Connettiti con Renovato 21

Politica

I repubblicani USA annunciano l’intenzione di citare in giudizio Hunter Biden

Pubblicato

il

Il presidente della conferenza dei Repubblicani della Camera Elise Stefanik ha annunciato che se il suoi partito vincerà la maggioranza alle elezioni di medio termine dell’8 novembre, citeranno in giudizio Hunter Biden in merito ai suoi rapporti finanziari con la società ucraina Burisma tra il 2014 e il 2019. Lo riporta il New York Post.

 

Un rapporto del Senato ha rilevato che «un’azienda collegata a Hunter Biden ha ricevuto 3,5 milioni di dollari da un miliardario russo che deve ancora affrontare le sanzioni statunitensi per il genocidio di Putin in Ucraina. Perché sono stati esclusi dall’elenco delle sanzioni di Joe Biden?» ha chiesto Stefanik, come riportato dalla testata russa Sputnik.

 

«Ci rivolgeremo a Hunter Biden – ha continuato la Stefanik. – Dovrebbe preoccupare ogni americano che abbiano fatto ciò per il guadagno finanziario della famiglia Biden, che è venuto a scapito della nostra sicurezza nazionale».

 

Il ruolo del presidente Joe Biden è «una delle domande critiche, forse la domanda più critica», ha affermato l’esponente repubblicana.

 

«Non c’è maggiore preoccupazione etica o francamente cospirazione (…) se questo presidente è compromesso a causa dei suoi legami illegali con i suoi familiari».

 

Riguardo al potenziale per Hunter Biden di invocare il suo diritto a non incriminarsi ai sensi del Quinto emendamento anche se citato in giudizio, Stefanik ha dichiarato che «le citazioni in giudizio pioveranno se non consegnano documenti e non rispondono alle nostre domande».

 

Come riportato da Renovatio 21, improvvisamente l’establishment americano e i suoi grandi giornali, come il New York Times, hanno appurato che il laptop di Hunter Biden, pieno di ogni sconcezza e di quelle che sembrano prove di affari loschi, non è propaganda russa (come dissero in coro, assieme a 50 agenti CIA tra cui vari ex direttori delle spie) come dissero nell’ottobre 2020 alterando di fatto l’esito elettorale: il laptop è vero.

 

Ancora più incredibile è il fatto che Hunter Biden con le sue società sembra coinvolto nella spinosa questione dei laboratori biologici ucraini.

 

Hunter avrebbe presentato a Burisma, il colosso ucraino del gas che lo cooptò senza motivo nel board, società appaltatrice del Dipartimento della Difesa USA specializzate in ricerca sulle malattie infettive, riporta il Daily Mail.

 

Come riportato da Renovatio 21, rimane pubblica l’ammissione di Biden che nel 2015 di fatto ricattò il governo ucraino di Poroshenko e Yatsenjuk affinché rimuovessero il procuratore generale che, incidentalmente, indagava proprio su Burisma, la controversa azienda che aveva «assunto» il figlio drogato e depravato Hunter.

 

Biden, allora vice di Obama, volò a Kiev (dove andava svariate volte l’anno) e disse ai vertici dello Stato ucraino: se non licenziate il procuratore entro poche ore, non vi daremo il miliardo di prestito promesso.

 

 

«Ho detto: ve lo dico, non prenderete il miliardo di dollari. Ho detto: guardate, noi ce ne andiamo in 6 ore. Se il pubblico ministero [Shokin] non sarà licenziato, non avrete i soldi (…) Oh… figlio di puttana… è stato licenziato».

 

I dubbi su un possibile sostrato di corruzione internazionale del clan Biden, ampiamente ventilati in campagna elettorale ma zittiti dai media, ora sembrano infittirsi sempre di più.

 

Le controverse relazioni finanziarie della famiglia si estenderebbero dall’Ucraina, alla Russia, alla Cina, dove sono pure ammesse pubblicamente da esperti pechinesi.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Politica

L’Ucraina «democratica» vieta i partiti di opposizione per via giudiziaria

Pubblicato

il

Da

Mentre Stati Uniti, Gran Bretagna e altri Paesi della NATO spendono decine di miliardi di dollari per versare armi in Ucraina, prolungando i combattimenti in nome di una sempre più ridicola pretesa di «difesa della democrazia», ​​i presunti democratici modello del regime Zelens’kyj stanno sistematicamente mettendo al bando i partiti politici di opposizione e calpestare le norme di giustizia europee e internazionali.

 

Già  20 marzo 2022, il presidente Volodymyr Zelens’kyj aveva sospeso undici partiti, inclusa la Piattaforma di opposizione – per la vita di Viktor Medvedchuk (ora agli arresti), che deteneva il 10% dei seggi nella Rada, il Parlamento monocamerale di Kiev.

 

Il 3 maggio la Rada ha bandito i «partiti filorussi» con una legge, firmata da Zelenskyj il 14 maggio.

 

Gli undici partiti sospesi, e molti altri, sono stati pubblicamente etichettati come «filorussi» – senza presunzione di innocenza – anche dal Ministro della Giustizia e altri funzionari del governo.

 

Per attuare la nuova legge, il Ministero della Giustizia e il Servizio di sicurezza dell’Ucraina (il temuto servizio segreto SBU) hanno intentato una causa contro ciascuna parte. Nel caso, ulteriori decreti di Zelens’kyj e decisioni del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale sono stati invocati.

 

I casi sono stati tutti assegnati all’Ottava Corte d’Appello Amministrativa, situata a Leopoli, 500 km a ovest di Kiev, in un’area generalmente politicamente ostile alle parti.

 

Finora, 14 partiti sono stati banditi e sono stati emessi ordini di confisca delle loro proprietà.

 

Questa repressione generalizzata dei partiti di opposizione non ha ricevuto la minima copertura dai media internazionali.

 

Anatoly Shariy, il cui «Partito di Shariy» è stato bandito (la sua recente attività si è limitata alla raccolta di fondi e alla distribuzione di cibo e generi di prima necessità ad anziani e altri cittadini bisognosi), ha pubblicato un video di 20 minuti, sottotitolato in inglese, che analizza l’assurdità di questi procedimenti legali alla corte di Leopoli.

 

Come scrive EIRN, il video dovrebbe interessare chiunque sia preoccupato per la «democrazia» in Europa e altrove.

 

Shariy, popolare blogger ucraino che conduce una crociata contro la corruzione e il neonazismo vive in esilio in Spagna. Come riportato da Renovatio 21, il blogger dissidente due mesi fa era stato arrestato dalla polizia spagnuola nell’ambito di un’operazione internazionale. Lo SBU, il servizio segreto di Kiev, ne diede notizia.

 

Nel video, lo Shariy ha letto ad alta voce la denuncia usata contro il suo partito in tribunale, dimostrando che non solo il partito non ha commesso nessuna delle cose accusate, ma che la maggior parte dei «reati» non erano nemmeno crimini ai sensi della legge ucraina.

 

All’avvocato del Partito di Shariy è stato impedito di presentarsi in tribunale a causa della denuncia penale da parte del governo contro di lui (per i commenti fatti in una chat WhatsApp), tanto che sarebbe stato arrestato in aeroporto al suo arrivo dall’Europa occidentale. Non è stata consentita la partecipazione degli avvocati difensori mediante collegamento video remoto al procedimento a porte chiuse.

 

L’unica controquerela alle azioni del governo, secondo i media ucraini e russi, è stata presentata dalla dottoressa Natalia Vitrenko e Volodymyr Marchenko, ex parlamentari che hanno guidato il Partito socialista progressista ucraino (PSPU) fino a quando non ha cessato tutte le attività il 24 febbraio 2022

 

Nella loro controquerela contro il Ministero della Giustizia e la SBU, resa pubblica dal governo, hanno confutato punto per punto le accuse, citando, tra l’altro:

 

• Violazione della presunzione di innocenza;

 

• Ritenere un intero partito responsabile per presunte azioni dei suoi dirigenti (proibito dalle sentenze dei tribunali europei);

 

• Attribuzione a Vitrenko di commenti scritti in un finto gruppo Facebook «Natalia Vitrenko» con il quale non aveva alcun legame;

 

• Applicazione retroattiva della legge del 14 maggio sulle posizioni «filo-russe», a dichiarazioni fatte già da diversi anni;

 

• Falsa accusa che il PSPU avesse sostenuto l’«invasione russa», basata sul fatto che i suoi leader non avevano detto nulla al riguardo, che è stata definita «tacito sostegno» (violazione del diritto al silenzio);

 

• Una serie di affermazioni palesemente false, come quella secondo cui Vitrenko aveva organizzato personalmente un referendum nella regione di Donetsk nel febbraio 2014, che ha scatenato lì il movimento «separatista», mentre in realtà per i restanti cinque giorni di febbraio dopo il cambio di regime era stata a Parigi, Strasburgo e in Italia, per informare i funzionari europei su quanto era appena accaduto a Kiev.

 

La causa contro il PSPU è stata posticipata dal 14 giugno al 23 giugno, evidentemente per consentire all’accusa di affrontare questa sfida.

 

La controquerela è stata respinta e il caso per mettere al bando il PSPU è stato accolto.

 

I partiti banditi hanno 20 giorni, durante i quali fare ricorso alla Corte Suprema dell’Ucraina.

 

Questa è la democrazia di Kiev, alla quale l’Italia invia armi e danaro a fiumi. Questo è il Paese per cui in Italia le imprese stanno chiudendo per il disastro energetico, e  morti per il freddo già questo autunno diverranno un calcolo straziante.

 

Complimenti Draghi, Di Maio, Letta, Salvini, Conte.

 

Complimenti ai difensori della democrazia.

 

 

 

 

Immagine di President of Ukraine via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Aborto negli Stati Uniti: l’Europa vuole salvare il soldato Biden

Pubblicato

il

Da

Mentre negli Stati Uniti imperversa la messa in discussione di un presunto diritto all’aborto, dopo la storica decisione della Corte Suprema di annullare la sentenza Roe vs. Wade, il Parlamento Europeo ha appena votato una mozione di denuncia delle «minacce» contro la salute riproduttiva delle donne d’oltreoceano.

 

 

La vediamo il più delle volte al seguito dello zio Sam, ma quando si tratta di farsi paladina dei valori progressisti, la vecchia Europa non esita a prendere in mano la bacchetta, pronta a dare lezioni contro i conservatori di ogni tipo.

 

Così, l’8 giugno 2022, il Parlamento europeo ha convocato un dibattito evocativo sul tema : «Minacce contro il diritto all’aborto nel mondo: la possibile messa in discussione del diritto all’aborto negli Stati Uniti da parte della Corte Suprema».

 

Nel mirino della censura di Strasburgo: il progetto esaminato dalla più alta corte d’oltre Atlantico, volto a contestare l’attuale giurisprudenza sull’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) nel Paese a stelle e strisce, e che da allora ha preso corpo dopo la pubblicazione della sentenza Dobbs da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti.

 

Il quadro per la risoluzione europea è stato redatto dal deputato Predrag Fred Matic – autore del disastroso rapporto omonimo – e da una trentina di parlamentari.

 

Il loro obiettivo: sostenere la politica dell’amministrazione Biden – attualmente in una posizione delicata nell’opinione pubblica americana – invitando l’Unione Europea (UE) e i suoi Stati membri a «iscrivere il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea» (punto 24).

 

Il testo parlamentare non esita a dichiararsi «profondamente preoccupato per le potenziali conseguenze per i diritti delle donne nel mondo, se la Corte Suprema degli Stati Uniti ribaltasse Roe vs. Wade» (paragrafo 16).

 

Non sorprende che la risoluzione sia stata adottata il 9 giugno con 364 voti favorevoli, 154 contrari e 37 astensioni. Gli eurodeputati di Renew (centristi), S&D (sinistra) e The Left (estrema sinistra) hanno votato a favore del testo, mentre il gruppo PPE (destra) è rimasto diviso sulla questione.

 

Gli eurodeputati appartenenti alle formazioni più conservatrici (ECR e ID) hanno votato contro, protestando contro le ingerenze delle istituzioni europee: «Quello che sta succedendo qui è un’enorme irregolarità», ha dichiarato Margarita de la Pisa Carrión, a nome ECR.

 

E per aggiungere contro dei deputati progressisti: «Cosa pretendete di fare? Essere al di sopra della giurisdizione americana? Interferire illegalmente in un sistema legale democratico? È vergognoso e screditante per l’istituzione che rappresentate».

 

Ma non è detto che la risoluzione europea avrà l’effetto migliore: a pochi mesi dalle cruciali elezioni di metà mandato, che Joe Biden al momento non sembra poter vincere, l’ingerenza dei deputati di Strasburgo potrebbe non essere gradita dall’opinione americana, sensibile in materia.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

Continua a leggere

Bioetica

Aborto in USA, il nulla di Salvini e Meloni

Pubblicato

il

Da

La Corte Suprema USA ha infine davvero democratizzato l’aborto: stabilendo che esso non ha alcuna copertura costituzionale, come invece avevano stabilito i giudici supremi nel 1973 con la sentenza Roe v. Wade, viene rimandata la decisione ai singoli Stati, le cui legislazioni potranno ritenersi libere di fare ciò che vogliono gli elettori: l’aborto non è più un diritto considerato implicito alla Costituzione USA, quindi è una questione di scelta politica, di democrazia.

 

Per quanto Renovatio 21 abbia una prospettiva diversa da coloro che ora lanciano coriandoli e suonano trombette – e lo scriveremo in un prossimo articolo – , il cambiamento è epocale.

 

L’aborto USA, che seguiva le legalizzazioni scandinave e britanniche, diede la stura a tante altre legislazioni, come la Francia (1976) e l’Italia (1978).

 

Evitare anche solo di immaginare – di sognare – che una simile inversione di tendenza possa voler dire anche di un semplice cambiamento nell’opinione pubblica delle varie nazioni è uno sforzo non da poco per i politici della destra italiana ed europea.

 

Tuttavia, siccome sono bravi, ci riescono benissimo.

 

Eccovi Matteo Salvini: «Credo nel valore della vita, dall’inizio alla fine, ma  a proposito di gravidanza l’ultima parola spetta sempre alla donna».

 

Eccezionale: una captatio benevolentiae vetero catto-biotica (e notate che manca la parola «concepimento», come pure la parola «naturale), e poi il vero succo del pensiero (del non-pensiero): l’ultima parola spetta alle donne, chiaramente, non ai bambini uccisi – tra cui vi sono pure, ricordiamo, milioni e milioni di donne.

 

È il vecchio trucco radicale di fine anni Settanta: sposta il focus della cosa sulle donna, cavalca il femminismo (tornato artificialmente a rombare negli ultimi anni), sposta completamente l’attenzione dalla vera vittima di questa aberrazione genocida: il bambino innocente.

 

Ecco: Salvini ci casca in pieno. Avrà i suoi motivi, e sotto magari tentiamo pure di dire quali siano. Intanto, comunque, restiamo in attesa di altre dichiarazioni simili: «Credo nella difesa dalle rapine in casa, ma l’ultima parola spetta sempre al rapinatore». «Credo nell’orrore dell’immigrazione clandestina, ma l’ultima parola spetta sempre a migranti e scafisti».

 

Facciamo un giro oltr’alpe per sentire cosa pensa l’amicona di Matteo, la Marine Le Pen, presidenzialmente eternamente schiantata: la figlia d’arte da sapere di «non volersi immischiare negli affari di altri» Paesi. Del resto, la Le Pen non si è mai gettata a capofitto contro l’aborto.

 

Segue la capo-partito italiota favorita di tutti (dei sondaggi, dei giornalisti, degli americani) Giorgia Meloni: «stamane chiarisce che “vaneggia” chi, pur di attaccarla, pensa che il suo partito lavori all’abolizione della legge» 194, scrive l’ANSA. La capa di FdI non ammette paragoni con gli USA (dove i feti trucidati forse sono differenti, di un’altra specie): «Chi lo fa, probabilmente, è in malafede o ha obiettivi ideologici».

 

Fratelli d’Italia «continuerà semplicemente a chiedere, e a operare, perché venga applicata la prima parte della 194, relativa alla prevenzione, e per dare alle donne che lo volessero una possibilità di scelta diversa da quella, troppo spesso obbligata, dell’aborto».

 

Capito? La legge abortista, che ha causato qualche milione di italiani morti (5, 6, 7 milioni? Facciamo anche 8 con gli embrioni distrutti dalla legge provetta 40 seguita alla 194?) non si tocca. E pazienza se tra quelle milionate c’erano chissà quanti elettori del partito, che peraltro si batte contro l’immigrazione che, mamma che coincidenza, sul suolo patrio ha fatto sbarcare 5,6,7 milioni di individui.

 

Dovete capire che non è che ci scandalizziamo: la storia della «194 buona legge» che «va difesa», perché da «applicare in tutte le sue parti» la abbiamo sentita tante volte in bocca ai cattolici – o meglio, in bocca ai «democristiani», e ai loro discendenti dentro e fuori dal Parlamento.

 

In realtà, la difesa della 194 l’hanno inventata proprio loro: del resto è una loro legge, varata e firmata nel 1978 da un governo democristiano (premier: Andreotti) come compromesso con le pressioni dei partiti della «modernità». Buffo, Moro era stato rapito e trucidato poco prima, la DC scelse la linea no-compromise. Per lo sterminio dei feti, invece, ecco pronto il «male minore».

 

Ora, dovete comprendere che non si tratta solo di una decisione digerita all’epoca da eunuchi arraffatori democristiani. Essi non avevano l’autonomia di pensiero e di palle per una decisione simile. Ad essi la cosa non interessa più di tanto, interessa la poltrona.

 

La decisione di non toccare la 194, con estrema probabilità, è stata presa molto più in alto – è stata presa addentro il Sacro Palazzo.

 

Nel 2008, il cardinale Ruini, allora capo della CEI ebbe a ripeterlo: la 194, quella legge che consente il sacrificio di bimbi innocenti che sono Imago Dei, mica va abolita, va «migliorata». Andò nella trasmissione televisiva di Giuliano Ferrara (all’epoca assurto a ruolo di vate mistico dell’embrione) a dire che «la Chiesa non si muoverà contro la 194».

 

In TV il cardinale modenese andò a fondo, dichiarando di pensare che l’aborto «sopprima un essere umano vivente. Non uso la parola omicidio, ma per essere chiari e non confondere la realtà non si deve nemmeno parlare di interruzione volontaria di gravidanza».

 

Insomma, grigio. Uccidere un bambino nel ventre di sua madre non è omicidio: è soppressione di «un essere umano vivente». Voi davvero credevate che il linguaggio orwelliano lo avessero inventato durante il COVID?

 

(Caro lettore laico, ebbene sì, accetta la realtà che mai nessuno ha osato dirti: l’aborto in questo Paese l’hanno creato e mantenuto i «cattolici», i democristiani e una pretaglia gerarchicamente assortita)

 

Ebbene, ora vi è chiaro da dove arriva il non-pensiero di Salvini e Meloni.

 

Non hanno fatto nemmeno la fatica di farci una pensata, di sentire qualcuno dei loro (scusate, ma non era pieno di cattolici, anche tradizionalisti, fatti deputati e ministri, a fianco di Salvini?) per articolare meglio un pensiero, che quantomeno lasciasse aperta la porta per spiare quello che potrebbe essere, ripetiamo, un cambiamento epocale anche elettorale.

 

Macché. Nulla. Nessun pensiero, perché non c’è nessuna voglia di disturbare il manovratore, né la Chiesa, che in termini di voti non vale più nulla ma non si sa mai.

 

Quindi, la cosa migliore da fare è copincollare i vecchi compitini catto-pannelliani, le donne con «l’ultima parola», e la 194 «da applicare» nella sua interezza. È usato sicuro. Contenuto politico DOC, anzi DOP.

 

Eccovi la reazione della destra italiana (ed europea) davanti ad un possibile cambio di paradigma mondiale, storico – in realtà, cosmico, metastorico – in corso: il nulla.

 

Quindi, chiediamo ai lettori: c’è ancora qualcuno fra voi che è disposto a dar loro il voto?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Immagine della Presidenza della Repubblica Italiana via Wikimedia; fonte Quirinale.it; immagine modificata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari