Bambini vaccinati vs bambini non vaccinati: parla Robert Kennedy (parte I)

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Robert Kennedy jr. per gentile concessione di Children’s Health Defense

 

 

L’Institute of Medicine (IOM) ha più volte richiesto al CDC di avviare studi che permettano di «comparare lo stato di salute dei bambini vaccinati e non vaccinati».

 

Nel corso di un’audizione al Congresso nel novembre 2012 davanti alla Commissione di Sorveglianza e Riforme Governative sul tema dell’autismo, la dr.ssa Coleen Boyle, direttrice del Centro Nazionale sui Difetti di Nascita e Menomazioni legate allo Sviluppo, ha fornito risposte evasive ai legislatori che la incalzavano proprio su questo punto. Con le spalle al muro, la dottoressa ha finalmente ammesso: «Non abbiamo confrontato i bambini vaccinati coi non vaccinati».

Si trattava di una dichiarazione falsa.

 

Boyle sapeva che il CDC aveva commissionato un ricercatore interno, Thomas Verstraeten, per condurre uno studio comparativo sui bambini vaccinati e non vaccinati basato sul gigantesco Vaccine Safety Datalink (VSD) nel 1999 (un riassunto delle scoperte di Verstraeten è nella slide 2). Verstraeten aveva scoperto un drammatico legame tra i vaccini anti-epatite B contenenti mercurio e molte malattie neurologiche, tra cui l’autismo, e si stava preparando a pubblicare lo studio. Il CDC condivise lo studio con i quattro produttori di vaccini, ma tenne all’oscuro i cittadini americani.

 

Il ricercatore interno Verstraeten aveva scoperto un drammatico legame tra i vaccini anti-epatite B contenenti mercurio e molte malattie neurologiche, tra cui l’autismo, e si stava preparando a pubblicare lo studio

Il maggior produttore mondiale di vaccini, GSK, relegò Verstraeten a occupazioni di scarsa importanza e responsabilità a Bruxelles e il CDC passò i dati al direttore del CDC Frank DeStefano e a un altro ricercatore, Robert Davis che lavorava come consulente dell’industria dei vaccini.

 

I due manipolarono i dati per quattro anni, rimuovendo tutti i bambini non vaccinati, per occultare i segnali dell’autismo prima di pubblicare una versione depurata allo scopo di discolpare i vaccini. Il CDC, poi, vietò l’accesso pubblico ai dati del VSD e, ancora oggi,  impedisce i tentativi di accesso ai ricercatori che studiano lo stato di salute della popolazione vaccinata a confronto con quella non vaccinata.

 

Nonostante i tentativi di occultamento da parte del CDC, alcuni scienziati indipendenti e istituzioni di ricerca (come la UCLA) sono riusciti a condurre e pubblicare studi aggiuntivi su vaccinati vs. non vaccinati sin dal 1999. Questi studi mostrano un’alta incidenza di malattie croniche e disturbi cerebrali e immunitari tra i vaccinati rispetto ai non vaccinati. Riassumo alcune delle relazioni citate nelle slide seguenti:

 

Nonostante i tentativi di occultamento da parte del CDC, alcuni scienziati indipendenti e istituzioni di ricerca (come la UCLA) sono riusciti a condurre e pubblicare studi aggiuntivi su vaccinati vs. non vaccinati sin dal 1999. Questi studi mostrano un’alta incidenza di malattie croniche e disturbi cerebrali e immunitari tra i vaccinati rispetto ai non vaccinati

Titoli delle slide vaccinati vs non vaccinati:

  • Generazione 1: lo studio di Verstraeten sul vaccino anti-epatite B mai pubblicato mostra un drammatico aumento del rischio di autismo (x7,6), disturbi del sonno (x5), disturbi del linguaggio (x2,1) e disordini dello sviluppo neurologico (x1,8);
  • I vaccini dTpa e contro il tetano aumentano la probabilità di allergie (x1,63) nei bambini;
  • Il vaccino contro l’epatite B aumenta i bisogni educativi speciali di 8,63 volte;
  • Il vaccino contro l’epatite B nei neonati maschi triplica il rischio di autismo;
  • Il vaccino antinfluenzale aumenta il rischio di infezioni parainfluenzali (x4,4);
  • dTpa aumenta la mortalità delle ragazze di 10 volte;
  • Le vaccinazioni dei nati prematuri aumenta la probabilità di disturbi neurologici (x6,6);
  • I vaccini aumentano il rischio di riniti allergiche (x30), allergie (x3,1), ADHD (x4,2), autismo (x4,2), eczema (x2,9), disturbi dell’apprendimento (x5,2) e disturbi dello sviluppo neurologico (x3,7).

(Vedi le slide della Parte 1 o la presentazione completa Vaccinati vs Non Vaccinati.)

 

[Nota del CHD: Questa è una serie che esamina le ricerche pubblicate sulla salute delle persone vaccinate a confronto con quelle  non vaccinate. La Parte 2 considera le ricerche sui vaccini MPR, antipolio, HPV e anti-Epatite B e i loro effetti sull’incidenza di morbo di Crohn, colite ulcerosa, diabete di tipo 1, autismo, asma e pubertà precoce. La Parte 3 si occupa del vaccino anti-Epatite B contenente thimerosal, influenza H1N1 e HPV e l’aumento dei casi di ADHD, autismo, aborti spontanei, paralisi di Bell, celiachia e infiammazioni intestinali e disturbi della memoria.]

 

 

Robert Kennedy Jr

 

Scaricate qui il PDF con le slide in inglese.

 

 

 

© 25 giugno 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD