Connettiti con Renovato 21

Necrocultura

La polvere della morte colpisce l’Olanda

Pubblicato

il

 

 

Esiste un’associazione, in Olanda, che tradotta italianamente porta il nome di «Cooperativa ultima volontà» (in olandese Coöperatie Laatste wil).

 

Pochi giorni fa i media internazionali hanno riportato una notizia sconcertante: l’esistenza di una polvere letale che questa cooperativa consiglierebbe di acquistare ed assumere a tutti coloro i quali soffrono di depressione e vogliono porre fine alla propria vita. La cooperativa avrebbe comperato una grossa dose da tenere in serbo per tutti i futuri suicidi che ne richiedessero l’uso.

 

«Gli ordini del prodotto non possono essere inferiori a 9 tonnellate, data la sua vera finalità, mentre per suicidarsi ne bastano 2 grammi. Cooperatie Laatste Wil ha pertanto consigliato ai suoi soci (passati dai 3mila del 2013 ai 22mila di oggi) di fare un unico acquisto da dividersi fra di loro, mettendo a disposizione una cassaforte dove conservare le dosi non utilizzate. Da mesi va avanti – invano – la protesta dei cittadini per impedire l’orrore»

 

Nel mondo moderno ogni cosa, compresa la morte, è alla portata di click. In questo caso, il click mortale è favorito da un ente che ha fatto della Necrocultura una professione vera e propria. 

Lo scandalo è scoppiato dopo che Ximena Knol, una giovane olandese di diciannove anni, è morta dopo l’assunzione di questa polvere.

Si tratta di un conservante che, prima dell’utilizzo, viene raffinato attraverso una polvere bianca. Il risultato di questa raffinazione può essere sciolto all’interno di un normale bicchiere d’acqua, e il tempo che intercorre dall’assunzione della polvere alla morte corrisponde circa a venti minuti. La sostanza ha un effetto quasi immediatamente letale.

 

La giovane Ximena era stata vittima di una violenza sessuale, e soffriva per questo di depressione, ma non era mai stata abbandonata; anzi. La ragazza veniva seguita da uno specialista e poteva contare sull’affetto di tutti i suoi cari, in particolare quello dei genitori ora infuriati con lo Stato olandese.

 

Ximena aveva già chiesto in passato di essere sottoposta ad un’eutanasia, ma ciò accadeva nei momenti di buio peggiore che, come in ogni stato depressivo, ondeggia: in alcuni periodi c’è, in altri si dirada, anche completamente.

Il medico e tutti gli psicologi che la seguivano si erano però sempre opposti alla scelta eutanatica, ben sapendo che da questo stato sarebbe potuta uscire, seppur con qualche cicatrice psicologica.

 

Purtroppo però, nel mondo moderno ogni cosa, compresa la morte, è alla portata di click. In questo caso, il click mortale è favorito da un ente che ha fatto della Necrocultura una professione vera e propria. 

 

E questa par esser stata, con grande probabilità, la modalità tramite la quale Ximena Knol ha scelto di suicidarsi. La ragazza avrebbe infatti ordinato via web la sostanza dicendo di averne bisogno per un compito scolastico, ma una volta arrivata avrebbe comunicato nottetempo alla sua psicologa di aver preso qualcosa di «rapido e indolore» per farla finita.

 

I genitori, distrutti dal dolore, avrebbero inviato a tutti i partiti politici d’Olanda il manifesto funebre nella speranza che il governo intervenga per mettere fuori legge il conservante del suicidio veloce: 

 

«La nostra Ximena, affettuosa, socievole, sempre disposta ad aiutare tutti, poteva essere salvata» ha comunicato la famiglia.

 

Il premier olandese Rutte, di contro, ha dichiarato che si occuperà in modo serio del caso.

 

Dopo il caso di Ximena Knol, alcuni fornitori della polvere della morte hanno deciso di sospendere le vendite destinate ai privati.

È la parabola dello Stato moderno: invece che promuovere la luce e la speranza, esso porta all’umanità il buio e la morte.

 

L’Olanda, Paese conosciuto per il supposto «progresso» (specialmente secondo i crismi del welfare state) e una supposta «mentalità aperta», permette l’esistenza sul suo territorio di enti privati che istigano al suicidio, creando un danno irreparabile al tessuto sociale. Ogni suicidio porta con sé danneggiamenti morali, psicologici e perfino economici per la società; senza contare che, come stabilito anche dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il suicidio è propriamente contagioso, e può ingenerare vere e proprie epidemie nelle quali ad una prima morte se ne aggiungono nel tempo diverse altre. (Renovatio 21 ne ha parlato di recente in un articolo personale di Roberto Dal Bosco)

 

È la parabola dello Stato moderno: invece che promuovere la luce e la speranza, esso porta all’umanità il buio e la morte.

 

Cristiano Lugli

Continua a leggere

Necrocultura

Quando Papa Benedetto tuonava contro l’uso degli embrioni per la ricerca

Pubblicato

il

Da

 

Oggi abbiamo un papa che straparla di ecologia e obbliga a vaccini ottenuti tramite il sacrificio di feti abortiti. Un pontefice che, su qualsiasi tema ma soprattutto su questi, sembra incapace di affrontare la complessità. Come escluso da una  visione del quadro di insieme della società umana: cioè, non in grado di fare il mestiere che per millenni hanno fatto i vicari di Cristo in Terra.

 

Dobbiamo ricordare fino a pochi anni fa non era così. Dobbiamo ricordare che, fino allo strano golpe che ha intronato Bergoglio, c’era un papa che scriveva, e pensava, in modo diverso. Comunicando ai fedeli cose che, nell’ora presente, suonano profetiche, di importanza assoluta.

 

«Se non si rispetta il diritto alla vita e alla morte naturale, se si rende artificiale il concepimento, la gestazione e la nascita dell’uomo, se si sacrificano embrioni umani alla ricerca, la coscienza comune finisce per perdere il concetto di ecologia umana e, con esso, quello di ecologia ambientale»

«Il problema decisivo è la complessiva tenuta morale della società. Se non si rispetta il diritto alla vita e alla morte naturale, se si rende artificiale il concepimento, la gestazione e la nascita dell’uomo, se si sacrificano embrioni umani alla ricerca, la coscienza comune finisce per perdere il concetto di ecologia umana e, con esso, quello di ecologia ambientale».

 

Sono parole dal punto 50 del IV capitolo della Caritas in Veritate, l’enciclica scritta da Benedetto XVI del 2009 riguardo lo «sviluppo umano integrale nella carità e nella verità».

 

Rileggiamo. L’ambientalismo è niente, «se si sacrificano embrioni umani alla ricerca».

 

«La fecondazione in vitro, la ricerca sugli embrioni, la possibilità della clonazione e dell’ibridazione umana nascono e sono promosse nell’attuale cultura del disincanto totale, che crede di aver svelato ogni mistero, perché si è ormai arrivati alla radice della vita»

Parole che esplodono nella mente di noi esuli figli di Eva nell’anno del Signore 2021, il tempo della peste, della tirannide e della follia. Il tempo in cui gli stessi cattolici giustificano il sacrificio «scientifico» degli embrioni umani. Quello, e oltre: lo squartamento a cuor battente dei feti per asportarne organi e tessuti da usare in laboratorio, magari per la produzione di immonde linee cellulari «immortalizzate» con oncogeni, magari per creare topi «umanizzati».

 

Ecco, dinanzi all’abominio che ora ci sembra inarrestabile, una volta c’era qualcuno che, almeno a parole, tentava di ergere una diga di umanità.

 

«La fecondazione in vitro, la ricerca sugli embrioni, la possibilità della clonazione e dell’ibridazione umana nascono e sono promosse nell’attuale cultura del disincanto totale, che crede di aver svelato ogni mistero, perché si è ormai arrivati alla radice della vita. Qui l’assolutismo della tecnica trova la sua massima espressione. In tale tipo di cultura la coscienza è solo chiamata a prendere atto di una mera possibilità tecnica» (Caritas in Veritate, VI, 75)

 

Abbiamo criticato Ratzinger in passato. Ma ci è impossibile, davanti a queste parole, non vedere come quel papa volasse altissimo, comprendendo battaglie – come quella contro la produzione di esseri umani in provetta, cioè la riproduzione artificiale, la FIVET ora pagata dallo Stato – ora totalmente inarticolabili. Renovatio 21, che questa battaglia tenta di farla,  sa bene quanto sia difficile anche solo far capire di cosa si stia parlando. Invece, neanche una dozzina di anni fa, lo scriveva il papa. Nero su bianco.

 

«Non si possono tuttavia minimizzare gli scenari inquietanti per il futuro dell’uomo e i nuovi potenti strumenti che la “cultura della morte” ha a disposizione»

Ora chiudete gli occhi. Pensate ai ragazzi di oggi. Riportate alla mente l’immagine del papa con Greta Thunberg. Pensate al giovane ragazzo allontanato dalla Guardia svizzera perché non si piegava all’obbligo vaccinale del papa, che è la sottomissione ad un vaccino ottenuto tramite cellule di aborto.

 

Ora riapriteli. Leggete.

 

«È una contraddizione chiedere alle nuove generazioni il rispetto dell’ambiente naturale, quando l’educazione e le leggi non le aiutano a rispettare se stesse. Il libro della natura è uno e indivisibile, sul versante dell’ambiente come sul versante della vita, della sessualità, del matrimonio, della famiglia, delle relazioni sociali, in una parola dello sviluppo umano integrale. I doveri che abbiamo verso l’ambiente si collegano con i doveri che abbiamo verso la persona considerata in se stessa e in relazione con gli altri. Non si possono esigere gli uni e conculcare gli altri. Questa è una grave antinomia della mentalità e della prassi odierna, che avvilisce la persona, sconvolge l’ambiente e danneggia la società». (Caritas in Veritate, IV, 51)

 

Ora pensate a noi, che vi tormentiamo con questa idea, quella della Cultura della Morte (che noi chiamiamo, spesse volte, Necrocultura), sapendo che è un’espressione in via di sparizione del discorso cattolico, soppiantata dall’ecoterzomondismo della «cultura dello scarto» o dalla definizione-Tuttocittà papale delle «periferie esistenziali».

 

Della Necrocultura un tempo si parlava nelle encicliche.

 

«Non si possono tuttavia minimizzare gli scenari inquietanti per il futuro dell’uomo e i nuovi potenti strumenti che la “cultura della morte” ha a disposizione. Alla diffusa, tragica, piaga dell’aborto si potrebbe aggiungere in futuro, ma è già surrettiziamente in nuce, una sistematica pianificazione eugenetica delle nascite. Sul versante opposto, va facendosi strada una mens eutanasica, manifestazione non meno abusiva di dominio sulla vita, che in certe condizioni viene considerata non più degna di essere vissuta. Dietro questi scenari stanno posizioni culturali negatrici della dignità umana». (Caritas in Veritate, VI, 75)

 

Ratzinger comprendeva che si stava preparando una rivoluzione antropologica. Tuttavia non osava pensare che essa potesse promanare direttamente dalla manipolazione della vita, dalla biotecnologia genetica applicata sull’umanità tutta tramite la siringa mRNA.

Sono passati pochissimi anni. La Cultura della Morte ha affinato i suoi strumenti in modo inimmaginabile. L’aborto da «diritto» femminista e liberale è divenuto base industriale per la farmaceutica globale. L’eutanasia è realtà – anzi, siamo andati oltre, stiamo per votare un referendum sulla depenalizzazione dell’omicidio del consenziente, qualcosa che con la «dolce morte» non ha niente a che fare. L’eugenetica è qui, per la Lebensunwertes Leben, la vita considerata indegna di essere vissuta (ora chiamata briosamente «best interest») hanno già ucciso diversi bambini. La «dignità umana», in un mondo dove persino i volti delle persone sono coperti, è un miraggio lontano, un’espressione pomposa svuotata di ogni realtà.

 

Soprattutto, abbiamo un nuovo, grande strumento della Necrocultura che Ratzinger non aveva previsto: il vaccino pandemico. Esso proviene dallo stesso pozzo maligno da cui provengono tutti i mezzi del male – esso è fatto di sacrifici umani, di bambini immolati. Ma non solo: esso è in grado di ordinare il mondo, di dividerlo e dominarlo, di marchiare l’umanità per permetterle di vivere come annunciato nell’Apocalisse di Giovanni.

 

«Oggi occorre affermare che la questione sociale è diventata radicalmente questione antropologica, nel senso che essa implica il modo stesso non solo di concepire, ma anche di manipolare la vita, sempre più posta dalle biotecnologie nelle mani dell’uomo». (Caritas in Veritate, VI, 75)

 

Ratzinger comprendeva che si stava preparando una rivoluzione antropologica. Tuttavia non osava pensare che essa potesse promanare direttamente dalla manipolazione della vita, dalla biotecnologia genetica applicata sull’umanità tutta tramite la siringa mRNA.

 

La Cultura della Morte provoca la manipolazione della vita, pensava il papa. Ora abbiamo appreso che la manipolazione della vita non solo giustifica, ma potenzia, produce la Necrocultura

La Cultura della Morte provoca la manipolazione della vita, pensava il papa. Ora abbiamo appreso che la manipolazione della vita non solo giustifica, ma potenzia, produce la Necrocultura.

 

Non è il primo scritto del tedesco a suonare oggi come profetico. «La Bestia è un numero, e ci trasforma in numeri» aveva detto il cardinale Ratzinger ai seminaristi di Palermo nel 2000. Egli parlò di «un mondo che corre il rischio di adottare la stessa struttura dei campi di concentramento, se viene accettata la legge universale della macchina».

 

«Le macchine che sono state costruite impongono questa stessa legge, questa stessa legge che era adottata nei campi di concentramento (…) Secondo la logica della macchina, secondo i padroni della macchina, l’uomo deve essere interpretato da un computer, e questo è possibile solamente se l’uomo viene tradotto in numeri».

 

Sono parole perfette per l’era dei vaccini genetici creati al computer e finanziati dall’informatico Bill Gates, l’era dei campi di quarantena, l’era dove la libertà si può sperare solo tramite un codice numerico verde fornito dalla macchina.

 

Quindi, ci rimane la domanda che si sono fatti tutti, ma che nessuno ha mai posto seriamente: perché Ratzinger se ne è andato?

 

Quindi, ci rimane la domanda che si sono fatti tutti, ma che nessuno ha mai posto seriamente: perché Ratzinger se ne è andato? È stato forse per far posto esattamente a tutto ciò che egli paventava nei suoi scritti e nei suo discorsi?

È stato forse per far posto esattamente a tutto ciò che egli paventava nei suoi scritti e nei suo discorsi?

 

È un bel mistero. Un mistero che ha, in verità, indicibili resposabilità mondiali. Un mistero da cui sono dipese immani conseguenze per lo spirito e la carne di tutti i popoli.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine di Mangouste35 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0); immagine modificata

Continua a leggere

Necrocultura

L’apocalisse dell’utilitarismo: e se l’estinzione fosse meglio per tutti?

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’editorialista più erudito d’Australia è probabilmente Henry Ergas, un economista che ha trascorso molti anni presso l’OCSE a Parigi prima di tornare in Australia.

 

In un recente articolo, «È la fine del mondo come lo conosciamo – ancora una volta», ha galoppato attraverso le visioni occidentali dell’apocalisse – il mito greco dell’eterno ritorno, l’ultima venuta di Cristo, il libro di Jean-Baptiste Cousin de Grainville Last Days of Humanity (per me nuovo), The World Set Free di HG Wells (che predisse la bomba atomica) e oggigiorno, il collasso ambientale.

 

Il suo argomento  sarebbe che l’immaginazione occidentale moderna è facilmente catturata dalle visioni della catastrofe finale, come nella pandemia di COVID-19, nei cambiamenti climatici o nella guerra nucleare. La sua premessa era che l’estinzione è ovviamente una cosa negativa.

 

Ma cosa succede se l’estinzione non è davvero una cattiva opzione alla luce dell’alternativa?

Cosa succede se l’estinzione non è davvero una cattiva opzione alla luce dell’alternativa?

 

Scrivendo nel blog di Etica Pratica (ripubblicato dal New Statesman ), il filosofo Roger Crisp, dell’Università di Oxford, riflette sul fatto che l’estinzione immediata metterebbe almeno fine al dolore collettivo dell’esistenza:

 

«Forse uno dei motivi per cui pensiamo che l’estinzione sarebbe così grave è che non siamo riusciti a riconoscere quanto sia terribile l’agonia estrema».

 

«Tuttavia, abbiamo prove sufficienti e capacità immaginativa per dire che non è irragionevole vedere il dolore di un’ora di tortura come qualcosa che non può mai essere controbilanciato da alcuna quantità di valore positivo. E se questa visione è corretta, allora suggerisce che il miglior risultato sarebbe l’estinzione immediata che segue dal permettere a un asteroide di colpire il nostro pianeta…»

 

«La questione se l’estinzione sarebbe un bene o un male in generale è ovviamente molto importante, soprattutto di fronte a potenziali eventi catastrofici al cardine della storia. Ma è anche molto difficile rispondere a questa domanda».

 

«In definitiva, non sto affermando che l’estinzione sarebbe un bene, solo che, poiché potrebbe esserlo, dovremmo dedicare molta più attenzione a pensare al valore dell’estinzione rispetto a quella che abbiamo fino ad oggi».

 

Crisp è un utilitarista e lo scopo e il valore della sofferenza rappresentano un enigma per coloro che bilanciano il piacere con il dolore.

 

È interessante dare un’occhiata all’escatologia utilitaristica.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Necrocultura

«Le autorità considerano il proprio popolo come un nemico». Parla relatore speciale ONU sulla tortura

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Nils Melzer ha commentato in maniera drammatica le immagine di brutalità viste la scorsa domenica a Berlino.

 

«Le autorità considerano sempre più il proprio popolo come un nemico» ha detto l’uomo dell’ONU.

 

Melzer, un professore di diritto internazionale, aveva richiesto su Twitter di poter parlare con testimoni oculari dopo aver visto i video della repressione violenta della polizia tedesca contro i manifestanti antilockdown.

«Le autorità considerano sempre più il proprio popolo come un nemico»

 

Le botte elargite dai corazzatissimi celerini teutonici non avevano risparmiato donne e anziani.

 

Un video mostrava una manifestante berlinese che veniva afferrata per la gola e gettata brutalmente a terra dalla polizia antisommossa, mentre un’altra mostrava un ragazzo che veniva colpito in faccia mentre cercava di venire in aiuto di sua madre.

Se davvero ora le autorità sono entrate in guerra con la popolazione, quale legittimità può avere ancora lo Stato moderno?

 

 

 

La risposta alla richiesta di Melzer è stata decisa, con oltre un centinaio di denunce di violenza che si sono riversate, lasciando a lui il compito di «chiedere chiarimenti, nonché punizioni e riparazioni per le violazioni delle regole», riferisce il Berliner Zeitung.

 

 

Il professore afferma che ci sono chiaramente prove sufficienti «per un intervento ufficiale da parte mia con il governo federale».

 

Il COVID ha accelerato questo aggiornamento del sistema operativo dello Stato, ora basato sempre più sul software della Necrocultura: reprimi la vita, sterilizza la gioia, elimina l’essere umano

Ci chiediamo: se il professor Melzer avesse ragione, se davvero ora le autorità sono entrate in guerra con la popolazione, quale legittimità può avere ancora lo Stato moderno?

 

Per noi, tuttavia, non si tratta di novità: la Cultura della Morte è essenzialmente l’odio sistematico per gli esseri umani, sempre più introiettato dallo Stato e dalle sue strutture.

 

Ora, il COVID ha accelerato questo aggiornamento del sistema operativo dello Stato, ora basato sempre più sul software della Necrocultura: reprimi la vita, sterilizza la gioia, elimina l’essere umano.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari