Nonostante i vaccini cinesi, più che triplicati i contagi al confine con la Birmania. Crescono i dubbi

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

 

Registrati ieri 49 casi: il 6 luglio erano 15. Molti sono importati dal territorio birmano. Scienziato cinese che guida lotta al virus riceve terza dose di un vaccino diverso. Studio: Sinovac produce un decimo degli anticorpi prodotti dal Pfizer-BioNTech. In Indonesia e Thailandia morti di coronavirus operatori sanitari vaccinati con farmaci cinesi.

 

 

 

I casi di coronavirus sono più che triplicati nella provincia dello Yunnan, al confine con il Myanmar. Secondo quanto dichiarato oggi dalla Commissione sanitaria nazionale, nelle cittadine frontaliere di Ruili e Longchuan si sono registrate ieri 49 infezioni: 41 sono cittadini cinesi rientrati in patria dal Myanmar; otto sono contagi di origine locale. Il 6 luglio erano 15, tra cui 12 cittadini birmani.

 

Nel complesso in tutta la Cina ieri le autorità hanno conteggiato 65 positivi: numeri ufficiali molto bassi rispetto ad altri Paesi, che segnano però il livello più alto dal 30 gennaio, quando erano 92.

 

Quello nello Yunnan è il secondo focolaio di variante Delta. Il primo è scoppiato nel Guangdong a fine maggio, portando alla chiusura di alcuni importanti porti, con danni significativi al commercio nazionale e internazionale.

 

Militari cinesi pattugliano la frontiera per impedire gli arrivi dei migranti birmani, potenziali propagatori del coronavirus

Zong Guoying, vice governatore dello Yunnan, ha promesso che le autorità costruiranno una «fortezza d’acciaio» per arrestate la trasmissione del virus. Per far fronte alla diffusione del contagio dal Myanmar, il governo locale ha istituito rigidi controlli al confine. Militari cinesi pattugliano la frontiera per impedire gli arrivi dei migranti birmani, potenziali propagatori del coronavirus. Il conflitto civile in corso tra militari golpisti e opposizione armata ha reso più difficile il contenimento dell’emergenza pandemia in Myanmar.

 

Gao Fu, direttore dell’Ufficio cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha detto il 18 luglio che i vaccini cinesi stanno funzionando contro il ceppo Delta. Egli ha ammesso però di aver ricevuto la somministrazione di una terza dose di un vaccino diverso per rafforzare la produzione di anticorpi.

 

In aprile Gao aveva destato scalpore ipotizzando la somministrazione di vaccini differenti in uno stesso paziente. La maggior parte degli osservatori ha letto la sua uscita come un’ammissione pubblica della scarsa efficacia dei vaccini cinesi. Uno studio dell’università di Hong Kong, pubblicato su Lancet Microbe il 15 luglio, sostiene che il cinese Sinovac genera un decimo degli anticorpi prodotti dal Pfizer-BioNTech.

 

Finora la Cina ha sviluppato quattro vaccini, ed è il Paese che esporta più dosi al mondo

Finora la Cina ha sviluppato quattro vaccini, ed è il Paese che esporta più dosi al mondo. Le autorità sanitarie di diversi Stati hanno denunciato però la limitata validità dei vaccini cinesi: un problema per tutti quei governi che li hanno acquistati o ricevuti gratis da Pechino.

 

Ad esempio centinaia di operatori sanitari thailandesi e indonesiani hanno contratto il COVID dopo aver completato la vaccinazione con medicinali cinesi: 30 di loro sono morti in Indonesia; due in Thailandia: un duro colpo per la «diplomazia dei vaccini» di Xi Jinping.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.