Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

La miocardite è in cima alla lista delle lesioni da vaccino COVID tra i 12 e i 17 anni: dati VAERS

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention includevano un totale di 1.033.994 segnalazioni di eventi avversi di tutti i gruppi di età a seguito dei vaccini COVID, inclusi 21.745 decessi e 170.446 feriti gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 7 gennaio 2022.

 

 

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno rilasciato oggi nuovi dati che mostrano un totale di 1.033.994 segnalazioni di eventi avversi a seguito dei vaccini COVID sono state inviate tra il 14 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2022 al sistema di segnalazione di eventi avversi del vaccino (VAERS). Il VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti

 

I dati includevano un totale di 21.745 segnalazioni di decessi – con un aumento di 363 rispetto alla settimana precedente – e 170.446 segnalazioni di lesioni gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo – 3.840 in più rispetto alla settimana precedente.

 

Tra il 14 dicembre 2020 e il 7 gennaio 2022 negli Stati Uniti sono stati segnalati 723.042 eventi avversi , inclusi 9.936 decessi e 64.406 feriti gravi , escluse i «rapporti esteri» al VAERS .

 

I rapporti esteri sono rapporti che le sussidiarie estere inviano ai produttori di vaccini statunitensi. In base alle normative della Food and Drug Administration (FDA) statunitense, se a un produttore viene notificata una segnalazione di un caso estero che descrive un evento grave e non compare sull’etichetta del prodotto, il produttore è tenuto a presentare la segnalazione a VAERS.

 

Dei 9.936 decessi negli Stati Uniti segnalati al 7 gennaio, il 19% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 24% entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

 

Negli Stati Uniti, al 7 gennaio erano state somministrate 516 milioni di dosi di vaccino COVID, di cui 303 milioni di dosi di Pfizer, 197 milioni di dosi di Moderna e 18 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J&J).

 

 

 

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sui danni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata.

 

Le segnalazioni presentate a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che possa essere confermata una relazione causale. Storicamente, è stato dimostrato che VAERS riporta solo l’1% degli effettivi eventi avversi del vaccino .

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 7 gennaio 2022 per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni mostrano

 

 

La morte più recente riguarda una bambina di 7 anni (VAERS ID 1975356 ) del Minnesota che è morta 11 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino COVID della Pfizer quando è stata trovata non responsiva dalla madre. Si attende l’autopsia.

 

 

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 7 gennaio 2022 per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:  

 

 

La morte più recente riguarda una ragazza di 15 anni del Minnesota (VAERS ID 1974744 ), morta 177 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di Pfizer da un embolo polmonare. Si attende l’autopsia.

 

  • 62 segnalazioni di anafilassi tra i giovani di età compresa tra 12 e 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte, con il 96% dei casi attribuiti al vaccino Pfizer.

 

 

  • 149 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

 

 

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 7 gennaio 2022, per tutti i gruppi di età combinati, mostrano:

 

  • Il 19% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.

 

  • Il 55% di coloro che sono morti erano maschi, il 42% erano femmine e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del defunto.

 

 

 

 

 

  • 2.256 segnalazioni di anafilassi in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte.

 

 

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 14 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Reazioni avverse

Uno studio britannico sui bambini mostra che l’infiammazione cardiaca si sviluppa dopo la vaccinazione COVID, non l’infezione

Pubblicato

il

Da

Un nuovo studio medico condotto da ricercatori dell’Università di Oxford mostra che le malattie cardiache miocardite e pericardite si verificano solo dopo la vaccinazione COVID-19, non dopo l’infezione, nei bambini e negli adolescenti.

 

Lo studio, che è stato pubblicato nella sua versione preprint (cioè prima della peer review, la revisione paritaria), ha confrontato i dati medici di oltre un milione di bambini vaccinati e non vaccinati dai 5 agli 11 anni e degli adolescenti dai 12 ai 15 anni in Inghilterra. La salute dei bambini e degli adolescenti non vaccinati è stata confrontata con quella di coloro che hanno ricevuto una e due dosi di vaccino COVID-19.

 

Secondo lo studio, «sebbene rari, tutti gli eventi di miocardite e pericardite durante il periodo di studio si sono verificati in individui vaccinati», mentre nessun decesso ha provocato bambini o adolescenti per miocardite o pericardite.

Iscriviti al canale Telegram

Lo studio inoltre afferma che «il ricovero ospedaliero correlato al COVID-19 e la frequenza in terapia intensiva erano rari sia negli adolescenti che nei bambini e non si sono verificati decessi correlati al COVID-19».

 

Analizzando i dati forniti dal National Health Service (NHS), il database inglese OpenSAFELY-TPP, che comprende il 40% dei fornitori di cure primarie inglesi, i ricercatori hanno abbinato adolescenti e bambini vaccinati e non vaccinati con background rilevanti simili – età, sesso, posizione – tracciando un grafico di 20 settimane per il confronto di elementi quali test positivi per COVID-19, ricoveri, terapia intensiva, eventi avversi e ricoveri non-COVID.

 

L’analisi ha mostrato che miocardite e pericardite si sono verificate solo nei bambini e negli adolescenti vaccinati, con un’incidenza maggiore di entrambe negli adolescenti piuttosto che nei bambini.

 

Su oltre 839.000 bambini e adolescenti vaccinati esaminati nello studio, sono stati riscontrati 15 casi di pericardite e tre casi di miocardite. Tutti i casi di miocardite e 12 dei 15 casi di pericardite si sono verificati tra gli adolescenti.

 

Tra i casi di pericardite, tutti tranne tre si sono verificati dopo la prima dose di vaccino COVID, con più della metà degli adolescenti con pericardite e miocardite ricoverati in ospedale o portati al pronto soccorso.

 

Lo studio ha inoltre indicato che non vi era alcuna differenza significativa nella gravità dell’infezione da COVID-19 tra i bambini vaccinati e quelli non vaccinati.

 

Nei commenti al nuovo studio raccolti dalla testata statunitense Epoch Times, il cardiologo texano dottor Peter McCullough avrebbe affermato che si tratta di «uno dei tanti che dimostrano che la vaccinazione contro il COVID-19 non è necessaria dal punto di vista medico per i bambini, dato il tasso di infezione inferiore all’1%, e che un’eccessiva vaccinazione i test per il COVID-19 sono uno spreco di risorse».

 

Il dottor McCullough, che uno dei cardiologi più pubblicati al mondo, ha anche affermato che «il fatto che la vaccinazione contro il COVID-19 possa portare a effetti collaterali come miocardite e pericardite significa che può potenzialmente provocare un arresto cardiaco fatale in una frazione di vittime, che non può essere previsto in anticipo».

 

«Un insieme significativo di prove collega rischi significativi ai vaccini COVID, che sono stati sviluppati e rivisti in una frazione del tempo che i vaccini normalmente impiegano nell’ambito dell’iniziativa Operation Warp Speed ​​dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump» scrive LifeSite. Tra questi rischi, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) federale degli Stati Uniti riporta 37.382 decessi, 215.734 ricoveri ospedalieri, 21.616 attacchi di cuore e 28.299 casi di miocardite e pericardite al 29 marzo, tra altri disturbi.

 

I ricercatori dell’ente di controllo epidemico americano CDC hanno riconosciuto un «alto tasso di verifica delle segnalazioni di miocardite al VAERS dopo la vaccinazione COVID-19 basata su mRNA», portando alla conclusione che «è più probabile una sottosegnalazione» che una sovra-segnalazione.

 

Un’analisi su 99 milioni di persone in otto Paesi pubblicata a febbraio sulla rivista Vaccine – la più ampia analisi fino ad oggi – «ha osservato rischi significativamente più elevati di miocardite in seguito alla prima, seconda e terza dose» di vaccini COVID basati su mRNA, nonché segni di aumento del rischio di «pericardite, sindrome di Guillain-Barré e trombosi del seno venoso cerebrale» e altri «potenziali segnali di sicurezza che richiedono ulteriori indagini».

 

Ad aprile, il CDC è stato costretto a rilasciare per ordine del tribunale 780.000 segnalazioni di gravi reazioni avverse precedentemente non divulgate.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, la consapevolezza del ruolo del vaccino nella possibile manifestazione di questa malattia cardiaca, specie nei giovaniè diffusa presso praticamente tutte le istituzioni sanitarie dei Paesi del mondo.

 

Disturbo fino a poco fa abbastanza raro, abbiamo visto incredibili tentativi di normalizzare la miocardite infantile con spot a cartoni animati.

 

Alcuni casi suggeriscono che, anche anni dopo, persone affette da miocardite post-vaccinale non sono ancora guarite.

 

Come riportato da Renovatio 21, la miocardite nello sport è oramai un fenomeno impossibile da ignorare.

 

L’anno scorso il dottor McCullough aveva dichiarato che «l’ipervaccinazione» dei bambini potrebbe essere la causa dell’aumento dell’autismo e del transgenderismo.

 

«Sappiamo che c’è stata un’accelerazione del programma vaccinale senza attenzione alla sicurezza dei prodotti combinati», ha spiegato fornendo numerosi rapporti come fonte delle sue affermazioni. «E ora abbiamo dati molto buoni da uno studio che dimostra che una volta che siamo arrivati ​​a più vaccini in combinazione, i tassi di autismo hanno cominciato ad aumentare negli Stati Uniti».

 

Per quanto riguarda il fenomeno LGBT, con l’aumento esponenziale dei tassi di autismo, rimane rilevante il fatto che alte percentuali di individui «che si sottopongono a un intervento chirurgico transgender tendono ad avere autismo», il che è supportato da molteplici studi.

 

Quindi, in sintesi, «abbiamo una doppia epidemia di autismo e di transgenderismo correlato. La stragrande maggioranza dei bambini che offrono volontariamente il proprio corpo per cambiare genere soffrono di autismo o di disturbi dello spettro autistico. Bisogna rendersi conto che vengono predati e indottrinati», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Essere genitori

Vaccini COVID, il numero di bambini morti dopo le iniezioni è molto più alto di quanto indicato dai rapporti dei database, afferma l’analista

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   Molti rapporti VAERS elencano «età sconosciuta» per le persone che sono rimaste danneggiate o sono morte a seguito di un vaccino COVID-19. L’analista del VAERS Albert Benavides ha detto che uno sguardo più attento ai riassunti dei rapporti spesso rivela l’età della vittima, ma il VAERS non aggiorna i rapporti per riflettere questo. Se così fosse, il numero di decessi infantili dopo il vaccino sarebbe molto più alto.   Morti fetali e aborti spontanei, arresto cardiaco improvviso, morte improvvisa e suicidi: queste sono alcune delle cause di morte elencate nelle segnalazioni inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) sui bambini che hanno fatto un vaccino COVID-19.   Tuttavia, questi rapporti non contano nel numero totale di morti infantili elencate nei dati VAERS perché l’età delle vittime è ufficialmente elencata come «sconosciuta», secondo l’analista del VAERS Albert Benavides .   Benavides ha esaminato i dati per il suo sito web VAERSAware.com, e ha fornito collegamenti a molti di questi rapporti sulla morte di bambini di «età sconosciuta» sul suo sito.   I dati VAERS al 31 maggio elencano 197 decessi infantili in seguito alla vaccinazione contro il COVID-19.   Tuttavia, Benavides ha dichiarato a The Defender: «ci sono circa 418 decessi adeguatamente documentati di bambini di età inferiore a 18 anni. Ci sono altri circa 120 decessi di bambini in cui la narrazione riassuntiva afferma “bambino, neonato, neonato, bambino”».   Benavides ha identificato questi rapporti di «età sconosciuta» utilizzando un algoritmo e un «intervento manuale».   Benavides ha affermato che i suoi risultati indicano che «il totale attuale è di circa 538» morti infantili. Ha affermato che la sottostima non è insolita per il VAERS, sottolineando che la sua ricerca mostra che «il 30% di tutte le segnalazioni di COVID-19 nel VAERS hanno un’età sconosciuta».   «Sembra che ci sia almeno la morte di un bambino nascosto in ogni aggiornamento del VAERS», ha detto Benavides.

Iscriviti al canale Telegram

Un rapporto di Harvard del 2011 ha rilevato che meno dell’1% di tutti gli eventi avversi vengono segnalati al VAERS, ma Benavides ha affermato che le morti infantili sembrano essere nascoste a un tasso superiore alla media rispetto alle segnalazioni di morti adulte.   Secondo un articolo di Benavides e del biologo evoluzionista Herve Seligmann, Ph.D., le segnalazioni sui bambini presentano più età mancanti nel campo età VAERS in proporzione o percentuale rispetto alle coorti più anziane.   «Seligmann ha analizzato i campi relativi all’età mancante con resoconti riassuntivi adeguatamente documentati e ha quantificato che le coorti di età più giovane hanno una maggiore propensione all’età mancante rispetto agli adulti», ha detto Benavides.   «Queste età mancanti non sembrano organiche, soprattutto per i bambini». Benavides ha aggiunto che sono, «oserei dire, nascosti».   Benavides ha suggerito che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che amministrano il VAERS, stanno offuscando i dati reali sulla morte dei bambini vaccinati.   «Se l’età è adeguatamente documentata nella descrizione riepilogativa, perché non dovrebbe essere presa una decisione manageriale per aggiornare eticamente un campo età vuoto e correggere la supervisione del mittente?» ha detto.   «Secondo la mia opinione di esperto in qualità di ex revisore dei sinistri HMO, l’età corretta potrebbe essere stata inserita nel campo dell’età al momento dell’invio, ma nelle minuzie del processo di aggiudicazione, l’elemento dei dati del campo dell’età è stato cancellato o scomparso».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

«Ho tra le braccia un bambino morto di 6 anni»

I rapporti di «età sconosciuta» identificati da Benavides suggeriscono numerosi aborti spontanei, morti fetali e morti di bambini. Ci sono anche diverse segnalazioni di bambini morti a causa di miocardite o arresto cardiaco, o morti improvvisamente. Altre segnalazioni riguardano bambini atleti deceduti o bambini deceduti dopo la vaccinazione a scuola.   The Defender ha esaminato un campione di denunce di morte infantile di «età sconosciuta» nel VAERS. «Ho un bambino morto di 6 anni tra le mie braccia; Il vaccino non funziona», si legge in un rapporto.   In alcuni casi morirono neonati e bambini piccoli.  
  • Un bambino di 12 giorni di sesso non specificato proveniente da fuori degli Stati Uniti è morto il 9 marzo 2022. La madre 36enne del bambino aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 9 giugno 2021, durante il suo primo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, «Bambino nato e morto il 9 marzo 2022 di cardiomiopatia. Nessuna storia familiare di patologie cardiache. Tutti e tre i vaccini sono stati ricevuti durante la gravidanza».
 
  • Un bambino di 5 mesi ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 17 aprile 2021 ed è morto il 2 maggio 2021.
 
  • Una bambina di 2 anni ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 25 febbraio 2021. Il 1 marzo 2021, «la paziente ha subito una sorta di grave reazione avversa. Il rapporto del VAERS indica che la bambina era ricoverata in ospedale dal 14 febbraio, il che suggerisce che potrebbe essersi ammalata alla prima iniezione. Nonostante ciò, qualcuno ha somministrato alla bambina già malata e sofferente una seconda iniezione, che ne ha provocata alla morte» il 3 marzo 2021.
 
  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Moderna il 31 gennaio 2022. Secondo il rapporto, «ha manifestato diarrea, perdita di liquido amniotico e sanguinamento vaginale lo stesso giorno dopo la prima dose». Successivamente «alla madre è stata diagnosticata una cistite acuta con ematuria e rottura prematura delle membrane. Cinque giorni dopo ha avuto delle contrazioni, è andata al pronto soccorso e ha avuto un parto prematuro». Il bambino è morto.

Sostieni Renovatio 21

Diversi bambini sono morti anche per problemi cardiaci

  • Un bambino di 5 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 26 aprile 2022. Ha avvertito dolori addominali ed è morto per arresto cardiaco tre giorni dopo.
 
  • Un bambino di 6 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech l’8 gennaio 2022. È morto il 15 gennaio 2022 per miocardite e arresto cardio-respiratorio.
 
  • Un ragazzo di 11 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 15 dicembre 2021. È morto cinque giorni dopo per «insufficienza respiratoria acuta, irritabilità, malformazione cerebrale, arresto cardiaco, diarrea».
 
  • Un ragazzo di 13 anni è morto tre giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech. Secondo il rapporto, «l’autopsia ha mostrato un cuore ingrossato e del liquido che circondava il cuore».
 
  • Un ragazzo di 15 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 24 novembre 2021 ed è morto il giorno successivo. Secondo il rapporto, «il ragazzo ha accusato dolori al petto poco dopo essere tornato a casa da un centro di vaccinazione». Eppure «i medici hanno detto che il ragazzo è morto a causa del diabete».
 
  • Una ragazza di 16 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 10 novembre 2021. È morta per «danni cerebrali derivanti da insufficienza cardiaca acuta, scompenso e ipossia il 18 dicembre 2021».
 
  • Una ragazza di 16 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto un richiamo Pfizer per il COVID-19 il 27 dicembre 2021. Due giorni dopo è morta di «embolia dell’arteria polmonare con arresto cardiaco».
 
  • Un ragazzo di 17 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti aveva ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech «pochi giorni» prima di morire. Secondo il rapporto, «al momento della morte il risultato del test del D-dimero era elevato».
 
  • Una ragazza di 17 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 30 agosto 2021. Il 9 settembre 2021, «la paziente ha avuto un arresto cardiaco ed è morta». Tuttavia, la sua morte è stata attribuita ai «contraccettivi orali iniziati nel luglio 2021» mentre «non è stata presa in considerazione l’eziologia del vaccino».
 
  • Un ragazzo di 17 anni proveniente da fuori dagli Stati Uniti ha fatto un richiamo Pfizer il 16 giugno 2022 nella sua scuola. Ha «avuto debolezza generalizzata e scarso appetito nel giugno 2022, convulsioni e arresto cardiaco extraospedaliero… il 12 agosto 2022, enzimi cardiaci elevati e sospetta miocardite il 13 agosto 2022» ed è stato ricoverato in ospedale. Secondo il rapporto, ha firmato un ordine DNR (non rianimare) il 18 agosto 2022 ed è morto il giorno successivo. Non è chiaro se fosse legale per lui firmare un DNR alla sua età nella sua giurisdizione.

Iscriviti al canale Telegram

Rapporti riguardanti morti fetali e nati morti

  • Una donna di 31 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nel settembre 2021, durante il suo secondo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, la sua gravidanza è stata successivamente interrotta in una data non specificata a causa di un «arresto cardiaco fetale».
 
  • Una donna di 33 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nel giugno 2021. Secondo il rapporto, «la madre ha subito un’interruzione legale della gravidanza il 4 settembre 2021 per gravi malformazioni… l’esito fetale è un’anomalia congenita».
 
  • Una donna di 34 anni della Carolina del Sud ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech nell’ottobre 2021, durante il primo trimestre di gravidanza. Secondo il rapporto, «all’ecografia a 8 settimane e 4 giorni il bambino misurava piccolo (circa 7 settimane) e aveva una frequenza cardiaca più bassa, all’ecografia a 10 settimane il bambino misurava 7 settimane e 1 giorno senza battito cardiaco, risultando in un aborto spontaneo».
 
  • Una donna di 35 anni del Massachusetts ha ricevuto la sua seconda dose di Pfizer-BioNTech nell’aprile 2021. Secondo il rapporto, «il bambino ha smesso di crescere 5 giorni dopo l’iniezione», provocando un aborto spontaneo.
 
  • Una donna di 36 anni proveniente da fuori degli Stati Uniti ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 17 giugno 2021, durante la sua ottava settimana di gravidanza. Secondo il rapporto: «Scoperta di un difetto cardiaco in un feto che ne ha portato alla morte».
 
  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna COVID-19 il 22 settembre 2021. Secondo il rapporto, «la coagulazione della placenta/ha fatto sì che il bambino non ricevesse sangue; Il bambino è deceduto il: 26 ottobre 2021». Tuttavia, «il rapporto rischi-benefici dell’mRNA-1273 non è influenzato da questo rapporto».
 
  • Una donna del Texas di età non specificata ha ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech il 4 febbraio 2021. Secondo il rapporto, «secondo l’ecografia del 20 febbraio 2021, il feto ha smesso di crescere il 9 febbraio 2021 (8 settimane e 4 giorni); nessun battito cardiaco rilevato. L’aborto spontaneo si è verificato il 22 febbraio 2021».
 
  • Una donna straniera di età non specificata ha ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna il 18 ottobre 2021. Secondo il rapporto, il parto morto «è avvenuto circa 30 giorni dopo che la madre aveva ricevuto la seconda dose».
 
  • Una donna straniera di età non specificata, alla 40a settimana di gravidanza, ha ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech in una data non specificata. Secondo il rapporto, «il giorno successivo il feto è morto».

Aiuta Renovatio 21

Studente atleta «sempre in salute» tra i giovani morti elencati nel VAERS

Altri incidenti elencati con «età sconosciuta» includono una donna che ha avuto una crescita delle ovaie, la morte di una ragazza di 14 anni con la sindrome di Guillain-Barré, una ragazza di 12 anni che ha subito la «morte improvvisa», una ragazza di 14 anni trovata «morta a letto», una ragazza di 12 anni che si è impiccata lo stesso giorno della vaccinazione e un ragazzo di 17 anni che si è suicidato due giorni dopo la vaccinazione.   Tra le segnalazioni di «età sconosciuta« del VAERS sono incluse anche almeno tre segnalazioni di studenti-atleti deceduti, tra cui un ragazzo di 13 anni «sempre in buona salute», un ragazzo di 16 anni morto con «un cuore anormalmente grande» e un ragazzo di 13 anni che soffriva di «schiuma alla bocca» e miocardite.   In altri casi, i bambini sono morti dopo aver ricevuto un vaccino contro il COVID-19 nonostante appartenessero a una fascia di età che all’epoca non era autorizzata a ricevere il vaccino.   In un altro caso, un’adolescente proveniente da fuori degli Stati Uniti ha riportato «effetti collaterali» dopo la sua prima dose di Pfizer-BioNTech nel dicembre 2021, ma nonostante le preoccupazioni di sua madre, gli operatori sanitari «le hanno chiesto di fare comunque la seconda dose». Ha ricevuto la sua seconda dose il 17 gennaio 2022 ed è morta il giorno successivo dopo essere caduta in coma.   Sebbene una «autorità di regolamentazione» abbia segnalato l’incidente al VAERS, il rapporto rileva che «non sono possibili tentativi di follow-up». Sembra che diversi altri rapporti siano stati presentati da organismi ufficiali, ma il VAERS afferma che è impossibile dare seguito.   «Non contattabile sembra falso e una violazione di una sorta di etica», ha detto Benavides. «Sicuramente tra la FDA, il CDC e il produttore potrebbero trovare l’ospedale o l’istituzione».   Diversi altri rapporti di «età sconosciuta» catturati da Benavides sono stati successivamente cancellati dal VAERS o i loro riassunti scritti sono stati rimossi.   Alcuni di questi sono rapporti esteri per i quali l’Autorità europea per i medicinali e l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito hanno chiesto la rimozione dei dati a causa del mancato rispetto delle leggi europee sulla privacy, ha affermato Benavides.   Tuttavia, per Benavides, «questo numero di cancellazioni è semplicemente troppo elevato e indesiderabile per il presunto miglior sistema di farmacovigilanza al mondo con un processo di aggiudicazione molto ragionevole di 4-6 settimane».     Michael Nevradakis Ph.D.   © 12 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Cancro

I vaccini COVID possono disturbare il sistema endocrino e innescare una cascata di problemi di salute cronici

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

In un’intervista con The Defender, la dottoressa Margaret Christensen ha affermato che le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche nei vaccini COVID-19, insieme alla salute già precaria di molti americani, «incidono gravemente sulla capacità del nostro sistema immunitario di autoregolarsi correttamente».

 

I vaccini contro il COVID-19 interrompono il sistema ormonale e una serie di condizioni ad esso associate, secondo la dottoressa Margaret Christensen, co-fondatrice del Carpathia Collaborative e membro della facoltà dell’Institute for Functional Medicine.

 

In un’intervista con The Defender, Christensen ha collegato alcuni degli eventi avversi e dei problemi di salute cronici sperimentati da coloro che hanno ricevuto i vaccini COVID-19 con le interruzioni ormonali causate dai loro ingredienti.

 

Christensen ha detto a The Defender di aver osservato questi effetti nei suoi pazienti.

 

«Per me, sono stati gli squilibri ormonali ad attirare davvero la mia attenzione», ha detto, citando le donne in postmenopausa che improvvisamente «hanno iniziato a sanguinare dal nulla» e le donne con «cicli molto irregolari, con cisti ovariche, dolore pelvico, problemi di infertilità e aborti spontanei».

 

«Ciò che mi ha davvero disturbato è che ci sono state tre morti fetali nel nostro studio» ha aggiunto Christensen. «C’è stata una morte fetale a 35 settimane, una a 37 settimane e una ragazza che ha avuto un distacco di placenta durante il parto. Non l’ho mai avuto prima».

 

Christensen ha affermato che il contenuto delle iniezioni di COVID-19, comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche , insieme alla già precaria salute di molti americani – obesità, resistenza all’insulina ed esposizione a sostanze chimiche nell’aria, nel cibo e nell’acqua – «hanno un impatto grave sul nostro sistema immunitario”. la capacità del sistema di autoregolarsi correttamente».

 

Christensen ha delineato questi fattori nel suo rapporto «Hormonal Havoc: The Covid Fallout and How to Fix It» («Caos ormonale: le conseguenze del COVID e come aggiustarle), per il quale ha intervistato oltre 60 medici specializzati in un’ampia gamma di condizioni di salute.

 

Il rapporto sarà anche oggetto di un prossimo vertice online a cui parteciperanno diverse dozzine di esperti medici e sanitari. Tra i partecipanti figurano il dottor David Brownstein, il dottor Peter McCullough, la dottoressa Michelle Perro, il dottor James Thorp, Stephanie Seneff, Ph.D. e Zen Honeycutt, direttore esecutivo di Moms Across America.

Iscriviti al canale Telegram

I vaccini innescano «disfunzioni del sistema immunitario» e squilibri ormonali

Christensen ha affermato che la proteina spike nei vaccini COVID-19 ha molteplici mezzi per causare lesioni.

 

«Se si comprendono i meccanismi delle proteine ​​​​spike… e si capisce che abbiamo un’alterazione dei mitocondri, una disregolazione del sistema immunitario e infezioni persistenti o ricorrenti di altro tipo, allora si può capire perché vedremmo così tante diverse aree patologiche manifestarsi», ha detto.

 

Christensen ha affermato che i mitocondri «alimentano tutto» nel corpo, con alti livelli riscontrati nelle ovaie, nei testicoli, nel cervello e nel cuore. «I mitocondri sono la centrale elettrica delle nostre cellule e si trovano in quantità elevate in quegli organi, che richiedono molta energia».

 

Il danno ai mitocondri «innesca la disfunzione del sistema immunitario», ha affermato, portando a una bassa produzione di energia, che ha collegato a eventi avversi spesso subiti dai destinatari del vaccino COVID-19.

 

«Se non produci energia nel tuo cervello, il cervello si annebbia. Se non produci energia adeguata nel cuore, inizierai ad avere aritmie e il muscolo cardiaco non funzionerà correttamente. Quando si danneggiano i mitocondri nelle ovaie e nei testicoli, ciò avrà un impatto sulla produzione di ovuli e spermatozoi».

 

Le proteine ​​​​spike possono portare a «sintomi di tipo neurodegenerativo», inclusa la sindrome da tachicardia ortostatica posturale o POTS, ha detto. La tossicità delle proteine ​​Spike e il conseguente danno mitocondriale possono anche innescare malattie autoimmuni, ha detto Christensen.

 

«La proteina Spike sta innescando la produzione di enormi quantità di anticorpi e citochine, e alcuni di questi anticorpi sono anticorpi contro noi stessi e anche anticorpi che sono coinvolti nel non consentire alle cellule tumorali di tenersi sotto controllo», ha detto.

 

«Stiamo trovando proteine ​​​​spike nei testicoli e nelle ovaie. Non solo riceviamo segnali interrotti dall’ipotalamo alle ovaie e ai testicoli, ma stiamo anche ricevendo colpi infiammatori diretti dalla proteina Spike stessa, che viene trovata a causa delle nanoparticelle lipidiche nelle ovaie dei testicoli, che innescano l’infiammazione», ha aggiunto Christensen.

 

«E così, stiamo interrompendo il normale metabolismo e l’escrezione degli ormoni. Quindi, si ottiene il ricircolo di vecchi ormoni, sbilanciando tutto», ha aggiunto Christensen.

 

Secondo Christensen, anche altre forme di contaminazione del vaccino hanno avuto un ruolo nel causare effetti avversi sulla salute, inclusi tumori aggressivi.

 

«Ci sono molte sequenze insolite nel vaccino che sappiamo non si trovano in natura. Questi includono un segmento SV40, che sappiamo essere coinvolto nei tumori e nelle escrescenze cancerose».

 

Di conseguenza, Christensen ha detto:

 

«Stiamo assistendo alla soppressione del sistema immunitario e all’iperattivazione di una parte diversa del sistema immunitario, alla soppressione di quello innato e all’iperattivazione di quello adattivo. Quindi… stiamo assistendo a una rapida crescita dell’insorgenza di tumori al quarto stadio senza alcun sintomo precedente».

 

«Sappiamo anche che ci sono altri insoliti segmenti immunosoppressori all’interno della proteina spike che stanno disregolando in modo significativo il nostro sistema immunitario. Stanno sopprimendo la parte del sistema immunitario chiamata “innata”, che insegue virus, batteri, parassiti e cellule tumorali nel nostro corpo».

 

Secondo Christensen, anche la composizione stessa del virus COVID-19 è responsabile di alcuni effetti negativi sulla salute.

 

«Sappiamo che il COVID non era una normale polmonite virale», ha detto. «Era una vasculite. Si trattava di un’infiammazione, in particolare dei vasi sanguigni molto piccoli, e il trattamento di quell’infiammazione è ciò che ha aiutato a guarire le persone».

 

«L’infiammazione nei vasi sanguigni ha causato la formazione di molti coaguli e micro coaguli. I microcoaguli si riuniscono e formano dei coaguli molto grandi. E questi coaguli hanno anche un’architettura molto insolita. Non sono i normali coaguli di sangue che vediamo. Stiamo osservando moltissimi microcoaguli, molto simili alla tossicità delle muffe» ha aggiunto.

 

Christensen, che ha 23 anni di esperienza nella diagnosi e nel trattamento delle esposizioni a muffe tossiche, ha affermato che portano alla soppressione del «sistema immunitario innato».

 

«Non puoi dare la caccia alle cellule tumorali, non puoi dare la caccia ai virus e ai batteri che sono nel tuo corpo, quindi ottieni infezioni ricorrenti e quindi infiammi eccessivamente il sistema immunitario adattativo».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

I vaccini possono causare una costante modalità di «lotta o fuga»

Christensen ha affermato che la tossicità del vaccino prende di mira l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che secondo lei «controlla l’intero sistema ormonale nel corpo».

 

«L’ipotalamo è il centro regolatore principale del cervello, che riceve input da tutto il resto del corpo» e quindi invia segnali alla ghiandola pituitaria per produrre ormoni che guidano varie funzioni, dall’ovulazione al rapporto sessuale, ha detto.

 

«Se siamo in condizioni di stress cronico o cronicamente infiammati o [abbiamo un] microbioma intestinale cronicamente compromesso… allora stiamo inviando segnali al nostro cervello che dicono: “Sono ansioso”. “Sono angosciato, non riesco a dormire. Sono molto confuso”. L’ipotalamo invia segnali contrastanti al resto del corpo e quindi possiamo osservare un’interruzione dei normali cicli ormonali».

 

Ciò può stimolare la produzione eccessiva di adrenalina, portando a uno «stato cronico» in cui «sei costantemente in modalità lotta o fuga», ha detto Christensen. Di conseguenza, si verifica un’interruzione ormonale e «non puoi guarire».

 

Anche le proteine ​​spike e la contaminazione da vaccino possono avere un impatto sulla salute gastrointestinale, ha affermato Christensen.

 

«Sappiamo che il COVID e la proteina Spike hanno danneggiato gran parte del microbioma intestinale, eliminando i batteri che dovrebbero essere utili e [causando] una crescita eccessiva di alcuni batteri cattivi che finiscono per rimettere in circolo alcuni di questi ormoni usati e creando enormi squilibri e livelli elevati, ad esempio, di estrogeni. Chiamiamo questa dominanza degli estrogeni», ha detto.

 

Ciò porta a quantità eccessive di estrogeni, che possono far «crescere il rivestimento dell’utero», portando a «gravi problemi di sanguinamento, crescita di fibromi uterini… perdita dell’intero rivestimento dell’utero, persino sanguinamento postmenopausale», ha aggiunto Christensen.

 

Le proteine ​​spike causano «danni e infiammazioni nel cervello stesso»

Le conseguenze sulla salute mentale dei vaccini contro il COVID-19, dei lockdown e di altre restrizioni legate alla pandemia hanno attirato meno attenzione, ha affermato Christensen, anche se «la connessione con la salute mentale è multifattoriale».

 

Secondo Christensen, le restrizioni legate al COVID «hanno messo tutta la nostra popolazione in uno stato di “lotta o fuga per mesi e mesi”. Ciò, insieme all’”uso della vergogna e del senso di colpa per le persone che non si adeguavano”, ha contribuito “gravemente all’ansia e alla depressione”».

 

Ansia e depressione innescano altri effetti nel cervello umano, ha detto Christensen. «Quindi si ha di nuovo l’impatto sulle ghiandole surrenali, sull’asse HPA e sul cervello in costante sovraccarico, costante neuroinfiammazione, [essendo] costantemente confuso. Ciò contribuirà all’ansia, alla depressione, all’insonnia, ai comportamenti OCD [disturbo ossessivo-compulsivo] e agli attacchi di panico».

 

Da ciò consegue la disfunzione del sistema limbico, in cui «il nostro sistema limbico ha preso il sopravvento in una sorta di meccanismo di sopravvivenza», ha detto Christensen, sottolineando che ciò ha contribuito a contribuire a «un massiccio aumento del suicidio e dell’impotenza e della disperazione».

 

Christensen ha affermato che i vaccini contribuiscono anche al dumping di istamina nel cervello. L’istamina è una sostanza chimica rilasciata dal sistema immunitario.

«Ora stai distruggendo i neurotrasmettitori e stai rilasciando tutti i tipi di istamina. E l’istamina è ciò che è coinvolto in molti comportamenti psicotici, nella schizofrenia e nella semplice vecchia ansia, insonnia ed emicrania».

 

La lesione cerebrale è un altro risultato dei vaccini COVID-19, ha affermato Christensen.

 

«Stiamo assistendo a danni e infiammazioni nel cervello stesso causati dalla proteina spike e dalla disfunzione mitocondriale, dagli anticorpi autoimmuni ora prodotti contro varie parti del cervello», ha detto. «Molte persone hanno avuto una neuropatia periferica : sensazioni nervose molto gravi e dolorose nelle mani e nei piedi o in altre aree del corpo».

Sostieni Renovatio 21

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo»

Christensen ha avvertito che nei prossimi anni vedremo un numero crescente di persone sviluppare patologie croniche e lesioni a causa dei vaccini COVID-19.

 

«Abbiamo avuto 5 miliardi di persone che hanno ricevuto questa iniezione sperimentale di mRNA», ha detto. «Abbiamo avuto un numero enorme di eventi avversi, ma quasi il 15% delle persone ha avuto eventi avversi significativi, abbastanza gravi da essere ricoverati in ospedale. Questa è stata solo la conseguenza immediata. Ora stiamo vedendo le ricadute un paio di anni dopo».

 

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo», ha detto Christensen.

 

Christensen ha affermato che molti medici, funzionari della sanità pubblica e media mainstream stanno nascondendo l’aumento delle condizioni croniche e degli infortuni, attribuendoli invece al «Long COVID» e ad altri fattori.

 

«I media mainstream e la medicina sono stati, involontariamente o volontariamente, complici nell’imporre questa narrazione “sicuro ed efficace”» ha detto Christensen. «È molto difficile adesso per loro dire “mea culpa, ho sbagliato”… È meglio dire “oh, sì, è normale”».

 

Christensen ha detto che le persone hanno una forte capacità di guarigione a cui possono attingere.

 

«Dobbiamo semplicemente unire i punti: cibo pulito, acqua pulita, aria pulita e una mente pulita. Il nostro corpo ha incredibili capacità di guarigione, capacità di guarigione intrinseche e dobbiamo solo capire come possiamo supportarle», ha detto.

 

Anche la costruzione di una comunità può aiutare nel processo di guarigione, ha affermato Christensen.

 

«Abbiamo bisogno di riunirci nella comunità e parlare tra noi di cosa sta succedendo e di cosa è successo, perché la guarigione avviene quando raccontiamo le nostre storie e quando lavoriamo insieme. C’è sempre speranza per la salute e la guarigione».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 10 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari