19 sanitari morti dopo il vaccino: continua la strage in India

 

 

Il 1° febbraio, Mannu Pahan, 47 anni, un operatore sanitario di Ranchi nel Jharkhand, dopo essere stato vaccinato contro COVID-19 è morto in 48 ore. È morto all’ospedale Medanta e il suo corpo è stato sottoposto all’autopsia.  Lo scrive la testata indiana Gaon Connection, specializzata nel mondo rurale del subcontinente.

 

Pahan è uno dei 19 operatori sanitari del paese a perdere la vita dopo aver ricevuto la vaccinazione COVID-19 dal lancio della campagna di immunizzazione COVID-19 il 16 gennaio.

Mentre il governo ha negato qualsiasi connessione tra i decessi e il vaccino, i funzionari della sanità pubblica del paese, il 31 gennaio, hanno scritto al ministero della salute e del benessere familiare dell’Unione, sollevando domande e chiedendo un’indagine immediata sulle morti

 

Mentre il governo ha negato qualsiasi connessione tra i decessi e il vaccino, i funzionari della sanità pubblica del paese, il 31 gennaio, hanno scritto al ministero della salute e del benessere familiare dell’Unione, sollevando domande e chiedendo un’indagine immediata sulle morti. 

 

La lettera al ministero della salute richiedeva i dettagli dei decessi avvenuti dopo la vaccinazione COVID-19, di casi gravi e molto gravi (eventi avversi post-vaccinazione) e rendeva pubblici i dettagli dell’indagine incluso il numero di serie, la data della vaccinazione, di eventi avversi successivi all’immunizzazione (AEFI), posizione, stato delle indagini e risultati.

 

La lettera richiedeva anche che i verbali dei comitati AEFI formati a livello nazionale, statale e distrettuale sugli incidenti avversi verificatisi dopo la vaccinazione fossero resi pubblici.

 

«Finora, la maggior parte dei casi di decessi da vaccino COVID-19 sarebbero stati dovuti a traumi cardiovascolari e cerebrali. Tutti questi gruppi devono essere esaminati immediatamente in modo che almeno le ragioni alla base siano note»

La lettera ha richiamato l’attenzione su diversi fatti: la morte di operatori sanitari è avvenuta da poche ore a un massimo di cinque giorni dopo l’assunzione del vaccino COVID-19; i defunti avevano un’età compresa tra i 23 ei 56 anni; i resoconti dei media hanno evidenziato problemi cardiovascolari o traumi cerebrali come la causa dietro ciascuna delle morti; e che in tutti i casi il vaccino coinvolto era il Covishield.

 

«Finora, la maggior parte dei casi di decessi da vaccino COVID-19 sarebbero stati dovuti a traumi cardiovascolari e cerebrali. Tutti questi gruppi devono essere esaminati immediatamente in modo che almeno le ragioni alla base siano note», ha detto a Gaon Connection Amar Jesani, un consulente indipendente, ricercatore e insegnante di bioetica e salute pubblic . Egli è anche editore dell’Indian Journal of Medical Ethics e uno dei firmatari della lettera. Jesani ha chiesto che le indagini siano rese pubbliche in modo che non ci fosse scetticismo tra le persone sulla vaccinazione COVID-19.