

Da

Uno studio di big data condotto su 99 milioni di persone in otto paesi ha mostrato un’incidenza degli effetti collaterali di vari vaccini Covid-19 maggiore del previsto, ha affermato lunedì il Global Vaccine Data Network (GVDN).

 

Lo studio, originariamente pubblicato sulla rivista medica Vaccine il 12 febbraio, ha esaminato 13 condizioni neurologiche, ematiche e cardiache, chiamate «eventi avversi di particolare interesse». I ricercatori hanno esaminato 99.068.901 individui vaccinati provenienti da dieci siti in otto Paesi.

 

«La dimensione della popolazione in questo studio ha aumentato la possibilità di identificare rari potenziali segnali di sicurezza del vaccino», ha affermato Kristyna Faksova, l’autrice principale dello studio dello Statens Serum Institut di Copenhagen, Danimarca.

 

Secondo il GVDN, lo studio ha osservato una maggiore incidenza di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione della sacca cardiaca) del previsto tra coloro che hanno assunto le iniezioni Pfizer/BioNTech (BNT162b2) e Moderna (mRNA-1273).

Sostieni Renovatio 21

Il vaccino di Moderna ha avuto anche un tasso più elevato di encefalomielite acuta disseminata (ADEM, infiammazione e gonfiore del cervello e del midollo spinale), con sette eventi osservati rispetto ai due attesi entro 42 giorni dalla prima vaccinazione.

 

I segnali di sicurezza per la miocardite sono stati «coerentemente identificati» dopo le prime tre dosi di entrambi i vaccini di mRNA, con il rapporto più alto dopo la seconda dose. Segnali di pericardite sono comparsi anche dopo la prima e la quarta dose di mRNA-1273 e sono stati osservati anche dopo una terza dose del vaccino vettoriale virale Oxford/Astra Zeneca (ChAdOx1).

 

Tra i destinatari di ChAdOx1 sono stati osservati 190 eventi di sindrome di Guillain-Barré (GBS) rispetto ai 76 attesi e 69 casi osservati di trombosi del seno venoso cerebrale (CVST, un tipo di coagulo di sangue nel cervello) rispetto ai 21 attesi, secondo lo studio. ha mostrato.

 

Il GVDN ha reso i risultati disponibili al pubblico sui suoi dashboard interattivi di dati, insieme all’avvertimento di non leggere troppo nelle correlazioni e che i vaccini sono sicuri ed efficaci.

 

«Rendendo i dashboard dei dati disponibili al pubblico, siamo in grado di supportare una maggiore trasparenza e comunicazioni più forti al settore sanitario e al pubblico», ha affermato la co-direttrice di GVDN, la dottoressa Helen Petousis-Harris.

 

Lo studio faceva parte del Global COVID Vaccine Safety Project del GVDN ed è stato finanziato interamente da una sovvenzione di 10 milioni di dollari da parte dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine su licenza Envato

Continua a leggere

Spirito

Il papa nomina l’inventrice del vaccino mRNA alla Pontificia Accademia per la Vita. Mons. Viganò: scandalo, i sieri utilizzano feti abortivi

Pubblicato

il

Da

Il 10 febbraio papa Francesco ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia per la Vita la professoressa Katalin Kariko, docente presso l’Università di Szeged in Ungheria. Lo riporta Agensir. La Kariko, come noto, è considerata l’inventrice del siero COVID mRNA. Per il suo lavoro con il farmaco genico sperimentale imposto a miliardi di persone la Kariko ha vinto l’anno passato il premio Nobel.   Su Twitter sono scattati subito i complimenti dell’istituzione vaticana, compresi quelli del capo della Pontificia Accademia per la Vita monsignor Paglia, il quale va ricordato per la sua passione vaccinale, prima con i sieri pediatrici (legge Lorenzin, 1997), poi per l’accorata richiesta della quinta dose.  

Sostieni Renovatio 21

La Kariko a sua volta ha ringraziato commossa: «Sono profondamente onorata che papa Francesco mi abbia nominato membro della Pontificia Accademia per la Vita. L’anno scorso ho tenuto una conferenza in Vaticano sulle biotecnologie emergenti. È stato emozionante incontrare papa Francesco in udienza privata con la mia famiglia, ha benedetto i miei nipoti».     La nomina ha suscitato lo scandalo di monsignor Carlo Maria Viganò:     «È assolutamente scandalosa la nomina di Katalin Karikó alla Pontificia Accademia per la Vita, considerando il suo coinvolgimento nello sviluppo della terapia genica mRNA, che come ormai sappiamo prevede l’utilizzo di feti abortivi per la produzione dei sieri sperimentali».   «Non sfuggirà la coerenza con la nomina di un’altra atea abortista proveniente dal WEF, Mariana Mazzuccato, sempre ad opera di Bergoglio».   «L’azione devastatrice di questo Gesuita va oltre la dottrina e costituisce un vergognoso asservimento della Chiesa alle politiche criminali dell’élite globalista e conferma il ruolo eversivo dell’Argentino».   «Sconcerta che alcuni sedicenti conservatori si limitino a dichiarare che gli atti di Bergoglio non impegnano l’infallibilità pontificia, e che questo sia per loro sufficiente».

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, il Vaticano è stato lo Stato dove il vertice ha istituito il più draconiano obbligo vaccinale, al punto che chi ha rifiutato ha dovuto lasciare la città-Stato. Il papato ha imposto il vaccino ai giornalisti dell’aereo dei viaggi apostolici e in generale a chiunque volesse accompagnare il papa. Sono diventati noti negli anni gli incontri segreti tra il papa e l’amministratore delegato Pfizer Albert Bourla.   Il tema dell’uso di feti abortiti per la produzione dei farmaci, già dismesso nell’era Lorenzin da Bergoglio e Paglia, sembra ora neanche lontanamente considerato da parte cattolica.   Si tratta, per inciso, del tema su cui Renovatio 21 aveva, ancora più di un lustro fa, investito per creare i presupposti di un’obiezione di coscienza ai vaccini, che poco più tardi, allo scoppio della catastrofe pandemica, avrebbe potuto salvare milioni di persone dal macello della siringa mRNA.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di OrionNimrod via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
Continua a leggere

Epidemie

Il primo ministro slovacco Fico ordina un’indagine sulla risposta al COVID-19 e sui vaccini: oltre 21.000 morti in eccesso dal 2020

Pubblicato

il

Da

Il primo ministro slovacco Robert Fico, in un discorso davanti al Parlamento europeo questa settimana, ha annunciato che la Slovacchia avvierà un’indagine sul «circo COVID» relativo al lancio sperimentale del vaccino e alle misure di risposta alla pandemia.

 

«Non capiremo mai la verità sul ruolo svolto dalle aziende farmaceutiche e su chi abbia effettivamente organizzato l’intero circo del COVID-19», ha affermato Fico. «Con questo in mente, signore e signori, il governo della Repubblica slovacca ha deciso di includere negli annunci ufficiali la promessa di risolvere questo problema».

 

«Il popolo slovacco ha semplicemente bisogno di una risposta. Ha bisogno di risposte sulla vaccinazione, su cosa sia realmente», ha continuato. «Cos’era veramente? Perché vari vaccini sperimentali sono stati somministrati alle persone senza alcun test? Perché venivano spacciati alla gente tutti i tipi di droghe? Perché sono stati effettuati test in tutto lo stato? Chi ha comprato questi? Perché sono stati acquistati? Quanta quantità è stata acquistata? Quanti soldi sono stati spesi per questo? Alla fine ci siamo ritrovati con miliardi, miliardi!»

 

Sostieni Renovatio 21

Il Fico ha continuato spiegando che l’indagine è particolarmente giustificata dato che la Slovacchia ha registrato 21.000 morti in eccesso dal 2020, cosa che ha attribuito all’«incompetenza del governo».

 

«Abbiamo 21.000 morti, cosa che colleghiamo al fatto che i governi che erano qui dal 2020 non erano in grado di gestire (la pandemia) e si preoccupavano solo dei guadagni economici e, naturalmente, si sono assicurati di piegarsi alle aziende farmaceutiche da cui hanno acquistato enormi quantità di attrezzature mediche inutili e spesso anche di vaccini», ha affermato.

 

Il premier di Bratislava ha affermato che la Slovacchia creerà un nuovo ufficio governativo appositamente per indagare sulla questione e nominerà un suo deputato dell’Assemblea Nazionale per guidare l’indagine e pubblicarne i risultati.

 

«Sulla base di ciò che abbiamo a disposizione, vogliamo sapere cosa è realmente accaduto. Penso che il dottor Kotlar, deputato dell’Assemblea nazionale, sia dotato di informazioni sufficienti», ha detto il primo ministro. «Vedo che è preparato, anche quando si tratta di tenere unita la squadra. Gli ho chiesto di discutere tutto nel gabinetto prima di fare qualsiasi dichiarazione pubblica. E sono assolutamente, ripeto, assolutamente fiducioso che il suo lavoro darà dei risultati, che pubblicheremo e diremo al pubblico slovacco cosa è realmente accaduto durante questo periodo COVID».

 

«Oggi sappiamo una cosa: i governi precedenti non sono riusciti assolutamente a gestire il COVID e hanno lasciato 21.000 persone a se stesse. E, come tutti sappiamo, hanno guadagnato un sacco di soldi con acquisti non necessari di varie forniture mediche e vaccini».

 

A dicembre, il Fico aveva respinto il cosiddetto Trattato sulla pandemia dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), definendolo «una sciocchezza inventata da avide aziende farmaceutiche».

 


Come riportato da Renovatio 21, i politici slovacchi avevano accusato il Trattato pandemico OMS di essere uno sforzo «globalista» per indebolire le sovranità nazionali.

 

Il governo Fico si sta facendo notare anche per la sua opposizione all’armamento dell’Ucraina e al suo ingresso nella NATO. Il ministro della Cultura Martina Simkovicova ha revocato l’ordinanza che vietava la cooperazione culturale con Russia e Bielorussia, introdotta dal suo predecessore nel marzo 2022 in seguito allo scoppio del conflitto ucraino.

 

La Simkovicova ha inoltre dichiarato lo scorso mese di «rifiutare la normalizzazione progressiva» e ha annunciato la sua decisione di smettere di finanziare vari progetti LGBTQ,

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di European Council via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic

 

Continua a leggere

Più popolari