Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

La Germania ha munizioni per soli due giorni di guerra

Pubblicato

il

Le forze armate tedesche avrebbero ora un’enorme carenza di munizioni. Per rimediare, il governo di Berlino vuole investire più di 20 miliardi di euro, tuttavia l’industria non può fornire una simile quantità di armamenti, almeno a breve termine.

 

Questa è la nemesi di oltre due decenni di politica di fornitura «just in time» alle esigenze delle forze armate tedesche.

 

Al contrario, la Russia ha continuamente ampliato la sua produzione di munizioni negli ultimi anni e, come ammesso dall’Intelligence militare britannica, non è a corto di materiale.

 

La Germania, avvertono i critici, corre il grave rischio di esaurire le munizioni dopo soli due giorni di guerra, se gli arsenali presenti non vengono riempiti rapidamente. Milioni di munizioni, migliaia di mine anticarro, missili anticarro e missili antiaerei sono stati forniti dal governo tedesco ai suoi partner a Kiev. La titanica fornitura – ordinata al governo tedesco anche dal Commissario UE Ursula Von der Leyen, già controverso ministro della Difesa della Repubblica Tedesca – ha svuotato quindi arsenali già ridotti.

 

La Germania ha fornito a Kiev, tra le altre cose, gli obici semoventi 2000 e i lanciarazzi multipli Mars II, deve anche fornire loro le munizioni. Lo stesso vale per i missili per il sistema di difesa aerea Iris-T SLM, che l’Ucraina ha ricevuto dalla Germania ma che la Bundeswehr non ha, e quindi nemmeno munizioni.

 

L’industria della difesa tedesca ha effettivamente ridotto la produzione di sistemi d’arma e munizioni negli ultimi anni, perché quasi nessun ordine è arrivato dal cliente più importante, la Bundeswehr, l’esercito tedesco. Il tanto lodato sistema di difesa aerea all’avanguardia Iris-T SLM è stato sviluppato dal produttore Diehl a proprio rischio, senza un contratto da parte del governo tedesco. Ecco perché, secondo la Cancelleria, l’azienda può produrre solo due unità all’anno.

 

È ovvio che non è possibile produrre enormi quantità di munizioni per questo piccolo numero di sistemi, soprattutto perché il prezzo unitario per missile è di 1 milione di euro. E la situazione è simile per le munizioni per l’obice semovente 2000.

 

«Il produttore ha consegnato l’ultimo lotto di Smart 155 alla Bundeswehr 19 anni fa. Successivamente, GIWS, una joint venture tra Diehl e Rheinmetall, non ha ricevuto più ordini per queste munizioni», afferma un briefing di Security.Table che aggiunge che si sarebbe «interrotta la produzione a Maasberg (Saarland).

 

Secondo la ricerca di Security.Table, «ci vorranno due anni buoni per ricostruire la linea di produzione e altri due o tre anni per produrre un numero basso a cinque cifre di Smart 155». Per l’obice semovente, che doveva essere consegnato all’Ucraina dall’esercito tedesco, la forza può fornire solo munizioni limitate da 155 mm perché ne ha troppo poco. Il problema è noto da tempo, ma politicamente non è stato risolto.

 

Come noto, la Germani ha cambiato la sua Costituzione al fine di poter alzare a 100 miliardi di euro il finanziamento alle sue forze armate.

 

Notizie come queste non sono difficili da credere, dopo che il ministro degli Esteri Baerbock, una verde ma con studi alla London School of Economics, in uno strano esempio della moderna democrazia aveva dichiarato che avrebbe favorito l’Ucraina anche se il suo elettorato fosse stato contrario.

 

La sottomissione masochistica della Germania all’Ucraina si è vista in varie occasioni, come quando l’ambasciatore ucraino Andrey Melnik , ora promosso a viceministro degli Esteri ucraino, insultò pubblicamente il cancelliere Scholz, chiamandolo «beleidigte Leberwurst», cioè «salsiccia di fegato offesa».

 

Come riportato da Renovatio 21, alcuni Paesi come la Repubblica Ceca già ad inizio conflitto avevano detto di aver praticamente svuotato l’intero loro arsenale a favore di Kiev. Circolano screenshot di chat tra soldati americani che lamentano che anche il loro equipaggiamento è sparito: anche le riserve statunitensi, dicono, sarebbero pericolosamente vuote in questo momento. L’analista militare ed ex ispettore ONU per le armi di distruzione di massa Scott Ritter ha dimostrato che, a causa della mancanza di addestramento dell’esercito ucraino nell’uso delle armi inviate, queste durano significativamente meno di quanto dovrebbero.

 

Varie fonti sostengono di non sapere che fine fanno gli armamenti mandati a Kiev, ipotizzando il Mercato nero. Una TV americana aveva preparato un servizio che testimoniava che forse appena il 30% arriva a destinazione, ma poi ha ricevuto pressioni per seppellire la notizia. Gli USA sta ora inviando personale militare sul territorio per dare conto del tracciamento delle armi, sinora mancante.

 

Alcune armi ucraine sono riaffiorate in Siria a Idlib, zona con ampia presenza in questi anni di miliziani del jihadismo terrorista. Armi date a Kiev sarebbero da mesi in vendita al miglior offerente sul Dark Web.

 

Secondo l’Europol, armi destinate agli ucraini potrebbero essere usate da gruppi criminali per anni, e starebbero finendo persino alla criminalità organizzata finlandese.

 

La serafica portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha avvertito che le armi occidentali fluite in Ucraina finiranno nelle mani dei terroristi in Europa.

 

 

 

 

 

Immagine di Michel Zacharz AKA Grippen via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

337° giorno di guerra

Pubblicato

il

Da

– La CNN: «I carri armati per l’Ucraina una volta sembravano impensabili. I caccia possono essere i prossimi?». «John Finer, vice consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, afferma che l’amministrazione Biden non “esclude più la fornitura di sistemi specifici”, inclusi gli F-16»

 

 

– Il presidente croato Zoran Milanovic: «Il ministro degli Esteri tedesco l’altro ieri a Strasburgo ha detto in inglese che dobbiamo essere uniti perché siamo in guerra con la Russia. Cito: “stiamo in guerra con la Russia». Non lo sapevo. Forse la Germania sta di nuovo in guerra con la Russia, quindi buona fortuna per loro, forse funzionerà meglio di 70 anni fa”».


– Victoria Nuland: Senatore Cruz, io come lei… e penso che tutta l’amministrazione presidenziale… siamo molto felici di sapere che il Nord Stream 2 si è trasformato, come ha detto lei, in un mucchio di rottami metallici sul fondo del mare.


– Victoria Nuland: gli Abrams non arriveranno in tempo per l’ offensiva di primavera. Inoltre il sottosegretario di Stato ha detto che se la Russia si ritirasse completamente dall’ Ucraina si potrebbe valutare la revoca di alcune sanzioni.

 

Daily Mail: L’Organizzazione Mondiale della sanità (OMS) ha aggiornato la sua lista di medicinali di cui fare la scorta per «emergenze radiologiche o nucleari», poche ore dopo che l’UE ha avvertito che la Russia «è in guerra con l’Occidente».

 

– La Serbia potrà aderire alle sanzioni contro la Russia se lo riterrà opportuno per i suoi interessi, ha dichiarato Ivica Dacic, ministro degli esteri serbo, in un’intervista a EurActiv.

 

– La Commissione europea non è riuscita a ottenere il sostegno della maggior parte dei paesi dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite all’idea di creare un tribunale speciale contro la Russia a causa del conflitto in Ucraina, ha affermato il commissario europeo per la Giustizia e lo Stato di diritto Didier Reynders. «La Commissione europea sta cercando di convincere non solo gli Stati membri, ma anche i partner internazionali della necessità di avviare il processo. E, naturalmente, siamo ancora lontani dal formare una maggioranza nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite».

 

 

Bloomberg: L’UE vede motivi legali per utilizzare beni della banca centrale russa sequestrati. I funzionari esplorano la possibilità di investire beni sequestrati per ricostruire l’Ucraina. Il piano UE è in fase preliminare e affronta un forte scetticismo. Il servizio legale della UE ha notificato ai paesi membri che vi sono motivi legali per utilizzare temporaneamente almeno 33,8 miliardi di dollari dai beni congelati della Banca di Russia per la ricostruzione dell’Ucraina.

 

– Nella regione di Irkutsk, cominciano gli studi di fattibilità per lo sfruttamento di uno dei più grandi giacimenti auriferi. Il giacimento di Sukhoi log contiene il 28% di tutte le riserve auree in Russia. Secondo le stime del 2020, potrebbe contenere almeno 40 milioni di once di oro, cioè più di mille tonnellate. La produzione annuale sarà di 33,2 milioni di tonnellate di minerale e 2,3 milioni di once d’oro. Secondo i piani, lo sfruttamento dovrebbe partire nel 2027.

 

– Il Wall Street Journal dice che Abramovich svolge ancora il ruolo di mediatore fra Ucraina e Russia, ma non più in vista di un accordo, bensì con riguardo al solo scambio di prigionieri.

 

– Il fondo monetario internazionale valuta un nuovo programma di sostegno a Kiev: si tratterebbe di un prestito di 16 miliardi di dollari. (Bloomberg)

 

– Il ministero dello sviluppo economico russo intende combattere il calo eccessivo dell’ inflazione dovuto ad una flessione della domanda. Un gruppo tecnico formato dal ministro Reshetnikov, da Belousov e Oreshkin ha presentato un piano in tal senso a Putin.

 

– Il ministro dello sport ucraino dice che gli atleti di Kiev potrebbero disertare le olimpiadi di Parigi del 2024 se verrà permessa la partecipazione degli atleti russi e bielorussi sotto bandiera neutrale.

 

– Botta e risposta Prigozhin Strelkov. Il capo di Wagner: basta chiacchiere, venga a combattere. Girkin: se ha un proposta concreta me la faccia, la valuterò.

 

– Missili termobarici MLRS TOS-1A a Ugledar.

 

– Distruzione di S-300 ucraini nei pressi di Kremennaja.


– Kremennaja, uso del BMPT «Terminator» da parte delle forze russe.

 

– Scontri nei boschi tra mezzi corazzati russi e forze ucraine.


– Missile Cruise russo raggiunge una centrale a Odessa.

 

 

 

 

 

 

Rassegna tratta dal canale Telegram La mia Russia e dal canale Intel Slava Z

 

 

Immagine da Telegram

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Israele rifiuta la pressione degli Stati Uniti per fornire batterie di difesa aerea all’Ucraina

Pubblicato

il

Da

Gli Stati Uniti starebbero facendo pressione su Israele perché trasferisca i suoi vecchi missili antiaerei Hawk in Ucraina per favorire il regime di Kiev contro la Russia. Lo riporta la testata amercana Axios.

 

Israele ha 10 batterie Hawk, insieme a centinaia di intercettori per loro, che ha ritirato dieci anni fa e ha tenuto in deposito.

 

Inoltre, il funzionario israeliano sentito da Axios ha riferito che i sistemi Hawk di Israele sono «obsoleti» e disfunzionali per essere stati immagazzinati a lungo senza manutenzione.

 

Al contempo, i funzionari israeliani ribattono che mentre i lanciatori potrebbero essere completamente disfunzionali, le centinaia di intercettori Hawk che Israele ha in deposito possono essere rinnovati e utilizzati.

 

Tuttavia, il ministero della Difesa israeliano ha ribadito ad Axios in una dichiarazione che «la posizione dell’establishment della sicurezza israeliana [sulla concessione di aiuti militari all’Ucraina] non è cambiata. Ogni richiesta viene esaminata caso per caso».

 

Come riportato da Renovatio 21, le pressioni dell’amministrazione Biden su Tel Aviv per la fornitura di armi a Kiev risale ad inizio conflitto.

 

Tre mesi fa l’ex presidente russo e attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitrij Medvedev aveva messo in guardia Israele dal fornire armi all’Ucraina in risposta alle affermazioni secondo cui l’Iran sta vendendo missili balistici e droni da combattimento alla Russia.

 

Israele a inizio 2022 ha rifiutato la vendita di armi cibernetiche all’Ucraina o a Stati, come l’Estonia, che potrebbero poi rivenderle al regime Zelens’kyj.

 

Il ritorno al potere di Bibi Netanyahu, uomo con forti e pluriennali relazioni con Putin (che, si dice, andava a trovare a Mosca anche due volte al mese), parrebbe non favorire Kiev – o così sembra al momento, per lo meno.

 

Nel frattempo, è emerso che la guerra ha raddoppiato l’immigrazione in Israele da parte di cittadini ucraini di origine ebraica.

 

Continua a leggere

Geopolitica

La Turchia lascerà la NATO tra 5 o 6 mesi: politico turco

Pubblicato

il

Da

Ethem Sancak, vice leader del Vatan Partisi 0 il Partito patriottico di Turchia – ha suggerito che la Turchia potrebbe lasciare la NATO entro cinque o sei mesi.

 

«Gli sviluppi ci spingono a compiere tali passi. Ce lo fa fare la NATO con le sue provocazioni. La Turchia lascerà la NATO tra cinque o sei mesi. Hanno cercato di farci prendere dal fuoco incrociato in Medio Oriente. Infine, puoi vedere campagne contro il Corano in Svezia e nei Paesi Bassi», ha detto il quotidiano del partito Aydinlik facendo riferimento alle proteste viste in Svezia, con l’effige del presidente Erdogan calpestate e il Corano bruciato in pubblica piazza.

 

Il Sancak, un businessmen considerato vicino all’Erdogano, ha fatto poi riferimento a recenti sondaggi che mostrano che almeno l’80% della popolazione turca ritiene che «gli Stati Uniti siano un paese che conduce la politica più ostile e distruttiva» nei confronti della Repubblica – un sentimento strisciante non nuovissimo in Anatolia, riemerso anche dopo l’attentato terroristico a Costantinopoli dello scorso novembre.

 

«Il popolo turco ha recentemente mostrato simpatia per la Russia e Putin», ha concluso il politico. Come noto, la posizione di Ankara riguardo alla guerra in corso, è piuttosto anfibola: vende droni a Kiev (i Bayraktar, dell’azienda controllata dal genero di Erdogan) ma al contempo riesce a tenere tutte le porte aperte con la Russia di Putin.

 

Il 19 gennaio, il Vatan Partisi ha annunciato una campagna nazionale affinché la Turchia lasci la NATO.

 

Il Partito Patriottico si considera un partito nazionalista nella tradizione di Müstafa Keml Ataturk, il leader fondatore della Repubblica Turca. Il partito  sostenuto la politica del governo nei confronti di Russia e Ucraina, nonché la Belt and Road Initiative, cioè il colossale e controverso progetto di «Nuova via della Seta» intrapreso da Pechino, e ora, dopo il COVID e le tensioni internazionali, messo in forse.

 

Come riportato da Renovatio 21, ad aprile 2022 il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha accusato alcuni alleati della NATO di voler prolungare la guerra in Ucraina per indebolire la Russia.

 

I progetti di Erdogan, che confliggono con gli interessi russi in Azerbaigian/Armenia e in Libia e probabilmente in Siria e Iraq, potrebbero andare molto al di là delle questioni NATO, sognando l’instaurazione del «grande Turan», un’area di influenza turca che va dall’Oriente asiatico fino al Mediterraneo.

 

La Turchia sta vivendo in questo momento una crisi economica senza precedenti.

 

Come riportato da Renovatio 21, già un anno fa si vociferava che Ankara stesse reclutando jihadisti da mandare in Ucraina. I jihadisti, di fatto, avrebbero il motivo della vendetta per l’operazione russa in Siria. Il rapporto tra Turchia e ISIS è tuttora fonte di grandi dubbi ed imbarazzi internazionali.

 

È emerso che Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi, l’uomo definito dalla Casa Bianca come successore di al-Baghdadi a capo Stato Islamico e per questo eliminato con un raid delle forze speciali USA, di fatto abitava in una residenza a più piani ad Atmeh, nella città di Idlib, che si trova in un’area controllata dalla Turchia e da Hay’at Tahrir al-Sham («Organizzazione per la liberazione del Levante»), conosciuta anche come al-Qaeda in Siria, spesso abbreviata nell’acronimo HTS. È emerso altresì che a Istanbul miliziani ISIS ottengono passaporti falsi con i quali poi fuggono in Europa e in America.

 

La Turchia nel 2021 aveva arrestato un analista strategico locale accusandolo di spionaggio a favore dell’Italia, Paese considerato concorrente nell’area di influenza libica.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari