Comunione e Vaccinazione: il Meeting, Ricciardi e i feti abortiti

 

 

Forse qualcuno si ricorderà del Meeting di Comunione e Liberazione del 2017, quando alla Sala Neri si tenne un interessante incontro sul tema della Salute, che rientrava nel «Progetto Meeting Salute» proseguito anche in quell’anno. 

 

Il tema della serata riminese riguardava  in particolare alla salute degli anziani e dei malati, con un titolo molto preciso:  «Non lasciamo indietro i malati e gli anziani: prospettive e sviluppi delle vaccinazioni nel sistema sanitario nazionale»

 

Per quell’occasione intervenivano, fra gli altri, alcuni volti oggi diventati notissimi grazie alla Pandemia di COVID-19: il Prof. Massimo Galli, Vice Presidente di SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali); Ranieri Guerra, Direttore Generale della Direzione della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute; Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. 

 

Meeting 2017, una signora in platea poneva l’imbarazzante interrogativo al Ricciardi: «In quanto cattolici come ci si pone di fronte alla effettiva necessità di utilizzare feti umani per produrre vaccini? Dicono che vengano usati feti abortiti cinquant’anni fa. Ma cinquant’anni fa non era peccato abortire? C’è la prescrizione per questo?»

Accadde che al termine del «dibattito» in cui interveniva primo fra tutti l’insigne dottor Walter Ricciardi, una signora in platea poneva l’imbarazzante interrogativo al Ricciardi, lo ricordiamo, al tempo Presidente dell’ISS:

 

«In quanto cattolici come ci si pone di fronte alla effettiva necessità di utilizzare feti umani per produrre vaccini? Dicono che vengano usati feti abortiti cinquant’anni fa. Ma cinquant’anni fa non era peccato abortire? C’è la prescrizione per questo?»

 

Il Ricciardi così rispose: «Non è informata perché il Comitato Nazionale di Bioetica che ha una fortissima componente cattolica ha assolutamente certificato l’assoluta inconsistenza di questa affermazione, cioè non esiste alcuna controindicazione né di carattere religioso né di carattere etico né tanto meno di carattere scientifico. Quindi come cattolici possiamo essere assolutamente tranquilli».

 

Parola del Comitato Nazionale di Bioetica e di Ricciardi, che però forse si confondeva e, invece che citare la Pontificia Accademia per la Vita (che sotto il solerte comando di Monsignor Paglia si era appena espressa sull’argomento), citava il CNB a sproposito.

Il Ricciardi così rispose: «Non è informata perché il Comitato Nazionale di Bioetica che ha una fortissima componente cattolica ha assolutamente certificato l’assoluta inconsistenza di questa affermazione, cioè non esiste alcuna controindicazione né di carattere religioso né di carattere etico né tanto meno di carattere scientifico. Quindi come cattolici possiamo essere assolutamente tranquilli» 

 

Forse, se avesse citato i più recenti interventi della Pontificia Accademia per la Vita (cioè, per la Morte) in tema vaccini e feti abortiti sarebbe stato più chiaro.

 

Essa infatti, con il seguito di tutta la coltre dei fedeli alla nuova religione della dea Siringa predicata da Famiglia Cristiana, Aleteia e, pensate un po’, anche dal Sussidiario ciellino, ci promette che inoculando ai nostri figli vaccini prodotti con linee cellulari di feti abortiti volontariamente non avremo alcun tipo di problema: né di scienza, né di coscienza. 

 

Il peccato – cioè l’uccisione di un bambino innocente, ancora nel grembo di sua madre – per Paglia, Ricciardi, CL e compagnia, cade in prescrizione perché commesso 50 anni fa.

 

E si sa: 50 anni non sono pochi, e il tempo cura tutte le ferite, anche quelle procurate ai feti aspirati ancora parzialmente vivi e immolati per la produzione di farmaci, come insegna lo scandalo che ha travolto la Planned Parenthood nel 2015.

 

Perché se pensate che le linee cellulari da feto abortito con cui fanno i vaccini siano poche e risalenti, dovete farvi un giretto sulle pagine di Renovatio 21 e dare un’occhiato a cosa hanno dentro i vaccini candidati a «combattere» il COVID-19.

 

 

Cristiano Lugli

 

 

 

Immagine di Sharon Mollerus via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)