Connettiti con Renovato 21

Terrorismo

Iraq, 11 morti e 13 feriti in un attacco dell’ISIS. Vittime anche civili

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews

 

Fonti della sicurezza affermano che i jihadisti hanno colpito «civili inermi» dopo un tentativo di sequestro. Morta anche una donna. Le autorità hanno sigillato l’area e avviato operazioni di rastrellamento. Secondo un rapporto Onu vi sono ancora 10mila miliziani attivi fra Siria e Iraq. 

 

 

 

 

È di oltre una decina di vittime il bilancio, ancora provvisorio, di un attacco sferrato dai jihadisti dello Stato islamico (SI, ex ISIS) nella serata di ieri contro un villaggio nell’est dell’Iraq.

 

Le milizie del «califfato», che un tempo occupavano oltre metà del territorio di Siria e Iraq e avevano eretto la loro «capitale» a Mosul, tornano a colpire prendendo di mira al-Rashad, nella provincia di Diyala, in una zona abitata da civili e militari.

 

Secondo quanto riferiscono fonti della sicurezza locali, al momento si registrano «11 morti e 13 feriti» alcuni dei quali in condizioni gravi. Fra le vittime vi sono sia civili che militari di stanza nella zona. Le autorità hanno sigillato l’area e avviato operazioni di rastrellamento, alla ricerca di cellule jihadiste locali.

 

Un rapporto di inizio anno delle Nazioni Unite afferma che lo Stato islamico «mantiene una presenza in larga parte clandestina in Iraq e Siria» dove conduce «una insurrezione su entrambi i fronti» grazie alla presenza di almeno 10 mila combattenti.

Una nota dei vertici militari sottolinea che nell’attacco i miliziani hanno sequestrato due persone e colpito «civili inermi», dopo che gli abitanti del villaggio si sono rifiutati di pagare un riscatto. Fra le vittime vi sarebbe anche una donna. In precedenza si era verificato un altro attacco con veicoli leggeri e armi semi-automatiche sempre in Iraq, con un bilancio finale di 11 morti e 15 feriti.

 

Nell’area di al-Rashad vivono soprattutto membri della tribù beduina di Bani Tamim, alla quale appartiene anche il governatore della provincia. All’inizio di settembre sono morti 13 elementi appartenenti alla polizia federale irachena, colpiti in un attacco sferrato dall’ISIS contro un punto di controllo nei pressi di Kirkuk, nel nord.

 

Un rapporto di inizio anno delle Nazioni Unite afferma che lo Stato islamico «mantiene una presenza in larga parte clandestina in Iraq e Siria» dove conduce «una insurrezione su entrambi i fronti» grazie alla presenza di almeno 10 mila combattenti.

 

L’ultimo attacco rivendicato dall’ISIS in Iraq risale al luglio scorso, nel distretto sciita di Sadr City, a Baghdad, che ha causato la morte di una trentina di persone.

 

In ottobre, in concomitanza con le elezioni parlamentari, le autorità avevano rivelato due operazioni oltre-confine con l’arresto del responsabile del sanguinoso attentato del 2016 nella capitale, che aveva provocato oltre 320 vittime.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di archivio

Continua a leggere

Persecuzioni

Otto morti, 38 rapiti nel secondo attacco ai cristiani nigeriani in due settimane

Pubblicato

il

Da

In un attacco terroristico a due chiese nel nord della Nigeria, otto persone sono state uccise e 38 rapite  durante una messa cattolica e un servizio battista, secondo un rapporto dell’Associazione cristiana della Nigeria.  I fatti risalgono alla settimana scorsa.

 

La violenza anticristiana arriva appena due settimane dopo che un evento simile si è verificato nel Sud-Ovest della Nigeria. Il 9 giugno, uomini armati di AK-47 ed esplosivi hanno attaccato i cattolici che assistevano alla messa nella chiesa di San Francesco a Owo. Gli aggressori, almeno cinque, erano armati di armi ed esplosivi. Dopo aver fatto esplodere una bomba vicino all’altare, hanno metodicamente sparato sui fedeli in preda al panico che cercavano di uscire dall’edificio.

 

Nella strage di Owo quaranta persone sono state uccise e 87 ricoverate in ospedale.

 

Il governo sospetta che il gruppo terroristico Islamic State West Africa Province (ISWAP) sia responsabile dell’attacco del 9 giugno, sebbene l’ISWAP non abbia rivendicato la responsabilità.

 

Secondo l’agenzia Reuters , «L’ISWAP, attivo prevalentemente nel nord-est della Nigeria e nel vicino Ciad, è uno dei due principali gruppi di ribelli islamici che da anni combattono tra loro e contro l’esercito nigeriano. Centinaia di migliaia di persone sono morte e milioni sono sfollati».

 

L’ISWAP è stato creato come spinoff dell’ISIS dal leader terrorista Abu Masab al-Barnawi. Il gruppo è noto è reso noto per l’uccisione di Abubakar Shekau, il leader del grande gruppo jihadista presente nella regione, Boko Haram.

 

Il gruppo prende parte all’insurrezione jihadista nel Nord-Est della Nigeria, nel Sud-Est del Niger e nell’estremo Nord del Camerun.

 

Nel marzo 2019 si è allineato allo Stato Islamico nel Grande Sahara, attivo nel nord-est del Mali, nel Nord del Burkina Faso e nel Niger occidentale.

 

 

Continua a leggere

Terrorismo

Israele esorta i cittadini a lasciare Istanbul

Pubblicato

il

Da

Il governo israeliano ha emesso un avviso di viaggio per Istanbul e ha alzato l’allerta terrorismo al massimo livello dopo che i funzionari hanno affermato di aver fermato diversi progetti di attacco iraniano contro i turisti. Lo riporta la testata governativa russa RT.

 

Il ministro degli Esteri Yair Lapid ha annunciato lunedì il nuovo avviso per la città turca, citando «una serie di tentativi di attacchi terroristici iraniani contro israeliani che si sono recati in vacanza a Istanbul« nelle ultime settimane.

 

«Chiediamo agli israeliani di non volare a Istanbul e, se non ne hai bisogno, non volare in Turchia. Se siete già a Istanbul, tornate in Israele il prima possibile… Nessuna vacanza vale la vostra vita».

 

La dichiarazione di Lapid ha coinciso con la decisione dell’Ufficio antiterrorismo israeliano di aumentare il livello di allerta per Istanbul al vertice della scala – una distinzione condivisa con l’Afghanistan e lo Yemen dilaniati dalla guerra – “data la continua minaccia e le intenzioni iraniane di ferire gli israeliani”. Il resto della Turchia è stato segnalato con un avviso che esortava a non viaggiare non essenziali.

 

Il ministro degli Esteri israeliano ha fornito pochi dettagli sui presunti complotti iraniani, dicendo solo che miravano a «rapire o uccidere» cittadini dello Stato ebraico.

 

Secondo i media locali, la scorsa settimana diversi cittadini in visita a Istanbul sono stati «portati via» dagli agenti di sicurezza per il timore che assassini iraniani avrebbero colpito.

 

L’emittente israeliano Channel 13 ha notato che i funzionari non hanno in programma di condurre un’operazione di salvataggio e che alcuni cittadini desideravano rimanere in città nonostante gli avvertimenti, anche se lunedì è stata segnalata un’ondata di voli che trasportano migliaia di passeggeri dalla Turchia verso Israele.

 

L’accresciuto allarme su Istanbul segue i precedenti avvertimenti del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano, che il mese scorso ha dichiarato che «operatori terroristici iraniani» erano presenti in Turchia e rappresentavano una minaccia per gli israeliani.

 

All’epoca, più di 100 cittadini residenti in Turchia sarebbero stati contattati da funzionari dell’antiterrorismo e avrebbero chiesto di tornare a casa.

 

Le tensioni tra Israele e Iran sono aumentate vertiginosamente nelle ultime settimane, con Teheran che ha accusato il suo rivale di aver assassinato un ufficiale del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) nella capitale iraniana il mese scorso.

 

Sebbene Israele non abbia formalmente affrontato le accuse, un anonimo funzionario dell’intelligence israeliana ha detto al New York Times che lo Stato ebraico sarebbe effettivamente dietro l’omicidio, un’accusa successivamente negata da un alto legislatore.

 

Come riportato da Renovatio 21, le tensioni tra Teheran e Tel Aviv sono alle stelle, e da mesi e anni, per via del presunto programma atomico iraniano, visto da Israele come una minaccia esistenziale. I nuovi negoziati sul nucleare iraniano sarebbero ora in stallo anche a causa della guerra russo-ucraina.

 

La tensione è cresciuta in modo particolare la settimana scorso con la visita in Israele del capo dell’AIEA (l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica). Israele è considerato come Paese che dispone di testate atomiche (forse 200) non dichiarate e bollate come «illegali» secondo l’interpretazione del diritto internazionale di alcuni Paesi.

 

Israele in questi lustri ha perseguito un porta avanti un piano di assassinio nei confronti degli scienziati atomici iraniani, alcuni ammazzati con armi da fuoco, altri con bombe magnetiche messe nella loro auto. Il caso più pazzesco è stato quello del massimo scienziato nucleare del Paese, Mohsen Fakhrizadeh, trucidato da un robot-cecchino dotato di Intelligenza Artificiale teleguidato via satellite da agenti israeliani,

 

Un anno fa gli iraniani lamentarono che l’incidente registrato all’impianto nucleare di Natanz a era in realtà un attacco terroristico israeliano. Due anni fa vi furono altre esplosioni a centrali nucleari, con il Jerusalem Post a dichiarare che queste potevano «non essere casuali».

 

Come riportato da Renovatio 21, negli anni Ottanta il Mossad attaccò aziende tedesche e svizzere che stavano possibilmente rifornendo di tecnologia atomica Paesi limitrofi a Tel Aviv. Gli israeliani arrivarono a bombardare con i jet il reattore nucleare di Osirak, dell’Iraq di Saddam, che era stato costruito con la cooperazione dei francesi.

 

Ad ogni modo, attualmente la ricerca nucleare in Israele sta proseguendo.

 

 

 

 

Immagine via Wikimedia di Pubblico Dominio CC0

 

 

 

 

Continua a leggere

Terrorismo

Armi mandate in Ucraina riaffiorano tra i guerriglieri siriani a Idlib?

Pubblicato

il

Da

Il capo della delegazione russa ai colloqui sulla sicurezza militare e sul controllo degli armamenti a Vienna, Konstantin Gavrilov, ha affermato che Mosca ha le prove che i terroristi nella provincia siriana di Idlib sono i beneficiari di alcune delle massicce spedizioni di armi occidentali in Ucraina.

 

Sul canale TV Rossiya 24, Gavrilov ha affermato che «c’è il pericolo della diffusione di armi leggere dalla zona di conflitto, in particolare Javelins, MANPADS e [armi] anticarro in tutto il mondo. Ci sono già fatti che queste armi vengono vendute al mercato nero e inviate in Medio Oriente, a Idlib. Abbiamo già visto il filmato».

 

L’affermazione è difficile da confutare al volo, poiché il Congresso degli Stati Uniti ha rifiutato di mettere in atto procedure di tracciamento efficaci, incluso nell’ultimo deposito di 40 miliardi di dollari a favore dell’Ucraina.

 

Idlib, zona al confine con la Turchia, è conosciuta come punto caldo del terrore siriano: sarebbe, dicono, il luogo di morte del califfo Abi Bark al-Baghdadi, il noto vertice dell’ISIS nel momento di sua massima espansione. Come riportato da Renovatio 21, anche il suo successore Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi sarebbe risieduto a Idlib (nella zona occupata dai Turchi e al-Qaeda) prima di essere eliminato da un raid di cui si è vantato Joe Biden. Come riportato da Renovatio 21, nel novembre 2020, durante lo scontro tra Armenia (Paese vicino alla Russia) e Azerbaigian il ministero della Difesa armeno ha pubblicato il video di un militante siriano catturato che diceva di venire da Idlib. Tre settimane fa l’Intelligence russa ha accustato gli Stati Uniti di addestrare militanti dell’ISIS in Siria per la guerra in Ucraina. Un una presenza di terroristi siriani in Ucraina con il fine di vendicarsi dei russi è stata segnalato anche tre mesi fa.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Europol ha recentemente ammesso per bocca del suo capo Catherine De Bolle che le armi spedite in Ucraina potrebbero essere usate da «gruppi criminali» per anni.

 

Non si tratta dell’unica voce che ha cercato di discutere il problema del fiume di armamenti che stanno arrivando in Ucraina.

 

Pure gli li stessi funzionari USA ora stanno ammettendo che le armi inviate a Kiev stanno finendo al mercato nero. Quelle che non finiscono al mercato nero, è emerso, finiscono alle truppe ucraine che non sono in grado di utilizzarle in maniera corretta.

 

La portavoce degli Esteri del Cremlino Maria Zakharova ha dichiarato che le armi occidentali finiranno nelle mani di terroristi che minacceranno l’Europa.

 

Oltre ai jihadisti mediorientali che potranno comprare le armi nei bazar del mercato nero, si dovrebbe porre la questione di quante invece finiranno nelle mani dei battaglioni neonazisti  (in pratica, gli eurojihadisti).

 

Renovatio 21 ne ha trattato in diversi articoli di Renovatio 21,  con in mente la barbarie esportata anche qui da noi con il disastro balcanico negli anni Novanta.

 

La Russia potrebbe avere difficoltà a far uscire queste sue preoccupazioni.

 

Come riportato da Renovatio 21, a inizio anno il capo della delegazione russa per il controllo degli armamenti a Vienna, Konstantin Gavrilov, ha dichiarato che il loro account Facebook è stato chiuso.

 

 

Continua a leggere

Più popolari