Connettiti con Renovato 21

Gender

Il Sud Dakota proibisce le riassegnazioni di genere

Pubblicato

il

 

 

 

La Camera dei Rappresentanti del Sud Dakota è diventata il punto caldo della bioetica del 2020.

 

Nella sua prima e controversa votazione dell’anno, la Camera ha votato per bandire le procedure di riassegnazione del genere sui minori e la somministrazione di ormoni e bloccanti della pubertà ai pazienti minori di 16 anni. I medici che non rispettano la legge verranno sanzionati e incarcerati. È stato riportato dai principali canali di informazione e il New York Times definisce la legge “pericolosa”.

 

La Camera ha votato per bandire le procedure di riassegnazione del genere sui minori e la somministrazione di ormoni e bloccanti della pubertà ai pazienti minori di 16 anni. I medici che non rispettano la legge verranno sanzionati e incarcerati

Esattamente la stessa  parola utilizzata da Fred Deutsch, promotore della HB 1057, per descrivere invece i trattamenti transgender. «Le procedure elencate nella legge non rappresentano esigenze sanitarie, ma atti criminali contro bambini vulnerabili, troppo giovani per comprendere l’impatto che sterilità, mutilazioni e altri rischi permanenti per la salute avranno sulle loro vite in futuro», afferma.

 

In un passaggio ha anche comparato tali procedure alle sperimentazioni dei nazisti: «Sono figlio di sopravvissuti all’Olocausto. Alcuni dei miei famigliari sono stati uccisi ad Auschwitz. Ho visto le foto degli esperimenti medici e non voglio che accada lo stesso ai nostri bambini. È proprio quello che sta succedendo».

 

Deutsch  ha poi ritrattato le sue dichiarazioni e si è pubblicamente scusato. Ma altri hanno detto le stesse cose.

 

 

L’intellettuale lesbica Camille Paglia ha anche definito l’uso dei bloccanti della pubertà come «crimine contro l’umanità».

«Le procedure elencate nella legge non rappresentano esigenze sanitarie, ma atti criminali contro bambini vulnerabili, troppo giovani per comprendere l’impatto che sterilità, mutilazioni e altri rischi permanenti per la salute avranno sulle loro vite in futuro»

 

Il leader di minoranza del Sud Dakota, Jamie Smith, ha definito il commento di Deutsch  «disgustoso». «Credo che i medici del mio Stato», dice, «non vogliano che si dica loro come svolgere il loro mestiere. Spetta al medico e ai genitori del paziente decidere come trattare al meglio il bambino a seconda dei casi».

 

La Camera del Sud Dakota ha anche approvato una legge che criminalizza la commercializzazione della maternità surrogata, punibile fino a un anno di carcere, e invita i legislatori a studiare il caso entro l’anno. Se viene approvata anche al Senato, il Sud Dakota diventerà uno dei pochi Stati in cui il commercio della maternità surrogatoasarà illegale. «La tutela dell’essere umano non dovrebbe essere determinata da contratti commerciali», sostiene il promotore della legge Jon Hansen.

 

«Sono figlio di sopravvissuti all’Olocausto. Alcuni dei miei famigliari sono stati uccisi ad Auschwitz. Ho visto le foto degli esperimenti medici e non voglio che accada lo stesso ai nostri bambini. È proprio quello che sta succedendo»

La legge non punisce la maternità surrogato «altruistica» e consente il rimborso dei costi sostenuti per la cura del bambino.

 

Ad oggi, esiste una sola agenzia di madri surrogate in Sud Dakota. I sostenitori affermano che la maternità surrogato potrebbe essere l’unica opzione per i genitori, a causa delle spese e delle complicanze delle procedure di adozione.

 

 

Michael Cook

editor di BioEdge

 

 

Fonte: «January’s bioethics hotspot: South Dakota», Bioedge

Continua a leggere

Gender

Transessualismo e adolescenti suicidi, uno studio finnico è scettico

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

L’argomentazione più potente per avviare un adolescente verso un percorso di affermazione di genere è questa: vuoi una figlia morta o un figlio vivo? I giovani con disforia di genere utilizzano la minaccia di suicidio per convincere i genitori a sostenerli nel cambiare il proprio genere.

 

Questo messaggio viene trasmesso ai genitori timorosi dalle più alte sfere dell’establishment medico negli Stati Uniti. Secondo il dottor Rachel Levine, vicesegretario trans alla Sanità degli Stati Uniti, una persona transgender nominata dal presidente Biden, «le cure che affermano il genere sono cure mediche. È assistenza sanitaria mentale. In alcuni casi si tratta di cure per la prevenzione del suicidio».

 

Tuttavia, è vero che impedire agli adolescenti di vivere come sessi diversi porta a più suicidi?

 

Secondo uno studio finlandese appena pubblicato su BMJ Mental Health, ciò non sembra essere vero se si tiene conto della salute mentale degli adolescenti. Scrivono che «il principale predittore di mortalità in questa popolazione è la morbilità psichiatrica, e la riassegnazione medica del genere non ha un impatto sul rischio di suicidio»

Sostieni Renovatio 21

È vero, dicono che «tra gli adolescenti con riferimenti al genere, pensieri autolesionistici, comportamenti autolesionistici e tentativi di suicidio sono comuni, con una prevalenza fino al 50% dei pazienti». Ma una grande percentuale di adolescenti con disforia di genere aveva già seri problemi psichiatrici quando bussano alle porte di una clinica di genere.

 

I ricercatori finlandesi sottolineano inoltre che la medicina affermativa di genere potrebbe essere dannosa, ma ci sono pochissimi dati sui suoi effetti a lungo termine.

 

«Esistono prove limitate e parzialmente contrastanti riguardo alla sicurezza somatica a lungo termine della GR (riassegnazione di genere)… Considerando la giovane età della nostra popolazione campione, non possiamo concludere sulla sicurezza somatica del GR perché qualsiasi potenziale impatto sulla mortalità richiederebbe probabilmente periodi di follow-up fino a diversi decenni».

 

I ricercatori concludono:

 

«Quando si considera la storia dei trattamenti psichiatrici, la GD (disforia di genere) sufficientemente significativa da comportare il contatto con servizi specializzati in identità di genere durante l’adolescenza non sembra essere predittiva della mortalità per tutte le cause o per suicidio. In questa popolazione sono comuni anche le morbilità psichiatriche. Pertanto, il rischio di suicidio correlato all’identità transgender e/o alla GD di per sé potrebbe essere stato sovrastimato».

 

Gender Clinic News, a cura del giornalista australiano Bernard Lane, è una delle migliori fonti di informazione sul controverso campo della medicina di genere. Il sociologo dell’Università di Oxford Michael Biggs ha detto a Lane che questo è stato uno studio fondamentale: ciò «dimostra ancora una volta che il rischio di morte per suicidio per i giovani trans è fortunatamente basso in termini assoluti. Ciò conferma i risultati della mia analisi dei dati britannici della clinica Tavistock, con dati finlandesi superiori». Sebbene nello studio finlandese «il tasso di suicidio sia poco più di quattro volte più alto tra i giovani trans rispetto ai loro coetanei, ciò è spiegato dai loro problemi psichiatrici più gravi. Quando si prendono in considerazione questi problemi psichiatrici, non c’è prova che le persone transgender abbiano un tasso di suicidio più elevato».

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Gender

Gli scienziati chiedono di abbandonare i nomi dei dinosauri perché «sessisti»

Pubblicato

il

Da

I paleobiologi tedeschi hanno chiesto una revisione del sistema utilizzato per nominare i dinosauri, sostenendo che l’attuale nomenclatura contiene quasi 100 nomi «potenzialmente offensivi», ha riferito martedì la rivista Nature, citando l’articolo ancora inedito del team.   Un gruppo di ricercatori ha analizzato i nomi di ogni fossile di dinosauro dell’era mesozoica, definita tra 251,9 milioni e 66 milioni di anni fa, esaminando 1.500 specie alla ricerca di nomi che percepivano come «emananti razzismo, sessismo, che prendono il nome da contesti (neo)coloniali o da figure controverse».   Secondo Nature sono state trovate 89 specie «problematiche», ovvero meno del 3% dei nomi analizzati. Una specie di dinosauro potrebbe essere considerata problematica semplicemente perché il suo nome era basato sul nome coloniale dell’area in cui è stato scoperto il fossile, hanno spiegato i ricercatori, lamentando che «i nomi dei luoghi o dei ricercatori nella lingua indigena spesso non vengono utilizzati o sono tradotti male».

Sostieni Renovatio 21

«Il problema in termini di numeri è davvero insignificante. Ma è significativo in termini di importanza», ha insistito il paleontologo Evangelos Vlachos del Museo di Paleontologia Egidio Feruglio, coautore dello studio insieme al team tedesco guidato da Emma Dunne dell’Università Friedrich-Alexander.   «Non stiamo dicendo che domani bisognerà cambiare tutto. Ma dobbiamo rivedere criticamente ciò che abbiamo fatto, vedere cosa abbiamo fatto bene e cosa non abbiamo fatto bene, e cercare di correggerlo in futuro”, ha detto lo Vlachos a Nature, invitando il campo della paleontologia a cambiare il modo in cui funziona la nominazione delle nuove scoperte paleontologiche.   In particolare, gli autori dell’articolo sostengono la necessità di abbandonare gli eponimi – ovvero dare alle specie nomi di persone – che sono diventati sempre più comuni negli ultimi due decenni. Si sono anche lamentati del fatto che l’87% delle desinenze dei nomi di genere per le specie erano maschili. Invece, hanno detto, i paleontologi dovrebbero scegliere nomi che descrivano la creatura nominata, come triceratopo, il cui nome è basato su parole greche che significano «faccia con tre corna».   Tuttavia, la Commissione internazionale per la nomenclatura zoologica (ICZN), che ha stabilito linee guida vaghe per la denominazione delle specie, si oppone categoricamente al divieto degli eponimi e non prenderebbe in considerazione la possibilità di rinominare specie «offensive» «a meno che non ci siano quelle che chiameremmo ragioni nomenclaturali formali», ha dichiarato a Nature il presidente dell’organizzazione Thomas Pape del Museo di Storia Naturale della Danimarca a Copenaghen.   Il gruppo attualmente richiede solo che il nome di un nuovo dinosauro sia unico, collegato a un singolo esemplare e annunciato nella pubblicazione.

Aiuta Renovatio 21

Insistendo sul fatto che non stava cercando di dare più lavoro agli accademici del settore, il Dunne ha invitato l’ICZN a «fare meglio ed essere più rappresentativa della comunità».   L’anno scorso, l’American Ornithological Society aveva annunciato una radicale revisione del proprio sistema di nomenclatura, promettendo di eliminare tutti i nomi inglesi delle specie di uccelli che attualmente prendono il nome da persone, così come qualsiasi altro nome di uccello che potrebbe essere potenzialmente considerato offensivo o poco inclusivo.   Già la parola dinosauro è poco omosessualizzabile, derivando etimologicamente dal greco deinòs, «terribile», e sàuros, «lucertole». Nell’era LGBT, sarebbe il caso di sostituire terribile con un altro aggettivo che porti ad emozioni positive di apertura ed inclusività: ad esempio, gaiosauro, in effetti, non suona malissimo. Del resto, dopo la dimenticata e controversa canzone dell’Ambrogino d’oro 1984 L’elefante gay, perché non procedere, esattamente 40 anni dopo, con bambini che cantano Il dinosauro gay? I frati dello Zecchino d’oro sarebbero contenti?   Ci chiediamo, infine, come una revisione genderista delle specie dei dinosauri (cioè, delle dinosaure, o dinosauresse, o dinosaur*) possa procedere in alcuni casi: la tirannosaura può passare, così come la brontosaura, la diplodoca, la pterodattila, la struziomima.   Ma per quanto riguarda il caso della triceratopa, non si va a peggiorare la situazione?

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Gender

La Chiesa ortodossa contro il Vaticano per le benedizioni gay: «drastico allontanamento dagli insegnamenti morali cristiani»

Pubblicato

il

Da

La Chiesa ortodossa russa condanna la recente decisione del Vaticano di consentire la benedizione delle coppie dello stesso sesso come una deviazione dalla fede cristiana

 

Secondo un comunicato pubblicato sul sito della Chiesa, il Patriarca di Mosca Cirillo ha chiesto alla Commissione biblica e teologica sinodale di «analizzare» la Fiducia Supplicans, il documento adottato dal Vaticano nel dicembre 2023.

 

La commissione si è riunita martedì scorso e «ha convenuto all’unanimità che questa novità rappresenta un drastico allontanamento dagli insegnamenti morali cristiani», si legge nella dichiarazione del Patriarcato.

 

Il patriarca Kirill ha affermato in passato che la Chiesa ortodossa russa «non avrebbe mai» appoggiato il matrimonio tra persone dello stesso sesso e ha condannato «la pericolosa e distruttiva ideologia LGBT». Le opinioni della Chiesa sono coerenti con la posizione delle autorità russe, che nel dicembre 2022 hanno ampliato notevolmente il divieto esistente sulla «propaganda LGBT».

Sostieni Renovatio 21

Importante notare che la Commissione è presieduta dal metropolita Hilarion, che per più di un decennio è stato il funzionario ortodosso russo più importante e visibile nei rapporti con la Chiesa cattolica come presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca.

 

Ilarione, che durante la pandemia si era speso a favore del vaccino COVID, è giudicato da alcuni, in ambito ortodosso, un filomodernista, se non persino filocattolico.

 

Il metropolita ora vede la Fiducia Supplicans come un ostacolo ad ogni relazione tra Mosca e Roma, dichiarandoo in un’intervista a Rod Dreher, intellettuale convertito da cattolico e ortodosso redattore capo di The American Conservative, che il documento vaticano che consente la benedizione delle coppie dello stesso sesso rende impossibile la discussione su una possibile unione tra le due chiese. «Se siamo realisti, non possiamo più sperare in una futura unità tra ortodossi e cattolici. Queste misure chiaramente non ci avvicineranno, ma creeranno nuove linee di separazione».

 

Hilarion aveva aggiunto di essere rimasto scioccato dal documento del duo argentino Fernandez-Bergoglio perché «abbiamo sempre considerato la Chiesa cattolica romana come un faro del cristianesimo tradizionale».

 

Come riportato da Renovatio 21, Bergoglio conosce personalmente Ilarione, ed è andato pure a trovarlo a Budapest, dove ora è metropolita (secondo voci, sarebbe stato trasferito in stile promoveatur ac amoveatur), per poi vantarsi della conversazione con i giornalisti in aereo, facendo intendere che poteva riguardare la pace tra Mosca e Kiev.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Russian Orthodox Cathedral of St John the Baptist via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic
 

 

 

Continua a leggere

Più popolari