Connettiti con Renovato 21

Tecnologia

Una startup vuole infliggere vero dolore nel metaverso

Pubblicato

il

 

Una startup giapponese chiamata H2L Technologies vuole che tu possa sentire dolore all’interno del metaverso, tramite un braccialetto che eroga piccole scosse elettriche. Lo riporta il Financial Times.

 

«Sentire il dolore ci consente di trasformare il mondo del metaverso in un [mondo] reale, con maggiori sensazioni di presenza e immersione», ha dichiarato al giornale finanziario Emi Tamaki, CEO di H2L.

 

Il dispositivo indossabile della startup supportata da Sony, non è progettato pensando solo a infliggere dolore, ma ha anche lo scopo di trasmettere «sensazione di peso e resistenza agli utenti e agli avatar del metaverso», secondo quanto dice l’azienda.

 

Grazie alla stimolazione elettrica del braccialetto, può imitare una serie di sensazioni come l’afferrare una palla o avvertire il pizzico del becco di un volatile sulla pelle di chi lo indossa. 

 

Gli obiettivi della Tamaki sono molto più ambiziosi di un semplice braccialetto. Spera di «liberare gli esseri umani da qualsiasi tipo di vincolo in termini di spazio, corpo e tempo» entro il prossimo decennio.

 

Per la scienziata è un modo per connettersi con il mondo esterno, specialmente per persone come lei che «non hanno abbastanza muscoli a causa di malattie cardiache».

 

Il suo sogno è «viaggiare ovunque, in qualsiasi momento» attraverso la tecnologia, anche se quell’esperienza comporta dolore fisico.

 

Una situazione già vista alla Recall, l’agenzia nel film di Verhoeven, che impiantava viaggi virtuali nel cervello dei clienti desiderosi di forti esperienze, una sorta di inquietante anticipazione hollywoodiana delmetaverso. 

 

Inoltre il metaverso, data la crescente popolarità dei visori a realtà virtuale (VR), ha già l’effetto collaterale di casi di ferimento di alcuni utenti. Per un motivo alquanto semplice: gli utenti resi ciechi rispetto alla realtà-reale dai loro caschi, non sanno dove stanno mettendo le mani o i piedi. E si fanno del male.

 

Un’altra conseguenza particolarmente grave di questa «realtà parallela», secondo alcuni esperti, è che potrebbe essere un luogo dove possono entrare i predatori di bambini: «andranno lì prima per trarre vantaggio dal fatto che è un terreno sicuro per abusare o preparare i bambini» , ha dichiarato al Washington PostSarah Gardner, vicepresidente degli affari esterni presso l’organizzazione no profit per la sicurezza digitale dei bambini Thorn.

 

La fantasia pare stia superando la realtà in quando a violenza e crudeltà, che mai possono essere del tutto virtuali.

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Tecnologia di riconoscimento facciale: come viene utilizzata in Ucraina e perché è ancora così controversa

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce e pubblica questo articolo di The Conversation. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La tecnologia di riconoscimento facciale viene utilizzata per la prima volta in guerra.

 

Potrebbe essere un punto di svolta in Ucraina, dove viene utilizzato per identificare i morti e riunire le famiglie. Ma se non riusciamo a confrontarci con l’etica di questa tecnologia ora, potremmo trovarci riguardo ai diritti umani in un campo minato.

 

Il Ministero della Difesa ucraino utilizza il software di riconoscimento facciale Clearview AI da marzo 2022 per creare un caso per crimini di guerra e identificare i morti, sia russi che ucraini.

 

Il ministero della Trasformazione digitale in Ucraina ha affermato che sta utilizzando la tecnologia Clearview AI per dare ai russi la possibilità di sperimentare il «vero costo della guerra» e per far sapere alle famiglie che se vogliono ritrovare i corpi dei loro cari, sono «benvenuti a venire in Ucraina».

 

L’Ucraina ha libero accesso al software. Viene anche utilizzato ai posti di blocco e potrebbe aiutare a riunire i rifugiati con le loro famiglie.

 

Il contraccolpo sulla privacy

Il mese scorso, tuttavia, l’ Ufficio del Commissario per le informazioni del Regno Unito (ICO) ha multato Clearview AI per oltre 7,5 milioni di sterline per aver raccolto immagini di persone nel Regno Unito e altrove dal Web e dai social media.

 

È stato ordinato di eliminare le immagini e di interrompere l’ottenimento e l’utilizzo dei dati personali dei residenti nel Regno Unito disponibili pubblicamente su Internet. Inizialmente l’ICO aveva dichiarato di voler multare Clearview AI 17 milioni di sterline.

 

Secondo l’ICO, dato l’enorme numero di utenti dei social media nel Regno Unito, è probabile che il database dei volti di Clearview AI contenga una quantità significativa di immagini raccolte senza consenso.

 

Un avvocato di Clearview, AI Lee Wolosky, ha dichiarato: «Sebbene apprezziamo il desiderio dell’ICO di ridurre la propria sanzione pecuniaria su Clearview AI, sosteniamo comunque la nostra posizione secondo cui la decisione di imporre una multa non è corretta in termini di legge. Clearview AI non è soggetta alla giurisdizione dell’ICO e Clearview AI non ha affari nel Regno Unito in questo momento».

 

Clearview AI ha dichiarato di volere 100 miliardi di immagini di volti nel suo database entro l’inizio del 2023, equivalenti a 14 per ogni persona sulla Terra. Più foto della stessa persona migliorano la precisione del sistema.

 

Secondo il sito web di Clearview AI , la sua tecnologia di riconoscimento facciale aiuta le forze dell’ordine a contrastare la criminalità e consente alle aziende di trasporto, alle banche e ad altre società commerciali di rilevare furti, prevenire frodi e verificare le identità.

 

Buzzfeed ha riferito nel febbraio 2020 che diverse forze di polizia britanniche hanno precedentemente utilizzato Clearview AI. Un portavoce di Clearview AI ha affermato che la polizia nel Regno Unito non ha accesso alla sua tecnologia, mentre i portavoce sia della National Crime Agency che della polizia metropolitana non confermerebbero né negherebbero l’uso di strumenti o tecniche specifici.

 

Tuttavia, nel marzo 2022 il College of Policing ha pubblicato una nuova guida per le forze di polizia del Regno Unito sull’uso del riconoscimento facciale in tempo reale.

 

Il governo del Regno Unito prevede di sostituire le principali leggi sui diritti umani con una nuova Carta dei diritti moderna che potrebbe rendere difficile per le persone, se non impossibile, contestare le decisioni basate sulle prove dell’IA in tribunale, compreso il riconoscimento facciale.

 

Il governo del Regno Unito prevede di sostituire le principali leggi sui diritti umani con una nuova Carta dei diritti moderna che potrebbe rendere difficile per le persone, se non impossibile , contestare le decisioni basate sulle prove dell’IA in tribunale, compreso il riconoscimento facciale.

 

Secondo il gruppo di difesa Liberty, è probabile che il disegno di legge abbia un impatto sproporzionato sulle comunità eccessivamente controllate, poiché creerebbe classi diverse di ricorrenti in base al loro comportamento passato.

 

Uno strumento per la guerra

L’amministratore delegato di Clearview AI, Hoan Ton-That, ha affermato che il suo software di riconoscimento facciale ha consentito alle forze dell’ordine e ai funzionari governativi ucraini di archiviare oltre 2 miliardi di immagini da VKontakte, un servizio di social network russo.

 

Hoan ha affermato che il software può aiutare i funzionari ucraini a identificare i soldati morti in modo più efficiente delle impronte digitali e funziona anche se il volto di un soldato è danneggiato.

 

Ma ci sono prove contrastanti sull’efficacia del software di riconoscimento facciale.

 

Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti , la decomposizione del volto di una persona può ridurre la precisione del software. D’altra parte, recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato risultati relativi all’identificazione di persone morte simili o migliori della valutazione umana.

 

La ricerca suggerisce che le impronte digitali, le cartelle cliniche e il DNA sono ancora le tecniche di identificazione più affidabili. Ma sono strumenti per professionisti formati, mentre il riconoscimento facciale può essere utilizzato da non esperti.

 

Un altro problema segnalato dalla ricerca è che il riconoscimento facciale può accoppiare erroneamente due immagini o non abbinare le foto della stessa persona.

 

In Ucraina, le conseguenze di qualsiasi potenziale errore con l’IA potrebbero essere disastrose. Un civile innocente potrebbe essere ucciso se viene erroneamente identificato come un soldato russo.

 

Una storia controversa

Nel 2016 Hoan ha iniziato a reclutare ingegneri informatici per creare l’algoritmo di Clearview AI. Ma è stato solo nel 2019 che la società americana di riconoscimento facciale ha iniziato a fornire discretamente il suo software alla polizia e alle forze dell’ordine statunitensi.

 

Nel gennaio 2020, il New York Times ha pubblicatoun articolo intitolato «La riservata società che può terminare la Privacy così come la conosciamo».

 

Questo articolo ha spinto più di 40 organizzazioni per i diritti civili e la tecnologia a inviare una lettera al Privacy and Civil Liberties Oversight Board e a quattro comitati del Congresso degli Stati Uniti, chiedendo la sospensione del software di riconoscimento facciale di Clearview AI.

 

Nel febbraio 2020, a seguito di una fuga di dati dall’elenco dei clienti di Clearview AI, BuzzFeed ha rivelato che il software di riconoscimento facciale di Clearview AI veniva utilizzato da individui in oltre 2.200 dipartimenti delle forze dell’ordine, agenzie governative e aziende in 27 paesi diversi.

 

Il 9 maggio 2022, Clearview AI ha accettato di interrompere la vendita dell’accesso al suo database dei volti a privati ​​e aziende negli Stati Uniti, dopo che l’American Civil Liberties Union ha avviato una causa accusando Clearview AI di aver violato una legge sulla privacy dell’Illinois.

 

Negli ultimi due anni, le autorità per la protezione dei dati in Canada , Francia , Italia , Austria e Grecia hanno multato, indagato o vietato a Clearview AI di raccogliere immagini di persone.

 

Il futuro di Clearview AI nel Regno Unito è incerto. Lo scenario peggiore per la gente comune e le imprese sarebbe se il governo del Regno Unito non accettasse le preoccupazioni sollevate in risposta alla sua consultazione sulla Carta dei diritti moderna.

 

Liberty ha avvertito di una potenziale «presa di potere» sui diritti umani.

 

Il miglior risultato, secondo me, sarebbe che il governo del Regno Unito abolisse i suoi piani per una moderna Carta dei diritti.

 

Ciò significherebbe anche che i tribunali del Regno Unito dovrebbero continuare a tenere conto dei casi della Corte europea dei diritti dell’uomo come giurisprudenza.

 

A meno che non vengano adottate leggi che regolano l’uso del riconoscimento facciale, l’uso da parte della polizia di questa tecnologia rischia di violare i diritti alla privacy , la protezione dei dati e le leggi sull’uguaglianza.

 

 

Felipe Romero Moreno

Docente senior e tutor di ricerca, scuola di legge dell’Università dell’Hertfordshire

 

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons.

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Militaria

Israele dispone di antiaerea laser

Pubblicato

il

Da

Dopo due decenni di ricerca e sperimentazione, i funzionari della difesa israeliana ora affermano di avere un prototipo funzionante di un cannone laser ad alta potenza in grado di «intercettare in volo razzi, proiettili di mortaio, droni e missili anticarro». Lo riporta il New York Times.

 

I funzionari hanno affermato che il sistema ha funzionato con successo in una recente serie di test dal vivo nel deserto israeliano meridionale, distruggendo un razzo, un colpo di mortaio e un drone.

 

I raggi laser andati a segno avrebbero scatenato una standing ovation da parte dei funzionari che guardavano l’azione sullo schermo.

 

Il sistema d’arma, chiamato Iron Beam («raggio di ferro») sarebbe costato al governo una cifra nell’ordine delle centinaia di milioni.

 

L’arma, secondo il primo ministro Naftali Bennett, rappresenta un «punto di svolta strategico».

 

Bennet ha promesso quindi di «circondare Israele con un muro laser».

 


 

I professionisti coinvolti nello sviluppo del sistema affermano che mancano ancora diversi anni per la piena operatività sul campo-

 

Alcuni esperti raccontano che anche allora l’arma laser potrebbe inizialmente essere di utilità limitata per proteggere Israele dal pesante lancio di razzi in arrivo.

 

Di datto, funzionari israeliani non hanno rivelato se l’arma laser sarebbe efficace contro i missili a guida di precisione che Israele dice che Hezbollah sta sviluppando in Libano.

 

Le armi laser sono realtà, non solo in Israele. Il sistema di armamento a raggi laser Helios, prodotto dal colosso degli appalti militari e aerospaziali, Lockheed Martin, è ora utilizzata sulle navi della Marina degli Stati Uniti .

 

L’esercito degli Stati Uniti sta lavorando ad armi laser ancora più potenti, in grado di abbattere i missili da crociera, che a presto dovrebbero essere implementata.

 

I laser hanno limiti enormi: ad esempio, non possono colpire attraverso le nuvole e la foschia.

 

Perciò, il sistema di difesa aerea laser israeliano è destinato a integrare, non a sostituire, altri elementi dell’arsenale di difesa aerea israeliano incluso Iron Dome, il noto sistema di intercettazione missilistica a corto raggio, nonché a medio e lungo- sistemi di intercettazione missilistica a distanza, che Israele vende anche all’estero.

 

Mentre sistemi come Iron Dome sparano piccoli missili guidati per intercettare i proiettili in arrivo, la nuova arma addestra raggi laser in un punto particolare del proiettile, riscaldandolo fino al punto di distruzione.

 

Il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, ha affermato che Israele è stato «uno dei primi paesi al mondo» a sviluppare un’arma del genere.

 

Secondo il generale israeliano Yaniv Rotem, capo del team di ricerca e sviluppo del ministero della Difesa, durante i test di fuoco in tempo reale di marzo le minacce in arrivo sono state intercettate entro pochi secondi dal rilevamento, non minuti come nei test precedenti e a una distanza massima di sei miglia.

 

La memoria va alle «Guerre Stellari» proposte da Ronald Reagan durante la sua amministrazione, che coincise con il declino finale dell’Unione Sovietica.

 

Nel 1983, Reagan creò la Strategic Defense Initiative, ampiamente derisa come «Star Wars», per trovare un modo per abbattere i missili balistici nucleari, anche tramite tecnologia laser.

 

Dopo aver speso più di 200 miliardi di dollari con poco da dimostrare, quello sforzo è stato abbandonato nel 1993. Alcuni sostengono che si trattasse solo di una sceneggiata americana per confondere i russi e indurli a spendere per il programma missilistico più di quanto potessero.

 

Dopo le Guerre stellari reaganiana, la ricerca militare laser è continuata nell’ambito di altri programmi.

 

Alla fine degli anni ’90, Israele e gli Stati Uniti hanno cercato di produrre un sistema laser sperimentale ad alta energia con una portata meno ambiziosa, volto a distruggere i razzi in volo.

 

Quello sforzo, noto come Nautilus, è stato accantonato nel 2005, in parte a causa dell’ingombro del sistema e delle scarse prestazioni.

 

La tecnologia è ora passata dal laser chimico, che richiedeva sostanze chimiche corrosive e tossiche per indurre un raggio e macchinari delle dimensioni di un laboratorio in loco, al laser a stato solido, che necessita solo di abbondanti quantità di elettricità.

 

In una recente svolta tecnologica, gli sviluppatori israeliani affermano di essere stati in grado di combinare molti raggi laser, a un’intensità molto elevata, e di farli incontrare in un punto specifico su un bersaglio aereo.

 

Funzionari israeliani affermano che il vantaggio principale dell’Iron Beam sarà il suo costo, con le intercettazioni che costano poco più della potenza necessaria per azionarlo. Il premier Bennett ha detto che le intercettazioni Iron Beam costano circa 3,50 dollari  a colpo, rispetto a decine di migliaia di dollari ciascuna per ogni intercettazione Iron Dome.

 

Inoltre, l’Iron Dome è pesantemente sovvenzionato dagli Stati Uniti, che hanno stanziato un ulteriore miliardo di dollari per l’arma nel bilancio 2022 in un momento in cui gli aiuti militari statunitensi a Israele sono diventati sempre più controversi.

 

Israele sta anche condividendo la sua conoscenza di Iron Beam con i suoi alleati americani, hanno affermato i funzionari israeliani al NYT.

 

Un alto funzionario militare ha affermato in un recente briefing che i caccia stealth F-35 israeliani hanno intercettato due droni iraniani l’anno scorso nello spazio aereo di un Paese vicino. Far decollare i più sofisticati aerei da guerra nell’arsenale israeliano per abbattere droni economici ha sottolineato l’enorme squilibrio di costi che Israele deve affrontare nel difendersi da razzi e droni relativamente economici, ha detto il funzionario, parlando a condizione di anonimato in linea con le regole dell’esercito.

 

Il generale Rotem ha dichiarato al quotidiano americano che Iron Beam ribalterebbe l’equazione economica con i nemici di Israele e che Israele recupererebbe il suo investimento in appena due settimane di conflitto.

 

Lo schieramento iniziale dell’arma laser sarebbe intorno a Gaza, dice il Rotem, poi lungo tutti i confini ostili di Israele.

 

A differenza di un lanciatore Iron Dome, che può inviare più intercettori contemporaneamente, con ognuno che trova il proprio bersaglio, le armi laser devono concentrarsi su un bersaglio prima di passare a un altro.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Marina USA ha già testato con successo a più riprese armi laser per distruggere bersagli galleggianti «vaporizzandoli».

 

Il Pentagono teme anche lo sviluppo di armi laser da parte dei cinesi.

 

In una bozza di rapporto sul disegno di legge sulla Difesa 2022, la Commissione per gli stanziamenti della Camera USA ha sottolineato «le crescenti minacce poste dai laser a terra in grado di danneggiare o distruggere sensori spaziali sensibili in orbita bassa».

 

Il comitato parlamentare, pur senza citare direttamente Pechino, ha anche notato «la mancanza di una strategia coordinata per comprendere questa minaccia e sviluppare concetti per mitigarne i rischi».

 

Continua a leggere

Essere genitori

Le app per smartphone spiano i bambini su una «scala scioccante»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Un nuovo studio che mostra che le aziende tecnologiche raccolgono dati dalle app di Apple e Google – utilizzate principalmente dai bambini senza il consenso dei genitori – e che li inviano agli inserzionisti. Esperti  chiedono leggi che rendano gli sviluppatori di app responsabili di determinare se i bambini utilizzano i loro prodotti.

 

 

Un nuovo studio che mostra che le aziende tecnologiche stanno raccogliendo dati dalle app di Apple e Google, utilizzate principalmente dai bambini senza il consenso dei genitori, e che li stanno inviando agli inserzionisti ha spinto alcuni esperti a  chiedere leggi che rendano gli sviluppatori di app responsabili di determinare se i bambini utilizzano i loro prodotti.

 

«Le app spiano i nostri bambini su una scala che dovrebbe scioccarti», scrive il Washington Post, che ha riportato lo studio. «Più di due terzi delle 1.000 app per iPhone più popolari che potrebbero essere utilizzate dai bambini raccolgono e inviano le loro informazioni personali al settore pubblicitario».

 

Lo studio, di Pixalate, una società che si concentra sulla protezione dalle frodi e sulla privacy, ha rilevato che il 79% delle app Android fa lo stesso.

 

I ricercatori hanno scoperto che app popolari come Angry Birds 2 e Candy Crush Saga spiano i bambini che usano le loro app, così come le app utilizzate per colorare e fare i compiti di matematica.

 

Pixalate è stata in grado di identificare più di 391.000 app per bambini negli store Apple e Google, ed è stata in grado di identificare le 1.000 app per bambini più popolari e analizzare come sono stati gestiti i dati sensibili.

 

Di tutte le app identificate da Pixalate, il 7% ha inviato dati sulla posizione o sull’indirizzo Internet al settore pubblicitario.

 

Lo studio ha anche scoperto che le app popolari hanno un maggiore incentivo a monitorare gli utenti perché fanno soldi con la pubblicità mirata.

 

Sia Google che Apple negano qualsiasi illecito e affermano che i loro app store proteggono la privacy dei bambini, secondo il Washington Post.

 

In un altro studio di Pixalate, i ricercatori hanno scoperto che quasi il 90% di 164 app e siti Web educativi ha inviato informazioni al settore della tecnologia pubblicitaria.

 

Uno studio del 2020 ha mostrato che due terzi delle app utilizzate da 124 bambini in età prescolare hanno raccolto e distribuito informazioni identificative.

 

Un rapporto di ricerca del 2017 che ha esaminato l’alfabetizzazione mediatica ha mostrato che molti bambini non sono in grado di differenziare gli annunci dai contenuti e la tecnologia di monitoraggio consente ai marketer di micro-mirare le loro menti.

 

«Stanno prendendo le posizioni generali dei bambini e altre informazioni identificative e le inviano alle aziende che possono tracciare i loro interessi, prevedere cosa potrebbero voler acquistare o persino vendere le loro informazioni ad altri», ha scritto Geoffrey Fowler, autore di editoriali sulla tecnologia per il Washington Post.

 

 

Una scappatoia nel sistema

Il Children’s Online Privacy Protection Act (COPPA) nel 1998 è stato emanato per impedire alle aziende tecnologiche di raccogliere informazioni personali di bambini di età inferiore ai 13 anni senza il consenso dei genitori.

 

«Era abbastanza ovvio quando il disegno di legge è stato originariamente redatto che ci sarebbe stata una reale opportunità per le società senza scrupoli di trarre vantaggio dai giovani”, il senatore democratico del Massachusetts Edward J. Markey, uno degli autori del COPPA , ha detto al Washington Post. «Ora i problemi sono diventati giganti».

 

Secondo SuperAwesome, una società con sede a Londra che aiuta gli sviluppatori di app a navigare le leggi sulla privacy dei bambini, «quando un bambino raggiunge i 13 anni, le società di pubblicità online detengono una media di 72 milioni di punti dati su di loro».

 

«Stanno mettendo i loro profitti sulla salute mentale e sul benessere sociale di ogni bambino in America, perché questo è il potere che hanno oggi», ha affermato Markey.

 

Secondo Fowler, Big Tech e i produttori di app hanno trovato una gigantesca scappatoia nella legge sulla privacy. «Affermano di non avere ‘conoscenze reali’ che stanno prendendo dati dai bambini», ha detto.

 

Ad esempio, Pixel Art: Paint by Number è un’app da colorare gratuita sviluppata da Easybrain per bambini dai 12 anni in su, ma l’app non richiede l’età del bambino né ottiene il permesso di un genitore o tutore per utilizzare l’app.

 

All’apertura dell’app, le informazioni dell’utente, inclusa la posizione generale, l’indirizzo Internet e le informazioni di identificazione, vengono inviate al settore pubblicitario, secondo Pixalate. In nessun momento l’app richiede l’età o l’autorizzazione dell’utente.

 

Easybrain afferma che non è necessario, perché Pixel Art non è per i bambini.

 

Un portavoce di Easybrain, Evan Roberts, ha affermato che la società gestisce «un servizio per il pubblico generale e generalmente non ha la conoscenza effettiva che l’app Pixel Art sta raccogliendo, utilizzando o divulgando informazioni personali da qualsiasi bambino di età inferiore ai 13 anni».

 

Anche se le categorie nell’app, come gelato, unicorni e dinosauri, sembrano destinate ai bambini, il produttore dell’app afferma che è commercializzata per gli adulti.

 

Nel 2021, la Federal Trade Commission (FTC) ha risolto una causa con un’app di colorazione «per adulti» autoidentificata chiamata Recolor che aveva una sezione “bambini”.

 

Il creatore di Candy Crush Saga afferma che «il suo gioco e il suo marketing sono rivolti a giocatori adulti, di età superiore ai 18 anni negli Stati Uniti», tuttavia, il gioco è elencato come “Età: 4+”.

 

Frank List, CEO di Impala Studios, ha affermato che l’app Calculator e Math Solver dell’azienda deve fare di meglio.

 

«Saremo più attenti al marketing chiaro solo per il nostro pubblico mirato», ha detto al Washington Post.

 

 

Apple e Google chiudono un occhio sulla privacy dei dati dei bambini

Apple e Google sembrano avere più potere del governo degli Stati Uniti su come funzionano le app, poiché sono quelli che controllano i due più grandi app store. Eppure, quando si tratta di privacy dei dati dei giovani utenti, questi giganti della tecnologia chiudono un occhio.

 

Google e Apple non indicano se i loro app store sono conformi al COPPA e nessuno dei due app store mostra al genitore o tutore un modo per vedere quali app raccolgono dati sui bambini.

 

C’è una scheda per le app per bambini nel Google Store che etichetta le app come «Approvate dagli insegnanti» e si applicano standard rigorosi. Tuttavia, Pixalate ha affermato che solo il 5% delle app per bambini più popolari è etichettato correttamente nel Google Store.

 

L’Apple Store è un po’ più complicato. Se vuoi trovare la categoria bambino, devi cercarla in fondo al negozio e non c’è modo di cercarla. Nessuna delle app per bambini è etichettata come dotata di protezione della privacy.

 

I controlli parentali nell’Apple Store sono limitati, con il genitore o tutore che ha la possibilità di approvare gli acquisti di app solo dopo aver configurato l’account iOS di un bambino.

 

«Se vuoi assicurarti che la privacy di tuo figlio sia rispettata, ci vorrà del lavoro», ha detto Fowler.

 

I sostenitori della privacy dei bambini credono che l’industria tecnologica non cambierà fino a quando non ci sarà un livello di responsabilità legale per assumersi la responsabilità del problema.

 

Non è stato fino al 2019 che YouTube ha iniziato a etichettare i video destinati ai bambini sul suo servizio dopo essere stata colpita da una causa ed è stato costretto a pagare 136 milioni di dollari alla FTC e 34 milionidi dollari  allo stato di New York per aver violato la COPPA.

 

Il reclamo affermava che YouTube di Google ha violato il COPPA «raccogliendo informazioni personali – sotto forma di identificatori persistenti utilizzati per tracciare gli utenti su Internet – dagli spettatori di canali rivolti ai bambini, senza prima avvisare i genitori e ottenere il loro consenso».

 

Markey ha detto che lui e la rappresentante democratico della Florida Kathy Castor hanno redatto progetti di legge che avrebbero aggiornato la COPPA. Le revisioni riguarderebbero gli adolescenti fino a 16 anni e vieterebbero a titolo definitivo la pubblicità mirata.

 

Le fatture, se approvate, richiederebbero alle app e ai siti Web di assumersi la responsabilità di determinare se i bambini stanno utilizzando i loro servizi.

 

Fowler ha detto che la California sta cercando di creare una versione della legge britannica nota come Age Appropriate Design Code. Le aziende dovrebbero stabilire l’età del consumatore e mantenere un elevato livello di privacy per i bambini.

 

Finora, i legislatori statunitensi hanno parlato ampiamente di privacy ma non sono riusciti ad agire, secondo Fowler.

 

«Se non possiamo occuparci dei bambini, allora mostra quanto sia rotto il nostro sistema politico», ha detto Markey al Washington Post. «Mostra quanto siano potenti le aziende tecnologiche».

 

 

Rachel Militello

 

 

 

© 13 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari