Cambio del sesso, la TV USA trasmette la storia di giovani pentiti

 

 

La scorsa settimana l’importante programma di approfondimento 60 Minutes – un classico del giornalismo TV americano che va avanti ininterrottamente dal 1968 – ha pubblicato un corposo servizio dedicato al cambio del sesso fra i giovani, mettendo in risalto le storie di coloro che si sono poi pentiti della scelta.

 

I ragazzi, affetti da forme di «disforia di genere» durante la fase dell’adolescenza, hanno raccontato di una non esaustiva e accurata informazione da parte dei medici su tutto ciò che consegue gli interventi chirurgici e il dosaggio di ormoni sessuali per il cambio di sesso, processi che alterano in maniera sostanziale e fisica le loro vite.

 

I ragazzi, affetti da forme di «disforia di genere» durante la fase dell’adolescenza, hanno raccontato di una non esaustiva e accurata informazione da parte dei medici su tutto ciò che consegue gli interventi chirurgici e il dosaggio di ormoni sessuali per il cambio di sesso, processi che alterano in maniera sostanziale e fisica le loro vite

Durante il programma  della CBS News alcuni attivisti e medici hanno discusso sulle recenti leggi approvate in tutta l’America che vietano ai giovani transgender di essere trattati con bloccanti della pubertà, testosterone o estrogeni e interventi chirurgici per assisterli nel cambio di sesso.

 

Alcuni intervistati, come la psicologa transgender dell’Università della California a San Francisco, Erica Anderson, e il presidente dell’American Academy of Pediatrics dottor Lee Savio Beers, si sono espressi contro queste leggi. La Anderson ha affermato che le leggi sono «un chiaro imbroglio» aggiungendo che «stanno dimostrando la loro ignoranza e pregiudizio».

 

Il dottor Beers sostiene che i trattamenti di genere per i minorenni sono «basati sulla letteratura scientifica e su decenni di esperienza di esperti e sono supportati da una serie di importanti organizzazioni mediche».

 

C’è da dire però che molte persone nella comunità trans sono preoccupate perché troppi giovani sono spinti verso pericolose terapie di genere, per poi pentirsi.

 

Molte persone nella comunità trans sono preoccupate perché troppi giovani sono spinti verso pericolose terapie di genere, per poi pentirsi

Ad esempio, Grace Lidinsky-Smith ha raccontato di aver trovato una terapista di genere online, poco più che ventenne, che l’ha convinta a firmare un modulo di consenso informato in una clinica e a farsi iniezioni di ormoni. Dopo soli quattro mesi di trattamenti con testosterone, Grace si è sottoposta a una mastectomia per rimuovere il seno.

 

Dopo l’intervento chirurgico, Grace è rimasta sorpresa dal fatto che le parti del corpo femminile le mancavano (parla del suo sendo come di un «phantom limb», un «arto fantasma») e alla fine ha scelto la detransizione interrompendo i trattamenti con testosterone.

 

La giornalista di 60 minutes Lesley Stahl ha anche parlato con la dottoressa Laura Edwards-Leeper, psicologa di una clinica di genere giovanile presso il Boston Children’s Hospital. La Leeper ha espresso preoccupazione per la direzione in cui sta andando il mondo dei transgender affermando quanto segue: «Sento che ciò che sta accadendo non è etico e in alcuni casi è irresponsabile».

«Non ho ricevuto ostacoli per quanto riguarda la decisione di cambiare sesso. Sono andato a due appuntamenti e dopo il secondo, ho avuto la richiesta per prendere gli ormoni sessuali»

 

In qualità di persona che ha portato centinaia di adolescenti e giovani a cambiare sesso con successo, la dottoressa Edwards-Leeper ha ammesso che molte persone nel suo campo promuovono la riassegnazione con un piccolo respingimento per paura di essere viste come non di supporto.

 

60 Minutes ha parlato con quattro ex giovani trans che si sentivano tutti «ciecamente affermati» nella loro intenzione di cambiare sesso. «Non ho ricevuto ostacoli per quanto riguarda la decisione di cambiare sesso. Sono andato a due appuntamenti e dopo il secondo, ho avuto la richiesta per prendere gli ormoni sessuali», ha detto Garrett di Baton Rouge, Louisiana. Garrett afferma inoltre di essere passato dall’assunzione di ormoni alla rimozione chirurgica dei testicoli entro tre mesi, nonostante le linee guida richiedessero di assumere ormoni per un anno prima di tali procedure mediche.

 

Dopo aver rimosso i suoi testicoli, Garrett ha ottenuto un aumento del seno e si è sentito anche peggio di prima, diventando alla fine suicida.

Anche il Partito Democratico italiano sta svolgendo  il suo ruolo in Italia: è chiaro che con l’entrata in vigore del ddl Zan, e nessuna vera legge che protegga la libertà di espressione (che, anzi, si restringe ogni giorno di più) questo tipo di discussioni, di carattere sanitario, psichiatrico, bioetico, saranno sempre più off-limits

 

Mentre questi adulti condividono le loro storie dell’orrore e del rimpianto a seguito di interventi chirurgici atti a stravolgere le loro vite per cambiare la propria sessualità, il Partito Democratico sta cercando di rendere ancora più facile per i minorenni americani l’accesso a terapie e procedure simili.

 

Ma anche il Partito Democratico italiano sta svolgendo  il suo ruolo in Italia: è chiaro che con l’entrata in vigore del ddl Zan, e nessuna vera legge che protegga la libertà di espressione (che, anzi, si restringe ogni giorno di più) questo tipo di discussioni, di carattere sanitario, psichiatrico, bioetico, saranno sempre più off-limits.