Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

La miocardite è in cima alla lista delle lesioni da vaccino COVID tra i 12 e i 17 anni: dati VAERS

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention includevano un totale di 1.033.994 segnalazioni di eventi avversi di tutti i gruppi di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 21.745 decessi e 170.446 feriti gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 7 gennaio 2022.

 

 

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno rilasciato oggi nuovi dati che mostrano un totale di 1.033.994 segnalazioni di eventi avversi a seguito dei vaccini COVID sono state inviate tra il 14 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2022 al sistema di segnalazione di eventi avversi del vaccino (VAERS). Il VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti

 

I dati includevano un totale di 21.745 segnalazioni di decessi – con un aumento di 363 rispetto alla settimana precedente – e 170.446 segnalazioni di lesioni gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo – 3.840 in più rispetto alla settimana precedente.

 

Tra il 14 dicembre 2020 e il 7 gennaio 2022 negli Stati Uniti sono stati segnalati 723.042 eventi avversi , inclusi 9.936 decessi e 64.406 feriti gravi , escluse i «rapporti esteri» al VAERS .

 

I rapporti esteri sono rapporti che le sussidiarie estere inviano ai produttori di vaccini statunitensi. In base alle normative della Food and Drug Administration (FDA) statunitense, se a un produttore viene notificata una segnalazione di un caso estero che descrive un evento grave e non compare sull’etichetta del prodotto, il produttore è tenuto a presentare la segnalazione a VAERS.

 

Dei 9.936 decessi negli Stati Uniti segnalati al 7 gennaio, il 19% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 24% entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

 

Negli Stati Uniti, al 7 gennaio erano state somministrate 516 milioni di dosi di vaccino COVID, di cui 303 milioni di dosi di Pfizer, 197 milioni di dosi di Moderna e 18 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J&J).

 

 

 

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sui danni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata.

 

Le segnalazioni presentate a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che possa essere confermata una relazione causale. Storicamente, è stato dimostrato che VAERS riporta solo l’1% degli effettivi eventi avversi del vaccino .

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 7 gennaio 2022 per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni mostrano

 

 

La morte più recente riguarda una bambina di 7 anni (VAERS ID 1975356 ) del Minnesota che è morta 11 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino COVID della Pfizer quando è stata trovata non responsiva dalla madre. Si attende l’autopsia.

 

 

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 7 gennaio 2022 per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:  

 

 

La morte più recente riguarda una ragazza di 15 anni del Minnesota (VAERS ID 1974744 ), morta 177 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di Pfizer da un embolo polmonare. Si attende l’autopsia.

 

  • 62 segnalazioni di anafilassi tra i giovani di età compresa tra 12 e 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte, con il 96% dei casi attribuiti al vaccino Pfizer.

 

 

  • 149 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 7 gennaio 2022, per tutti i gruppi di età combinati, mostrano:

 

  • Il 19% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.

 

  • Il 55% di coloro che sono morti erano maschi, il 42% erano femmine e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del defunto.

 

 

 

 

 

  • 2.256 segnalazioni di anafilassi in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte.

 

 

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 14 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Genetica

Siero mRNA contaminato dal DNA, ricercatori in allarme. Il vaccino è l’alba dell’era umanoide?

Pubblicato

il

Da

Scienziati e ricercatori lanciano l’allarme sulla possibile presenza di frammenti di DNA nei vaccini COVID.

 

Phillip Buckhaults, esperto di genomica del cancro e professore presso l’Università della Carolina del Sud, ha testimoniato davanti a una commissione per gli affari medici del Senato della Carolina del Sud affermando che il vaccino mRNA è contaminato da miliardi di minuscoli frammenti di DNA.

 

Buckhaults, che ha un dottorato in biochimica e biologia molecolare, ha affermato che «esiste un rischio molto reale» che questi frammenti di DNA estraneo possano inserirsi nel genoma di una persona e diventare un «elemento permanente della cellula».

 

Il genetista statunitense ha dichiarato che si potrebbe trattare di un meccanismo plausibile che potrebbe «causare alcuni degli effetti collaterali rari ma gravi come la morte per arresto cardiaco» nelle persone che hanno effettuato la vaccinazione con il siero genico sperimentale.

 

«Buckhaults non è un allarmista ed è stato riluttante a rendere pubbliche le sue scoperte per paura di spaventare la gente» scrive il Brownstone Institute. «Lui stesso è stato vaccinato tre volte con il vaccino COVID della Pfizer e lo ha consigliato a parenti e amici. Ha descritto la tecnologia della piattaforma mRNA come “rivoluzionaria” e ha affermato che il vaccino ha salvato molte vite».

 

«Sono un vero fan di questa piattaforma», ha detto Buckhaults al Senato. «Penso che abbia il potenziale per curare i tumori, credo davvero che questa piattaforma sia rivoluzionaria. Nel corso della tua vita, ci saranno vaccini mRNA contro gli antigeni del tuo unico cancro. Ma devono risolvere questo problema».

 

Il ricercatore si è detto molto preoccupato per il «rischio teorico molto reale di cancro futuro in alcune persone, a seconda di dove questo pezzo estraneo di DNA finisce nel genoma, può interrompere un gene soppressore del tumore o attivare un oncogene».

 

«Sono un po’ allarmato per la presenza di questo DNA nel vaccino… Il DNA è un dispositivo di memorizzazione delle informazioni di lunga durata. È ciò con cui sei nato, con cui morirai e lo trasmetterai ai tuoi figli… Quindi le alterazioni del DNA… beh, rimangono», ha detto.

Sostieni Renovatio 21

Buckhaults ritiene che i vaccini siano stati distribuiti in buona fede, ma dato il panico e l’urgenza della crisi, «sono state prese molte scorciatoie».

 

Lo scienziato ha quindi spiegato come sono stati utilizzati due diversi processi di produzione per produrre il vaccino mRNA. La produzione iniziale del vaccino COVID ha utilizzato un metodo chiamato reazione a catena della polimerasi (PCR) per amplificare il modello di DNA che è stato poi utilizzato per la produzione dell’mRNA.

 

Questo metodo, chiamato PROCESSO 1, può essere utilizzato per realizzare un prodotto di mRNA altamente puro.

 

Tuttavia, al fine di potenziare il processo di distribuzione su larga scala del vaccino alla popolazione per la fornitura di «autorizzazione di emergenza», il produttore del vaccino è passato a un metodo diverso – PROCESSO 2 – per amplificare l’mRNA.

 

PROCESSO 2 utilizzava batteri per produrre grandi quantità di «plasmide di DNA» (istruzioni circolari del DNA), che sarebbe stato utilizzato per produrre l’mRNA. Quindi, il prodotto finale conteneva sia DNA plasmidico che mRNA.

 

Il passaggio dal PROCESSO 1 al PROCESSO 2, alla fine, ha provocato la contaminazione del vaccino.

 

Il produttore del vaccino ha provato ad affrontare il problema aggiungendo un enzima (la DNAsi) per tagliare il plasmide in milioni di minuscoli frammenti. Tuttavia il Buckhaults sostiene che ciò peggiora la situazione perché più frammenti si hanno, maggiore è la possibilità che uno dei frammenti si inserisca nel genoma e distrugga un gene vitale.

 

«Li hanno fatti a pezzi per cercare di farli andare via, ma in realtà hanno aumentato il rischio di modificazione del genoma nel processo», ha spiegato.

 

«Non penso che ci sia stato qualcosa di nefasto qui, penso solo che sia stata una specie di stupida svista», ha aggiunto. «Semplicemente non hanno pensato al rischio della modificazione del genoma… non è poi così costoso aggiungere un altro processo per eliminarlo».

 

Un’indagine del BMJ ha rilevato che i lotti di vaccino derivati ​​da PROCESS 2 hanno dimostrato di avere un’integrità dell’mRNA sostanzialmente inferiore e alcuni affermano che questi vaccini sono stati associati a maggiori eventi avversi.

 

La ricerca di Buckhaults non è un’eccezione. L’esperto di genomica Kevin McKernan aveva segnalato la contaminazione del DNA plasmidico nei vaccini bivalenti COVID-19, in quantità che superavano di gran lunga il limite di sicurezza fissato dall’ente regolatorio del farmaco statunitense FDA.

Aiuta Renovatio 21

Buckhaults ha affermato che le persone vaccinate devono essere sottoposte a test per vedere se parte del DNA estraneo si è integrato nel genoma delle loro cellule staminali. Questo è facilmente rilevabile perché il DNA estraneo ha una firma unica. «Lascia un biglietto da visita», ha detto lo scienziato. «Non è molto costoso fare questo tipo di test», ha aggiunto

 

«Non farò di nuovo il vaccino a meno che non riceva un lotto e scopra che è privo di DNA”, ha dichiarato, dicendo che gli piacerebbe analizzare il nuovo booster appena raccomandato in USA a tutti i cittadini dai 6 mesi di età in su. Il costo per l’analisi di una fiala è di 100 dollari di reagenti e tre ore di lavoro, ha detto.

 

Come riportato da Renovatio 21, nel marzo 2022 ricercatori svedesi dell’Università di Lund avevano scritto in un paper«Intracellular Reverse Transcription of Pfizer BioNTech COVID-19 mRNA Vaccine BNT162b2 In Vitro in Human Liver Cell Line» («Trascrizione inversa intracellulare del vaccino COVID-19 mRNA Pfizer-Biontech in linee cellulari di fegato umano in vitro») – in cui illustravano che l’RNA messaggero (mRNA) del vaccino COVID-19 di Pfizer è in grado di entrare nelle cellule del fegato umano e viene convertito in DNA.

 

Il video del cardiologo texano Peter McCullough che spiegava l’ipotesi degli scienziati svedesi era stato sottotitolato da Renovatio 21 e pubblicato su YouTube, ma la piattaforma ha rimosso il video e assegnato uno strike, cioè minacciato di espellerci dal sito in caso vi fossero altre «violazioni» di questo tipo.

 

Abbiamo caricato il video su Twitter, dove sembra che resista ancora.

 

 

Da notare come l’ente per il controllo delle epidemie USA, il noto CDC, aveva nella lista delle bufale sul COVID il fatto «Il materiale genetico fornito dai vaccini mRNA non entra mai nel nucleo delle tue cellule». L’affermazione, che parrebbe sempre più tragicamente smentita, campeggiava sulla pagina del suo sito web chiamata «Leggende e fatti sui vaccini COVID-19».

 

Il tema ha un’importanza capitale all’interno ad una prospettiva sempre più discussa: la modifica della linea germinale umana sulla modifica della quale, come riportato da Renovatio 21, bioeticisti e scienziati stanno discutendo in merito ai bambini bioingegnerizzati con il CRISPR.

 

Tuttavia, senza passare dall’eugenetica in provetta, una modifica genetica della linea germinale umana è già stata innestata, miliardi di volte, grazie ai sieri genici sperimentali mRNA forzati sulla popolazione mondiale durante il biennio pandemico.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Regno Unito ha già approvato ufficialmente la prospettiva della modifica della linea germinale umana.

 

Riguardo alla modifica della struttura genetica l’umanità, è in corso una vera campagna di manipolazione mondiale, visibile chiaramente dalle posizioni assunte nei convegni mondiali sull’editing del genoma umano.

 

Il fine di tutto questo  è, chiaramente, una società basata sulla genetica, o meglio, sull’eugenetica.

 

C’è da chiedersi: se il codice genetico dei vaccini si sta tramandando di padre in figlio… significa che sta emergendo una nuova razza umana?

 

Il vaccino è l’alba di un’era umanoide?

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Reazioni avverse

Miocardite post-vaccino: anni dopo, alcuni ancora non sono guariti

Pubblicato

il

Da

La testata americana Epoch Times riporta due casi, uno in Israele e uno negli USA, di giovani che hanno sperimentato la miocardite dopo aver assunto il vaccino mRNA, e che dopo anni dopo non sono ancora a posto con la salute.   «Ho continuato a soffrire di dolori al petto sul lato destro, e poi ho dolori di tipo neuropatico nella zona del collo e delle spalle», ha detto a Epoch Times il dottor Adam Hirschfeld, 36 anni, chirurgo ortopedico, tra i primi ad aver fatto il vaccino in America. «Ce l’ho quando mi sveglio, ed è lì quando vado a dormire».   Tre giorni dopo la seconda iniezione, il dottor Hirschfeld ha avvertito fastidio al petto e intorpidimento al braccio sinistro. Una risonanza magnetica cardiaca ha confermato l’evidenza di infiammazione del cuore. Al dottor Hirschfeld furono quindi prescritti medicinali e fu dimesso due giorni dopo.   Da allora il dottor Hirschfeld è stato sottoposto a circa una dozzina di elettrocardiogrammi, un’altra mezza dozzina di ecocardiogrammi e una risonanza magnetica cardiaca di follow-up.   «Sono passato dall’essere completamente sano, senza problemi, senza farmaci, a vedere 10 medici diversi in un batter d’occhio», ha detto alla testata americana il dottor Hirschfeld. La sofferenza colpisce il medico fisicamente e mentalmente. «Avere dolori al petto ogni giorno per due anni e mezzo è molto sconcertante».   Jacob Cohen – nome fittizio – è un ragazzo israeliano che nel 2021, messo sottopressione dai militari e dalla madre, si è vaccinato, anche se non voleva perché riteneva che, essendo disponibili da troppo poco tempo, i sieri non fossero sicuri. Dopo essersi opposto, le restrizioni impostegli, e i suoi comandanti militari nell’esercito dello Stato Ebraico, lo hanno convinto a fissare un appuntamento per la vaccinazione, chiedendo pure alla madre di intercedere.   «Mi hanno detto: “Andiamo. È tua madre. Sta piangendo. È preoccupata. Cosa non faresti per lei?” (…) Non volevo fare il vaccino. Non ci credevo», ha detto il Cohen. Ma voleva accontentare sua madre. «Farei qualsiasi cosa per lei».   Da notare che le autorità militari israeliane punivano i non vaccinati con azioni che vanno dalla privazione del congedo all’obbligo di indossare un giubbotto speciale e di isolarli nei loro alloggi.   Due settimane dopo la prima iniezione, alle 3 del mattino, il ragazzo si è svegliato in preda ad un dolore fortissimo. «Mi sentivo come se il mio cuore stesse cercando di uscire dal petto… Non ho mai sentito qualcosa del genere».   In ospedale, il ragazzo è stato messo in quarantena, in quanto non completamente vaccinato.  Qui dice di aver cominciato a sperimentare flashback della sua vita, «come se stessi morendo» racconta a ET.   I medici gli hanno quindi diagnosticato perimiocardite, o infiammazione del muscolo cardiaco e del tessuto attorno al cuore. Hanno aggiunto che è stato fortunato: se fosse arrivato poco più tardi, avrebbero dovuto fare un intervento a cuore aperto.   Dimesso dopo tre giorni, gli sono state date pillole da prendere ogni giorno, e la proibizione di svolgere attività fisica per almeno sei mesi.   Sei mesi dopo aver lasciato l’ospedale, la risonanza magnetica del giovane ha mostrato risultati preoccupanti. Il suo cuore non si era ancora ripreso. I medici hanno reagito prescrivendo altre pillole. L’esercito lo ha congedato perché incapace di prestare servizio. Gli allenamenti, il calcio che gli piaceva praticare, sono divenuti ricordi lontani.   I primi casi di miocardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 sono stati segnalati a ridosso della partenza del programma di vaccinazione universale, nel gennaio 2021. Erano trascorse solo poche settimane da quando le autorità avevano autorizzato e raccomandato le vaccinazioni per ampie fasce della popolazione, tra cui molte persone giovani e sane.   Inizialmente, le autorità hanno nascosto al pubblico le segnalazioni di miocardite. Israele per primo ha riconosciuto che esisteva un probabile legame tra i vaccini e l’infiammazione. Gli Stati Uniti hanno finalmente seguito nel giugno 2021, quando i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno affermato che esisteva una «probabile associazione». La correlazione è riportata anche dall’ente italiano del controllo del farmaco, l’AIFA.   Anche dopo che l’associazione fu resa pubblica, funzionari e molti esperti affermarono che i casi di miocardite erano lievi. La maggior parte dei pazienti sono stati ricoverati in ospedale, hanno riconosciuto le autorità, ma hanno affermato che i pazienti potrebbero aspettarsi di riprendersi senza cure e con il riposo.   La miocardite è «rara e lieve», aveva detto la dottoressa Rochelle Walensky, all’epoca direttrice del CDC, al seguitissimo programma TV statunitense «Good Morning America»​​il 24 giugno 2021. La Walensky aveva pure affermato che i casi erano «autolimitati» o non richiedevano cure per essere risolti.   Il dottor Jeremy Faust, redattore capo di MedPage Today e insegnante alla Harvard Medical School, due giorni dopo su Twitter descrisse i casi come «troponinemia autolimitata», ovvero livelli elevati di troponina che si sarebbero risolti da soli. La troponina è una proteina nel cuore che è un indicatore di danno cardiaco.   «Il comitato per la sicurezza dell’EMA (PRAC) ha valutato i dati aggiornati sul rischio noto di miocardite e pericardite in seguito alla vaccinazione con i vaccini COVID-19 Comirnaty e Spikevax che includevano due ampi studi epidemiologici europei» scrive il sito dell’AIFA. «Sulla base dei dati esaminati, il PRAC ha stabilito che il rischio per entrambi questi eventi è complessivamente “molto raro”, il che significa che può essere colpita fino a una persona su 10.000 vaccinata (…) La miocardite e la pericardite possono svilupparsi entro pochi giorni dalla vaccinazione e la maggior parte dei casi si sono manifestati entro 14 giorni. Sono stati osservati più spesso dopo la seconda somministrazione (…) I dati disponibili suggeriscono che il decorso della miocardite e della pericardite dopo la vaccinazione non è diverso dalla miocardite o dalla pericardite nella popolazione generale».   I casi riportati nell’articolo di Epoch Times tendono aneddoticamente a dire che il problema, tuttavia, non si risolve velocemente, né si risolve da solo.   «Queste storie rafforzano il crescente numero di prove che hanno scoperto che una parte significativa di persone che soffrono di miocardite indotta da vaccino rimangono colpite per mesi o anni, se sopravvivono» scrive il quotidiano statunitense. «Ricercatori statunitensi che hanno seguito 15 bambini ricoverati in ospedale con miocardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 hanno rivelato il 10 agosto 2021 che quattro dei pazienti presentavano “sintomi persistenti”. Altri ricercatori statunitensi hanno annunciato il 1° novembre 2021 che sette dei 54 giovani pazienti che hanno sofferto di miocardite dopo la vaccinazione presentavano ancora sintomi, incluso dolore toracico».   Quasi la metà dei pazienti con miocardite che hanno risposto a un sondaggio del governo degli Stati Uniti ha affermato che mesi dopo la vaccinazione contro il COVID-19, continuavano a manifestare sintomi, incluso dolore toracico, hanno affermato i ricercatori governativi il 21 settembre 2022. Nel frattempo, il 35% di 28 giovani pazienti con miocardite seguiti almeno 61 giorni dopo la vaccinazione contro il COVID-19 hanno riportato sintomi persistenti come mancanza di respiro, hanno affermato i ricercatori di Hong Kong il 23 settembre 2022.   «Sebbene la miocardite post-vaccinazione COVID-19 abbia una prognosi favorevole e sia considerata curabile, può lasciare anomalie nel miocardio, come osservato in questo caso; potrebbe quindi essere prematuro dichiararla una complicanza con buona prognosi», hanno affermato i ricercatori giapponesi. nel 2022.   «Dati più recenti hanno dimostrato che alcuni pazienti non si sono ancora ripresi» scrive ET. «Ciò include il 23% delle 60 persone che hanno dichiarato al CDC che almeno un anno dopo la diagnosi di miocardite, soffrivano ancora di dolore al petto».   Cicatrici cardiache sono state rilevate nelle risonanze magnetiche cardiache condotte da sette a otto mesi dopo la diagnosi di miocardite, hanno detto ricercatori israeliani il 23 marzo 2022. Ricercatori statunitensi hanno descritto risultati simili in uno studio pubblicato nello stesso periodo. Altri ricercatori statunitensi che hanno analizzato 15 adolescenti almeno 76 giorni dopo la loro dimissione da un ospedale hanno riscontrato un persistente aumento tardivo del gadolinio nell’80% dei pazienti.   Come riportato da Renovatio 21, i dati dell’esercito americano confermano il picco con l’introduzione del siero COVID. Già due anni fa uno studio sull’esercito americano confermava l’infiammazione cardiaca legata ai vaccini COVID. I dati  tratti Defense Medical Epidemiology Database (DMED) pubblicati a marzo indicavano che le diagnosi della forma di infiammazione del cuore erano aumentate del 130,5% nel 2021 rispetto alla media degli anni dal 2016 al 2020.   La miocardite, che alcuni ritengono che in forma migliore può essere causata anche dall’infezione di COVID-19, è una malattia che può portare alla morte. Casi certificati di morti per miocardite da vaccino mRNA si sono avuti sia tra giovani che tra bambini piccoli.   La consapevolezza del ruolo del vaccino nella possibile manifestazione di questa malattia cardiaca, specie nei giovaniè diffusa presso praticamente tutte le istituzioni sanitarie dei Paesi del mondo.   Disturbo fino a poco fa abbastanza raro, abbiamo visto incredibili tentativi di normalizzare la miocardite infantile con spot a cartoni animati.   Come riportato da Renovatio 21, la miocardite nello sport è oramai un fenomeno impossibile da ignorare.    
Continua a leggere

Reazioni avverse

Sindrome delle macchie bianche evanescenti: nuovi bizzarri sintomi correlati al vaccino COVID

Pubblicato

il

Da

Scienziati neozelandesi hanno scoperto il primo caso di una rara malattia oculare legata sia al vaccino COVID-19 che al virus stesso. Lo sostiene un nuovo studio pubblicato sul Journal of Ophthalmic Inflammation and Infection.

 

A una paziente di 28 anni, altrimenti sana, è stata diagnosticata la sindrome delle macchie bianche evanescenti (MEWDS) dopo aver lamentato problemi alla vista solo due giorni dopo aver fatto la sua seconda dose di vaccino Pfizer-BioNTech.

 

I sintomi della donna includevano punti ciechi scuri, lampi di luce fantasma e una diminuzione generale della vista, tutti specifici per l’occhio destro, riporta Epoch Times.

 

I medici hanno scoperto che la visione nel suo occhio destro andava da 20/20 a 20/50, il che significa che poteva vedere fino a soli 7 metri circa qualcosa che una vista media potrebbe vedere fino a 16 metri, secondo lo studio.

 

Inoltre, il tessuto oculare era lacerato, i nervi ottici erano gonfi e molteplici lesioni di colore pallido erano sparse nella parte posteriore dell’occhio.

 

Dopo tre mesi e senza trattamento, la vista nell’occhio destro della donna è tornata normale e tutti gli altri sintomi si sono attenuati.

Sostieni Renovatio 21

Un anno dopo, la donna ha mostrato sintomi simili e le fu nuovamente diagnosticata la MEWDS, ma questa volta era nell’occhio sinistro. I sintomi sono emersi sette giorni dopo che era risultata positiva al COVID-19, portando i ricercatori a sospettare un collegamento tra i due eventi.

 

Come nel primo caso, non è stato necessario alcun trattamento e i sintomi si sono risolti dopo nove mesi.

 

Secondo lo studio la MEWDS, che risale al 1984, è considerata una malattia infiammatoria idiopatica della retina esterna che si manifesta spontaneamente e senza una spiegazione concreta. Si pensa che sia una risposta autoimmune. Si verifica spesso nelle donne giovani e miopi, con un’età media di 28 anni. Tuttavia, si riscontra anche tra le persone di età superiore ai 65 anni.

 

I pazienti MEWDS possono presentare sintomi precoci simil-influenzali che includono disturbi visivi come lampi di luce, diminuzione improvvisa e indolore dell’acuità centrale in un occhio, daltonismo parziale. In alcuni casi può essere bilaterale.

 

I molteplici punti bianchi nella retina di solito scompaiono dopo la fase acuta della malattia, da qui il nome «evanescente». Le recidive di MEWDS sono rare. Il trattamento della malattia spesso non è necessario e la maggior parte dei pazienti guarisce in settimane o mesi, ricorda Epoch Times.

 

Circa un terzo dei casi si verifica dopo una malattia virale. MEWDS è stato collegato sia a infezioni virali che a diverse vaccinazioni, tra cui epatite A e B, papillomavirus umano (HPV), influenza, morbillo-parotite-rosolia (MMR), varicella, rabbia, febbre gialla e ora, COVID- 19.

 

Non si tratta tuttavia della prima volta che ad un paziente viene diagnosticata la MEWDS dopo aver fatto il vaccino COVID-19. Uno studio del 2022 aveva rilevato come ad una donna di 31 anni fosse stata diagnosticata la sindrome quando aveva presentato sintomi simili due settimane dopo la sua seconda dose del vaccino mRNA. Un anno dopo, le è stata nuovamente diagnosticata la MEWDS dopo aver fatto un secondo richiamo dello stesso tipo di siero genico sperimentale.

Aiuta Renovatio 21

Sono stati segnalati anche casi dopo un’infezione virale. Nel 2022, a un uomo di 28 anni è stata diagnosticata la MEWDS due settimane dopo la diagnosi di COVID-19.

 

«Sono stati segnalati 15 casi di MEWDS in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19 e almeno 3 in seguito all’infezione da COVID-19», hanno scritto gli autori dello studio Journal of Ophthalmic Inflammation and Infection.

 

Tuttavia, il caso della donna di 28 anni è il primo caso di MEWDS ricorrente sia in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19 che alla successiva infezione, hanno affermato gli autori, esortando i professionisti a cercare ulteriori informazioni.

 

«Sarebbe prudente che i medici monitorassero i pazienti sensibili», in particolare quelli che hanno avuto un’infiammazione «a seguito al vaccino COVID-19, per essere monitorati per malattie oculari in caso di successiva infezione da COVID-19», concludono i ricercatori.

 

Come riportato da Renovatio 21, sugli effetti del vaccino sugli occhi vi sono anche vari casi aneddotici, come quello dell’architetto di Milano che due anni fa ha dichiarato di aver perso un occhio dopo il vaccino.

 

«Ho perso l’uso di un occhio per una trombosi cerebrale, e i medici non sanno dirmi se potrò tornare a vedere. Sto vivendo un incubo» aveva detto a Il Giornale una cinquantanovenne milanese. «Mi sforzo di pensare che poteva andarmi peggio, ma è dura, la mia vita è stata sconvolta completamente, come farò a lavorare adesso, a vivere senza vedere da un occhio?».

 

«L’ospedale nega relazioni dirette con il vaccino, eppure l’esame che ho fatto ha escluso una familiarità genetica con le trombosi» raccontava la signora. «Non posso lavorare e io madre separata non posso permettermelo. Ora cosa farò?»

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine di Michele M.F. via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

Continua a leggere

Più popolari