Al Shabaab uccide 16 persone in un hotel a Mogadiscio. Con i milioni del contribuente italiano?

 

 

 

Un attacco terroristico a un famoso hotel nella capitale somala che ha provocato la morte di almeno 16 persone, tra cui cinque aggressori, si è concluso domenica con il drammatico salvataggio di oltre 200 persone dopo un violento scontro a fuoco.

 

L’attacco è stato l’ultimo di una serie di attacchi mortali perpetrati in tutto il Corno d’Africa da Al Shabaab, un gruppo militante legato ad Al Qaeda, mentre il gruppo cerca di alimentare il caos e minare il governo della Somalia.

 

Un attacco terroristico a un famoso hotel nella capitale somala che ha provocato la morte di almeno 16 persone, tra cui cinque aggressori, si è concluso domenica con il drammatico salvataggio di oltre 200 persone dopo un violento scontro a fuoco

Gli attacchi di Shabaab sono aumentati negli ultimi mesi anche se la Somalia ha lottato per contenere la pandemia di coronavirus, ha subito inondazioni improvvise che hanno sfollato decine di migliaia di persone ed è stata sciamata da locuste del deserto che minacciano l’approvvigionamento alimentare, riporta il New York Times.

 

L’attacco all’Elite Hotel di Mogadiscio è iniziato domenica pomeriggio dopo che un’autobomba è esplosa ai cancelli dell’hotel, che si trova a Lido Beach, popolare destinazione dell’Oceano Indiano e simbolo della rinascita del Paese dalla guerra civile.

 

Cercando di capitalizzare l’instabilità politica, gli Shabaab hanno continuato a portare attacchi mortali.

 

a scorsa settimana, 19 guardie e detenuti nella prigione centrale di Mogadiscio sono stati uccisi dopo che i militanti Shabaab, tentando di fuggire dalla prigione, sono riusciti a mettere al sicuro le armi e poi hanno ingaggiato le forze di sicurezza in una sparatoria.

 

L’attacco è stato l’ultimo di una serie di attacchi mortali perpetrati in tutto il Corno d’Africa da Al Shabaab, un gruppo militante legato ad Al Qaeda, mentre il gruppo cerca di alimentare il caos e minare il governo della Somalia

A luglio, il gruppo ha effettuato attacchi alle forze di sicurezza in due delle più grandi città della Somalia. E a giugno, lo Shabaab, le cui tattiche sono diventate più sofisticate nonostante le defezioni e gli attacchi aerei degli Stati Uniti, hanno attaccato un’importante base militare turca a Mogadiscio.

 

A gennaio, il gruppo estremista ha invaso anche una base militare keniota che ospitava le truppe degli Stati Uniti, pochi giorni dopo che era stato sospettato di aver condotto l’attacco che ha ucciso 82 persone a Mogadiscio,  più mortale nel Paese da anni.

 

Soprattutto, gli italiani ricordano Al Shabaab perché proprio a questo gruppo terrorista è stato pagato il riscatto della aspirante cooperante Silvia Romano, liberata poi con l’evidente aiuto dei servizi turchi.

 

Gli italiani ricordano Al Shabaab perché proprio a questo gruppo terrorista è stato pagato il riscatto della aspirante cooperante Silvia Romano

La ragazza tornò in Italia convertita all’Islam, nel costume tipico delle donne di Shabaab, cosa che suscitò la finta commozione del mondo progressista e della chiesa cattolica. La conversione della ragazza mentre era catturata cominciò ad essere presentata come un grande valore spirituale

 

Flavio Briatore, imprenditore con interessi turistici nell’area, in una trasmissione TV diede un’opinione diversa: «Si è convertita ad Al-Shabaab, non all’Islam». «Garantito», ribadì il Briatore. Cioè al gruppo che ha commesso ora l’ennesima strage di innocenti, l’ultima di una lunga serie, di cui, al momento della liberazione della ragazza, in molti sembravano essersi dimenticati.

 

«Si è convertita ad Al-Shabaab, non all’Islam» disse Flavio Briatore

 

Il riscatto pagato ai terroristi per Silvia Romano, negato dai governanti, si aggirerebbe attorno ai 4 milioni di dollari, ma c’è chi ha detto che si sarebbe trattato invece di 10 o persino 40 milioni.

Il riscatto pagato ai terroristi per Silvia Romano, negato dai governanti, si aggirerebbe attorno ai 4 milioni di dollari, ma c’è chi ha detto che si sarebbe trattato invece di 10 o persino 40 milioni.

 

È lecito chiedersi quello che in quei giorni molti si chiedevano: com’è possibile non comprendere che con questi riscatti si incoraggia e si finanzia materialmente il terrorismo?

 

Oggi, a pochi giorni dalla strage di Mogadiscio, registriamo un certo silenzio da parte dei media italiani, che non ci hanno risparmiato i dettagli sulle sue visite dall’estetista, ma che a quanto pare dei turisti massacrati dagli Shabaab non vogliono occuparsi, forse perché significherebbe ritirare fuori la storia del riscatto.

 

Com’è possibile non comprendere che con questi riscatti si incoraggia e si finanzia materialmente il terrorismo?

Lo stesso silenzio all’epoca lo notammo anche per un’altra storia assai succulenta per il giornalista, cioè quella della «Vedova Bianca» Samantha Lewthwaite, un personaggio che sembra uscito da uno 007, una giovane ragazza britannica che si è trasformata nella mente di mostruosi attacchi terroristici, installandosi proprio nel Corno d’Africa con gli Shabaab.

 

Samanta Lewthaite, la «Vedova Bianca»

 

Secondo un articolo del 2018 del Daily Star, la Vedova bianca «ha fatto da mentore a dozzine di donne terroriste e favorisce le convertite bianche all’Islam perché ritiene che attirino meno sospetti da parte dei servizi di sicurezza». Niente, neanche questo ha solleticato l’interesse dei giornalisti quest’anno, anche se magari tutti hanno visto il serial Homeland.

 

Crediamo fortemente che ci sia un grave problema di credibilità – oltre che di capacità di generare intrattenimento – nella stampa attuale.

 

Crediamo fortemente che ci sia un grave problema di credibilità – oltre che di capacità di generare intrattenimento – nella stampa attuale

Con bombe che ammazzano la gente in spiaggia ed immigrati africani che arrivano sulle nostre coste a frotte, non è l’unico nostro problema.

 

 

 

 

 

 

Immagine delle rovine dopo l’attacco con autobomba di Al Shabaab a Mogadiscio il 15 ottobre 2017