Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

Muore poche ore dopo il vaccino. Partita la denuncia

Pubblicato

il

 

 

 

Un ingegnere cinquantaduenne di Lecco, G.P., è morto il giorno stesso della somministrazione della prima dose di vaccino anti-COVID. In pratica, tra la siringa e la morte sono intercorse poche ore. Lo riportano molti media, non solo locali, tra cui l’agenzia ANSA.

 

Il fratello del signore G.P., avvocato in Brianza, ha pubblicato un comunicato su Facebook in cui racconta di aver sporto denuncia ai carabinieri per avere l’autopsia sul corpo di G.P.

«Mio fratello G. ha ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer intorno alle 11 di venerdì, nel centro di Lariofiere ad Erba era contento di poter finalmente vaccinarsi ed è rientrato a casa dalla compagna dove ha ripreso le normali attività. Verso le 22 dello stesso giorno ha avuto un grave malessere, i medici hanno tentato di rianimarlo ma è morto alle 23»

 

«Mio fratello G. ha ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer intorno alle 11 di venerdì, nel centro di Lariofiere ad Erba era contento di poter finalmente vaccinarsi ed è rientrato a casa dalla compagna dove ha ripreso le normali attività. Verso le 22 dello stesso giorno ha avuto un grave malessere, i medici hanno tentato di rianimarlo ma è morto alle 23».

 

L’ingegner G.P. «non aveva patologie pregresse e nemmeno condizioni critiche di salute particolari» racconta il fratello avvocato, che dichiara che i carabinieri di Costa Masnaga «su ordine del magistrato di turno» il giorno successivo hanno seguito «il trasferimento della salma all’obitorio di Lecco» per eseguire un esame autoptico.

 

«Non è nostra intenzione accusare nessuno, vogliamo capire cosa sia accaduto non solo per giustizia verso G. ma anche per la serenità di tutti noi e dei nostri concittadini. Troviamo assurdo che, in una situazione del genere, l’autopsia non sia richiesta d’ufficio dalla Ats».

 

La famiglia «chiede di rispettare il suo lutto, ma resterà vigile e nominerà il perito di parte per l’autopsia».

«Non è nostra intenzione accusare nessuno, vogliamo capire cosa sia accaduto non solo per giustizia verso G. ma anche per la serenità di tutti noi e dei nostri concittadini. Troviamo assurdo che, in una situazione del genere, l’autopsia non sia richiesta d’ufficio dalla Ats»

La morte dell’ingegner G.P. ha addolorato non solo la Brianza ma anche Teolo, paese ai piedi dei Colli Eugenei (provincia di Padova), dove l’ingegnere ha vissuto per anni.

 

 

Sui social spicca un messaggio di cordoglio di un teolese: «Ci mancheranno il tuo sorriso, la tua pungente ironia, la passione per la storia e il saper contestualizzare con raffinata intelligenza. Si è trattato di un evento tanto tragico quanto inaspettato. Resterai sempre con noi».

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Bambino di 10 anni morto per arresto cardiaco 7 giorni dopo l’iniezione di Moderna, dati VAERS

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

I dati VAERS [database pubblico USA per le segnalazioni di reazione avverse ai vaccini, ndt] dal 14 dicembre 2020 al 4 novembre 2022 per i bambini dai 5 agli 11 anni mostrano:

 

 

 

 

 

L’ ultima morte segnalata in questa fascia di età è stata quella di un bambino di 10 anni morto improvvisamente sei giorni dopo aver ricevuto una terza dose del vaccino COVID-19 di Moderna. Secondo il rapporto, «non è noto se sia stata eseguita un’autopsia».

 

Secondo il commento dell’azienda (Moderna) incluso nel rapporto, «la causa della morte è stata segnalata come arresto cardiorespiratorio. Le informazioni riguardanti la valutazione clinica, i test diagnostici, il trattamento fornito o i referti dell’autopsia non sono state divulgate».

 

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 14 novembre 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Dr. Peter McCullough: i vaccini di COVID stanno causando danni agli organi a lungo termine?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 ripubblica questo testo del dottor Peter McCullough apparso su Courageous Discourse.

 

 

Di tutte le grandi tensioni che sia i medici che i pazienti hanno dovuto affrontare nella crisi COVID-19 c’è la mancanza di garanzie sulla sicurezza a lungo termine dei vaccini COVID-19.

 

Agli americani è stato detto che questi prodotti genetici sono stati sottoposti a test a «velocità di curvatura». Sebbene ciò possa essere meraviglioso per l’astronave Enterprise, la velocità di curvatura non dovrebbe essere vista come favorevole nello sviluppo di farmaci o vaccini.

 

Il tempo di osservazione nella ricerca è molto importante per valutare l’emergere di problemi, in particolare per i vaccini a mRNA di lunga durata e il loro prodotto biologico, la proteina spike del coronavirus.

 

Per un tipico vaccino vivo attenuato, ucciso o basato sull’antigene, il periodo minimo per l’osservazione della sicurezza nello sviluppo clinico è di due anni. Per i prodotti genetici che includono mRNA e DNA adenovirale, il tempo minimo è di cinque anni.

 

Ora, con la vaccinazione indiscriminata di massa, abbiamo circa due terzi delle popolazioni adulte che hanno ricevuto un nuovo vaccino e la progressione dei loro problemi medici di base è l’obiettivo specifico della ricerca in corso in molti centri.

 

Canney et al hanno studiato 1.105 pazienti che avevano una malattia renale glomerulare stabile nel 2020 prima dell’mRNA, e poi li hanno seguiti dopo aver ricevuto uno o più vaccini COVID-19.

 

La malattia renale glomerulare può peggiorare fino a completare l’insufficienza renale e la dialisi, quindi le conseguenze sono significative se c’è un problema con l’mRNA, la proteina spike e la progressione della malattia.

 

Come mostrato nella tabella, per la doppia vaccinazione, c’è stato un aumento più che doppio della progressione della malattia renale.

 

 

Ciò significa una perdita della funzione renale che di solito è permanente per i vaccinati. Utilizzando la regolazione multivariabile, questo effetto persisteva.

 

La deduzione è che il peggioramento della malattia renale è attribuibile al vaccino e a nessuno degli altri tradizionali fattori di rischio (ipertensione, etc.).

 

Quindi, se tu o una persona cara avete una malattia renale e siete stati costretti a vaccinarvi da un medico di base o da un nefrologo, condividete questo articolo con loro e suggerite loro di non promuovere mai più un prodotto sperimentale senza alcuna garanzia a lungo termine sulla sicurezza.

 

Tale prodotto dovrebbe essere considerato dal paziente solo come si farebbe in uno studio di ricerca, esclusivamente sulla base delle preferenze personali e della volontà di essere coinvolto in una forma di indagine clinica.

 

 

Dottor Peter A. McCullough

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Nuotatrice olimpica danneggiata da vaccino: «non funzionavo più, volevo porre fine alla mia vita»

Pubblicato

il

Da

Una nuotatrice olimpica britannica divenuta attrice afferma di essere stata quasi uccisa da un vaccino COVID-19 imposto su lavoro e che i suoi effetti collaterali debilitanti sono stati ignorati dal Servizio sanitario nazionale.

 

In una testimonianza apparsa in un documentario della testata americana Epoch Times intitolato «Sicuro ed efficace: una seconda opinione», Genevieve Florence, 24 anni, descrive in dettaglio come la sua vita sia peggiorata dopo aver fatto il siero genico sperimentale.

 

«L’industria mi ha richiesto di essere doppiamente vaccinata per lavorare nei film», ha descritto Florence, aggiungendo: “Me ne sono pentita immediatamente non appena me l’hanno messo nel braccio. Ho solo pensato, “cosa ho fatto?”».

 

Nelle settimane successive, Florence, che in precedenza aveva gareggiato alle Olimpiadi europee in rappresentanza della squadra di nuoto britannica, iniziò a soffrire di mal di testa debilitanti che le impedivano di funzionare normalmente.

 

«I sintomi dopo il mio primo vaccino Pfizer: incapacità di controllare la temperatura corporea e la frequenza cardiaca, dolore straziante alla testa che faceva girare la stanza, spossatezza, nebbia cerebrale debilitante, dolore toracico, tremori, sensazioni di bruciore. Non riuscivo a camminare in linea retta, non riuscivo a camminare correttamente», ha documentato Florence su Twitter il mese scorso.

 

Al momento, non è possibile reperire i tweet, perché sembrano spariti dal social media assieme allo stesso account. Andando sulla pagina del suo indirizzo Twitter – @Gen_Florence – si ottiene una comunicazione secca: «Questo account non esiste Prova a cercarne un altro». Come spesso accade, tuttavia, alcune pagine sono state ancora visibili dalla Wayback Machine di Archive.org.

 

È pensabile che anche la storia drammatica di questa ragazza sia stata ritenuta «disinformazione», quindi censurata, e non sappiamo se il nuovo regime di Elon Musk fare finire queste ingiustizie infami.

 

Il suo account Instagram, dove invece pubblicava solo foto spensierate, non è toccato da alcuna censura: la riprova che basta solo mostrare il mondo come vogliono, e non la verità della propria vita, per non avere problemi con il sistema; mostrare cose inutili è permesso, discutere di ciò che è importante – la propria vita, la propria salute, la possibile minaccia sulla vita e la salute degli altri – non è consentito.

 

Tutto questo è osceno. Anche perché stiamo parlando della vera sofferenza di una giovane.

 

«Non potevo fare niente», ammette la bellissima nel documentario. «Era come se qualcuno fosse davvero dentro il mio cranio, come se spingesse fuori. Non riesco a spiegare quanto sia stato orribile. Ed ero stordita. Stavo letteralmente strisciando».

 


 

Ricordando i timori che i sintomi potessero essere permanenti, l’atleta scoppia in lacrime dinanzi alle telecamere descrivendo come aveva bisogno di assistenza per svolgere le normali attività quotidiane.

 

Fortunatamente per Florence, è stata indirizzata a un cardiologo privato che le ha consigliato «le medicine corrette per il cuore» e un regime sanitario che l’ha aiutata a tornare a una parvenza di normalità.

 

«Pensavo davvero che la mia vita fosse finita. Non riuscivo nemmeno a cucinare il cibo. Non riuscivo nemmeno ad alzarmi. Non potevo prendermi cura di me stessa. Mia madre veniva due volte alla settimana per cambiarmi le lenzuola, fare la spesa per me e pulire la casa. Non potevo fare proprio niente».

 

Per aggiungere la beffa al danno da vaccino, Florence ha spiegato che il servizio sanitario nazionale britannica non l’ha presa sul serio.

 

«È stata l’esperienza più terrificante sentirsi dire che quello che ti sta succedendo è psicologico e non fisico quando provi dolore fisico», dice l’olimpionica.

 

 

 

 

Immagine da Instagram

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari