Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Scegliere i vaccini mRNA è stato «controintuitivo»: parla il CEO di Pfizer

Pubblicato

il

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha sostenuto che i vaccini COVID mRNA sono stati un’idea «controintuiva» che l’azienda ha deciso di percorrere, suggerendo di aver sviluppato la tecnologia  sotto la pressione dei colleghi.

 

In uno speciale del Washington Post Live intitolato «Moonshot: Inside Pfizer’s Nine-Month Race to Make the Impossible Possible», il conduttore Jonathon Capehart ha chiesto giovedì a Bourla perché Pfizer ha deciso di perseguire vaccini mRNA sperimentali nonostante la tecnologia fosse ancora in via di sviluppo.

 

«Quando tu e il tuo collega stavate cercando di decidere quale strada seguire: la via del vaccino tradizionale o la via dell’mRNA. Scrivi che è stato “più controintuitivo” seguire la strada dell’mRNA. Eppure, hai seguito quella strada. Spiega perché» chiede l’intervistatore.

 

Bourla ha spiegato che la decisione sull’mRNA «è stata controintuitiva perché Pfizer stava padroneggiando, o diciamo che avevamo un’ottima esperienza e competenza con più tecnologie che potrebbero fornire un vaccino (…) Vaccini proteici…  siamo eravamo bravi in questi e in più molte altre tecnologie».

 

«L’mRNA era una tecnologia, ma avevamo meno esperienza, solo due anni di lavoro su questo, e in realtà, l’mRNA era una tecnologia che non ha mai fornito un singolo prodotto fino a quel giorno, né un vaccino, né nessun altro medicinale», ha ammesso il Bourla.

 

«Quindi è stato molto controintuitivo e sono rimasto sorpreso quando mi hanno suggerito che questa è la strada da percorrere, e l’ho messo in dubbio», ha continuato. «E ho chiesto loro di giustificare come si può dire una cosa del genere, ma  erano molto, molto convinti che questa fosse la strada giusta da percorrere».

 

«Hanno sentito che i due anni di lavoro sull’mRNA dal 2018 insieme a BioNTech per sviluppare il vaccino antinfluenzale hanno fatto credere loro che la tecnologia fosse matura e che fossimo al culmine della consegna di un prodotto».

«Così mi hanno convinto. Ho seguito il mio istinto che sanno cosa stanno dicendo. Sono molto bravi e in quel momento abbiamo preso questa decisione molto difficile», ha aggiunto.

 

Bourla ha anche ammesso che, nonostante abbia spinto la tecnologia mRNA «più rischiosa» sul pubblico, Pfizer ha ritenuto che avesse «tutte le caratteristiche necessarie» per combattere la pandemia COVID.

 

«Ed è… il fatto dell’mRNA è che, poiché è sintetico, riduce la quantità di tempo? Rende molto più facile riadattare, rimontare, riadattare a qualsiasi virus per cui stai cercando di creare un vaccino o che stai cercando di affrontare?» chiede l’intervistatore.

 

«Hai perfettamente ragione» risponde Bourla. «Questo è uno dei tanti vantaggi che la tecnologia porta. Quindi il motivo per cui stavano suggerendo qualcosa che era chiaramente più rischioso degli altri era a causa dei molti vantaggi se avessimo avuto successo».

 

«Abbiamo analizzato molto bene e sapevamo di essere in una pandemia. Ed è possibile che ora vedremo in arrivo molte nuove varianti. Quindi volevamo avere una tecnologia che se è necessario adottare il vaccino, saremo in grado di farlo molto rapidamente e l’mRNA può fare in settimane ciò che altre tecnologie richiedono mesi».

 

«La seconda cosa è che volevamo essere in grado di utilizzare una tecnologia che non limiti le capacità di aumentare le risposte immunitarie con iniezioni aggiuntive se ce n’è bisogno, e l’mRNA è molto buono in questo. A differenza, ad esempio, degli adenovirus, ci sono problemi quando si tenta di eseguire una seconda o terza dose. Questo crea problemi».

 

«Quindi, per questo e per molti altri motivi, abbiamo scelto di andare con qualcosa che fosse chiaramente più rischioso, ma se avessimo avuto successo, sembrava che avesse tutte le caratteristiche necessarie per combattere una pandemia in modo conveniente e in massa scala».

 

Invece di prendersi il merito per lo sviluppo della tecnologia mRNA, Bourla sembra prendere le distanze dalla decisione di perseguire i vaccini mRNA, attribuendo invece la responsabilità ai suoi «colleghi», nota Infowars.

 

Bourla ha quindi anche suggerito che il vaccino fosse reso inefficace a causa della variante lieve di Omicron e ha ribadito che «le vaccinazioni annuali» sono «l’obiettivo finale».

 

«Sentivo e avevo espresso la convinzione che con una terza iniezione, dovremmo essere in grado di ottenere una protezione immunitaria che durerà per un anno, e quindi dovremmo essere in grado di passare a rivaccinazioni annuali, che è l’obiettivo finale», ha affermato il Bourla.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’ufficio della presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen si è riufiutato di consegnare i messaggi di testo scambiati dalla Von der Leyen con Bourla.

 

È noto altresì che il Bourla ha incontrato segretamente almeno due volte il papa.

 

Mesi fa Bourla si è vantato pubblicamente di ricevere briefing da parte dell’FBI e della CIA sulla «diffusione della disinformazione».

 

In varie occasioni il CEO di Pfizer ha insultato coloro che a suo dire diffondono «disinformazione» sui vaccini accusandoli di essere criminali.

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Vaccini

L’accordo internazionale «Hope Accord» chiede la sospensione immediata dei vaccini mRNA contro il COVID

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Un gruppo internazionale di professionisti sanitari, scienziati e accademici ha lanciato l’Hope Accord, chiedendo la sospensione immediata dei vaccini mRNA contro il COVID-19 e il ritorno di «un’assistenza sanitaria e una scienza del popolo, per il popolo, dal popolo», secondo il commentatore sanitario John Campbell, Ph.D.

 

Un gruppo di professionisti sanitari, scienziati, accademici e cittadini preoccupati ha lanciato The Hope Accord, un’iniziativa internazionale che chiede la sospensione immediata dei vaccini a mRNA contro il COVID-19 e una rivalutazione completa della loro sicurezza ed efficacia.

 

L’accordo ha raccolto le firme di eminenti esperti medici e ricercatori, i quali sostengono che prove sempre più recenti suggeriscono che questi nuovi vaccini potrebbero contribuire all’aumento dei tassi di disabilità e di mortalità in eccesso.

 

John Campbell, Ph.D., un educatore infermieristico in pensione e popolare commentatore sanitario, ha descritto l’accordo in un video del 5 luglio come «fondamentalmente un nuovo movimento internazionale … sviluppato da dottori e scienziati intelligenti». Tuttavia ha sottolineato che l’accordo è «aperto alla firma di tutti».

 

I firmatari dell’accordo, tra cui «professionisti noti e di grande reputazione» come la patologa diagnostica Clare Craigla dottoressa Kat Lindley e il dottor Bret Weinstein, chiedono un ritorno a quella che considerano un’etica medica fondamentale e una trasparenza scientifica.

 

Il movimento nasce in un momento in cui sono in corso i dibattiti sugli impatti a lungo termine della risposta globale al COVID-19 e sulla rapida diffusione di nuove tecnologie vaccinali.

 

L’Hope Accord delinea cinque richieste principali, ciascuna delle quali affronta quelle che i firmatari considerano questioni critiche nell’attuale panorama medico e scientifico.

Iscriviti al canale Telegram

1. Sospensione dei prodotti vaccinali mRNA COVID

In primo piano nell’accordo c’è la richiesta di sospensione immediata dei prodotti vaccinali a mRNA contro il COVID-19.

 

L’accordo sostiene che «un crescente numero di prove suggerisce che l’ampia diffusione dei nuovi prodotti vaccinali a mRNA contro il COVID-19 sta contribuendo a un allarmante aumento della disabilità e dei decessi in eccesso».

 

I firmatari giustificano questo appello sottolineando quelli che descrivono come «plausibili meccanismi biologici di danno» e gli alti tassi di eventi avversi segnalati negli studi clinici, nei programmi di sorveglianza nazionale e negli studi autoptici.

 

«Questi prodotti vaccinali… contengono sequenze genetiche che riteniamo debbano essere sospese, almeno per il momento, finché non ne sapremo molto di più», ha affermato Campbell.

 

2. Rivalutazione della sicurezza e dell’efficacia del vaccino

Il secondo punto richiede una rivalutazione completa della sicurezza e dell’efficacia di tutti i prodotti vaccinali contro il COVID-19.

 

L’accordo richiede «indagini indipendenti» che siano «idonee alle risorse, preferibilmente da parte di governi e agenzie indipendenti», ha affermato Campbell in un video di follow-up che esplora i dettagli dell’Accordo sulla speranza.

 

L’accordo richiede di concentrarsi sull’impatto clinico effettivo sulla malattia e sulla mortalità piuttosto che affidarsi a «risultati sintetici basati su ipotesi modellate».

 

«Certamente vogliamo limitare l’uso della modellazione», ha detto Campbell, aggiungendo che «causa ogni sorta di problema».

 

Weinstein, firmatario dell’Accordo e co-conduttore del podcast DarkHorse, in un breve video pubblicato il 6 luglio su X (ex Twitter), ha affermato che l’affermazione secondo cui i vaccini a mRNA erano sicuri «era una bugia pericolosa».

 

3. Riconoscimento e sostegno per le persone danneggiate dai vaccini

La terza richiesta dell’Hope Accord si concentra sul riconoscimento immediato e sul sostegno di coloro che affermano di essere stati danneggiati dai vaccini contro il COVID-19.

 

«È necessario riconoscere i danni causati dai vaccini e fare ogni sforzo per comprendere le loro condizioni», ha affermato Campbell.

 

Secondo Campbell, l’accordo prevede «cliniche multidisciplinari facilmente accessibili» che offrano indagini e cure, e «un adeguato risarcimento per tutti coloro che sono stati danneggiati».

 

I firmatari sostengono che negare i danni causati dai vaccini tradisce coloro che hanno seguito le direttive ufficiali, spesso sotto coercizione da mandati che limitano l’accesso al lavoro, all’istruzione e ad altri aspetti della vita quotidiana.

 

Lindley, presidente del Global Heath Project e organizzatrice del Global Covid Summit, ha dichiarato a The Defender di aver firmato l’accordo perché i governi e le agenzie di regolamentazione continuano a ignorare le questioni relative alla sicurezza e agli infortuni.

«Sebbene abbiamo avuto alcune udienze, non c’è stata alcuna assunzione di responsabilità per le azioni intraprese durante la pandemia», ha affermato.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

4. Ripristino dei principi etici

Il quarto punto affronta quello che i firmatari ritengono sia l’abbandono dell’etica medica fondamentale durante la pandemia di COVID-19.

 

Campbell ha evidenziato principi quali «primum non nocere», il consenso informato, l’autonomia corporea e «l’idea che gli adulti proteggano i bambini, non il contrario».

 

L’accordo sostiene che questi principi sono stati ignorati in base al presupposto di un’emergenza.

 

«Le emergenze non sono mai una ragione per abbandonare i nostri principi; è proprio in questi momenti che dipendiamo da essi nel modo più profondo», afferma.

 

Lindley ha affermato che la mancanza di etica da parte dell’establishment medico è stata «molto scoraggiante» ed è una delle ragioni per cui ha riscritto il giuramento di Ippocrate alcuni anni fa.

 

«Come medici, abbiamo fallito nel nostro dovere di proteggere i vulnerabili e dobbiamo rivalutare lo stato della medicina in cui ci troviamo», ha affermato. «Primum non nocere [primo, non nuocere] non è solo una citazione, ma uno stile di vita e la nostra promessa più sacra».

 

5. Affrontare le cause profonde

L’ultima richiesta chiede di affrontare ciò che i firmatari considerano le cause profonde degli attuali problemi medici e scientifici. L’accordo cerca «un’indagine onesta e approfondita» su fattori quali «il pensiero di gruppo istituzionale, i conflitti di interesse e la soppressione del dibattito scientifico».

 

Campbell ha sottolineato la necessità di una maggiore trasparenza e di un maggiore accesso ai dati durante la sua discussione sull’Hope Accord.

 

«I dati non pubblicati devono essere resi di pubblico dominio», ha affermato. «Agenzie e interessi acquisiti in tutto il mondo stanno trattenendo dati che a te e a me non è consentito vedere. Questo deve finire».

 

Campbell ha sottolineato l’importanza della libertà di parola e del dibattito scientifico. «È così che la scienza progredisce».

 

Ha anche sottolineato la necessità di affrontare il bias di pubblicazione, suggerendo che i risultati sfavorevoli potrebbero essere stati «respinti o trattenuti a causa di timori di danni alla reputazione». Ha sostenuto che questo approccio contraddice i principi scientifici. «Tutti i risultati dovrebbero essere pubblicati: buoni, cattivi e indifferenti, verruche e tutto il resto, il tutto».

 

In un post del 5 luglio su X, il cardiologo britannico e firmatario dell’accordo, il dott. Aseem Malhotra, ha discusso l’accordo, affermando che «Big Pharma … è un’industria il cui modello di business è basato sulla frode».

 

Aiuta Renovatio 21

«La sanità e la scienza del popolo, per il popolo, dal popolo»

Campbell ha espresso particolare preoccupazione per l’erosione della libertà di parola durante la risposta alla pandemia, affermando che gli ricordava «i passati regimi totalitari».

 

«Non vogliamo censura nella nostra era», ha detto. «Vogliamo libertà di parola e un principio democratico che sostenga la capacità di mettere in discussione interventi non testati».

 

Guardando al futuro, Campbell ha sottolineato la necessità di imparare dalle esperienze recenti e ripristinare i principi etici nella medicina e nella salute pubblica. Ha affermato:

 

«In definitiva, cerchiamo un rinnovato impegno verso i principi fondamentali della medicina etica e verso il modo in cui questa include la scienza e tutta la vita in generale, davvero, tornando a un’era in cui ci impegniamo per la trasparenza, la responsabilità e il processo decisionale responsabile attraverso le sfere della medicina e della salute pubblica».

 

Campbell ha inquadrato l’accordo come un movimento di persone comuni, che chiede un ritorno a «un’assistenza sanitaria e a una scienza del popolo, per il popolo, dal popolo».

 

«Vogliamo che tutti lo firmino»

Al 9 luglio, l’Hope Accord aveva oltre 33.000 firme, tra cui quasi 4.000 da medici e altri professionisti sanitari, oltre 1.000 da scienziati e accademici e oltre 28.000 da membri interessati del pubblico. Campbell ha evidenziato alcuni dei principali firmatari fondatori nella sua presentazione video.

 

Ha sottolineato che l’accordo mira a essere «una sorta di movimento popolare dal basso a livello internazionale», aperto alla firma di chiunque, indipendentemente dal proprio background professionale.

 

Ha incoraggiato gli spettatori a prendere in considerazione la firma dell’accordo se ne concordano i principi, sottolineandone il potenziale di influenzare gli approcci futuri alle sfide della salute pubblica e al dibattito scientifico.

 

«Vogliamo dottori intelligenti, vogliamo scienziati intelligenti, poi vogliamo persone come me e tutti gli altri: il macellaio, il fornaio, il fabbricante di candele», ha detto Campbell. «Vogliamo che tutti firmino questo per mostrare la nostra insoddisfazione per ciò che sta accadendo».

 

John-Michael Dumais

 

© 10 luglio 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Agência Brasília via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

 

 

Continua a leggere

Vaccini

Ancora fischi per Djokovic: il pubblico vaccinista del tennis non perdona

Pubblicato

il

Da

Il sette volte campione di Wimbledon ha accusato il pubblico del Centre Court di «aver oltrepassato il limite» e di avergli mancato di rispetto dopo aver battuto il danese Holger Rune in tre set consecutivi ieri sera.   Il pubblico wimbledoniano ha ripetutamente cantato «Rune» per tutta la partita, e Djokovic ha affermato che si trattava di un tentativo di provocarlo perché la parola suona come un «buuu».   «A tutti i tifosi che mi hanno rispettato e sono rimasti qui stasera, ringrazio dal profondo del mio cuore e lo apprezzo», ha detto Djokovic. «E a tutte quelle persone che hanno scelto di mancare di rispetto al giocatore – in questo caso a me – auguro una buuuuuona serata» ha detto sorridendo in una sfida al pubblico di Wimbledone, che continuava a rumoreggiare.  

Iscriviti al canale Telegram

Quando un intervistatore della BBC ha affermato che la folla stava semplicemente scandendo il nome di Rune e che non si trattava di una frecciatina a Djokovic, l’ex numero uno mondiale ha rifiutato di crederci.   «Lo erano. Lo erano. Non lo accetto. No, no, no. So che stavano tifando per Rune, ma è una scusa anche per fischiare», ha detto il campionissimo serbo. «Ascoltate, sono nel tour da più di 20 anni. Conosco tutti i trucchi. Mi concentro sulle persone rispettose che pagano il biglietto, amo il tennis e apprezzo i giocatori. Ho giocato in ambienti molto più ostili, fidatevi, voi ragazzi non potete toccarmi».   Il pubblico tennistico, già di suo spesse volte tacciato di essere fatto di borghesi con la puzza sotto il naso (l’obiettivo ideale della campagna di sottomissione per siero mRNA) ha continuato a ululare, pur tra qualche applauso.   «Tutti i veri tifosi di tennis rispettano i giocatori. Ovviamente sosterrai un giocatore piuttosto che un altro e loro hanno la libertà di scegliere chi sostenere. Se qualcuno oltrepassa il limite, reagisco e dopo la partita ho detto quello che ho detto», ha detto Djokovic durante la conferenza stampa post-partita.   Pare chiaro che molti sono ancora adirati con Djokovic per essersi rifiutato di sottoporsi al vaccino e per la sua campagna senza compromessi contro l’obbligatorietà della vaccinazione per i tennisti che vogliono partecipare ai tornei.   Come noto, lo Djokoviccio è stato punito per il suo rifiuto di sottoporsi all’iniezione fino a giugno, quando gli è stata vietata la partecipazione agli US Open, anche se in seguito la sanzione è stata annullata e Djokovic ha vinto il torneo.   L’episodio più rilevante tuttavia fu la cacciata del campione dall’Australia nel 2022, cosa che gli ha impedito di difendere il suo titolo all’Australian Open, nonostante un giudice avesse inizialmente stabilito che il governo aveva sbagliato a cercare di impedirgli di entrare nel Paese.

Aiuta Renovatio 21

Per questa scelta personale, teoricamente permessa dalle costituzioni di tutto il mondo cosiddetto democratico, Djokovic, come noto, è stato arrestatoimprigionato e deportato da Melbourne, uno degli epicentri mondiali della repressione pandemica e al contempo sede degli Open d’Australia.   Nole nel 2023 ottenne il record del Grande Slam in faccia a Bill Gates che assisteva alla partita all’Open di Francia. Il campione aveva dichiarato apertis verbis di preferire di saltare gli Slam piuttosto che vaccinarsi.   «Questo è il prezzo che sono disposto a pagare» ha dichiarato il campione in un’intervista con la BBC, quando il giornalista gli ha chiesto se avrebbe perso ulteriori eventi se dovessero imporre vaccinazioni per i partecipanti.   L’anno scorso, un giornalista sportiva che aveva affermato che Novak Djokovic aveva scelto una «strana collina su cui morire» rifiutandosi di vaccinarsi, è morto improvvisamente per un malore.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di Barcex via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
Continua a leggere

Vaccini

«I vaccini COVID stanno uccidendo le persone»: post virale di Marjorie Taylor Greene

Pubblicato

il

Da

Un post sui social media della celeberrima deputata statunitense trumpiana Marjorie Taylor Greene (MTG) che afferma: «I vaccini COVID stanno uccidendo le persone», è diventato virale sulla piattaforma social X.

 

Il post del 3 luglio ha totalizzato milioni di visualizzazioni e decine di migliaia di like in poche ore. Molte personalità di spicco, tra cui noti medici, hanno condiviso il post di Greene ripetendo l’affermazione: «I vaccini COVID stanno uccidendo le persone».

 

 

Iscriviti al canale Telegram

In una recente udienza riguardante la gestione della crisi del COVID, Greene ha incalzato l’ex zar della Casa Bianca per il COVID-19, il dottor Anthony Fauci, dicendo che egli dovrebbe essere «messo in galera».

 

«Sa cosa dovrebbe fare questo comitato? Dovremmo raccomandare che lei venga processato. Dovremmo scrivere un rinvio penale perché dovrebbe essere processato per crimini contro l’umanità», ha detto la Greene al Fauci.

 

L’affermazione di MTG secondo cui le iniezioni COVID stanno causando decessi è supportata da molti dottori e scienziati qualificati. Il 3 luglio, una dichiarazione firmata da oltre 1.600 dottori e scienziati ha chiesto una «sospensione immediata» delle iniezioni COVID a causa degli alti rischi associati alla loro assunzione.

 

«Un crescente numero di prove suggerisce che l’ampia diffusione dei nuovi prodotti vaccinali a mRNA contro il Covid-19 sta contribuendo a un allarmante aumento della disabilità e dei decessi in eccesso”, ha affermato il gruppo di esperti.

 

Da quando sono state somministrate le dosi di vaccino anti-COVID, si è registrato un drammatico aumento di giovani atleti professionisti, precedentemente sani, che hanno avuto collassi in campo, molti dei quali hanno subito un arresto cardiaco.

 

La recente e drammatica dichiarazione di scuse di un ex ministro del governo giapponese questo tipo di decessi dimostra che qualcosa potrebbe muoversi a livello istituzionale.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Gage Skidmore via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic

 

 

Continua a leggere

Più popolari