Connettiti con Renovato 21

Militaria

Infiammazione cardiaca legata ai vaccini COVID in uno studio sull’esercito americano, il Dipartimento della Difesa conferma

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

In uno studio pubblicato il 29 giugno su JAMA Cardiology, i ricercatori hanno descritto 23 casi di miocardite in militari sani che hanno sviluppato la condizione entro quattro giorni dalla somministrazione dei vaccini COVID di Pfizer o Moderna.

 

 

Un nuovo studio sui soldati degli Stati Uniti ha rilevato tassi di infiammazione cardiaca più elevati del previsto dopo la somministrazione di un vaccino COVID. È una scoperta che secondo i ricercatori del Dipartimento della Difesa dovrebbe richiamare l’attenzione sulla condizione, nota come miocardite, come potenziale effetto collaterale delle vaccinazioni.

 

In uno studio pubblicato il 29 giugno su JAMA Cardiology, i medici militari statunitensi hanno descritto 23 casi di miocardite in maschi precedentemente sani che hanno sviluppato la condizione entro quattro giorni dalla somministrazione di un vaccino COVID.

 

Tutti i membri dell’esercito erano sani con un alto livello di forma fisica. Erano fisicamente in forma per gli standard militari e non avevano alcun precedente noto di malattie cardiache, significativi fattori di rischio cardiaco o esposizione ad agenti cardiotossici

Un totale di 23 pazienti di sesso maschile (22 attualmente in servizio nelle forze armate e 1 in pensione) con un’età media di 25 anni sono stati visitati tra gennaio e aprile 2021 per dolore toracico a esordio acuto in seguito alla vaccinazione con un vaccino COVID mRNA.

 

Tutti i membri dell’esercito erano sani con un alto livello di forma fisica. Erano fisicamente in forma per gli standard militari e non avevano alcun precedente noto di malattie cardiache, significativi fattori di rischio cardiaco o esposizione ad agenti cardiotossici.

 

Sette militari hanno ricevuto il vaccino COVID di Pfizer e 16 hanno ricevuto il vaccino Moderna. Ogni paziente ha avuto una diagnosi di miocardite senza eziologie infettive, ischemiche o autoimmuni identificate. Le diagnosi sono state riviste e soddisfacevano i criteri di definizione dei casi di probabile miocardite dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

 

Tutti i pazienti presentavano dolore toracico acuto e livelli di troponina cardiaca significativamente elevati (da 10 a 400 volte superiori ai limiti dei rispettivi intervalli di riferimento) con insorgenza dei sintomi entro 12-96 ore dopo la vaccinazione COVID.

 

Secondo lo studio, i medici si aspettavano di trovare otto casi di miocardite, o meno, tra i 436.000 militari di sesso maschile che avevano ricevuto due dosi di mRNA. Ma 20 membri dell’esercito hanno sviluppato l’infiammazione dopo la seconda dose, di cui 14 dopo l’iniezione di Moderna e sei dopo l’iniezione di Pfizer. Tre hanno sviluppato miocardite dopo il loro primo vaccino.

 

I sintomi cardiaci si sono risolti entro una settimana dall’esordio per 16 pazienti, ma sette hanno continuato ad accusare dolore toracico al momento della pubblicazione.

 

ricercatori hanno affermato che mentre la vera incidenza della miocardite è sconosciuta in questo momento, il modello di presentazione e il decorso clinico suggeriscono un’associazione con la risposta infiammatoria alla vaccinazione.

 

Il team ha concluso che una maggiore attenzione alla miocardite come potenziale evento avverso dopo la vaccinazione è giustificata.

 

 

Un nuovo studio supporta il legame tra vaccini mRNA COVID e infiammazione cardiaca

Uno studio separato pubblicato su JAMA Cardiology il 29 giugno ha preso in esame sette casi di miocardite acuta. Quattro si sono verificati entro cinque giorni dalla vaccinazione COVID tra il 1 febbraio e il 30 aprile.

 

Tutti e quattro i pazienti avevano ricevuto la seconda dose di un vaccino mRNA e si erano presentati con forte dolore toracico, avevano segni di un danno miocardico confermato da biomarcatori, erano stati ricoverati in ospedale e i risultati dei test erano coerenti con la miocardite.

 

«È possibile che questi quattro casi di miocardite acuta rappresentino un raro e potenziale evento avverso legato alla vaccinazione COVID-19 mRNA», hanno scritto i ricercatori. «I risultati del presente rapporto avvalorano la possibile associazione tra la vaccinazione COVID-19 con mRNA e la miocardite acuta».

 

Un’associazione tra vaccini COVID e miocardite è stata segnalata per la prima volta in Israele con un caso studio a febbraio che coinvolgeva un maschio di 19 anni.

Un’associazione tra vaccini COVID e miocardite è stata segnalata per la prima volta in Israele con un caso studio a febbraio che coinvolgeva un maschio di 19 anni.

 

Il 26 aprile, alcuni dettagli trapelati da un rapporto del Ministero della Sanità israeliano hanno sollevato preoccupazioni tra gli esperti su un possibile legame tra il vaccino COVID Pfizer-BioNTech e la miocardite.

 

Un rapporto preliminare di un comitato israeliano incaricato di monitorare gli effetti collaterali del vaccino ha rilevato 62 casi di miocardite, tra cui due decessi, in persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer. Cinquantasei casi si sono verificati dopo la seconda dose del vaccino e 55 casi si sono verificati negli uomini, la maggior parte di età compresa tra 18 e 30 anni.

 

Secondo quanto riferito, i due pazienti deceduti erano notoriamente sani fino a quando non hanno ricevuto il vaccino e non avevano patologie preesistenti.

 

Il 2 giugno, i funzionari sanitari israeliani hanno confermato un probabile legame tra il vaccino COVID della Pfizer e dozzine di casi di infiammazione cardiaca nei giovani dopo la seconda dose

Il 27 aprile, Reuters ha riportato che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti stava indagando su 14 casi di infiammazione cardiaca tra persone che erano state vaccinate attraverso i servizi sanitari dell’esercito.

 

Il 2 giugno, i funzionari sanitari israeliani hanno confermato un probabile legame tra il vaccino COVID della Pfizer e dozzine di casi di infiammazione cardiaca nei giovani dopo la seconda dose.

 

Come riportato da The Defender il 10 giugno, il comitato consultivo del CDC ha riconosciuto un numero superiore al previsto di casi di infiammazione cardiaca tra i 16 ei 24 anni che hanno recentemente ricevuto la seconda dose dei vaccini COVID Pfizer e Moderna.

 

Sulla base di un rapporto del 24 maggio del Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) COVID-19 Vaccine Safety Technical Work Group (VaST), il 1 giugno il CDC ha aggiornato il suo sito Web con la seguente dicitura:

 

«I dati del VAERS [Vaccine Adverse Events Reporting System] mostrano che nella finestra di 30 giorni successiva alla somministrazione delle 2 dosi della vaccinazione COVID-19 con mRNA, è stato osservato un numero maggiore di casi di miocardite/pericardite rispetto a quanto previsto nella fascia di età 16-24 anni».

 

Il 23 giugno, l’ACIP ha affermato che esisteva una «probabile associazione» tra infiammazione cardiaca «lieve» negli adolescenti e nei giovani adulti e vaccinazione con un vaccino COVID mRNA ed era giustificata una dichiarazione di avvertimento.

 

Il comitato di sicurezza ha riconosciuto più di 1.200 casi di miocardite o pericardite in soggetti di età compresa tra 16 e 24 anni che hanno ricevuto un vaccino COVID mRNA, che si sono verificati principalmente nei maschi dopo la seconda dose

Il comitato di sicurezza ha riconosciuto più di 1.200 casi di miocardite o pericardite in soggetti di età compresa tra 16 e 24 anni che hanno ricevuto un vaccino COVID mRNA, che si sono verificati principalmente nei maschi dopo la seconda dose.

 

Come riportato da The Defender il 28 giugno, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha aggiunto un avvertimento alle schede informative di Pfizer e Moderna indicando un aumento del rischio di miocardite e pericardite in seguito alla vaccinazione.

 

Secondo gli ultimi dati del VAERS, ci sono stati 1.117 casi di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) in tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti a seguito della vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021.

 

Dei 1.342 casi segnalati, 835 casi sono stati attribuiti a Pfizer, 458 a Moderna e 45 al vaccino COVID di Johnson & Johnson.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

 

 

 

© 30 giugno, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Continua a leggere

Intelligenza Artificiale

Hanno piazzato un’arma sopra il robocane

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21, praticamente unica in Italia, vi ha stressato spesse volte con la storia del robocane. Lo chiamiamo noi così, ma avete capito perfettamente di cosa parliamo.

 

Una delle forme di implementazioni più impressionanti  della robotica, per anni  il mondo si è limitato a inoltrare agli amici i video della Boston Dynamics (un’azienda passata poi nelle mani fi Google, quindi del fondo dell’ambizioso e visionario ultramiliardario pro-Intelligenza Artificiale Masayoshi Son).

 

Ora la faccenda si fa più interessante.

 

Sul robocane hanno montato un’arma, e hanno presentato il risultato ad una fiera.

Sul robocane hanno montato un’arma, e hanno presentato il risultato ad una fiera.

 

In uno stand espositivo nell’incontro e nella mostra annuale dell’Associazione dell’esercito degli Stati Uniti, Ghost Robotics (il concorrente militare della più nota Boston Dynamics) ha mostrato con orgoglio un’arma progettata per essere attaccata ai suoi robot quadrupedi realizzati da un società denominata SWORD Defense Systems.

 

 

«Lo Special Purpose Unmanned Rifle (SPUR) di SWORD Defense Systems è stato specificamente progettato per offrire fuoco di precisione da piattaforme senza equipaggio come il quadrupede Ghost Robotics Vision-60», proclama SWORD sul suo sito web.

 

L’arma «consente un fuoco di precisione fino a 1200 metri» e «può utilizzare (…) la cartuccia NATO 7,62 × 51».

 

«Grazie ai suoi sensori altamente capaci, lo SPUR può funzionare in una vasta gamma di condizioni, sia di giorno che di notte. Lo SPUR dei sistemi di difesa SWORD è il futuro dei sistemi d’arma senza equipaggio, e quel futuro è adesso» dice il sito.

 

A maggio l’aeronautica statunitense  ha pubblicato un video  sul «Robotic Ghost Dog» con cui queste armi sono progettate per essere utilizzate, mostrando le macchine che fanno jogging, si alzano dopo essere state capovolte e persino ballano.

 

Nel video i militari ammettono la possibilità di attaccare ai robot delle armi da fuoco.

 

 

«Il prototipo SPUR è solo una delle tante armi diverse che vedremo sicuramente testate per l’uso con robot quadrupedi nei prossimi anni, e alla fine vedremo probabilmente i suoi successori testati su stranieri impoveriti in inutili interventi militari da parte degli Stati Uniti e/o dei suoi alleati» scrive Zerohedge.

 

Il problema è che, vista la distopia che stiamo vivendo, quando arriveranno i Terminator, troveranno uno stuolo di elettori del PD ad applaudirli. Basta che glielo abbia detto la TV, garantendo che le macchine assassine sono contro il COVID, il razzismo, l’omotransfobia – e che non toccano il loro stipendio che garantisce l’abbonamento a Netflix e i pacchetti Amazon.

«Si uniranno ad altri sistemi di armi senza equipaggio nell’arsenale imperiale come il famigerato programma di droni degli Stati Uniti, il Samsung SGR-A1 della Corea del Sud , il drone turco Kargu che secondo quanto riferito ha già   attaccato esseri umani in Libia senza che gli fosse stato dato un comando umano per farlo, e il fucile da cecchino robotico assistito dall’Intelligenza Artificiale che è stato utilizzato dall’intelligence israeliana in coordinamento con il governo degli Stati Uniti per assassinare uno scienziato iraniano l’anno scorso».

 

L’era dei robot killer, insomma, è già qui.

 

Il problema è che, vista la distopia che stiamo vivendo, quando arriveranno i Terminator, troveranno uno stuolo di elettori del PD ad applaudirli. Basta che glielo abbia detto la TV, garantendo che le macchine assassine sono contro il COVID, il razzismo, l’omotransfobia – e che non toccano il loro stipendio che garantisce l’abbonamento a Netflix e i pacchetti Amazon.

 

Qualcuno si convinca che bisogna fare qualcosa. Per il pericolo robocane armato, ma anche per la follia del cittadino parassita benpensante progressista.

 

 

Immagine dal sito di SWORD Defense System

Continua a leggere

Militaria

Gli americani annunciano di avere batterie di missili ipersonici

Pubblicato

il

Da

 

Dopo che Russia, Cina e Corea del Nord hanno annunciato l’implementazione della tecnologia missilistica ipersonica, anche gli USA dichiarano di avere pronta una prima batteria di missili ipersonici superficie-superficie.

 

La batteria dell’Esercito USA sarebbe in preparazione nella base di Lewis-McChord nello stato di Washington. La avrebbe in consegna una Brigata di artiglieria, la 17th Field Artillery Brigade, schierata dal 2019 nel teatro Asia-Pacifico.

 

«I veicoli lanciatori sono stati consegnati fra il 14 e il 15 settembre, mentre una cerimonia ufficiale si è tenuta il 7 ottobre ed il missile, noto come Long Range Hypersonic Weapon, è stato da poco ribattezzato DARK EAGLE» scrive RID.

 

Il missile DARK EAGLE è detto poter viaggiare Mach 17 (20.825, 75 km/h)

«Il DARK EAGLE impiega il glider ipersonico Common Hypersonic Glide Body (C-HGB), frutto di una cooperazione con l’US Navy e destinato dunque ad equipaggiare anche i primi missili ipersonici lanciati da navi e sottomarini».

 

Il missile DARK EAGLE è detto poter viaggiare Mach 17 (20.825, 75 km/h), dopo cui esso comincia la picchiata sull’obbiettivo. La velocità terminale del glider ipersonico sarebbe invece di Mach 5 (6.125,22). Per la gittata si ipotizzano almeno 2.700 km.

 

«Oltre alla elevata velocità terminale, la pericolosità dei glider ipersonici viene dalla loro capacità di manovrare, rendendosi bersagli sfuggenti e meno prevedibili» scrive RID.

 

I lanciatori dovrebbero consentire l’addestramento del personale per il primo lancio, previsto per l’anno prossimo.

 

Gli USA avevano dichiarato due mesi fa di aver fallito per la seconda volta un test per un prototipo di arma ipersonica.

 

«Nell’ultimo anno, la Cina ha testato più armi ipersoniche di quante ne abbiamo fatte in un decennio. Dobbiamo aggiustare questa cosa» aveva detto nel 2018  Michael Griffin, Sottosegretario della Difesa USA per la Ricerca & Sviluppo.

 

Sia gli Stati Uniti che la Russia si sono ritirati dal Trattato sulle Forze Nucleari a Raggio Intermedio (INF) nel febbraio 2019. Ciò non può che stimolare lo sviluppo delle armi balistiche, comprese le armi ipersoniche.

 

Le armi ipersoniche, considerate non-difendibili, mettono a rischio l’equilibrio di deterrenza stabilito con fatica riguardo alle armi nucleari

Come riportato da Renovatio 21, nella competizione ipersonica si è aggiunta, imperiosamente la Cina (che sta ingegnerizzando anche droni ipersonici in grado di atterrare). La Nord Corea, da qualche settimana, ha fatto sapere di essere nel club ipersonico.

 

Le armi ipersoniche, considerate non-difendibili, mettono a rischio l’equilibrio di deterrenza stabilito con fatica riguardo alle armi nucleari.

 

Sono, a tutti gli effetti, una vera minaccia alla pace del pianeta.

 

 

 

Continua a leggere

Militaria

Droni ipersonici cinesi?

Pubblicato

il

Da

 

 

Il South China Morning Post di Hong Kong ha recentemente rivelato che i ricercatori militari cinesi avrebbero trovato un modo per far atterrare in sicurezza droni ipersonici su piste standard. Se l’articolo dice il vero, ciò costituirebbe un passo monumentale per l’aerospaziale cinese e metterebbe il Paese anni luce davanti agli Stati Uniti. 

 

Uno studio peer-reviewed pubblicato sulla rivista di difesa Tactical Missile Technology il 1 settembre, ha descritto come il professor Dai Fei dell’Università Beihang di Pechino, assieme al suo team, ha lavorato con l’aviazione dell’Esercito di Liberazione del Popolo per perfezionare la tecnologia alla base degli atterraggi ipersonici dei droni. 

 

Hanno determinato che uno «schema di guida di ritorno non alimentato» per i droni che viaggiavano a Mach 5 (cioè più di 6 mila chilometri orari) era sufficiente. A quelle velocità super veloci, a un’altitudine di 19 miglia, il computer di bordo spegneva il motore del drone 125 miglia prima di atterrare. 

 

Ciò costituirebbe un passo monumentale per l’aerospaziale cinese e metterebbe il Paese anni luce davanti agli Stati Uniti

Soprannominata «interfaccia di atterraggio automatico», il computer tramite un software ben preciso, simile a quello degli aerei commerciali e militari, effettuerebbe micro-regolazioni alla traiettoria dell’aereo in base a una moltitudine di variabili, come la pressione dell’aria e l’altitudine.

 

I ricercatori hanno affermato che il software nuovo e migliorato fornisce «possibili scenari di atterraggio» per il drone. 

 

I ricercatori hanno anche affermato che il drone eseguirà una serie di sottili virate a S per rallentare prima dell’atterraggio.

 

Spegnere i motori più di cento miglia prima dell’atterraggio aumenta la complessità dell’atterraggio poiché i motori degli aerei ipersonici sono più difficili da riavviare. 

 

Il nuovo documento potrebbe confermare che il drone ipersonico cinese chiamato Wuzhen 8 è apparso alla parata militare di Pechino due anni fa. Non è chiaro se il team di Dai abbia testato con successo il nuovo software sul campo. 

 

Se la Cina investirà ricerche e risorse sui droni ipersonici, potrebbe fornire un ombrello di difesa intorno al Mar Cinese Meridionale, nello Stretto di Taiwan e in altre aree ostili contro i caccia stealth statunitensi. 

 

Questi aerei veloci potrebbero portare le persone in giro per il mondo in un’ora e prendere il volo già nel 2035. 

 

Non c’è dubbio che una Cina che avanza così rapidamente nelle tecnologie militari del futuro pone una sfida non di poco conto alla potenza aerea americana che, per inciso,riguardo a queste avanzate armi da guerra sta incontrando non poche difficoltà .

 

La Corea del Nord la scorsa settimana ha dichiarato di aver eseguito un test per missile ipersonico, battezzato Hwasong-8.

 

La tecnologia missilistica ipersonica può aprire a situazione di instabilità globale ancora più insidiose di quelle della Guerra Fredda.

 

In quanto «arma non difendibile», l’ipotesi di armamenti ipersonici da parte delle grandi potenze (e non solo) può portare all’annullamento della deterrenza, con conseguente squilibrio totale nelle relazioni internazionali.

 

 

 

 

Immagine d’archivio

Continua a leggere

Più popolari