Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Folla di persone testa la forza ondulatoria sull’auto di Bill Gates e ne chiede l’arresto

Pubblicato

il

 

 

Bill Gates era in questi giorni a Londra per incontrare il premier britannico Boris Johnson e altri miliardari in una esclusiva cena a Downing Street 10, la tradizionale residenza del primo ministro d’Albione.

 

Alcuni cittadini si sono avvicinati all’auto del «filantropo» patron di Microsoft per, come direbbe il ministro dell’Interno italiano Lamorgese, testarne la forza ondulatoria.

 

 

I cori che chiedevano l’arresto del magnate informatico-vaccinale si sono sentiti praticamente ovunque il Gates abbia messo piede


 

I canti «Arrest Bill Gates» erano peraltro udibili anche nelle manifestazioni inglesi di qualche giorno fa.


Già nel 2020, in USA e in Australia la ripetizione di questo slogan era ben presente.

La cena tenuta a Downing Street, sul tema di una «Britannia Globale», prevedeva la presenza, oltre che del Gates, anche del CEO di JP Morgan Jamie Dimon. Erano presenti anche Stephen Schwarzman, co-fondatore della società di private equity Blackstone (che gestisce circa 650 miliardi di dollari), il CEO di Barclays Jes Staley e il presidente di Banco Santander (che avrebbe legami con l’Opus Dei) Ana Botin, secondo quanto riportato dal quotidiano Telegraph.

 

Sulle interessanti cene di Gates del passato – per esempio quelle con Rockefeller, Soros, Buffet nelle quali si parla di riduzione della popolazioneRenovatio 21 ha già scritto in passato.

 

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Bill Gates reclamizza la bioingegneria CRISPR. La maschera è gettata del tutto

Pubblicato

il

Da

Bill Gates getta la maschera, una volta di più.

 

Un video rivelatore compare nel suo canale YouTube. Sotto le spoglie di una recensione di un libro, Gates parla del suo favore per la bioingegneria e ammette i suoi investimenti a riguardo.

 

Non una novità per i lettori di Renovatio 21, che aveva tracciato dovunque l’interesse del miliardario per il metodo di editing genetico chiamato CRISPR.

 

Ora però la questione è alla luce del sole, confezionata in un costoso spot che sembra davvero uno sforzo pubblicitario per il mercato di massa. Anche la casalinga di Voghera, pensa Gates, deve cominciare a capire quanto sia giusto procedere con le alterazioni genetiche – della natura (gli alimenti) e dell’uomo (ovviamente, la cura delle malattie).

 

Si tratta, in tutto e per tutto, uno spot per la bioingegneria. Fatto dall’uomo più ricco del pianeta.

 

I sottotitoli sono di Renovatio 21.

 

Gates negli anni ci ha, per qualche motivo, fatto sapere con insistenza del fatto che lui legge almeno un libro a settimana. Ripetuti articoli sul New York Times hanno raccolto i suoi favori letterari.

 

Ora sull’argomento pubblica anche delle sorte di video-recensioni, che sono dei video prodotti in maniera ultra-professionale, e quindi molto, molto costosi.

 

Questa settimana ha deciso di parlarci della sua ultima lettura, The Code Breaker (tradotto in italiano come Decifrare la vita) un libro che parla della scienziata Jennifer Doudna, scopritrice, con altri, della tecnica di modificazione genetica chiamata CRISPR. Per questa scoperta, la Doudna ha vinto il premio Nobel 2020.

 

Con il CRISPR la modifica del DNA ha trovato uno strumento di precisione mai raggiunto in precedenza.

 

Si tratta, spiega Billo, di un «Santo Graal per gli scienziati per decenni».

 

Gates, nel suo video, spiega in dettaglio come opera questa tecnica, con l’aiuto di un grande modello di plastica del DNA sul quale, in maniera simbolica, egli mette le mani – perfino tagliandolo con un oggetto che ricorda una sega circolare

Gates, nel suo video, spiega in dettaglio come opera questa tecnica, con l’aiuto di un grande modello di plastica del DNA sul quale, in maniera simbolica, egli mette le mani – perfino tagliandolo con un oggetto che ricorda una sega circolare. (Nessun consigliere deve aver avuto il coraggio di dirgli che forse non era il caso di offrire un’immagine così plastica della questione Gates-genetica umana)

 

«Il DNA, certo, codifica tutte le funzioni biologiche – spiega il filantrocapitalista – e alcuni errori nel DNA che causano malattie genetiche».

 

La malattia, ovviamente, dà la scusa per aprire alla possibilità della modifica del codice genetico.

 

«Se potessimo entrarci e correggere quegli errori, potremmo salvare, molte, molte, molte vite e sbarazzarci di queste malattie».

 

Il messaggio sottostante è: stiamo entrando nel vostro DNA, ma lo facciamo per il vostro bene – per guarirvi dalle malattie

Al lettore di Renovatio 21 crediamo sia chiarissimo cosa sta succedendo.

 

Il messaggio sottostante è: stiamo entrando nel vostro DNA, ma lo facciamo per il vostro bene – per guarirvi dalle malattie.

 

Come ripetiamo su questo sito, Gates tramite la Fondazione finanzia praticamente tutte le Big Pharma che stanno producendo vaccini mRNA. Quindi, si potrebbe dire che egli è già entrato nella genetica di miliardi di persone, con la scusa di «aggiustare» l’essere umano contro la minaccia del coronavirus.

 

Tuttavia, il vaccino mRNA, di cui qui l’uomo Microsoft non parla, è solo la partenza.

 

Nel video ci sono ammissioni più importanti riguardo a progetti spaventosi che da anni – ben prima della pandemiaRenovatio 21 cerca di raccontare:

 

Nel video ci sono ammissioni più importanti riguardo a progetti spaventosi

«La nostra Fondazione ha finanziato lavori per vedere se possiamo usare il CRISPR abbattere drammaticamente le popolazioni di zanzare».

 

Si tratta del grande progetto di Gates, realizzato assieme al Pentagono ed altre forte, di indurre l’estinzione delle zanzare per tramite del gene drive, una tecnica di diffusione ambientale di modificazione genetica. Come visibile nella serie di documentari Netflix Unnatural Selection, anche Andrea Crisanti ci ha lavorato.

 

Non si tratta di fantascienza, ma di un fatto compiuto: test sono già stati fatti, tra le veementi proteste dei residenti, in Florida. In Brasile, invece, si è parlato di «catastrofe genetica».

 

La sterilizzazione delle zanzare finanziata da qualcuno che per anni – magari in cene apparecchiate con gli amici Rockfeller, Soros, Buffet, etc. –  ha parlato di sovrappopolazione e di necessità di ridurre le nascite, investendo tutt’ora pesantemente su contraccezione e aborto, è qualcosa che dovrebbe inquietare tutti.

 

Ma il nostro, nel suo spot natalizio alla bioingegneria, non si ferma all’apocalisse delle zanzare.

 

«Stiamo anche vedendo di fare semi migliori con il CRISPR» dice orgoglioso, sempre parlando dell’uso dei miliardi della sua Fondazione.

 

La sterilizzazione delle zanzare finanziata da qualcuno che per anni – magari in cene apparecchiate con gli amici Rockfeller, Soros, Buffet, etc. –  ha parlato di sovrappopolazione e di necessità di ridurre le nascite, investendo tutt’ora pesantemente su contraccezione e aborto, è qualcosa che dovrebbe inquietare tutti

La genetica CRISPR applicata al cibo è un passo ulteriore con cui, dopo farmaci e vaccini, l’impero di Gates entrerà nel nostro corpo. È l’idea alla base di un importante articolo riassuntivo scritto tempo fa da Robert F. Kennedy junior, di cui vi suggeriamo la lettura.

 

Gates ha già tanta terra sulla quale produrre i suoi alimenti OGM CRISPR. Gates, senza grande strepito, l’anno passatodiventato il più grande proprietario di terreni agricoli negli Stati Uniti: quasi 1000 chilometri quadrati di terreni agricoli in USA e circa 100 di altri terreni in Louisiana, Arkansas, Nebraska, Arizona, Florida, Washington e altri 18 stati.

 

L’idea è che qualsiasi cibo mangeremo nel prossimo futuro sarà bioingegnerizzato, o non sarà – questioni «ambientali» renderanno l’uso di OGM ottenuti con il CRISPR obbligatorio.

 

«Gates ha imparato a ingrassare sulle crisi globali, che si tratti di pandemie, clima, carestia o estinzione di massa. Il cambiamento climatico ha fornito a Gates una scusa per creare monopoli su sementi, cibo e agricoltura» scrive RFK jr. «In altre parole, il cambiamento climatico è stato il pretesto per una geoingegneria maligna».

 

Già mesi fa il disegno di Gates che legava coltivazioni e CRISPR era chiarissimo

Già mesi fa il disegno di Gates che legava coltivazioni e CRISPR era chiarissimo.

 

«Gates rafforza la sua logica in materia di brevetti utilizzando la tecnologia CRISPR per modificare selettivamente il patrimonio genetico dei semi, apportando modifiche sufficienti per resistere alle sfide dei brevetti. (…) Centralizzando le Banche dei Semi e manipolando le leggi sulla proprietà intellettuale, Gates ha lanciato una campagna di “colonialismo genetico” per depredare i contadini del mondo e gli agricoltori indigeni dei loro sudati semi e della loro conoscenza (…) Gates è stato anche uno dei maggiori azionisti di Monsanto, il promotore più aggressivo al mondo di OGM e pesticidi».

 

Torniamo al video. La parte più controversa è lasciata per ultima.

 

«Stiamo anche cercando modi in cui CRISPR potrebbe aiutarci in modo molto accurato nella diagnostica, e stiamo considerando come la modificazione genetica CRISPR potrebbe portare a un modo per curare l’HIV e cose come l’anemia falciforme».

 

Con la caritatevole emergenza della malattia come grimaldello, Gates sottintende ad un mondo in cui gli embrioni siano bioingegnerizzati per essere incompatibili alla malattia

Eccoci arrivati al dunque: la modificazione genetica diretta dell’uomo. Con la caritatevole emergenza della malattia come grimaldello, Gates sottintende ad un mondo in cui gli embrioni siano bioingegnerizzati per essere incompatibili alla malattia. Non a caso è citata l’anemia falciforme, malformazione ematica ereditaria che da sempre è rifugio di quanti invocano l’aborto eugenetico – due portatori del gene generano prole affetta dal disturbo ai globuli rossi.

 

Ma più inquietante, e non poco, è il riferimento all’HIV. Non tanto perché, come riportato da Renovatio 21, la farmaceutica genetica Moderna, finanziata da Gates, stia già cercando un vaccino mRNA per l’AIDS.

 

Piuttosto, perché – impossibile non pensarci, impossibile che Gates non ci abbia pensato! – almeno due bambine prodotte tramite CRISPR per essere immuni all’HIV già esistono: sono le famose gemelle cinesi di He Jiankui. Quelle per cui tutti gli accademici, Jennifer Doudna compresa, si stracciarono le vesti in pubblica piaza.

 

Gates vi sta alludendo direttamente? Bill, popolarissimo presso l’establishment cinese, sta facendo un’occhiolino al Paese che per primo ha ufficializzato la genetica CRISPR e che starebbe, disse l’Intelligence americana, creando supersoldati geneticamente modificati?

 

Almeno due bambine prodotte tramite CRISPR per essere immuni all’HIV già esistono: sono le famose gemelle cinesi di He Jiankui. Impossibile che Gates non ci abbia pensato

A sentire lui – che neanche per sogno nomina qui le supergemelline cinesi, dotate di geni che, oltre che proteggerle dall’AIDS  rafforzano le capacità cerebrali – non è il caso: ecco che in cauda c’è una tirata «bioetica».

 

«Usare il CRISPR per aiutare a curare la malattia non è una cosa molto controversa» dice Gates, che dà oramai per scontato l’uso della bioingegneria in ambito medico (del resto, l’umanità ha tenuto un referendum sul tema tramite la vaccinazione mRNA…). Il passo verso l’eugenetica con la modifica genetica della linea germinale umana è tuttavia, dice Gates, ancora problematico.

 

«Usando il CRISPR, potresti davvero cambiare il DNA che può determinare il colore degli occhi del tuo bambino o il colore della pelle. La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che questo sia qualcosa che non dovremmo fare». Siamo rassicurati.

 

Il libro sulla Doudna, continua il miliardario in questa buffa excusatio non petita, «fa un ottimo lavoro raccontando di come ci sia un pendio scivoloso e sollevando la questione riguardo a dove dovremmo tracciare la linea e il ruolo della comunità scientifica e dei governi per essere sicuri di non superarla».

 

In molti credono che Gates sia l’ultimo esempio di una tradizione dell’élite angloamericana, quella che, da secoli, vuole l’eugenetica a tutti i costi

Gates che parla di «pendìo scivoloso», il concetto di Slippery Slope caro alla Bioetica conservatrice, fa sorridere, quasi ce lo rende simpatico.

 

L’affermazione raddoppia i punti simpatia anche perché in molti credono che Gates sia l’ultimo esempio di una tradizione dell’élite angloamericana, quella che, da secoli, vuole l’eugenetica a tutti i costi. Questo sito ha ipotizzato che l’amicizia tra il losco pedofilo Jeffrey Epstein e Bill Gates fosse basata, più che su massaggi di ragazzine (quello è per simpleton, sempliciotti come Bill Clinton) su un comune interesse per l’eugenetica. Epstein, secondo alcune indiscrezioni, stava programmando di fecondare ragazzine con il seme di scienziati utilizzando il suo remoto ranch in Nuovo Messico come base per questa nuova umanità.

 

Gates chiude il video promozionale: «non c’è questione. Il CRISPR salverà moltissime vite. Creerà dibattito».

 

Sappiamo già come finirà il dibattito – specie se esso avverrà su una stampa che è in larga parte finanziata dalla Fondazione Gates, o se avverrà sui social media, di cui Gates è socio sin dagli inizi.

 

Bill Gates ha messo le mani nel codice di ogni nostro PC con il suo sistema operativo. Ora vuole entrare in ogni organismo vivente, negli esseri umani, soprattutto, modificando il loro codice sorgente, il DNA

Sappiamo, da tempo, perché l’interesse dell’informatico Gates si sia volto alla genetica, più o meno apertamente, da decenni.

 

Bill Gates ha messo le mani nel codice di ogni nostro PC con il suo sistema operativo.

 

Ora vuole entrare in ogni organismo vivente, negli esseri umani, soprattutto, modificando il loro codice sorgente, il DNA.

 

Un attacco portato a livello biomolecolare forse neppure più solo contro l’essere umano, ma contro l’Essere in generale

Guardatelo: occhiali, maglioncino, le mani sul codice della vita. Cioè, su ciò che mangiate, su ciò che vi circonda, su ciò che siete, che saranno le prossime generazioni. Le mani sul Creato. Le mani sul disegno del Dio della Vita.

 

Perché questo è il significato di ciò che sta accadendo. Un attacco portato a livello biomolecolare forse neppure più solo contro l’essere umano, ma contro l’Essere in generale.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

Renovatio 21 è censurata sui social media. Iscrivetevi alla nostra Newslettera e al nostro canale Telegram.

 

Continua a leggere

Oligarcato

Jeffrey Epstein ha visitato Clinton alla Casa Bianca 17 volte

Pubblicato

il

Da

 

 

Nuovi documenti dimostrano come il pedofilo Jeffrey Epstein abbia visitato la Casa Bianca in era Clinton 17 volte. Per tre occasioni è addirittura entrato due volte lo stesso giorno.

 

«Epstein, morto nel 2019, ha visitato Bill Clinton all’Executive Mansion [sinonimo di «Casa Bianca, ndr]] nel corso di tre anni con il primo invito arrivato appena un mese dopo la sua inaugurazione nel gennaio 1993», riporta il Daily Mail.

 

«I registri mostrano che il defunto finanziere si è presentato in 14 diversi giorni, facendo anche due visite in un solo giorno in tre diverse occasioni».

 

«I registri mostrano che il defunto finanziere si è presentato in 14 diversi giorni, facendo anche due visite in un solo giorno in tre diverse occasioni»

I documenti descrivono in dettaglio come Epstein si sarebbe recato specificamente nella famosa West Wing, rendendo quasi certo che avrebbe incontrato il presidente Clinton.

 

Gli inviti di Epstein sono arrivati ​​per gentile concessione dei «consiglieri e aiutanti più anziani di Clinton», incluso un «Rubin»  che potrebbe essere colui in seguito ha servito come Segretario del Tesoro, Robert Rubin.

 

Il primo testimone del processo a Ghislaine Maxwell, Lawrence Paul Visoski Jr., ha dichiarato durante la testimonianza di questa settimana di aver visto Clinton diverse volte sul famigerato jet privato «Lolita Express» di Epstein.

 

Le foto emerse nel gennaio 2020 mostravano Clinton in posa con Ghislaine Maxwell e con con Chauntae Davies, una delle giovani ragazze del giro di Epstein. La Davies, ora una delle principali  accusatrici, è immortalata mentre massaggia intensamente  l’ex presidente democratico Clinton durante un viaggio umanitario con Epstein in Africa nel settembre del 2002.

 

I registri mostrano che Clinton ha fatto almeno 26 viaggi a bordo del «Lolita Express». Cinque di questi voli sarebbero stati fatti senza il suo Secret Service, la scorta perenne di cui gode ogni presidente ed ex presidente

I registri mostrano che Clinton ha fatto almeno 26 viaggi a bordo del «Lolita Express». Cinque di questi voli sarebbero stati fatti senza il suo Secret Service, la scorta perenne di cui gode ogni presidente ed ex presidente.

 

Clinton nega di aver mai visitato la famigerata «isola della pedofila» di Epstein, ma il documentario Jeffrey Epstein: Filthy Rich di Netflix include un’intervista con un impiegato di lunga data dell’isola che dice di aver visto l’ex presidente in loco a Saint James.

 

Ghislaine Maxwell, ora sotto processo, era una dei fortunati invitati alle nozze di Chelsea Clinton, l’unica figlia di Bill e Hillary. Secondo un libro su Epstein e Maxwell intitolato A Convenient Death, Clinton era principalmente interessato a Epstein a causa di Maxwell, con la quale aveva una relazione sessuale.

 

Maxwell: in molti ora speculano che il ruolo di spia del servizio segreto israeliano fosse passato di padre in figlia.

La Maxwell, cresciuta nell’upper crust britannica, era inoltre l’accesso di Epstein con la famiglia reale britannica, nella persona del principe Andrea.

 

Ghislaine è una dei dieci figli di Robert Maxwell, editore miliardario inglese di origini boemo-ebraiche, sparito una notte d’improvviso dal suo panfilo (chiamato Lady Ghislaine) dopo essere entrato in disgrazia economica. Secondo alcuni Maxwell lavorava per il Mossad, in particolare si sarebbe occupato di segreti atomici. Al suo funerale, celebrato in Israele, erano presenti diversi ex direttori del servizio segreto dello Stato Ebraico.

 

In molti ora speculano che il ruolo di spia del servizio segreto israeliano fosse passato di padre in figlia.

 

Su Epstein emergono, anche se con molta lentezza, dettagli sempre più inquietanti, come l’amicizia, più salda di quanto si credeva inizialmente, del ricco misterioso pedofilo e Bill Gates, il quale ancora balbetta se gli si chiede di Epstein.

 

L’indecifrabile «suicidio» in carcere di Epstein, su cui una grande maggioranza di americani nutre dubbi, aveva infiammato quanti credono nel cosiddetto «Clinton Body Count», una lista di persone legate a Bill e Hillary morte in circostanze misteriose

L’indecifrabile «suicidio» in carcere di Epstein, su cui una grande maggioranza di americani nutre dubbi, aveva infiammato quanti credono nel cosiddetto «Clinton Body Count», una lista di persone legate a Bill e Hillary morte in circostanze misteriose.

 

La polizia sequestrò nella cassaforte del palazzo di Epstein a New York un bizzarro quadro che ritraeva Bill Clinton vestito da donna con i tacchi a spillo.

 

Non solo Clinton amava accompagnarsi con l’oscuro molestatore di ragazzine Jeffrey Epstein. Come riportato da Renovatio 21anche Bill Gates lo ha frequentato a lungo. Gates ed Epstein, qualcuno ha ipotizzato, hanno in comune la passione per l’eugenetica.

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

Documenti dimostrano che Bill Gates ha donato 319 milioni di dollari ai media

Pubblicato

il

Da

 

 

Bill Gates ha un impero mediatico, ma pochi lo sanno. A differenza degli altri conglomerati, i cui padroni son ben noti (da Murdoch e Berlusconi, oramai minori), l’influenza di Gates sui media di tutto il mondo è passata sinora sottotraccia.

 

Il sito americano MintPressNews, citandodocumenti che avrebbe visionato, ha rivelato questo mese che la Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici in tutto il pianeta.

 

I destinatari di questo denaro includono molte delle più importanti agenzie di stampa americane, tra cui  CNN,  NBC, NPR,  PBS  e la rivista  The Atlantic.

 

La Bill and Melinda Gates Foundation ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici in tutto il pianeta

Gates sponsorizza anche una miriade di influenti organizzazioni britanniche, tra cui  BBC,  il Guardian, il Financial Times e il Daily Telegraph.

 

In Europa importanti giornali come  Le Monde in Francia,  Der Spiegel  in Germania ed  El País  in Spagna.

 

L’influente canale TV qatariano, ma con reach globale Al Jazeera è pure finanziato dai Gates.

 

Il denaro della Fondazione Gates destinato ai programmi per i media è stato suddiviso in una serie di sezioni, presentate in ordine numerico decrescente, e include un collegamento alla sovvenzione pertinente sul sito Web dell’organizzazione.

 

 

CNN,  NBC, NPR,  PBS , la rivista  The Atlantic, BBC,  il Guardian, il Financial Times e il Daily Telegraph, Le Monde,  Der Spiegel,   El País  in Spagna, Al Jazeera

Fondi diretti a media:

 

 

Insieme, queste donazioni ammontano a 166.216.526 dollari.

 

Il denaro è generalmente diretto verso questioni di interesse di Gates. Ad esempio, la  sovvenzione della CNN di  3,6 milioni di dollari è  andata a «reportage sull’uguaglianza di genere con un focus particolare sui Paesi meno sviluppati, producendo giornalismo sulle disuguaglianze quotidiane subite da donne e ragazze in tutto il mondo», mentre il  Texas Tribune ha  ricevuto milioni per «per aumentare la consapevolezza e l’impegno del pubblico sui problemi della riforma dell’istruzione in Texas».

 

«Dato che Bill è uno dei più ferventi sostenitori delle scuole private – scrive MintPress – un cinico potrebbe interpretarlo come l’introduzione di propaganda pro-multinazionale delle scuole private nei media, mascherata da notizia oggettiva.

 

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media, tra cui quasi  53 milioni  di dollari a BBC Media Action, oltre  9 milioni  di dollari alla Fondazione Staying Alive di  MTV e  1 milione  di dollari al New York Times Neediest Causes Fund. Pur non finanziando specificamente il giornalismo, vanno comunque segnalate le donazioni al ramo filantropico di un un player del mondo dei media.

 

Gates continua a sottoscrivere anche un’ampia rete di centri di giornalismo investigativo, per un totale di poco più di 38 milioni di dollari, più della metà dei quali è andata all’International Center for Journalists con sede a Washington per espandere e sviluppare i media africani.

 

Questi centri includono:

 

 

Oltre a questo, la Fondazione Gates fornisce denaro ad associazioni di stampa e giornalismo per almeno 12 milioni di dollari. Ad esempio, la National Newspaper Publishers Association, un gruppo che rappresenta più di 200 testate, ha ricevuto 3,2 milioni di dollari.

 

Tali organizzazioni includono:

 

 

Questo porta il totale a $ 216,4 milioni.

 

La fondazione mette anche i soldi per formare direttamente giornalisti in tutto il mondo, sotto forma di borse di studio, corsi e workshop.

 

Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates. Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute

Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates.

 

Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute, dell’istruzione e dello sviluppo globale, quelli in cui lo stesso Gates è più attivo e dove è più necessario esaminare le azioni e le motivazioni del miliardario.

 

Le sovvenzioni della Fondazione Gates relative all’istruzione dei giornalisti includono:

 

 

La Fondazione Gates dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di «pianificazione familiare» (cioè contraccezione e aborto) nell’Asia meridionale

La Fondazione Gates paga anche per una vasta gamma di campagne mediatiche specifiche in tutto il mondo.

 

Ad esempio, dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di «pianificazione familiare» (cioè contraccezione e aborto) nell’Asia meridionale.

 

Nel frattempo, ha stanziato oltre  3,5 milioni  di dollari a un’organizzazione senegalese per sviluppare programmi radiofonici e contenuti online con informazioni sulla salute.

 

I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

 

Progetti mediatici finanziati dalla Gates Foundation:

 

 

 

«Sommati insieme, questi progetti mediatici sponsorizzati da Gates ammontano a un totale di 319,4 milioni di dollari. Tuttavia, ci sono evidenti carenze con questo elenco non esaustivo, il che significa che la cifra reale è senza dubbio molto più alta» scrive MintPress.

 

«Innanzitutto, non conta le sovvenzioni secondarie, ovvero denaro dato dai destinatari ai media di tutto il mondo. E mentre la Fondazione Gates promuove un’aria di apertura su se stessa, in realtà ci sono poche preziose informazioni pubbliche su ciò che accade ai soldi di ciascuna sovvenzione, tranne per una breve descrizione di una o due frasi scritta dalla fondazione stessa sul suo sito web».

 

«Sono state conteggiate solo le donazioni alle organizzazioni di stampa stesse oi progetti che potrebbero essere identificati dalle informazioni sul sito web della Fondazione Gates come campagne mediatiche, il che significa che migliaia di sovvenzioni con qualche elemento mediatico non compaiono in questo elenco».

 

Un esempio calzante è la partnership della Fondazione Gates con ViacomCBS, la società che controlla CBS News , MTV, VH1, Nickelodeon e BET. I resoconti dei media all’epoca notarono che la Gates Foundation stava pagando il gigante dell’intrattenimento per inserire informazioni e annunci pubblici nella sua programmazione e che Gates era intervenuto per cambiare le trame in programmi TV popolari come ER e Law & Order: SVU.

 

Tuttavia, scrive MintPress, quando si controlla il database delle sovvenzioni di BMGF, «Viacom» e «CBS» non si trovano da nessuna parte, la probabile sovvenzione in questione (per un totale di oltre $ 6 milioni) descrive semplicemente il progetto come una «campagna di impegno pubblico volta a migliorare i tassi di diploma di scuola superiore e tassi di completamento postsecondari specificamente rivolti a genitori e studenti», il che significa che non è stato conteggiato nel totale ufficiale.

 

Non sono inoltre incluse le sovvenzioni finalizzate alla produzione di articoli per riviste accademiche. Sebbene questi articoli non siano destinati al consumo di massa, costituiscono regolarmente la base per gli articoli sulla stampa principale e aiutano a modellare le narrazioni su questioni chiave.

 

La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet

La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet.

 

Naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media.

 

È stato notato come Gates in tutti questi anni abbia tenuto un basso profilo, a differenza di un altro dei top 5 più ricchi del mondo, che acquistò il Washington Post.

 

Per l’indebita influenza esercitata sui media, Gates era stato magari attaccato dal giornale della sua città, il Seattle Times: «le sovvenzioni della fondazione alle organizzazioni dei media… sollevano ovvie domande sul conflitto di interessi: come possono essere imparziali i reportage quando un attore importante tiene i cordoni della borsa?» scriveva il quotidiano nel 2011. Più tardi la stessa testata ricevette fondi dalla Fondazione Gates per il finanziamento della sezione «laboratorio educativo».

 

Il giornalista americano Tim Schwab è uno degli unici ad aver cercato la verità nell’impero mediatico occulto di Gates.

 

La ricerca di Tim Schwab ha scoperto conflitti di interesse a livelli altissimi. Ad esempio, due editorialisti del New York Times hanno scritto in modo entusiasta della Fondazione Gates per anni senza rivelare che lavoravano anche per un gruppo – il Solutions Journalism Network – che, come mostrato sopra, ha ricevuto oltre 7 milioni di dollari dall’ente di beneficenza del miliardario tecnologico.

 

Naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media

All’inizio di quest’anno, Tim Schwab ha anche rifiutato di collaborare a una storia su COVAX, l’ente filantropico-sanitario di distribuzione globale di vaccini fortemente partecipato da Gates e dalle sue sigle, per il Bureau of Investigative Journalism – il giornalista sospettava che il denaro che Gates aveva pompato nella testata avrebbe reso impossibile riferire con precisione su un argomento così vicino agli interessi di Gates.

 

«Quando l’articolo è stato pubblicato il mese scorso, ripeteva l’affermazione che Gates aveva poco a che fare con il fallimento di COVAX, rispecchiando la posizione della Fondazione Gates e citandola dappertutto. Solo alla fine dell’articolo di oltre 5.000 parole è emerso che l’organizzazione che difendeva pagava gli stipendi del suo personale» scrive MintPress.

 

Si tratterebbe di una forma di censura implicita, di autocensura.

 

«Non credo che Gates abbia detto al Bureau of Investigative Journalism cosa scrivere. Penso che il Bureau sapesse implicitamente, anche se inconsciamente, di dover trovare un modo per raccontare questa storia che non prendesse di mira il loro finanziatore. Gli effetti di distorsione dei conflitti finanziari sono complessi ma molto reali e affidabili», ha detto Schwab, descrivendolo come «un caso di studio sui pericoli del giornalismo finanziato da Gates».

 

Gates chiese di far qualcosa per limitare le comunicazioni su piattaforme Whatsapp

È da notare che Bill Gates, oltre che avere leve nei media, ne abbia anche nei social media. Nessuno sa con precisione a quanto ammonti la sua quota di azioni di Facebook, per esempio – ma dell’azienda di Zuckerberg l’uomo Microsoft è stato uno dei primi finanziatori ancora negli anni 2000.

 

Ricordiamo anche quando la volontà di controllo nelle comunicazioni mondiali – sia nelle forme che nei contenuti – emerse durante il lockdown, quando Gates chiese di far qualcosa per limitare le comunicazioni su piattaforme Whatsapp.

 

Lo rivelò in una delle sue numerosi apparizioni TV in maglioncino un anno fa, in video che Renovatio 21 aveva sottotitolato:

 

«Certamente quando lasci che le persone comunichino, devi avere a che fare con il fatto che certe cose scorrette e molto sollecitanti possono diffondersi molto rapidamente rispetto alla verità».

 

«Lo abbiamo già visto con i vaccini, ogni cosa negativa arriva alle persone… fatti come “no, non sono sicuri, non causano l’autismo” viaggiano molto lentamente in comparazione… e i social media possono fare ancora peggio».

 

 

«Queste società mediatiche possono vedere cosa è messo sulle loro piattaforme e togliere cose che sono assolutamente sbagliate, liberarsi di queste cose, o rallentarle»

 

In modo assai interessante, Gates chiamò in causa il fatto che Whatsapp usi una tecnologia di crittografia.

 

Le aziende dei social media «non vedono nemmeno alcuni messaggi sulle loro piattaforme a causa della crittografia di Whatsapp.Per non avere responsabilità hanno reso la cosa opaca qualsiasi sia la questione: antivaccinismo, pornografia infantile, hanno fatto in modo di non poter intervenire in quelle cose».

 

Il controllo biologico della popolazione tramite vaccino, aborto contraccezione. Il controllo psicologico della popolazione tramite propaganda e censura. A che personaggio siamo dinanzi?

Robert F. Kennedy jr. ha denunciato da tempo la concentrazione di potere mediatico e informatico a livello globale nelle mani di Gates.

 

«Facebook e Google hanno assunto “FactChecker»” (Politifact) per censurare la disinformazione sui vaccini. La Gates Foundation è il maggiore finanziatore di “FactChecker”» scriveva Kennedy nella primavera 2020, che, come sempre prevedeva con nitore stupefacente la situazione: «enormi donazioni a NPR e PBS [canali radio e TV pubblici americani, ndr] permettono di comprare dai media pubblici una copertura distorta dei vaccini di Gates».

 

Renovatio 21 vi invita a leggere l’articolo scritto da Kennedy più di un anno fa: «Come Bill Gates controlla la messaggistica globale e la censura». Gates si pone come vero controllore dei messaggi scambiati nel consorzio umano.

 

Il controllo biologico della popolazione tramite vaccino, aborto contraccezione. Il controllo psicologico della popolazione tramite propaganda e censura.

 

A che personaggio siamo dinanzi?

 

Continua a leggere

Più popolari