Connettiti con Renovato 21

Gender

Il Texas considererà i trattamenti transgender come «abuso sui minori»

Pubblicato

il

Renovatio 21 riprende brani di questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il Texas potrebbe perseguire i genitori che consentono ai loro figli di cambiare sesso in quanto molestatori di minori, afferma il suo governatore, Greg Abbott.

 

In una lettera inviata questa settimana al Dipartimento per la famiglia e i servizi di protezione, Abbott ha affermato che l’agenzia «è responsabile della protezione dei bambini dagli abusi».

 

Il governatore ha avvertito che insegnanti, medici, infermieri e altri che non denunciano presunti abusi potrebbero incorrere in sanzioni penali.

 

Il governatore stava rispondendo a un parere formale redatto dal procuratore generale del Texas Ken Paxton che crea una giustificazione legale per questo passo controverso. Le «opinioni» non hanno forza di legge, ma ci si aspetta che i funzionari pubblici le seguano.

 

Il transgenderismo è una causa alla moda, anche in uno stato conservatore come il Texas, e la direttiva di Abbott è stata respinta da alcuni pubblici ministeri.

 

«Il mio ufficio non parteciperà a questi giochi politici in malafede», ha dichiarato un procuratore distrettuale in una dichiarazione.

 

«In quanto avvocati che si occupano di questi casi, abbiamo il dovere di franchezza nei confronti dei tribunali su ciò che dice veramente la legge. Continueremo a seguire le leggi sui libri contabili, non l’opinione” politicamente motivata e legalmente scorretta del [procuratore generale] Paxton».

L’attivista trans Chase Strangio, che si occupa di casi transgender per l’ACLU, ha twittato:

 

«Questo è un incubo assoluto. Ma sostenere tuo figlio NON è un abuso sui minori e le famiglie saranno protette e difese nel miglior modo possibile e se avremo bisogno di aiutarti a uscire dal Texas lo faremo anche noi. Mi dispiace che questo sia il mondo orribile in cui viviamo».

 

La maggior parte dei dibattiti sui trattamenti per i bambini trans ruotano attorno alla loro «esperienza vissuta di disforia di genere».

 

L’opinione di Paxton porta l’argomento in una direzione diversa. Le procedure di «cambio di sesso» violano il diritto costituzionale dei bambini all’essere in grado di procreare.

 

Il trattamento medico comporta quasi sempre la somministrazione di testosterone alle ragazze ed estrogeni ai ragazzi, che possono renderli sterili.

 

Non è un tocco cosmetico reversibile ma un cambiamento che dura tutta la vita.

 

Dopo il trattamento ormonale arrivano opzioni chirurgiche insensibili: doppie mastectomie, castrazioni, rimozioni del pene, isterectomie, vaginoplastica (creando chirurgicamente una vagina per un maschio) e falloplastica (creando chirurgicamente un pene per una femmina). Tutti questi hanno il rischio di gravi complicazioni.

E, dopo tutto l’intervento medico, non ci sarà alcun «cambio di sesso».

 

«Nessun medico può sostituire un organo sessuale maschile perfettamente funzionante con un organo sessuale femminile completamente funzionante (o viceversa)», scrive Paxton.

 

«In realtà, queste procedure di “cambio di sesso” cercano di distruggere un organo sessuale pienamente funzionante per creare esteticamente l’illusione di un cambio di sesso».

 

Ma l’argomento centrale di Paxton è che a questi bambini viene negato il loro diritto fondamentale di poter procreare.

 

«Data la natura particolarmente vulnerabile dei bambini e i chiari pericoli della sterilizzazione dimostrati nel corso della storia, è importante sottolineare il nocciolo della domanda che presentate oggi: se facilitare (genitori/counsilor) o condurre (medici) procedure e trattamenti medici che potrebbe privare permanentemente i bambini minorenni del loro diritto costituzionale di procreare, o compromettere la loro capacità di procreare, prima che quei bambini abbiano la capacità giuridica di acconsentire a tali procedure e trattamenti, costituisce abuso sui minori».

Un bambino può davvero dare il consenso informato alla sterilizzazione?

 

Un bambino può davvero dare il consenso informato alla sterilizzazione? In Texas, la maggiore età è 18 anni, ma Medicaid fissa l’età del consenso per la sterilizzazione a 21 perché i minori sono più suscettibili alla coercizione.

 

I bambini trans spesso dicono che non gli dispiace perdere la fertilità perché non sono interessati ad avere figli. Questa è una chiara prova della loro immaturità. Molte donne dicono la stessa cosa, ma poi vanno nel panico verso la fine dei 30 anni quando il loro orologio biologico suona una sveglia.

 

Il procuratore generale cita un precedente di un caso del 1942 deciso dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, Skinner v Oklahoma.

 

La decisione descriveva la sterilizzazione come un torto indiscutibile anche per i criminali abituali:

 

«Il potere di sterilizzare, se esercitato, può avere effetti sottili, di vasta portata e devastanti. In mani malvagie o sconsiderate può far appassire e scomparire razze o tipi che sono ostili al gruppo dominante. Non c’è redenzione per l’individuo che la legge tocca. Qualsiasi esperimento condotto dallo Stato è a suo danno e irreparabile. È privato per sempre di una libertà fondamentale».

 

E secondo la legge del Texas, le procedure coinvolte nella «transizione» costituiscono abusi sui minori.

 

È difficile non essere d’accordo quando i fatti medici sono chiaramente esposti. «Il Texas Family Code è chiaro: causare o consentire danni sostanziali al bambino o alla crescita e allo sviluppo del bambino è un abuso sui minori», scrive Paxton.

 

I tribunali hanno ritenuto in passato che l’asportazione chirurgica di una parte del corpo possa costituire una vera lesione per un bambino. Molte delle procedure coinvolte nell’intervento chirurgico di riassegnazione del sesso potrebbero essere considerate mutilazioni genitali femminili, che sono chiaramente vietate.

 

L’opinione è stata aspramente criticata dai media.

 

«Nessun tribunale qui in Texas o in qualsiasi altra parte del paese ha mai ritenuto che l’assistenza di affermazione di genere possa essere considerata un abuso sui minori», ha affermato l’ American Civil Liberties Union del Texas in una dichiarazione sull’«assistenza di affermazione di genere».

 

«L’opinione rilasciata da Paxton cita informazioni altamente di parte, obsolete e imprecise che ignorano il consenso di tutte le principali associazioni mediche e gli standard di cura basati sull’evidenza e sottoposti a revisione paritaria».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Il rapporto degli Stati Uniti smentisce i timori sul suicidio dei giovani trans

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’argomento più potente per l’assistenza di affermazione di genere per i bambini con disforia di genere è la minaccia del suicidio. «Preferiresti avere un figlio vivo o una figlia morta?» è la brutale alternativa presentata ai genitori.

 

Questo punto di vista è stato fortemente sostenuto dall’amministrazione Biden così come da molti giornalisti e medici.

 

Una dichiarazione di Health and Human Services rilasciata a marzo ha dichiarato che: «un ambiente sanitario sicuro e affermativo è fondamentale per promuovere risultati migliori per bambini e adolescenti transgender, non binari e di altro genere».

 

Tuttavia, un rapporto della conservatrice Heritage Foundation scritto da Jay Greene sostiene che le affermazioni di tassi di suicidio elevati per i giovani a cui vengono negate le cure che affermano il genere sono deboli.

 

«Solo una manciata di studi esamina la relazione tra i trattamenti con ormoni sessuali incrociati e i rischi di suicidio che confrontano i risultati per gli adolescenti che hanno ricevuto tale assistenza con quelli che l’hanno cercata ma non l’hanno ricevuta. Nessuno studio utilizza un disegno di ricerca causale, come uno studio randomizzato controllato, che è in genere richiesto per l’approvazione dei farmaci. Invece, molti di questi studi confrontano i minori che hanno ricevuto interventi con coloro che non sono stati in grado di ottenerli e trovano tassi più bassi di contemplare il suicidio».

 

Il rapporto afferma che ci sono difetti fondamentali in alcune delle ricerche trans-friendly. Gli studi di supporto si sono basati su sondaggi su adulti trans reclutati da gruppi di difesa, che è improbabile che siano rappresentativi.

 

Inoltre, una condizione per ricevere queste cure è la stabilità psicologica. Se alle persone sono state negate le cure, potrebbe essere stato che avevano già una condizione di salute mentale.

 

«Quindi, in realtà, tutto ciò che stanno scoprendo è che le persone pensano di più al suicidio se iniziano con problemi di salute mentale più gravi», ha detto Greene a The Hill. «Non stanno scoprendo che i farmaci sono protettivi».

 

In effetti, Greene afferma che «facilitare l’accesso ai trattamenti cross-sex senza il consenso dei genitori aumenta significativamente i tassi di suicidio».

 

«Confrontiamo i tassi annuali di suicidio dei giovani negli Stati che consentono ai minori di accedere alle cure senza il consenso dei genitori con gli stati che non lo fanno. I dati non mostrano chiaramente alcuna differenza nei tassi di suicidio giovanile tra questi due gruppi di stati per oltre un decennio prima del 2010, quando inizia questo uso di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati. In quel periodo, emerge una differenza nei tassi di suicidio e il divario accelera dopo il 2015, quando i trattamenti sessuali incrociati diventano più comuni».

C’è un aumento del 14% dei tassi di suicidio tra i giovani entro il 2020 negli stati che hanno una disposizione che consente ai minori di accedere alle cure senza il consenso dei genitori rispetto agli stati che non lo fanno.

 

Un più facile accesso ai bloccanti della pubertà e agli ormoni sessuali incrociati da parte dei minori ha effettivamente esacerbato i tassi di suicidio.

 

Il rapporto conclude che «la scienza non dimostra che i bloccanti della pubertà e gli ormoni sessuali incrociati siano necessari per prevenire i suicidi. Anzi, semmai, dimostra il contrario».

 

Il rapporto è stato maltrattato dagli attivisti LGBTQI+.

 

Jack Turban, un ricercatore di psichiatria infantile e adolescenziale presso la Stanford University School of Medicine, lo ha descritto come «assurdo».

 

«L’intero rapporto si basa sul presupposto errato che i minori possano accedere facilmente agli ormoni senza il consenso dei genitori», ha twittato .

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Focolaio di vaiolo delle scimmie a Los Angeles dopo il Gay Pride

Pubblicato

il

Da

Los Angeles registra 22 casi di vaiolo delle scimmie dopo gli eventi legati al Pride Month, poiché i funzionari sanitari affermano che l’epidemia è dilagante tra la comunità gay. Lo riporta il Daily Mail.

 

«Chiunque può contrarre e diffondere il vaiolo delle scimmie, ma alcuni dei recenti casi identificati sono stati tra gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini che hanno partecipato a grandi eventi in cui potrebbe essersi verificata l’esposizione al vaiolo delle scimmie», ha affermato il Dipartimento della Salute Pubblica di Los Angeles e in un comunicato.

 

L’avvertimento arriva dopo un mese di celebrazioni del Pride in città che includevano l’evento intitolato Pride in the Park l’11 giugno, un concerto che ha attirato oltre 20.000 persone e includeva un’esibizione della cantante ex-Disney Christina Aguilera e la parata omosessuale per la città avvenuta il 12 giugno.

 

Secondo il Los Angeles Times, migliaia di persone hanno affollato le strade della città per celebrare il ritorno della sfilata dopo una pausa di due anni a causa del lockdown COVID-19.

 

Al 2 giugno, c’erano solo tre casi di vaiolo delle scimmie in tutta la California, aveva detto allora NBC News.

 

Ora ci sarebbero 51 casi di vaiolo delle scimmie segnalati in tutto lo Stato e 199 casi a livello di tutti gli USA, secondo l’ente di controllo epidemiologico americano CDC.

 

Los Angeles si è affrettata ad offrire un vaccino chiamato JYNNEOS agli «individui a più alto rischio di vaiolo delle scimmie». Il JYNNEOS è stato approvato per la prima volta dall’ente regolatorio FDA nel 2019.

 

A New York, epicentro delle celebrazioni del mese dell’orgoglio omosessuale, si sono registrati 35 casi

 

«La maggior parte dei primi casi negli Stati Uniti riguardava persone appena tornate da un viaggio all’estero. Ma la malattia si è diffusa rapidamente, soprattutto tra i gay» scrive il Daily Mail.

 

«In tutto il mondo, i funzionari sanitari hanno già avvertito che c’è un picco nei casi di vaiolo delle scimmie nelle comunità maschili gay e bisessuali».

 

«Il vaiolo delle scimmie, originario dell’Africa occidentale, è stato rilevato più di 3.000 volte in 40 paesi dove quest’anno non si trova in genere» nota la testata londinese.

 

Circa due settimane fa, la sanità britannica aveva dichiarato che il 99% dei casi di monkeypox avvenivano tra uomini gay.

 

Un funzionario dell’OMS ha dichiarato che nonostante tutto i festeggiamenti omosessualisti devono continuare. Andy Seale, un consulente strategico del Dipartimento dell’OMS per i programmi globali di HIV, epatite e infezioni sessualmente trasmissibili, ha poi aggiunto che le marce LGBT sarebbero «adatte alle famiglie». Abbiamo visto…

 

L’ente mondialista della Sanità ha poi promesso, per rimuovere qualsiasi eventuale stigma razzista, di cambiare il nome al vaiolo delle scimmie.

 

Come riportato da Renovatio 21, il CDC ha comunicato che sarebbe in corso tra i gay della Florida anche un’epidemia di meningococco, considerata una delle peggiori della storia USA.

 

 

 

 

Immagine di DV ROSS via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

L’epidemia di meningococco tra i gay in Florida è una delle peggiori nella storia degli USA: CDC

Pubblicato

il

Da

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sta indagando su uno dei peggiori focolai di meningococco tra uomini gay e bisessuali nella storia degli Stati Uniti, secondo un recente comunicato stampa. Lo riporta Fox News.

 

Le autorità stanno correndo ai ripari chiedendo ai partecipanti delle sfilate per l’orgoglio omosessuale di vaccinarsi quanto prima.

 

«A causa dell’epidemia in Florida e del numero di eventi Pride che si terranno in tutto lo stato nelle prossime settimane, è importante che gli uomini gay e bisessuali che vivono in Florida vengano vaccinati e coloro che si recano in Florida parlino con il proprio medico per ottenere un Vaccino MenACWY»  ha affermato il dott. José R. Romero, direttore del Centro nazionale per l’immunizzazione e le malattie respiratorie.

 

L’agenzia sanitaria ha riportato almeno 24 casi e 6 decessi tra uomini gay e bisessuali legati a questa malattia, con circa la metà dei casi di focolaio tra uomini ispanici.

 

I casi relativi all’attuale focolaio sono la maggior parte tra coloro che vivono nello Stato della Florida , ma hanno anche colpito alcuni che si sono recati nello Stato.

 

I sintomi tipici della meningite possono iniziare come sintomi simil-influenzali che progrediscono rapidamente in febbre, mal di testa e torcicollo poiché i batteri infettano il rivestimento protettivo del cervello e del midollo spinale.

 

La setticemia meningococcica, nota anche come meningococco, provoca sanguinamento nella pelle e in altri organi mentre i batteri si moltiplicano e distruggono le pareti dei vasi sanguigni, il che spesso porta a un’eruzione cutanea violacea nelle fasi successive della malattia.

 

I sintomi della setticemia includono anche affaticamento, vomito, diarrea, estremità fredde, respiro rapido e forti dolori muscolari, articolari, toracici o addominali.

 

Si tratta di un’ulteriore brutta notizia epidemiologica per la comunità omosessuale mondiale, già accostata da istituzioni sanitarie ai casi di vaiolo delle scimmie scoppiati di recente., dove gli omosessuali, ha dichiarato la Sanità britannica, rappresenterebbero ora il 99% dei casi.

 

L’OMS sta tuttavia prendendo provvedimenti contro lo stigma del vaiolo delle scimmie: l’ente sanitario mondialista si appresta a cambiare il nome della malattia, una mossa che certamente aiuterà a sconfiggerla subito.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari