Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Bambina di 7 anni muore 11 giorni dopo il vaccino, secondo il rapporto VAERS

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention includevano un totale di 1.017.001 segnalazioni di eventi avversi di tutti i gruppi di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 21.382 decessi e 166.606 feriti gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021.

 

 

I Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato oggi nuovi dati che mostrano un totale di 1.017.001 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID che sono state inviate tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021 al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

Il VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti

 

I dati includevano un totale di 21.382 segnalazioni di decessi – con un aumento di 380 rispetto alla settimana precedente – e 166.606 segnalazioni di lesioni gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo di tempo – 4.100 in più rispetto alla settimana precedente.

 

Escludendo i «rapporti estere» al VAERS, negli Stati Uniti tra il 14 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021 sono stati segnalati 715.857 eventi avversi, inclusi 9.778 decessi e 63.089 feriti gravi.

 

I rapporti esteri sono rapporti che le sussidiarie estere inviano ai produttori di vaccini statunitensi. In base alle normative della Food and Drug Administration (FDA) statunitense, se a un produttore viene notificata una segnalazione di un caso estero che descrive un evento grave e non compare sull’etichetta del prodotto, il produttore è tenuto a presentare la segnalazione a VAERS.

 

Dei 9.778 decessi negli Stati Uniti segnalati al 31 dicembre, il 20% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 24% entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

 

Negli Stati Uniti, al 30 dicembre erano state somministrate 507I 0,1 milioni di dosi di vaccino COVID, inclusi 296 milioni di dosi di Pfizer, 194 milioni di dosi di Moderna e 18 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J&J).

 

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sui danni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata. Le segnalazioni presentate a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che possa essere confermata una relazione causale.

 

Storicamente, è stato dimostrato che VAERS riporta solo l’ 1% degli effettivi eventi avversi del vaccino.

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni mostrano:

 

 

La morte più recente riguarda una bambina di 7 anni (VAERS ID 1975356 ) del Minnesota che è morta 11 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino COVID della Pfizer quando è stata trovata non responsiva dalla madre. Si attende l’autopsia.

 

 

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

 

 

La morte più recente riguarda una ragazza di 15 anni del Minnesota (VAERS ID 1974744 ), morta 177 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di Pfizer da un embolo polmonare. Si attende l’autopsia.

 

  • 62 segnalazioni di anafilassi tra i giovani di età compresa tra 12 e 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte, con il 96% dei casi attribuiti al vaccino Pfizer.

 

 

  • 146 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021, per tutti i gruppi di età combinati, mostrano:

  • Il 19% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.

 

  • Il 54% di coloro che sono morti erano maschi, il 41% erano femmine e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del defunto.

 

 

 

 

 

  • 2.252 segnalazioni di anafilassi in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte.

 

 

 

 

Il CDC non sta indagando sulla morte di 13 anni in seguito al vaccino COVID

Il CDC non sta indagando sulla morte di un ragazzo di 13 anni del Michigan morto il 16 giugno 2021 di miocardite tre giorni dopo la sua seconda dose di vaccino COVID della Pfizer.

 

Judicial Watch mercoledì ha ottenuto 314 pagine di documenti dal CDC, comprese le comunicazioni del direttore Dr. Rochelle Walensky che mostravano una richiesta di informazioni sulla morte di Jacob Clynick.

 

 


Nelle comunicazioni, i funzionari del CDC hanno affermato che l’agenzia non è stata attivamente coinvolta nelle indagini sulla morte di Clynick, sebbene sia entrata in contatto con il dipartimento sanitario statale e il patologo che ha confermato che i risultati preliminari hanno mostrato «allargamento ventricolare bilaterale e istologia coerenti con la miocardite».

 

Il funzionario ha affermato che l’agenzia è stata in contatto per «mantenere la consapevolezza della situazione», ma ha affermato che spetta agli stati condurre indagini sui decessi segnalati a seguito dei vaccini COVID.

 

La morte dell’adolescente non è stata riconosciuta dai funzionari del CDC nelle presentazioni sulla miocardite o sulla sicurezza dei vaccini durante le riunioni tenute dal comitato consultivo sulla sicurezza dei vaccini dell’agenzia, che formula raccomandazioni cliniche per l’uso dei vaccini COVID nei bambini.

 

 

Più bambini muoiono per vaccini che per COVID 

Come riportato da The Defender giovedì, un’infermiera della Louisiana il mese scorso ha detto ai legislatori statali che il suo ospedale sta assistendo a reazioni «terrificanti» ai vaccini COVID, inclusi coaguli di sangue , infarti, ictus, encefalopatia e aritmia cardiaca, e il personale non li segnala al VAERS.

 

Collette Martin, RN, un’infermiera praticante per 17 anni, durante la testimonianza a un’audizione della Louisiana House Health and Welfare Committee, ha detto al rappresentante statale Lawrence Bagley che la maggior parte dei professionisti medici nel suo ospedale non è nemmeno a conoscenza dell’esistenza del VAERS.

 

Martin ha affermato di aver sollevato preoccupazioni sulle reazioni avverse ai vaccini COVID e sulla mancata segnalazione agli amministratori ospedalieri, ma è stata «ripetutamente respinta».

 

È convinzione di Martin che solo una frazione dei decessi venga segnalata al VAERS poiché il suo ospedale e altri «non stanno segnalando nulla».

 

 

La variante di Omicron ha meno probabilità di causare danni ai polmoni o morte

Come riportato da The Defender mercoledì, numerosi studi sulle infezioni da Omicron hanno mostrato una diminuzione del danno polmonare e una diminuzione dei tassi di mortalità sia nei tessuti animali che umani, ma una maggiore trasmissibilità della variante di Omicron.

 

Un gruppo di scienziati giapponesi e americani il 29 dicembre ha pubblicato uno studio su criceti e topi infettati da Omicron o da una delle numerose varianti precedenti. I risultati hanno mostrato che le persone infette da Omicron avevano meno danni ai polmoni, perso meno peso e avevano meno probabilità di morire.

 

Secondo lo studio preliminare, scritto da oltre 50 scienziati internazionali, gli esperimenti «hanno osservato una minore infezione delle cellule bronchiali di criceto in vivo con Omicron rispetto al virus Delta».

 

I ricercatori hanno anche riscontrato un carico virale inferiore nelle cavità nasali dei topi infettati da Omicron rispetto a quelli infettati con altri ceppi SARS-CoV-2.

 

Questo studio sui roditori è coerente con i risultati annunciati all’inizio di dicembre dai ricercatori dell’Università di Hong Kong e con i dati epidemiologici provenienti dal Sud Africa negli ultimi due mesi. Mentre i casi sono saliti alle stelle, i ricoveri e i decessi sono diminuiti rispetto a Delta.

 

 

Lo studio mostra che il vaccino contro il COVID altera i cicli mestruali delle donne

L’ analisi di migliaia di record mestruali ha mostrato cicli delle donne cambiati dopo i vaccini COVID, convalidando segnalazioni aneddotiche da migliaia di donne che hanno detto loro cicli mestruali erano fuori dopo la vaccinazione.

 

Secondo uno studio pubblicato dal Journal of Obstetrics & Gynecology, le donne vaccinate avevano cicli mestruali leggermente più lunghi dopo il vaccino COVID rispetto a quelle che non erano state vaccinate.

 

La durata del ciclo è tornata alla normalità entro uno o due mesi, con un ritardo più pronunciato nelle donne che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino durante lo stesso ciclo mestruale. Queste donne hanno avuto il ciclo due giorni dopo il solito, hanno scoperto i ricercatori.

 

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Oregon Health & Science University e della Warren Alpert Medical School della Brown University, in collaborazione con Natural Cycles, la cui app è utilizzata da milioni di donne in tutto il mondo per monitorare i propri cicli.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 7 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Big Pharma

Studio: l’efficacia del vaccino Pfizer negli adolescenti diminuisce 27 giorni dopo la seconda dose

Pubblicato

il

Da

Uno studio pubblicato l’8 agosto su The Lancet ha mostrato che l’efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 contro l’infezione sintomatica tra gli adolescenti «è rapidamente diminuita nel tempo», con una diminuzione da soli 27 giorni dopo la seconda dose.

 

I ricercatori hanno analizzato i dati di 503.776 test COVID-19 di 2.948.538 adolescenti – di età compresa tra 12 e 17 anni – in Brasile dal 2 settembre 2021 al 19 aprile 2022 e 127.168 test di 404.673 adolescenti in Scozia dal 6 agosto 2021 ad aprile 19, 2022.

 

Lo studio ha mostrato che l’efficacia del vaccino ha iniziato a diminuire 27 giorni dopo la seconda dose per entrambi i paesi, precipitando al 5,9% (IC 95% 2,2–9,4) in Brasile e scendendo al 50,6% (IC 95% 42,7–57,4) in Scozia a 98 giorni dopo che gli adolescenti hanno ricevuto la seconda dose.

 

Mentre la protezione contro il COVID-19 sintomatico è diminuita drasticamente in entrambi i paesi meno di un mese dopo la seconda dose, la protezione contro malattie gravi, definite come ospedalizzazione o morte entro 28 giorni, è rimasta al di sopra dell’80% in Brasile da 28 giorni a 98 giorni e oltre.

 

Gli autori hanno cercato di valutare la protezione contro malattie gravi in ​​Scozia, ma non sono stati in grado di farlo perché durante il periodo dello studio sono stati segnalati così pochi casi di COVID-19 grave negli adolescenti in Scozia.

 

Gli autori hanno concluso che «due dosi non sono sufficienti per sostenere la protezione contro le malattie sintomatiche» negli adolescenti e hanno raccomandato di fare ulteriori ricerche sulla necessità di dosi di richiamo .

 

 

 

© 12 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

L’EMA afferma che il vaccino Novavax deve riportare un avviso per l’infiammazione cardiaca

Pubblicato

il

Da

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) mercoledì ha raccomandato di aggiungere un avviso per due tipi di infiammazione cardiaca al vaccino COVID-19 di Novavax, commercializzato con i marchi Nuvaxovid e Covovax, sulla base di un piccolo numero di casi segnalati in coloro che hanno ricevuto il vaccino.

 

Secondo una dichiarazione , il comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza dell’EMA, responsabile della valutazione e del monitoraggio della sicurezza dei medicinali per uso umano, ha concluso che «la miocardite e la pericardite possono verificarsi in seguito alla vaccinazione con NuvaxovidÅ.

 

«Il comitato raccomanda quindi di elencare miocardite e pericardite come nuovi effetti collaterali nelle informazioni sul prodotto di Nuvaxovid, insieme a un avvertimento per sensibilizzare gli operatori sanitari e le persone che ricevono questo vaccino», afferma la dichiarazione.

 

Il comitato ha anche chiesto al «titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio di Nuvaxovid di fornire dati aggiuntivi sul rischio che si verifichino effetti collaterali».

 

Secondo Reuters, la FDA ha segnalato il rischio di infiammazione cardiaca di Novavax all’inizio di giugno.

 

Tuttavia, il 13 luglio l’agenzia ha concesso la richiesta di Novavax per l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni negli Stati Uniti

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 5 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

La polio è tornata?

Pubblicato

il

Da

La poliomelite è tornata, a partire dalla capitale (im)morale del mondo, Nuova York

 

Facendo riferimento al caso di un adulto nell’area metropolitana neoeboracena che è stato infettato dal virus della poliomielite e ha subito una paralisi a giugno, il commissario per la salute dello Stato di New York Mary Bassett ha avvertito in un comunicato del 4 agosto che «sulla base di precedenti focolai di poliomielite, i newyorkesi dovrebbe sapere che per ogni caso di poliomielite paralitica osservato, potrebbero esserci centinaia di altre persone infette».

 

Oltre al COVID e al vaiuolo delle scimmie, ecco quindi che torna l’antico nemico dell’uomo: la polio

 

«Insieme alle ultime scoperte sulle acque reflue, il Dipartimento sta trattando il singolo caso di poliomielite solo come la punta dell’iceberg con una diffusione potenziale molto maggiore. Man mano che impariamo di più, quello che sappiamo è chiaro: il pericolo della poliomielite è presente a New York oggi. Dobbiamo affrontare questo momento assicurandoci che gli adulti, comprese le persone in gravidanza, e i bambini piccoli di 2 mesi di età siano in regola con la loro immunizzazione, la protezione sicura contro questo virus debilitante di cui ogni newyorkese ha bisogno».

 

In pratica: è tornata la polio, vaccinatevi. E vaccinate soprattutto i neonati e le «persone in gravidanze», che vorrebbe dire donne, ma per le legge orwelliane del mondo genderizzato non si possono più chiamare così. Nel mondo in cui vive chi ci comanda, gli uomini possono rimanere incinti, e la polio è tornata.

 

Il problema quindi sembra essere il basso tasso di vaccinazione nelle contee colpite.

 

Al 1 agosto 2022, la contea di Rockland aveva un tasso di vaccinazione antipolio del 60,34% e la contea di Orange del 58,68%, rispetto alla media statale del 78,96% dei bambini che hanno ricevuto 3 vaccinazioni antipolio prima del secondo compleanno.

 

«Questa circolazione senza precedenti della poliomielite nella nostra comunità da una malattia devastante che è stata sradicata dagli Stati Uniti nel 1979 deve essere fermata. Tutti i bambini e gli adulti non vaccinati dovrebbero ricevere immediatamente una prima immunizzazione contro la poliomielite. Il Dipartimento della salute della contea di Rockland è qui per aiutare i residenti a ricevere le vaccinazioni» ha detto il commissario del Dipartimento della salute della contea di Rockland, la dott.ssa Patricia Schnabel Ruppert.

 

Le autorità, insomma, sono ripartite con una campagna di vaccinazione universale per un morbo che, ci avevano detto, grazie ai vaccini era stato eradicato…

 

La polio, ricordiamo, è la chiave di volta di tutta la politica vaccinale del XX secolo. È grazie ai vaccini Salk e Sabin che la sierizzazione universale è stata imposta al mondo intero, blocco comunista compreso, creando la narrativa del vaccino farmaco benigno e miracoloso.

 

Come noto, la vaccinazione antipolio, a causa di cellule di reni di scimmia macaco rhesus contenuti nel preparato, trasmise il virus delle scimmie SV40 possibilmente a miliardi di persone. SV40 è un virus acquiescente nei primati, ma che nell’uomo invece si attiva. Alcuni scienziati ritengono che l’SV40 sia cancerogeno possa essere correlato con l’aumento del cancro nella seconda metà del Novecento.

 

 La storia dell’ascesa del vaccino polio (e quindi, dell’intero edificio della politica vaccinale mondiale) è controversa e, secondo alcuni, criminale.

 

Come riportato 4 anni fa da Renovatio 21, è emerso come il vaccino antipolio potrebbe aver provocato in India 490 mila casi di paralisi.

 

Le autorità mediche, compresa la stessa OMS, hanno ammesso che negli ultimi anni i focolai di polio scoppiati in Africa abbiano origine non dal virus «selvaggio», ma da quello dei vaccini: in pratica, sono state le campagne di vaccinazione – finanziate da Bill Gates – a far tornare la poliomelite in Africa.

 

Un mese fa il governo britannico ha messo che un nuovo focolaio di poliomelite è stato «probabilmenente» causato dal vaccino.

Continua a leggere

Più popolari