Elementi di Capitalismo di sorveglianza

 

 

Renovatio 21 pubblica alcuni estratti di un articolo di capitale importanza scritto per il New York Times da Shoshana Zuboff, docente universitario ad Harvard. Il suo libro Il capitalismo della sorveglianza è testé stato tradotto anche in italiano.

 

Le riflessione della professoressa Zuboff sono di immane importanza per il futuro delle nostre vite personali nella società tecnologica. Sul pensiero annotato di seguito torneremo più volte perché riteniamo che una delle più grandi minacce per la dignità umana nel XXI secolo sia, senza ombra di dubbio, la rete informatica.

 

Dobbiamo convincerci del rischio esiziale che sta correndo la società, e della necessita assoluta di avviare una discussione a riguardo di Big Data, Privacy, Intelligenza Artificiale, grande capitale digitale – quello che appunto la professoressa Zuboff chiama Capitalismo di sorveglianza.

 

I principali capitalisti della sorveglianza – Google, seguito da Facebook, Amazon e Microsoft – hanno agito nell’ombra per accumulare enormi monopoli di conoscenza, prendendo senza chiedere, una manovra che ogni bambino riconosce come furto

Ricordiamo sempre che il principale partito rappresentato ora nel parlamento italiano avoca una trasparenza totale, che è l’esatto contrario della privacy. Tale partito nasce proprio nel mondo digitale, almeno in teoria. Nella pratica si è visto che non aveva tutta questa dimestichezza con il mezzo, facendosi surclassare in rete da altri attori politici, e non proponendo al governo nessuna idea innovativa.

 

Il bluff del partito di maggioranza è tuttavia perfettamente compatibile con la forma di totalitarismo digitale proposta dalla Repubblica Popolare Cinese, con gli emissari della quale fondatori e ministri del partito hanno incontri più o meno opportuni. È noto il fatto che il M5S vuole l’infrastruttura del 5G  in Italia la costruisca Huawei, con grande scorno degli americani e non solo: chiunque capisce che i trilioni di dati che riguardano la popolazione italiana potrebbero finire nelle mani non solo di un’azienda che ci offre un servizio come Google o Facebook, ma di uno Stato straniero, per di più governato da un Partito Comunista tutto volto al capitalismo, al quale aggiunge la notira repressione feroce e, appunto, la sorveglianza intima per mezzo del digitale.

 

Queste sono riflessioni che Renovatio 21 vuole continuare a fare.

La certezza negli affari umani è la linfa vitale di questi mercati, in cui i capitalisti di sorveglianza competono sulla qualità delle loro previsioni. Questa è una nuova forma di commercio che ha dato vita ad alcune delle aziende più ricche e potenti della storia

 

Renovatio 21

 

 

Da «You are remotely controlled», New York Times 24 gennaio 2020.

 

 È probabile che questo terzo decennio sia decisivo per il nostro destino. Miglioreremo il futuro digitale o ci peggiorerà? Sarà un posto che possiamo chiamare casa? La disuguaglianza epistemica non si basa su ciò che possiamo guadagnare, ma piuttosto su ciò che possiamo imparare. È definito come accesso diseguale all’apprendimento imposto da meccanismi commerciali privati di acquisizione, produzione, analisi e vendita delle informazioni. È meglio esemplificato nell’abisso in rapida crescita tra ciò che sappiamo e ciò che si sa di noi. La società industriale del ventesimo secolo era organizzata attorno alla «divisione del lavoro», e ne seguì che la lotta per l’uguaglianza economica avrebbe modellato la politica di quel tempo. Il nostro secolo digitale sposta le coordinate della società da una divisione del lavoro a una “divisione dell’apprendimento”, e ne consegue che la lotta per l’accesso alla conoscenza e il potere conferito da tale conoscenza modellerà la politica del nostro tempo. 

La lotta per l’accesso alla conoscenza e il potere conferito da tale conoscenza modellerà la politica del nostro tempo

 

La nuova centralità della disuguaglianza epistemica segnala un passaggio di potere dalla proprietà dei mezzi di produzione, che ha definito la politica del 20° secolo, alla proprietà della produzione di significato. Le sfide della giustizia epistemica e dei diritti epistemici in questa nuova era sono riassunte in tre domande essenziali su conoscenza, autorità e potere: chi lo sa? Chi decide chi lo sa? Chi decide chi decide chi lo sa?

 

Negli ultimi vent’anni, i principali capitalisti della sorveglianza – Google, seguito da Facebook, Amazon e Microsoft – hanno contribuito a guidare questa trasformazione della società assicurando contemporaneamente la loro ascesa al vertice della gerarchia epistemica. Hanno agito nell’ombra per accumulare enormi monopoli di conoscenza, prendendo senza chiedere, una manovra che ogni bambino riconosce come furto. Il capitalismo della sorveglianza inizia definendo unilateralmente l’esperienza umana privata come materia prima gratuita da tradurre in dati comportamentali. Le nostre vite sono come flussi di dati.

Il capitalismo della sorveglianza inizia definendo unilateralmente l’esperienza umana privata come materia prima gratuita da tradurre in dati comportamentali. Le nostre vite sono come flussi di dati

 

All’inizio, è stato scoperto che, all’insaputa degli utenti, anche i dati forniti gratuitamente generavano ricchi segnali predittivi, un surplus che è più del necessario per il miglioramento del servizio. Non è solo ciò che pubblichi online, ma se usi punti esclamativi o la saturazione del colore delle tue foto; non solo dove cammini, ma la curva delle tue spalle; non solo l’identità del tuo viso ma gli stati emotivi trasmessi dalle tue «microespressioni»; non solo quello che ti piace, ma la scia di «Mi piace» che lasci. Questo surplus comportamentale è stato segretamente ricercato e catturato, subito rivendicato come dati riservati.

 

I dati vengono trasmessi attraverso complesse filiere di dispositivi, software di localizzazione e monitoraggio ed ecosistemi di app e aziende specializzate in flussi di dati di nicchia acquisiti in segreto. Ad esempio, i test del Wall Street Journal hanno dimostrato che Facebook riceve i dati sulla frequenza cardiaca dall’Instant Heart Rate: HR Monitor, dati sul ciclo mestruale dal Flo Period & Ovulation Tracker e dati che rivelano interesse per le proprietà immobiliari da Realtor.com – tutto all’insaputa dell’utente.

 

Non è solo ciò che pubblichi online, ma se usi punti esclamativi o la saturazione del colore delle tue foto; non solo dove cammini, ma la curva delle tue spalle; non solo l’identità del tuo viso ma gli stati emotivi trasmessi dalle tue «microespressioni»; non solo quello che ti piace, ma la scia di «Mi piace» che lasci. Questo surplus comportamentale è stato segretamente ricercato e catturato, subito rivendicato come dati riservati

Questi dati confluiscono nelle fabbriche computazionali dei capitalisti della sorveglianza, chiamate «intelligenza artificiale», dove vengono trasformate in previsioni comportamentali che ci riguardano, ma non sono per noi. Invece, sono vendute a clienti business in un nuovo tipo di mercato che commercia esclusivamente futures umani. La certezza negli affari umani è la linfa vitale di questi mercati, in cui i capitalisti di sorveglianza competono sulla qualità delle loro previsioni. Questa è una nuova forma di commercio che ha dato vita ad alcune delle aziende più ricche e potenti della storia.

 

Per raggiungere i loro obiettivi, i principali capitalisti della sorveglianza hanno cercato di stabilire un dominio senza rivali sul 99,9 per cento delle informazioni del mondo ora rese in formati digitali che hanno contribuito a creare. Il capitale di sorveglianza ha costruito la maggior parte delle principali reti informatiche , data center, popolazioni di server, cavi di trasmissione sottomarini, microchip avanzati e intelligenza artificiale all’avanguardia, innescando una corsa agli armamenti per circa 10.000 specialisti del pianeta capaci di ricavare la conoscenza da questi vasti nuovi continenti di dati.

 

Con Google in testa, i migliori capitalisti della sorveglianza cercano di controllare i mercati del lavoro facendo uso di competenze critiche, compresa la scienza dei dati e la ricerca sugli animali, eludendo concorrenti come start-up, università, scuole superiori, comuni, corporazioni stabilite in altri settori e paesi meno abbienti. Nel 2016, nel 57 percento dei dottorati di ricerca in informatica americani, i laureati hanno ottenuto posti di lavoro nell’industria, mentre solo l’11% ha ottenuto una cattedra nella facoltà. Non è solo un problema americano. In Gran Bretagna, gli amministratori universitari lamentano una «generazione mancante» di data scientist. Uno scienziato canadese sottolinea: «Il potere, la competenza, i dati sono tutti concentrati nelle mani di poche aziende».

 

I principali capitalisti della sorveglianza hanno cercato di stabilire un dominio senza rivali sul 99,9 per cento delle informazioni del mondo ora rese in formati digitali che hanno contribuito a creare

Google ha creato i primi mercati incredibilmente redditizi per scambiare futures umani, ciò che ora conosciamo come pubblicità mirata online, in base alle previsioni su quali annunci pubblicitari interesserebbero ai consumatori. Tra il 2000, quando la nuova logica economica stava emergendo, e il 2004, quando la società divenne pubblica, i ricavi aumentarono del 3590%.

 

Questo numero sorprendente rappresenta il «dividendo di sorveglianza». Ripristina rapidamente i capitali degli investitori, guidando infine start-up, sviluppatori di app e aziende affermate per spostare i loro modelli di business verso il capitalismo della sorveglianza. La promessa di una corsia preferenziale per le entrate smisurate derivanti dalla vendita di future umani ha spinto questa migrazione prima su Facebook, poi attraverso il settore tecnologico e ora in tutto il resto dell’economia verso i settori più disparati come assicurazioni, vendita al dettaglio, finanza, istruzione, assistenza sanitaria, settore immobiliare, intrattenimento e ogni prodotto che inizia con la parola «smart» o servizio proposto come «personalizzato».

 

Perfino la Ford, la culla dell’economia di produzione di massa del XX secolo, sta imboccando la strada del capitalismo della sorveglianza, a costo di rischiare il crollo delle vendite di auto reinventando i veicoli Ford come un «sistema operativo di trasporto». Come ha affermato un analista, Ford «potrebbe fare una fortuna monetizzando i dati. Non avranno bisogno di ingegneri, fabbriche o intermediari per farlo. Quasi tutto è puro profitto»