Connettiti con Renovato 21

Droga

Sri Lanka, allarme droga: da «perla dell’Asia» a crocevia del narcotraffico

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

La denuncia del parlamentare di opposizione Eran Wickramaratne, del SJB. Destano preoccupazione gli ingenti quantitativi provenienti dall’India. Una parte significativa dell’eroina contrabbandata proverrebbe dalla regione del cosiddetto «Triangolo d’oro» nel Sud-est asiatico. La classe dirigente accusata di ignorare l’emergenza (anche) per il coinvolgimento di politici locali.

 

Lo Sri Lanka, un tempo noto come «la perla dell’Asia», è diventato il crocevia del traffico di droga nel sub-continente. A lanciare l’accusa è Eran Wickramaratne, deputato del partito di opposizione Samagi Jana Balawegaya (SJB), il più importante dell’isola, durante un dibattito parlamentare sulle norme contenute nell’Ordinanza sui veleni, l’oppio e le droghe pericolose. La seduta risale al 22 aprile scorso, ma ha avuto ampia eco nei giorni scorsi innescando una forte polemica politica nel Paese.

 

Una questione annosa e controversa, perché già nel 2005 un rapporto ONU sull’Asia meridionale indicava nello Sri Lanka un punto di approdo e di trasbordo per l’eroina proveniente dall’India e da altre aree del Sud del continente per poi venire indirizzata sul mercato globale. Inoltre, a destare particolare preoccupazione è l’immissione di ingenti quantitativi di eroina dall’India verso l’isola per il consumo locale, che vedrebbe coinvolti anche alcuni potenti politici di primo piano rendendo di fatto più difficile la lotta al narcotraffico.

 

Destinazione finale e crocevia: una doppia emergenza che si ripercuote sulla salute dei cittadini e incombe minacciosa sul futuro del Paese.

 

Nel denunciare il problema legato alla droga in Sri Lanka, il deputato Eran ha ricordato la visita effettuata il mese scorso alla Weerawila Open Prison sottolineando che la maggioranza dei 450 detenuti è in cella per reati di droga. Il direttore del carcere ha invocato interventi decisi del legislatore e delle forze di polizia per «fermare il contrabbando di droga nel Paese» perché la parte rimanente, di produzione interna, «potrebbe essere facilmente sradicata».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Parole che suonano come un atto di accusa verso la classe politica, prima responsabile per il dilagare della droga, e alla quale spetta trovare soluzioni per arginare un fenomeno la cui portata è diventata ormai preoccupante. Al riguardo, il parlamentare SJBè convinto che «se i politici si assumono le loro responsabilità» il traffico può essere fermato, ma si tende a pensare che «i problemi siano altrove».

 

Durante il dibattito Wickramaratne ha anche richiamato l’attenzione sulle questioni sollevate durante la visita del deputato Patali Champika Ranawaka alla prigione di Welikada, la scorsa settimana. Al termine del sopralluogo, egli ha denunciato come vi siano al momento circa 5mila detenuti per reati di droga, quando la prigione nel può ospitare solo 800.

 

Secondo alti funzionari di polizia, gli investigatori hanno identificato cinque trafficanti con base in Europa, considerati le menti dietro il contrabbando di stupefacenti su larga scala. I sospetti sono cittadini dello Sri Lanka che operano usando come base diverse nazioni europee, fra le quali la Francia. Certo, la maggior parte dei boss del narcotraffico risiedono in Medio oriente, ma la polizia ha identificato questi cinque «attori chiave» interni, quali responsabili della maggior parte della distribuzione di stupefacenti.

 

I trafficanti utilizzano diversi metodi per il contrabbando via mare, sfruttando imbarcazioni battenti bandiere straniere che consegnano poi la merce ai pescherecci locali, soprattutto quelli che restano al largo per più giorni. Inoltre, una parte significativa dell’eroina contrabbandata proverrebbe dalla regione del cosiddetto «Triangolo d’oro» nel Sud-Est asiatico, che comprende parti di Thailandia, Myanmar e Laos.

 

La droga viene veicolata in Sri Lanka anche dall’Afghanistan attraverso le rotte marittime del Pakistan e dell’Iran. Le imbarcazioni cariche di stupefacenti consegnano il loro carico in mare aperto ai pescherecci, i quali poi lo trasferiscono sulla terraferma.

 

Proprio i sequestri di pescherecci locali e stranieri carichi di droga hanno fatto pensare che lo Sri Lanka stia diventando un crocevia del narcotraffico. Secondo il ministro della Pubblica Sicurezza Tiran Alles «identificare questi trafficanti con sede all’estero, arrestarli attraverso magistrature straniere ed estradarli in Sri Lanka è un processo molto laborioso».

 

In passato, conclude, i tribunali stranieri si sono pronunciati contro l’estradizione dei sospetti arrestati sull’isola e a poco sono valsi sinora i tentativi di mediazione o di ricerca di accordo promossi dal governo.

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Droga

Sommergibile per il trasporto della droga: arrestati in Spagna quattro narcotrafficanti colombiani

Pubblicato

il

Da

Un semi-sommergibile con quattro presunti narcotrafficanti a bordo è stato intercettato dalle autorità spagnole durante un’operazione a circa 280 miglia a ovest della costa di Cadice, in Spagna. Secondo un comunicato, tutti i sospettati legati al narcosubmarino sarebbero stati arrestati. Lo riporta Euronews.   I trafficanti hanno tentato di affondare il sommergibile una volta intercettati a 450 chilometri al largo di Cadice.   Quattro colombiani sono stati arrestati dopo essere stati fermati dalle autorità spagnole a bordo dell’imbarcazione carica di droga.  

Iscriviti al canale Telegram

I trafficanti avrebbero cercato di affondare l’imbarcazione, lunga circa venti metri, a circa 450 km dalla costa di Cadice.   L’operazione è partita da una segnalazione della DEA (Drug Enforcement Administration) statunitense, che aveva informato le autorità spagnole di un possibile carico di droga.   I narco-sottomarini (narco-sub, per gli anglofoni) non sono un fenomeno nuovo. Tali veicoli sono in genere costruiti per l’oceano e sono semi-sommergibili.   Sono stati segnalati di recente narco-sub quasi completamente sommergibili per ridurre la probabilità di rilevamento da parte di sistemi visivi, radar, sonar o infrarossi.   La capacità di carico varia ampiamente in base alle dimensioni della nave, sebbene siano tipiche diverse tonnellate. Nel 2015, il carico più grande conosciuto, pari a 7,7 tonnellate, è stato sequestrato su un’imbarcazione semisommergibile.   Alcuni sottomarini narcotici contemporanei sono in grado di attraversare l’Oceano Atlantico.   L’uso di sottomarini remotati – cioè senza equipaggio, va indietro di decenni. Nel 1988, un sottomarino senza equipaggio di 21 piedi (6,4 m) fu ritrovato al largo di Boca Raton, in Florida. Il natante era progettato per essere trainato da una barca e immerso tramite telecomando. Il sottomarino era vuoto, ma funzionari e autorità ritengono che sia stato utilizzato per il contrabbando dopo che si sono resi conto che il portello poteva essere aperto solo dall’esterno.   Nel solo 2009, gli Stati Uniti hanno rilevato circa sessanta eventi legati ai sottomarini e hanno calcolato che trasportavano una tonnellata di cocaina al giorno. Nello stesso anno, tre sottomarini furono sequestrati sulle coste del Pacifico, carichi di 1,5 tonnellate di cocaina. Sempre nel 2009 la marina colombiana aveva intercettato o scoperto trentatré sottomarini.   Dopo l’arresto, il 5 novembre 2010, di Harold Mauricio Poveda, un importante collegamento messicano-colombiano, un interrogatorio rafforzato ha rivelato che le FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) erano dietro la costruzione di sottomarini e collaboravano con il cartello di Sinaloa per finanziare le loro attività.   Nel 2012, i funzionari della Guardia costiera degli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per il fatto che tali navi potrebbero essere potenzialmente utilizzate per scopi terroristici.   Nel 2019, le autorità spagnole hanno arrestato un semisommergibile di 20 metri al largo della Galizia, contenente 3.000 kg di cocaina, nel primo incidente noto di un sottomarino narcotrafficante che attraversava l’Oceano Atlantico.   Operación Marea Negra: La Increible Historia Del Primer Narcosubmarino Que Llego a Europa Con Mas De 3.000 Kg De Cocaina, un libro dello scrittore Javier Romero, è una narrazione dettagliata dell’impresa. Amazon Prime Video ha trasformato il libro di Romero sia in un documentario televisivo sul viaggio che in una serie drammatica.  

Sostieni Renovatio 21

L’8 dicembre 2019 un sottomarino narcotrafficante è stato catturato dalla Marina peruviana mentre trasportava oltre 2.000 kg di cocaina al largo delle coste del dipartimento di Piura   Secondo un comunicato stampa, il 5 novembre 2020 è stato sequestrato un sottomarino in Colombia. Un’ulteriore intercettazione è stata effettuata nell’ottobre 2021 dalla nave scuola ecuadoriana Guayas nell’Oceano Pacifico.   Il narcotrafficante Laureano Oubiña ha affermato l’esistenza di un cimitero marino di narcosottomarini vicino alle Isole Canarie (Spagna).   Un semisommergibile lungo 72 piedi (22 metri i) in fibra di carbonio vinilico, battezzato dai suoi costruttori Poseidón, è stato trovato affondato senza carico dalla Guardia Civil nella Ria di Arousa nel marzo 2023. La nave aveva una stiva centrale con una capacità di carico di cinque tonnellate, una cisterna di zavorra a prua e un motore diesel a poppa.   La costruzione di ciascuna nave può costare fino a due milioni di dollari; i sottomarini possono trasportare abbastanza cocaina in un singolo viaggio da generare più di 100 milioni di dollari in proventi illeciti per i trafficanti.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
  Immagine screenshot da YT
Continua a leggere

Droga

La carenza di eroina dall’Afghanistan potrebbe portare a più morti per overdose

Pubblicato

il

Da

La repressione dei talebani sulla coltivazione del papavero in Afghanistan potrebbe innescare un aumento delle morti per overdose se la carenza globale di eroina sarà colmata da composti sintetici più potenti, ha avvertito l’Organizzazione delle Nazioni Unite

 

Un rapporto pubblicato mercoledì dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha valutato l’impatto del divieto di coltivazione, produzione, lavorazione e commercio dell’oppio che i talebani hanno reintrodotto nell’aprile 2022. È arrivato troppo tardi per influenzare il raccolto di quell’anno, ma la repressione ha causato una riduzione della produzione del 95% nel 2023, ha affermato.

 

La perdita di questa fornitura dall’Afghanistan, in precedenza il principale produttore mondiale di oppio ed eroina, è stata parzialmente compensata dalla Birmania, dove si è registrato un aumento della produzione del 36%. Tuttavia, secondo una ricerca delle Nazioni Unite, lo scorso anno la produzione globale di oppio è diminuita del 74%.

Iscriviti al canale Telegram

Secondo il rapporto, l’anno scorso i prezzi degli oppiacei in Afghanistan sono saliti alle stelle, ma la disponibilità di vecchie scorte ha fatto sì che non si segnalasse alcuna vera carenza nei mercati di destinazione fino all’inizio del 2024.

 

Le osservazioni preliminari sul campo indicano che quest’anno la fornitura potrebbe aumentare leggermente, ma è improbabile che l’Afghanistan «raggiungerà la produzione molto elevata osservata negli anni precedenti al 2023». Se la crisi continua, la purezza dell’eroina sul mercato globale potrebbe diminuire e la domanda di oppiacei sostitutivi aumenterà, ha previsto l’UNODC.

 

Ciò potrebbe «portare ad un aumento delle overdose, soprattutto se gli oppioidi alternativi includono sostanze altamente potenti come alcuni analoghi del fentanil o i nitazeni che sono già emersi in alcuni paesi europei negli ultimi anni».

 

Morti per overdose da nitazeni, un gruppo di droghe sintetiche più potenti di altri oppioidi, incluso il fentanil, sono state segnalate in Irlanda, Gran Bretagna, Estonia e Lettonia, ha detto ai giornalisti Angela Me, capo della ricerca dell’UNODC.

 

Come riportato da Renovatio 21, i nitazeni stanno già mietendo vittime in Europa e in Nordamerica. Il capo della polizia di Londra ha dichiarato che la capitale britannica rischia un livello di catastrofe drogastica non dissimile a quella di San Francisco, oramai ridotta a città invasa da zombie strafatti di oppiodi.

 

La produzione di stupefacenti prosperò in Afghanistan sotto il governo alleato degli Stati Uniti a Kabul. Secondo l’analista William F. Engdahl, la produzione dell’eroina afghana rappresentava una vera politica occulta degli USA. «L’oppio e la sua distribuzione globale sono state una delle principali competenza della CIA insieme alle forze armate statunitensi che garantiscono il trasporto aereo sicuro attraverso le basi aeree in Kirghizistan e in Afghanistan nei mercati occidentali dell’eroina» scrive Engdahl. «Immediatamente dopo l’invasione dell’ottobre 2001, i mercati dell’oppio furono ripristinati. I prezzi dell’oppio aumentarono vertiginosamente. All’inizio del 2002, il prezzo interno dell’oppio in Afghanistan (in dollari / kg) era quasi 10 volte superiore a quello del 2000».

 

In pratica, l’invasione angloamericana dell’Afghanistan – cui ha partecipata in una qualche parte anche l’Italia – aveva ripristinato con successo il traffico di droga.

 

«Nei vari anni dall’occupazione statunitense sotto Karzai, i raccolti di oppio sono giunti a livelli da record di tutti i tempi. Uno dei più grandi signori della guerra afghani dell’oppio allora era il fratello di Karzai, ucciso a colpi di arma da fuoco, in stile mafioso» scrive ancora l’analista geopolitico texano, che arriva a scrivere che «la presenza degli Stati Uniti non riguardava la costruzione della nazione o la democrazia. Si trattava di eroina: «la sua produzione di oppio è passata da circa 180 tonnellate nel 2001 a più di 3.000 tonnellate all’anno dopo l’invasione, ea più di 8.000 per 2007».

 

Secondo l’UNODC, il reddito dei coltivatori di oppio è crollato del 92% nel 2023. Il direttore esecutivo Ghada Waly ha affermato che il divieto «sta avendo un impatto significativo sui mezzi di sussistenza e sui redditi degli agricoltori, rendendo necessaria una risposta umanitaria sostenibile».

 

Mosca ha sostenuto che la maggior parte dei profitti derivanti dal traffico di droga è andata a organizzazioni criminali, che hanno preso piede nel Paese «grazie alla presenza americana», secondo Zamir Kabulov, un alto diplomatico russo specializzato in Medio Oriente.

 

Qualcuno si era persino spinto a definire l’oppio afghano come il «capitalismo più puro del pianeta».

 

Come riportato da Renovatio 21, a poche settimane dall’insediamento dei mullah a Kabul dopo il ritiro americano, in India furono sequestrate tre tonnellate di eroina presumibilmente proveniente dalle terre afghane.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Il crollo della produzione afghana di oppio era stato registrato dall’ONU ancora l’anno passato.

 

L’assenza di eroina «naturale» avrebbe così aperto ancora più la strada del fentanil, giudicato come vera «arma di distruzione di massa» in USA.

 

Come riportato da Renovatio 21, i cartelli della droga messicani portano oltreconfine il fentanil (di fabbricazione cinese) tramite la massa di migranti e pure con incursioni di droni, che utilizzano talvolta pure in versione armata.

 

Il fentanil può provenire da laboratori in Messico che utilizzano sostanze chimiche fornite dalla Cina. Altre volte, pare che il fentanil arrivi direttamente negli USA dalla Cina, addirittura tramite ordini che è possibile piazzare online. I cartelli messicani possono produrre fentanil, ma la materia prima o il prodotto già pronto arriva decisamente dalle coste cinesi.

 

«Dal 2013, la Cina è stata la principale fonte del fentanyl che ha inondato il mercato delle droghe illecite degli Stati Uniti (…) alimentando l’epidemia di droga più mortale nella storia degli Stati Uniti. Sia l’amministrazione Obama che quella Trump hanno dedicato un significativo capitale diplomatico per convincere la Cina a reprimere la fornitura di fentanyl dalla Cina agli Stati Uniti, con la Cina che ha finalmente annunciato nell’aprile 2019 che la produzione, la vendita e l’esportazione di tutti i farmaci di classe fentanyl sono vietate, ad eccezione delle aziende autorizzate a cui il governo cinese ha concesso licenze speciali» scrive un saggio della Brookings Institution intitolato Fentanyl and geopolitics: Controlling opioid supply from China.

 

«Nonostante il fatto che la Cina sia orgogliosa di avere una forte posizione e reputazione antidroga – scriveva nel suo essay Vanda Felbab-Brown – è altamente improbabile che la Cina inizi una cooperazione antidroga con gli Stati Uniti (…) a meno che non inizi a sperimentare la propria epidemia di oppioidi sintetici. Inoltre, il significativo deterioramento delle relazioni USA-Cina potrebbe minare ulteriormente la volontà della Cina di applicare diligentemente il nuovo regolamento sul fentanyl».

 

In poche parole, diventa chiaro a tutti che il traffico di fentanil esiste per volontà cinese. Si tratta di una vera arma biologica stealth lanciata sulla società americana. Uno strumento geopolitico, una bomba che uccide la popolazione avversaria e ne disgrega la società.

 

Parimenti, è difficile non vedere che potrebbe trattarsi di una vendetta contro il mondo angloide, che fece subire al Regno di Mezzo l’orrore delle guerre dell’oppio.

 

La pandemia ha portato un aumento delle morti per overdose tale che tra il 2020 e il 2021 si è raggiunta la cifra di 100 mila morti: una vera ecatombe. Già due anni fa era chiarissimo che le morti per droga superavano quelle per il COVID.

 

Come riportato da Renovatio 21il Pentagono sta finanziando un vaccino contro il fentanil – si tratterebbe del primo caso di vaccino comportamentale, una porta che si apre su una società del controllo biologico sempre più distopica.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di United Nations Photo via Flickr pubblicata su licenza CC BY-NC-ND 2.0

Continua a leggere

Droga

La Germania registra un record di arresti antidroga

Pubblicato

il

Da

Le forze dell’ordine tedesche hanno annunciato un sequestro record di droga, affermando di aver intercettato cocaina per un valore di 2,6 miliardi di euro (2,8 miliardi di dollari) e di aver arrestato sette persone presumibilmente coinvolte nell’operazione di contrabbando.   Gli investigatori hanno sequestrato un totale di 35,5 tonnellate di cocaina dalle navi portacontainer ad Amburgo, Rotterdam e in Colombia, ha detto lunedì in una nota la procura di Dusseldorf. La cattura più grande è avvenuta ad Amburgo, dove la polizia ha trovato 25 tonnellate di droga nascoste in carichi di frutta e verdura.   I carichi di cocaina sono stati ritrovati l’anno scorso dopo che la polizia tedesca aveva ricevuto una soffiata dalle autorità colombiane. L’arresto per droga non era stato precedentemente denunciato. I sette sospettati di contrabbando – tra cui cittadini di Ucraina, Germania, Azerbaigian, Bulgaria, Marocco e Turchia – sono stati arrestati nelle ultime settimane.   «In particolare, i sospettati sono accusati di aver organizzato il trasporto di 10 container marittimi con grandi quantità di cocaina dall’America Latina all’Europa nel periodo da aprile a settembre 2023 con altri complici ancora sconosciuti», hanno detto i pubblici ministeri. I presunti complici risiedono in Turchia.   L’operazione di contrabbando ha coinvolto società di copertura presumibilmente create per contribuire a far sembrare legittime le spedizioni. Secondo le autorità, un uomo del Land della Renania Settentrionale-Vestfalia, nella Germania occidentale, ha creato 100 società «cassetta delle lettere» a questo scopo.   I sospettati, di età compresa tra 30 e 54 anni, non sono stati identificati per nome. Sono stati arrestati in sette diversi stati tedeschi. «Questo è un duro colpo per la criminalità organizzata internazionale», ha detto ai giornalisti a Duesseldorf il ministro della Giustizia del Nord Reno-Westfalia Benjamin Limbach. «È un pugno preciso alla mascella che ferisce i signori della droga».   I sequestri di droga sono stati quasi tre volte più grandi di un’intercettazione di cocaina da 1 miliardo di euro avvenuta nel porto di Amburgo nel 2019, un record per la Germania, scrive RT.   «L’afflusso di cocaina in Europa sta distruggendo persone e generando miliardi di profitti per i cartelli», ha detto venerdì il ministro degli Interni tedesco Nancy Faeser.   Come riportato da Renovatio 21, la Germania sta per legalizzare la cannabis. L’anno scorso alcuni avevano avvertito che il Paese e il continente tutto sarebbero stati invasi dal Captagon, la droga dei jihadisti.   Non solo il traffico di droga dovrebbe preoccupare autorità e cittadini europei: ad aprile 2023 un immigrato clandestino africano fu trovato ad Aquisgrana mentre trasportava un carico di pipistrelli fritti. L’uomo è stato arrestato e consegnato alla Repubblica Italiana, da dove pare fosse partito.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Dirk Vorderstraße via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic
Continua a leggere

Più popolari