Infiammazione cardiaca legata ai vaccini COVID in uno studio sull’esercito americano, il Dipartimento della Difesa conferma

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

In uno studio pubblicato il 29 giugno su JAMA Cardiology, i ricercatori hanno descritto 23 casi di miocardite in militari sani che hanno sviluppato la condizione entro quattro giorni dalla somministrazione dei vaccini COVID di Pfizer o Moderna.

 

 

Un nuovo studio sui soldati degli Stati Uniti ha rilevato tassi di infiammazione cardiaca più elevati del previsto dopo la somministrazione di un vaccino COVID. È una scoperta che secondo i ricercatori del Dipartimento della Difesa dovrebbe richiamare l’attenzione sulla condizione, nota come miocardite, come potenziale effetto collaterale delle vaccinazioni.

 

In uno studio pubblicato il 29 giugno su JAMA Cardiology, i medici militari statunitensi hanno descritto 23 casi di miocardite in maschi precedentemente sani che hanno sviluppato la condizione entro quattro giorni dalla somministrazione di un vaccino COVID.

 

Tutti i membri dell’esercito erano sani con un alto livello di forma fisica. Erano fisicamente in forma per gli standard militari e non avevano alcun precedente noto di malattie cardiache, significativi fattori di rischio cardiaco o esposizione ad agenti cardiotossici

Un totale di 23 pazienti di sesso maschile (22 attualmente in servizio nelle forze armate e 1 in pensione) con un’età media di 25 anni sono stati visitati tra gennaio e aprile 2021 per dolore toracico a esordio acuto in seguito alla vaccinazione con un vaccino COVID mRNA.

 

Tutti i membri dell’esercito erano sani con un alto livello di forma fisica. Erano fisicamente in forma per gli standard militari e non avevano alcun precedente noto di malattie cardiache, significativi fattori di rischio cardiaco o esposizione ad agenti cardiotossici.

 

Sette militari hanno ricevuto il vaccino COVID di Pfizer e 16 hanno ricevuto il vaccino Moderna. Ogni paziente ha avuto una diagnosi di miocardite senza eziologie infettive, ischemiche o autoimmuni identificate. Le diagnosi sono state riviste e soddisfacevano i criteri di definizione dei casi di probabile miocardite dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

 

Tutti i pazienti presentavano dolore toracico acuto e livelli di troponina cardiaca significativamente elevati (da 10 a 400 volte superiori ai limiti dei rispettivi intervalli di riferimento) con insorgenza dei sintomi entro 12-96 ore dopo la vaccinazione COVID.

 

Secondo lo studio, i medici si aspettavano di trovare otto casi di miocardite, o meno, tra i 436.000 militari di sesso maschile che avevano ricevuto due dosi di mRNA. Ma 20 membri dell’esercito hanno sviluppato l’infiammazione dopo la seconda dose, di cui 14 dopo l’iniezione di Moderna e sei dopo l’iniezione di Pfizer. Tre hanno sviluppato miocardite dopo il loro primo vaccino.

 

I sintomi cardiaci si sono risolti entro una settimana dall’esordio per 16 pazienti, ma sette hanno continuato ad accusare dolore toracico al momento della pubblicazione.

 

ricercatori hanno affermato che mentre la vera incidenza della miocardite è sconosciuta in questo momento, il modello di presentazione e il decorso clinico suggeriscono un’associazione con la risposta infiammatoria alla vaccinazione.

 

Il team ha concluso che una maggiore attenzione alla miocardite come potenziale evento avverso dopo la vaccinazione è giustificata.

 

 

Un nuovo studio supporta il legame tra vaccini mRNA COVID e infiammazione cardiaca

Uno studio separato pubblicato su JAMA Cardiology il 29 giugno ha preso in esame sette casi di miocardite acuta. Quattro si sono verificati entro cinque giorni dalla vaccinazione COVID tra il 1 febbraio e il 30 aprile.

 

Tutti e quattro i pazienti avevano ricevuto la seconda dose di un vaccino mRNA e si erano presentati con forte dolore toracico, avevano segni di un danno miocardico confermato da biomarcatori, erano stati ricoverati in ospedale e i risultati dei test erano coerenti con la miocardite.

 

«È possibile che questi quattro casi di miocardite acuta rappresentino un raro e potenziale evento avverso legato alla vaccinazione COVID-19 mRNA», hanno scritto i ricercatori. «I risultati del presente rapporto avvalorano la possibile associazione tra la vaccinazione COVID-19 con mRNA e la miocardite acuta».

 

Un’associazione tra vaccini COVID e miocardite è stata segnalata per la prima volta in Israele con un caso studio a febbraio che coinvolgeva un maschio di 19 anni.

Un’associazione tra vaccini COVID e miocardite è stata segnalata per la prima volta in Israele con un caso studio a febbraio che coinvolgeva un maschio di 19 anni.

 

Il 26 aprile, alcuni dettagli trapelati da un rapporto del Ministero della Sanità israeliano hanno sollevato preoccupazioni tra gli esperti su un possibile legame tra il vaccino COVID Pfizer-BioNTech e la miocardite.

 

Un rapporto preliminare di un comitato israeliano incaricato di monitorare gli effetti collaterali del vaccino ha rilevato 62 casi di miocardite, tra cui due decessi, in persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer. Cinquantasei casi si sono verificati dopo la seconda dose del vaccino e 55 casi si sono verificati negli uomini, la maggior parte di età compresa tra 18 e 30 anni.

 

Secondo quanto riferito, i due pazienti deceduti erano notoriamente sani fino a quando non hanno ricevuto il vaccino e non avevano patologie preesistenti.

 

Il 2 giugno, i funzionari sanitari israeliani hanno confermato un probabile legame tra il vaccino COVID della Pfizer e dozzine di casi di infiammazione cardiaca nei giovani dopo la seconda dose

Il 27 aprile, Reuters ha riportato che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti stava indagando su 14 casi di infiammazione cardiaca tra persone che erano state vaccinate attraverso i servizi sanitari dell’esercito.

 

Il 2 giugno, i funzionari sanitari israeliani hanno confermato un probabile legame tra il vaccino COVID della Pfizer e dozzine di casi di infiammazione cardiaca nei giovani dopo la seconda dose.

 

Come riportato da The Defender il 10 giugno, il comitato consultivo del CDC ha riconosciuto un numero superiore al previsto di casi di infiammazione cardiaca tra i 16 ei 24 anni che hanno recentemente ricevuto la seconda dose dei vaccini COVID Pfizer e Moderna.

 

Sulla base di un rapporto del 24 maggio del Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) COVID-19 Vaccine Safety Technical Work Group (VaST), il 1 giugno il CDC ha aggiornato il suo sito Web con la seguente dicitura:

 

«I dati del VAERS [Vaccine Adverse Events Reporting System] mostrano che nella finestra di 30 giorni successiva alla somministrazione delle 2 dosi della vaccinazione COVID-19 con mRNA, è stato osservato un numero maggiore di casi di miocardite/pericardite rispetto a quanto previsto nella fascia di età 16-24 anni».

 

Il 23 giugno, l’ACIP ha affermato che esisteva una «probabile associazione» tra infiammazione cardiaca «lieve» negli adolescenti e nei giovani adulti e vaccinazione con un vaccino COVID mRNA ed era giustificata una dichiarazione di avvertimento.

 

Il comitato di sicurezza ha riconosciuto più di 1.200 casi di miocardite o pericardite in soggetti di età compresa tra 16 e 24 anni che hanno ricevuto un vaccino COVID mRNA, che si sono verificati principalmente nei maschi dopo la seconda dose

Il comitato di sicurezza ha riconosciuto più di 1.200 casi di miocardite o pericardite in soggetti di età compresa tra 16 e 24 anni che hanno ricevuto un vaccino COVID mRNA, che si sono verificati principalmente nei maschi dopo la seconda dose.

 

Come riportato da The Defender il 28 giugno, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha aggiunto un avvertimento alle schede informative di Pfizer e Moderna indicando un aumento del rischio di miocardite e pericardite in seguito alla vaccinazione.

 

Secondo gli ultimi dati del VAERS, ci sono stati 1.117 casi di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) in tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021.

 

Dei 1.342 casi segnalati, 835 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 458 a Moderna e 45 al vaccino COVID di Johnson & Johnson.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

 

 

© 30 giugno, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.